Università degli Studi di Napoli                “Federico II”                  Facoltà di Sociologia               Corso d...
Comunicazione - Premesse e concetti                Comunicazione pubblica                    Comunicazione politica       ...
Comunicazione politica - Attori            Le ambiguità concettuali proprie del settore vengono separate per scopi discipl...
Comunicazione politica - Attori                    Politica;           Ambito d’azione collettiva che implica un processo...
Modello Pubblicistico  Relazione paritetica                                               Il modello pubblicistico, analiz...
Modello Mediale                                              Il modello mediale o della medial logic                      ...
In questo modello generale macro-sociale, gli          Mercato                   elementi della triade coesistono e cooper...
Modello di Cooperazione Conflittuale              Schema                                                  Nel modello di c...
Politiche Pubbliche Il contenuto della comunicazione             Con il termine policy si intende lapubblica sono interven...
Modello di Theodore Lowi              Tipologie di politiche pubbliche in riferimento alla politica generalmente intesa.  ...
Modello del Consenso                                                 Il modello del consenso colloca l’azione tra         ...
Comunicazione Istituzionale                                 Funzioni e potenzialità                     L’atto comunicativ...
Comunicazione Pubblica - Origine                                Istituzionalizzazione della disciplina Precedenti tipolog...
Riforma Duale                                   Processo duale di cambiamento                                             ...
Leggi Bassanini          Provvedimenti normativi redatti da Franco Bassanini in materia di pubblica          amministrazio...
Fasi evolutive           Comunicazione anagrafica                              Comunicazione di servizio                  ...
Contesto normativo       Provvedimenti disciplinari che strutturano la disciplina durante il decennio riformista.         ...
Modello americano – Bottom-up             Funzioni e potenzialità delle Community Network e impalcatura telematica delle p...
Modello italiano – Top-down               Attività e sviluppo delle Reti Civiche e loro configurazione in termini di acces...
Legge 150/2000            “Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni”. ...
Comunicazione sociale            Componente della comunicazione pubblica, finalizzata al mutamento di comportamenti negati...
Semplificazione amministrativa                                      Informazione come contenuto della comunicazione.      ...
Comunicazione scientifica                                                                                      Identità   ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Comunicazione pubblica e istituzionale

7,802 views

Published on

Nozioni generali

Published in: Education
0 Comments
4 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
7,802
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
58
Comments
0
Likes
4
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Comunicazione pubblica e istituzionale

  1. 1. Università degli Studi di Napoli “Federico II” Facoltà di Sociologia Corso di Laurea Magistrale in Comunicazione pubblica, sociale e politica Corso di Comunicazione pubblica e istituzionale Nozioni preliminari Anno Accademico 2011/2012A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 1
  2. 2. Comunicazione - Premesse e concetti Comunicazione pubblica Comunicazione politica Comunicazione delle Comunicazione dei soggetti autorità politiche con semi-pubblici o semi-privati incarichi pubblici con finalità politiche Marketing Forme della comunicazione pubblica Marketing istituzionale territoriale  Comunicazione politica;Emula la comunicazione  comunicazione istituzionale Contesto del rapporto trad’impresa adattandosi ai delle imprese; città: strategie di principi della customer  comunicazione sociale; circolazione di beni esatisfaction; il profitto è  comunicazione di pubblica utilità. servizi; strategia economico ma anche competitiva per lo sviluppo legato all’immagine. territoriale. La c. istituzionale acquisisce i codiciComunicazione istituzionale comportamentali della c. Comunicazione d’impresa d’impresa. A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 2
  3. 3. Comunicazione politica - Attori Le ambiguità concettuali proprie del settore vengono separate per scopi disciplinari. Tre attori della c. politica: sistema politico, cittadino elettore, sistema mediale.Il sistema politico è Parlamento, governo, magistratura, presidenze;univoco ed unitario Istituzioni soggette a regole di efficienza e trasparenza; la lorodal punto di vista centrali esistenza è caratterizzata da regole e da un altomacro; vario e livello di legittimità di tipo procedurale.poliprospettico dalpunto di vista micro Partiti, Operano con finalità di consenso; possono essere semi-pubblici o semi-privati; la legittimità è lobbies,Sistema politico sostanziale: l’appoggio deve essere guadagnato e sindacati, mantenuto mediante un processo di negoziazione movimenti della legittimità; problema della leadership interna.Composito, poliforme,eterogeneo a seconda Agiscono in un’ottica di mercato, non più didelle componenti e del Poteri trasparenza e di servizio pubblico; quando i livelliloro relativo grado di locali di legittimazione sono piuttosto bassi, viene attuatalegittimità; varietà di una pressione politica sulle istituzioni centrali.ruoli e di funzioni. A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 3
  4. 4. Comunicazione politica - Attori  Politica; Ambito d’azione collettiva che implica un processo di  istituzionale; negoziazione e che determina la molteplicità di letture  mediale. delle funzioni degli attori dei modelli comunicativi. Arena Si considera sia nella sua forma individuale sia nella sua dimensione collettiva; esprime la sua sovranità nel voto elettorale e nell’opinione pubblica, conferendo legittimità alle istituzioni; gliCittadino elettore viene attribuito un alto grado di sovranità anche in ultima istanza, ma è dotato tuttavia di pochi strumenti intermittenti che possono essere anche violenti se non ascoltato. Sfera pubblica istituzionale Insieme dei mezzi di comunicazione caratterizzato da specifiche sottocategorie; media mainstream: mezzi di comunicazione capaci di influenzare, rappresentare e determinare l’opinione pubblica, avendo un ruolo fondamentale nel palesare il rapporto tra i tre attori del contestoSistema mediale istituzionale, più utilizzati e conosciuti rispetto ai mezzi di diffusione popolare (mass); i nuovi media (web) non sono ancora mainstream: i processi politici di coinvolgimento del cittadino avvengono ancora attraverso i canali tradizionali (es. propagande elettorali). A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 4
  5. 5. Modello Pubblicistico Relazione paritetica Il modello pubblicistico, analizzando il rapporto intercorrente tra gli attori della comunicazione della sfera pubblica istituzionale, pone il sistema politico, quello SP mediale ed il cittadino elettore sullo stesso piano, conferendo a ciascuno dei tre elementi Sfera pubblica lo stesso peso in termini di esercizio del potere e di influenza reciproca, non CE SM considerando il reale grado di disomogeneità esistente tra gli stessi. Lo spazio pubblico si configura come intersezione delle tre sfere d’azione dei rispettivi attori e si pone quindi in posizione centrale nel contesto della loroSP Sistema politico interazione.SM Sistema medialeCE Cittadino elettore A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 5
  6. 6. Modello Mediale Il modello mediale o della medial logic dispone il sistema politico ed il cittadino Medial Logic elettore sul piano del sistema mediale nel cui contesto agiscono ed interagiscono, essendo collegati da questo elemento comune; la comunicazione assume un ruolo centrale ed una funzione sovraordinata. Si verifica un processo di mediatizzazione della società e SP CE Sfera pubblica della politica con il relativo affermarsi della medializzata medial logic quale modificazione sostanziale e genetica dei codici di espressione dellaSM politica. Ciò è causa di un cambiamento endogeno delle organizzazioni politiche che si sottopongono ad una trasformazione in direzione mediale, instaurando un rapporto sincretico con i codici espressivi propri delSP Sistema politico contesto mediale. La sfera pubblica divieneSM Sistema mediale medializzata”.CE Cittadino elettore A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 6
  7. 7. In questo modello generale macro-sociale, gli Mercato elementi della triade coesistono e cooperano in un uno stesso piano d’azione. Processo economico mediante il Stato quale si sposta la proprietà di un PrivatizzazioneP L ente o di un’azienda dal controllo statale a quello privato. Decentramento nella gestione pubblica e relativa attribuzione ai Federalismo singoli enti locali di una maggiore autonomia di tipo amministrativo.Mercato Società civile Processo legislativo che consiste F nella riduzione o nella Liberalizzazione eliminazione di restrizioni, normeP Privatizzazione e regole precedentemente esistentiF Federalismo Visione gerarchica della vita sociale e Sussidiarietà stretta collaborazione tra gli stati.L Liberalizzazione A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 7
  8. 8. Modello di Cooperazione Conflittuale Schema Nel modello di cooperazione conflittuale, il mercato sovrintende il rapporto tra stato e società civile, costituendo il contesto comune Stato nell’ambito del quale essi coesistono, Società civile cooperando e scontrandosi allo stesso tempo. Il cambiamento dell’assetto strutturale induceMercato la società ad un adeguamento rispetto alle logiche ed alle pratiche tipiche del settore del mercato, con il relativo affermarsi di processi Responsiveness Accountability di separazione e responsabilizzazione. Reattività: capacità di Responsabilità: Sudditorisposta immediata da obbligo di parte dello stato in sottomissione dello Clienterelazione alle esigenze stato alle regole, Cittadino ed alle richieste dei secondo criteri di Utente cittadini. trasparenza. Sovrano A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 8
  9. 9. Politiche Pubbliche Il contenuto della comunicazione Con il termine policy si intende lapubblica sono interventi di politica politica pubblica, “reale”, pubblica. Occorre analizzare cosa contrapposta alla politics che inveceviene comunicato dagli attori nelle soggiace a meri rapporti di forza, su relazioni istituzionali e qual è base ideologica, tra forze politiche el’oggetto del contendere, nonché il leader. I due significati non sono contesto nell’ambito del quale si distinguibili in italiano perché nel decide di attuare provvedimenti nostro vocabolario entrambi i impopolari. significati ricadono sotto il termine generico di “politica”. La Income generating differenziazione del termine, infatti, appartiene in origine al lessico della Provvedimenti e pratiche di tipo politica statunitense e della cultura economico finalizzate ad un locale fortemente pragmatica. guadagno di denaro; attività “generatrici di reddito”.A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 9
  10. 10. Modello di Theodore Lowi Tipologie di politiche pubbliche in riferimento alla politica generalmente intesa. Schema Riguardano la determinazione di Politiche norme di rango istituzionale in grado Politiche costitutive/regolative costitutive di cambiare l’assetto di uno stato a partire dalla sua struttura. Politiche Si configurano come politiche di Politiche riforma non solo dello stato, ma regolative anche del mercato. simboliche Politiche Politiche allocative di fondi ePolitiche distributive Politiche redistributive distributive finanziamenti alle istituzioni. Elementi costitutivi Politiche Politiche finalizzate alla riduzione redistributive della disparità sociale attraverso pratiche redistributive del reddito.  Policies: politiche;  polities: politica; Politiche Politiche di trasmissione di valori e  politic: comunità. simboliche simboli fondate sulla comunicazione A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 10
  11. 11. Modello del Consenso Il modello del consenso colloca l’azione tra politiche costitutive/regolative, politiche Schema distributive e politiche redistributive sul piano delle politiche simboliche, attribuendo un ruolo di primaria importanza alla sfera comunicativa. In tal modo, le politiche PC/R simboliche si configurano come sovraordinate rispetto alle altre tipologie, PD PR prefiggendosi l’obiettivo di comunicare il contenuto delle politiche pubbliche di unoPS stato, focalizzandosi su valori socialmente condivisi e sui simboli propri di quella comunità cui si rivolgono. Le politiche simboliche assumono rilevanza e validità se Politiche costitutive/ supportate da elementi concreti, in virtù del PC/R principio di trasparenza dei dati (open data regolative PD Politiche distributive governement), e della publicness, quale PR campo di tutte le diverse forme di Politiche redistributive comunicazione che riguardano gli affari di PS Politiche simboliche stato di interesse generale. A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 11
  12. 12. Comunicazione Istituzionale Funzioni e potenzialità L’atto comunicativo si configura come uno strumento da utilizzare al fine di mantenere ed esercitare una forma di potere ed è soggetto ad un uso strumentale per finalità di consenso. Strategie: media management, gestione delle risorse mediali eRisorsa di potere dei mezzi di comunicazione; news management, gestione distorsiva delle notizie mirata al mutamento del framing (“cornice di senso”) nel quale si verifica un fenomeno, con la volontà di conferire a quel determinato elemento una “direzione mediale” prestabilita (spinning). La comunicazione interviene nelle fasi di cambiamento politico per Fattore di riequilibrare l’asincronia generata da un eventuale mutamento dell’assettomodernizzazione strutturale, operando in funzione del principio di trasparenza governativa. Ampliamento del bacino d’utenza delle notizie che determina una Fattore di maggiore consapevolezza da parte dell’opinione pubblica. Fattori:democratizzazione esplosione dei media, sviluppo dei mass media e dei new media; riconoscimento dei diritti di cittadinanza, accesso attivo alla politica. Componente del processo La comunicazione, se tempestiva, semplifica, razionalizza, elimina le ridondanze proprie dei canali burocratici, favorendo una fruizione diretta ed efficace delledi semplificazione notizie relative alle pratiche politiche attuate dalla pubblica amministrazione. A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 12
  13. 13. Comunicazione Pubblica - Origine Istituzionalizzazione della disciplina Precedenti tipologici nella cultura  Trasferimento delle funzioni ai greco-romana; Problemi contesti locali; connotazione negativa derivante  Massimo Severo Giannini, 1979; sistemici  necessità di instaurazione di un dalle pratiche propagandistiche del periodo bellico; si risolvono rapporto tra pubblica prevalenza dell’ideologia del con soluzioni amministrazione e cittadini; consenso e della manipolazione; globali.  ruolo attivo della comunicazione; ritardo del processo di costituzione  stabilizzazione della partecipazione delle regioni italiane. Big Society politica della popolazione.Cooperazione congiunta di tutte le parti del sistema amministrativo per la risoluzione di problematiche dicarattere collettivo che prevede l’intervento, assieme allo stato ed al cittadino, anche del mercato neiprocessi di gestione della sfera pubblica. In Italia, il processo di istituzionalizzazione della comunicazionepubblica prende avvio nel corso degli anni Novanta, mediante l’introduzione di leggi che ne regolarizzanolo statuto, pur in mancanza di controlli d’applicazione ed incentivi al miglioramento. Comunicazione Pubblica – Accorciare le distanze tra istituzioni e cittadini A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 13
  14. 14. Riforma Duale Processo duale di cambiamento Decennio Riformista Sfera Amministrativa 1990 Sfera Politica 142/1990 La riforma ha origine da 81/1993 Riforma di ordinamento delle Legge che introduce l’elezioneautonomie locali con separazione poli opposti procedendo diretta del sindaco (contestofra attività di gestione e indirizzo verso un unico obiettivo locale). politico. comune. Il disegno 276-277/1993 241/1990 organico che ne deriva si Legge Mattarella/maggioritario Legge sulla trasparenza caratterizza per quattro uninominale (contesto nazionale). dell’azione pubblica, elementi peculiari norme in materia di condivisi. procedimento amministrativo edi diritto d’accesso ai documenti: determinazione del potere di Le componenti devono agire armonicamente in un’unica direzione verifica del cittadino. per l’interesse pubblico, comunicando con il cittadino.Autonomia Leadership Decisione e Partecipazione Accountability e Responsiveness A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 14
  15. 15. Leggi Bassanini Provvedimenti normativi redatti da Franco Bassanini in materia di pubblica amministrazione. Si inseriscono nel contesto del decennio riformista degli anni Novanta e si distinguono per aver conferito al settore dell’amministrazione pubblica la sua ossatura di base e l’architettura che ne sorregge il funzionamento. Tali leggi si ispirano ad un modello di riforma della politica statunitense del 1993. 59/1997National Reform Review Informatizzazione Semplificazione delle procedure amministrative e dei vincoliOutsourcing Delega di funzioni al privato burocratici, perseguimento del massimo decentramento.Partnership Mercato cooperatore dello Stato 127/1997Downsizing Compressione e riduzione statale Semplificazione amministrativa con l’obiettivo di ridisegnare l’organizzazione e il 191/1998 50/1999 funzionamentoNorme in materia di formazione Riforma organica della dell’amministrazione pubblica. del personale e di lavoro a Presidenza del Consiglio e distanza nelle pubbliche della struttura del Consiglio dei amministrazioni. Ministri. Interoperabilità A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 15
  16. 16. Fasi evolutive Comunicazione anagrafica Comunicazione di servizio Comunicazione di pubblica utilità Funzione autoreferenziale: Comunicazione come parteindicazioni, ruoli e strutture Comunicazione come flusso del servizio: opportunità, ai fini di una orientato al servizio pubblico ed rischi e possibilità del documentazione basica. al comune interesse dei cittadini. cittadino. Piano terra Quinto pianoAccesso preliminare: comunicazione Metafora del palazzo Democrazia patecipativa: dibattito elementare. pubblico. Terzo piano Primo piano Campagne pubblicitarie e Sesto pianoRobusto front-line: accoglienza alla giornalistiche. Gestione dinamica di tutto il fruizione di atti e norme. patrimonio simbolico. Quarto piano Secondo piano Sviluppo di specialismi. Ogni piano plasma un profilo Sistema mediatico. professionale specifico. A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 16
  17. 17. Contesto normativo Provvedimenti disciplinari che strutturano la disciplina durante il decennio riformista. Principio di obbligatorietà della pubblicità che costringe le pubblicheLegge 67/1987 amministrazioni (p.a.) ad utilizzare canali pubblicitari al fine di comunicare il proprio operato; si configura come legge di sostegno all’editoria. Nuovo ordinamento delle amministrazioni locali che stabilisce un principio diLegge 142/1990 partecipazione dei cittadini attraverso uno statuto, nonché la possibilità d’accesso agli atti amministrativi. Legge sulla trasparenza che istituisce il Rup (Responsabile unico diLegge 241/1990 procedimento) e l’Urp (Ufficio per le relazioni con il pubblico); accesso, efficacia, publicness: forma attiva di volontà di mostrarsi al pubblico. Istituzione dell’Aipa (Autorità per l’informatica nella pubblicaLegge 29/1993 amministrazione); formalizzazione del documento informatico e firma digitale.Legge 59/1997 Legge sulla semplificazione, razionalizzazione, interoperabilità.Legge 127/1997 Legge che istituisce il principio della cooperazione applicativa tra p.a. A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 17
  18. 18. Modello americano – Bottom-up Funzioni e potenzialità delle Community Network e impalcatura telematica delle p.a. Conoscenza del settore pubblico; Schema Educazione consapevolezza dei diritti/doveri di cittadinanza; alfabetizzazione informatica. Democrazia forte Convivialità e cultura Possibilità di autorappresentazione; nuove forme di socializzazione. Community Network Informazione e comunicazione Scambi bilaterali; senso civico di partecipazione. EquitàSalute e Opportunità Accesso collettivo per unbenessere Equità, opportunità, sostenibilità Sostenibilità equo usufruire dei servizi. Educazione Salute e benessere Campagne su salute e prevenzione;Convivialità e Informazione e progressi della ricerca in campo medico. cultura comunicazione Democrazia forte Partecipazione attiva dei cittadini alla vita Dal basso verso l’alto politica e coinvolgimento. A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 18
  19. 19. Modello italiano – Top-down Attività e sviluppo delle Reti Civiche e loro configurazione in termini di accesso. Schema Il modello italiano Top-down si configura in termini di accesso, non di partecipazione (Bottom-up). Le reti civiche, in quanto specifiche modalità telematiche di Servizi reali democrazia partecipativa, nascono “dal basso” e Governance vengono poi imposte “dall’alto”. Nel contesto italiano, la forma più diffusa di rete civica, il sito web, costituisce uno strumento di marketing Accesso territoriale, mediante la sponsorizzazione di eventi e Trasparenza la promozione del turismo; un canale informativo di pubblica utilità, grazie alla possibilità di accesso aiMarketing territoriale dati di servizio; un fattore di trasparenza dell’operato delle pubbliche amministrazioni; una modalità caratteristica di governance che implica un Informazione di coinvolgimento diretto del cittadino ed un pubblica utilità allargamento del processo decisionale; ed ancora, un mezzo attraverso il quale fornire sevizi reali e “transattivi”. Dall’alto verso il basso A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 19
  20. 20. Legge 150/2000 “Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni”. Una delle funzioni principali Le disposizioni della legge, in attuazione Coloro che si occupano di cui devono assolvere soggetti dei princìpi che regolano la trasparenza e relazioni con il pubblico che si occupano di relazioni l’efficacia dell’azione amministrativa, devono assicurarsi che anche la con il pubblico è la disciplinano le attività di informazione e comunicazione internacomunicazione esterna, ovvero di comunicazione delle pubbliche all’organizzazione circoli in trasferire e diffondere le modo efficace e funzionale alla amministrazioni. informazioni e le gestione delle stesse relazionicomunicazioni verso l’esterno. con il pubblico. Secondo quanto espresso dalla normativa, i soggetti che si occupano di relazioni con il pubblico hanno il compito in primo luogo di dare piena visibilità all’attività delle pubbliche amministrazioni, garantendo al cittadino la possibilità di partecipare ed accedere all’attività della stessa, attraverso il coinvolgimento e l’aggiornamento costante rispetto agli iter dei procedimenti amministrativi. Questa attività è strettamente collegata all’ascolto dei cittadini, alla gestione dei suggerimenti e dei reclami provenienti da essi e alla gestione del disservizio: proprio da queste due attività, e in particolar modo dalla seconda, possono scaturire alcuni dei procedimenti amministrativi a cui si faceva riferimento in precedenza. In questo senso viene anche stimolata la partecipazione civica da parte degli stessi cittadini all’attività dell’amministrazione. A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 20
  21. 21. Comunicazione sociale Componente della comunicazione pubblica, finalizzata al mutamento di comportamenti negativi. Attori Strumenti Obiettivi Settori della pubblica utilità;  Campagne sociali;  Comunicare disagio, partiti politici;  comunicazione interpersonale; sofferenza, protesta; terzo settore e volontariato  social network;  raccogliere bisogni ed organizzato;  Direct Marketing sociale; istanze dei cittadini; rappresentanze socio-economiche e  appelli pubblici;  sollecitare l’opinione dell’impresa;  campagne di sensibilizzazione; pubblica; intero sistema dei media.  pubblicità sociale.  diffondere valori condivisi.Il perimetro della comunicazione sociale è  Positivo: assume una valenza positiva;di difficile confinamento per il fatto che  negativo: presta la sua competenza inessa si riferisce al concetto di società, quanto portatore di quella caratteristicasoggetto che nel terzo millennio ha assunto Testimonial che si invita a non assumere;dimensioni tali da impedirne una  scientifico: informativo e pedagogico,descrizione univoca e precisa. La società conferisce autorevolezza e valenza alcontemporanea è rimescolata da flussi e messaggio.fenomeni migratori e dalla multietnia. A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 21
  22. 22. Semplificazione amministrativa Informazione come contenuto della comunicazione. Il sistema informativo si I punti di validazione vengono configura come una rete, ossia individuati al fine di assicurare come un insieme di componenti correttezza, pertinenza e validità interconnesse costituito da dell’informazione, e di determinare elementi hardware, processi di un rapporto di fiducia tra fonte flusso, componenti software. erogatrice e fruitore del servizio.Al sistema informativo Fondamentale risulta anchesovrintende un sistema di regole l’individuazione delle titolaritàche ne rende possibile un buon con la relativa possibilità difunzionamento, in termini di risalire l’“albero delle deleghe”comportamento informatico e di L’informazione deve essere (responsabilità rispetto alleaccessibilità, e ne disciplina il validata per poter essere funzionalità), per comprendereprocesso interno tra i vari attori. successivamente erogata: deve l’origine di un eventuale errore. essere giusta, tempestiva, corretta ed utile. Occorre analizzare l’affidabilità della fonte dalla quale essa proviene. A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 22
  23. 23. Comunicazione scientifica Identità La comunicazione scientifica si pone come obiettivo principale Morfologiche: Sintattiche: quello di comunicare nozioni e  lessico specifico,  sintassi semplificata scoperte di carattere scientifico, tecnico, monosemico; e gerarchizzata; semplificando il registro linguistico,  neologismi;  assenza di metafore; utilizzando espressioni fruibili e  linguaggio settoriale e  alto contenuto facilmente assimilabili. Occorre formalizzato. informativo. innescare un processo di democratizzazione dell’accesso alla conoscenza scientifica, non essendo possibile democratizzare la scienza in quanto tale. Strategie:  usare parole comuni;  prediligere frasi brevi;L’elaborazione scientifica si sviluppa secondo  non concentrare troppequattro fasi: registrazione, certificazione, informazioni in un’unica frase;diffusione, archiviazione. Un documento  essere sobri;scientifico deve comprendere: titolo, abstract,  attribuire importanzaintroduzione, metodi, materiali, strumenti, all’immagine.procedura, risultati, discussioni, conclusione,referenze ed appendice. A.C. - Comunicazione pubblica e istituzionale - 23

×