"Uno Stile di Vita" magazine

1,995 views

Published on

Uno Stile Di Vita is the bilingual (Italian and English) half-yearly magazine of Baglioni Hotels, produced by the English publisher REM Productions.

Attractive visuals and articles signed by prestigious names in journalism make each edition of Uno Stile Di Vita an extremely high-quality magazine, where every page is designed to inform and inspire discerning travellers.

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

"Uno Stile di Vita" magazine

  1. 1. STILE DI VITAUNO ISSUE 15 2013 ISSUE152013UNOSTILEDIVITA www.bartorelli.it ParureAltaGioielleriaBartorelliMaison
  2. 2. shop ilgufo.com
  3. 3. shop ilgufo.com
  4. 4. Bazzi Fratelli snc Viale Italia, 57 - 20823 Camnago (MB) - Italy - tel. +39 0362 560844 - fax +39 0362 561558 - www.bazziinteriors.com - e-mail: bazzi@bazziinteriors.com Craftsmen of luxury since 1972 ® MAXCASPANICOMMUNICATION madeinitaly.org
  5. 5. CARI LETTORI Come vi avevamo anticipato nel precedente numero di Uno Stile di Vita, il 2013 si conferma essere un anno davvero sorprendente per Baglioni Hotels: dopo l’ingresso del Regina Hotel Baglioni di Roma nella più grande organizzazione dell’ospitalità di lusso nel mondo, The Leading Hotels of the World, all’ottavo e ultimo piano dell’hotel lo scorso giugno è nata Roman Penthouse, la suite con la vista più bella sulla Città Eterna. Introdotta sul mercato internazionale attraverso un’innovativa campagna online “Aggiorna la tua idea di / Upgrade Your Idea of”, Roman Penthouse è il più esclusivo appartamento nel cuore della Dolce Vita, in grado di farvi vedere Roma con occhi nuovi e di offrirvi qualcosa che non è mai stato offerto prima. Sul fronte gastronomico, dopo l’esperienza londinese presso il Baglioni Hotel London, lo Chef 2 stelle Michelin Moreno Cedroni si concentra sull’Italia per diffondere la sua Cultura del Gusto: Roma, Punta Ala e Venezia sono le tappe di questa rassegna culinaria stellata, appuntamenti durante i quali lo Chef trasferirà ai partecipanti trucchi e curiosità sui suoi piatti. Sempre in ambito ristorazione, il Ristorante La Spiaggia ha riaperto a metà giugno per accogliere tutti coloro che desiderano vivere un’esperienza culinaria unica. Affacciato su una spiaggia di sabbia finissima, immerso nella pineta della baia di Punta Ala, il Ristorante La Spiaggia è la scelta ideale per pranzi informali, cene romantiche o serate tra amici in riva al mare. Tra le recenti novità, anche la partnership tutta italiana con la maison fiorentina di alta gioielleria Faraone, che secondo il proprio stile e la propria filosofia, per tutto il 2013 allestirà nei nostri hotel veri pop-up shop itineranti, declinati differentemente a seconda delle destinazioni. Buona lettura! Guido Polito CEO Baglioni Hotels DEAR READERS As we predicted in the previous issue of Uno Stile di Vita, 2013 is turning out to be a truly amazing year for Baglioni Hotels. Following the Regina Hotel Baglioni in Rome joining the largest luxury hospitality organisation in the world, The Leading Hotels of the World, the top floor of the hotel was reborn in June as the Roman Penthouse – the suite with the most beautiful view of the Eternal City. Introduced to the international market via an innovative online campaign, ‘Upgrade Your Idea of…’ the Roman Penthouse embodies the concept of ‘La Dolce Vita’ in Rome; an apartment that will make you see the city as if for the first time, presenting something that has never been offered before. On the gastronomic front, after his successful experience at the Baglioni Hotel London, two Michelin star chef Moreno Cedroni is now focusing on Italy to spread his ‘Culture of Taste’. Rome, Venice and Punta Ala are the latest locations to which Chef Cedroni is introducing his stellar cuisine, revealing his secrets and techniques to our guests.. Still on the subject of dining, La Spiaggia Restaurant re-opened in mid-June to offer a unique dining experience. Overlooking a sandy beach, surrounded by pine trees in the bay of Punta Ala, La Spiaggia is the ideal choice for informal lunches, romantic dinners or gatherings of friends by the sea. Other recent innovations include our all-Italian partnership with the Florentine jewellery designer, Faraone. Until the end of 2013, Faraone will set up travelling pop-up shops in various of our hotels, each one tailored according to the destination. Happy reading! Guido Polito CEO Baglioni Hotels UNO STILE DI VITA I 3 W E L C O M E WELCOME
  6. 6. T H E F A B U L O U S W O R L D O F L U X U R Y F U R N I T U R E DL DECORTHE BEST OF MADE IN ITALY DL Decor srl Via Libertà, 19 - 20823 Lentate sul Seveso (MB) Italy Tel.: +39.0362.569221 Fax: +39.0362.681224 www.dldecor.it e-mail: info@dldecor.it
  7. 7. UNO STILE DI VITA I 5 PHOTOGRAPHS:BERNARDOCONTI 03 Welcome 07 Baglioni Life News from Baglioni Hotels 11 View from the rooftop The new Roman Penthouse at the Regina Hotel Baglioni 14 Saving La Serenissima Meet author, historian and broadcaster Count Francesco da Mosto 22 Milan’s magical museums What’s new in the design capital of the world 34 All that jazz The legacy of F. Scott Fitzgerald and friends on the French Riviera 42 Beyond the bubbles The Champagne region offers art, culture and history as well as the legendary wines RIGHT: ROME’S FINEST ADDRESS FAR RIGHT: MILAN DESIGN A PASSION FOR VENICE: FRANCESCO DA MOSTO EDITOR SUE BRYANT ART DIRECTOR SUE MILLER EDITORIAL ENQUIRIES: +44 (0)20 8987 2750 EMAIL SUE@REMPRODUCTIONS.CO.UK TRANSLATION SURREY TRANSLATION PUBLISHER DANIEL ROSE ASSOCIATE PUBLISHER CHRIS ENGLAND ADVERTISING SALES SIMONA TAYLOR; PINA PASQUALE ADVERTISING ENQUIRIES REM PRODUCTIONS,TEL. +44 (0) 1904 672 222, FAX. +44 (0) 1904 672030 EMAIL DANIEL@REMPRODUCTIONS.CO.UK UNO STILE DI VITA IS PUBLISHED FOR BAGLIONI HOTELS BY REM PRODUCTIONS, 7 ST SAMPSONS SQUARE, YORK YO1 8QT, UNITED KINGDOM. PRINTING AND COLOUR ORIGINATION TAYLOR BLOXHAM. COVER IMAGE CORBIS ALL RIGHTS RESERVED. REPRODUCTION IN WHOLE OR IN PART IS STRICTLY PROHIBITED WITHOUT WRITTEN PERMISSION FROM THE PUBLISHER. ALL PRICES CORRECT AT THE TIME OF GOING TO PRESS. THE VIEWS EXPRESSED IN THE PUBLICATION ARE NOT NECESSARILY THOSE OF THE PUBLISHER OR OF BAGLIONI HOTELS. © REM PRODUCTIONS 2013 City Guides 47 St Paul de Vence 48 Aix-en-Provence 51 Épernay 52 Florence 54 Milan 57 Punta Ala 58 Rome 60 Venice 62 London 14 22 Uno Stile di Vita CONTENTS I S S U E 1 5 2 0 1 3 11
  8. 8. M U U B A A . C O M L O N D O N PA R I S R O M E M I L A N N E W Y O R K L O S A N G E L E S
  9. 9. Baglioni LIFE UNO STILE DI VITA I 7 THERE’S LITTLE AS PLEASANT as sitting amidst the pine trees, overlooking a beautiful beach and enjoying fine dining under a Mediterranean sun. In Punta Ala, the popular La Spiaggia restaurant is open all summer, daily until late in the evening. Chef Giuseppe Angelucci offers an à la carte menu with the highest quality ingredients, creating dishes which are typical of the Maremma, such as ravioli served with fresh tomatoes and pecorino cheese, as well as potato dumplings with amberjack sauce, zucchini and pine nuts. A wide choice of fresh fish is always available, cooked in traditional Mediterranean style, with tomatoes and potatoes, or grilled with a splash of olive oil, lightly fried or in dishes such as grilled scampi. During the summer, pianist and singer Mario Pinna will be giving live performances at La Spiaggia, adding to the ambiance. Pinna has performed in numerous private concerts with a host of internationally celebrated artists, among them Frank Sinatra, for whom he was the official pianist during a tour to Japan. La Spiaggia is open every day except Sunday in August and until mid-September on Thursdays, Fridays and Saturdays. MANGIARE IN SPIAGGIA Non c'è nulla di più piacevole che rilassarsi immersi in una verdissima pineta, godere della vista su una meravigliosa spiaggia e deliziarsi della cucina mediterranea. Tutto ciò è possibile a Punta Ala, dove il Ristorante La Spiaggia è aperto per tutta l'estate, fino a tarda sera. Lo chef Giuseppe Angelucci offre un menù à la carte che prevede ingredienti di qualità superiore, piatti tipici della Maremma, come i ravioli serviti con pomodori freschi e formaggio pecorino o gli gnocchi di patate con salsa di ricciola, zucchine e pinoli. Sempre disponibile ogni giorno una vasta scelta di pesce fresco, preparato in stile mediterraneo, Dinner on the beach accompagnato da pomodori e patate, cucinati utilizzando l'olio d'oliva di produzione locale, o in piatti come scampi alla griglia o leggere e croccanti grigliate. Nel corso dell'estate, presso il ristorante La Spiaggia il pianista e cantante Mario Pinna suonerà per gli ospiti, contribuendo a rendere perfetta l'atmosfera. Il Maestro Pinna si è esibito in numerosi concerti privati insieme ad ospiti internazionali come Frank Sinatra, per il quale è stato pianista ufficiale nel corso del tour in Giappone. Il Ristorante La Spiaggia è aperto tutti i giorni, ad eccezione delle domeniche di agosto e fino alla metà di settembre, il giovedì, venerdì e sabato. FRESH FLAVOURS AND OCEAN VIEWS AT LA SPIAGGIA
  10. 10. BAGLIONI HOTELS has entered into a new partnership with prestigious Italian jeweller Faraone, the epitome of Italian style. Faraone will establish pop-up shops in several of the Baglioni hotels, often coinciding with prestigious events in the hotel’s location. For example, there has been a shop in the Luna Hotel Baglioni in Venice since May, throughout the 55th Venice Biennale, while a second shop will grace the Baglioni Hotel London until December. Guests at the Hotel Cala del Porto in Punta Ala will be able to enjoy the exquisite pieces during the summer, while Faraone moves to Rome and the Regina Hotel Baglioni in November, as well as the Carlton Hotel Baglioni in Milan. Faraone was founded in 1860 and epitomises quality, craftsmanship and Italian style. The company produces pret-a-porter pieces, I Composable, as well as an haute couture line, One of a Kind. Both combine chic, contemporary style with age-old techniques. TEMPORARY JEWELRY Baglioni Hotels ha avviato una nuova collaborazione con la maison fiorentina produttrice di gioielli Faraone, che allestirà per tutto il 2013 dei veri e propri pop-up shop, declinati a seconda delle location toccate e degli eventi in corso. Tale percorso itinerante ha preso il via dal Luna Hotel Baglioni di Venezia, che dal mese di maggio e per l'intera durata della 55a edizione della Biennale, ospita il pop-up shop Faraone. Tappa estiva è l’Hotel Cala del Porto di Punta Ala, mentre a novembre sarà il Regina Hotel Baglioni di Roma ad accogliere l’esclusività del lusso indiscreto dei gioielli Faraone, per un connubio tra storia e tradizione. Anche Firenze sarà in calendario, ma con una serie di special events proposti secondo l’esclusivo calendario eventi del Relais Santa Croce. A Milano, sede dello storico marchio di alta gioielleria, presso il Carlton Hotel Baglioni nei mesi di Novembre e Dicembre verranno allestite alcune vetrine di richiamo allo showroom Faraone in Via Montenapoleone 9, inaugurato ad Aprile 2012. Nata nel 1860, l’azienda Faraone vede nel 2012 una nuova fase di rilancio, che prevede un nuovo spazio e una nuova filosofia di prodotti, una linea gioielli pret-a-porter, I Composable, e una linea haute couture, One of a Kind. Faraone rappresenta il savoir-faire di secoli di storia, di segreti e di invenzioni che tornano a splendere in una visione contemporanea, moderna, raffinata ed esclusiva, di quanto di più prezioso il vero lusso ha da offrire. I UNO STILE DI VITA8 Pop-up jewels VISIT THE FARAONE POP-UP SHOPS AT SEVERAL BAGLIONI HOTELS THIS SEASON
  11. 11. UNO STILE DI VITA I 9 Seafood with a twist Baglioni LIFE TWO-MICHELIN-STARRED chef Moreno Cedroni, who recently brought an avant-garde twist to Italian cuisine to the Baglioni Hotel London, has moved on to Italy, where he will spread his ‘Cultura del Gusto’ (Culture of Taste) to some of the other hotels in the Baglioni group. Chef Cedroni has already offered demonstrations and menus at the Regina Hotel Baglioni in Rome and the Hotel Cala del Porto in Tuscany, and will be visiting the Luna Hotel Baglioni in Venice in September. He adds a contemporary flair to traditional Italian dishes and specialises in seafood, so guests can expect unusual flavours and combinations, such as fish spiced with star anise, or a delicate lasagne with seafood in a coconut sauce. FRUTTI DI MARE E STRAVAGANZA Lo Chef due stelle Michelin Moreno Cedroni, che ha portato una svolta d'avant-garde nella cucina italiana del Baglioni Hotel di Londra, torna in Italia per diffondere la sua “Cultura del Gusto”. Prima tappa di tale rassegna culinaria stellata è stata il Regina Hotel Baglioni di Roma a fine giugno, l’Hotel Cala del Porto in Toscana nel mese di luglio, per arrivare a settembre in Laguna, al Luna Hotel Baglioni. Chef Cedroni da sempre apporta uno spirito contemporaneo ai piatti della tradizione italiana: gli ospiti possono quindi aspettarsi di gustare sapori e combinazioni inusuali, come pesce aromatizzato all'anice stellato o lasagne delicate ai frutti di mare con salsa al cocco. Guests can expect unusual flavours and combinations, such as fish spiced with star anise LEFT AND ABOVE: COLOURFUL, DELICATE SEAFOOD DISHES FROM CHEF CEDRONI
  12. 12. The ultimate ROMAN ADDRESS R O M E The Regina Hotel Baglioni now offers the city’s finest suite WRAPAROUND VIEWS OF THE CITY’S ROOFTOPS FROM THE PRIVATE TERRACE UNO STILE DI VITA I 11
  13. 13. IN SPITE OF THE METICULOUS attention to detail, there is one obvious problem with the new Roman Penthouse suite at Regina Hotel Baglioni in Rome. You may never want to leave it to explore the Eternal City. The last word in luxury – and enjoying a total space of 560m² including its outdoor terraces – this magnificent suite inspires the urge to cocoon yourself away and never come out. One factor in encouraging guests to step outside might be the eighth floor view, which is like no other, stretching from the Sistine Chapel to the Colosseum. Wake in the master bedroom with the sight of St Peter's dome from the window, as well as the shining white marble of the Vittorio Emanuele II monument over the city's expanse of rooftops. Luxurious touches in the three bedrooms, living room and dining room include striking contemporary design by Milan-based architects Rebosio+Spagnulo and furnishings from Gabana Arredamenti. A chandelier by Venetian glassmaker Lu Murano dominates the master bedroom, while the family-sized black marble bath is by Mongardini in Rome. The lounge opens on to a spectacular terrace (with its own outdoor Jacuzzi) overlooking the US Embassy on Via Veneto. All of the features perfectly complement the modern Art Deco style of the hotel itself – formerly the palace of Queen Margherita of Savoy. Other luxurious touches include the services of a private chef and barman, a dedicated concierge and four hours’ use of a private limousine, should you decide to leave this rooftop oasis for a glimpse of the world outside. BB By Kieran Meeke R O M E L'INDIRIZZO ROMANO DA NON PERDERE. Nasce Roman Penthouse, la nuova Top Suite del Regina Hotel Baglioni di Roma. Quintessenza del lusso, situata all’8° ed ultimo piano dell’hotel con una superficie totale di 560m², di cui 290 m² di terrazze private, la suite vi invita a chiudere la porta, e a rifugiarvi nella sua meraviglia. Il risveglio nella Master Bedroom soddisferà ogni vostro desiderio di stupore, aprirete gli occhi e dalle finestre vedrete la più incredibile vista a 360 gradi sulla Città Eterna, dalla Cappella Sistina al Colosseo e ben oltre. Sarà difficile decidere di uscire da questa Suite. Il progetto dello studio milanese di architettura Rebosio+Spagnulo è unico per cura artigianale e scelta dei preziosi materiali. Le camere da letto, il soggiorno e la sala da pranzo sono caratterizzati da un design di richiamo classico rivisitato in forma contemporanea, ciascun elemento architettonico e oggetto di design è stato creato rigorosamente su misura: gli splendidi lampadari in vetro di Murano firmati Vistosi e l’imponente lampadario della master bedroom in vetro soffiato e modellato a mano a gran fuoco di LU Murano, mentre l'ampio bagno in marmo nero è opera di Mongardini di Roma e gli arredi di Gabana Arredamenti. Tutte le caratteristiche si integrano perfettamente con il moderno stile Art Déco dell'hotel, in passato palazzo della Regina Margherita di Savoia. Il salotto si apre su una spettacolare terrazza, con jacuzzi Kos e palestra Technogym private, affacciate sulla storica Via Veneto. Altri tocchi di vero lusso includono i servizi offerti da Chef e Barman privati, un Concierge dedicato e l'utilizzo della limousine privata per quattro ore, nel caso remoto in cui decideste di abbandonare questa oasi privata per dare un'occhiata al mondo esterno. BB Di Kieran Meeke I UNO STILE DI VITA12 Regina Hotel Baglioni, tel. +39 06 421111; reservations.reginaroma@baglionihotels.com EXPANSIVE LIVING QUARTERS AND BEAUTIFUL FINISHES CHARACTERISE THE NEW ROMAN PENTHOUSE
  14. 14. Saving LA SERENISSIMA SKULKING THROUGH THE NARROW STREETS of Venice, Francesco da Mosto commands attention, whether you are aware of his fame as a historian, architect, traveller, writer and BBC television star or not. The shock of bright white hair, the slouchy navy blue jacket and his wide grin distinguish him from the crowd. Watching him in action, it is no wonder that this man’s enthusiasm for his hometown has translated so successfully to the small screen and won him legions of fans across the world. Count Francesco da Mosto hails from one of Venice’s oldest families. His ancestors were among the first settlers who arrived on the lagoon, on the run from Attila the Hun. They wove themselves into the fabric of the growing city, becoming politicians, merchants, academics and adventurers, among them Alvise da Mosto who discovered the Cape Verde islands in 1456 and wrote one of the earliest accounts of western Africa. The oldest remaining palace on the Grand Canal, the Ca' da Mosto, was owned by the family for generations until 1603. The family now owns another palace with splendid staircases and frescoes, in which each member P R O F I L E Kamin Mohammadi meets Count Francesco da Mosto, a man with an unequalled passion for his native Venice. Portraits by Bernardo Conti SALVARE LA SERENISSIMA Kamin Mohammadi incontra il conte Francesco da Mosto, un uomo con un’ineguagliabile passione per la sua città natale, Venezia. Addentrandosi tra le strette calli di Venezia, Francesco da Mosto attira l'attenzione, sia che lo si conosca per la sua fama di storico, architetto, viaggiatore, scrittore e volto noto della BBC, sia che non lo si conosca. I suoi luminosi capelli bianchi, l'ampia giacca color blu navy e il sorriso aperto lo distinguono tra la folla. Osservandolo in azione non abbiamo dubbi sul perché è riuscito a conquistare così tanti fan in tutto il mondo, il piccolo schermo è riuscito a trasmettere tutto il suo entusiasmo. Il conte Francesco da Mosto appartiene ad una tra le più antiche famiglie di Venezia. I suoi predecessori furono tra i primi colonizzatori ad arrivare in laguna, in fuga dall'invasione di Attila, re degli Unni. Si inserirono quindi nel tessuto della nascente città, diventando politici, mercanti, accademici ed avventurieri; uno tra tutti, Alvise da Mosto, scoprì le isole di Capo Verde nel 1456 e scrisse una tra le prime descrizioni dell'Africa occidentale. Il più antico palazzo sopravvissuto sul Canal Grande, il Ca' da Mosto, è stato di proprietà della famiglia per generazioni fino al 1603. La famiglia ora possiede un altro palazzo impreziosito da splendide scale ed affreschi, in cui ogni membro dispone di un proprio appartamento. Altri 20 appartamenti e studi vengono affittati a famiglie ed artisti; alcuni anni fa Francesco ha provveduto a far installare un ascensore vetrato per evitare di doversi arrampicare per i 150 scalini fino all'ultimo piano del suo appartamento. Forse, quindi, analizzando la storia di famiglia non I UNO STILE DI VITA14
  15. 15. COUNT FRANCESCO DA MOSTA HAILS FROM ONE OF THE OLDEST FAMILIES IN VENICE
  16. 16. P R O F I L E
  17. 17. P R O F I L E I UNO STILE DI VITA18 of the clan has their own apartment. A further 20 apartments and studios are rented out to families and artists – Francesco installed a glass lift few years ago to save them all climbing the 150 steps up to the top. Perhaps, then, it is no surprise, looking at the family history, that Francesco, too, is a passionate traveller and writer, as well as an architect. On meeting him you can see why the BBC engaged the unknown da Mosto to write and present a programme about La Serenissima, bringing the richness of his family history and his immense love for his city to viewers in Francesco’s Venice in 2004. His relaxed presenting style, coupled with his awe at its architecture and historical greatness alongside personal and family stories, made the series a massive hit. This was followed by another well-written and beautifully filmed series called Francesco's Italy: Top to Toe (2006), in which he traversed his country in a red Alfa Romeo Spider, ending in Palermo, the Sicilian capital, from where his mother’s family hails. Next, following in the footsteps of his ancestors, he sailed from Venice to Istanbul aboard a magnificent 19th-century schooner in Francesco’s Mediterranean Voyage (2008). These three series were all accompanied by glorious books (published by BBC Books) and in 2007, he also published Francesco’s Kitchen (Ebury Publishing) which contained his favourite Venetian recipes. Most recently, he took on The Bard for the two- part BBC series Shakespeare in Italy (2012), but his next project is something of a departure, a historical novel based on a family story, to be published next year. How did a nobleman entrenched in the life of his city, whose ambition as a young man was to sail to Polynesia and whose passion is still to travel and ‘lose himself’, end up on television as one of the few personalities known by their first name alone? The key is authenticity. Francesco’s documentaries present scenes that are as Italian as Pavarotti, but not one gesture is faked – he really is as excited, and his grin as wide, in real life. “I never look at what I do,” he tells me over lunch. “I am just myself.” It shows. We are in a restaurant round the corner from the family home, the Trattoria Antiche Carampane, where locals mix with foreigners. Francesco’s wife, Jane, an environmental scientist concerned with Venice’s future, explains that the trattoria is a neighbourhood place, pointing out the lady from the shop next door who stupisce che anche Francesco sia un viaggiatore e scrittore appassionato, ma anche un valido architetto. Incontrandolo si capisce perché la BBC abbia ingaggiato lo sconosciuto da Mosto per scrivere e presentare un programma dedicato a La Serenissima in cui nel 2004 ha raccontato la storia della famiglia e l'amore incondizionato per questa città agli spettatori di Francesco’s Venice (La Venezia di Francesco). Il suo stile nella conduzione del programma, un mix tra serenità ed un certo timore reverenziale per la maestosità dell'architettura e della storia veneziana, senza dimenticare le storie personali e familiari, ha consentito di registrare un importante successo di ascolti. A questo programma è seguita un'altra magnifica serie dal titolo Francesco's Italy: Top to Toe (2006) (L'Italia di Francesco: da capo a piedi), in cui Francesco attraversava il paese a bordo di una spider Alfa Romeo rossa per arrivare a Palermo, capoluogo della regione Sicilia da cui proviene la famiglia di sua madre. Una sceneggiatura e un copione unico al mondo. Successivamente, seguendo i passi dei suoi antenati, ha viaggiato da Venezia a Istanbul a bordo di una meravigliosa goletta del 19simo secolo in Francesco’s Mediterranean Voyage (2008) (Il Viaggio nel Mediterraneo di Francesco). Queste tre serie sono state accompagnate da libri di grande successo (editi da BBC Books) e nel 2007, Francesco ha pubblicato anche Francesco’s Kitchen (La cucina di Francesco, Ebury Publishing) che racchiude le sue ricette veneziane preferite. Più di recente, ha interpretato “Il bardo” nella serie in due puntate della BBC Shakespeare in Italy (2012), ma il suo prossimo progetto è dedicato alla partenza, un romanzo storico che si basa su una storia di famiglia e che verrà pubblicato il prossimo anno. Com'è stato possibile che un nobile radicato nella vita della sua città, la cui ambizione giovanile era quella di veleggiare alla volta della Polinesia e la cui passione, ancora oggi, è quella di viaggiare e "perdersi" nel viaggio, finisca a lavorare per la televisione e diventi uno tra i pochi personaggi celebri solo con il proprio nome di battesimo? La chiave del suo successo è l'autenticità. I documentari di Francesco presentano scenari italiani proprio come Pavarotti, in cui nessun elemento è posticcio: il suo entusiasmo, come anche il suo sorriso, sono veri come nella vita di ogni giorno. "Non riguardo mai quello che faccio," mi racconta durante il pranzo. "Cerco solo di essere me stesso." E si vede. Ci troviamo in un ristorante appena dietro l'angolo dalla casa di famiglia, la trattoria Antiche Carampane, dove la gente del posto si confonde tra gli stranieri. La “I never look at what I do. I am just myself.”
  18. 18. comes every day for lunch, and recounts how, when a neighbour was moving house, they lent the restaurant their Damien Hirst to hang while they got settled. It’s clear that they love the peculiarities of life in Venice and they are both concerned for the city’s future, for the impact of the ferries and cruise ships that come too close to San Marco; the amount of pollution they bring; the day-trippers they disgorge who consume its marvels without giving anything back. They worry about how Venice will survive and Jane da Mosto is an active campaigner for the conservation and sustainability of this fantastical place. As we tuck into the excellent seafood, Francesco speaks of his good fortune. “I won the lottery without buying a ticket!” he says. “I am really not a show-off. If I think of it as work, then it would not come out so well. It’s fun!” He tells me that he is most proud of his involvement with the International Committee of the British Red Cross, of which he is Honorary Patron, and this is the one real advantage of his recognisability – that he can bring attention to their work. He insists that he was born lucky, and certainly when one sees the dizzyingly high ceilings of his parents' apartment in the palace, the walls covered in ebullient frescoes and imagines Francesco as a child learning to ride his bike in this massive space, one can moglie di Francesco, Jane - scienziato ambientale che si dedica al futuro di Venezia - ci spiega che la trattoria è luogo caro agli abitanti del quartiere, e ci racconta come quando un vicino si trasferiva, affidava al ristorante il proprio Damien Hirst affinché lo custodisse fino a trasferimento concluso. È chiaro quanto la coppia ami le peculiarità della vita a Venezia e come entrambi siano impegnati per il futuro della città, preoccupati per i vaporetti e le navi da crociera che si avvicinano eccessivamente a Piazza San Marco; per la quantità di inquinamento che causano; alcuni turisti che hanno poco rispetto per le meraviglie della città. Si preoccupano di come Venezia potrà sopravvivere; Jane da Mosto è in prima linea nella conservazione e la sostenibilità di questo luogo eccezionale. Mentre ci dedichiamo agli eccellenti frutti di mare, Francesco parla della sua fortuna. "Ho vinto alla lotteria senza comprare alcun biglietto!" afferma. "Non sono assolutamente un esibizionista. Se pensassi a questo come a un lavoro, non otterrei gli stessi risultati. Si tratta semplicemente di divertimento!" Mi racconta di quanto vada fiero del suo impegno con il Comitato Internazionale della Croce Rossa inglese di cui è socio onorario; mi spiega come questo sia uno tra i più concreti vantaggi della sua notorietà, il poter attirare l'attenzione su questioni importanti. ABOVE: CA’ DA MOSTO, THE ORIGINAL FAMILY HOME ON THE GRAND CANAL UNO STILE DI VITA I 19
  19. 19. Insiste nell'affermare di essere nato fortunate e, di certo, ammirando i vertiginosi soffitti dell'appartamento dei suoi genitori all'interno del palazzo, le pareti ricoperte da stupefacenti affreschi ed immagini di Francesco bambino che impara ad andare in bicicletta in questi ampi spazi, non si può far altro che concordare con la sua versione. "Crescere qui è stato davvero fantastico," conviene, "ma fino ad una certa età. A 18 anni sono partito per Londra dove lavavo piatti, preparavo panini e lavoravo come elettricista." La voglia di girovagare lo ha portato anche a lavorare in alcuni film a Parigi e a Roma, ma ha anche viaggiato da solo in Africa. "Solo così puoi incontrare le persone," afferma. "La vita è fatta dalle persone con cui entri in contatto. Puoi fare fotografie agli oggetti, ma le persone...Una volta che ti entrano nel cuore, non le dimenticherai mai." È l’amore per i dettagli storici e per l’importanza della sua famiglia che con il passare degli anni lo hanno incantato e che rendono il suo lavoro così speciale. In ogni angolo di Venezia c'è la storia di una famiglia che aspetta solo di essere raccontata. Per esempio, al Luna Hotel Baglioni: "La festa di nozze di mio nonno si è tenuta presso il Luna Hotel Baglioni" mi racconta. "Penso che fosse il 1918, forse 1919 o 1920. Controllerò l'invito, lo conservo ancora." Francesco ha qualche suggerimento per i visitatori che si recano a Venezia. "Perdetevi nella città. Prendete possesso della città. Piazza San Marco la troverete in ogni caso, partite alla scoperta del resto. E troverete voi stessi." Anche lui si perde regolarmente in questa città che conosce da tutta la vita. "Venezia è come un labirinto. Puoi dire di conoscerla, ma non saprai identificare ogni strada e passaggio." Ci conduce alla luce del giorno attraversando un piccolissimo vicolo, uno spazio che consente il transito di una sola persona tra due edifici. Vi si dirige con entusiasmo, esortandoci a seguirlo. "Guarda," apre le braccia mentre ci dirigiamo all'interno di un cortile silenzioso, sovrastato da balconi fioriti e panni stesi. "Vedi? Un luogo segreto. Senti com'è silenzioso? E siamo a soli cinque minuti dal ponte di Rialto. La gente dice che Venezia è un posto affollato, ma basta allontanarsi di qualche strada dalla confusione ed è possibile trovare la massima tranquillità." Quando riemergiamo dal vicolo vediamo due turisti esitanti, insicuri. "Entrate!" li incita. "Date un'occhiata. Non dovete aver alcun timore, è un posto meraviglioso!" Naturalmente, incantati dal suo entusiasmo, i due turisti si sono diretti verso l'oscurità del vicolo mentre noi ci dedicavamo a nuove avventure veneziane con l'irrefrenabile Francesco da Mosto. BB agree. “It was great to grow up here,” he concurs, “but until a certain age. At 18 I had to get away so I went to London, where I washed dishes, made sandwiches, worked as an electrician.” His wanderlust had him also working in film in Paris and Rome, and he travelled around Africa alone. “That’s how you meet people,” he says. “Life is made by whom you connect with. You can take photos of objects but people… Once they enter your heart, you never forget them.” It is this insistence on the small details of history that fascinated him growing up with the ghosts of his ancestors that makes his work so special. Everywhere in Venice, there is a family story waiting to be told. For example, on the Luna Baglioni hotel: “My grandfather had his wedding party at the Luna hotel,” he tells me. “I think it was around 1918, maybe 1919 or 1920. I will have to check the invitation – I still have it.” For visitors to Venice he has some advice. “Lose yourself,” he says. “Own the city. San Marco you will find anyway, and the rest – go discover it. You will discover yourself.” He still regularly loses himself in this city that he has known all his life. “Venice is like a labyrinth. You can know it but not every road and alleyway.” He leads us out into the bright day and as we pass a tiny alley, really just a body-sized gap between two buildings. He throws himself in, urging us to follow. “Look,” he opens his arms as we head into a silent courtyard, overhung by flower-edged balconies and washing lines. “You see? A secret place. And do you hear how silent it is? We are just five minutes from the Rialto Bridge. People say Venice is crowded but you only need to go two streets away to find total tranquility.” As we emerge from the alley, we see two tourists hesitating, unsure. “Go in!” he urges them. “Take a look. It’s not scary, it’s beautiful!” Of course, enchanted by his enthusiasm, they head into the dark slash of the alley, as we walk away for more Venetian adventures with the irrepressible Francesco da Mosto. BB P R O F I L E I UNO STILE DI VITA20 In Venice, stay at the Luna Hotel Baglioni, tel. +39 (0) 41 5289840 or email reservations.lunavenezia@baglionihotels.com. “Own the city. San Marco you will find anyway, and the rest – go discover it. You will discover yourself.”
  20. 20. M I L A N I UNO STILE DI VITA22
  21. 21. EXPLORING MILAN’S MAGICAL MUSEUMS CAPTION TO GO HERE Escape the dizzying action of Milan’s streets, catwalks and commerce in the Lombard capital’s temples of art and design. By Nick Bruno
  22. 22. M I L A N I UNO STILE DI VITA24 PHOTOGRAPHS:FABRIZIOMARCHESI;MARCOCURATOLO EXPLORE THE EVOLVING EXHIBITIONS AT THE TRIENNALE DESIGN MUSEUM MILAN MAY BE ACCLAIMED as Italy’s modern economic thoroughbred but it has always combined commercial muscle with a flair for creativity and new ideas. Next to Stadio San Siro, home to soccer clubs AC Milan and Inter Milan, in the city’s industrial northern outskirts, stands a 24ft high equine statue. Based on the designs of polymath Leonardo Da Vinci, this chunky trotting bronze at the Ippodromo racetrack is testament to the Milanese tradition of patronising visionary designers and artists. So while the fortunes of the city’s fashion houses and football teams soar and stumble with the seasons, Milan’s worldwide renown as a centre of cutting-edge design and art gallops on unimpeded, towards staging Expo 2015 and beyond. Exploring the evolving exhibitions at the Triennale Design Museum, Museo Novecento and independent galleries gives a snapshot of this creative cavalcade alla Milanese. You can dive into the vibrant Milanese design and arts scene for inspiration from many sources: among the swirling pool of talent are old maestri and new movers. Look beyond the Renaissance and classical masterpieces like Da Vinci’s Last Supper and there’s an assembly line of creations born of 20th and 21st century industry and ideas: daring architecture, iconic collections and stylish hangouts a-plenty. A good place to start is the Triennale Design Museum, opened in 1997 and housed in the revamped Rationalist masterpiece Palazzo dell’ Arte, built in 1933 ALLA SCOPERTA DEI MAGICI MUSEI DI MILANO Lontano dalla frenesia di strade, passerelle e negozi di Milano, alla scoperta dei templi dell'arte e del design nella capitale lombarda. Di Nick Bruno Milano può essere sicuramente acclamata quale moderno centro economico italiano, ma alla sua forza commerciale ha sempre abbinato sensibilità per creatività e nuove idee. Nelle vicinanze dello stadio di San Siro, sede dei club calcistici Inter e Milan, nelle periferia industriale a nord della città, si trova una statua alta circa otto metri che rappresenta un cavallo. Realizzata sui progetti dell'eclettico Leonardo Da Vinci, questo robusto bronzo al trotto collocato presso l'ippodromo cittadino è la testimonianza della tradizione del mecenatismo milanese nei confronti di designer ed artisti visionari. Così se le case di moda e i club calcistici milanesi alternano momenti di gloria e tristi sconfitte, la fama mondiale di Milano, nodo focale per l'avanguardia del design e dell'arte, continua la sua corsa al galoppo e senza ostacoli verso l'Expo 2015 e oltre. Visitando le esposizioni in continuo mutamento del Triennale Design Museum, Museo del Novecento e delle gallerie indipendenti si ottiene un'immagine nitida della creativa cavalcata milanese verso il successo. Ci si può immergere nella vibrante scena del design e dell'arte di Milano da varie angolature: il ricco bacino di talenti include infatti antichi maestri e nuove promesse. Oltre ai capolavori classici e del
  23. 23. M I L A N I UNO STILE DI VITA26 to host modern decorative arts and architecture exhibitions. Silvana Annicchiarico, director of the Triennale, talks enthusiastically about Milan’s vibrant scene and outstanding exhibitions. “Far from the usual cultural and tourism routes spreads out a wealth of diverse collections, museums, archives and places little-known by the greater public,” she says. “The Triennale is a ‘mutant’ museum; each show, each year, its DNA and installations change. We always start from the same question: What is Italian design? With each exhibition we try to present and define a new answer, starting from a fresh viewpoint.” Much of the Triennale’s permanent collection – from Castiglioni’s Arco Lamp and Bialetti Mocha coffeepot to a 1950s Vespa scooter – will be familiar to many. In the DesignCafé you can order pasta and take a seat crafted by iconic 20th century chair designers, including Gehry, Colombo and Panton. But it’s the changing shows that often capture the imagination. A retrospective of Piero Fornasetti (November 13, 2013 - February 9, 2014), entitled 100 Years of Practical Madness, will unleash the volcanic creativity of this complex figure in 20th century Italian art and design. With an eye to Milan staging EXPO 2015, Silvana Annicchiarico is keen to point out that the Triennale also Rinascimento come L'ultima cena di Leonardo Da Vinci, esiste un numero pressoché infinito di creazioni realizzate sulla scorta delle idee e dell'industria del XX e XXI secolo: architetture audaci, collezioni iconiche e ritrovi alla moda non scarseggiano. Un ottimo luogo da cui partire è il Triennale Design Museum, inaugurato nel 2007 ed ospitato nel rinnovato Palazzo dell'Arte, capolavoro rinnovato del Razionalismo, edificato nel 1933 per ospitare esposizioni di architettura e arti decorative moderne. Silvana Annicchiarico, direttrice della Triennale, parla con entusiasmo della vibrante scena milanese e delle sue eccezionali mostre. "Abbandonando i tradizionali itinerari culturali e turistici è possibile scoprire tutta una serie di collezioni, musei, archivi e luoghi poco conosciuti al grande pubblico e dalle caratteristiche uniche," afferma. "La Triennale è un museo mutante, ogni mostra, ogni anno, il suo DNA e le sue installazioni sono in continuo cambiamento. Partiamo sempre dalla stessa domanda: cos'è il design italiano? Con ogni esposizione cerchiamo di rispondere e definire una nuova risposta, partendo comunque da un punto di vista diverso." Una parte consistente della collezione permanente della Triennale, dalla lampada ad arco di Castiglioni e la caffettiera Bialetti a un modello di Vespa degli anni In the DesignCafé you can order pasta and take a seat crafted by iconic 20th century chair designers, including Gehry, Colombo and Panton
  24. 24. info@sartorianapoletana.it www.sartorianapoletana.it Sartoria Cimmino Napoli - Milano - Amsterdam - Japan - Lugano Quella di Gino Cimmino è un storia di tenacia e passione. E’ appena quattordicenne quando lavora come apprendista a Napoli, città della riconosciuta tradizione sartoriale, confrontandosi con i grandi sarti dell’epoca e perfezionandosi nella preziosa arte del cucire. Ed è ancora giovanissimo poco più di ventenne quando intraprende l’attività in proprio, imboccando coraggiosamente una strada tutta in salita. Il Talento innato, l’amore per il proprio mestiere come pure una forte personalità hanno permesso a Gino Cimmino di affermarsi negli anni come una delle figure di spicco della sartoria napoletana e nazionale. I suoi abiti su misura, dal taglio raffinato e dall’inconfondibile qualità, sono apprezzati da molte personalità politiche di rilievo, oltre che da importanti nomi dell’imprenditoria cittadina e italiana e da stimati professionisti, tanto da meritarsi l’attenzione di quotidiani e riviste, che spesso celebrano “ il sarto di tutti” e la sua fama di maestro indiscusso. Gino Cimmino’s story is a life of passion and tenacity. He was just 14 when he started working as a trainee in Naples, a city well known for sewing traditions. Being able to compare himself with the biggest tailors of the time, and improve the precious art of sewing. He was very young - only in his twenties – when he began working on his own, courageously Choosing the uphill battle. His natural talent, the love for his job and a pure and strong personality allowed Gino Cimmino to establish himself over the years as one of the greatest figures of Neapolitan and national tailoring. His bespoke suits of both refined cuts and unmistakeable quality are appreciated by many important politicians, as well as the country’s leading entrepreneurs. He has also received a lot of attention and recognition in both national and international press outlets, where he has been celebrated and described as “The Tailor of all”. Gino Cimmino has built up an enviable reputation as a leading practitioner in the art of bespoke tailoring. piazza Carolina, 19 80132 Napoli Tel. +39 081.7644744 cell. 338.3319792
  25. 25. Cinquanta, risulterà familiare alla maggior parte dei visitatori. Ordinate un piatto di pasta presso il DesignCafé ed accomodatevi sulle iconiche creazioni dei designer del XX secolo, tra i quali Gehry, Colombo e Panton. Sono tuttavia spesso le mostre che si avvicendano a catturare l'immaginazione. Una retrospettiva di Piero Fornasetti (13 novembre 2013 - 9 febbraio 2014) dal titolo 100 anni di follia pratica darà libero sfogo alla vulcanica creatività di questa complessa figura del design e dell'arte italiani del XX secolo. Tenendo sempre ben presente il progetto di EXPO 2015, Silvana Annicchiarico desidera evidenziare che la Triennale propone anche talenti del design provenienti da oltre confine. Triennale CreativeSet ha organizzato una serie di esposizioni il cui tema centrale sono state la forza e l'ottimismo dei mercati emergenti, come Africa, Cina, Corea del Sud, India e Sud America. Oltre a proporre i maestri del design italiano, la Triennale cattura anche “l'eccezionale carica di energia che i giovani designer trasmettono...riflettendo i grandi cambiamento in atto nei loro paesi…” Circa 150 progetti realizzati da studenti di architettura del primo anno verranno presentati all'interno de La Meraviglia Come Esercizio, esposizione che può essere visitata fino al 22 settembre. Silvana ci indica i luoghi di interesse nelle vicinanze che lei ama particolarmente. “Il numero 27 di piazza Castello è un indirizzo magico, lo Studio Museo del showcases design talent beyond the shores of Il Bel Paese. Triennale CreativeSet has run a series of shows displaying the vibrancy and optimism of emerging markets, among them Africa, China, South Korea, India and South America. As well as exhibiting Italian design masters, the Triennale shows capture “the great charge of energy that young designers transmit…reflecting the remarkable changes that their countries are experiencing.” Some 150 projects by first-year architecture students, for example, get an outing in the show La Meraviglia Come Esercizio, which runs until September 22. Silvana points out nearby attractions that she loves. “At 27 Piazza Castello is a particularly magical place: the Studio Museo of designer Achille Castiglioni,” she says. “This contains all his works - designs, sketches and prototypes. It offers a real opportunity to contemplate the atmosphere, the union of creativity and irony, the simplicity and complexity that are the roots of Italian design.” Milan’s touchstone for cognoscenti of modern art, the Museo Novecento, is another must-visit. The museum is located on Piazza Duomo’s tall, light and handsome Palazzo dell'Arengario, started in the Fascist era, completed in 1956 and recently remodelled by architects Italo Rota and Fabio Fornasari. Hangar Bicocca arts centre curator Chiara Bertola, meanwhile, urges visitors to explore the revamped collection, comprising 400 works from the turn of the M I L A N I UNO STILE DI VITA28 Triennale CreativeSet has run a series of shows displaying the vibrancy and optimism of emerging markets, among them Africa, China, South Korea, India and South America ABOVE: ECLECTIC PIECES FROM DESIGNERS BEYOND ITALY
  26. 26. 52 Villette in stile Gallurese www.puntafalconeleresidenze.com info@puntafalconeleresidenze.com Acquistabili per l’uso personale o come forma di investimento, con reddito garantito in caso di gestione diretta da parte della proprietà venditrice. Con l’acquisto sono comprensi i vari servizi accessori dedicati: - Posto auto riservato - Servizio di vigilanza - Cura dei giardini - Pulizia dell’appartamento - Cambio della biancheria - Spiaggia in concessione Uno specchio di mare unico, spiagge bianche, panorama mozzafiato sulle Bocche di Bonifacio, atmosfera selvaggia e profumo di macchia mediterranea, queste sono le Residenze Punta Falcone, a Santa Teresa Gallura. Da Olbia a Punta falcone è un susseguirsi di lecceti, ginepri e scorci indimenticabili: al Vostro arrivo sarete accolti su una terrazza naturale che si affaccia su uno dei mari più belli del mondo. Per informazioni +39 0789.754088 +39 0789.751474 +39 345.2496467 Fax +39 0789.751812 Offerta ottobre pacchetto Remise en Forme Offerta settembre pacchetto Luna di Miele
  27. 27. w w w . p l o z z a . c o m
  28. 28. UNO STILE DI VITA I 31 century to the 1960s. “The Museo Novecento is so useful because it finally gives all of us a rare opportunity to see the quality of Italian art in the 1900s,” she says. A sleek, curvy ramp rises to reveal gallery spaces that whisk visitors through the tumultuous 20th century. The mind-blowing collection begins with Giuseppe Pellizza da Volpedo’s powerful neo-impressionist painting Fourth Estate and follows the frenzied works of Futurists Umberto Boccioni, Carlo Carrà and F.T. Marinetti, through the dream-like surrealism of Giorgio de Chirico, to the pared-down Italian movements Arte Povera and Spatialism. It’s from these slashed canvasses by Lucio Fontana and Jannis Kounellis that you discover where some of contemporary art’s splintered schools and their oft- bewildering ideas took their cue. Damiano Gulli, a contemporary art graduate and glutton for galleries, takes inspiration from “the youngest, most experimental spaces”, like Brand New designer Achille Castiglioni,”. "Qui sono ospitati tutti i suoi lavori - progetti, schizzi, prototipi. Si ha davvero l'opportunità di contemplare l'atmosfera, l'unione tra creatività ed ironia, semplicità e complessità che rappresentano le radici del design italiano. La cartina di tornasole di Milano per i veri esperti di arte moderna, il Museo del Novecento, è un altro appuntamento da non perdere. Il museo si trova all'interno dello slanciato e luminoso Palazzo dell'Arengario in Piazza Duomo, iniziato nel periodo fascista e terminato nel 1956, quindi recentemente rimodernato dagli architetti Italo Rota e Fabio Fornasari. Il curatore del centro artistico Hangar Bicocca, Chiara Bertola, invita i visitatori ad esplorare la collezione rinnovata che include 400 lavori realizzati dall'inizio del secolo agli anni Sessanta. "Il Museo del Novecento è una creazione realmente importante perché offre a tutti noi la rara opportunità di ammirare la qualità dell'arte italiana del Novecento." Una sinuosa rampa curva si eleva rivelando gli spazi della galleria che conduce i visitatori attraverso il turbolento XX secolo. La travolgente collezione parte con il potente dipinto neo-impressionista di Giuseppe Pellizza da Volpedo, Il quarto stato, e prosegue con le frenetiche opere dei futuristi Umberto Boccioni, Carlo Carrà e F.T. Marinetti, attraverso il surrealismo onirico di Giorgio De Chirico, ai movimenti minori italiani dell'Arte Povera e dello Spazialismo. ABOVE: AN ORIGINAL DESIGN BY GIO PONTI, MODIFIED BY PIERO FORNASETTI Hangar Bicocca curator Chiara Bertola urges visitors to explore the revamped collection, comprising 400 works from the turn of the century to the 1960s M I L A N
  29. 29. M I L A N E' grazie alle tele tagliate di Lucio Fontana e Jannis Kounellis che potrete scoprire la fonte di ispirazione delle frammentarie scuole dell'arte contemporanea con le loro idee spesso sconcertanti. Damiano Gulli, laureato in arte contemporanea e appassionato di gallerie, prende ispirazione dagli “spazi più giovani ed interessati alla sperimentazione”, come Brand New Gallery (www.brandnew-gallery.com) e Peep Hole (www.peep-hole.org) nonché la già affermata Lia Rumma (www.liarumma.it). Per chi è alla ricerca di stravaganti oggetti di design da portare a casa, Damiano consiglia la Galleria Luisa Delle Piane (www.gallerialuisadellepiane.it), che propone prodotti di circa 50 designer diversi. Hangar Bicocca (www.hangarbicocca.org) è la principale galleria contemporanea milanese: le prossime esposizioni, che verranno ospitate in quella che una volta era una fabbrica, includono la presentazione video multischermo di Ragnar Kjartansson, The Visitors (19 settembre - 17 novembre) e una colossale installazione di Micol Assaël (gennaio-aprile 2014) che in maniera intrigante promette di “coinvolgere gli spettatori sia fisicamente che mentalmente”. Per tornare alle radici artistiche di Milano, l'originale uomo del Rinascimento Leonardo Da Vinci ha dispensato in città perle di ingegneria, design ed arte. Oltre alla poderosa replica della sua statua equestre presso l'Ippodromo di San Siro, Milano ospita anche il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci, dove i visitatori possono prendere parte alle visite guidate dedicate in particolare alle famiglie e che ne prevedono la partecipazione diretta, alla scoperta dei prototipi di macchinari del maestro, inclusa la vite aerea (antesignana delle pale dell'elicottero) e l'ala battente. I cavernosi hangar e cortili sono affollati dalle macchine storiche, tra le quali si possono ammirare navi da guerra, treni, aeroplani e molti altri veicoli a motore. Tra le esposizioni, Tecnologie che contano (può essere visitata fino al 31 dicembre di quest'anno) che analizza il lavoro di antichi e moderni calcolatori ovvero pionieri del computer da Archimede fino ad Alan Turing. Le innovative industrie e gallerie milanesi sono in grado di segnare il passo nel campo del design contemporaneo, ma i curatori che se ne occupano non dimenticheranno mai i grandi maestri del passato, fonte di grande ispirazione per la città. BB Gallery (www.brandnew-gallery.com) and Peep Hole (www.peep-hole.org) as well as well-established Lia Rumma (www.liarumma.it). For those after quirky design objects to take home, Damiano recommends Galleria Luisa Delle Piane (www.gallerialuisadellepiane.it), which displays products from around 50 designers. Hangar Bicocca (www.hangarbicocca.org) is Milan’s leading contemporary gallery. Upcoming shows in the former factory include Ragnar Kjartansson’s multi-screen video presentation The Visitors (September 19 - November 17) and a colossal installation by Micol Assaël (January-April 2014) that intriguingly promises ‘to involve viewers physically and mentally’. Back at Milan’s artistic roots, original Renaissance Man Leonardo Da Vinci spanned engineering, design and art. As well as the towering replica of his equestrian statue at the Ippodromo San Siro, Milan houses the Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci. Here, visitors can join hands-on, family-friendly tours of the maestro’s experimental machines, including the vite aerea (a forerunner of helicopter blades) and ala battente (beating wing). Cavernous hangars and yards are filled with historic machines, including warships, trains, planes and many a motor vehicle. Among the exhibitions here is Technology that Counts (running until December 31 this year), which explores the work of ancient and modern calculator/computer pioneers from Archimedes to Alan Turing. Milan’s innovative industries and galleries may set the pace in contemporary design circles but its curators never forget our inspiring old maestri. BB I UNO STILE DI VITA32 Carlton Hotel Baglioni, tel. +39 (0) 277077, email reservations.carltonmilano@baglionihotels.com.
  30. 30. VILLE PRESTIGIOSE IN AFFITTO & VENDITA Non solo una vasta selezione di appartamenti e Ville, ma molto, molto di piu`...Turismo d’elite, posti barca. Dal 1980, per avere scelto di focalizzare professionalmente ed esclusivamente la conoscenza del territorio Costa Smeralda - Verdicchi Real Estate è da sempre il punto di riferimento per chi desidera affittare, acquistare o vendere in Costa Smeralda. PRESTIGIOUS VILLAS TO RENT & FOR SALE Not only a large selection of apartments and houses but much, much more...Elite tourism and boat moorings. Since 1980, the Verdicchi Real Estate Agency has focused its know-how professionally and exclusively on the territory of the real estate in Costa Smeralda. It has always been the point of reference for those who wish to rent, buy or sell in Costa Smeralda. VALTER VERDICCHI AGENZIA IMMOBILIARE IN COSTA SMERALDA PORTO CERVO Via Cerbiatta 10. 07021 Porto Cervo (OT) Tel.+39 0789 94320 mob.+39 3396598348 - +39 335 8125988 info@realestatecostasmeralda.it www.realestatecostasmeralda.it VALTER VERDICCHI immobiliare in Costa Smeralda ITALIA COSTA SMERALDA
  31. 31. All that F R E N C H R I V I E R A I UNO STILE DI VITA34 JAZZ RIGHT: SUMMERS ON THE RIVIERA IN THE 1920S FAR RIGHT: FASHIONABLE LA GAROUPE
  32. 32. CAPTION TO GO HERE From The Great Gatsby to Woody Allen’s latest movie, the French Riviera has provided a sparkling backdrop to the decadence of the great Jazz Age. By Lisa Gerard-Sharp
  33. 33. F R E N C H R I V I E R A I UNO STILE DI VITA36 PHOTOGRAPHS:ALAMY;GETTYIMAGES;THINKSTOCK THE RIVIERA IS CURRENTLY romancing the Jazz Age, from the glittering parties to the restless spirit that chimes with our times. The Cannes Film Festival opened with The Great Gatsby, inspired by the F. Scott Fitzgerald novel written on the coast. Tender is the Night was the novelist’s bitter-sweet tribute to the ‘roaring Riviera’ and continuing in the spirit of the age, Woody Allen is currently shooting a jazzy film on the coast, set in the same period. The Côte d’Azur as we know it was invented by the arty expatriate set in the 1920s. Picasso painted it. Cole Porter crooned it. But no one celebrated it more tenderly than F. Scott Fitzgerald. “One could get away with more on the summer Riviera, and whatever happened seemed to have something to do with art,” he mused. Following in the footsteps of Scott Fitzgerald reveals a glamorous coastal route that lures us back to the Jazz Age, a term the writer coined himself. The Fitzgeralds first rented a villa in St Raphael, where Gatsby was finished and Tender is the Night was started. Their former villa may be crumbling, but the Valescure Golf Club next door still reflects Fitzgerald’s ‘hot, sweet south of France.’ Founded by British aristocrats in 1895, the club remains a manicured expatriate playground today. From St Raphael, the clifftop road hugs the rocky Esterel coast to Cap d’Antibes, where Scott and Zelda Fitzgerald settled next. This ravishing promontory was Da “Il Grande Gatsby” all'ultimo film di Woody Allen, la Riviera francese ha fornito un brillante scenario alla decadenza della grande Età del Jazz. Di Lisa Gerard- Sharp Attualmente la Riviera sta conferendo un'aura romantica all'Età del jazz, feste scintillanti e spirito instancabile, in cooerenza con inostri tempi. Il Festival del cinema di Cannes ha aperto quest'anno con Il grande Gatsby, ispirato dal romanzo di Fitzgerald e ambientato proprio in Riviera. Tenera è la notte fu il tributo dolce-amaro dello scrittore alla 'Riviera ruggente' e proseguendo nello spirito dell'epoca, Woody Allen sta attualmente girando un film dedicato al jazz, ambientato nello stesso periodo. La Costa Azzurra come oggi la conosciamo fu inventata dall'espatriato pseudoartistico degli anni Venti. Picasso l'ha dipinta; Cole Porter l'ha cantata, ma nessuno l'ha celebrata con più passione di F. Scott Fitzgerald. "Ci si poteva permettere di più sulla Riviera estiva, e qualsiasi cosa accadesse, sembrava avere a che fare con l'arte," questa la sua riflessione. Sul percorso indicato da Scott Fitzgerald, si scopre un'incantevole itinerario costiero che ci riporta all'Età del jazz, termine coniato dallo stesso scrittore. I Fitzgerald affittarono dapprima una villa a Saint Raphael, dove fu portato a termine Gatsby e iniziò la scrittura di Tenera è la notte. La residenza di allora potrebbe RIGHT: LUXURIOUS VILLAS AT MENTON; ROBERT REDFORD AS THE ORIGINAL GATSBY; CHATEAU DE LA CROE
  34. 34. UNO STILE DI VITA I 37
  35. 35. F R E N C H R I V I E R A I UNO STILE DI VITA38 sembrare ormai in rovina, ma il vicino Valescure Golf Club riflette ancora il 'caldo, dolce sud della Francia' di Fitzgerald. Fondato da aristocratici inglesi nel 1895, il club rimane ancora oggi un curato ritrovo per ospiti provenienti dall'estero. Da Saint Raphael, la strada a strapiombo abbraccia la rocciosa costa dell'Esterel fino a Cap d'Antibes, dove Scott e Zelda Fitzgerald trovarono la loro successiva residenza. Questo affascinante promontorio era l'epicentro della 'Riviera ruggente'. Qui la stagione estiva spazzava via la nomea di sanatorio invernale della Riviera. Era il luogo dove venivano celebrati i due vizi principali del XX secolo, abbronzatura e gioco d'azzardo. Cap d'Antibes rappresenta ancora la passeggiata più apprezzata della Riviera con i suoi meravigliosi scenari, le case delle star e la lenta processione dei mega yacht. Il glamour permane ancora nelle affascinanti ville dove allora gli amanti delle feste si scatenavano sulle note dei successi dell'Età del Jazz, con le ragazze che indossavano abiti ricoperti di lustrini simili ai vestiti da party in organza e impreziositi di perle disegnati da Prada per Il grande Gatsby. I Fitzgerald ballavano tutta la notte nella Villa Eilenroc in stile Belle Epoque nel corso delle feste organizzate da Garnier, creatore del Casinò di Monte Carlo. I nostalgici possono visitare gli interni Art Déco e i giardini di rose, percorrendo il nuovo sentiero che conduce verso la meravigliosa insenatura. Attraverso i pini marittimi è possibile scorgere Villa de la Croce, già residenza dell'esiliato Duca di Windsor, Edoardo VIII. Posseduta ora dal magnate russo Roman Abramovich, la proprietà è la prova che più alta è la siepe, più astronomico si fa il prezzo. La 'baia dei miliardari' è comunque percorsa da un vecchio sentiero una volta utilizzato dai contrabbandieri che offre un'allettante vista sulle stravaganti piscine delle proprietà. "Palme deferenti ne rinfrescano la facciata rosata" è come viene descritta la villa vista mare dei Fitzgerald in Tenera è la notte. Vi erano altre facciate rosate a Villa America, collocata sotto il faro di Cap d'Antibes. Qui tenevano banco i socialité Murphy organizzando le feste più scatenate, tanto più apprezzate quanto più folli. Di giorno, la folla spensierata si spostava sulla spiaggia La Garoupe dove pic-nic e grammofoni portatili erano de rigeur. Amici locali come Cole Porter e Picasso contribuirono a persuadere le personalità dell'epoca che la Costa Azzurra era “IL” posto dove fare festa in estate. Il successo della stagione balneare fu una vera e propria certezza dopo che la leggera abbronzatura di Coco Chanel fu ritenuta un elemento sexy e desiderabile. Zelda, donna dallo spirito libero, interpretava spesso la parte della donna emancipata ed era una ballerina semi professionista, mentre Sara Murphy posò per Picasso the epicentre of the ‘roaring Riviera’. Here, the summer season swept away the notion of the Riviera as a winter sanitarium. Sunbathing and gambling, the twin 20th- century vices, were celebrated instead. The Cap d’Antibes still represents the loveliest ramble in the Riviera, with plunging scenery matched by movie-star mansions and a smooth procession of megayachts. So far, so Scott Fitzgerald. The glamour lingers on in the gorgeous villas where the ‘pyjama set’ partied themselves into the pages of a Jazz Age masterpiece, the ladies sporting beaded flapper dresses similar to the pearl-studded organza party frocks Prada designed for The Great Gatsby. The Fitzgeralds danced the night away in the Belle Epoque Villa Eilenroc, concocted by Garnier, the creator of Monte Carlo Casino. Nostalgics can visit both the Art Deco interior and the rose gardens, with a path leading down to a sparkling cove. Through the umbrella pines are glimpses of Villa de la Croe, once the palatial residence of the exiled Duke of Windsor, the former Edward VIII and now owned by Russian tycoon Roman Abramovich. The ‘Billionaires’ Bay’ beyond is framed by an old smugglers’ path that provides tantalising peeks of extravagant pools. If 1920s villas were judged by the grandeur of their gardens, 1930s villas were judged by the splendour of their swimming pools, marking a shift to a more ostentatious culture. ‘Deferential palms cover its flushed face’ is how the Fitzgeralds’ beachfront villa is described in Tender is the Night. There were equally flushed faces in Villa America, set below the Cap d’Antibes lighthouse. Here, the socialite Murphys held court and staged the wildest parties, the crazier, the better. In Tender is the Night, Dick Diver, modelled on Gerald Murphy, says, “I want to give a party where there's a brawl and seductions and people going home with their feelings hurt and women passing out in the cabinette de toilette.” By day, the carefree crowd moved to La Garoupe beach, where picnics and a portable phonograph were de rigueur. Local friends such as Cole Porter and Picasso helped persuade the glitterati that the Cote d’Azur was the summer place to party. The success of the beach season was assured after Coco Chanel’s light tan was deemed sexily desirable. Free-spirited Zelda, often dubbed the original flapper, was a semi-professional dancer, while Sara Murphy posed for Picasso (but spurned his advances). For Picasso, the beach was synonymous with sex, and his muses, mostly also his mistresses, were mythologised into sultry goddesses. Even without Picasso, this sandy bay remains alluring. On La Garoupe, Plage Keller is the chicest sunbathing beach, with the pontoon restaurant perfect for idling over a bottle of rosé, although as drinkers
  36. 36. F R E N C H R I V I E R A I UNO STILE DI VITA40 Explore the Riviera from two Baglioni Hotels. The Villa Gallici is located in Aix-en-Provence, tel. +33 (0) 442 23 29 23, email reservation@villagallici.com, while Le Saint Paul is in Saint-Paul-de-Vence, near Cannes, tel. +33 (0) 4 93 32 65 25 Email: reservation@hotel-saint-paul.com (ma rifiutò sdegnosamente le sue avances). Per Picasso la spiaggia era sinonimo di sesso e le sue muse, in prevalenza quindi sue amanti, assurgevano nell'immaginario ad ardenti dee mitologiche. Anche in assenza della figura di Picasso, questa baia sabbiosa conserva comunque il suo fascino. Lungo La Garoupe, Plage Keller è la spiaggia più chic per prendere il sole e il ristorante galleggiante è il luogo ideale per godersi il relax e una bottiglia di rosè. Quando non facevano il bagno, folleggiavano nelle feste o giocavano a tennis, il gruppo di bohemien si trasferiva al Casinò per una serata di gioco d'azzardo e fiumi di alcool. Con il suo glamour da vecchio mondo, Monte Carlo attirava magneticamente le celebrità ed era un 'luogo accogliente per gente losca'. Perché non rendere omaggio ai tempi del Grande Gatsby con un Manhattan, un Mint Julep o un Gin Fizz da gustare sulla terrazza del Café de Paris? Anche se la roulette non vi attira, il Casinò Belle Epoque riuscirà sicuramente a conquistare il vostro lato nostalgico. Quando iniziano a servire i cocktail e i brani jazz risuonano nella Salle Blanche, i ruggenti anni Venti sembrano nuovamente in auge. Tutti questi personaggi apparentemente frivoli alla costante ricerca del piacere hanno comunque lasciato un'eredità duratura nella letteratura, musica e arte. La Riviera trabocca di mostre dedicate a Picasso che commemorano il quarantesimo anniversario della morte del grande artista. In collaborazione con il Museo Picasso di Antibes, il successo di Picasso a Monte Carlo traccia le peregrinazioni del pittore in Riviera dal 1920 in poi. Ad Antibes, il castello espone lavori poco conosciuti all'interno di quello che fu lo studio dell'artista. Nell'entroterra anche Mougins e Vallauris propongono mostre ispirate all'amore di Picasso per la Riviera, incentrate su un percorso artistico urbano, con immagini delle opere dell'artista che punteggiano le vie. Cannes celebra poi la passione di Picasso per i nudi con un'esposizione sulla Croisette; le muse riprendono vita nei capolavori di proprietà di Marina Picasso, nipote dell'artista, che ancora oggi abita nella villa Art Déco di Cannes appartenuta al nonno. Sulla scia de Il Grande Gatsby, Woody Allen girerà invece fino alla fine dell'autunno un film dedicato al celebre periodo storico in Costa Azzurra. La gente del luogo ha accolto con entusiasmo la presenza di Colin Firth ed Emma Stone ad Antibes, Mentone, Mougins, Nizza e Sain Paul de Vence. L'Età del Jazz è la dimensione spirituale di Woody Allen; l'esperto clarinettista si è infatti ritagliato del tempo dalle riprese per esibirsi nel corso del leggendario festival estivo Jazz à Juan. Scott Fitzgerald non potrebbe far altro che approvare la condivisa sensibilità e il buon gusto del connazionale. BB rather than foodies, the Fitzgeralds scorned French cuisine for club sandwiches. When not swimming, partying or playing tennis, this bohemian set would head to a casino for an evening of alcohol-fuelled gambling. With its Old World glamour, Monte Carlo was a celebrity magnet and ‘a sunny place for shady people’. Pay homage to the Great Gatsby set with a Manhattan, Mint Julep or Gin Fizz, sipped on the terrace of the Café de Paris. Even if roulette leaves you cold, the Belle Epoque Casino has nostalgic appeal. With jazz playing in La Salle Blanche and the cocktails flowing, the Roaring Twenties feel back in business. But these seemingly idle pleasure-seekers also left a lasting legacy in novels, music and art. The Riviera is awash with Picasso exhibitions commemorating the 40th anniversary of the great artist’s death. In conjunction with the Picasso Museum in Antibes, Monte Carlo’s Picasso blockbuster traces the painter’s wanderings on the Riviera from 1920 onwards. In Antibes, the castle displays rarely seen works in the artist’s former studio. Just inland, Mougins and Vallauris also stage shows inspired by Picasso’s love affair with the Riviera, centred on an urban art trail, with pictures of the artist’s works dotted along the route. Instead, Cannes celebrates Picasso’s passion for nudes, staging an exhibition on the Croisette; the muses come alive in masterpieces belonging to Marina Picasso, the artist’s granddaughter, who still lives in her grandfather’s villa in Cannes today. Hot on the heels of The Great Gatsby, Woody Allen is filming a period piece on the Côte d’Azur until late autumn. The locals are lapping up sightings of Colin Firth and Emma Stone in Antibes, Menton, Mougins, Nice and St Paul de Vence. The Jazz Age is Woody Allen’s spiritual era, and the accomplished jazz clarinettist took time off from filming to perform in the legendary Jazz à Juan summer festival. Scott Fitzgerald would be toasting his compatriot’s good taste and their shared sensibility. Nostalgia has made the Riviera what it is today. Indeed, inscribed on Scott Fitzgerald’s tombstone is the final sentence of Gatsby: “So we beat on, boats against the current, borne back ceaselessly into the past.” BB
  37. 37. ViaSercambi212,Lucca Tel:0583-082157 Fax:0583-080946 GiadaPuccini Cell:340-9932341 Immobiliaregpuccini_giada@hotmail.it ElisabettaVallini Cell:377-4943567 immobiliaregpuccini_betty@hotmail.it www.giacomopucciniimmobiliare.it Immobiliare Giacomo Puccini,nelpresentarsisul mercatotoscanocomespecialistanelleoperazionidi compravenditaediaffittidiimmobilidialtolivello, offre la competenza dichi,oltre alle conoscenze tecniche,puòvantareunaefficaceretedirelazionicon locationprestigioseinToscana. TrovereteTroveretelapiú completaeesclusivaselezionedi immobili in Toscana comprendente ville dilusso, palazzistorici,casalied appartamentidialtissimo pregio.Eccellenzanellaselezionediproprietàsempre piùesclusive,Trasparenzanelrapportodirettoeleale conlaclientela,Esperienzaecompetenzaadaltissimo livello.livello.Sonoquestiivaloricheaccompagnanoogni singolaoffertaimmobiliare. WepresentpropertiesinTuscanythatspecializeinthe Buying and Renting ofRealEstate to the highest standard.Weoffercompetitiverateswithaknowledge ofItalian specifications thatboosts a network of relationships in the “property world”of Tuscany. You can find the most complete and exclusive selectionselection of properties in Tuscany comprising of beautifulvillas,historicalpalaces,rusticfarmhouses, detachedandsemi-detachedhousesandprestigious apartments.Wealwayssearchforthemostexcellent andexclusiveproperties. We have a transparent confidential and loyal relationshipwithourclients. YearsYearsofexperiencehasgivenusacompetencythat money cannot buy!Every single transaction is managedwiththeutmostprofessionalism.   “Hodeigustisemplicissimi, miaccontentosempredelmeglio” OscarWilde IM M OBILIARE G I A C O M O P U C C I N I
  38. 38. Beyond the C H A M P A G N E Lisa Gerard-Sharp discovers the history and legends behind the great Champagne houses I UNO STILE DI VITA42
  39. 39. bubbles CAPTION TO GO HERE UNO STILE DI VITA I 43
  40. 40. C H A M P A G N E I UNO STILE DI VITA44 CHAMPAGNE IS SYNONYMOUS with celebration, but the region itself is worth celebrating for its own subtle charms. As well as being the homeland of the world’s finest bubbles, Champagne will tempt you with sophisticated cuisine, romantic art trails and contemporary sculpture tucked away in abbeys that once belonged to wine-making monks. While there is no escaping the wine itself, also expect cultivated conversation with the Champagne growers. You’ll be swept away by illuminations as to how Champagne has shaped European history. But then the conversation will circuitously come back to those bubbles. Champagne lore can’t help but celebrate its mythical status. In accordance with Krug family tradition, Olivier Krug even had a sip of Champagne as a newborn baby, before tasting his mother’s milk. In Champagne, all roads lead to Epernay, the epicentre of the wine-growing area. This wealthy citadel is riddled with interlinking tunnels and cellars, a secret world hewn from the chalk. Fine mansions line the Avenue de Champagne, headquarters of the most prestigious Champagne Houses, and look out over the vineyards. Top restaurants such as the Royal Champagne, a Baglioni hotel, even serve Champagne- infused ice creams and sorbets, matched by a cellar of almost 300 vintage Champagnes. Cuisine champenoise tends to come in two forms, earthy or gourmet, with the Royal Champagne definitely in the gourmet camp, from the Champagne soufflé to the cheeseboard designed to complement the best bubbles. The sommelier might well point out that there are over a million bubbles in each flute of Champagne, although few will be counting by that stage. The adventurous should also succumb to the simple bistrots beyond the major villages. A peasant’s stomach is needed for the andouillette sausages, pigs’ trotters, white pudding (boudin blanc), sauerkraut, as well as OLTRE LE BOLLICINE Lisa Gerard-Sharp alla scoperta della storia e delle leggende legate ai più importanti produttori di Champagne Champagne è sinonimo di festeggiamenti e celebrazioni, ma anche la regione da cui questo vino prende nome merita di essere celebrata per il fascino che la contraddistingue. Oltre ad essere la terra natale delle bollicine più pregiate al mondo, la regione dello Champagne vi conquisterà con la sua cucina sofisticata, i romantici percorsi d'arte e le sculture contemporanee nascoste nelle abbazie un tempo di proprietà dei monaci produttori di vino. Sebbene non vi sia modo di sfuggire all'argomento vino, potrete conversare con i proprietari dei vigneti e rimarrete sorpresi nell'apprendere quanto lo Champagne abbia condizionato e influenzato la storia europea. La conversazione, tuttavia, tornerà prima o poi a trattare l'argomento delle bollicine. La tradizione di questo pregiato vino non può far altro che celebrare uno status quasi mitologico. Nel rispetto della tradizione della famiglia Krug, si narra che Olivier Krug ha assaggiato qualche goccia di Champagne appena nato, prima di aver provato il latte materno. Nella regione dello Champagne tutte le strade conducono a Epernay, il nucleo centrale dell'area di coltivazione dei vigneti. Questa ricca cittadina è caratterizzata dalla presenza di gallerie e cantine collegate tra loro, un mondo ipogeo segreto scavato nel gesso. Residenze raffinate impreziosiscono Avenue de Champagne, sede delle più prestigiose case di produzione di Champagne, con vista sui vigneti. Lo Champagne è l'ingrediente chiave delle migliori ricette create dagli Chef di questa regione. Potrete assaggiare deliziosi gelati e sorbetti allo Champagne presso il ristorante dell'Hotel Royal Champagne, una delle proprietà francesi di Baglioni Hotels. La cuisine FROM TOP LEFT: THE ROYAL CHAMPAGNE; VINEYARDS AND GRAPES; THE CATHEDRAL AT REIMS; ONE OF THE REGION’S MANY ABBEYS PHOTOGRAPHY:THINKSTOCK;SHUTTERSTOCK;LISAGERARD-SHARP
  41. 41. UNO STILE DI VITA I 45 servings of Langres and Chaource cheeses. Playful `bouchons de Champagne’, chocolate Champagne corks, reflect the biggest regional brand. Champagne sales are used as a barometer of French health and happiness. In 2013, the omens aren’t good, with a five percent fall considered the greatest indictment of Francois Hollande’s presidency so far. Not that the Champagne houses care as their sales are bolstered by strong foreign markets. Heritage, craftsmanship, creativity and quality are the hallmarks of the leading Champagne brands. Aficionados also detect aromas of candied limes, zesty mandarins, salty butter and bitter marmalade in a few of the best bubbles. A tour of the top producers is a lesson in Champagne lore, from the sublime to the ridiculous. Paul Burrell, butler to the late Princess of Wales, pronounced that when you open a bottle of champagne, “it should sound like a mermaid's sigh”. The top brands tend to have the best tales to tell. Krug may be one of the finest Champagne marques but Olivier Krug still remembers his grandfather scorning rosé Champagne as only fit for ‘birthday cake and girly clubs’. Supposedly, James Bond would only drink Bollinger. At the release of Skyfall, Bollinger even created a cuvée in honour of 007, presented in a gun-silencer-shaped casket. In Essoyes, southeast of Troyes, lies the arty Renoir trail, and a chance to linger over Champagne in an artist’s village. This was Renoir’s summer retreat after the painter married local girl, Aline Charigot. Rosy-cheeked and loose-limbed, Aline was his muse, as was her cousin Gabrielle. Essoyes evokes the spirit of Renoir’s paintings, from the half-timbered houses and flower- hung balconies to reproductions of his buxom washerwomen. Signposted walks reveal the Renoir landscapes, with copies of his paintings along the River Ource. Here, with imagination, and a glass to hand, Renoir’s sun-dappled views soon spring to mind. champenoise si presenta generalmente in due forme, quella più concreta e tradizionale e quella gourmet, il Royal Champagne propone la versione gourmet, dal soufflé allo Champagne fino al tagliere di formaggi da accompagnare con le bollicine più sofisticate. Le vendite dello Champagne vengono utilizzate per monitorare lo stato di salute e benessere della Francia. Per il 2013 gli auspici non sono positivi con un calo pari al 5%, ovvero l'atto d'accusa più forte nei confronti della Presidenza di Francois Hollande fino a questo momento. Anche se i produttori sono lieti del supporto assicurato alle loro vendite proveniente dai mercati stranieri. Eredità, maestria, creatività e qualità sono gli elementi caratteristici dei più importanti marchi di Champagne. In alcune tra le migliori bollicine, gli appassionati individuano anche aromi di limette candite, mandarini aciduli, noci secche, burro salato e marmellata amara. Un tour alla scoperta dei top producer è una lezione sulla tradizione dello Champagne. I marchi pregiati hanno storie molto interessanti da raccontare. Krug può essere considerata una tra le migliori marche, ma Olivier Krug ricorda ancora suo nonno disprezzare lo Champagne rosé, vino adatto solo per “torte di compleanno e feste tra ragazze”. Presumibilmente James Bond berrebbe solo Bollinger. In occasione dell'uscita di Skyfall, Bollinger ha proprio creato un cuvée in onore di 007, presentato in un cofanetto a forma di pistola con silenziatore. A Essoyes, a sud-est di Troyes, si snoda il percorso artistico dedicato a Renoir che offre la possibilità di trascorrere un pò di tempo presso il villaggio dell'artista. Essoyes fu infatti il ritiro estivo del pittore dopo il matrimonio con una ragazza del posto, Aline Charigot. Guance rosate e corpo flessuoso, Aline fu la sua musa, come lo fu anche sua cugina Gabrielle. Essoyes evoca lo spirito dei dipinti di Renoir, dalle case con intelaiatura in legno e i balconi carichi di fiori, alle riproduzioni delle
  42. 42. C H A M P A G N E floride lavandaie. I percorsi dotati di appositi cartelli indicano i paesaggi ritratti da Renoir con le riproduzioni dei suoi dipinti collocate lungo il fiume Ource. Qui, con un po' di immaginazione e un buon bicchiere di vino, tornano subito alla mente le vedute screziate dal sole di Renoir. I principali vigneti di Champagne si estendono da Troyes a Reims, ma anche i produttori di nicchia non deludono facilmente. Dumont & Fils opera attivamente nelle vicinanze delle rovine benedettine dell'abbazia di Clairvaux, a costante testimonianza del fatto che un tempo la produzione del vino era appannaggio dei monaci. A Dom Perignon, maestro di cantina dell'abbazia di Hautvilliers, viene attribuita l'invenzione dello Champagne alla fine del XVII secolo. Dumont descrive il suo tenue ed agrumato Champagne in termini poetici; i maestri di cantina paragonano il processo dell'assemblage all'operazione che un artista svolge quando sceglie la gamma di colori da utilizzare per il suo dipinto. Niente di molto dissimile dal lavoro di Renoir, dopo tutto. La presenza dei monaci si ripropone nell'Abbaye d’Auberive, una solenne fondazione cistercense, un tempo abbazia sorella di Clairvaux. Collocato sull'argine del fiume Aube, il monastero ebbe il suo momento di massimo splendore nel XIII secolo. Nei giardini monastici e negli spazi ristretti predomina un'atmosfera serena, uno scenario ricco di ispirazione per la scultura contemporanea. In regione si possono inoltre trovare numerose testimonianze della storia moderna. Colombey-les-Deux- Eglises è luogo di pellegrinaggio per i francesi. Nella maggior parte dei sondaggi che chiede chi sia stato ‘Il più grande uomo francese di tutti i tempi’, de Gaulle si trova spesso testa a testa con Napoleone e Luigi XIV. Residenza del Generale e santuario nel corso degli 'anni selvaggi', Colombey è il simbolo del patriottismo francese. La Boisserie, abitazione di famiglia, attira visitatori rispettosi. Una visita a Reims, In particolare, un tour a base di Champagne di Taittinger, una tra le case produttrici più rinomate, può essere effettuato poco lontano dalla grandiosa cattedrale, dove la 'Reale Reims' fu testimone dell'incoronazione dei re francesi. Le seducenti cantine si trovano presso le miniere di gesso gallo-romane e richiamano la presenza di monaci misteriosi, sensazione che può essere rimossa solo grazie alla degustazione del prelibato Taittinger. Ma anche qui, nella capitale reale, lo Champagne è un affare serio, che va oltre le bollicine e i registri dei conti. Pierre Emmanuel Taittinger ha letto con attenzione le Memoirs di De Gaulle dedicate alle lezioni morali e, consapevole del dovere della sua dinastia di produttori di Champagne nei confronti della regione, ha commissionato nuove vetrate per la cattedrale di Reims. Spumeggiante ma non frivolo, lo Champagne è un vino da non sottovalutare. BB The major Champagne vineyards stretch from Troyes to Reims but the niche producers rarely disappoint. Dumont & Fils prospers near the Benedictine ruins of Clairvaux Abbey, a reminder that wine-making was once the preserve of monks. Dom Perignon, cellar-master of the Abbey of Hautvilliers, is credited with the creation of Champagne in the late 17th century. Dumont describes his subtle, citrusy Champagne in poetic terms, in that cellar-masters compare the process of assemblage with the role of an artist choosing his palette of colours. Not so far from Renoir, after all. The ghostly monks return in the Abbaye d’Auberive, a sober Cistercian foundation, once the sister abbey to Clairvaux. Set on the banks of the Aube, the monastery flourished in the 13th century. The serene mood prevails in the monastic gardens and pared-down spaces, an inspired setting for contemporary sculpture. The region is rich in modern history, too. Colombey- les-Deux-Eglises is a place of pilgrimage to the French. In most polls of ‘the greatest Frenchman of all time’, de Gaulle rivals Napoleon and Louis XIV. As the General’s home and sanctuary during the ‘wilderness years’, Colombey symbolises French patriotism. La Boisserie, the family home, draws reverent visitors. But more engrossing is the Memorial Charles de Gaulle, the museum dedicated to the extraordinary wartime period that has shaped our times. De Gaulle was part of the postwar reconciliation with his country’s greatest enemy, cemented the Franco-German axis and also paved the way for the European Union. The General wasn’t a fan of the local bubbles: Champagne was far too frothy for his tastes. But a visit to Reims combines royal culture and princely wines. In particular, a Champagne-fuelled tour of Taittinger, one of the most venerable Champagne houses, is conveniently close to the grandiose cathedral. Here, ‘royal Reims’ witnessed the crowning of French kings. The cellar tour feels almost as sacred, an entrée into a cultish world straight out The Da Vinci Code. The beguiling cellars lie on the site of Gallo-Roman chalk mines and summon up mysterious monks, apparitions only dispelled by copious tastings of Taittinger. But, even here, in the royal capital, Champagne is a serious affair – beyond bubbles and balance sheets. Pierre Emmanuel Taittinger peruses de Gaulle’s Memoirs for moral lessons and, mindful of his Champagne dynasty’s duty to the region, has commissioned new stained glass for Reims Cathedral. Sparkling yet serious, Champagne is more than a bubbly blonde. BB I UNO STILE DI VITA46 Stay at the Royal Champagne in Epernay. Tel. +33 (0) 3 26 52 87 11, email reservation@royalchampagne.com.
  43. 43. UNO STILE DI VITA I 47 visitatori possono gustare delicati piatti a base di frutti di mare ma anche ricette più corpose a base di carne, specialmente d'agnello e straordinari salumi e formaggi. Cosa comprare Olio d’oliva e prodotti a base di lavanda, oggetti d'arte, articoli per la pittura e l’arte, tessuti e articoli per la casa, vini. Attività Una passeggiata fra le innumerevoli gallerie d’arte di questo villaggio del XVI secolo. La sera, i locali illuminano le vie della città con candele, creando un’atmosfera fatata. Potrete posizionare un cavalletto e dipingete il paesaggio, oppure concedervi un’escursione sulle colline circostanti. LE SAINT PAUL NESTLES INSIDE THE ANCIENT CITY WALLS Saint Paul de Vence Tips from the concierge Le Saint Paul is built inside the medieval ramparts of the hilltop village of Saint Paul de Vence, for centuries an inspiration to artists, thanks to its beautiful setting and the clarity of the light. What to see The Fondation Maeght, a valuable collection of contemporary art, is within walking distance of the hotel, while nearby towns include Vence, Biot, Cannes, Mougins and Grasse. Food and wine The cuisine of Provence is based on herbs – basil, savory, rosemary, thyme – and produce of the land; tomatoes, olives, garlic, fennel, aubergine, peppers. Expect delicate seafood dishes and robust meats, particularly lamb, as well as superb charcuterie and cheeses. What to buy Olive oil and lavender products; art; art supplies; costume jewellery, fabrics and homeware; wines. Activities Wander round the 16th century village, where there are countless art galleries; at night, local establishments place candles in the narrow alleys, giving the place a magical feel. Visit the cemetery at the edge of the village, where Marc Chagall is buried. Set up an easel and paint the landscape, or walk or cycle in the surrounding hills. Cosa vedere La Fondation Maeght che custodisce una preziosa collezione d’arte contemporanea, è situata a poca distanza dall’hotel, mentre altre località d'interesse nelle vicinanze sono: Vence, Biot, Antibes, Cannes, Mougins e Grasse. Bere e mangiare La cucina provenzale si basa sulle erbe - basilico, santoreggia, rosmarino, timo - e sui prodotti del territorio, come pomodori, olive, aglio, finocchio, melanzane e peperoni. I Le Saint Paul For detailed tips from our concierges online, visit www.baglionihotels.com. In each hotel, the concierge can help you with things to see and do, and places to eat, beyond the usual tourist venues.
  44. 44. Set in an 18th century Provençal mansion amidst seven acres of lush gardens, the Villa Gallici Hotel lies close to the heart of Aix-en- Provence, a setting that once inspired the great Paul Cézanne. What to see Look at the Sainte Victoire, a mountain that was an inspiration to notables such as Cézanne and Zola and appears in many of Cézanne’s paintings. In the town centre, the beautiful Granet Museum exhibits original paintings of Cézanne; this was once his art school. Out of town, visit Jas de Bouffan, the estate of Cézanne’s father, and The Lauves, the artist’s last workshop, preserved as he left it when he died. Further afield are Avignon, Marseille, the village of Cassis and St Rémy de Provence. Food and wine Local specialities include aioli, garlic and basil vegetable soup (la soupe au pistou), pompe à l’huile cake (made with olive oil, oranges, and almonds), calissons (sugary almond confections), olive oil and fougasse bread. On Tuesday, Thursdays and Saturday mornings, visit the Provençal market in the town centre for a dazzling display of produce and flowers. What to buy Anything made with lavender; fresh flowers; olive oil products; Provençal wines; antiques; art. Activities Aix is the perfect spot to take a course of French lessons, or try Provençal cookery, or take classes alongside the many amateur artists who flock here, inspired by Cézanne. There are festivals year-round; summer brings the International Festival of Dance and in July, the International Opera Festival attracts an international audience. Cosa vedere Non si può non ammirare la Sainte Victoire, la montagna che fu di ispirazione a grandi artisti e scrittori come Cézanne e Zola e che appare in diversi quadri del pittore. Nel centro cittadino, lo splendido Museo Granet - un tempo scuola d'arte frequentata da Cézanne - espone opere originali dell'artista. Fuori città, vale la pena fare una visita alla Bastide du Jas de Bouffan, proprietà del padre di Cézanne e a Les Lauves, l'ultimo atelier del pittore, lasciato intatto dal giorno della sua morte. Nelle vicinanze, altre località di interesse sono Avignone, Marsiglia, il paesino di Cassis e St Rémy de Provence. Bere e mangiare Fra le specialità gastronomiche locali spiccano l'aioli, la soupe au pistou (zuppa a base d'aglio, basilico e verdure), la pompe à l’huile (una torta fatta con olio d'oliva, arance e mandorle), i calissons (pasticcini alla pasta di mandorle), l'olio d'oliva e il pane fougasse. Il martedì, giovedì e sabato mattina vale la pena visitare il mercato provinciale del centro, con la sua spettacolare e caratteristica distesa di prodotti locali e fiori. Cosa comprare Prodotti alla lavanda o all'olio d'oliva di qualsiasi tipo, fiori freschi, vini provenzali, oggetti d'arte e d’antiquariato. Attività Aix-en-Provence è il luogo perfetto per frequentare un corso di francese, per cimentarsi con la cucina provenzale o prendere lezioni di pittura in compagnia dei tanti artisti amatoriali che invadono la cittadina tanto amata da Cézanne. La città offre festival d’arte in ogni momento dell'anno: l'estate è il tempo del festival internazionale di danza e luglio offre il Festival International d'Art Lyrique, che richiama un esteso pubblico internazionale. I UNO STILE DI VITA48 VILLA GALLICI IS AN OASIS OF CALM CLOSE TO THE CITY CENTRE Aix-en-Provence Tips from the concierge For detailed tips from our concierges online, visit www.baglionihotels.com. In each hotel, the concierge can help you with things to see and do, and places to eat, beyond the usual tourist venues. Villa Gallici
  45. 45. ® via Antonio Vivaldi, 12 • 24040 Calvenzano (Bg) Italy Tel. +39 0363 86146 • Fax +39 0363 85200 • info@cigarstime.it • www.cigarstime.it a brand of DeART since 1962 Your private world Zeus Bespoke cabinets with multifunctional interior ranging from high-tech cigar humidification systems, to watch winders and wines. Cabinet interiors can accommodate a range of functionalities to meet the most discerning of clients. clessidra87.it cm.125x65x180H
  46. 46. Travel safe, you are fully protected Price is correct at the time of going to print. All holidays are subject to availability.. Call 020 8780 7900 www.vikingrivercruises.co.uk picture perfect journeys Europe • Russia • Asia
  47. 47. UNO STILE DI VITA I 51 Cosa comprare Champagne per arricchire le proprie cantine, confezioni regalo di biscotti rosa, tappi di champagne al cioccolato, tartufi allo champagne e formaggi locali. Attività Una visita turistica di Reims, una gita in bicicletta tra i vigneti o un viaggio in mongolfiera per ammirare il panorama dall'alto, degustazioni di champagne con i tour delle cantine. In settembre, gli ospiti possono assistere allo svolgimento della vendemmia e dopo una lezione con un professionista, raccogliere personalmente qualche grappolo. COUNTRY HOUSE STYLE WITH VIEWS OVER THE VINEYARDS AT THE ROYAL CHAMPAGNE Champillon- Epernay Tips from the concierge A former coaching inn close to Reims, and once frequented by Napoleon and his generals, the Royal Champagne today nestles amidst mile after mile of vineyards in the heart of the Champagne area. What to see Nearby Epernay lies on the wine route, known as Route Vallée de Marne, leading to Hautvillers, Ay, Dizy, Cumières and Chatillon. All along the Route Côte des Blancs, starting from Epernay towards the south to Vertus and Villenauxe le Grand, you can visit the vineyards and the Champagne cellars, many of them world-famous. The town of Hautvillers, for example, is home to the medieval abbey of Dom Pérignon, which bears the name of the monk who, according to legend, invented Champagne. Food and wine The hotel’s cellar alone contains more then 300 Champagnes and Chef Franck Fuchs creates magnificent menus to complement the wines using delicate local flavours of fish and game. In season, look out for fresh truffles on the menu. The local area is also known for its rye gingerbread and its Biscuits Roses, a pink biscuit, speckled with vanilla, that has the distinction of not crumbling when dipped in Champagne. What to buy Champagne to take home; gift boxes of Biscuits Roses; chocolate Champagne corks; Champagne truffles; local cheeses. Activities Sightseeing in Reims; cycling through the vineyards or hot air ballooning over them; tasting Champagne on various cellar tours. In September, guests can learn about the wine harvest and after a lesson with a professional, pick some grapes themselves. Cosa vedere Sulla via del vino - la Route Vallée de Marne che porta a Hautvillers, Ay, Dizy, Cumières e Chatillon - si trova la località di Epernay. La Route Côte des Blancs, partendo da Epernay in direzione sud verso Vertus e Villenauxe le Grand, è costeggiata da una successione di vigne e cantine di champagne, che è possibile visitare. Molte sono celebri in tutto il mondo. Per esempio la cittadina di Hautvillers ospita l'abbazia medievale di Dom Pérignon, che porta il nome del monaco la cui leggenda racconta che fu l’inventore dello champagne. Bere e mangiare Le cantine dell'hotel Royal Champagne contengono più di 300 champagne e lo Chef Franck Fuchs crea menu eccezionali che si sposano perfettamente con questi vini, dando vita a piatti dai sapori delicati di pesce e selvaggina. Nella giusta stagione, si potranno degustare i piatti a base di tartufo fresco. La zona è anche nota per il suo panpepato ed i biscotti rosa guarniti di vaniglia che hanno la caratteristica proprietà di non sbriciolarsi una volta immersi nello champagne. Royal Champagne For detailed tips from our concierges online, visit www.baglionihotels.com. In each hotel, the concierge can help you with things to see and do, and places to eat, beyond the usual tourist venues.
  48. 48. Birthplace of the Italian language and centre of the Renaissance, Florence is one of Europe’s greatest artistic and cultural capitals. What to see Florence’s art collections have achieved worldwide acclaim, particularly the Uffizi Gallery (book in advance), the Pitti Gallery and the Accademia Gallery. Lose yourself in the medieval city centre, wandering from the exquisite Ponte Vecchio to the dizzying dome of the Cathedral, the gold splendour of the Basilica of San Lorenzo and numerous pretty squares and magnificent churches. Food and wine True Florentine cuisine has rustic roots in bread, olive oil, meat and wine. Try variations on crostini and bruschette, followed by a true fiorentina, a T-bone steak grilled over chestnut embers. Game from the surrounding hills is also popular, as are the legendary wines of Chianti. For dessert, try castagnaccio, made with chestnut flour, pine nuts, raisins, rosemary and olive oil. What to buy Gucci, Ferragamo, Cavalli and Pucci all have ateliers in Florence, with many other designers’ flagship stores here. Don’t miss the designer outlets, such as The Mall in Leccio, just outside the city. Florence is also brimming with designer shoe and leather shops, as well as handmade jewellery. Nightlife The San Nicolò area near the Ponte Vecchio, between the Arno and Piazzale Michelangelo, is packed with small restaurants. At weekends, locals flock to the pubs and wine bars along the River Arno. In the centre, check out the historical cafes around Piazza della Repubblica, Piazza della Signoria, Via Cavour and Via de' Tornabuoni. Cosa vedere Le collezioni d’arte di Firenze riscuotono un grande consenso in tutto il mondo, in particolare la Galleria degli Uffizi a Palazzo Pitti e la Galleria dell’Accademia (si consiglia quindi di prenotare in anticipo). Perché non avventurarsi senza meta nel centro storico medievale, passeggiando dal delizioso Ponte Vecchio fino alla stupefacente cupola della Cattedrale, ammirando lo splendore dorato della Basilica di San Lorenzo, le numerose bellissime piazze e la magnificenza delle chiese? Bere e mangiare La cucina tradizionale fiorentina I UNO STILE DI VITA52 ABOVE: FLORENCE ABOVE RIGHT: THE RELAIS SANTA CROCE Tips from the concierge For detailed tips from our concierges online, visit www.baglionihotels.com. In each hotel, the concierge can help you with things to see and do, and places to eat, beyond the usual tourist venues. Florence Relais Santa Croce affonda le sue radici in ingredienti rustici come il pane, l’olio d’oliva, la carne e il vino. Come antipasto si consigliano i vari tipi di crostini e le bruschette per proseguire con una vera fiorentina, la caratteristica bistecca con l’osso cucinata alla griglia utilizzando braci di castagno. E’molto apprezzata anche la selvaggina delle colline circostanti, così come i leggendari vini del Chianti. Per dessert, da assaggiare il castagnaccio, preparato con farina di castagne, pinoli, uvetta, rosmarino e olio d’oliva. Cosa comprare Gucci, Ferragamo, Cavalli e Pucci hanno il proprio atelier a Firenze dove è possibile trovare anche i punti vendita monomarca di molti altri stilisti. Da non perdere gli outlet delle firme più importanti, come The Mall a Leccio, appena fuori città. Firenze inoltre è sede di numerosissimi negozi di scarpe, di accessori in pelle e gioiellerie artigianali. Attività La zona di San Nicolò, nelle vicinanze del Ponte Vecchio, tra l’Arno e Piazzale Michelangelo ospita numerosi piccoli ristoranti. Nei fine settimana i fiorentini si riuniscono nei pub e nei wine bar sul lungarno. In centro da visitare i caffè storici intorno a Piazza della Repubblica, Piazza della Signoria, Via Cavour e Via de' Tornabuoni.
  49. 49. Casetoscane® Real EstateTuscany (Italy): Lucignano and Arezzo - www.casetoscane.com - info@casetoscane.com Tel/Fax (+39) 0-575837242 - Mobile: (+39) 3356755648 - (+39) 3480712517 - (+39) 3493914806 Immobili di prestigio, casali tipici toscani, aziende agricole e appartamenti nelle più rinomate aree della campagna toscana e nei più importanti centri storici e città d’arte. Prestigious buildings, typical Tuscany farmhouses, farms and apartments in the most beautiful areas of Tuscany counrtyside and in the most prestigious historical centres.

×