Successfully reported this slideshow.
Your SlideShare is downloading. ×

Sentiero Calabria, il progetto

Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Pubblicazione a cura di / Published By
Giorgio Cotroneo
Responsabile del Procedimento
Ing. Sabrina Scalera
Hanno collabora...
È camminando per i sentieri e le strade di questa terra
che percepirai quanto i ritmi della natura siano vicini a quelli d...
Presentazione
“Viaggiare in Calabria significa compiere
un gran numero di andirivieni, come se
si seguisse il capriccioso ...
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Check these out next

1 of 58 Ad

Sentiero Calabria, il progetto

Download to read offline

Camminare, voce del verbo conoscere. Lungo il Sentiero Calabria ala scoperta di Luoghi, Culture, Tradizioni

https://scientificwte.it/event/sentiero-calabria/

WTE World Tourism Event for World Heritage Sites
XIIIa Edizione Consecutiva, da giovedì 15 a sabato 17 settembre 2022
A VERONA, Palazzo della Gran Guardia in piazza Bra, proprio di fronte all'Arena
https://scientificwte.it/

L’itinerario del Sentiero Calabria è costituito dal tratto calabrese del Sentiero Italia e dai percorsi, o piste interne, denominati sentieri di avvicinamento, utilizzati per la fruizione naturalistica e ambientale delle aree protette.

Il percorso che attraversa i Parchi Nazionali dell’Aspromonte, della Sila e del Pollino ed il Parco Regionale delle Serre, rappresenta il percorso escursionistico principale per la fruizione del patrimonio naturale, paesaggistico e storico-culturale delle aree interne della Calabria.

Il “Sentiero Calabria” nasce dall’idea di collegare l’intero territorio regionale con un unico percorso costituito da 35 tappe, cercando di creare un’offerta strutturata con i servizi integrati nel territorio.

Il sentiero, i cui tratti sono in larga parte coincidenti con quelli del “Sentiero Italia”, è un percorso escursionistico che, percorrendo longitudinalmente la regione, collega le aree naturalistiche, i borghi e le aree protette che da Reggio Calabria, attraversando tutto il Parco Nazionale dell’Aspromonte, il Parco Regionale delle Serre ed il Parco Nazionale della Sila, giunge fino al Parco Nazionale del Pollino.

Camminare, voce del verbo conoscere. Lungo il Sentiero Calabria ala scoperta di Luoghi, Culture, Tradizioni

https://scientificwte.it/event/sentiero-calabria/

WTE World Tourism Event for World Heritage Sites
XIIIa Edizione Consecutiva, da giovedì 15 a sabato 17 settembre 2022
A VERONA, Palazzo della Gran Guardia in piazza Bra, proprio di fronte all'Arena
https://scientificwte.it/

L’itinerario del Sentiero Calabria è costituito dal tratto calabrese del Sentiero Italia e dai percorsi, o piste interne, denominati sentieri di avvicinamento, utilizzati per la fruizione naturalistica e ambientale delle aree protette.

Il percorso che attraversa i Parchi Nazionali dell’Aspromonte, della Sila e del Pollino ed il Parco Regionale delle Serre, rappresenta il percorso escursionistico principale per la fruizione del patrimonio naturale, paesaggistico e storico-culturale delle aree interne della Calabria.

Il “Sentiero Calabria” nasce dall’idea di collegare l’intero territorio regionale con un unico percorso costituito da 35 tappe, cercando di creare un’offerta strutturata con i servizi integrati nel territorio.

Il sentiero, i cui tratti sono in larga parte coincidenti con quelli del “Sentiero Italia”, è un percorso escursionistico che, percorrendo longitudinalmente la regione, collega le aree naturalistiche, i borghi e le aree protette che da Reggio Calabria, attraversando tutto il Parco Nazionale dell’Aspromonte, il Parco Regionale delle Serre ed il Parco Nazionale della Sila, giunge fino al Parco Nazionale del Pollino.

Advertisement
Advertisement

More Related Content

More from BTO Educational (20)

Recently uploaded (18)

Advertisement

Sentiero Calabria, il progetto

  1. 1. Pubblicazione a cura di / Published By Giorgio Cotroneo Responsabile del Procedimento Ing. Sabrina Scalera Hanno collaborato ai testi / Have collaborated on the texts Giorgio Cotroneo (Parco Nazionale Dell'aspromonte) Antonio Melasi Arturo Valicenti - Carmelo Pizzuti (Parco Nazionale del Pollino) Testi liberamente tratti dal sito Parco Nazionale della Sila Testi liberamente tratti dal sito del Parco Naturale Regionale Delle Serre Per le elaborzioni cartografiche / For cartographic elaborations Dott.ssa Giada Crocè Traduzione testi / Text translation Introduzione e Parco Nazionale dell’Aspromonte/Introduction and Aspromonte National Park Sara Rita Cotroneo Parco Nazionale del Pollino / Pollino National Park Arturo Valicenti – Carmelo Pizzuti Il Progetto “Sentiero Calabria” è stato ideato e coordinato da The project “Sentiero Calabria” was conceived and coordinated by Dott. Giovanni Aramini, Dott.ssa Rosa Commisso Dott.ssa Anna Maria Corea, Dott. Raffaele Paone Grafica e impaginazione / Graphics and layout Marco Cordiani Stampa / Print Iiriti Editore - Reggio Calabria Prima Edizione Aprile 2022 First Edition April 2022 © Regione Calabria E fatto divieto di copiare, alterare, distribuire, pubblicare o utilizzare i contenuti della guida senza autorizzazione da parte degli autori e dell’editore. Le foto utilizzate per i parchi della Sila, delle Serre e dell’Aspromonte sono state tratte dai siti istituzionali dei tre enti. PARCO NAZIONALE DEL POLLINO Complesso monumentale S. Maria della Consolazione 85048 - Rotonda (PZ) +39 0973 669311 ente@parconazionalepollino.it www.parconazionalepollino.it PARCO NAZIONALE DELLA SILA Via Nazionale snc 87055 - Lorica di San Giovanni in Fiore (CS) + 39 0984 537109 info@parcosila.it www.parcosila.it PARCO NATURALE REGIONALE DELLE SERRE Via Santa Rosellina, 2 89822 - Serra S. Bruno (VV) +39 0963 772825 info@parcodelleserre.it www.parcodelleserre.it PARCO NAZIONALE DELL’ASPROMONTE Via Aurora, 1 89057 - Gambarie di Santo Stefano in Aspromonte (RC) +39 0965 743060 info.posta@parconazionaleaspromonte.it www.parconazionaleaspromonte.it
  2. 2. È camminando per i sentieri e le strade di questa terra che percepirai quanto i ritmi della natura siano vicini a quelli dell’uomo, quanto siano reciproci e indissolubili. Quanto il viaggiare e il suo procedere sia condizione vitale e necessaria, a soddisfare i bisogni dell’umana sorte. Allorché repentina ti appare la vetta di una montagna, e poi un impervio greppo, e poi ancora sollevando lo sguardo, il silenzio delle coste e dei mari, e tu estasiato siedi improvviso, per tanta gratitudine e beltà. Nino Morena
  3. 3. Presentazione “Viaggiare in Calabria significa compiere un gran numero di andirivieni, come se si seguisse il capriccioso tracciato di un labirinto. Rotta da quei torrenti in forte pendenza, non solo è diversa da zona a zona, ma muta con passaggi bruschi, nel paesaggio, nel clima, nella composizione etnica degli abitanti. È certo la più strana tra le nostre regioni. Nelle sue vaste plaghe montane talvolta non sembra d’essere nel Mezzogiorno, ma in Svizzera, nell’Alto Adige, nei paesi scandinavi. Da questo Nord immaginario si salta a foreste d’olivi, lungo coste del classico tipo mediterraneo. Vi si incuneano canyons che ricordano gli Stati Uniti, tratti di deserto africano ed angoli in cui gli edifici conservano qualche ricordo di Bisanzio....” Così scriveva Guido Piovene, nel suo libro “Viaggio in Italia”, quando nel 1957 attraversò l’intera Penisola, giungendo fino in Calabria. Un viaggio che gli fece scoprire una natura incontaminata, paesaggi mozzafiato, corsi d’acqua dallo scorrere impetuoso, spettacolari architetture geologiche, luoghi meravigliosi. È l’Italia del boom economico quella descritta da Piovene, ma la Calabria è Presentation “Travelling in Calabria involves going back and forth numerous times, as if following the whimsical layout of a labyrinth. Torn by those steeply sloping streams, it is not only different from area to area, but changes with abrupt transitions, in landscape, climate, and in the ethnic composition of its inhabitants. It is certainly the strangest of our regions. With its vast mountainous plains, at times it does not feel as if we are in southern Italy, but in Switzerland, South Tyrol or the Scandinavian countries. From this imaginary north, one jumps to olive groves along classic Mediterranean coastlines. There are canyons reminiscent of the United States, stretches of African desert and corners where the buildings retain some memories of Byzantium....” So wrote Guido Piovene in his book ‘Viaggio in Italia’ (Journey in Italy), when he crossed the entire peninsula in 1957, reaching as far as Calabria. This journey led him to discover uncontaminated nature, breathtaking landscapes, rushing waterways, spectacular geological architecture and marvellous places. It is the Italy of the economic boom that Piovene describes, but Calabria is P r e s e n t a z i o n e p r e s e n t a t i o n 5
  4. 4. un’altra storia….. qui si respira aria intrisa di tradizioni millenarie. E non è un caso che il nome originario della costa ionica calabrese fosse “Italia”, lo stesso appellativo con cui, successivamente, l’Imperatore Augusto volle identificare l’intero stivale, segno evidente di quanto la Magna Grecia fosse il cuore pulsante della cultura mediterranea. La varietà di ricchezze naturali e paesaggistiche del nostro territorio suggella questo primato: grazie agli odierni tre Parchi Nazionali, l’Aspromonte, la Sila ed il Pollino, unitamente a quello regionale delle Serre e alle diverse aree naturali protette, la terra bruzia è uno scrigno di tesori ambientali ed antropologici dall’incomparabile valenza. La particolare conformazione dei rilievi montuosi, arricchita dalla presenza di autentici monumenti geologici, è il frutto di un’evoluzione assai varia delle plurisecolari dinamiche geomorfologiche. E l’indecifrabile caratterizzazione del territorio, talvolta impervio e impraticabile nemico, talvolta accessibile e benevolo complice, sembra riflettere il carattere tipico another story… here you can breathe air steeped in age-old traditions. And it is no coincidence that the original name of the Ionian coast of Calabria was “Italia”, the same name later used by Emperor Augustus to identify the entire boot, a clear sign of how Magna Graecia was the beating heart of Mediterranean culture. The variety of natural and landscaped riches of our territory seals this supremacy. Thanks to the three National Parks of Aspromonte, Sila and Pollino, together with the regional one of Serre and the various protected natural areas, the land of Brucia is a casket of environmental and anthropological treasures of incomparable value. Enriched by the presence of authentic geological monuments, the particular conformation of its mountain ranges is the result of a highly varied evolution of centuries-old geomorphological dynamics. The indecipherable characterisation of the land, at times an impervious and impractical enemy, at times an accessible and benevolent accomplice, seems to reflect the typical character of the Calabrese, stubborn and grumbling, while at the same time expansive and caring. It is a logical consequence that only those who decide to travel on foot, respecting the pace of the centuries-old places that welcome them, can admire and fully appreciate all the riches of a micro-world so full of contrasting and fascinating values. In this regard, Francesco Bevilacqua writes: “..... The experience of extreme slowness, more extreme than riding, cycling, or having someone or something under your backside to help you move, cannot compare to anything in regards to the P r e s e n t a z i o n e p r e s e n t a t i o n 6
  5. 5. del calabrese, testardo e mugugnone, ma al contempo espansivo e premuroso. È logica conseguenza che solo chi decide di andare a piedi, rispettando i tempi dei luoghi secolari che lo accolgono, può ammirare ed apprezzare appieno tutte le ricchezze di un micro-mondo così pregno di valori contrastanti e affascinanti. A tal proposito scrive Francesco Bevilacqua “…L’esperienza della lentezza estrema, più estrema del cavalcare, dell’andare in bici, dell’avere sotto il deretano qualcuno o qualcosa che aiuti il tuo movimento, non può essere paragonata a nulla quanto a possibilità di percezione del paesaggio, delle atmosfere dei luoghi, della loro intima bellezza, del loro Genius loci. Andando a piedi si è costretti a osservare ogni anfratto del terreno su cui si procede e quando si alzano gli occhi da terra ci si ferma a contemplare per quanto tempo si vuole ciò che si ha intorno. Andando a piedi si percepiscono odori, colori, sfumature e scorci di paesaggi che la fretta ci sottrae. Andando a piedi si ha tutto il tempo di entrare gradualmente nell’anima del luogo e di fare conoscenza con essa”. Con queste premesse, la Regione Calabria e gli Enti Parco hanno inteso realizzare il progetto “Sentiero Calabria”, sostenuto con i fondi del Programma Operativo della Regione 2014/2020 – Azione 6.6.1, mirando alla valorizzazione delle aree di elevata valenza naturalistica, attraverso la promozione di un turismo ecosostenibile, compatibile con il territorio e accessibile a tutti. possibility of perceiving the landscape, the atmosphere of places, their intimate beauty, the Genius of this place. When you walk, you are forced to observe every nook and cranny of the terrain, and when you raise your eyes from the ground, you stop to contemplate your surroundings for as long as you like. If you walk, you can perceive smells, colours, nuances and glimpses of landscapes that rushing takes away from you. Walking gives you plenty of time to gradually enter into the soul of the place and get to know it”. With this in mind, the Calabria Region and the Park Authorities have decided to set up the ‘Sentiero Calabria’ project, supported by funds from the Region’s Operational Programme 2014/2020 - Action 6.6.1, aimed at enhancing areas of high naturalistic value by promoting eco-sustainable tourism that is compatible with the territory and accessible to all. A 654 km walk along the “Sentiero Calabria” through nature and spectacular geosites reveals dense forests and wild animals. Here in the centre of the Mediterranean, villages have preserved their ancient architecture and cultural testimonies and nature is protected as life follows its own rhythms. Here where each excursion becomes an adventure, you discover colours and scents never before seen or heard. From the sea to the P r e s e n t a z i o n e p r e s e n t a t i o n 7
  6. 6. Una passeggiata di 654 km lungo il “Sentiero Calabria” tra natura e spettacolari geositi, fitti boschi e animali selvatici. Borghi che hanno conservato la loro antica architettura e testimonianze culturali, al centro del Mediterraneo, laddove la natura è tutelata e la vita segue i suoi ritmi ed ogni escursione diventa un’avventura, alla scoperta di colori e profumi mai visti o sentiti. Dal mare alla montagna, dall’Aspromonte al Pollino, passando per le Serre e la Sila, tra santuari, grotte, cascate, laghi e boschi: un susseguirsi di emozioni, in un contesto di profonda spiritualità e storia. Una nuova visione del sistema di offerta turistico-culturale, rivolta ad un’utenza avvezza a standard qualitativi ormai imprescindibili; affacciarsi a nuove frontiere del marketing territoriale significa rinnovare il modo di proporre l’offerta turistica, pur continuando ad incentrarla sulle peculiarità impareggiabili che la Calabria conserva da secoli. mountains, from Aspromonte to Pollino, passing through the Serre and Sila, among sanctuaries, caves, waterfalls, lakes and forests, a succession of emotions are experienced in a context of deep spirituality and history. A new vision of a cultural tourism system is offered, aimed at users accustomed to standards of quality that are now unavoidable. Confronting the new frontiers of regional marketing means presenting a newer touristic model, while continuing to focus on the incomparable characteristics that Calabria has preserved for centuries. P r e s e n t a z i o n e p r e s e n t a t i o n 8
  7. 7. P r o g e t t o p r o j e c t 1 0 Parco Nazionale del Pollino Parco Nazionale della Sila Parco Naturale Regionale delle Serre Parco Nazionale dell'Aspromonte Tappe - Routes Reggio Calabria - Gambarie Gambarie - Montalto Montalto - Polsi Polsi - San Luca Deviazione San Maria San Luca - Zervò Zervò - Villaggio Moleti Villaggio Moleti -Canolo Canolo - Limina Limina - Passo di Croce Ferrata Passo di Croce Ferrata - Fabrizia - Mongiana Mongiana - Serra San Bruno Serra San Bruno - Torre di Ruggiero Torre di Ruggiero - San Vito Sullo Ionio San vito Sullo Ionio - Girifalco Girifalco - Tiriolo Tiriolo - Santuario Madonna di Porto Santuario Madonna di Porto - Villaggio Mancuso Villaggio Mancuso - Villaggio Buturo Villaggio Buturo - Caporosa Caporosa - Lorica Lorica - Monte Botte Donato Monte Botte Donato - Camigliatello Silano Camigliatello Silano - Spezzano Piccolo Spezzano Piccolo - Piano Lago Piano Lago - Casellone Forestale di Monte Cocuzzo Casellone Forestale di Monte Cocuzzo - Passo della Crocetta Passo della Crocetta - Caserma Forestale di Cinquemiglia Caserma Forestale di Cinquemiglia - Cantoniera Pietrabianca Cantoniera Pietrabianca - Passo dello Scalone Passo dello Scalone - Sant'Agata di Esaro Sant'Agata di Esaro - Madonna del Pettoruto Madonna del Pettoruto - Piano di Lanzo Piano di Lanzo - Piano Novacco Piano Novacco - Morano Calabro Legenda - Legend Parco Nazionale del Pollino Parco Nazionale della Sila Parco Naturale Regionale delle Serre Parco Nazionale dell'Aspromonte Legenda
  8. 8. Progetto L’itinerario del Sentiero Calabria è costituito dal tratto calabrese del Sentiero Italia e dai percorsi, o piste interne, denominati sentieri di avvicinamento, utilizzati per la fruizione naturalistica e ambientale delle aree protette. Il percorso che attraversa i Parchi Nazionali dell’Aspromonte, della Sila e del Pollino ed il Parco Regionale delle Serre, rappresenta il percorso escursionistico principale per la fruizione del patrimonio naturale, paesaggistico e storico-culturale delle aree interne della Calabria. Il “Sentiero Calabria” nasce dall’idea di collegare l’intero territorio regionale con un unico percorso costituito da 35 tappe, cercando di creare un’offerta strutturata con i servizi integrati nel territorio. Il sentiero, i cui tratti sono in larga parte coincidenti con quelli del “Sentiero Italia”, è un percorso escursionistico che, percorrendo longitudinalmente la regione, collega le aree naturalistiche, i borghi e le aree protette che da Reggio Calabria, attraversando tutto il Parco Nazionale dell’Aspromonte, il Parco Regionale delle Serre ed il Parco Nazionale della Sila, giunge fino al Parco Nazionale del Pollino. La valenza storica e culturale di questo sentiero, per i luoghi che attraversa e per le vicende che lo hanno interessato nel corso degli ultimi due secoli, prevarica Project The itinerary of the Calabria Path consists of the Calabrian section of the Italy Path and by the stretches, or internal tracks, called approach paths, and is provided for the naturalistic and environmental usage of the protected areas. The route, which crosses the Aspromonte, Sila and Pollino National Parks and the Serre Regional Park, is the main hiking route for the enjoyment of the natural, landscape and historical-cultural heritage of the inland areas of Calabria. The “Sentiero Calabria” was born from the idea of connecting the entire regional territory with a single P r o g e t t o p r o j e c t 1 1 Photo: Tuttosamo.it
  9. 9. finanche l’inestimabile pregio paesaggistico e naturalistico del percorso, il quale si connota per la spettacolarità delle viste, l’eterogeneità dei paesaggi e la biodiversità vegetale che contraddistinguono l’intero territorio regionale. path consisting of 35 stages, while attempting to offer a structured way to integrate services in the territory. The path, whose stretches largely coincide with those of the ‘Sentiero Italia’, is a hiking trail that runs lengthwise across the region, linking naturalistic areas, villages and protected areas. From Reggio Calabria, crossing the whole Aspromonte National Park, the Serre Regional Park and the Sila National Park, the path reaches the Pollino National Park. The historical and cultural value of this path, due to the places it crosses and the events that have affected it over the last two centuries, outweighs even the inestimable worth of the landscape and nature of the route. The path is characterised by spectacular views, P r o g e t t o p r o j e c t 1 2
  10. 10. Sommario - Index PARCO NAZIONALE DELL’ASPROMONTE Presentazione; Paesaggi naturali; Paesaggi Geologici; Paesaggi Storico Culturali; Paesaggi enogastronomici. PARCO NATURALE REGIONALE DELLE SERRE Presentazione; Paesaggi naturali; Paesaggi Geologici; Paesaggi Storico Culturali; Paesaggi enogastronomici. PARCO NAZIONALE DELLA SILA Presentazione; Paesaggi naturali; Paesaggi Geologici; Paesaggi Storico Culturali; Paesaggi enogastronomici. PARCO NAZIONALE DEL POLLINO Presentazione; Paesaggi naturali; Paesaggi Geologici; Paesaggi Storico Culturali; Paesaggi enogastronomici. I t i n e r a r i p a t h 1 3
  11. 11. heterogeneous landscapes and plant biodiversity that distinguish the entire regional territory. This path is therefore located on the reference ridge of the region and is the main artery along which its indigenous history flows, both in terms of natural and cultural aspects. However, within the framework of this project, the strategic objective is to enhance the historical, naturalistic and tourist value of the “Calabria Path”, creating a network of connections between it and all the elements characterising the territory it crosses. The Calabria Path has been developed to about 1,600 km, compared to the 654 km of the Calabrian section of the Italy Path. P r o g e t t o p r o j e c t Tale sentiero si colloca quindi sulla dorsale di riferimento della regione ed è l’arteria principale su cui scorre la storia indigena, per quanto concerne sia gli aspetti naturalistici, sia quelli culturali. Tuttavia, nell’ambito del presente progetto, si è individuato come obiettivo strategico quello di potenziare il valore storico, nonché naturalistico e turistico, del “Sentiero Calabria”, realizzando una rete di connessione tra lo stesso e tutti gli elementi caratterizzanti il territorio che attraversa. Il Sentiero Calabria ha uno sviluppo di circa 1.600 km, a fronte dei 654 km del tratto calabrese del Sentiero Italia.
  12. 12. Itinerari / Paths PARCO NAZIONALE DELL’ASPROMONTE NATIONAL PARK OF ASPROMONTE Reggio Calabria - Gambarie. ................................................................................. km 25,7 Gambarie - Montalto - Polsi. ................................................................................. km 22,2 Polsi - San Luca........................................................................................................ km 13,0 Deviazione San Maria............................................................................................ km 12,3 San Luca - Piani di Zervò....................................................................................... km 21,0 Piani di Zervò - Villaggio Moleti.......................................................................... km 14,5 Villaggio Moleti - Canolo.......................................................................................km 9,1 Canolo - Limina....................................................................................................... km 11,5 Limina - Passo di Croce Ferrata............................................................................ km 17,0 PARCO NATURALE REGIONALE DELLE SERRE NATURAL REGIONAL PARK OF SERRE Passo di Croce Ferrata – Fabrizia - Mongiana................................................... km 17,4 Mongiana - Serra S. Bruno. .................................................................................... km 27,1 Serra S. Bruno - Torre di Ruggiero....................................................................... km 19,3 PARCO NAZIONALE DELLA SILA NATIONAL PARK OF SILA Camigliatello Silano - Spezzano Piccolo ..................................................... km 14,378 Camigliatello - Botte Donato ......................................................................... km 10,668 Botte Donato - Lorica ....................................................................................... km 16,309 Capo Rosa - Lorica ............................................................................................ km 15,930 Villaggio Buturo - Caporosa ........................................................................... km 27,734 Villaggio Mancuso - Villaggio Buturo ........................................................... km 20,685 PARCO NAZIONALE DEL POLLINO NATIONAL PARK OF POLLINO Piani di Novacco Morano Calabro....................................................................... km 13.5 Morano calabro Colle Gaudolino........................................................................ km 15.7 Santuario della Madonna del Pettoruto – Piano di Lanzo............................. km 18.8 Sant’Agata d’Esaro – Santuario della Madonna del Pettoruto. ..................... km 16.0 Passo Scalone – Sant’Agata d’Esaro. ................................................................... km 6.90 Passo scalone - Pietrabianca ............................................................................... km 20.3 Pietra Bianca - Cinquemiglia................................................................................ km 17.1 Ciquemiglia - Passo Crocetta............................................................................... km 17.4 Passo della crocetta - Bivio Monte Cocuzzo .................................................... km 13.5
  13. 13. PARCO NAZIONALE DELL’ASPROMONTE
  14. 14. Presentazione L’Aspromonte è situato nella punta estrema della Regione Calabria. Posto al centro del Mediterraneo, il Massiccio montuoso si presenta quasi come un’isola che si erge improvvisa e imponente tra Ionio e Tirreno. Il mare fa da cornice al paesaggio aspromontano e questa sua particolare collocazione, unitamente alla diversità litologica del massiccio montuoso, fa di esso un luogo che presenta un’elevata varietà di paesaggi. Qui la natura vive di straordinarie opposizioni: si presenta differente da un versante all’altro, aspro e selvaggio sul lato ionico, verdeggiante e umido sul Tirreno, in un continuo susseguirsi di pianori, valloni, pendii scoscesi, forre e suggestive cascate. Luogo in cui specie diverse di flora e di fauna possono coabitare, in cui borghi fantasma abbandonati, dove tutto sembra essersi fermato, si affacciano su fiumare dal paesaggio lunare. Presentation Aspromonte is located at the very tip of the Calabria region. Situated in the centre of the Mediterranean, the mountainous massif looks almost like an island rising suddenly and imposingly between the Ionian and Tyrrhenian seas. The sea frames the Aspromonte landscape and this particular location, together with the lithological diversity of the mountain massif, renders it a location of rich, diverse landscapes. Here nature encompasses extraordinary oppositions; it is different from one side to the other, harsh and wild on the Ionian side, green and humid on the Tyrrhenian, with a continuous succession of plateaus, valleys, steep slopes, gorges and suggestive waterfalls. It is a place where different species of flora and fauna coexist, where abandoned ghost towns are located, where everything seems to have stopped, where you look out over rivers of lunar landscapes. P a r c o N a z i o n a l e d e l l ’ A s p r o m o n t e 1 7
  15. 15. Paesaggi naturali L’Aspromonte è un ambiente magico, una terra arcaica in grado di stupire e affascinare l’uomo che vi si addentra. Ciò che rappresenta in modo più esaustivo la storia millenaria di questo massiccio e ne racchiude l’inestimabile valenza geologica è sicuramente la Valle delle Grandi Pietre. Alle falde della grande montagna aspromontana, nella parte orientale, c’è un’area che ospita incredibili e affascinanti formazioni rocciose: le “Pietre”, puri monumenti di rocce arenarie, modellate dalla millenaria pazienza degli agenti atmosferici. Abitato da varietà animali o vegetali rare, o più semplicemente insolite, l’Aspromonte va a braccetto con la biodiversità. Nelle cime più alte si trovano boschi misti, dove al faggio si mescolano il pino laricio e l’abete bianco. A quote più basse sono presenti i boschi di leccio o di farnetto, mentre lungo le fiumare troviamo l’oleandro. In anfratti spettacolari, dalle condizioni climatiche uniche, è facile poter ammirare la Woodwardia Radicans, la gigantesca felce preistorica. Passeggiando fra le meraviglie del parco non è raro veder volteggiare l’aquila Reale. Forse meno rasserenante, ma non meno emozionante, e purtroppo sempre più inconsueto, incontrare il lupo, o ancora l’inafferrabile gatto selvatico, il picchio nero, il gufo reale o la salamandra dagli occhiali. Paesaggi geologici L’Aspromonte è una montagna nobile e arcaica. Le sue pietre trasudano storia, ogni frammento di roccia cristallino-metamorfica Natural landscape Aspromonte is a magical environment, an archaic land able to amaze and fascinate anyone who enters it. The Valley of the Great Stones is certainly the one that best represents the thousand-year history of this massif and encapsulates its inestimable geological value. At the foot of the great Aspromonte mountain, in the eastern part, there is an area that hosts incredible and fascinating rock formations: the “Stones”, pure monuments of sandstone rocks, modelled by the patience of thousands of years of atmospheric agents. Inhabited by rare, or more simply unusual, animal or plant varieties, Aspromonte goes hand in hand with biodiversity. On the highest peaks there are mixed forests, where beech trees mingle with larch pines and silver firs. At lower altitudes there are holm oak and English oak woods, while oleander grows along the rivers. In spectacular ravines, with unique climatic conditions, it is easy to admire the Woodwardia Radicans, the giant prehistoric fern. Walking among the wonders of the park, it is not unusual to see golden eagles circling. Perhaps less reassuring, but no less exciting, and unfortunately increasingly unusual, is the encounter with wolves, the elusive wild cats, the black woodpeckers, the eagle owls or the spectacled salamanders. P a r c o N a z i o n a l e d e l l ’ A s p r o m o n t e 1 8
  16. 16. racchiude milioni di anni di vissuto. Paradossalmente, è anche una montagna “giovane”, in continua evoluzione: le energie interne lo innalzano, ma al contempo lo demoliscono con inondazioni o terremoti. Elementi tipici del paesaggio aspromontano sono i “monoliti”, enormi conglomerati rocciosi modellati dalla millenaria pazienza del vento e dall’acqua. Situati lungo il margine settentrionale della Fiumara Bonamico, si presentano come monumenti naturali di straordinaria bellezza, dalle forme più suggestive e inusuali. I più spettacolari sono: “Pietra Cappa”, “Pietra Lunga”, “Pietra Castello”, “Rocca di S. Pietro”. Nell’area grecanica si trovano la “Rocca del Drako” e le “Caldaie del latte”; nella parte settentrionale del Parco affiorano le “Dolomiti di Canolo” e il “Monte Tre Pizzi”. Per la presenza di insediamenti rupestri, il paesaggio ricorda addirittura le Meteore della Cappadocia. Questo straordinario territorio racchiude un patrimonio di natura, biodiversità, geologia, cultura e tradizioni uniche, riconosciuto Patrimonio Unesco ed essere inserito ufficialmente nella rete mondiale dei Geoparchi UNESCO. Geological landscapes Aspromonte is a noble and archaic mountain. Its stones exude history, each fragment of crystalline-metamorphic rock contains millions of years of life. Paradoxically, it is also a ‘young’ mountain, constantly evolving; the internal energies raise it up, but at the same time demolish it with floods or earthquakes. Typical elements of the Aspromonte landscape are the “monoliths”, huge rocky conglomerates shaped by the millennial patience of wind and water. Located along the northern edge of the Fiumara Bonamico, they are natural monuments of extraordinary beauty, with the most evocative and unusual shapes. The most spectacular are: “Pietra Cappa”, “Pietra Lunga”, “Pietra Castello”, “Rocca di S. Pietro”. In the Grecanica area there are the “Rocca del Drako” and the “Caldaie del latte”; in the northern part of the Park the “Dolomiti di Canolo” and the “Monte Tre Pizzi” emerge. Due to the presence of rock settlements, the landscape is downright reminiscent of the Meteors of Cappadocia. This extraordinary territory contains a heritage of nature, biodiversity, geology, culture and unique traditions, recognized Unesco World Heritage and be officially included in the world network of UNESCO Geoparks. P a r c o N a z i o n a l e d e l l ’ A s p r o m o n t e 1 9
  17. 17. Paesaggi Storico Culturali L’Aspromonte è uno scrigno che racchiude borghi abbandonati, siti archeologici, sentieri, luoghi di fede. È una montagna collocata nel cuore del mediterraneo che, da crocevia di popoli, ha una lunga e complessa tradizione insediativa: dai popoli pre-greci ai phrouria greci, dai monasteri basiliani alle strutture difensive e di sosta, dai piccoli forti alle masserie e ai piccoli insediamenti agricoli. Il Geoparco dell’Aspromonte è caratterizzato da un ricco patrimonio di testimonianze storico-culturali, presenti sul territorio o conservate nei musei che raccontano l’evoluzione degli insediamenti umani presenti nell’area. Particolarmente affascinante e leggendario è il Santuario di Polsi, collocato ai piedi della più alta cima aspromontana, Montalto. Costruito in una solitaria e profonda vallata dalle pareti scoscese, ogni anno è meta di migliaia di pellegrini provenienti da tutta la Città Metropolitana reggina e non solo. La devozione alla Madonna, la cui “Vara” viene portata in processione secondo un rituale secolare, unisce le mille sfaccettature di una spiritualità intrisa di sofferenza e senso di affidamento. È un luogo la cui difficile accessibilità rafforza il senso di mistero e, talvolta, di contraddittorietà. Historical and Cultural Landscapes Aspromonte is a treasure trove of abandoned villages, archaeological sites, paths and places of worship. It is a mountain located in the heart of the Mediterranean, which, as a crossroads of peoples, has a long and complex settlement tradition, from pre-Greek peoples to Greek phrouria, from Basilian monasteries to defensive and resting structures, from small forts to farms and small agricultural settlements. The Aspromonte Geopark is characterised by a rich heritage of historical and cultural evidence, present on the territory or preserved in museums, which tell the story of the evolution of human settlements in the area. Particularly fascinating and legendary is the Sanctuary of Polsi, located at the foot of the highest Aspromonte peak, Montalto. Built in a lonely, deep valley with steep walls, it is visited every year by thousands of pilgrims from all over the Metropolitan City of Reggio. The devotion to the Madonna, whose ‘Vara’ is carried in procession according to a centuries-old ritual, unites the thousand facets of a spirituality steeped in suffering and a sense of trust. It is a place whose difficult accessibility reinforces the sense of mystery and, at times, contradiction. P a r c o N a z i o n a l e d e l l ’ A s p r o m o n t e 2 0
  18. 18. Paesaggi enogastronomici Il paesaggio enogastronomico è tutto ciò che la natura produce e l’uomo trasforma: sono i tipici prodotti della cultura pastorale e contadina. Assistere alla preparazione della ricotta, del formaggio, dei maccheroni è uno spettacolo di tradizioni che precede il momento dell’agape. Non una preconfezionata esibizione da dare in pasto alla massa visitante, ma un rito quasi “sacro” che dà compimento al quotidiano sacrificio del pascolo o della semina. L’agape condivisa col visitatore è fraterna nel senso più autentico del termine, perché il primo inconfondibile ed impareggiabile “prodotto” che nessuna economia può eguagliare è l’ospitatilità. Al clima di famiglia si aggiunge la prelibatezza di gusti che sanno di natura: è il gusto della zuppa di fagioli “pappaluni” e cotiche, o dei maccheroni fatti a mano e conditi con il ragù di capra, maiale o cinghiale. In alcuni borghi dell’area grecanica si può gustare un rarissimo formaggio pecorino realizzato con uno stampo di legno particolare, la musulupa, che lascia sulla forma un’impronta circolare raffigurante figure umane e pupazzi. Enogastronomic landscapes The food and wine landscape is everything that nature produces and man transforms: the typical products of pastoral and peasant culture. Witnessing the preparation of ricotta, cheese and macaroni is an impressive display of tradition that precedes the moment of agape. It is not a pre- packaged exhibition to be fed to the visiting masses, but an almost “sacred” rite that fulfils the daily sacrifice of grazing or sowing. The agape shared with the visitor is fraternal in the most authentic sense of the term, because the first unmistakable and incomparable “product” that no economy can equal is hospitality. The family atmosphere is complemented by the delicacy of flavours that taste of nature; this is the taste of the “pappaluni” bean and pork rind soup, or the handmade maccheroni served with a goat, pork or wild boar ragout. In some villages in the Grecanica area, it is possible to taste a very rare pecorino cheese made using a special wooden mould, the musulupa, which leaves a circular imprint on the shape depicting human figures and puppets. P a r c o N a z i o n a l e d e l l ’ A s p r o m o n t e 2 1
  19. 19. Itinerario - Itinerary Km 146.7 Sentieri di avvicinamento Approach trails Sorgenti - Spring Parco Nazionale dell'Aspromonte Aspromonte National Park Legenda - Legend P a r c o N a z i o n a l e d e l l ’ A s p r o m o n t e
  20. 20. PARCO NATURALE REGIONALE DELLE SERRE
  21. 21. Presentazione Il comprensorio delle Serre rientra in quella parte dell’Appennino Calabrese interposto tra la Sila e l’Aspromonte. Costituisce un gruppo montuoso piuttosto articolato e di elevata valenza paesaggistico-naturale compreso in un vasto altipiano che digrada, con pendenze più o meno accentuate, verso il mar jonio a oriente e lo spartiacque del bacino del fiume Mesima a occidente. La parte centrale presenta vari tratti pianeggianti. Le tipiche conche dell’alta valle dell’Ancinale, di Mongiana e della Lacina sono riconducibili ad antichi bacini lacustri quaternari interrati. Il comprensorio delle Serre interessa la dorsale da 400m a 1423m (M. Pecoraro). Il nome Serre, secondo alcuni, si dovrebbe al particolare allineamento dei monti e delle colline che ricordano i denti di una sega, per altri, invece scaturirebbe dalla presenza di numerose segherie attive in età antica, altri Presentation The Serre area is part of that part of the Calabrian Apennines interposed between the Sila and the Aspromonte. It is a mountainous group rather articulated and of high landscape- natural value included in a vast plateau that slopes, with more or less accentuated slopes, towards the Ionian Sea to the east and the watershed of the Mesima river basin to the west. The central part has several flat sections. The typical basins of the upper Ancinale valley, Mongiana and Lacina can be traced back to ancient underground lake basins. The Serre area covers the ridge from 400m to 1423m (M. Pecoraro). The name Serre, according to some, is due to the particular alignment of the mountains and hills reminiscent of the teeth of a saw, for others, instead it would arise from the presence of numerous sawmills active in ancient times, still others would descend from P a r c o N a t u r a l e R e g i o n a l e d e l l e S e r r e 2 5
  22. 22. ancora lo farebbero discendere dalla radice Ser (monte) da cui deriva anche lo spagnolo Sierra.  Alimentati dagli apporti d’acqua di numerose sorgenti, i corsi d’acqua orientali si trasformano in impetuosi torrenti che a valle danno luogo a forre impenetrabili e gole strettissime che aprono una serie interminabile di cascate come, quelle del Marmarico con i suoi oltre 90 metri di dislivello o quelle più piccole ma non meno suggestive della fiumara Assi. Allo straordinario spettacolo delle acque e dei boschi del settore orientale delle Serre, si accompagna, il maestoso habitat rupestre dei Monti Mammicomito e Consolino dai quali si estraeva il minerale che alimentava le fonderie e la fabbrica d’armi di Ferdinandea e Mongiana. A sud-ovest si trova il gruppo dei monti Crocco e il Monte Seduto che avvolgono con un interrotto anfiteatro di boschi l’area entro cui scorrono le valli dei fiumi Metramo, Fermano e Marepotamo. the root Ser (mountain) from which also derives the Spanish Sierra. Fed by the water supplies of numerous springs, the eastern streams are transformed into impetuous streams that in the valley give rise to impenetrable gorges and narrow gorges that open an endless series of waterfalls such as, those of Marmarico with its more than 90 meters of elevation gain or those smaller but no less impressive than the Assi river. The extraordinary spectacle of the waters and woods of the eastern sector of the Serre, is accompanied by the majestic rock habitat of the Mammicomito and Consolino Mountains from which the mineral that fed the foundries and the weapons factory of Ferdinandea and Mongiana was extracted. To the south-west is the group of the Crocco and Monte Seduto mountains that surround with an interrupted amphitheater of woods the area within which flow the valleys of the rivers Metramo, Fermano and Marepotamo. Natural landscape The mountainous geography of the territory with the presence of several mountains, not very high altitudes, opposed to each other, furrowed by steep and winding valleys, has preserved the natural environment, maintaining an optimal state of conservation. In fact, it has been invested by a very slow process of transformation of both the naturalistic- environmental system and the socio- economic system; therefore, the eco- systemic environment visible today is absolutely similar to that formed in historical times. Covered with monumental trees that stand out towards the sky, the Serre Park is characterized by majestic and spectacular landscapes, flourishing forests, spectacular waterfalls and a rich biodiversity. P a r c o N a t u r a l e R e g i o n a l e d e l l e S e r r e 2 6
  23. 23. Paesaggio naturale La geografia montuosa del territorio con la presenza di diverse montagne, di quote altimetriche non elevatissime, contrapposte l’una all’altra, solcate da ripidi e tortuosi valloni, ha preservato l’ambiente naturale, mantenendone uno stato di conservazione ottimale. Esso infatti è stato investito da un lentissimo processo di trasformazione sia del sistema naturalistico-ambientale che del sistema socioeconomico; pertanto, l’ambiente eco-sistemico oggi visibile è assolutamente simile a quello formatosi in epoca storica. Ricoperto di alberi monumentali che si stagliano verso il cielo, il Parco delle Serre si caratterizza per paesaggi maestosi e spettacolari, floridi boschi, spettacolari cascate e una ricca biodiversità. Tra bellissimi abeti bianchi, faggi, querce, castagni, ontani neri e pioppo, è possibile incontrare, tra la fauna che popola il Parco: mufloni, daini, caprioli, istrice, ma anche pavoni, fagiani, il raro picchio nero. Altro importante protagonista della fauna delle Serre è il Gatto selvatico (Felis silvestris). Tra i rapaci presenti sulle Serre c’è il Gufo comune (Asio otus), l’Alocco (Strix aluco), il Barbagianni (Tito alba) la Civetta (Athene noctua) e l’Assiolo (Otus scops). Una quantità di altri uccelli popolano naturalmente il Parco. Tra gli anfibi è da segnalare in particolare l’appariscente Salamandra pezzata (Salamandra salamandra) la Salamandrina dagli occhiali (Salamandrina terdigitata), l’Ululone dal ventre giallo (Bombina variegata), caratterizzato da chiazze gialle sotto il ventre. Among the beautiful white fir trees, beeches, oaks, chestnuts, black alders and poplar, it is possible to meet, among the fauna that populates the Park: mouflons, fallow deer, roe deer, porcupines, but also peacocks, pheasants, the rare black woodpecker. Another important protagonist of the fauna of the Greenhouses is the Wild cat (Felis silvestris). Among the raptors present on the Greenhouses there is the Owl (Asio otus), the Alocco (Strix aluco), the Barn owl (Tito alba) the Owl (Athene noctua) and the Assiolo (Otus scops). A number of other birds naturally populate the Park. Among the amphibians it is worth mentioning in particular the showy Salamandra pezzata (Salamandra salamandra) the spectacled Salamandrina (Salamandrina terdigitata), the yellow-bellied Ululone (Bombina variegata), characterized by spots under the belly. 2 7 P a r c o N a t u r a l e R e g i o n a l e d e l l e S e r r e
  24. 24. Paesaggio Geologico Il Paesaggio delle Serre è caratterizzato, per quanto riguarda l’aspetto geomorfologico, da forme naturali che configurano ambiti paesistici fortemente riconoscibili. I terrazzi marini - circondano le Serre in diverse zone e a differente altezze, con l’aspetto di altipiani più o meno ampi, orlati da scarpate: particolarmente evidenti sono quelli dei comuni di Laureana di Borrello, Arena e Dasà. Tra i monti si aprono depressioni vaste e poco profonde che ospitavano nel Quaternario veri e propri laghi: si tratta della piana della Lacina e delle piane (o conche) di Serra San Bruno, Chiaravalle, Mongiana e Fabrizia. Su tali depressioni si sono insediate le principali comunità umane delle Serre, in ragione della facilità di attraversamento e della disponibilità di acqua. Le pendici ioniche delle Serre sono connotate dai “tagli” delle fiumare: si tratta di ampi alvei ghiaiosi, asciutti per gran parte dell’anno (fatta eccezione per il periodo autunnale delle piene) che si aprono a ventaglio in corrispondenza dei coni di deiezione, sul litorale. Il territorio del Parco delle Serre formato prevalentemente da rocce granitico cristalline, costituisce, dal punto di vista geologico, una delle zone fra le più antiche della penisola italiana emersa dal mare, quando il resto del paese era ancora sommerso. Geological landscapes The Landscape of the Greenhouses is characterized, with regard to the geomorphological aspect, by natural forms that configure highly recognizable landscape environments. The sea terraces - surround the greenhouses in different areas and at different heights, with the appearance of more or less wide plateaus, edged by escarpments: particularly evident are those of the municipalities of Laureana di Borrello, Arena and Dasà. Among the mountains there are vast and shallow depressions that housed in the Quaternary real lakes: it is the plain of Lacina and the plains (or basins) of Serra San Bruno, Chiaravalle, Mongiana and Fabrizia. The main human communities of the greenhouses have settled on these depressions, due to the ease of crossing and the availability of water. The Ionian slopes of the Serre are characterized by the “cuts” of the rivers: they are large gravel beds, dry for most of the year (except for the autumn period of floods) that fan out at the cones of dejection, on the coast. The territory of the Serre Park formed mainly by crystalline granite rocks, is, from the geological point of view, one of the oldest areas of the Italian peninsula emerged from the sea, when the rest of the country was still submerged. P a r c o N a t u r a l e R e g i o n a l e d e l l e S e r r e 2 8
  25. 25. Paesaggi Storico Culturali Ricco di storia, arte, archeologia e spiritualità, il Parco delle Serre offre una tappa intrisa di una natura incontaminata. Accanto alle bellezze naturali, all’interno dell’area protetta, si possono ammirare luoghi di culto di notevole importanza, come la secolare Abbazia dei Monaci Certosini di Serra San Bruno, una delle poche rimaste ancora in attività, il Santuario di Santa Maria del Bosco e il sepolcro del fondatore dell’Ordine dei Certosini, San Bruno di Colonia. Oppure l’area archeologica delle ferriere Borboniche di Mongiana con relativo museo, il complesso siderurgico della Ferdinandea, i monoliti di Nardodipace, senza dimenticare l’affascinante e singolare arte delle carbonaie, che ancora persiste sull’altipiano delle Serre. Historical and Cultural Landscapes Rich in history, art, archeology and spirituality, the Serre Park offers a stop steeped in unspoilt nature. In addition to the natural beauty, within the protected area, you can admire places of worship of considerable importance, such as the centuries-old Abbey of the Carthusian Monks of Serra San Bruno, one of the few still in business, the Sanctuary of Santa Maria del Bosco and the tomb of the founder of the Carthusian Order, San Bruno di Colonia. Or the archaeological area of the Bourbon ironworks of Mongiana with its museum, the iron complex of Ferdinandea, the monoliths of Nardodipace, not to mention the fascinating and unique art of charcoal, which still persists on the plateau of Serre. Knowing a community, understanding its reference values, means deepening its roots starting from the discovery of their most natural way of expressing themselves or savoring their traditions in their different facets. These essential elements of true social life are translated into beliefs, anniversaries, sometimes rituals that are concentrated in the summer season taking place under the guise of processions, patronal festivals, sacred representations, local markets, fairs and festivals. Colours, flavours, sounds, devotion and tales of perhaps legendary events mix in a context in which the limits between 2 9 P a r c o N a t u r a l e R e g i o n a l e d e l l e S e r r e
  26. 26. Conoscere una comunità, comprendendone i valori di riferimento, significa approfondirne le radici partendo dalla scoperta del loro più naturale modo di esplicarsi ovvero assaporandone le tradizioni nelle loro diverse sfaccettature. Questi elementi essenziali del vero vivere sociale si traducono in credenze, ricorrenze, a volte rituali che si concentrano nella stagione estiva consumandosi sotto le sembianze di processioni, feste patronali, rappresentazioni sacre, mercati rionali, fiere e sagre. Colori, sapori, suoni, devozione e racconti di eventi forse leggendari si mischiano in un contesto in cui i limiti fra sacro e profano non sono sempre esattamente definiti. Le sagre e le manifestazioni folkloristiche costituiscono momenti salienti in cui la collettività, rigettando l’avanzante secolarizzazione, ritrova il senso dello stare insieme e lo condivide calorosamente con gli emigrati tornati nella terra d’origine e con i turisti pronti ad alimentare lo spirito di concordia tipico delle generazioni precedenti. the sacred and the profane are not always exactly defined. The festivals and folkloristic events are highlights in which the community, rejecting the advancing secularization, finds the sense of being together and warmly shares it with the emigrants returned to their homeland and with the tourists ready to feed the spirit of harmony typical of previous generations. Enogastronomic landscape The gastronomic heritage is to be considered as an integral part of the culture of the territory of the Park and has, thanks to its richness and its P a r c o N a t u r a l e R e g i o n a l e d e l l e S e r r e 3 0
  27. 27. Paesaggio enogastronomico Il patrimonio enogastronomico è da considerarsi come parte integrante della cultura del territorio del Parco e presenta, grazie alla sua ricchezza e alla sua particolarità, un ulteriore motivo di attrazione. La purezza della natura, abbinata alla sapiente tradizione culinaria, rafforza l’unicità dei sapori, divenuti motivo di accurata ricerca di quanti amano l’espressività originaria dei cibi. Sono quarantatre, secondo gli accurati studi condotti dall’Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica (AIAB) della Calabria, i prodotti tipici tradizionali ai quali andrebbe rivolta un’azione di recupero e valorizzazione. Protagonisti di questo settore sono soprattutto i vini DOC di Bivongi, le melanzane di Stilo, la soppressata DOP di Simbario, i funghi ed il peperoncino di Serra San Bruno, le castagne di Fabrizia, Mongiana e Nardodipace, i fichi essiccati di Acquaro. Le prelibatezze locali prendono inoltre le forme di prodotti da forno: ‘Nzudhi, “Pitta china” di Serra San Bruno e la Pizzata (pane lavorato con farina di mais) di Fabrizia, torroni e torroncini della zona dell’Alto Mesima, prodotti della norcineria, pepe nero, erbe di montagna, miele, olio d’oliva ed alimenti sott’olio. Esistono poi piatti di origine greca come il sugo con la carne di capra ed è ricorrente la produzione di pasta artiginale di grano duro e la degustazione di carne di cinghiale, capretto, tordo e lepre. particularity, an additional reason for attraction. The purity of nature, combined with the wise culinary tradition, reinforces the uniqueness of the flavors, which have become a reason for careful research of those who love the original expression of food. Forty-three, according to accurate studies conducted by the Italian Association for Organic Agriculture (AIAB) of Calabria, are the traditional typical products to which should be addressed an action of recovery and enhancement. The protagonists of this sector are above all the DOC wines of Bivongi, the aubergines of Stilo, the soppressata DOP of Simbario, the mushrooms and the chili of Serra San Bruno, the chestnuts of Fabrizia, Mongiana and Nardodipace, the dried figs of Acquaro. The local delicacies also take the form of baked goods: Nzudhi, “Pitta china” of Serra San Bruno and Pizzata (bread made with corn flour) of Fabrizia, nougats and nougats of the area of Alto Mesima, products of norcineria, black pepper, mountain herbs, honey, olive oil and food in oil. There are also dishes of Greek origin such as sauce with goat meat and it is recurrent the production of durum wheat pasta and the tasting of wild boar, kid, thrush and hare meat. 3 1 P a r c o N a t u r a l e R e g i o n a l e d e l l e S e r r e
  28. 28. P a r c o N a t u r a l e R e g i o n a l e d e l l e S e r r e Itinerario - Itinerary Km 119.3 Sentieri di avvicinamento Approach trails Sorgenti - Spring Parco Naturale Regionale delle Serre Serre Regional Natural Park Legenda - Legend
  29. 29. PARCO NAZIONALE DELLA SILA
  30. 30. Presentazione La Sila è un angolo di paradiso dove una natura incontaminata offre uno spettacolo mozzafiato: montagne, boschi lussureggianti, laghi e torrenti con suggestive cascatelle. Un luogo semplicemente affascinante dove è possibile sentire l’odore della natura trasportato dal vento, il fruscio delle foglie calpestate dagli escursionisti, la frescura in estate, il suono rilassante dei ruscelli, la limpida bellezza dei laghi. La Sila si trova nel cuore della Calabria. È un altopiano il cui territorio viene comunemente suddiviso in Sila Greca, Sila Grande e Sila Piccola e si estende per 1.700 chilometri quadrati con altitudine media superiore ai 1.300 metri s.l.m. Così descriveva la Sila lo scrittore inglese Norman Douglas: “È un venerando altipiano granitico che si ergeva qui quando gli orgogliosi Appennini sonnecchiavano ancora sul letto melmoso dell’oceano. Se Presentation La Sila is a corner of paradise where unspoilt nature offers a breathtaking spectacle: mountains, lush forests, lakes and streams with picturesque waterfalls. A simply fascinating place where you can feel the smell of nature carried by the wind, the rustle of leaves trampled by hikers, the coolness in summer, the relaxing sound of streams, the clear beauty of the lakes. La Sila is located in the heart of Calabria. It is a plateau whose territory is commonly divided into Sila Greca, Sila Grande and Sila Piccola and extends for 1,700 square kilometers with average altitude above 1,300 meters s.l.m. This is how the Sila was described by the English writer Norman Douglas: “It is a venerable granite plateau that stood here when the proud Appennines were still standing on the muddy ocean bed. If it were not for the lack of heather with its P a r c o N a z i o n a l e d e l l a S i l a 3 5
  31. 31. non fosse per la mancanza dell’erica con le sue caratteristiche sfumature violacee, il viaggiatore potrebbe credere di essere in Iscozia. Troviamo lo stesso piacevole alternarsi di boschi e di prati, gli stessi enormi massi di gneis e granito, la stessa esuberanza di acque vive. “ Il paesaggio silano, apparentemente molto omogeneo a causa della dolcezza dei suoi pendii e dell’estesa copertura boschiva, ospita invece un’elevata biodiversità. Paesaggi Naturali La Sila sorprende da subito, perché sorge nel mezzo di una lingua di terra lunga e stretta al centro del Mediterraneo. Il Parco Nazionale della Sila è situato nel più grande altopiano d’Europa, in un’area di rilevante interesse naturalistico, ambientale e storico-culturale, costituito da Sila Grande, Sila Greca e Sila Piccola. Si estende nel territorio di 19 comuni di 3 province della Calabria (Cosenza, Catanzaro e Crotone), per complessivi 73.695 ettari. Le sue caratteristiche geologiche, unitamente a quelle dovute alla sua posizione geografica, determinano una serie di paesaggi unici al mondo. La Sila infatti, coperta di alberi e non a caso soprannominata da sempre “Gran Bosco d’Italia”, è stata sfruttata per millenni per il suo legname utilizzato poi nella costruzione di navi, case, chiese. L’area del Parco si caratterizza per la ricchezza d’acqua, per la straordinaria presenza di boschi e antiche foreste che characteristic purple shades, the traveller might believe that he is in Iscozia. We find the same pleasant alternation of woods and meadows, the same huge boulders of gneis and granite, the same exuberance of living waters. “ The landscape of Sila, apparently very homogenous due to the sweetness of its slopes and the extensive forest cover, is instead home to a high biodiversity. Natural landscapes The Sila surprises immediately, because it rises in the middle of a long and narrow strip of land in the middle of the Mediterranean. The Sila National Park is located in the largest plateau in Europe, in an area of significant natural, environmental and historical-cultural interest, consisting of Sila Grande, Sila Greca and Sila Piccola. It extends in the territory of 19 municipalities of 3 provinces of Calabria (Cosenza, Catanzaro and Crotone), for a total of 73,695 hectares. Its geological characteristics, together with those due to its geographical position, determine a series of unique landscapes in the world. The Sila in fact, covered with trees and not by chance always nicknamed “Gran Bosco d’Italia”, has been exploited for millennia for its P a r c o N a z i o n a l e d e l l a S i l a 3 6
  32. 32. ne costituiscono l’80% della superficie, per i suoi tre grandi laghi artificiali, e per i numerosi itinerari e sentieri che la rendono in gran parte percorribile a piedi, a cavallo e in bicicletta. I rilievi più alti sono il monte Botte Donato (mt. 1928), in Sila grande, ed il monte Gariglione (mt. 1764) in Sila piccola. Una vasta biodiversità vegetale, mutevole con il variare dell’altitudine, tipicizza il paesaggio naturale del Parco. Tre sono gli spazi vegetazionali: il primo costituito dalla macchia mediterranea, in successione quello del pino laricio (Pinus nigra ssp. calabrica), da ultimo, il più alto, quello occupato prevalentemente dal faggio. La biodiversità animale del territorio del Parco annovera nel suo complesso 175 specie di vertebrati autoctoni, così suddivise: Mammiferi 65, Uccelli 80 (considerati solo i nidificanti), Rettili 16, Anfibi 12, Pesci: 2. In definitiva, un vero scrigno di biodiversità. Paesaggi Geologici Le origini dell’altopiano della Sila sono da ricondurre ad epoca geologica ben più remota di quella dell’orogenesi appenninica. Norman Douglas scriveva nel 1915 «...è un venerando altopiano granitico che si ergeva qui quando gli orgogliosi Appennini sonnecchiavano ancor sul letto melmoso degli oceani...». Sotto il profilo geologico, il massiccio della Sila appartiene all’Arco Calabro-Peloritano, che rappresenta un frammento di catena alpina. timber then used in the construction of ships, houses, churches. The area of the Park is characterized by the richness of water, the extraordinary presence of forests and ancient forests that make up 80% of the surface, for its three large artificial lakes, and for the many itineraries and paths that make it mostly practicable on foot, on horseback and by bicycle. The highest reliefs are Mount Botte Donato (mt. 1928), in Sila grande, and Mount Gariglione (mt. 1764) in Sila Piccola. A vast plant biodiversity, changing with the varying altitude, typifies the natural landscape of the Park. Three are the vegetational spaces: the first consists of the Mediterranean maquis, in succession that of the Pino laricio (Pinus nigra ssp. calabrica), the last, the highest, the one occupied mainly by the beech. The animal biodiversity of the territory of the Park includes a total of 175 species of native vertebrates, divided as follows: Mammals 65, Birds 80 (considered only nesters), Reptiles 16, Amphibians 12, Fish: 2. Ultimately, a true treasure chest of biodiversity. P a r c o N a z i o n a l e d e l l a S i l a 3 7
  33. 33. L’altopiano è infatti formato da scaglie di basamento cristallino ercinico e da complessi filladici paleozoici che si alternano a coltri liguridi ed austroalpine. Le cime di alcuni monti, come Botte Donato (1.928 m) e Serra Stella (1.813 m), sono circondate da sedimenti morenici che testimoniano l’azione operata dai ghiacciai fino a circa 10.000 anni fa. I versanti della Sila sono caratterizzati da un paesaggio costituito da incisioni vallive profonde, strette e dai versanti molto ripidi, alternate a interfluvi ampi e rotondeggianti. Tale paesaggio contrasta fortemente con quello della sommità del massiccio, che presenta una morfologia leggermente ondulata caratterizzata da modesti rilievi e valli ampie, svasate e poco incise. Questa straordinaria storia geologica ha fatto della Sila un luogo particolarmente ricco e significativo dal punto di vista dell’evoluzione di molte specie di importanza internazionale e degli habitat cui esse sono legate. In particolare, il suo ruolo di ‘rifugio’ di specie durante le glaciazioni, dovuto all’isolamento geografico, Geological landscapes The origins of the plateau of the Sila are to be traced back to geological times much more remote than that of the Apennine orogeny. Norman Douglas wrote in 1915 «...is a venerable granite plateau that stood here when the proud Appennines Sunflowers still on the muddy bed of the oceans...». From a geological point of view, the Sila massif belongs to the Arco Calabro- Peloritano, which represents a fragment of an Alpine chain. The plateau is in fact formed by flakes of crystalline base and paleozoic complexes phylloadic alternating with Ligurian and Austroalpine. The peaks of some mountains, such as Botte Donato (1.928 m) and Serra Stella (1.813 m), are surrounded by morainic sediments that testify to the action of glaciers up to about 10.000 years ago. The slopes of the Sila are characterized by a landscape consisting of deep, narrow valley incisions and very steep slopes, alternating with wide and rounded interfluves. This landscape contrasts strongly with that of the top of the massif, which has a slightly undulating morphology characterized by modest reliefs and wide, flared and little engraved valleys. This extraordinary geological history has made the Sila a particularly rich and significant place from the point of view of the evolution of many species of international importance and the habitats to which they are linked. In particular, its role of ‘refuge’ of species during the glaciations, due to the geographical isolation, species P a r c o N a z i o n a l e d e l l a S i l a 3 8
  34. 34. specie che poi sono tornate a popolare altri territori settentrionali, ha fatto della Sila un importante ‘serbatoio di biodiversità’ per aree molto più vaste e lontane. Paesaggi Storico Culturali Le più antiche tracce della presenza umana sull’altipiano della Sila risalgono, almeno, al 3.500 a.C., ossia al villaggio neolitico i cui resti archeologici sono stati rinvenuti pochi anni fa sulla sponda sud del lago Cecita. Il lago è artificiale e di creazione moderna, ma lungo il fiume Cecita già abitavano popolazioni che coltivavano questi luoghi e lavoravano l’ossidiana proveniente dalle lontane isole Eolie trasformandola in utensili. La Sila diviene poi la dimora mitica di Silvano o Sileno, il figlio del fiume Crati nonché dio della foresta, al quale si consacrava la pece estratta dalle foreste dell’altopiano che veniva poi usata per calafatare le navi che solcavano l’antico Mediterraneo, bruciando armenti su altari decorati con rami di pino e abete, come ci that then returned to populate other northern territories, has made the Sila an important ‘reservoir of biodiversity’ for much larger and distant areas. Historical and Cultural Landscapes The oldest traces of human presence on the Sila plateau date back, at least, to 3,500 BC, the Neolithic village whose archaeological remains were found a few years ago on the southern shore of Lake Cecita. The lake is artificial and of modern creation, but along the river Cecita already inhabited populations that cultivated these places and worked obsidian coming from the distant Aeolian islands transforming it into tools. The Sila then becomes the mythical home of Silvano or Silenus, the son of the river Crati and god of the forest, to which consecrated the pitch extracted from the forests of the plateau that was then used to caulk the ships that crossed the ancient Mediterranean, burning herds on altars decorated with pine and fir branches, as Eliano reminds us in the second century AD. Under the Byzantines the Sila became a refuge for hosts of Basilian monks, from the Balkans, from Greece or from the southern part of Calabria itself; monks who built cenobi that can still be visited as Santa Maria del Patire near Rossano. The Byzantines were followed by the Normans, who carried out a powerful work of relatinization of the Greek- Orthodox south, and then Swabians, Angevins, Aragonese and Bourbons. P a r c o N a z i o n a l e d e l l a S i l a 3 9
  35. 35. ricorda Eliano nel II secolo d.C. Sotto i Bizantini la Sila divenne rifugio per schiere di monaci basiliani, provenienti dai Balcani, dalla Grecia o dalla parte meridionale della stessa Calabria; monaci che costruirono cenobi ancora oggi visitabili come Santa Maria del Patire vicino Rossano. Ai Bizantini fecero seguito i Normanni, che portarono avanti una poderosa opera di rilatinizzazione del sud greco-ortodosso, e poi Svevi, Angioini, Aragonesi e Borboni. Secoli inframmezzati da guerre, carestie, terremoti e brigantaggio, che non hanno potuto però scalfire la bellezza di questi luoghi. Paesaggi Gastronomici Ortaggi, legumi, patate, funghi, olive e l’immancabile peperoncino, saltati in padella, con olio d’oliva calabrese, a volte mantecati con mollica sbriciolata e formaggio pecorino, rappresentavano nel passato appaganti bocconi per il palato e per lo stomaco delle genti della Sila. Questi semplici piatti di verdura di una volta, accompagnati con carni ovine, bovine e suine, sono passati oggi nel menù tradizionale delle montagne silane. Piatti che richiedono necessariamente l’abbinamento a buon pane, ottimo vino e all’acqua salutare di queste contrade. Tra i prodotti tipici ottenuti secondo le tecniche tradizionali di lavorazione è opportuno ricordare quelli derivati dalla lavorazione del latte (butirro, mozzarella silana, ricotte di vario tipo, strazzatella silana, ecc.) tra i quali il più rinomato, è il Centuries interspersed with wars, famines, earthquakes and banditry, which have not been able to affect the beauty of these places. Gastronomic landscapes Vegetables, legumes, potatoes, mushrooms, olives and the inevitable chili, sautéed in a pan, with Calabrian olive oil, sometimes creamed with crumbled crumbs and pecorino cheese, were in the past satisfying mouthfuls for the palate and stomach of the people of Sila. These simple vegetable dishes of the past, accompanied by sheep, beef and pork meat, are now on the traditional menu of the Silane mountains. Dishes that necessarily require the combination of good bread, excellent wine and healthy water of these districts. P a r c o N a z i o n a l e d e l l a S i l a 4 0
  36. 36. caciocavallo silano che meritatamente ha ottenuto il marchio DOP. La macellazione del maiale nelle contrade presilane continua ad essere una vera e propria sagra, che ha conservato immutata la sua ritualità. Le bianche carni del tipico suino «nero calabrese», ingrassato con le ghiande e le castagne dell’altipiano silano, vengono servite in tante pietanze appetitose. Particolarmente importanti sono le conserve sottolio e sottaceto di funghi, olive, peperoni ed altri prodotti ortofrutticoli. Non meno pregevole è la tradizione dolciaria, che si ispira a quella greca: i dolci tipici vengono tuttora preparati in occasione delle festività religiose, come ad esempio la pitta ‘mpigliata, i mustazzuoli, i turdilli e le susumelle. Among the typical products obtained according to traditional processing techniques it is worth mentioning those derived from the processing of milk (butirro, mozzarella silana, ricotta cheese of various types, strazzatella silana, etc.) among which the most renowned, is the caciocavallo silano that has deservedly obtained the DOP mark. The slaughter of the pig in the contrade presilane continues to be a real festival, which has kept unchanged its ritual. The white meat of the typical pig «nero calabrese», fattened with acorns and chestnuts of the silane plateau, are served in many appetizing dishes. Particularly important are preserved in oil and pickled mushrooms, olives, peppers and other fruit and vegetable products. No less valuable is the confectionery tradition, which is inspired by the Greek tradition: the typical sweets are still prepared on the occasion of religious holidays, such as pitta ‘mpigliata, mustazzuoli, turdilli and susumelle. P a r c o N a z i o n a l e d e l l a S i l a 4 1
  37. 37. P a r c o N a z i o n a l e d e l l a S i l a Itinerario - Itinerary Km 105.7 Sentieri di avvicinamento Approach trails Sorgenti - Spring Parco Nazionale della Sila Sila National Park Legenda - Legend
  38. 38. PARCO NAZIONALE DEL POLLINO
  39. 39. Presentazione Il Parco Nazionale del Pollino è situato al confine fra Basilicata e Calabria, si estende per oltre 1925 kmq e comprende i territori amministrativi di 56 Comuni, di cui 24 in Basilicata e 32 in Calabria. Il territorio si compone di diversi massicci montuosi che, tra il Mar Ionio e il Mar Tirreno, si levano fino alle quote più alte dell’Appennino meridionale: il Massiccio del Pollino, i monti dell’Orsomarso e il monte Alpi. Il Massiccio del Pollino è costituito da cinque cime tutte al di sopra dei 2000 m, di cui Serra Dolcedorme (2267 m. s.l.m.) è la vetta più alta dell’intero Appennino meridionale. Il paesaggio del Parco si diversifica notevolmente: a nord discende dolcemente verso i fiumi Sinni e Mercure-Lao, a sud, nell’area dei monti dell’Orsomarso, si presenta aspro e accidentato. Il territorio è un vasto e articolato spazio con forti connotati fisici e antropici: un susseguirsi di montagne, Presentation The Pollino National Park is located on the border between two administrative regions: Basilicata and Calabria, it covers 1925 sqkm and includes the administrative territories of 56 municipalities, 24 of which in Basilicata and 32 in Calabria. The area consists of several massif mountains, between the Ionian and the Tyrrhenian Sea, that rise up to the higher elevations of the Southern Apennines: the Pollino Massif, the Orsomarso mountains and Mount Alpi. The Pollino massif consists of five summits all over 2000 m, of which Serra Dolcedorme ( 2267 m a.s.l.) is the highest point of the all Southern Apennines. The Park’s landscape is varied: from north it slopes gently to the rivers Sinni and Mercure-Lao, in the southern part, in the area of Orsomarso mountains, it is rough and bumpy. The area is a vast and complex area with strong physical and human P a r c o N a z i o n a l e d e l P o l l i n o 4 5
  40. 40. pianori, di timpe, di costoni e strapiombi, di rocce di origine magmatica, di rocce carbonatiche, di circhi glaciali, di accumuli morenici, di inghiottitoi, di massi erratici, di grotte, di gole. Paesaggio Geologico Il Geoparco Mondiale UNESCO Il territorio del Parco mostra una notevole complessità geologica, essendo formato da unità tettoniche costituite da diversi tipi di rocce appartenenti a differenti domini paleogeografici. La topografia si presenta molto irregolare a causa di una alternanza di alti morfostrutturali e depressioni tettoniche quaternarie delimitate da evidenti versanti di faglia. L’attività tettonica, l’erosione fluviale e il carsismo, rappresentano i tre grandi gruppi di processi geomorfologici responsabili del modellamento di una grande varietà di forme geologico-paesaggistiche che caratterizzano il Parco del Pollino. I processi geomorfologici, insieme al contesto strutturale e alla grande variazione di erodibilità delle rocce affioranti, danno luogo a un paesaggio che alterna aree montane ripide a zone collinari. characteristics: a complex of mountains, plains, ridges and cliffs, rocks of magmatic origin, carbonate rocks of glacial cirques, moraine accumulations, sinkholes, erratic boulders, caves, gorges. Geological landscapes The UNESCO Global Geopark The area of Pollino National Park shows a complex and articulated stratigraphic and tectonic assemblage. It is formed by tectonic units made up of different types of rocks belonging to different age, origin and domains. The Pollino area shows a very uneven topography due to an alternation of morphostructural ridges and Quaternary tectonic depressions bounded by high-angle fault scarps. Three broad sets of geomorphic processes are principally responsible for landscape modelling and for carving the wide variety of landforms occurring in the Pollino Park: tectonics, river dissection, and karst processes. These geomorphic processes, combined with a high degree of geological diversity (structural frame and P a r c o N a z i o n a l e d e l P o l l i n o 4 6
  41. 41. contrasting rock erodibility), give rise to a landscape alternating between steep mountainous districts and hilly areas. In September 2015 the Pollino National Park became part of the European and Global Network of Geoparks, recognized as the official program of UNESCO: “International Program of Geosciences”, therefore today the entire territory of the Park gain the recognition of Pollino UNESCO Global Geopark. Natural landscape Flora and Fauna The Park has a rich number of species, which testify to the variety and vastness of the territory and the different climatic conditions which influence it. Some endemic species and the presence of rare plant communities make the area unique in the Mediterranean. The list of plants of the area amounts to 2025 entities distributed among 636 genera and 117 families. In the mountain range, up to almost 2000 m, the beech forest (Fagus sylvatica) prevails, pure or in mixed formations with chestnut, Turkey oak and maple trees. In particular the Bosnian pine (Pinus leucodermis), that is the symbol of the Park. From a wildlife point of view, the Pollino area is among the most important in the whole of southern Italy. The variety of environments in addiction with the geographical position allows a high wealth of species and zoological peculiarities. P a r c o N a z i o n a l e d e l P o l l i n o 4 7 Nel settembre 2015 il Parco Nazionale del Pollino è entrato a far parte della rete Europea e Mondiale dei Geoparchi, riconosciuta quale programma ufficiale dell’UNESCO: “Programma Internazionale delle Geoscienze”, pertanto ad oggi tutto il territorio del Parco può fregiarsi del riconoscimento di Geoparco Globale UNESCO. Paesaggio naturale Flora e Fauna La flora del Parco si distingue per la grande ricchezza delle specie presenti, che testimoniano la varietà e la vastità del territorio e le diverse condizioni climatiche che lo influenzano.Alcune specie endemiche e la presenza di rare associazioni vegetali, rendono l‘area unica in tutto il Mediterraneo. L‘elenco floristico conta ben 2025 entità ripartite in 636 generi e 117 famiglie. Nella fascia montana, fino a quasi 2000 m, prevale la faggeta (Fagus sylvatica), pura o in formazioni miste con castagno, cerro e aceri. Ciò che distingue e rende unica la vegetazione montana e altomontana del Pollino è, di certo, il Pino loricato (Pinus leucodermis), simbolo del Parco Da un punto di vista faunistico, l’area del Pollino è fra le più rilevanti di tutto il meridione d’Italia. Oltre alla varietà di ambienti, la posizione geografica consente una elevata ricchezza di specie e di peculiarità zoologiche.
  42. 42. Fra gli Insetti menzioniamo Buprestis splendens, uno dei coleotteri più rari d’Europa, Rosalia alpina, Ben dodici sono le specie di rapaci diurni nidificanti, tra cui l’Aquila reale (Aquila chrysaetos), Riguardo i mammiferi, sono rappresentate tutte le specie più significative del Appennino meridionale. Fra questi citiamo: il Lupo. Paesaggi Storico Culturali Patrimonio Culturale Nel territorio del Pollino è presente uno dei siti preistorici più antichi e più importanti d’Europa: la Grotta del Romito, presso Papasidero (CS), dove sono stati rinvenuti dei reperti, risalenti al Paleolitico Superiore, consistenti nell’incisione sulla parete di un masso calcareo di un bovide, il Bos primigenius, “la più maestosa e felice espressione del verismo paleolitico mediterraneo”. Di notevole importanza sono anche le Among the Insects we mention Buprestis splendens, one of the rarest Beetles in Europe, Rosalia alpina, . There are twelve species of diurnal nesting birds of prey, including the Golden Eagle (Aquila chrysaetos), Regarding mammals, all the most significant species of the southern Apennines are represented. Among these we mention: the Wolf. Historical and Cultural Landscapes Cultural Heritage In the area of Pollino is located one of the oldest and most important prehistoric sites in Europe: the Romito Cave, in Papasidero, where some artifacts dating back to the Upper Paleolithic have been found, such as a rock engraving of an ox, the Bos primigenius, defined as “the most majestic and joyous expression of Mediterranean Paleolithic realism”. Of great importance are also the archaeological evidences of some indigenous settlements pre-existing the arrival of Achaean settlers and some important remains of necropolis, including the very recent excavations near Laino Borgo. The settlement in inaccessible territories and economic, religious and political reasons, have accentuated the identification in their language, in their ethnicity, in their religion, in their culture, thus preserving alive and authentic many peculiar traits of their original roots. Through traditions, P a r c o N a z i o n a l e d e l P o l l i n o 4 8
  43. 43. customs, the Greek-Byzantine religious rite, the Arbëreshe language, folk songs, and thanks to the tales of the elders, today we can learn the way they once lived, their engaging stories, how they escaped and then abandoned their mother country and the deeds and the courage of their hero, Skanderbeg, who died in 1468. P a r c o N a z i o n a l e d e l P o l l i n o 4 9 testimonianze archeologiche, alcuni abitati indigeni preesistenti all’arrivo dei coloni achei ed importanti resti di necropoli, tra cui citiamo i recentissimi scavi nei pressi di Laino Borgo. L’insediamento in territori poco accessibili e ragioni economiche, religiose e politiche, hanno accentuato l’identificazione nella loro lingua, nella loro etnia, nella loro religione, nella loro cultura, conservando, così, vivi e autentici molti tratti peculiari delle loro originarie radici. Attraverso la cultura materiale, le tradizioni, i costumi, il rito religioso greco-bizantino, la parlata arbëreshe,
  44. 44. i canti popolari, i racconti degli anziani si possono apprendere i modi di vita, le loro coinvolgenti vicende, la fuga e l’abbandono della madre patria, le gesta e il coraggio del loro eroe, Skanderbeg, morto nel 1468. Paesaggi enogastronomici Cibo e Prodotti Tipici La coltivazione di grani antichi da cui si realizzano pasta e pane tradizionali, l’enorme e variegata biodiversità di prodotti del campo in ogni stagione, i pregiati tartufi e funghi, le numerose essenze aromatiche spontanee, una grande varietà di legumi, carni e i formaggi ovi-caprini freschi o stagionati, salumi e sott’oli sono solo alcuni esempi di eccellenze che rappresentano questa fetta di territorio dell’area protetta più grande d’Italia. Enogastronomic landscapes Food and Typical Products The cultivation of ancient grains from which traditional pasta and bread are made, the enormous and varied biodiversity of field products in every season, the precious truffles and mushrooms, the numerous spontaneous aromatic essences, a great variety of legumes, meats and sheep or goats cheeses, fresh or seasoned, cured meats and pickles are just some examples of excellence that represent this part of the territory of the largest protected area in Italy. Among these products, there are some that have been placed under specific protections such as the DOP (PDO: P a r c o N a z i o n a l e d e l P o l l i n o 5 0
  45. 45. Protected Designation of Origin), such as the Red Aubergine of Rotonda (DOP) and the White Bean of Rotonda (DOP),thePDO Sausage, Sopressata, Capocollo and Pancetta Calabrese, the extra virgin olive oil PDO “Bruzio, sottozona Prepollinica “. P a r c o N a z i o n a l e d e l P o l l i n o 5 1 Tra questi prodotti, ve ne sono alcuni che sono stati posti a tutele specifiche come le DOP del Fagiolo Bianco e della Melenzana Rossa di Rotonda, la Salsiccia, la Sopressata, il Capocollo e la Pancetta Calabrese, l’olio extravergine di oliva “Bruzio sottozona Prepollinica”.
  46. 46. P a r c o N a z i o n a l e d e l P o l l i n o Itinerario - Itinerary Km 158 Sentieri di avvicinamento Approach trails Sorgenti - Spring Parco Nazionale del Pollino Pollino National Park Legenda - Legend
  47. 47. PARCO NAZIONALE DEL POLLINO Complesso monumentale S. Maria della Consolazione 85048 - Rotonda (PZ) +39 0973 669311 ente@parconazionalepollino.it www.parconazionalepollino.it PARCO NAZIONALE DELLA SILA Via Nazionale snc 87055 - Lorica di San Giovanni in Fiore (CS) + 39 0984 537109 info@parcosila.it www.parcosila.it PARCO NATURALE REGIONALE DELLE SERRE Via Santa Rosellina, 2 89822 - Serra S. Bruno (VV) +39 0963 772825 info@parcodelleserre.it www.parcodelleserre.it PARCO NAZIONALE DELL’ASPROMONTE Via Aurora, 1 89057 - Gambarie di Santo Stefano in Aspromonte (RC) +39 0965 743060 info.posta@parconazionaleaspromonte.it www.parconazionaleaspromonte.it

×