Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Bulgaria: dati macroeconomici 2015 dal Business Atlas

229 views

Published on

Business Atlas è la Guida agli affari in 54 paesi del mondo. Le schede paese del Business Atlas forniscono un quadro sintetico e funzionale delle principali caratteristiche dei diversi mercati esteri, dati sull’interscambio e flusso degli investimenti, elementi normativi e legislativi, schede anagrafiche delle Camere di Commercio Italiane all’Estero e altre informazioni utili.
Tutte le schede sono presenti al link http://www.assocamerestero.it/default.asp?idtema=1&idtemacat=1&page=informazioni&action=read&index=1&idcategoria=25206&idinformazione=101301

Published in: Data & Analytics
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Bulgaria: dati macroeconomici 2015 dal Business Atlas

  1. 1. Fonti: Istituto Nazionale di Statistica della Repubblica di Bulgaria; Banca Nazionale Bulgara (BNB); ISTAT; Banca Mondiale. BULGARIA DATI MARCOECONOMICI Reddito pro-capite euro 5.013 Tasso di inflazione % -1 Tasso di disoccupazione % 11,4 Tasso di variazione del PIL (2014 su 2013) % 1,5 Previsione di crescita del PIL per il 2015 % 1,1 Totale import Miliardi di euro 22,10 Totale export Miliardi di euro 26,12 Saldo bilancia commerciale Miliardi di euro 4,02 Totale importazioni dall’Italia Miliardi di euro 1,84 Totale esportazioni verso l’Italia Miliardi di euro 2,24 Saldo interscambio Italia Miliardi di euro 0,4 Investimenti esteri verso il paese Miliardi di euro 1,182 Investimenti del paese all’estero Miliardi di euro -0,185 Investimenti italiani nel paese Miliardi di euro -0,013 Investimenti del paese in Italia Miliardi di euro 0,004
  2. 2. Business Atlas Bulgaria CARATTERISTICHE DEL PAESE Fuso orario: (rispetto all’Italia): +1 Superficie: 110.910 kmq Popolazione1 : 7.245.677 Comunità italiana2 : 889 Capitale: Sofia (1.221.292) Città principaliv: Plovdiv (341.041);Varna (335.819); Burgas (199.364); Ruse (147.817); Stara Zagora (137.834); Ple- ven (103.122); Sliven (89.723) Moneta: Nuovo Lev Bulgaro (BGN) Tasso di cambio3 : 1 euro= 1,955 BGN Lingua: Bulgaro (85,2%);Turco (9,1%) Religioni principali: Cristiano Ortodossi (76%); Atei (11,8%); Musulmani (10,1%); Cattolici (0,8%); Protestanti (1,1%); altri (0,2%) Ordinamento dello Stato: Repubblica Parlamentare il cui Presidente, eletto direttamente dal popolo, ha un mandato di 5 anni, rinnovabile una sola volta. Il Parlamento (Assemblea Nazionale) è di tipo monocamerale. Oltre ad esercitare il potere legislativo controlla il bilancio dello Stato, stabilisce e quantifica le imposte, stabilisce la data delle elezioni per la carica di Presidente della Repubblica, concede e revoca la fiducia al Primo Ministro. Suddivisioneamministrativa:28regioniamministrative–NUTS3(Blagoevgrad,Burgas,Dobrich,Gabrovo,Haskovo, Kardjali, Kjustendil, Lovech, Montana, Pazardjik, Pernik, Pleven, Plovdiv, Razgrad, Russe, Shumen, Silistra, Sliven, Smolyan, Sofia città, Sofia distretto, Stara Zagora,Targovishte,Varna,VelikoTurnovo,Vidin,Vratza,Yambol) e 265 Comuni e 6 Regioni “pianificate”NUTS2 ( Nordovest, Nord Centrale, Nordest, Sudovest, Sud Centrale, Sudest ). QUADRO DELL’ECONOMIA4 Quadro macroeconomico L’economiabulgaratendearegistrareunacrescitamodesta di circa 1,5% per l’anno 2014, che nello stesso tempo è la piùsignificativadegliultimidueanni.Lasituazionemacro- economicabulgarasubiscel’instabilitàpoliticadelPaesead oggi guidato da un Governo di coalizione, il cui Premier è Boyko Borissov, dimissionario nel Febbraio 2013 a seguito delle forti tensioni sociali, sfociate in manifestazioni di pro- testa in tutta la Bulgaria. L’attuale governo è operativo dal 7novembre2014edècompostodalpartitodidestraGERB (presieduto dall’attuale Primo ministro), dal Blocco Rifor- mista(unionedi5partiti),daABVedalFrontePatriotticoil qualedichiaraunorientamentoproeuropeoeproatlantico pianificandodrasticheriformeeconomiche,amministrative esociali. UnodeiprincipaliobiettividelGovernoèladiversificazione delle fonti energetiche (il 90% delle quali proviene dalla Russia). Dopo lo stop del progetto South Stream, che pre- vedeva la realizzazione di gasdotti grazie ad investimenti dellarussaGazprom,laBulgariastacercandooradiottene- re finanziamenti europei per la realizzazione di una simile infrastruttura energetica ancora mancante. Si proverà ad intercettare finanziamenti anche per raggiungere un grado elevatodiefficienzaenergeticanelleabitazioni. L’utilizzo di fondi EU è, tuttavia, ancora in stallo a causa dei tempi prolungati per approvazione dei vari PO da parte di Bruxellesesisperacheiprimibandiescanoafineanno. Rimangono obiettivi centrali anche il rilancio dell’economia e degli investimenti; la riforma energetica in un’ottica di maggiore trasparenza e ancoraggio alle regole di mercato delsettore;lalottaalcrimineorganizzatoeallacorruzione;il raggiungimentodiunamaggiorecoesioneegiustiziasociale. Nonostante la Bulgaria, sia il Paese con il reddito procapite più basso di tutta la UE, il suo mercato del lavoro è in forte espansione. Il tasso di disoccupazione medio registrato nel 2014 è stato dell’11,4%. Esiste, inoltre, il grave problema dell’emigrazione che interessa principalmente i lavoratori piùqualificati. Il trend positivo dell’export, a partire del 2013, ha influen- zato la crescita dell’occupazione nei settori dell’economia orientatiall’estero,doveneiprimi9mesidel2014ilnumero degli impiegati è aumentato di 43.000 unità. Conseguenza diciòèanchelacrescitadeiconsumiinterni. Bulgaria Sofia 1 Fonte: Istituto Nazionale di Statistica della Repubblica di Bulgaria (datiultimocensimento31.12.2013) 2DatiAIREaggiornatial31dicembre2012 3Tassodicambiofisso 4 Fonte: Istituto Nazionale di Statistica della Repubblica di Bulgaria; BancaNazionaleBulgara;ISTAT;BancaMondiale 4Fonte:IstitutoNazionalediStatistica
  3. 3. Business Atlas Europa L’Istituto di Statistica bulgaro (NSI) registra una deflazione cheagennaio2015raggiungeilvalorepiùaltodegliultimi 6 mesi (-1%). Il fattore principale rimane sempre il costo bassodeiprodottipetroliferi. In seguito all’instabilità del settore bancario verificatasi alla fine del primo semenstre dell’anno il rating del credito sovrano della Bulgaria dell’agenzia Standard and Poor’s ha raggiunto il livello BB+ che rimane comunque con pro- spettiva stabile, secondo quanto riferisce il Ministero delle Finanze. Principali settori produttivi5 Nel 2014 il PIL è, per quinto anno consecutivo, in crescita ed ammonta a mld/euro 42.010. Il settore che contribui- sce in maniera più rilevante al PIL rimane quello dei ser- vizi (66,4%), seguono l’industria (28,3%) e l’agricoltura (5,3%).Nel2014,isettorichehannoregistratopercentuali di crescità più rilevanti sono stati: l’industria della trasfor- mazione, il turismo - in particolare il comparto termale e wellness verso cui il Paese si sta orientando attraverso forti campagne di promozione all’estero ed iniziative fieristiche (la Bulgaria è il secondo Paese al mondo per numero di fontimineralidopol’Islanda).Nel2014,lepresenzeitaliane nel Paese si sono attestate sulle 143.559 unità. È da notare il progresso dell’industria dei software che per il 2014 con- tribuisceconl’1,74%alPILconunatendenzadicrescitadel 15%perl’anno2015. Nel settore dei servizi è occupato circa il 61% della forza lavoro nazionale, il 30,4% nel settore industriale e il 6,7% inquelloagricolo. Infrastrutture e trasporti La rete stradale bulgara si estende per 19.678 km, di cui 630kmdiautostrade(1completataSofia-Burgase4invia di costruzione), 2.975 km di strade di prima classe, 4.035 km di strade di seconda classe e 12.063 km di terza classe. Il Paese è attraversato dai corridoi paneuropei IV,VII,VIII, IX e X che uniscono, con un’unica direttrice, l’Adriatico al mar NeropartendodalportodiDurazzo,attraversandoSkopijee SofiafinoalportodiBurgas.Anchegrazieaglistanziamenti dell’UEsonoinrealizzazionediversiprogettidiampliamen- toedammodernamentodellareteautostradale. La rete ferroviaria conta 4.032 km e collega la Bulgaria con gli Stati limitrofi (ad eccezione della Macedonia). Viene dataprioritàaiprogetticonmaggioriprospettiveditransito lungoicorridoiditrasportotranseuropeioarilevanzatran- sfrontaliera.Scopocomuneèquellodellamodernizzazione delle infrastrutture al fine di garantire il miglioramento del servizio offerto e un abbassamento dei costi. Il 30.01.2007 è stato dato avvio al primo progetto finanziato con Fondi di Coesione nel Paese, ossia la costruzione del ponte com- binato sul Danubio (pressoVidin/Kalafat), inaugurato uffi- cialmenteil14giugno2013. I trasporti fluviali possono attualmente contare su 3 porti principali sul Danubio (Russe, Lom e Vidin): tutti dispon- gono di terminal per il traffico internazionale e di zone franche. I principali porti marittimi sono quelli di Varna e Burgas che servono il 60% dei carichi nazionali. Il porto di Varna dispone di terminal e di container specifici per grano e petrolio. Entrambi i porti dispongono di collegamenti di- retticonlareteferroviariaequellastradale. In Bulgaria sono presenti, infine, 4 aeroporti civili (Sofia, Plovdiv,Varna e Burgas), di cui il principale ha sede a Sofia, rilevante per la sua centralità e il posizionamento lungo i corridoiIVeVIII. Commercio estero6 Totale import (CIF):mld/euro22,10 Totale export (FOB):mld/euro26,12 Principali prodotti importati: (mld/euro) macchi- nari, attrezzature e autoveicoli (5,94); carburanti, oli mine- ralieaffini(4,79);benimanifatturieri(4,17). Principali prodotti esportati: (mld/euro) beni ma- nifatturieri (4,57); macchinari, attrezzature e autoveicoli (3,95);carburanti,olimineralieaffini(2,65). Principali partner commerciali: Paesi Clienti: Turchia, Singapore, Cina, Federazione Russa, Serbia e Macedonia (extra-UE); Germania (mld/euro 2,5; -4,7%); Italia (1,8; +3 %); Romania (1,6; +0,8%); Grecia (1,3;-6%);Francia(0,9;-1,8%)(UE). Paesi Fornitori: (mld/euro; %) Russia (3,7; -16,5); Germa- nia(2,9;+13,4);Italia(1,7;-5);Romania(1,6;+4);Grecia (1,2;-9);Spagna(1,2;-7,6). Interscambio con l’Italia7 Saldo commerciale: mld/euro0,4 Principali prodotti importati dall’Italia: (mld/ euro)Prodottitessili,abbigliamento,pellieaccessori(0,45); macchinari ed apparecchi n.c.a. (0,32); metalli di base e prodottiinmetallo,esclusimacchineeimpianti(0,19). Principali prodotti esportati in Italia: (mld/euro) Metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (0,71); prodotti tessili, abbigliamento, pelli e ac- cessori (0,55); articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici(0,15). Investimenti esteri(principaliPaesi) Paesi di provenienza: (mld/euro) Olanda (0,74); Au- stria(0,29);GranBretagna(0,18);Russia(0,17). Paesididestinazione:(mln/euro)USA(-49,4);Serbia (-24,4);Romania(-19,8);Russia(-17,5). Investimenti esteri(principalisettori) Verso il Paese: (mln/euro) settore immobiliare, attività di servizi alle imprese (478,3), intermediazione finanziaria (163,8), produzione e distribuzione di energia elettrica (102,5),costruzioni(101,7),nonclassificati(100,8). Italiani verso il Paese: La presenza delle imprese italiane riguarda prevalentemente piccole e medie imprese (oltre 1.200 aziende bulgare a capitale italiano o misto ita- 5Fonte:IstitutoNazionalediStatistica 6 Dati annuali per il 2014 preliminari,BNB, Istituto Nazionale di Statistica 7Fonte:ISTAT
  4. 4. Business Atlas Bulgaria lo-bulgaro nei settori: tessile/abbigliamento, meccanica e metallurgia, energia, public utilities e, in questi ultimi anni, settore edile, impiantistico, ambientale, immobiliare e dei servizi).Italianel2014èalnonopostotraiPaesiinvestitori conmln/euro13. All’estero del Paese: la Bulgaria nel 2014 ha disinvestito complessivamente mln/euro 185,3, di cui mln/euro 4,1 in Italia. ASPETTI NORMATIVI E LEGISLATIVI Regolamentazione degli scambi8 Sdoganamento e documenti di importazione: applicata la politica commerciale comune in relazione all’importdaiPaesinonmembri,inclusalaTariffaDoganale Comune e gli accordi di commercio preferenziali dell’UE, così come le misure anti-dumping e di protezione. Per le importazioni sono necessari la dichiarazione doganale e la fattura. L’importatore deve presentare a una banca bulga- ra fattura proforma e contratto con il partner straniero per l’apertura di una lettera di credito o per altro tipo di paga- mento anticipato e, dopo l’importazione (entro 7 giorni), la dichiarazione doganale relativa all’operazione; lettera di vettura; licenza per l’importazione (nei casi necessari, i.e. prodotti bellici); certificati veterinari e fitosanitari (per prodotti animali e vegetali); certificato di controllo sanita- rio,emessodall’UfficioStataleperilControlloSanitariosulle merciincluseneglielenchiallegatiallaDisposizione171del Ministero delle Finanze, Ministero della Sanità, Ministero dell’Agricoltura e Industria Alimentare e Comitato per la Standardizzazione. Classificazione doganale delle merci: Tariffa Doga- naleBulgara,basatasullaNomenclaturaCombinataUE. Restrizionialleimportazioni:invigorelemisurenon tariffarie applicabili all’interno dell’UE, quali controlli veteri- nari e fitosanitari, controlli farmaceutici, sui narcotici e pre- cursori chimici, su materiali e scorie radioattive, metalli fer- rosi,prodottitessili,prodottietecnologiedual-use,trasporto dirifiutinocivi,beniartistico-culturali,armiedesplosivi,etc. Importazioni temporanee: procedura ammessa dal diritto. Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: gli investitori stranieri godono dello stesso trattamento riser- vatoailocali,inriguardoatuttiisettori.Tuttavia,lepersone fisiche e le società di capitali straniere devono avere un’au- torizzazionedapartedelGovernoperl’acquistodiimmobili in determinate aree (es. aree di confine di rilevanza per la sicurezzanazionale).Esistonosettoriperiqualisonorichie- stespecialiautorizzazioni,cheperòriguardanougualmente investitori stranieri e quelli bulgari, quali: produzione e commerciodiarmi,munizioniedequipaggiamentimilitari, attivitàbancarieedassicurative. La Legge sulla promozione degli investimenti, radicalmen- te modificata nei suoi contenuti nel 2004, ulteriormente emendata nel giugno 2007 e nel 2009 ed integrata nel febbraio 2013, regolamenta alcune agevolazioni per gli investimentidiretti. Il regime di incentivazioni e agevolazioni si sostanzia come segue: l’art. 11a prevede la costituzione di un’Agenzia Bul- gara per gli Investimenti, che ha competenza per l’appli- cazione di regimi per servizi informativi e di consulenza, i servizi amministrativi, l’accesso all’acquisto di beni (senza partecipazione ad un’asta pubblica), gli investimenti diretti in infrastrutture destinate ad agevolare lo stesso investi- mento (i.e. strade, acqua, energia elettrica, gas, impianti per la purificazione, etc.), gli investimenti diretti dell’Agen- ziaperlacessioneall’investitorediterreniafondoperduto. Così come emendata nel 2007, la Legge promuove, inoltre, gli investimenti iniziali di beni fissi intangibili e tangibili e i relativinuovipostidilavoronell’ambitodellanormativadel- la Commissione Europea 1628/2006 sull’applicazione degli artt. 87 e 88 delTrattato nazionale per il supporto all’inve- stimento regionale (Treaty to National Regional Investment Aid). Secondo la normativa, il Ministero dell’Economia e dell’Energia è l’autorità garante della politica statale nel settore degli investimenti. Per beneficiare del trattamento preferenziale IEA, gli investimenti devono rispondere alle seguenti esigenze: devono essere allineati con il nuovo ac- cordo introdotto o con l’estensione di quello già esistente, devono diversificare la produzione con beni innovativi e supplementarioapportaresignificativemodifichealproces- so produttivo esistente nelle seguenti attività economiche: industria della trasformazione e della produzione di energia rinnovabile, settore dei servizi, attività high-tech dei settori informatico,ricercaesviluppo,educazioneebenessere. Inoltre, al fine di beneficiare del trattamento, a) almeno l’80%delleentratefuturedeveesseregeneratodaprodotti provenienti dalle attività sopra descritte; b) almeno il 40% delle spese eleggibili per gli investimenti devono essere finanziate con fondi degli investitori oppure con fondi at- tratti; c) il periodo per la realizzazione non deve eccedere i 3 anni dalla data di avvio del certificato di classe; d) l’oc- cupazione legata agli investimenti deve essere mantenu- ta nella rispettiva regione, almeno per i 3 anni successivi dalla data di avvio dell’attività; e) gli investimenti devono essere mantenuti nella rispettiva regione almeno per un periodo di 5 anni. Gli investimenti promossi in virtù delle clausole presenti all’interno di questo atto saranno divisi in 2 classi basate sulla localizzazione, sul settore economico e sull’effettivo valore del progetto. Il valore degli investi- menti delle classi A e B sono specificati nel Rules on the Enforcement della IEA, come segue: Classe A (mln/BGN 5); Classe B (mln/BGN 2,5). Se l’investimento iniziale è inte- ramente incluso all’interno di amministrazioni comunali con tasso di disoccupazione del 35% inferiore alla media 8 Dal 01.01.2007 il regime degli scambi è regolato dalla normativa doganale comunitaria, in particolare dal Regolamento (CEE) 2913/92delConsigliodel12.10.1992esuccessiviemendamenti,che istituisce il Codice Doganale Comunitario, e sul Regolamento (CEE) 454/93dellaCommissionedel2.07.1993esuccessiviemendamenti. Per ciò che concerne la normativa nazionale, si applica, in via residuale, la Legge sulle Dogane (2000) e successivi emendamenti (ultimoinGU45/2005).
  5. 5. Business Atlas Europa nazionale prevista, i limiti sono: Classe A (mln/BGN 2), Classe B (mln/BGN 1). Se l’investimento iniziale è intera- mente incluso all’interno di amministrazioni comunali con un tasso di disoccupazione del 35% superiore rispetto alla media nazionale prevista per i prossimi anni, i limiti sono: Classe A (mln/BGN 2), Classe B (mln/BGN1). I limiti fissati per investimenti in attività di produzione high-tech sono: Classe A (mln/BGN 2), Classe B (mln/BGN 1). L’autentica- zione del certificato determina le classi dell’investimento edirelatividirittilegalidell’investitore.Sono,infine,previsti alcuni incentivi per le classi A e B, quali: a) snellimento dei serviziamministrativipergliinvestitoricertificati(unavolta ottenuto il certificato attestante la classe d’investimento, le autorità governative centrali e locali provvederanno ai ser- vizi amministrativi con un tempo inferiore di 1/3 rispetto a quello previsto per legge); b) supporto finanziario per co- loro che, con un’età superiore a 29 anni, intendessero otte- nereunaqualificaprofessionale,includendoanchepersone uscite dalle università bulgare ma che svolgono attività legate all’investimento; c) creazione del diritto di proprietà olimitazioneditaledirittoalleproprietàimmobiliari,costi- tuendoproprietàprivate-statalioprivate-comunali. Gli investimenti autenticati come classe A beneficeranno, inoltre, di trattamenti preferenziali aggiuntivi come: servizi individuali amministrativi necessari per l’adempimento delle clausole contrattuali del progetto d’investimento e il supporto finanziario per la costruzione di elementi infra- strutturali necessari per l’adempimento di uno o più pro- gettid’investimento. Legislazione societaria9 : la Legge Commerciale (LC) indica le forme giuridiche delle imprese (Società, Coope- rativa, Ditta Unipersonale) e le forme giuridiche nelle quali possonocostituirsilesocietàcommerciali:Societàarespon- sabilità limitata, Società per Azioni, Società in accomandita einaccomanditaperAzioni. Le Srl e le SpA possono anche essere unipersonali. La regi- strazionefiscalediun’aziendadeveessereeffettuatapresso l’ufficiolocaledell’AgenziaNazionaledelleEntrate.Larifor- ma di procedura di registrazione è iniziata il 1.1.2008 con l’entratainvigoredellaleggesulRegistrodelleImpreseche gestisceilregistrounificatodelleimpresebulgareepressoil qualesieffettualacostituzioneaziendale. Per la registrazione di un ufficio di rappresentanza è com- petente la Camera di Commercio e dell’Industria bulgara per l’intero territorio nazionale, mentre le sedi secondarie (filiali)disocietàstranieredipersoneodicapitalisonosog- gettearegistrazionenelRegistrodelleImprese. Brevetti e proprietà intellettuale La legislazione su marchi e brevetti fa capo, rispettivamen- te, alla Legge sui marchi e le indicazioni geografiche e alla Legge per il disegno industriale, applicabili alle persone fisiche e giuridiche bulgare e a quelle straniere che appar- tengonoaPaesicontraenticonvenzioniinternazionalidicui fapartelaBulgaria. La protezione legale dei diritti di proprietà industriale è demandata all’Ufficio Brevetti. I diritti d’autore, invece, sono disciplinati dall’apposita Legge sul diritto d’autore e suidirittiaffini. Sistema fiscale Il regime fiscale prevede imposte dirette (corporativa, sul reddito delle persone fisiche, ritenute alla fonte) e indirette (Impostasulvaloreaggiunto,accise). Annofiscale:1gennaio–31dicembre. Impostasuiredditidellepersonefisiche:aliquota unicadel10%. Tassazionesulleattivitàdiimpresa:10%.Leperso- negiuridichestranieresonosoggetteall’impostasoloperi redditiriguardantil’attivitàsvoltainBulgaria. Impostasulvaloreaggiunto(IVA):20%. NOTIZIE PER L’OPERATORE Rischio Paese10 : 4/7 Condizioni di assicurabilità SACE11 apertura senza condizioni Sistema bancario Ilsistemabancariobulgaroèperl’80%privato.Sulmercato sono presenti numerosi operatori stranieri che hanno con- tribuito a migliorare ed a rendere più efficiente il settore. Il gruppo italiano Unicredit è uno dei maggiori operatori del Paese e la fusione dei tre istituti da esso controllati ha generatoilprimogruppobancariobulgaro. TASSI BANCARI12 TIPOLOGIA VALORE Prestitifinoaunanno 6,27% Prestitida1a5anni 10,47% Tassod’interesseBnB 0,01% Principalifinanziamentielineedicredito ATTIVITÀ SIMEST Agevolazionedeicreditiall’esportazione Dlgs.143/98giàLegge227/77 “Ossola” Acquisizione,acondizionidimercato,diquotedicapitale socialediimpreseaventisedeall’internodellaUE (DecretoMISE23/11/2008) Servizidiassistenzatecnicaeconsulenzaprofessionale Perulterioriinformazionisivedanolepagg.10-11 Parchi industriali e zone franche Presenti zone franche a Burgas, Vidin, Russe, Plovdiv, Svilengrad, Dragoman, istituite con apposito Decreto (2242/1987) e disciplinate dal relativo regolamento di at- 9Fonte:Portaleeuropeogiustizia(www.e-justice.europa.eu) 10Fonte:OCSE,Gennaio2015.CategoriaOCSE(ocategoriadirischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischiomaggiore),ovverolaprobabilitàchesiverifichiundefault. 11Permaggioriinformazioniwww.sace.it 12 Fonte: Banca Nazionale Bulgara. Dati riferiti a dicembre 2014 (prestitiin€asocietànonfinanziariefinoa1milionedieuro)
  6. 6. Business Atlas Bulgaria tuazione.Tra i principali parchi industriali e commerciali: il Business Park Sofia, l’Industrial Park Elin Pelin, l’Industrial BusinessZoneKuklen,l’HiTechParkPanagiurishte,laRako- vskiIndustrialZone. Accordi con l’Italia Accordo sulla reciproca promozione e protezione degli in- vestimenti;Convenzioneperassistenzagiudiziariaericono- scimento delle sentenze in materia civile; Convenzione per evitareladoppiaimposizione. Costo dei fattori produttivi MANODOPERA (valori medi mensili in €)13 CATEGORIA DA A Operaio 190 250 Impiegato 370 680 Dirigente 1.500 3.000 Organizzazione sindacale LeprincipaliorganizzazionisonolaConfederazionedeiSin- dacati indipendenti in Bulgaria (KNSB) e la Confederazione delLavoro(Podkrepa). ELETTRICITÀADUSOINDUSTRIALE(IN€/Kw/h)14 DA A Altaemediatensione (IVAescl.) 0,051 0,094 PRODOTTI PETROLIFERI (in €/l) DA A Benzina 1,09 1,35 Gasolio 1,13 1,38 Combustibileindustriale (IVAescl.) 0,40 0,66 ACQUA (in €/m3 )15 DA A Adusoindustriale 0,54 1,07 IMMOBILI (in €/m2 )16 DA A Affittolocaliuffici 3 13 INFORMAZIONI UTILI Indirizzi Utili NEL PAESE RETE DIPLOMATICO CONSOLARE Ambasciata d’Italia17 ViaShipka,2Sofia tel+35929217300-fax+35929803717 www.ambsofia.esteri.it ambasciata.sofia@esteri.it ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituto Italiano di Cultura Ul.AleksandarZhendov1,ap.10-BG1113Sofia tel+35928170480-fax+35928170490 www.iicsofia.esteri.it•iicsofia@esteri.it Ufficio ICE18 Bul. Knyaghinya Maria Luisa, 2 - Business CenterTzum, 5° piano-1000Sofia-sofia@ice.it tel+35929861574/164/618-fax+35929817346 ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI BNL c/o BNP Paribas 2,TzarOsvoboditelBlvd,Sofia tel+35929154750 hans.broucke@bnpparibas.com internazionalizzazione@bnlmail.com Bulbank – Unicredit (sedecentrale) SvetaNedeljasq.,7-1000Sofia tel+35929232111-fax+35929884636 SmallBusiness@UniCreditGroup.Bg IN ITALIA RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata di Bulgaria viaP.P.Rubens21,00197Roma tel.063224640/3-fax063226122 embassy@bulemb.it Formalitàdoganaliedocumentidiviaggio Ai cittadini dei Paesi UE, dello Spazio Economico Europeo e della Federazione Svizzera è consentito transitare e perma- nereinBulgariafinoadunmassimodi90giorninell’arcodi unsemestreconlasolaCartad’Identitàvalidaperl’espatrio. Corrente elettrica:220V(preseCeF) Giorni lavorativi ed orari Uffici:lun-ven9.00-17.30 Negozi: lun-dom9.00-20.00 Banche:lun-ven9.00-16.00 Festività:1gennaio;3marzo(Liberazione);10-13aprile (Pasqua Ortodossa); 1, 6 maggio (S. Giorgio), 24 maggio (Festa della Scrittura e della Cultura Slava) 6 settembre (Unificazione della Bulgaria),22settembre(Indipendenza); 24-25(Natale),31dicembre. 13Fonte:IstitutoNazionalediStatistica(dicembre2014). 14 Fonte: Agenzia Bulgara degli Investimenti (gennaio-dicembre 2014). 15 Fonte: Commissione Statale per il regolamento delle Acque e dell’Energia(www.dker.bg) 16 Elaborazione della Camera di Commercio Italiana in Bulgaria su costidelleprincipaliagenzieimmobiliari 17 Fonte: Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (www.esteri.it). 18Fonte:AgenziaICE
  7. 7. Business Atlas Europa Assistenza medica L’assistenza di base è garantita. Se si necessita di partico- lari farmaci, è consigliato l’acquisto in Italia, ricordando, tuttavia, che occorre rispettare prescrizioni particolari qualora si tratti di medicinali contenenti sostanze stu- pefacenti e psicotrope. Per gli stranieri che entrano in Bulgaria per un breve soggiorno è necessario munirsi di assicurazione medica. Prontosoccorso: 112. MEZZI DI TRASPORTO Compagnia aerea di bandiera:BulgariaAir Altre compagnie che effettuano collegamenti con diretti con l’Italia: Alitalia, Wizz Air, Mistral Air (charterelineestagionali) Altre compagnie che effettuano collegamenti con l’Italia con scalo: Lufthansa, Austrian Airlines,Tur- kishAirlines. Trasferimenti da e per l’aeroporto: dal terminal 1, attivalalinea84versoilcentrodiSofia,mentredalterminal 2 attiva la linea 284 (tutti i giorni dalle 5.00 alle 22.00). Gli hotelprincipalioffronoilservizionavettadaeperl’aeropor- to.Disponibileuneconomicoserviziotaxi(OKTaxitel.+359 29732121,YellowTaxi+359291119). SITI DI INTERESSE GovernoBulgaro:www.government.bg Ministerodell’Economia:www.mi.government.bg InvestBulgariaAgency:www.investbg.government.bg AgenziaIncentivazionePMI:www.sme.government.bg Informazionituristiche:www.bulgariatravel.org IstitutoNazionaledistatistica:www.nsi.bg ComunediSofia:www.sofia.bg Camera di Commercio Italiana in Bulgaria Sofia ANNO DI FONDAZIONE: 2003 ANNO DI RICONOSCIMENTO: 2006 PRESIDENTE: Marco Montecchi SEGRETARIO GENERALE: Rosa Cusmano INDIRIZZO: Bul. Knyaghinya Maria Luisa, 2 - Business CenterTZUM, 5 piano, 1000 TELEFONO: +359 2 846 32 80/1 FAX: +359 2 944 08 69 WEB: www.camcomit.bg EMAIL: info@camcomit.bg ORARIO: lun-ven: 9.30-18.30 NUMERO DEI SOCI: 84 QUOTA ASSOCIATIVA: persone fisiche, società individuali, Srl: euro 412; Spa, CCIAA, Associazioni: euro 773; Socio So- stenitore: euro 2.500 NEWSLETTER: Servizio informativo giornaliero (politica, economia, agenda) per i Soci e partners camerali; Newsletter EUROPA su opportunità di finanziamento su bandi europei e locali PUBBLICAZIONI: Pubblicazioni settoriali (in versione elettronica); Investire in Bulgaria 2015 (in versione cartacea e elettronica) ACCORDI DI COLLABORAZIONE: Fiera Milano, Rimini Fiera, Università Luigi Bocconi, Università Cà Foscari, Università degli Studi di Padova, Università Cattolica del Sacro Cuore, Università Link Campus, Banca Popolare di Sondrio, Informest Consulting, Bulgaria Invest Agency, Bulgarian Small and Medium Enterprises Promotion Agency, Inter Expo Center (Fiera di Sofia), TUCEP, Umbria Export, Confindustria Umbria, ISNART, Comune di Sofia, Bulgaria Economic Forum, Confedera- tion of Employers and Industrialists in Bulgaria, National Wine and Vine Agency, Bulgaria OnAir TV Channel; Bulgarian Branch Chamber of Woodworking and Furniture Industry; Bilateral Chamber of Commerce Bulgaria-Romania; Bulgarian Association of Electrical Engeneering and Electronics; National Association Hotel, Restaurant and Cafeteria; Ge.Fi;Via Expo; CCIAA Biella; Enea; Inea; network ER Energie rinnovabili Unioncamere; Sofia and Southwest Region European Capital of Culture Candidate 2019; Corriere Italia Bulgaria; International Trade Academic Center of Advisory; Camera di Commercio e dell’Industria di Plovdiv; Camera Nazionale dell’Elettrotecnica; Associazione Nazionale dei Comuni in Bulgaria; National Business Development Network; Italplanet; Associazione piccole e medie imprese di Biella e provincia; Camera Nazionale diViticoltura ed enologia UfficioRegionalediPlodiv,VialeHristoBotev92/B,p.3,RilonBusinessCenter;tel.+35932660897fax+3593266 07 52. Email: info.plovdiv@camcomit.bg

×