Calabrese - Mods

194 views

Published on

Workshop progetto "Mods", un living lab di Apulian ICT Living Lab

Published in: Environment
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
194
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Calabrese - Mods

  1. 1. livinglabs.regione.puglia.it Advanced alert system: applicazione al sistema della protezione civile. LIVING LABS – WORKSHOP di Presentazione del progetto MODS 31/03/2014 - Fondazione Apulia Film Commission - Cineporti di Puglia Relatore: Angelantonio Calabrese
  2. 2. Il Sistema Allerta PARTE GENERALE
  3. 3. DATI STORICI RIFERITI ALLE SINGOLE STAZIONI Creazione delle soglie puntuali Spazializzazione soglie delle stazioni Identificazione limiti di criticità delle singole stazioni basate sul calcolo della serie storica dei dati raccolti, applicabile anche a livello comunale e/o livelli superiori Creazione sistema di allertamento: livelli di criticità indicano lo status dell’area sottesa dalla stazione che varia in base al valore reale fornito dalle stazioni e calcolato con riferimento alle soglie stabilite Analisi dei dati presenti e dei possibili algoritmi matematici applicabili in base anche alle finalità per la determinazione di soglie di riferimento Identificazione areale delle soglie (analisi dell’applicabilità delle soglie a livello comunale o altra tipologia di spazializzazione attraverso l’utilizzo di strumenti di georeferenziazione) Sub-Sistema DIAGNOSTICO - STRUTTURALE
  4. 4. Dati stazioni monitoraggio Creazione mappa per consultazione dati in tempo reale di una o più stazioni o con l'utilizzo di altre mappe Sub-Sistema DIAGNOSTICO - STRUTTURALE Elaborazione dello status delle singole stazioni determinazione stato di tra allerta e identificazione dei comuni interessati Visualizzazione su mappe GIS attraverso un sistema Real Time di variazione dello status delle stazioni e dei comuni app-mobile Sistema di allerta integrativo per segnalazioni specifiche Creazione di dato storico per integrazione banca dati Conferma evento previsto dall’analisi dei dati storici e registrazione dati Sub- Sistema VIGILANZA
  5. 5. Il Sistema Allerta APPLICAZIONE PLUVIOMETRIA
  6. 6. 94 stazioni 171 stazioni pluviometriche 27 idrometriche 265
  7. 7. DATI STORICI LUVIOMETRICI DELLA RETE DELLA PROTEZIONE CIVILE E DELLA RETE ASSOCODIPUGLIA Soglie puntuali stazioni determinazione soglie a 1h,3h,6h,12h,24h Spazializzazione soglie delle stazioni e identificazione aree sottese Limiti di criticità pluviometrica: - Curve di probabilità pluviometrica; - Soglie pluviometriche singole stazioni ; - Georeferenziazione soglie Identificazione di tre livelli di criticità: Ordinario, Moderato e Elevato. Per ogni stazione è stato calcolato il valore soglia a 1h 3h 6h 12h e 24 h per ognuno dei tre livelli di criticità Algoritmi di calcolo soglie: - Legge di Gumbel; - Distribuzione log-normale; - Plotting position di weibull; - Adattamento di Pearson strumenti di georeferenziazione: - poligoni di Thiessen; - limiti comunali; - zone di allerta Sub-Sistema DIAGNOSTICO - STRUTTURALE
  8. 8. Dati stazioni monitoraggio Creazione mappa per consultazione dati in tempo reale di una o più stazioni o con l'utilizzo di altre mappe Sub-Sistema DIAGNOSTICO - STRUTTURALE Sub- Sistema VIGILANZA BLOCCO 1 Determinazione piogge cumulate a 1h-3h-6h-12h-24h Ogni stazione presenta un database interno che permette di avere informazioni su: precipitazione cumulata a x ore, soglia attuale e crono-storia soglie raggiunte BLOCCO 2 ELABORAZIONE DATI INTERSEZIONE DEI VALORI DELLE PIOGGE CUMULATE CON LE SOGLIE E DETERMINAZIONE DEL LIVELLO DI CRITICITÀ Creazione Layer per ogni fascia oraria con determinazione status stazione Creazione Layer per ogni fascia oraria con determinazione status comune
  9. 9. Il Sistema Allerta APPLICAZIONE IDROMETRIA
  10. 10. DATI STORICI IDROMETRICI DELLA RETE DELLA PROTEZIONE CIVILE Soglie puntuali stazioni e determinazione soglie criticità ordinaria, criticita moderata e criticità elevata Spazializzazione soglie delle stazioni e identificazione bacini sottesi Limiti di criticità idrometrici: - Sezione torrente; - Soglie idrometriche singole stazioni ; - Georeferenziazione soglie: identificazione bacino e sottobacino Identificazione di tre livelli di criticità: Ordinario, Moderato e Elevato. Per ogni comune è stato calcolato un valore corrispondente ai 3 range determinati con i valori soglia che rientra in uno dei livelli di criticità Algoritmi di calcolo soglie: • Portata massima; • Livelli idrometrici corrispondenti • Tempo di ritorno strumenti di georeferenziazione: - Area del bacino - limiti comunali; - zone di allerta Sub-Sistema DIAGNOSTICO - STRUTTURALE
  11. 11. Dati stazioni idrometrica Creazione mappa per consultazione dati in tempo reale di una o più stazioni o con l'utilizzo di altre mappe Sub-Sistema DIAGNOSTICO - STRUTTURALE Sub- Sistema VIGILANZA BLOCCO 1 PRE ELABORAZIONE DATI INPUT DETERMINAZIONE VALORE IDROMETRICO Ogni stazione presenta un database interno che permette di avere informazioni su: precipitazione cumulata a x ore, soglia attuale e crono-storia soglie raggiunte BLOCCO 2 ELABORAZIONE DATI INTERSEZIONE DEI VALORI IDROMETRICI CON LE SOGLIE E DETERMINAZIONE LIVELLO DI CRITICITÀ Creazione Layer per ogni fascia oraria con determinazione status stazione Creazione Layer per ogni fascia oraria con determinazione status comune
  12. 12. Creazione mappa per consultazione dati in tempo reale di una o più stazioni o con l'utilizzo di altre mappe app-mobile Sistema di allerta integrativo per segnalazioni specifiche Creazione di dato storico per integrazione banca dati Conferma evento previsto dall’analisi dei dati storici e registrazione dati Sub- Sistema VIGILANZA Parte 2 Creazione Layer per ogni stazione con determinazione status stazione Creazione Layer con determinazione status sottobacino e identificazione comune interessato Sub- Sistema VIGILANZA Parte 1
  13. 13. Sistema Allerta pluviometrico Sistema Allerta idrometrico INDIVIDUAZIONE CRITICITÀ PLUVIOMETRICA INDIVIDUAZIONE CRITICITÀ IDROMETRICA DETERMINAZIONE SOTTOBACINO INTERESSATO DA RISCHIO PLUVIOMETRICO DETERMINAZIONE BACINO INTERESSATO DA RISCHIO PLUVIOMETRICO CREAZIONE ALLERTA DELLE STAZIONI/COMUNI IN DIRETTO CONTATTO CON LE AREE CON MODERATE ED ELEVATE CRITICITÀ
  14. 14. GRAZIE PER L’ATTENZIONE

×