Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

L'energia delle imprese: tra rinnovabili, innovazioni ed export | Presentazione Comark

425 views

Published on

Published in: Economy & Finance
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

L'energia delle imprese: tra rinnovabili, innovazioni ed export | Presentazione Comark

  1. 1. La ricerca di clienti e la creazione di reti commerciali all'estero “come fare”
  2. 2. Chi è Co.Mark Co.Mark® è una società specializzata nell'erogazione di servizi di internazionalizzazione per la piccola media impresa utilizzando una formula che permette alle aziende di sfruttare i vantaggi del Temporary Management e dell’Outsourcing
  3. 3. Vantaggi dell'Outsourcing Alternativa all'assunzione a tempo pieno di un export manager in una fase di start up dell'export e/o necessità di perfezionamento o razionalizzazione di una presenza sui mercati esteri Usufruire dei vantaggi delle molteplici esperienze acquisite dal consulente sui diversi clienti seguiti Utilizzo di metodi e strumenti costantemente aggiornati tramite formazione interna e confronto
  4. 4. Come opera un Export Specialist Co.Mark  Studio qualitativo/quantitativo del mercato  Impostazione di una strategia di massima  La fase operativa (commercializzazione del prodotto)
  5. 5. Pratica per la piccola media impresa A) Studio quantitativo/qualitativo del mercato 1) Scelta dei mercati - Desiderata del cliente - Interscambio - Consumo Apparente (produzione+importazione-esportazione) - Analisi concorrenza (Home page concorrenza, verifica esistenza ulteriori concorrenti, banche specializzate, statistiche riportate dalle associazioni di categoria) - Matrice (desiderata del cliente; analisi di Interscambio; analisi del consumo apparente; dimensione del mercato; vicinanza geografica del mercato; concorrenza in loco; incidenza del trasporto; barriere linguistiche, importanza strategica)
  6. 6. Pratica per la piccola media impresa A) Studio quantitativo/qualitativo del mercato 2) Individuazione dei canali distributivi - Analisi dei canali distributivi adottati nella situazione attuale - Analisi della concorrenza (banche dati specializzate, contenuto dei siti, ricerca telefonica a seguire) - La scelta dei canali di distribuzione può essere effettuata sulla base delle indicazioni fornite da un campione rappresentativo di clienti finali - Definizione di tutti i possibili canali di distribuzione utilizzabili dall'azienda
  7. 7. Pratica per la piccola media impresa A) Studio quantitativo/qualitativo del mercato 3) Valutazione del prodotto della concorrenza andando a cercare le caratteristiche dello stesso 4) Promozione/Pubblicità: confronto fra la percezione di immagine del cliente e quella dei concorrenti (qualità del sito, presentazione in genere, partecipazione o meno a fiere, appartenenza ad associazioni di prodotto, ecc…) Prime valutazioni di confronto cliente/concorrenti: in quest’area, l’Export Specialist® elabora una prima sintetica relazione di confronto fra il cliente e la concorrenza rispetto a quanto percepito e sulla base di tre dei quattro elementi del marketing-mix.
  8. 8. Pratica per la piccola media impresa B) Realizzazione di un Business Plan (impostazione di una strategia di massima) - analisi della situazione attuale: - numero dei dipendenti e loro ripartizione percentuale rispetto ai diversi comparti (produttivo/commerciale/altro) - organizzazione dell’ufficio commerciale Italia/estero - grado di conoscenza delle lingue straniere da parte dei dipendenti coinvolti; - fatturato e relativa ripartizione percentuale sui diversi mercati di presenza - capacità produttiva inespressa - individuazione punti deboli/forti rispetto all'esportazione - la definizione degli obiettivi di massima (in termini di fatturato e non solo) - elaborazione di una strategia
  9. 9. Pratica per la piccola media impresa Ridefinizione degli obiettivi tenendo conto dell'analisi dello Studio del Mercato e dell'Impostazione Strategica di Massima nella quale abbiamo fotografato la situazione attuale dell'azienda con i suoi punti forti/deboli
  10. 10. Pratica per la piccola media impresa C) La fase operativa (commercializzazione del prodotto) 1) Determinazione Database Generici tramite varie Fonti Informative - Le banche dati (cartacee, multimediali e on-line) - Lista Portali in area intranet - Le banche dati comunicazionali, generiche e settoriali - Le associazioni categoria - Le fiere e le riviste di settore - Profilazione sul web 2) Determinazione Database Personalizzato tramite attività di call telefonico - Prima azione di call telefonico - Individuazione clienti potenziali - Formazione database customizzato
  11. 11. Pratica per la piccola media impresa Ridefinizione Strategia passo passo 1) Clienti Interessati = offerta commerciale e confronto con azienda cliente 2) Clienti non interessati = Raccolta info di mercato - la concorrenza (chi è e come si comporta). Info sui prezzi e le condizioni di vendita applicate, le soluzioni distributive adottate, ecc… - caratteristiche fisiche del prodotto consumato - Ridefinizione delle strategie distributive ideali
  12. 12. Pratica per la piccola media impresa Obiettivo Finale – Creazione della Rete - Copertura geografica, per canale e per prodotto - Monitoraggio delle vendite - Gestire il pacchetto clienti/intermediari acquisiti in modo da fidelizzare i clienti - Dare seguito alla semina

×