Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Gabriele Basilico, Istanbul 2010                                           Paesaggi                                       ...
I confini dello spazio periurbano:forme, dinamiche e funzioni
Le dinamiche evolutive    Lo spazio urbano                            Lo spazio agricolo                           Gli spa...
“Nuove” forme e funzioni dellospazio urbano (coltivato) Nuova caratterizzazione degli spazi aperti, delle loro funzioni e ...
“Nuove” forme e funzioni dellospazio agricoloLo spazio agricolo da una parte mantiene forme produttive legateall’organizza...
Quali sviluppi?     Alcune esperienze                    PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO DELLA PROVINCIA DI LECCE     ...
Quali sviluppi?L’immagine del territorio (Paesaggio e identità)Il paesaggio come tema di una riflessione più ampia che coi...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Marino, Cavallo - Paesaggi periurbani: quali confini?

748 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Marino, Cavallo - Paesaggi periurbani: quali confini?

  1. 1. Gabriele Basilico, Istanbul 2010 Paesaggi periurbani: quali confini?Paesaggi periurbani:quali confini?Riflessioni preliminari per un progetto di ricercaDavide Marino e Aurora CavalloUniversità del Molise e Consorzio Universitario per la Ricerca Socioeconomica e sull’Ambiente (CURSA) Workshop METRO-POLIS. TRA PROGETTO DELLO SPAZIO PUBBLICO E PROGETTO SOCIALE Prima Biennale dello Spazio Pubblico Roma, 13 maggio 2011
  2. 2. I confini dello spazio periurbano:forme, dinamiche e funzioni
  3. 3. Le dinamiche evolutive Lo spazio urbano Lo spazio agricolo Gli spazi forestali 55.7 % e seminaturali 1990/2010 35.7 % 20.5 % 17.8 % 43.7 % 21.4 %∙ In Italia la popolazione urbana è 2/3 ∙Valore aggiunto agricolo/totale di tutti i ∙ Aree protette (Legge 349/91) di quella rurale. settori per l’Italia è pari a 1.8% la media  10.8% territorio nazionale∙ In Europa oltre il 75% della UE 27 è 1.7% (dati INEA, 2010) popolazione vive in aree urbane. ∙Incidenza % occupati in agricoltura sul∙ Negli spazi periurbani vive oltre la ∙ Aree SIC (Direttiva totale per l’Italia è pari al 3.9% (UE 27 metà della popolazione urbana, 5.6%, USA 1.5%, Giappone 3.9%) (dati “Habitat”92/43/CEE)  cresciuti + 4 volte rispetto ai contesti Eurostat, 2009) 16.4% territorio nazionale. urbani (dati EAA, 2010) ∙Popolazione/superficie agricola ∙ Aree ZPS (Zone di Protezione∙ Espansione urbana (+ 5% negli ultimi (abitanti/100 ha SAU) in Italia è pari a 464 speciale) il 3.7% (dati INEA, 10 anni) a fronte di pressione (UE 27=287) (dati INEA, 2009) 2010) demografica irrilevante ∙Valori Fondiari tra il 2000 e il 2009 in ∙ L’Italia è un paese ricco di∙ Dagli anni ’80 in Europa l’emorragia alcune aree + 40% (dati Inea, 2010) boschi caratterizzati da una rurale si è arrestata e ha smesso di bassa qualità ecologica  ∙Aziende agricole attive - 20% rispetto al alimentare la crescita urbana fallimento ipotesi di censimento del 2000, a Roma la flessione∙ Rurbanizzazione  Urbanizzazione riguarderebbe il 35% delle aziende (Istat, riconversione silvopastorale, dello spazio rurale (Bauer, Roux, 2011) specie in aree di montagna 1976) vs (politica energetica?)∙ Exurbanizzazione  le popolazioni ∙Il 49,5% delle imprese < di 2 ettari su 6,1% urbane si trasferiscono in aree rurali della SAU totale, il 40% della quale è ∙ Il 70% dei comuni italiani (Donadieu, 2006) concentrata nel 2,4% delle aziende con presentano un elevato oltre 50 ettari (dati Inea, 2009) rischio idrogeologico∙ In Italia nel 2008 i pendolari sono ∙Aziende agricole che effettuano vendita una quota pari al 26,6% (25 km ∙ Diminuzione fasce boscate, diretta sono aumentate del 64% negli percorsi al giorno). Il 58% del filari, siepi, reticolo canali ultimi 10 anni, arrivando a rappresentare il pendolarismo riguarda centri urbani 7,4% del totale (Inea, 2009) minori  effetti pesanti in fino a 50.000 abitanti (dati INSORT, termini di perdita di 2008) ∙Il paesaggio agrario è costituito per il 50% biodiversità e qualità da una singola classe di uso del suolo paesistica∙ In Italia tasso di motorizzazione prevalente, che ne caratterizza la privata  59.3 auto/100 abitanti copertura per almeno il 70% (Rete Rurale (dati OCSE, 2003) Nazionale, 2009)
  4. 4. “Nuove” forme e funzioni dellospazio urbano (coltivato) Nuova caratterizzazione degli spazi aperti, delle loro funzioni e delle modalità attraverso cui i cittadini li abitano (Baycan Levent, 2009, Van Leewen et al., 2009) Spazi pubbliciBoschi urbani, Funzioni Spazi privati community forests, parchi urbani Spazi aperti di luoghi di cura  clinicheParchi agricoli private, hospice Economica/produttivaSpazi aperti di edifici Spazi di strutture  scuole, ospedali, produttive agricole centri di ricerca e Ambientale/ecologica fattorie orti botanici didattiche, fattorie strutture carcerarie sociali SocialeSpazi aperti pubblici con Spazi di strutture sociali “nuove” funzioni di prevenzione del  Community disagio e gardens, orti urbani, inclusione  strutture diSpazi verdi “minimi” Terapeutica recupero, aree  spazi interstiziali, sottratte ad verde di arredo attività illegali urbano es. Guerrilla Divulgativa/educativa gardening Spazi privati di aziende Estetico/ricreativa  tetti, parcheggiSpazi del riuso (es. Detroit)  ex aree industriali, Storico/culturale infrastrutture
  5. 5. “Nuove” forme e funzioni dellospazio agricoloLo spazio agricolo da una parte mantiene forme produttive legateall’organizzazione agraria dall’altra diviene il prodotto di nuoveesperienze di abitabilità che riformano i codici formaliprecedentemente acquisiti. Donadieu (2006) individua quattrotipologie di attività agricola Attività (e forme) Funzioni Agricoltura rurale  agricoltura Economica/produttiva intensiva in aree rurali/Farmer Agricoltura periurbana  praticata da cittadini che lavorano a tempo pieno piccole aziende (spesso in aree periferiche) praticano vendita Sociale diretta, reddito familiare basato anche su attività extragricole/Farmer no farm Terapeutica Agricoltura cittadina  Divulgativa/educativa part time basata su attività educative e divulgative, ricettive e turistiche in genere. Qualità degli Estetico/ricreativa spazi ricopre ruolo primario/Urban no farm Ambientale/ecologica Agricoltura hobbistica  cittadini che nel tempo libero praticano attività agricole/ Hobby farmer
  6. 6. Quali sviluppi? Alcune esperienze PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO DELLA PROVINCIA DI LECCE 1998/2007 Area: 1800kmqVigano, 2001 Ulivie vigneti 865kmq Abitanti 800.000 Imprese 40.000 IL PARCO AGRARIO DE BAIX DELLOBREGAT, Barcellona 1976/2002 Area: 2900ha www.diba.es Abitanti: 700.000 Imprese: 550 Municipi coinvolti: 14 COOPERATIVA SOCIALE CAPODARCO, GROTTAFERRATA – ROMA 1978/2000 Area: 23 ha Sostiene e realizza l’inserimento lavorativo di persone portatrici di handicap e disagio sociale
  7. 7. Quali sviluppi?L’immagine del territorio (Paesaggio e identità)Il paesaggio come tema di una riflessione più ampia che coinvolgeil modo di costruire il territorio e la società e il rapporto tra ilprogetto del territorio/società. Tale rapporto va oggi rifondatoperché più instabili (e meno resilienti) sono i territori e le societàstesseAgricoltura come Infrastruttura naturale di interesse pubblico e ipaesaggi “Terzi”1.Effetti su rapporti urbani: spazio pubblico e privato (e loro formee funzioni)/centro e periferia/ruolo spazi interstiziali/piazza estrada/spazi collettivi/parchi storici e architetture rurali2. Effetti sul territorio agrario (questioni ambientali, presidio delterritorio, conservazione e gestione paesaggi agrari tradizionali (eproduzioni connesse), ricaduta economico/sociale in areemarginali)3.Ruolo integrazione politiche e dei livelli di governance[pianificazione urbana e territoriale/Urban green policy/Politicheagricole/SR/ambientali/sociali] + identificazione strumenti digovernance del territorio e di intervento pubblico (Valutazioniconnesse a remunerazioni di esternalità connesse all’uso(produttivo e non) di questi spaziLa Conoscenza del territorioAnalizzare gli oggetti territoriali e le loro stratificazioni come ilrisultato di processi complessi, riconoscerne le diverse valenze einterpretarne le trasformazioni approccio consapevole einterdisciplinare

×