Nota operativa 30 nov 2011

1,638 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,638
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1,072
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Nota operativa 30 nov 2011

  1. 1. NOTA OPERATIVA DEL 30 NOVEMBRE 2011CLAUSOLA ELASTICA - ARTICOLO 23 COMMA X CCNL 14 APRILE 2011 – PERSONALE CON ORARIO PART TIME VERTICALE PORTALETTERE O OPERATORE DI SPORTELLOLo scorso mese di giugno è stato dato avvio alla procedura per l’attivazione della clausola elastica aisensi dell’articolo 23, comma X, del vigente CCNL, per il solo personale portalettere part time verticale.Successivamente, nel mese di luglio, l’istituto è stato esteso anche al personale operatore di sportellolimitatamente ai Comuni della Basilicata (esigenze connesse all’erogazione del “bonus idrocarburi”).Il personale che in questa prima fase di applicazione aveva stipulato il previsto contratto, è stato inseritoin un elenco - ordinato per Comune e per anzianità Aziendale dei lavoratori - utilizzato dall’Azienda perl’attivazione della clausola elastica durante questi mesi.L’aggiornamento di quest’elenco, con l’avvio della cosiddetta “seconda fase applicativa” è previsto peril mese di dicembre 2011. Questa nuova fase consentirà, inoltre, di estendere l’istituto a tutti gli operatoridi sportello e di recuperare le adesioni del personale che non avendo all’epoca ancora superato ilperiodo di prova non aveva i requisiti per aderire.Cogliendo quest’occasione, si ritiene opportuno - anche sulla base dei suggerimenti pervenuti dopol’esperienza della prima applicazione - introdurre alcune modifiche per semplificare a regime le previsteoperatività e per renderne ancora più funzionale l’utilizzo per l’Azienda e per i lavoratori.Le principali novità sono: 1. pubblicazione e aggiornamento dell’elenco dei lavoratori che hanno stipulato la clausola con cadenza mensile; 2. possibilità per i lavoratori di aderire, disdettare o richiedere un aggiornamento (scelta del 2° Comune) della clausola elastica, in qualsiasi momento.In sintesi, il giorno 15 di ogni mese sarà pubblicato l’elenco dei lavoratori ai quali l’Azienda, in base aiprevisti criteri, potrà proporre l’attivazione della clausola. La pubblicazione dell’elenco avverrà sullaintranet Aziendale (vista la frequenza, non è prevista l’affissione nelle bacheche Aziendali) e lo stessosarà aggiornato con le richieste consegnate alla funzione di Risorse Umane competente entro il giorno 7di ciascun mese1.La pubblicazione del primo elenco della seconda fase applicativa avverrà il 15 dicembre 2011.Le attività da realizzare sono state divise tra quelle previste per la “fase di avvio” e quelle per la “fase aregime”.1. FASE DI AVVIOL’obiettivo di questa fase è quello di raccogliere le adesioni e stipulare il contratto di clausola elastica peri lavoratori portalettere che non avevano i requisiti per aderire in precedenza (es. ancora in corso ilperiodo di prova) e per tutti gli operatori di sportello 2. Le tempistiche di seguito individuate sonofinalizzate a consentire la pubblicazione dell’elenco il 15 dicembre 2011.- Modalità operative1 Ad esempio, il lavoratore che vuole variare il 2° Comune scelto a partire dal mese di febbraio 2012 , dovrà consegnare la richiestaentro il 07 febbraio 2012. In tal caso, la graduatoria pubblicata il 15/02/2012 terrà conto di detta variazione.2 Potranno attivare la clausola i lavoratori “operatore di sportello”, appartenenti alle seguenti figure professionali: OperatoreSportello Serv.Finanziari, Operatore Sportello Poste Business, Operatore Sportello Serv. Postali, Operatore Sportello Junior, OperatoreSportello Promiscuo, Operatore Vendite Poste Shop e Operatore Sportello Filatelico.1
  2. 2. Sono previste due diverse modalità in relazione all’appartenenza ad una delle seguenti categorie dipersonale: 1. portalettere ed operatori di sportello che in precedenza non avevano stipulato la clausola elastica3; 2. personale portalettere che aveva già stipulato la clausola elasticaAd entrambi dovrà essere inviata entro il 02 dicembre 2011 la lettera informativa che dà avvio al pianodi comunicazione (vedi Paragrafo “piano di comunicazione”).- Il personale di cui al punto 1, per essere inserito nel primo elenco disponibile dovrà sottoscrivere il previsto accordo entro il 9 dicembre 2011 ed a tal fine, come indicato nella lettera informativa, gli interessati dovranno mettersi in contatto con la funzione RUR competente entro il 6 dicembre 2011. La funzione RUR fornirà tutte le indicazioni per la stipula dell’accordo e comunicherà agli interessati la possibilità di farsi assistere, per la formalizzazione della clausola, da un’Organizzazione Sindacale cui aderiscono o conferiscono mandato anche ai soli fini della sottoscrizione dell’accordo. Per la formalizzazione dell’accordo, laddove ne ricorrano le esigenze organizzative e produttive, la struttura RUR dell’ufficio di assegnazione dell’interessato procede alla convocazione del lavoratore, anche presso una struttura Aziendale dalla stessa individuata, per la sottoscrizione dell’intesa. Il personale appartenente a questa categoria, qualora non aderisca a questa “prima chiamata”, potrà chiedere l’inserimento nell’elenco in un qualsiasi successivo momento con le modalità previste per la fase a regime. Ovviamente, il lavoratore sarà preso in considerazione per l’attivazione delle clausole da quando risulterà inserito nell’elenco.- Per il personale di cui al punto 2, non sarà necessario sottoscrivere un nuovo accordo. Questi lavoratori saranno inseriti già nel primo elenco sulla base delle precedenti scelte effettuate (i RUR modificheranno, qualora sia variato, solo il Comune sede di lavoro di assegnazione). Nel caso in cui questi lavoratori volessero disdettare la clausola o variare la scelta del 2° Comune, per determinare un aggiornamento del primo elenco dovranno mettersi in contatto con il RUR e consegnare l’apposita modulistica entro il 07 dicembre 2011. Il RUR fornirà le indicazioni operative per formulare la disdetta o per variare la scelta del 2° Comune effettuata in precedenza. A tal fine sarà resa disponibile la prevista modulistica. Diversamente, dette variazioni potranno avvenire anche successivamente con le modalità previste per la fase a regime. Qualora il lavoratore presenti le richieste di variazione in una data successiva al giorno 7 del mese, il RUR lo informerà che la variazione sarà pubblicata nell’elenco del mese successivo.La funzione RUR, al fine di agevolare la scelta del dipendente, fornirà anche le informazioni sui Comunidove insistono le strutture Aziendali nelle quali sia potenzialmente utilizzabile la clausola elastica.Inserimento dei dati in procedura con indicazione dei ComuniFormalizzato l’accordo, la funzione RUR inserisce i relativi dati nella procedura informatica a tal finepredisposta. La stessa darà in automatico evidenza del Comune di attuale assegnazione. Per ilpersonale di cui al punto 2, il RUR dovrà procedere alla cancellazione del nominativo in caso di disdettao variare la scelta del 2°Comune. Qualora sia variato il Comune di assegnazione (trasferimento), questodovrà essere aggiornato in procedura dal RUR entro il giorno 9 del mese affinchè l’informazione siarecepita nella graduatoria del 15 del mese stesso.3 In questa categoria rientrano anche gli OSP che avevano stipulato la clausola per i comuni della Basilicata (“bonus idrocarburi”)2
  3. 3. 2. FASE A REGIMEQuesta fase inizia dopo la pubblicazione del primo elenco (15 dicembre 2011) e consentel’aggiornamento dei successivi elenchi che, come già detto, saranno pubblicati il 15 di ogni mese. Glieventi che determinano l’aggiornamento (nuove adesioni, disdette, variazioni 2° Comune, etc.) -consegnati alla funzione RUR entro il 7 del mese - hanno effetto sull’elenco che sarà pubblicato il giorno15 del mese stesso.Ad esempio: il giorno 15 dicembre 2011 viene pubblicato il primo elenco; il 15 dicembre 2011 vienepubblicato l’elenco che recepisce le variazioni formalizzate entro il giorno 7 di dicembre; il 15 gennaio2012 viene pubblicato l’elenco che recepisce le variazioni formalizzate dopo il giorno 7 dicembre 2011, ecosì via.- Gli eventi che determinano l’aggiornamento dell’elencoNuovo inserimento - Il lavoratore appartenente alle categorie interessate, che per sua volontà nonaveva stipulato in precedenza la clausola o che nel frattempo ha superato il periodo di prova, puòchiedere la stipula della clausola elastica alla funzione RUR di competenza. A questo punto si attiva ilpercorso indicato nel precedente paragrafo 1, che consiste nel fornire le informazioni da parte del RUR,nel formalizzazione l’accordo e nell’inserimento in procedura. La formalizzazione dell’accordo conclusaentro il giorno 7 del mese ed inserita dal RUR in procedura entro il giorno 9, avrà effetto sull’elencopubblicato il giorno 15 del mese stesso.Disdetta - Il lavoratore che non vuole più essere contattato per l’attivazione della clausola elastica, puòdisdettare la stessa in qualsiasi momento, contattando la funzione RUR competente e consegnandoalla stessa l’apposita modulistica. Le tempistiche sono quelle già indicate;Variazione I° Comune - questo evento non è nelle disponibilità del dipendente, ma può essere gestitosolo dalla funzione RUR competente nel caso lo stesso sia trasferito ad altro Comune;Variazione II° Comune - il lavoratore può variare la scelta del 2° Comune effettuata al momento dellastipula del contratto della clausola. In questo caso l’interessato contatta la funzione RUR e compilal’apposita modulistica. Per gli effetti della variazione valgono le tempistiche sopra indicate;Eccezioni sull’elenco - il lavoratore che rilevi una incongruenza nell’elenco pubblicato può contattare lafunzione RUR competente e compilare la modulistica prevista. Anche per le eccezioni, qualora accolte,valgono le tempistiche sopra richiamate.La funzione RUR garantirà l’archiviazione della documentazione prodotta per la gestione degli eventiindicati ed, in generale, della documentazione connessa alla gestione della clausola.3. GESTIONE ELENCONell’elenco saranno inseriti i lavoratori che hanno aderito alla clausola elastica. A partire dal 15 dicembre2011, tale elenco sarà pubblicato il giorno 15 di ogni mese.L’elenco sarà ordinato per Comune e per ciascun Comune i lavoratori saranno ordinati in base al criteriodella maggiore anzianità di servizio maturata al 1° del mese e, a parità di condizione, della maggioreanzianità anagrafica.Nella maschera di visualizzazione della graduatoria è stato aggiunto un nuovo campo “numerocontatti” che consentirà di garantire il criterio di rotazione nella gestione dell’attivazione delle clausole.In tal modo, per ciascun lavoratore si avrà evidenza delle “opportunità” che ha ricevuto (N.B. Per3
  4. 4. “contatto” si intende, in generale, la proposta di attivazione della clausola. Il campo deve esserevalorizzato sia nel caso di accettazione della proposta, sia in caso di rifiuto).La scelta nell’elenco del lavoratore da contattare avverrà individuando quello con il minor numero dicontatti e con la maggiore anzianità4.4. ATTIVAZIONE DELLA CLAUSOLAFormalizzazione fabbisogni di flessibilitàLa funzione RUR riceve la comunicazione dei contingenti di FTE per le esigenze temporanee. Taliesigenze dovranno essere prioritariamente soddisfatte mediante il ricorso alla clausola elastica di cuialla presente procedura.RUR contatta telefonicamente/via sms il lavoratoreIl RUR, ricevuta l’autorizzazione, accede, attraverso la procedura informatica, alla eventuale graduatoriadel Comune dove attivare la clausola elastica.Seguendo l’ordine della lista ed avendo a riferimento il minor numero di contatti, procederà a contattaretelefonicamente il primo lavoratore disponibile che, al momento della chiamata, non sia impegnato nellosvolgimento della prestazione prevista dal proprio contratto part-time né in attività in regime di clausolaelastica presso un altro Comune.Qualora il contatto telefonico vada a buon fine ed il lavoratore accetti, lo stesso dovrà formalizzarel’accettazione inviando un fax al n. ………………... che a tal fine gli verrà fornito, entro e non oltre lastessa giornata. Se nel termine previsto non perviene l’accettazione, il RUR procede allo scorrimentodella graduatoria, considerando lo stesso rinunciatario.Qualora il contatto telefonico vada a buon fine ed il lavoratore non accetti, lo stesso sarà consideratorinunciatario ed il RUR procederà allo scorrimento della graduatoria.Qualora il contatto telefonico non vada a buon fine, il RUR provvederà ad inviare un messaggio SMS diavviso5. Decorse 9 ore dall’invio senza che l’interessato manifesti la propria accettazione, lo stesso saràconsiderato rinunciatario. Il RUR procederà allo scorrimento della graduatoria.Tutte le azioni sopra indicate dovranno essere opportunamente tracciate nella procedura informatica chesarà in tal senso predisposta anche al fine di evitare che lo stesso lavoratore, inserito nelle liste di duediversi Comuni, venga contattato contemporaneamente da due RUR ovvero venga contattato quandogià è stata attivata la clausola e sta lavorando.Inoltre, come sopra detto, quando il lavoratore accetta la proposta o quando si presenta una fattispeciedi rinuncia come sopra indicata, dovrà essere valorizzato il campo “contatti” nella procedura informatica.Modalità scorrimento listeLe liste andranno utilizzate procedendo allo scorrimento delle stesse secondo le modalità di seguitoindicate. In particolare, il RUR dovrà scorrere la graduatoria scegliendo il lavoratore con il minor numerodi “contatti” e, a parità di contatti, quello con la maggiore anzianità di servizio (in caso di analogaanzianità di servizio verrà prescelto il lavoratore con la maggiore anzianità anagrafica).Esempio: nella graduatoria del Comune di Roma sono inseriti 4 PTV, i sigg.ri A, B, C e D. Il sig. A èprimo della lista ed è stato contattato 1 volta. Il RUR, in caso di necessità, contatterà perciò il sig. B, cheè secondo e non è mai stato contattato. Il mese successivo, per effetto di una variazione della scelta del4 Ad esempio nel caso di 5 risorse in graduatoria per anzianità con il seguente ordine e con il numero di contatti indicati: A (3con),B(2con), C (2con), D (2con), ed E (2con). Nel caso di necessità la proposta di attivazione dovrà essere effettuata a B.5 Testo SMS: "Pregasi contattare, entro 9 ore dall’invio del presente sms, il n. …...... per confermare accettazione attività in clausolaelastica. In mancanza sarà considerato/a rinunciatario/a . SMS inviato ore ______ del ______ RUR.............. "4
  5. 5. 2°Comune, subentra nella lista il signor Y che per anzianità si posiziona prima del sig. C, ma che risultaessere stato contattato già 2 volte (magari nel precedente Comune). Conseguentemente, il RUR, incaso di necessità, dovrà comunque contattare il sig. C che non è mai stato contattato precedentementee così via.Aggiornamento procedura informatica sulla base dei giorni lavorati in clausola elastica per dirittodi precedenza trasformazione full-time in ambito provincialeAttivata la clausola elastica la procedura verrà automaticamente aggiornata mensilmente conl’informazione relativa al numero delle giornate di effettiva prestazione resa. Questo al fine diimplementare le liste provinciali che garantiscono agli interessati una priorità nella trasformazione delproprio rapporto di lavoro a full-time.Si ricorda che la priorità è rivolta esclusivamente a coloro che hanno un rapporto di lavoro a tempoindeterminato in regime di part-time verticale di durata non predeterminata e sono fatti salvi gli obblighiprevisti al comma VIII dell’art. 23 CCNL 14 aprile 2011.La Provincia nella quale viene attribuita la priorità nella trasformazione a full time è esclusivamentequella relativa alla struttura di assegnazione del dipendente. Per la valorizzazione del punteggioindividuale contribuiranno tutte le giornate di prestazione rese in regime di clausola elastica, anchequelle effettuate presso l’ulteriore località indicata dal lavoratore medesimo che insiste in una diversaProvincia.5. PIANO DI COMUNICAZIONE 1. Invio lettera6 a tutti i potenziali interessati con part time verticale (portalettere e personale operatore di sportello) entro il 2 dicembre 2011 (cfr. all. 1). Nella lettera è specificato il numero telefonico con il quale gli interessati dovranno contattare la struttura Risorse Umane Regionale relativa all’ufficio di assegnazione; (a cura RUR) 2. affissione in data …………………di un comunicato in tutte le bacheche Aziendali (contenuti simili alla lettera di cui al punto 1) con allegato anche il format di accordo; 3. Il Comunicato ed il format di accordo, saranno altresì pubblicati sull’intranet Aziendale.Roma, 30 novembre 20116 La lettera potrà essere trasmessa con le seguenti modalità alternative:- presso l’ufficio di assegnazione dell’interessato e consegna della stessa, a cura del proprio responsabile, nel caso in cui l’inviocoincida con il periodo di prestazione del lavoratore. Nel caso la consegna non vada a buon fine, il responsabile dell’ufficio ne daràpronta evidenza al RUR che procederà come indicato nel punto seguente;- con spedizione, a cura del RUR, all’indirizzo di residenza ovvero al domicilio eventualmente indicato dal lavoratore se diverso dallaresidenza.5

×