Rodolfo Baggio - BTO delle Isole

812 views

Published on

BTO - Buy Tourism Online
Edizione delle Isole
24 e 25 Maggio 2010
Portoferraio, Isola d'Elba
Centro Culturale De Laugier

www.btoeducational.it

Rodolfo Baggio
Università Bocconi
Master in Economia del Turismo &
Centro Dondena per la Ricerca sulle Dinamiche Sociali
rodolfo.baggio@unibocconi.it

Nato a Napoli si è laureato in Fisica a Milano. Si è occupato professionalmente di informatica in diverse aziende, in Italia e all’estero, specializzandosi in progettazione di sistemi informativi e formazione manageriale. E’ docente di Informatica presso l’Università Bocconi di Milano, coordina l’area di Sistemi Informativi e Tecnologie di Comunicazione al Master in Economia del Turismo della stessa Università ed è research fellow al Dondena Center for Research on Social Dynamics. Ha svolto ricerche e pubblicato lavori nel campo delle tecnologie per il turismo. Ha tenuto corsi e conferenze in università italiane e straniere. Attualmente si occupa dell’applicazione delle teorie del caos e della complessità e dell’analisi di reti alle destinazioni turistiche. Su questo tema ha conseguito un dottorato (PhD) presso la School of Tourism, dell’Università del Queensland, Australia.

Published in: Education
  • Be the first to comment

Rodolfo Baggio - BTO delle Isole

  1. 1. Turismo, Tecnologie e Reti Rodolfo Baggio Università Bocconi Master in Economia del Turismo & Centro Dondena per la Ricerca sulle Dinamiche Sociali [email_address] Isola d’Elba, 24 Maggio 2010
  2. 2. Peter Steiner , The New Yorker, July 5, 1993 (Vol.69, no. 20, p. 61) everyone will know if you’re a dog
  3. 3. Then you better start swimmin' Or you'll sink like a stone For the times they are a-changin’ Bob Dylan
  4. 4. Da dove veniamo, chi siamo, dove andiamo P. Gauguin (1897)
  5. 5. William Gibson
  6. 13. Onde si fa manifesto, che la città è infra le cose che son per natura; e così che l'uomo è per natura animale sociale … Aristotele (384-322 BC)
  7. 16. Aziende, mercati, prodotti <ul><li>Interazione sociale e fiducia sono correlate in maniera significativa con l’intensità di scambi interorganizzativi di risorse che, a sua volta, ha un effetto significativo sull’innovazione di prodotto [Tsai, 1998] </li></ul><ul><li>Gli economisti hanno sostenuto a lungo che la crescita economica è causata da quella della conoscenza e che le “ arti creative ” producono conoscenza [Potts, 2008] </li></ul><ul><li>Il coordinamento di attività cooperative nelle reti turistiche è un prerequisito per il miglioramento del processo di creazione del valore e per la costruzione di identità di marca nella rete [Perry-Smith, 2003] </li></ul><ul><li>Tecnologie, conoscenza e reti rappresentano un insieme unico di fattori per alimentare l’innovazione […] e che possono dare a un’azienda la capacità di dirigere le sue risorse verso le future (e ancora inespresse) esigenze dei clienti [Kandampully, 2002] </li></ul>
  8. 17. <ul><li>How Much Information is There in an Economic Organization and Why Can't Large Ones be Optimal? De Vany, A. (1998). Brazil. Electr. J. Econ. 1(1) </li></ul><ul><li>… possiamo dimostrare un teorema di &quot;impossibilità“ […] sostenendo che organizzazioni “grandi” non possono essere ottimali e realizzabili in tempi finiti. </li></ul><ul><li>On the advantages of information sharing Lachmann, M. et al. (2000). Proc. R. Soc. Lond. B, 267: 1287-1293 </li></ul><ul><li>… la condivisione di informazioni può portare ad aggregati nei quali gli individui ricevono più informazione sul loro ambiente e i costi per ottenerla sono minori. … </li></ul>
  9. 18. Fattori critici <ul><li>Capacità di sviluppare e realizzare efficaci strutture decisionali, informative e comunicative interorganizzativi </li></ul><ul><li>Capacità di creare e incrementare absorptive capacity in modo da facilitare l’apprendimento ad alto livello, la reciprocità e la trasparenza </li></ul><ul><li>Capacità di coordinare la rete in modo da rafforzare l’impegno verso l’identità del gruppo degli stakeholder </li></ul>
  10. 19. Amleto: Atto I, sc. V
  11. 21. Il Web
  12. 22. Un modello: bow-tie (papillon) Probabilità di trovare un cammino fra due nodi scelti a caso  24% IN SCC OUT
  13. 23. Studiare il Web <ul><li>Per comprendere e ottimizzare: </li></ul><ul><li>crawling & search (PageRank, SALSA, HITS, …) </li></ul><ul><li>identificazione di comunità / gruppi </li></ul><ul><li>classificazione e organizzazione di informazioni </li></ul><ul><li>sociologia della creazione di contenuti (e i meccanismi di creazione di prestigio, fiducia, ecc…) </li></ul><ul><li>riconoscimento e filtraggio di spam </li></ul><ul><li>comportamenti degli utenti in navigazione </li></ul><ul><li>data mining </li></ul>
  14. 24. Come raggiungere un sito
  15. 26. Presenze (1954-2009) Tot Ita Int
  16. 28. Elba Web
  17. 29. PageRank (siti Elba) <ul><li>Distribuzione “casuale” </li></ul><ul><ul><li>resto del Web mostra legge di potenza </li></ul></ul><ul><li>Valore medio: 2.85  0.11 </li></ul><ul><ul><li>scala: 0 [min] …10 [max] </li></ul></ul><ul><li>Valore basso  bassa visibilità dei siti sul Web </li></ul>
  18. 30. La navigazione in Rete … Cerco una destinazione e trovo un sito Consulto il sito, voglio vedere di più Trovo un nuovo sito Scelgo uno dei link e lo seguo Ci sono link? SI NO
  19. 31. La navigazione in Rete … <ul><li>Un modello semplificato: </li></ul><ul><li>Parto da un nodo scelto a caso sulla rete </li></ul><ul><li>Scelgo a caso un link e lo seguo </li></ul><ul><li>Continuo finché posso </li></ul><ul><ul><li>poi assumo un cambio di destinazione </li></ul></ul><ul><li>Random walk (RW): cammino casuale </li></ul><ul><ul><li>misure: lunghezza media, num. cammini = 0 </li></ul></ul>
  20. 32. Modifiche alla rete <ul><li>Crescita per aggiunta di link </li></ul><ul><li>Misure di RW sulle reti </li></ul><ul><li>Confronto dei risultati con le caratteristiche topologiche delle reti </li></ul><ul><ul><li>es.: diametro (max cammino medio)  “usabilità” della rete </li></ul></ul>
  21. 33. Random Walks Anche un piccolo aumento dei link (  15%) porta a ottimi risultati Link +15.5%
  22. 34. Efficienza <ul><li>In una rete: </li></ul><ul><ul><li>efficienza globale </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>capacità del sistema di trasferire informazione quando tutti i nodi trasmettono in parallelo </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>efficienza locale </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>capacità del nodo di trasferire informazione quando i nodi trasmettono in sequenza (singolarmente) </li></ul></ul></ul><ul><li>L’efficienza dipende dal numero dei collegamenti e dalla struttura della rete (modularità, ecc. …) </li></ul><ul><ul><li>ovviamente esiste un costo associato alla formazione dei link e al loro utilizzo (es.: trasmissione) </li></ul></ul>
  23. 35. Collaborazione ed efficienza Obiettivo: bilanciare efficienza del “singolo” e del sistema considerando i costi Costo Eff glob Eff loc “ Separazione” delle comunità “ Separazione” delle comunità Benefici/Costi Max/Optim
  24. 36. William Gibson
  25. 41. <ul><li>Our real-time search features are based on more than a dozen new search technologies that enable us to monitor more than a billion documents and process hundreds of millions of real-time changes each day. </li></ul><ul><li>We have also made some new strides with mobile search. Today's sensor-rich smartphones are redefining what &quot;query&quot; means. Beyond text, you can now search by a number of new modes including voice, location and sight - all from a mobile device. </li></ul><ul><li>As we've written before, search is still an unsolved problem and we're committed to making it faster and easier for people to access a greater diversity of information, delivered in real-time, from across the web. </li></ul>
  26. 47. Standard <ul><ul><li>vocabolario standard + protocollo di comunicazione + formato standard </li></ul></ul><ul><ul><li>hotel, albergo, locanda, ostello, pensione, relais, motel, rifugio, … </li></ul></ul>
  27. 49. <ul><li>Azienda </li></ul><ul><li>Fatturati </li></ul><ul><ul><li>Espansione mercati & operazioni </li></ul></ul><ul><ul><li>Strategie di distribuzione (focus su distribuzione diretta) </li></ul></ul><ul><ul><li>Yield/Revenue Management </li></ul></ul><ul><li>Costi </li></ul><ul><ul><li>Integrazione interna dei sistemi </li></ul></ul><ul><ul><li>Disintermediazione </li></ul></ul><ul><ul><li>Gestione della supply chain </li></ul></ul>Cliente Personalizzazione / CRM Consapevolezza di luogo/contesto/atmosfera Maggiori esigenze e attenti alla soddisfazione Proattività/capacità di anticipazione Integrazione Distribuzione Organizzazioni virtuali Interoperabilità Outsourcing (ASP/SaS)
  28. 50. Tempo Oggi il tempo è diventato una variabile fondamentale e la velocità è un paradigma Non basta sapersi adattare … bisogna saperlo fare IN FRETTA
  29. 51. Jack Welch Quando il ritmo del cambiamento al di fuori di un’organizzazione è maggiore di quello interno, la fine è vicina
  30. 53. Barnabe Rich , 1613
  31. 54. ecc. ecc. ecc.
  32. 55. A livello individuale… ma MOLTO meglio:

×