Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Miur dgefid water hack

29 views

Published on

WATER HACK: il primo hackathon della scuola italiana interamente dedicato al tema dell’Acqua, come elemento chiave dello sviluppo sostenibile

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Miur dgefid water hack

  1. 1. Documentazione di progetto della soluzione: [indicare il nome scelto per la soluzione, il prodotto o il servizio presentato alla call] WATER HACK: il primo hackathon della scuola italiana interamente dedicato al tema dell’Acqua, come elemento chiave dello sviluppo sostenibile INDICE 1. Descrizione del progetto – fase uno 2. Descrizione del progetto – fase due 3. Descrizione del progetto – fase tre 4. Responsabile del procedimento 5. Descrizione dei bisogni che si intende soddisfare 6. I numeri delle varie fasi del progetto
  2. 2. 1. Descrizione del progetto – fase uno In occasione del Primo Forum Internazionale "Regole dell’acqua, Regole per la vita" (http://rulesofwater.milanoglobal.org), il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca ha promosso, sotto gli auspici della Presidenza Italiana del G7, WATER-HACK, il primo hackathon della scuola italiana interamente dedicato al tema dell’Acqua, come elemento chiave dello sviluppo sostenibile. L’iniziativa si è svolta 27 e il 28 settembre 2017 a Milano (Istituto dei Ciechi di Milano, Via Vivaio 7) e ha coinvolto studentesse e studenti delle scuole secondarie di secondo grado. Per gli studenti è stata un’esperienza di grande valore perché hanno avuto l’opportunità di apprendere nuovi strumenti di co-progettazione, di condividere la loro visione di società e di futuro lavorando in gruppi di lavoro eterogenei, sia per provenienza geografica che per indirizzo scolastico, di esporre al termine della due giorni le proprie idee e soluzioni dinanzi ad esperti ed esponenti della comunità scientifica (dell’Università degli studi di Milano Bicocca, dell’OECD Water Governance Programme, dell’UNESCO World Water Assessment Programme - partner scientifici del forum. Una Commissione appositamente costituita dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca ha proclamato i vincitori. Il percorso/progetto formativo è poi proseguito in due ulteriori tappe (FASI 2 e 3): • Road to 8th World Water Forum, evento satellite della scuola italiana interamente dedicato ai giovani e al tema dell’Acqua (Perugia, febbraio 2018) • 8th World Water Forum, partecipazione al Forum Mondiale dell’Acqua (Brasilia, marzo 2018). 2. Descrizione del progetto fase due In vista del Forum Mondiale dell’Acqua, che si terrà a Brasilia, Brasile, dal 18 al 23 marzo, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) ha promosso “Road to 8th World
  3. 3. Water Forum”, un evento satellite della scuola italiana interamente dedicato ai giovani e al tema dell’Acqua, come elemento chiave dello sviluppo sostenibile. L’iniziativa si è svolta presso il centro UNESCO per la Valutazione delle Risorse Idriche Mondiali (WWAP) di Villa La Colombella a Perugia, il 6 e il 7 febbraio 2018, e ha coinvolto circa 100 studentesse e studenti delle scuole superiori, provenienti da tutta Italia. Partendo dagli obiettivi dell’Agenda Globale 2030 per lo sviluppo sostenibile e dai risultati di WATER-HACK (il primo hackathon della scuola italiana interamente dedicato all’Acqua), questo appuntamento è stato una maratona di formazione dove 100 giovani, divisi in team e rappresentanti 15 scuole del Paese, con l’aiuto di mentori e degli esperti internazionali di risorse idriche dell’UNESCO, hanno lavorato insieme per elaborare la Dichiarazione dei Giovani sull’Acqua, che verrà presentata al Forum Mondiale dell’Acqua in Brasile (marzo 2018). L’obiettivo è stato quello rafforzare e comunicare il punto di vista dei ragazzi sulle priorità relative alla gestione dell’acqua a livello locale, regionale e globale e suggerire soluzioni per rispondere alle sfide che minacciano le risorse idriche del nostro pianeta. 3. Descrizione del progetto fase tre Otto studenti, rappresentanti altrettante scuole del nostro Paese, hanno partecipato all’ottavo Forum Mondiale dell’Acqua, il più grande evento internazionale dedicato alle risorse idriche, in programma a Brasilia dal 18 al 23 marzo 2018. Si tratta delle vincitrici e dei vincitori di WATER-HACK, il primo hackathon della scuola italiana interamente dedicato all’Acqua (FASE 1). A Brasilia, le studentesse e gli studenti italiani sono stati protagonisti dello Youth Forum, un appuntamento interamente dedicato ai giovani e al tema dell’Acqua, come elemento chiave dello sviluppo sostenibile. Partendo dagli obiettivi dell’Agenda Globale 2030 per lo sviluppo sostenibile, i nostri delegati hanno lavorato e collaborato, per oltre due giorni, con oltre 50 giovani, rappresentanti 20 paesi ed oltre 30 organizzazioni giovanili impegnate sui temi dell’acqua. Hanno
  4. 4. avuto inoltre la possibilità di confrontarsi con mentori ed esperti internazionali di risorse idriche delle principali organizzazioni internazionali. Le studentesse e gli studenti italiani hanno così partecipato, da protagonisti, a tutte le fasi di stesura dello Youth Statement, la Dichiarazione ufficiale dei Giovani sull’Acqua, presentata al successivo incontro ministeriale del Forum, davanti a comunità e decisori politici di tutto il mondo. Grazie alla presenza all’interno della delegazione del MIUR di un rappresentate del centro UNESCO per la Valutazione delle Risorse Idriche Mondiali (WWAP), i nostri studenti hanno assistito al lancio e alla presentazione dell’edizione 2018 del Rapporto sullo Sviluppo delle Risorse Idriche Mondiali, intitolato “Soluzioni basate sulla Natura per l’Acqua”, la voce dell’ONU su questo tema cruciale 4. Responsabile del procedimento Responsabile del procedimento amministrativo relativo al progetto è la dott.ssa Simona Montesarchio, Direttore della Direzione generale per interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l’istruzione e per l’innovazione digitale che si è avvalsa del suo staff. 5. Descrizione dei bisogni che si intende soddisfare Partendo dal sapere e dalle ispirazioni di EXPO 2015 e dagli obiettivi dell’Agenda Globale 2030 per lo sviluppo sostenibile, WATER-HACK è stata una maratona progettuale dove 100 studenti, divisi in team e rappresentanti 13 scuole italiane, con l’aiuto di mentori, esperti, imprenditori e policy makers da tutto il mondo, hanno lavorato insieme con l’obiettivo di creare modelli, soluzioni e prototipi per affrontare con lungimiranza, responsabilità e mentalità innovativa il tema della gestione delle risorse idriche. In particolare, WATER-HACK ha posto a tutti i partecipanti tre grandi sfide di interesse globale ma con valenza (anche) locale: la gestione delle risorse idriche nelle aree urbane e rurali,
  5. 5. l’implementazione di politiche sensibili alle questioni di genere in relazione al diritto all’acqua, infine il tema della cooperazione internazionale e dell’accesso all’acqua. 6. I numeri delle varie fasi del progetto Fase Uno: - 78 studenti e studentesse - 13 docenti, 13 scuole; - 9 città, 9 regioni Fase due: - 97 studenti e studentesse - 19 docenti, 19 scuole - 19 città, 15 regioni Fase tre: - 8 studenti e studentesse - 2 docenti, 7 scuole - 7 città, 7 regioni

×