Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
“ MADAME BOVARY”  vs  “IO E TE”
“ IO E TE”  Niccolò Ammaniti <ul><li>Nicolò Ammaniti nasce a Roma ed eredita dal padre la grande passione per la scrittura...
TRAMA  <ul><li>Lorenzo è una ragazzino di soli quattordici anni che, per rassicurare la madre, si inventa di essere stato ...
Le critiche sul libro <ul><li>“ Io e te  è un libro che se fosse stato l'esordio di un ventenne sarebbe potuto essere sicu...
Le società a confronto <ul><li>Ci troviamo davanti a due ambientazioni differenti: da una parte una società ottocentesca i...
I PERSONAGGI A CONFRONTO
EMMA  <ul><li>Madame Bovary è una donna sposata che sente la necessità di evadere dal suo noioso matrimonio, in quanto non...
OLIVIA <ul><li>Olivia è la sorellastra del protagonista di “Io e Te” e riflette l’immagine di Emma nella società contempor...
LORENZO <ul><li>Lorenzo è un ragazzo di quattordici anni che cerca indirettamente di evadere dall’instabile situazione, ri...
I punti in comune: la fuga <ul><li>Emerge nei tre personaggi la necessità di evadere: per Emma dalla noia, per Olivia dall...
CITAZIONI <ul><li>“ Ecco la cosa che odiavo di più. Ballare. Ma quella sera invece ho ballato e mentre ballavo una SENSAZI...
<ul><li>Era come un mormorio dell'anima, profondo, continuo, che l'aveva vinta sulla voce. Stupiti da questo NUOVO, SOAVE ...
<ul><li>“ Mi faceva impazzire, quando vedevo un film, che papà e mamma stessero sempre a discutere sulla fine, come se la ...
IL SUICIDIO <ul><li>Il suicidio di Emma, tramite avvelenamento, è paragonabile alla morte di Olivia che muore per overdose...
I DUE AUTORI <ul><li>I due autori, seppur appartenenti a epoche storiche diverse, riescono a toccare tematiche molto simil...
CONCLUSIONE <ul><li>È curioso come si possano trovare tanti punti in comune e tanti collegamenti tra due opere che hanno p...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

madame bovary vs io e te

520 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

madame bovary vs io e te

  1. 1. “ MADAME BOVARY” vs “IO E TE”
  2. 2. “ IO E TE” Niccolò Ammaniti <ul><li>Nicolò Ammaniti nasce a Roma ed eredita dal padre la grande passione per la scrittura. I suoi libri sono incentrati soprattutto sull’adolescenza e i problemi che essa comporta. </li></ul><ul><li>Un grande scrittore contemporaneo che trasmette a pieno la difficoltà di questa difficile età. </li></ul>
  3. 3. TRAMA <ul><li>Lorenzo è una ragazzino di soli quattordici anni che, per rassicurare la madre, si inventa di essere stato invitato da un gruppo di compagni a trascorrere una settimana in una località di montagna; costretto a reggere il gioco alla sua frottola, si chiude in cantina per una settimana, durante la quale riceverà l’inaspettata visita della sorellastra in gravi condizioni di salute. </li></ul><ul><li>I due scopriranno tante cose l’uno dell’altra e riusciranno a legarsi nonostante le divergenze. </li></ul>
  4. 4. Le critiche sul libro <ul><li>“ Io e te è un libro che se fosse stato l'esordio di un ventenne sarebbe potuto essere sicuramente degno di nota ma, essendo stato scritto da uno degli autori italiani più letti degli ultimi anni (inserito addirittura nei programmi scolastici!), ci fa riflettere con una punta di amarezza sullo stato letteratura italiana contemporanea.” </li></ul><ul><li>In between words </li></ul><ul><li>A mio parere Ammaniti riesce a trasmettere a pieno, attraverso l’insolita avventura di Lorenzo, le folli problematiche dell’adolescenza. È un libro che si addice alla lettura scolastica e rappresenta in modo eccellente la letteratura italiana contemporanea. </li></ul>
  5. 5. Le società a confronto <ul><li>Ci troviamo davanti a due ambientazioni differenti: da una parte una società ottocentesca in cui, per evadere da un ambiente noioso e routinario, Emma Bovary si affida all’adulterio, al tradimento e addirittura al desiderio di una figlia a cui non saprà dare le giuste attenzioni; dall’altra un paesaggio contemporaneo che offre sempre più possibilità, sempre più letali, per ribellarsi alla monotonia, come nel caso della sorellastra che fa uso di droghe. </li></ul>
  6. 6. I PERSONAGGI A CONFRONTO
  7. 7. EMMA <ul><li>Madame Bovary è una donna sposata che sente la necessità di evadere dal suo noioso matrimonio, in quanto non rispecchia l’amore melodicamente narrato nei romanzi letti da giovane. Va quindi alla ricerca di piccoli piaceri che le danno, anche se solo per poco, la sensazione di aver raggiunto la felicità. </li></ul>
  8. 8. OLIVIA <ul><li>Olivia è la sorellastra del protagonista di “Io e Te” e riflette l’immagine di Emma nella società contemporanea. Oppressa dalla famiglia e dalla routine, si dà alla droga fino a diventarne dipendente. </li></ul><ul><li>Anche qui troviamo una sorta di fuga da un mondo deludente che induce a ricercare emozioni in ogni sorta di esperienza. </li></ul>
  9. 9. LORENZO <ul><li>Lorenzo è un ragazzo di quattordici anni che cerca indirettamente di evadere dall’instabile situazione, ritrovandosi improvvisamente in una cantina da solo ha modo di confrontarsi con se stesso e non solo, la figura della sorella sarà per lui molto importante a scoprire che in fondo la sua bugia non era un modo per evadere, ma per provare a sognare di stare bene in un modo ostile. </li></ul>
  10. 10. I punti in comune: la fuga <ul><li>Emerge nei tre personaggi la necessità di evadere: per Emma dalla noia, per Olivia dalla famiglia, per Lorenzo da una società che non sembra accettarlo. </li></ul>
  11. 11. CITAZIONI <ul><li>“ Ecco la cosa che odiavo di più. Ballare. Ma quella sera invece ho ballato e mentre ballavo una SENSAZIONE NUOVA, di essere vivo, mi toglieva il fiato. Tra poche ore sarei uscito da quella cantina. E sarebbe stato di nuovo tutto uguale. Eppure sapevo che oltre quella porta c'era il mondo che mi aspettava e io potevo parlare con gli altri come fossi uno di loro. Decidere di fare le cose e farle. Potevo partire. Potevo andare in collegio. Potevo cambiare i mobili della mia stanza.” </li></ul><ul><li>Niccolò Ammaniti </li></ul><ul><li>In questa citazione emerge la situazione di cui va continuamente alla ricerca Madame Bovary, quel piccolo attimo di felicità che la riproiettano nei vecchi romanzi; così qui Lorenzo riesce per un breve istante ad essere felice. </li></ul>
  12. 12. <ul><li>Era come un mormorio dell'anima, profondo, continuo, che l'aveva vinta sulla voce. Stupiti da questo NUOVO, SOAVE SENTIMENTO, non pensavano neppure a spiegarne il senso, a scoprirne la causa. Le felicità future, come le rive dei tropici, proiettavano, sulla immensità che le precede, il loro molle sentore come una brezza profumata: si scivola in quell’estasi e non importa se l'orizzonte non si vede. </li></ul><ul><li>FLAUBERT </li></ul><ul><li>E anche in Madame Bovary viene sottolineato l’istante di pura bellezza della felicità… </li></ul>
  13. 13. <ul><li>“ Mi faceva impazzire, quando vedevo un film, che papà e mamma stessero sempre a discutere sulla fine, come se la storia fosse tutta lì e il resto non contasse nulla. E allora, nella vita vera, anche lì, solo la fine è importante? La vita di nonna Laura non contava nulla e solo la sua morte in quella brutta clinica era importante?” </li></ul><ul><li>AMMANITI </li></ul><ul><li>Importante è anche il tema della morte che ricorre in entrambi i romanzi. </li></ul>
  14. 14. IL SUICIDIO <ul><li>Il suicidio di Emma, tramite avvelenamento, è paragonabile alla morte di Olivia che muore per overdose. </li></ul>
  15. 15. I DUE AUTORI <ul><li>I due autori, seppur appartenenti a epoche storiche diverse, riescono a toccare tematiche molto simili e vicine tra loro. </li></ul>
  16. 16. CONCLUSIONE <ul><li>È curioso come si possano trovare tanti punti in comune e tanti collegamenti tra due opere che hanno più di duecento anni di differenza. Il fatto è che il tempo scorre, la storia fa il suo corso, ma noi, piccoli ed insignificanti passanti per l’anno 2010, non abbiamo nulla in più di ciò che avevano duecento anni fa. L’amore, l’odio, le gioie e i dolori sono punti fissi da infinite generazioni; i libri sono soltanto tentativi dell’uomo di spiegare, rappresentare, elogiare o disprezzare questi pilastri e lo scopo a cui tutto ciò è mirato è l’utopico raggiungimento della felicità duratura. Ma la felicità è bella solo se gustata a piccoli sorsi e tutto ciò che viene prima e ci costa fatica non fa altro che renderla ancora più buona! </li></ul>

×