SAGGISTICA                DAI DIAMANTI NON NASCE NIENTE di Serena Dandini                Coshanno in comune la regina Mari...
favoriamo la biodiversità e unagricoltura equa e sostenibile. Di conseguenza, se nutrirsi è un"atto agricolo", produrre de...
sentimenti sia davvero da buttare? Forse è proprio questa la strada: provare a superare con laragione i limiti dellamore, ...
gioventù le negherà il consenso, anche lonnipotente e misteriosa mafia svanirà come unincubo".              STORIA DI CHIA...
DECAPITATI di Giovanni Floris              La nostra classe dirigente non ci piace più, e non solo a noi. Sono stati sfidu...
MONOLOGHI DEL GIORNO DEL GIUDIZIO di Liu Xiaobo              Nel 2009 la Corte popolare di Pechino ha processato e condann...
scopo finale - conoscere, giudicare, prevedere per controllare e semmai coartare - sia pursempre unico: un esercizio di st...
una volta esisteva solo allestero, lhanno convinto a ridare voce alle molte storie che gravitanoattorno a una condizione e...
LA CARTOGRAFIA: DALL’ANTICHITA’ FINO AL XVIII SECOLO di Carlo Monti                Questo primo volume, riguarda la cartog...
a lottare e a sognare un domani migliore. Guardando a se stessi, intrecciando le proprieesperienze, Magdi Cristiano Allam ...
LA CARITA’ UCCIDE di Dambisa Moyo                 Il 13 luglio 1985 va in scena il concerto "Live Aid", con un miliardo e ...
alimentazione è fondamentale per vivere in salute, al punto che il cibo diventa un elementoessenziale per la prevenzione d...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Novità Saggistica dicembre 2011

356 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
356
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Novità Saggistica dicembre 2011

  1. 1. SAGGISTICA DAI DIAMANTI NON NASCE NIENTE di Serena Dandini Coshanno in comune la regina Maria Antonietta, Vandana Shiva, Peter Sellers, Fabrizio De André, Virginia Woolf e George Harrison? La risposta è nel libro che avete tra le mani: il racconto di una passione che si intreccia, inestricabile come un gelsomino rampicante, con amori letterari, pittorici e cinematografici, ricordi di viaggi, aneddoti di vita giardiniera e riflessioni sulle sfide e le frontiere della felicità sostenibile. Serena Dandini ci conduce in una passeggiata sentimentale alla ricerca della bellezza che potrà salvarci, con un libro dedicato "a chi volevacambiare il mondo e invece dopo un po si è accorto che è stato il mondo a cambiargli iconnotati". Viaggiando tra parchi incantati e vivai sconosciuti, imbarcandoci sulle navi dicacciatori di piante daltri tempi, sbirciando gli amori romantici per un raffinato musicista o perun carico di concime, scopriamo insieme con lei che non è mai troppo tardi per mettere deifiori nei nostri cannoni e bombardare almeno il perimetro del balconcino di casa. Perché, comerecita un antico proverbio cinese, chi pianta un giardino semina la felicità. CAMBIARE LA FABBRICA PER CAMBIARE IL MONDO di Maurizio Landini Un libro in "presa diretta", che ripercorre cosa è accaduto prima e cosa ha significato poi il 14 gennaio 2011, giorno del referendum di Mirafiori che ha sancito la vittoria della Fiat di Marchionne e la "sconfitta di grande successo" della Fiom di Maurizio Landini. 5431 operai e impiegati sui quali si è appuntata lattenzione di tutto il paese. Operai e impiegati di uno stabilimento speciale - quello di Mirafiori - di una fabbrica speciale: la Fiat. "Ciò che va bene per la Fiat, va bene per lItalia", si diceva una volta. Ma non è detto che sia ancora così.Questo è il racconto dei ventidue giorni più lunghi del sindacato, quelli che vanno dallaccordoseparato di fine dicembre su Mirafiori fino al 14 gennaio, giorno del referendum. Ma è anchemolto di più: è la presa di posizione di un sindacalista contro lassenza della sinistra, delGoverno, a favore del diritto al lavoro. LA CLASSE NON E’ ACQUA di Antonio Caprarica Unincontenibile passione per i cavalli e i cani, una vena di follia nei cromosomi, un patrimonio famigliare che include diverse migliaia di ettari di terra e alcuni manieri, un corso di studi a Eton. Ecco le prerogative dellaristocrazia terriera, una classe sopravvissuta solo in Gran Bretagna, che continua a dominare le fantasie e le aspirazioni non soltanto dei connazionali ma anche di milioni di italiani appassionati di matrimoni reali e bisticci di Corte. Nellisola dOltremanica, una schiera di milleduecento famiglie di sangue blu possiede un terzo delterritorio, più o meno lequivalente dellItalia del Nord. Benché spogliata da Tony Blair deldiritto ereditario di sedere nella Camera dei Lord, la nobiltà non ha perso né il suo fascino né lesue ricchezze, né leccentricità, che consegna figure memorabili alla storia universale delladissipazione. E anche se le meno facoltose delle landed families, per poter mantenere le loromagioni, hanno dovuto trasformarle in bed & breakfast, limmagine del gentiluomo dicampagna che vive, con decine di servitori, in un castello circondato da boschi non è affattotramontata. Chi sono e come vivono i discendenti di quei duchi, marchesi e conti i cui nomisono disseminati nelle pagine più importanti della storia inglese? Antonio Caprarica li ha seguitinei loro uffici nella City, nei club più esclusivi, nei secolari appuntamenti delle corse dei cavalliad Ascot e della caccia alla volpe a Badminton... BUONO, PLITO E GIUSTO di Carlo Petrini Cè chi ancora pensa ai gastronomi come a una cricca di mangioni egoisti, incuranti di ciò che sta loro attorno. Certo, il cibo può e dovrebbe essere un piacere, ma mangiare, ci fa riflettere Carlo Petrini, è anche "un atto agricolo": selezionando cibi prodotti con criteri che rispettino lambiente e le tradizioni,
  2. 2. favoriamo la biodiversità e unagricoltura equa e sostenibile. Di conseguenza, se nutrirsi è un"atto agricolo", produrre devessere un "atto gastronomico" conforme ad almeno tre criteriessenziali: buono, pulito e giusto. Attraverso frammenti autobiografici intercalati a meditateriflessioni, cifre e proposte concrete, lautore ci fa comprendere quanto è ampia oggi lagalassia delle discipline che gravitano intorno al cibo. COME SONO GUARITO DALLA PSORIASI di Massimo Bianchissi La psoriasi è una malattia infiammatoria della pelle, non infettiva, che può essere molto invalidante. In Italia ne sono colpite circa tre milioni di persone, anche di giovane età. Per la medicina tradizionale la psoriasi ha unorigine sconosciuta e a oggi non esiste una cura risolutiva. Per la naturopatia, invece, è la manifestazione di uno squilibrio generale dellorganismo, che può essere curato in modo efficace, naturale ed economico. In questo libro Massimo Bianchessi racconta la sua esperienza, che, proprio grazie alla naturopatia, si è conclusa positivamente.Dopo un inquadramento generale della patologia e dei diversi trattamenti convenzionali,Bianchessi ricostruisce il proprio percorso di guarigione, fondato sul Metodo Kousmine che sibasa su quattro pilastri fondamentali: una sana alimentazione; luso di vitamine eoligoelementi; ligiene intestinale; il controllo del pH fisiologico - e sul Metodo Pagano, cheprevede lesercizio quotidiano delle tecniche del pensiero positivo. LO STATO SIAMO NOI di Piero Calamanbrei "Chiamare i deputati e i senatori "rappresentanti del popolo" non vuol dire oggi quello che voleva dire in altri tempi: si dovrebbero chiamare "impiegati del loro partito"" INSIDE JOB di Charles Ferguson Una cronaca del crudo risveglio di un sistema che si credeva invincibile, capace di convertire tutto e tutti alla religione del profitto senza freni, il racconto, come se fosse un giallo, dellassassinio delleconomia mondiale. E lelenco dei colpevoli è lungo e doloroso, così come la lista dei politici e dei manager che, in ossequio alle leggi di Wall Street, si sono rifiutati di rispondere alle domande del regista. Nel libro, a cura di A. Bignami, una guida per gli insegnanti che vogliano mostrare il film nelle scuole: per spiegare alle nuove generazioni come evitareche la Grande Crisi si ripeta. I profili dei protagonisti della crisi. Un glossario della finanza.Inoltre: saggi politico-economici di D. Harvey, N. Roubini, S. Mihm e contributi critici di P.Mereghetti, G.A. Nazzaro, V. De Cecco e R. Cremona. Il DVD è arricchito dalle scene eliminatedal film; dal racconto della realizzazione di Inside Job e da un commento del regista CharlesFerguson e della produttrice Audrey Marrs. IL MATRIMONIO D’AMORE HA FALLITO di Pascal Bruckner In Occidente il matrimonio è in crisi: aumentano i divorzi, sempre più persone scelgono di vivere da sole e le famiglie sono spesso monoparentali. Ma qual è il motivo? Al riguardo Pascal Bruckner ha unopinione ben precisa: non sarà proprio lamore, eletto a ideale assoluto e totalizzante, e commercializzato come modello massimo di realizzazione personale, a minare dal di dentro la stabilità della coppia? Nella seconda metà del Novecento il matrimonio ha subito una grande trasformazione, da istituzione borghese che condannava le passioni e privilegiavagli interessi famigliari è diventato un simbolo di emancipazione degli affetti, che devono essereposti al di sopra di ogni cosa. Non ci si sposa più per calcolo o perché la famiglia lo impone, ma"semplicemente" perché si è innamorati e si può scegliere in piena autonomia la persona concui si vuole passare il resto della vita. Conquistata a caro prezzo, questa libertà non ha peròportato più armonia, ma più discordia allinterno della coppia, proprio perché lamoreidealizzato finisce presto per metterci davanti ai nostri e agli altrui limiti. Da qui la tesiprovocatoria di Bruckner: siamo sicuri che il matrimonio dinteresse non debba essererivalutato? Che ununione in cui la razionalità abbia una parte più importante rispetto ai
  3. 3. sentimenti sia davvero da buttare? Forse è proprio questa la strada: provare a superare con laragione i limiti dellamore, per renderlo meno volubile e più resistente alle difficoltà. POLONIA Rimarginate le ferite di una storia lunga e spesso dolorosa, oggi la Polonia sta cambiando pelle e lo dimostra nella cura attiva del suo ricco patrimonio architettonico, culturale, naturalistico. Alle città darte si affiancano celebri luoghi di fede e pellegrinaggi, siti della memoria ma anche mete emergenti nella provincia rurale - il Baltico con le sue ventose primavere, i monti Tatra dagli autunni dorati - e città postindustriali vivaci e alla moda. Nellallegata guida alle informazioni pratiche, unampia selezione di indirizzi aggiornati: hotel e ristoranti, proposte perlo shopping e il tempo libero, segnalazione di eventi e manifestazioni da non perdere. SAPERBERE di Fulvio Piccinino ALLA MIA SINISTRA di Federico Rampini "Avevo il dovere di scrivere questo libro. Perché ho due figli ventenni che affrontano, come tutti i loro coetanei, il mercato del lavoro più difficile dai tempi della Grande Depressione. Perché devo rispondere delle mie responsabilità: appartengo a una certa generazione della sinistra occidentale che ha creduto di poter migliorare la società usando il mercato e la globalizzazione. Ho voluto sfogliare il mio album di famiglia, la storia che ho vissuto con un pezzo della sinistra italiana, per capire le ragioni delle nostre sconfitte, quindi aprire unapagina nuova. Plutocrazia, tecnocrazia, populismo, autoritarismo sono i mali che minacciano lenostre democrazie. LItalia è un piccolo laboratorio mostruoso di queste patologie. Avendovissuto unesperienza pluridecennale da nomade della globalizzazione - in Europa, in America,in Asia - ho il dovere di dire ciò che è accaduto allimmagine del nostro paese nel mondo. Devoraccontare dal mio osservatorio attuale nellEstremo Occidente" quali sono i costi delleraBerlusconi, e anche le radici profonde del berlusconismo, che gli sopravvivranno, i vizi diunItalia "volgare e gaudente" con cui dovremo fare i conti anche dopo. Che cosa farà questaItalia "da grande"? Cè ancora speranza? Alla sinistra indico le possibili vie duscita attingendoalle mie esperienze nelle nazioni emergenti, dallAsia al Brasile: perché non possiamo farcirisucchiare in una sindrome del declino tutta interna allOccidente." LA MAFIA FA SCHIFO di Nicola Gratteri Lo conoscono, loro, quel male. Lo conoscono da dentro. E adesso di mafia, di camorra, di ndrangheta vogliono parlare, o meglio vogliono scrivere. Sono gli studenti e i ragazzi che alzano la mano, in classe come in famiglia. Si chiedono perché i mafiosi opprimono le persone che lavorano onestamente e come riescono a dormire tranquilli, sapendo di fare del male a tanta gente. Come hanno potuto le mafie diventare così potenti, al Sud e al Nord, tanto che oggi pochi sembrano in grado di fare a meno dei loro soldi e dei loro voti. Se cè unpezzo di Stato dietro le morti di Falcone e Borsellino, o perché la Chiesa non insiste su questitemi con la stessa veemenza con cui si scaglia contro il divorzio e laborto. Il magistrato NicolaGratteri e il giornalista Antonio Nicaso, da sempre impegnati nella lotta alla mafia, hannoraccolto le lettere di questi ragazzi e adolescenti dalle quali emergono paura, rabbia, desideriodi rivalsa e ribellione contro lillegalità, e solo raramente sconforto e rassegnazione. Per tuttiloro la mafia non è più un tabù da rispettare in silenzio per quieto vivere o vigliaccheria, ma"un letto pulcioso" che infesta il Paese, un "tanfo di stalla" che ammorba laria e che "siarrimina nella pancia come un animale inferocito". È un segnale confortante quello lanciato daquesti ragazzi con la loro scelta di non tacere, perché, come diceva Paolo Borsellino, "se la
  4. 4. gioventù le negherà il consenso, anche lonnipotente e misteriosa mafia svanirà come unincubo". STORIA DI CHIARA E FRANCESCO di Chiara Frugoni Due ragazzi benestanti, colti, imbevuti di letture - soprattutto lui - di nobili cavalieri e amori cortesi. Ma quando un giorno questi due giovani, destinati a ereditare gli onori del loro stato sociale, volsero lo sguardo sulle cose degli uomini, videro un mondo che tradiva il messaggio del Vangelo e lo rifiutarono. Decisero, in momenti diversi, di spogliarsi delle loro ricchezze e, nudi, di abbracciare una nuova vita per gli ultimi. Quelle di Chiara e Francesco furono due esistenze che si intrecciarono strettamente pur percorrendo, ciascuno dei duesanti, cammini differenti. Lo scopriamo direttamente dalle loro voci, dai loro scritti, a cui ChiaraFrugoni dedica in questo libro uno spazio del tutto nuovo. Facendo parlare direttamente iprotagonisti, la Frugoni fa del lettore un compagno di strada di Chiara e Francesco,permettendogli di accostarsi al loro generoso progetto e alle resistenze, ai tradimenti, aicompromessi con cui i due dovettero fare i conti per rendere reale la loro utopia. Del resto èuna storia, quella di Chiara e Francesco, che col passare dei secoli nulla ha perso della suatravolgente novità. Al contrario, è come se il tempo trascorso non smettesse di sottolinearne laradicale modernità: il rapporto con i poveri, e quindi col denaro e il potere; il ruolo nonsubalterno della donna; la funzione dei laici nellistituzione religiosa; limportanza del lavoromanuale in servizio del prossimo e come garanzia di libertà; la relazione con fedi diverse. GUIDA PRATICA ALL’ADOZIONE di Maria Burani Malgrado lelevatissimo numero di bambini di tutto il mondo che sono in attesa di una famiglia e la disponibilità di tante coppie, oggi nel nostro paese le adozioni internazionali sono ancora molto complicate, e quelle di bambini italiani, ospitati in case famiglia o in istituti di accoglienza temporanea, sono quasi impossibili. Questo perché la legge italiana sulle adozioni non è aggiornata, e liter procedurale è troppo lungo e incerto. Cosa fare allora? Come realizzare il sogno di tantissimi aspiranti genitori di riuscire a adottare un bambino in tempirelativamente brevi e certi, con costi sostenibili e, soprattutto, con procedure chiare eaffidabili? Corredato di storie e testimonianze, questo libro offre un valido e pratico sostegno intutte le varie fasi del processo adottivo, con la spiegazione di tempi, costi, requisiti necessari,enti convenzionati. Una guida che vuole incoraggiare e sostenere tutti quei genitori nel cuoredesiderosi di offrire se stessi agli innumerevoli piccoli assetati di affetto e di accoglienza, ecapaci di amare a volte anche più di un figlio naturale. Perché la maternità e la paternità nonsono solo dati biologici, ma sono frutto di amore, di generosità, di rispetto, di una sceltaprecisa e responsabile, e, come recita la Convenzione sui Diritti del Fanciullo, ogni bambino hadiritto a una famiglia. IL PERDONO RESPONSABILE di Gherardo Colombo La gran parte dei condannati a pene carcerarie torna a delinquere; la maggior parte di essi non viene riabilitata, come prescrive la Costituzione, ma semplicemente repressa, e privata di elementari diritti sanciti dalla nostra carta fondamentale - come ne vengono privati i loro cari; la condizione carceraria, per il sovraffollamento, la violenza fisica e psicologica, è di una durezza inconcepibile per chi non la viva, e questa durezza incoraggia tuttaltre tendenze che il desiderio di riabilitarsi; la cultura della retribuzione costringe le vittime dei criminialla semplice ricerca della vendetta, senza potersi giovare di alcuna autentica riparazione, dialcuna genuina guarigione psicologica. È possibile pensare a forme diverse di sanzione, checoinvolgano vittime e condannati in un processo di concreta responsabilizzazione? GherardoColombo indaga le basi di un nuovo concetto e di nuove pratiche di giustizia, la cosiddettagiustizia riparativa, che lentamente emergono negli ordinamenti internazionali e nel nostro.Pratiche che non riguardano solamente i tribunali e le carceri, ma incoraggiano un sostanzialerinnovamento nel tessuto profondo della nostra società: riguardano lessenza stessa dellaconvivenza civile.
  5. 5. DECAPITATI di Giovanni Floris La nostra classe dirigente non ci piace più, e non solo a noi. Sono stati sfiduciati dalla stampa mondiale, dal mercato e a guardarli in faccia si nota che sono piuttosto sfiduciati loro stessi. Suonano lontane le parole di Alcide De Gasperi: "Badate che nella vita pubblica non importerà tanto quello che voi direte, ma quello che voi sarete". In questi sessanta anni, chi lo ha ascoltato? In pochi, tra i politici di oggi; ed in pochi anche tra noi cittadini, che li abbiamo scelti e tollerati. Ora i nostri capi si stanno incamminando sul viale del tramonto ed è una vera epropria emorragia. Politica, economia, cultura: da dove viene la crisi di leadership che hadecapitato lItalia? Alla ricerca di spiegazioni, esempi, idee, Giovanni Floris si imbarca inunavventura nella storia della nostra repubblica. Osserva le eterne dicotomie dItalia,incarnate tanto da Cavour e Garibaldi quanto da Agnelli e Marchionne, o da Totti e Baggio.Analizza capi del male come Totò Riina e capi del bene dal carisma universale come GiovanniPaolo II. Ci ricorda le volte in cui ci siamo affidati (sbagliando) allUomo del Destino, e quelleinvece in cui abbiamo messo sul ponte di comando leader normali: i De Gasperi e i Pertini, iCiampi e gli Amato che, magari senza emozionarci tanto, hanno saputo tirarci fuori damomenti di crisi gravissima. Non ci serve un Uomo della Provvidenza, suggerisce Floris, ciserve una nuova dirigente tutta intera. STEVE JOBS di Walter Isaacson Più di quaranta colloqui personali con Steve Jobs in oltre due anni, e più di cento interviste a familiari, amici, rivali e colleghi, hanno permesso a Walter Isaacson di raccontare lavvincente storia del geniale imprenditore la cui passione per la perfezione e il cui carisma feroce hanno rivoluzionato sei settori delleconomia e del business: computer, cinema danimazione, musica, telefonia, tablet, editoria elettronica. Mentre tutto il mondo sta cercando un modo per sviluppare leconomia dellera digitale, Jobs spicca come la massima icona dellinventiva,perché ha intuito in anticipo che la chiave per creare valore nel ventunesimo secolo è lacombinazione di creatività e tecnologia, e ha costruito unazienda basata sulla connessione trageniali scatti dimmaginazione e riconosciute invenzioni tecnologiche. Nonostante abbiacollaborato in prima persona alla stesura di questo libro, Jobs non ha imposto nessun vincolosul testo né ha preteso di leggerlo prima della pubblicazione. E non ha posto alcun filtro,incoraggiando anzi i suoi conoscenti, familiari e rivali a raccontare onestamente tutta la verità.Lui stesso parla candidamente, talvolta in maniera brutale, dei colleghi, degli amici e deinemici, i quali, a loro volta, ne svelano le passioni, il perfezionismo, la maestria, la magiadiabolica e lossessione per il controllo che hanno caratterizzato il suo approccio al business e igeniali prodotti che ha creato. ELOGIO DELL’ERRORE di Tim Harford Cosa facciamo quando ci troviamo di fronte a problemi complessi? Di solito attendiamo che un leader - sia esso un politico, uno scienziato, un manager ci illumini con la sua grande visione, contiamo sul dettagliato piano dazione messo a punto dagli esperti o ci affidiamo alle infallibili intuizioni di un guru. In questo libro rivoluzionario Tim Harford dimostra che, nella maggior parte dei casi, nessuna di queste strade conduce a una soluzione. Il mondo in cui viviamo è tanto complicato e imprevedibile da rendere inutili, o addirittura nocive, leformule preconfezionate imposte dallalto o lexpertise dei luminari. Occorre cambiareradicalmente approccio e ricordare come la natura stessa ha risposto a tutte le sfide: conlevoluzione e ladattamento. Intessendo abilmente psicologia, biologia, antropologia, fisica edeconomia con brillanti resoconti di lezioni "dal basso", lautore costruisce un appassionatoelogio dellerrore, mostrandoci come i fallimenti nel campo della lotta al terrorismo, deicambiamenti climatici, della povertà e delle crisi finanziarie possano ispirare modelli e soluzionivincenti. Ci vuole il coraggio, suggerisce Harford, di uscire dal tracciato e introdurreinnovazione e creatività negli affari e nella vita, di improvvisare (adattandosi) anzichépianificare dallalto, di agire dintuito a scapito delle regole. Ci vuole limpudenza di sbagliare,consapevoli che il metodo per tentativi ed errori tanto vituperato dai cosiddetti esperti è lunicachiave...
  6. 6. MONOLOGHI DEL GIORNO DEL GIUDIZIO di Liu Xiaobo Nel 2009 la Corte popolare di Pechino ha processato e condannato alcuni intellettuali e giornalisti per aver partecipato alla stesura e alla diffusione di Carta 08, un manifesto civile volto a promuovere importanti riforme politiche e a sostenere la causa della difesa dei diritti umani. Un anno dopo lispiratore e primo firmatario del documento, Liu Xiaobo, è stato insignito del premio Nobel per la pace, ma non ha potuto ritirarlo perché rinchiuso in prigione, dove dovrà rimanere per altri dieci anni. Sfidando ancora una volta la censura di Pechino, inquesta raccolta di saggi e poesie Liu Xiaobo ci offre un vasto e sconvolgente spaccato dellaCina di oggi. I cittadini del paese che ambisce al ruolo di prima potenza economica mondialevengono descritti, infatti, come cinici, ossessionati dal successo economico e personale, ocome fanatici nazionalisti. Eppure, nonostante lattuale vittoria delle forze illiberali, agli occhi diLiu Xiaobo sono evidenti le crepe che faranno implodere il sistema autoritario cinese. Ovunquenel paese stanno crescendo la disillusione giovanile, lo scollamento tra realtà concreta eideologia politica, la rabbia contro la prepotenza dei burocrati. Malgrado la ridotta libertàdespressione e loppressione del governo sulla società civile, è nel progressivo diffondersi diquesti movimenti dal basso che Liu Xiaobo ripone le sue speranze, o meglio le sue certezze, diun futuro democratico anche per la Cina. Prefazione di Federico Rampini. DIZIONARIO AFFETTIVO di Masal Pea Bagdadi Sappiamo che un rapporto affettivo sano è la base perché un bambino diventi un adulto equilibrato. Ci sono moltissimi libri sulla prima infanzia, ma quasi nessuno spiega come interpretare i comportamenti del nostro bambino, capire i suoi bisogni affettivi e come stabilire con lui un legame di fiducia e di amore. Quando il pianto non è un capriccio ma una richiesta di affetto? Come incidono le nostre ansie sulla crescita di nostro figlio? Quando è il momento di abbracciarlo e quando invece di fargli sentire il nostro disappunto? Come educarlo a rispettarcie ad avere fiducia in sé? Attaccamento, Distacco, Bugie, Coccole, Gelosia, Rabbia, Severità,Stanchezza: con circa 300 parole-chiave - dalla parte delladulto e dalla parte del bambino -, lapsicoterapeuta Masal Pas Bagdadi ci aiuta a guardare le nostre azioni e quelle dei nostri figlicon la lente dellamore e del piacere, lunica che sia in grado di renderci vitali e felici. L’ARTE DI RICORDARE TUTTO di Joshua Foer Quaranta giorni. È il tempo che ciascuno di noi spreca in media ogni anno per rimediare a ciò che dimentica: per andare a recuperare il cellulare lasciato chissà dove, per cercare le chiavi di casa o per rintracciare informazioni importanti. Joshua Foer rientrava a pieno titolo in questa media, ma dopo un anno di allenamento si è ritrovato alla finale del Campionato statunitense della memoria. Dunque la memoria si può davvero migliorare, chiunque può riuscire a imparare 1528 numeri a caso in unora e ricordarseli tutti, come il pluricampione delmondo Ben Pridmore. Ripercorrendo la storia della mnemotecnica dallantica Grecia ai giorninostri e illustrando metodi concreti grazie ai quali possiamo tenere a mente le informazioni checi interessano, Joshua Foer ci dimostra che "in ognuno di noi si nasconde un piccolo Rain Man".Che la memoria è un dono che tutti possediamo ma di cui spessissimo ignoriamo lepotenzialità. "Che cosa ha significato per lindividuo e per la società" si chiede Foer "ilpassaggio da una cultura fondata sulla memoria interna a una cultura basata sulle memorieimmagazzinate al di fuori del cervello? Tutto questo per noi è stato senzaltro un guadagno, macon che cosa labbiamo barattato? Come affrontiamo il fatto di aver perso la memoria?" Aqueste e a molte altre domande cerca di rispondere il saggio di Joshua Foer, che ha suscitatoun grande interesse nella stampa e nel pubblico degli Stati Uniti. INTERPRETI DI VITE di Javier Marias Luniverso creato da Javier Marías per accogliere le vicende del suo narrare, in particolare del recente e fondamentale romanzo in tre volumi "li tuo volto domani", ospita spesso le attività di servizi segreti, la cui peculiarità più inquietante è saper interpretare le vite dei soggetti che ricadono sotto la loro attenzione, famosi o sconosciuti che siano. Qui sono riuniti tre di quei ritratti, che consentono di cogliere come le tecniche dinterpretazione siano diverse, ma lo
  7. 7. scopo finale - conoscere, giudicare, prevedere per controllare e semmai coartare - sia pursempre unico: un esercizio di stile che fa cogliere grandezze e miserie di tre personaggi moltonoti come Silvio Berlusconi, Michael Caine e Lady Diana. IN GIUSTIZIA Giancarlo De Cataldo "Questo è il libro che ho cullato per trentanni, è la storia di un giudice che crede ancora nella giustizia. È il libro della mia vita da magistrato e di un po di storia dItalia vissuta da dentro i tribunali, raccontata attraverso le vicende esemplari di chi ha sbagliato, di chi ha lottato, di chi si è difeso e di chi è stato condannato. E di chi tutti costoro ha dovuto giudicare. Non è un libro sulla giustizia ma di giustizia, per capirla e cercare di salvarla raccontando come stanno le cose al di là delle isterie della politica e della cronaca. La giustizia è unaspirazione, unaconquista quotidiana. Non si può mai darla per scontata. Bisogna lottare di continuo perrealizzarla, specialmente in questo momento in cui troppi sembrano volerne fare a meno."Ginacarlo De Cataldo COSA RESTA DA SCOPRIRE di Giovanni F. Bignami Pochi avrebbero previsto che nel ventesimo secolo luomo avrebbe scoperto la bomba atomica, linformatica, la nucleosintesi stellare e sarebbe andato nello spazio e sulla Luna. Secondo lastrofisico Giovanni Bignami, ci saranno nei prossimi anni scoperte sensazionali che cambieranno la nostra visione del mondo, dello spazio e della nostra stessa vita. Come la comprensione della "materia oscura" delluniverso, tema su cui, forse, avremo una risposta nel 2062 al passaggio della cometa di Halley, quando lastrofisica ci dirà qualcosa di piùanche sullesistenza di altri sistemi di vita nelluniverso. O come, ancora, la messa a punto di"unenergia globale" che ci permetterebbe di non dipendere da risorse finite. Con stile brillantee grazie alla riconosciuta autorevolezza in materia, Giovanni Bignami ci guida alla frontieradelle possibili, stupefacenti scoperte dei prossimi tempi: consapevole che quello che pensiamodi scoprire oggi avrà poco in comune con quello che scopriremo, traccia un percorso sul confinesottile e affascinante tra scienza e immaginazione, un filo rosso dal centro della Terra allospazio che ci svela perché luomo è solo allinizio della esplorazione del mondo, del cosmo e dise stesso. IMPRESE DA FAVOLA di Angela Padrone Incredibile ma vero: lItalia è il paese delle donne imprenditrici. Proprio laddove è più difficile per una donna trovare un impiego, sono tante quelle che non si arrendono e un lavoro se lo inventano. Sono 1 milione e 400 mila le attività fondate o guidate da donne. Un boom di piccole e piccolissime imprese femminili che non riguarda specifiche realtà territoriali, ma accomuna lintera penisola, da Nord a Sud. Angela Padrone ha analizzato da vicino il fenomeno, incontrando molte di queste donne e raccogliendo le loro storie. Quello che descrive è un universoincredibilmente ricco. Sono tante, infatti, le tipologie di selfmade woman: chi non è nataimprenditrice, ma si è scoperta tale in un momento delicato della propria vita; chi ha avuto ilcoraggio di cimentarsi con lavori tradizionalmente ritenuti "da maschi"; chi ha ereditatolattività di famiglia, ma ha dovuto scontrarsi con i pregiudizi e superare mille difficoltà; chi hasaputo trovare soluzioni originali alle sfide lanciate dalla globalizzazione e dal confronto con imercati stranieri; chi, infine, dopo la realizzazione personale, punta a un obiettivo piùambizioso: creare alleanze tra le imprenditrici, fare rete, gruppo, per rendere migliore questopaese. Mentre i governi stendono analisi e programmi per superare la crisi, le donne simuovono e lo fanno in grande stile. RICUCIRE LA VITA di Ugo Ricciarelli Allinizio Ugo Riccarelli non avrebbe voluto scrivere questo libro, un libro che in qualche modo lo porta a rivivere la sua condizione di trapiantato e a ripercorrere i meandri inconsci, un po scomodi e spesso insicuri, di quel territorio dai confini incerti che, soprattutto nei casi come il suo, sta tra la malattia e la guarigione. Poi lincontro con un centro deccellenza, lISMETT di Palermo, e la scoperta che anche da noi, allinterno della nostra controversa sanità, è possibile trovare quello che
  8. 8. una volta esisteva solo allestero, lhanno convinto a ridare voce alle molte storie che gravitanoattorno a una condizione estrema come quella dei trapianti. Le vicende legate ai trapianti sonotestimonianze incredibili di vita, un affascinante intreccio di sofferenza e allegria, di speranza edelusione, di fortuna e volontà, di molta di quella sostanza complessa che, come si può intuire,compone la materia di cui è fatta la vita degli uomini. Ma sono anche un territorio pocoesplorato, e forse la premessa indispensabile per percorrerlo è capire che cosè un trapianto:non il frutto del lavoro di un chirurgo, ma una storia complessa in cui converge unincredibilequantità di conoscenze, di variabili, di opportunità, di organizzazione, della quale loperazionechirurgica è solo latto finale. Tutto questo ci racconta Ugo Riccarelli in "Ricucire la vita", in cuie le storie dei singoli si intrecciano in ununica grande storia che esplora il senso della vitastessa. SILLIBARIO GOLOSO di Laura Grandi Come prima colazione cè chi si prepara rognoni di castrato alla griglia, giusto per il piacere avventuroso di avvertire al palato "un fine gusto durina leggermente aromatica". È il caso di Leopold Bloom nell"Ulisse" di Joyce. Altri, meno temerari, non riescono a rinunciare alle dolcezze di brioche, cornetti, miele e marmellate e quanto ricordi la sensualità appagante del latte materno descritta da Maupassant in "Idillio". Il cibo è fra gli argomenti più frequentati nella letteratura di ogni tempo, anzi, i curatori di questo "Sillabario" si spingono asostenere che non esista romanzo senza qualcuno che, prima o poi, mangi o beva qualcosa, ecomunque concordano con Aldo Buzzi quando sentenzia: "lo scrittore che non parla mai dimangiare, di appetito, di fame, di cibo, di cuochi, di pranzi mi ispira diffidenza, come semancasse di qualcosa di essenziale". In questo libro gli autori con passione, ma senzaprendersi mai troppo sul serio, compongono un menu di piatti e letture che attraversa larcodella giornata, dal primo bicchiere dacqua del mattino fino alle ostriche e allo champagne dellenotti da ons vivants. Sapori, ricette, curiosità, consigli, piluccando qua e là fra le voci delSillabario o sbafandosele una dopo laltra, si compie un viaggio concreto e fantastico e siscopre, con emozione, che per sperimentare piaceri profondi, per nutrirsi e saziarsi, può esseresufficiente aprire un libro e mettersi a leggerlo. TESTA O CROCE di Giorgio Ruffolo Cosè il denaro? A cosa serve e come funziona? È il denaro che appartiene agli uomini o sono gli uomini ad appartenere al denaro? Domande semplici come quelle che potrebbe fare un bambino, ma che pure, una volta adulti, dimentichiamo forse perché spaventati da risposte che crediamo troppo astruse. Così si finisce per dare il denaro per scontato, uno strumento "trasparente", quasi una legge di natura. Giorgio Ruffolo, con la chiarezza e lo stile che lhanno reso popolare, ne traccia una storia molto diversa, ricca di scoperte sorprendenti eclamorose smentite del senso comune. E lo fa raccontando le vicende degli uomini che per lapassione, la necessità o il desiderio di denaro, hanno plasmato il mondo. Simbolo del valoremateriale, il denaro ha una natura ideale: contrariamente a quello che si potrebbe pensare,infatti, "non è loro che da valore al denaro, ma il contrario". La storia del denaro, allora, èanche una storia di smaterializzazione e fiducia. Volatilità perché si passa dalle sonanti monetein oro e argento a pezzi di carta altrettanto preziosi, fino alle carte di credito o agli scambi viainternet in cui il denaro diventa puro dato digitale. Fiducia perché accettare soldi in cambio dimerce significa credere sulla parola che un giorno ci verrà restituito ciò che ci spetta. Cosasuccede quando tale fiducia (o tale fede...) comincia a incrinarsi labbiamo scoperto a nostrespese proprio durante la recente crisi finanziaria globale. IN CUCINA CON I BAMBINI di Annie Rigg Più di 60 ricette per coinvolgere i vostri bambini in cucina nella creazione di dolci, decorazioni commestibili e regali per ogni occasione.
  9. 9. LA CARTOGRAFIA: DALL’ANTICHITA’ FINO AL XVIII SECOLO di Carlo Monti Questo primo volume, riguarda la cartografia nel suo percorso dalle origini al XVIII secolo. Le carte, intese come rappresentazione dei luoghi, hanno progredito nella rappresentazione sia in seguito alle scoperte via via più vaste grazie agli spostamenti dei popoli, sia alle scoperte scientifiche e intuizioni avvenute nei tempi antichi, arricchite successivamente dai commerci e dalle esplorazioni di terre lontane. Anche larte rappresentativa passa dalla mera e schematica rappresentazione dei luoghi a forme cosmografiche nel medio evo,pratiche nel basso medio evo e nel periodo umanistico, quali le carte portolaniche, per passarepoi con la riscoperta delle carte tolemaiche a una forma di cognizione scientifica, le proiezionisul piano, nel rinascimento. Le grandi scoperte fatte da Colombo e dai suoi contemporanei esuccessori estenderanno gli spazi rappresentati. La nascita degli Atlanti sarà un avvenimentofondamentale nella conoscenza cartografica. Quanto qui verrà trattato vedrà il succedersi e glisviluppi delle carte nel periodo anzidetto, affrontando anche particolari tematiche quali quelledelle carte a volo duccello, forme artistiche che uniscono arte e rappresentazione, nonchéinfine limpostazione cartografica rigorosa nel corso del XVIII sec. COGITO ERGO SOFFRO di Giorgio Nardone Tracciare un bilancio dellavventura intellettuale delluomo in Occidente equivale a ripercorrere lo sviluppo della razionalità tramite lesercizio del dubbio: filosofia, scienza, psicologia, tutte si sono avvalse del dubbio e del suo superamento come strumento dindagine e metodologico privilegiato. Ma cosa accade quando cerchiamo di applicare il "cogitocentrismo" nella pratica, nella vita di tutti i giorni, di fronte a scelte e situazioni di per sé irriducibili alla logica e al più ferreo raziocinio? Cadiamo in una trappola, in un autoinganno, in una vera e propria "psicopatologia della vita quotidiana": ci illudiamo di poter risolvere una crisi amorosa, un dubbio amletico, una decisione crucialeaffidandoci al nitore rassicurante del sillogismo, oppure, allestremo opposto, cerchiamo lacertezza nelle "verità rivelate", religiose, scientifiche o ideologiche. Da strumento infallibile ilcogito si trasforma così in un ostacolo insormontabile, fonte di incertezza se non addirittura disofferenza psicologica, fino ad assumere forme patologiche. In queste pagine Giorgio Nardoneaffianca i presupposti teorici allindagine clinica, proponendo soluzioni terapeutiche "calzate sulproblema" e ispirate al modello strategico. Sulla scia di Kant, è necessario "riorientare"strategicamente il pensiero per riscoprirne le potenzialità: anziché ostinarci a cercare lerisposte, dovremmo preoccuparci di formulare meglio le domande. LA RABBIA DELLE MAMME di Alba Marcoli Da tempo Alba Marcoli conduce gruppi di lavoro con genitori ed educatori. Dallesperienza del più longevo di questi gruppi, attivo da ben quattordici anni, nasce "La rabbia delle mamme", quasi una summa della sua esperienza, che ha finalmente il coraggio di affrontare il grande tabù della maternità: non sempre tutto è rose e fiori. Sentirsi di tanto in tanto stanche, depresse, incomprese, deluse, non allaltezza, e soprattutto arrabbiate, è normale. Proprio come una seduta di terapia di gruppo, la lettura di questo libro aiuterà tutte le mamme incrisi a guardare con occhi nuovi, con ottimismo, forza e fiducia, le difficoltà che sembranoinsormontabili. Aiuta coloro che sono vicini alle mamme - compagni, amici, nonni, insegnanti...- a comprendere i loro contrastanti sentimenti. E insegna a tutti che essere arrabbiate nonsignifica essere cattive madri. GRAZIE ALLA VITA di Magdi Cristiano Allam Cè Alessia, che affronta la leucemia con laiuto di un angelo protettore; cè don Giordano, che pedala per oltre 4000 chilometri per raggiungere Gerusalemme; cè Debora, che sceglie di non affrontare le terapie che potrebbero uccidere la vita che porta in grembo e si sacrifica per la sua piccola Alice; cè Tatiana che, sospesa su un ponte decisa a farla finita, viene trattenuta da una forza misteriosa che le ridona la speranza. E ci sono tante altre storie di quelli che non vanno sui giornali, quelli che non fanno notizia, uomini e donne comuni. Che sono però il tessuto vivodellaltra Italia, quella che non si arrende alla crisi - di valori, prima che economica - e continua
  10. 10. a lottare e a sognare un domani migliore. Guardando a se stessi, intrecciando le proprieesperienze, Magdi Cristiano Allam e Rita Coruzzi innalzano un cantico di ringraziamento allavita e prendono per mano chiunque voglia unirsi a loro per ritrovare quella speranza che aiutaad affrontare ogni giorno. I TEMPLARI di Franco Cardini In questo libro di Franco Cardini la storia delle gesta dei Templari, i mitici cavalieri che hanno combattuto per la conquista del Santo Sepolcro e della Terrasanta. LA SOCIETA’ TRASPARENTE di Gianni Vattimo Nella società postmoderna i media esercitano un ruolo determinante. La loro diffusione e la loro velocità di riproduzione del reale hanno trasformato lo scenario sociale: lo hanno reso più "caotico" ma hanno anche offerto nuove speranze di emancipazione. Sono cambiati i concetti di democrazia e di verità, mentre la nostra esperienza quotidiana assume caratteri più fluidi e acquisisce i tratti delloscillazione e dello spaesamento. Il saggio offre una chiara e acuta riflessione su queste tendenze, che negli ultimi anni si sono ulteriormente accelerate: bastipensare allavvento della rete e della comunicazione globale, al dominio apparentemente senzacontrasti del mercato, allestetizzazione dellesistenza, allallargarsi della sfera ludica. LA FINE DELLA MODERNITA’ di Gianni Vattimo Il pensiero di Gianni Vattimo ha accompagnato, indagandolo nella maniera più radicale, il passaggio dalla modernità alla postmodernità. Partendo dai presupposti filosofici di questo cambiamento, ritrovati soprattutto in Nietzsche e Heidegger, ne ha anticipato le conseguenze, che investono la società, la politica, leconomia, la religione, le arti e la comunicazione, ma soprattutto il nostro rapporto con la realtà. "La fine della modernità", saggio-manifesto pubblicato originariamente nel 1985, esplora per la prima volta in maniera unitaria il concetto di postmoderno,uno stile che ha abbandonato gli ideali dominanti della modernità: quello di progresso e disuperamento critico; e nelle arti la poetica e la pratica dellavanguardia. Attraverso lesame dialcuni aspetti del pensiero contemporaneo (lermeneutica, il pragmatismo, le varie tendenzenichilistiche), Vattimo delinea così le caratteristiche fondamentali di una cultura postmoderna. L’INTELLIGENZA DEL FUOCO del Richard Wrangham Il mistero della nascita delluomo viene dibattuto da oltre centocinquantanni. Cosè che ha scatenato quellinsieme di cambiamenti morfologici, sociali e psicologici che hanno fatto sì che una popolazione di animali dalle fattezze scimmiesche evolvesse in una forma di vita inedita, che noi chiamiamo Homo? Dovè avvenuto il passaggio? Quando e, soprattutto, come? Cosa ci ha resi quel che siamo? A questo "mistero dei misteri" si sono applicati naturalisti, antropologi, filosofi e paleontologi. Lingresso nel dibattito di un primatologoporta una teoria nuova, che si basa su dati solidi e anni di ricerche. Secondo RichardWrangham lidea apparentemente innocua di cuocere il cibo ha cambiato tutto. Da qualcheparte in Africa, intorno ai due milioni di anni fa, una piccola popolazione di animali ha iniziatoper la prima volta - e lei sola - a mettere la carne al fuoco. Erano probabilmente degli Homohabilis, creature dallaspetto ancora scimmiesco, con denti ben sviluppati e un grado disocialità neppure paragonabile al nostro. Poco dopo fece la sua comparsa Homo erectus, moltodifferente, con denti più piccoli e una struttura sociale decisamente più sviluppata. Se le cosestanno così, causa ed effetto si invertono: non bisogna più cercare un proto-uomoculturalmente avanzato che inventa il rito della buona tavola, ma una scimmia che incappa inun comportamento nuovo, che apre improvvisamente la strada allevoluzione delluomo.
  11. 11. LA CARITA’ UCCIDE di Dambisa Moyo Il 13 luglio 1985 va in scena il concerto "Live Aid", con un miliardo e mezzo di spettatori in diretta: lapice glamour del programma di aiuti dei Paesi occidentali benestanti alle disastrate economie dellAfrica subsahariana, oltre mille miliardi di dollari elargiti a partire dagli anni Cinquanta. Venticinque anni dopo, la situazione è ancora rovinosa: cosa impedisce al continente di affrancarsi da una condizione di povertà cronica? Secondo leconomista africana Dambisa Moyo, la colpa è proprio degli aiuti, unelemosina che, nella migliore delle ipotesi, costringe lAfricaa una perenne adolescenza economica, rendendola dipendente come da una droga. E nellapeggiore, contribuisce a diffondere le pestilenze della corruzione e del peculato, grazie amassicce iniezioni di credito nelle vene di Paesi privi di una governance solida e trasparente, edi un ceto medio capace di potersi reinventare in chiave imprenditoriale. Lalternativa è chiara:seguire la Cina, che negli ultimi anni ha sviluppato una partnership efficiente con molti Paesidella zona subsahariana. Definita lanti-Bono per lo spietato pragmatismo delle sue posizioni, inquesto libro Dambisa Moyo pone lOccidente intero di fronte ai pregiudizi intrisi di sensi di colpache sono alla base delle sue "buone azioni", e lo invita a liberarsene. Allo stesso tempo invitalAfrica a liberarsi dellOccidente, e del paradosso dei suoi cosiddetti "aiuti" che costituiscono ilvirus di una malattia curabile: la povertà. RICERCHE BIBLIOGRAFICHE di Andrea Capaccioni Saper utilizzare Google non basta. In presenza di una crescita potenzialmente infinita di contenuti online, la sfida consiste, nelluniversità come nel mondo del lavoro, nella capacità di individuare, valutare e utilizzare efficacemente linformazione necessaria. Parte strutturata di questa informazione è consultabile grazie al nuovo universo bibliografico disponibile in Internet. Questo volume si propone come una guida affidabile per migliorare le nostre abilità di ricerca. Tenendo presente in modo particolare il panorama delle biblioteche universitarie,vengono messi a confronto i motori di ricerca e i cataloghi online delle biblioteche (OPAC,online public access catalogue) e ne sono analizzate caratteristiche e differenze. Il lettore vienepoi introdotto alla conoscenza dei repertori bibliografici, delle banche dati e dei periodicielettronici e alluso di questi strumenti. Vengono fornite indicazioni sul funzionamento e ilmiglior uso delle banche dati, soprattutto di area umanistica, e degli OPAC, con esempi praticiaccompagnati da schermate esplicative. Sono infine esplorate le potenzialità di uno dei più notiprogrammi online dedicati alla gestione delle bibliografie personali (EndNote Web). LO SPECCHIO OSCURO di Javier Sierra È un cammino affascinante e ricco di mistero quello di chi percorre le pagine della Storia concentrando lattenzione sulle pieghe nascoste, sui punti non segnalati sulle mappe. E sono proprio le "pieghe" della Storia, i suoi più grandi enigmi, loggetto dindagine di questo libro. Possibile, ad esempio, che linterpretazione di capolavori artistici come llliade e Las Meninas di Velazquez vada rivista in chiave astronomica? O che la figura di Gesù di Nazareth, così come ci è stata tramandata dal Nuovo Testamento, abbia tanti punti in comunecon gli antichi testi egizi sul culto di Osiride? E quali misteri nascondono le piramidi azteche, lecittà sotterranee della Cappadocia, la cattedrale di Chartres? Qual è il significato dei simbolimassonici impliciti nellarchitettura di Washington o del Vaticano? La storia delle apparizioni diFatima e del terzo segreto è stata raccontata fino in fondo? Muovendosi tra mito e realtà,religione e scienza, letteratura e archeologia, Javier Sierra ci regala il diario di unavventuraverso le radici perdute della nostra identità. VERSO LA SCELTA VEGETARIANA di Umberto Veronesi Oggi lalimentazione vegetariana è una scelta che tutti dovrebbero considerare, un cambiamento in primo luogo per la propria salute, ma anche per la difesa del nostro pianeta e per evitare le sofferenze cui vengono sottoposti molti animali. Partendo dalla sua esperienza di vita e dalle sue ricerche di oncologo di grandissima fama, Umberto Veronesi espone in questo libro le ragioni legate alletica, alla sostenibilità e alla salute per cui dovremmo diventare vegetariani. Mario Pappagallo spiega le basi scientifiche secondo le quali una buona
  12. 12. alimentazione è fondamentale per vivere in salute, al punto che il cibo diventa un elementoessenziale per la prevenzione di numerose malattie, tra cui anche molti tipi di tumore. Nellaseconda parte del libro Carla Marchetti propone oltre 200 ricette, originali e facili da realizzare,per chi è già vegetariano e per chi vuole avvicinarsi alla scelta vegetariana senza rinunciare alpiacere del gusto. I proventi del professor Veronesi derivanti dalla vendita di questo libroverranno devoluti ai progetti di sostegno dei giovani ricercatori della Fondazione UmbertoVeronesi, il cui intento è quello di sostenere la ricerca scientifica e promuoverne la divulgazioneaffinché i risultati della scienza diventino patrimonio di tutti. MATEMATICATERAPIA di Ennio Peres Chi lavrebbe mai detto che anche dalla Matematica si possono trarre preziosi benefici utili per la vita di tutti i giorni? Con questo libro Ennio Peres dimostra che la Matematica, considerata da molti una materia impossibile, non crea solo problemi ma è in grado, invece, di fornire tante soluzioni necessarie per semplificarci la vita. Ecco alcuni esempi: tonifica la mente attraverso i metodi mnemonici; lenisce lansia delle decisioni importanti con lo studio delle strategie ottimali; stimola la logica e il divertimento grazie aigiochi enigmistici. La Matematica svela, inoltre, le leggi del mondo in cui viviamo, da quelledella Natura a quelle dellArte e della Musica, e può darci maggiore sicurezza e serenità nelrapporto con tutto ciò che ci circonda proprio perché "è la stessa in ogni parte della Terra".Dallautore del "Lelmo della mente", una terapia matematica, senza controindicazioni!

×