Successfully reported this slideshow.
Your SlideShare is downloading. ×

STATI GENERALI del TURISMO per il PIEMONTE | #8 di 8 Langhe e Roero | Instant Report

STATI GENERALI del TURISMO per il PIEMONTE | #8 di 8 Langhe e Roero | Instant Report

Download to read offline

Stati Generali del Turismo per il Piemonte
verso la stesura di un Piano Strategico
https://statigenerali.piemonte-turismo.it/

INSTANT REPORT con la sintesi del contributo delle persone del pubblico e del privato coinvolte nei Laboratori d'Innovazione Turistica e restituito alle pubblico in sessione plenaria.

#8 di 8. Langhe e Roero

Castello di Grinzane Cavour
Enoteca Regionale Piemontese Cavour
Via Castello, 5
Mercoledì 5 e giovedì 6 settembre 2018

https://statigenerali.piemonte-turismo.it/portfolio-item/langhe-roero/

Stati Generali del Turismo per il Piemonte
verso la stesura di un Piano Strategico
https://statigenerali.piemonte-turismo.it/

INSTANT REPORT con la sintesi del contributo delle persone del pubblico e del privato coinvolte nei Laboratori d'Innovazione Turistica e restituito alle pubblico in sessione plenaria.

#8 di 8. Langhe e Roero

Castello di Grinzane Cavour
Enoteca Regionale Piemontese Cavour
Via Castello, 5
Mercoledì 5 e giovedì 6 settembre 2018

https://statigenerali.piemonte-turismo.it/portfolio-item/langhe-roero/

More Related Content

Related Books

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

STATI GENERALI del TURISMO per il PIEMONTE | #8 di 8 Langhe e Roero | Instant Report

  1. 1. Sintesi dei Laboratori d’Innovazione Turistica Paola Casagrande Grinzane Cavour, 5 – 6 settembre 2018
  2. 2. Sintesi delle istanze, dei temi e delle proposte dei partecipanti “ Langhe Roero e Monferrato: il territorio del gusto che ti meriti”
  3. 3. Sintesi delle istanze, dei temi e delle proposte dei partecipanti Agli Stati Generali delle Langhe e Roero hanno partecipato un numero limitato di rappresentanti delle associazioni di categoria della filiera turistica del territorio e degli enti locali; buona rappresentanza degli operatori.
  4. 4. Sintesi delle istanze, dei temi e delle proposte dei partecipanti In rilievo • Rilevante il tema trasporti: rivedere il piano di mobilità turistica territoriale per • raggiungere la destinazione, • per sviluppare e migliorare la mobilità interna, • per il coordinamento della logistica territoriale. • Sostegno e coordinamento regionale per lo sviluppo del prodotto in ampiezza e profondità di gamma. • Sviluppare un piano di formazione specifica e individuale dedicata a segmenti e profili turistici di particolare interesse con intervento di speaker e case study di comprovato successo.
  5. 5. Vantaggio competitivo intrinseco • Paesaggio vitivinicolo delle Langhe Roero e Monferrato (UNESCO). • Enogastronomia di altissimo livello: • Tartufo Bianco d’Alba, • Barolo e Barbaresco e tutte le DOC e DOCG del territorio, • Chef Stellati, • Ristorazione di qualità diffusa, • Sede di Slow Food, • Università di Scienze Enogastronomiche. • Castelli e Borghi storici. • Proposte outdoor e sportive integrate con il paesaggio a forte vocazione vitivinicola per tutti i profili. • Eventi di grande richiamo internazionale: Fiera internazionale del Tartufo Bianco d’Alba; Collisioni; … • Vicinanza al mare.
  6. 6. Sintesi delle istanze, dei temi e delle proposte dei partecipanti Marketing del turismo enogastronomico Proposta di valore • Vino, Tartufo, tradizione del territorio. Fabbisogni / attività da sviluppare • Raccontare il territorio presentando un prodotto enogastronomico. • Far percepire l’autenticità del prodotto (piatto, frutto, …). • Investire sull’esperienza di conoscenza della produzione. Partner, attività e risorse chiave di successo • Con il sostegno degli Enti e Istituzioni, attivare un monitoraggio della ricaduta della spesa turistica enogastronomica (mappatura della filiera e monitoraggio in collaborazione con gli operatori della filiera turistica e dei produttori enograstronomici).
  7. 7. Sintesi delle istanze, dei temi e delle proposte dei partecipanti Turismo outdoor In evidenza • Volontà di diversificare l’offerta ritenendolo un elemento essenziale per la destagionalizzazione. • Il bike e il trekking sono le pratiche outdoor ritenute più promettenti per lo sviluppo. • Criticità relativa alla segnaletica e manutenzione dei percorsi. Segmenti di clientela • Investire sui mercati • Italia, • Nord Europa , Australia e Regno Unito. • Appassionati e NON appassionati sportivi, individuali e senior.
  8. 8. Sintesi delle istanze, dei temi e delle proposte dei partecipanti Turismo outdoor Proposta di valore • Varietà del paesaggio: ogni giorno un percorso diverso. Comunicazione (Relazioni con i clienti - Canali) • Web, • Fiere di settore specializzate. Partner, attività e risorse chiave di successo • Istituzioni e Enti locali per • migliorare la segnaletica e la manutenzione dei percorsi, • promuovere lo sviluppo prodotto: mappatura e creazione della filiera.
  9. 9. Sintesi delle istanze, dei temi e delle proposte dei partecipanti Piccole destinazioni In evidenza • Frammentazione delle informazioni, • Difficoltà all’accoglienza di gruppi numerosi, • Offerta limitata di tour personalizzati per piccoli gruppi, • Orari di apertura dei luoghi culturali, • Collaborazione con gli operatori delle cantine, • Offerta ricettiva alberghiera vs le nuove forme di ricettività (Airbnb), • Esperienza autentica vs “comfort zone di destinazione organizzata” (offerta turistica caratterizzata da: ad es. assenza della rete internet, della possibilità di pagare con carta di credito, della conoscenza di lingue straniere, etc…).
  10. 10. Sintesi delle istanze, dei temi e delle proposte dei partecipanti Piccole destinazioni Partner, attività e risorse chiave di successo • Creare consapevolezza fra gli operatori del territorio, • Aumentare la consapevolezza degli Enti, • Migliorare la segnaletica. Strumenti e opportunità • Bandiere Arancioni, • Bandi GAL - Piano di sviluppo rurale.
  11. 11. Sintesi delle istanze, dei temi e delle proposte dei partecipanti Turismo Family In evidenza • Esperienze da vivere in famiglia con «spazi» di relax per gli adulti (servizi di intrattenimento e baby-sitting). • Aumentare l’ampiezza e la profondità di gamma del prodotto. Segmenti di clientela • Provenienze Nord Europee, Olanda, Belgio e Danimarca • Famiglie con bambini periodo estivo / vacanze scolastiche • Russia e USA • Senior ad alta capacità di spesa (no kids), • Famiglie con bambini con servizi dedicati (es. cena + intrattenimento per i bambini, …),
  12. 12. Sintesi delle istanze, dei temi e delle proposte dei partecipanti Turismo Family Comunicazione (Relazioni con i clienti - Canali) • Necessità di disporre di materiale informativo in lingua Proposta di valore • Prodotti “pronti al consumo”, “disponibili a scaffale”, oltre ad esperienze già attive • Baby’s Hills • Wine Museum • Orto sinergico → Fattorie didattiche Partner, attività e risorse chiave di successo • Certificazione di destinazione (Family friendly a livello di città) • Enti e istituzioni come facilitatori per la progettazione della certificazione → volano di promozione.
  13. 13. Sintesi delle istanze, dei temi e delle proposte dei partecipanti Sviluppo sostenibile del turismo del paesaggio UNESCO Per tutelare il paesaggio e sviluppare il turismo: • sollecitare e collaborare con gli operatori economici (produttori di vino) per la fruizione del territorio: • Sia per la distribuzione logistica (es. TIR), • Sia per l’esperienza del soggiorno (limitato e oneroso il servizio di trasporto interno a chiamata NCC), (continua →)
  14. 14. Sintesi delle istanze, dei temi e delle proposte dei partecipanti Sviluppo sostenibile del turismo del paesaggio UNESCO • investire sull’esperienza autentica di soggiorno, • sviluppare collaborazioni con i nuovi navigatori in lingua estera→ Google Maps, • mappatura dei percorsi per “Booking online delle esperienze”, • affiancamento one-to-one per lo sviluppo delle competenze di social media marketing per gli operatori delle piccole strutture.
  15. 15. Sintesi delle istanze, dei temi e delle proposte dei partecipanti Luxury Experience In evidenza • Mantenere l’offerta del territorio per un segmento di cliente di fascia medio – alta, • Investire su alcuni segmenti luxury (Tribes) sviluppare un’offerta adeguata. Segmenti di clientela su cui puntare coerenti con la cultura del territorio • “Indipendenti e facoltosi” (es. Single con alti standard di aspettative → coccolarsi), • “Facoltosi senza tempo” (es. Businessmen → cercano privacy per trascorrere del tempo con la famiglia in luoghi da sogno), • “Occasioni speciali” (es. Fascia alta che in alcune occasioni si concede una vacanza di lusso), • “Bluxury” (business & luxury).
  16. 16. Sintesi delle istanze, dei temi e delle proposte dei partecipanti Luxury Experience Comunicazione (Relazioni con i clienti - Canali) • Fiere B2B dedicate al Luxury: ATM Cannes, PURE Marrakech, TRAVELUX Venezia. Proposta di valore • Capacità di rispondere in modalità TAILOR MADE. Partner, attività e risorse chiave di successo • Formazione specifica agli operatori turistici (ricettività, personal shopper, food sherpa, travel agent, etc…)  speaker altamente specializzati, • Enti e istituzioni come facilitatori di una comunicazione mirata verso gli operatori per sviluppare ampiezza e profondità di gamma dell’offerta turistica (es. collaborazione con i produttori del vino per dedicare una parte della produzione allo sviluppo del turismo del lusso).
  17. 17. Stati Generali del Turismo www.statigenerali.piemonte-turismo.it
  18. 18. GRAZIE PER LA PARTECIPAZIONE !!! informazioni su: www.visitpiemonte.it www.facciamoculturismo.it

×