Successfully reported this slideshow.
LE OPPORTUNITÀLa mostra REVOLUTION CITY apre una riflessione sulle nuove opportunità di azione per tutti i portatoridi int...
SMART                                    CITY                                    2020Le tecnologie emergenti sono pronte a...
House_N di PlaceLab, a Cambridge, è un elegante appartamento che è stato riempito con discrezionedi minuscoli sensori. [.....
VENICE                           GREAT                          FONDACOStrumenti per il dialogo con l’Orientee per generar...
la produzione di beni e servizi da parte della natura, in una superficie che non è quella attuale, ma laparte che emergerà...
FONDAMENTI DI SOSTENIBILITA’                                                                                              ...
Fondamenti della sostenibilità - Rielaborazione della cronistoria                                                 salute  ...
VIA DELLA SETA / FONDACO        70 N                                                 Arctic Circle                        ...
Aktogay            Druzhba Aralsk                                                        Urumqi                       Bish...
LA VIA DELLA SETANella storia la cultura occidentale dialoga con quella orientale attraverso un sistema di vie commerciali...
RISORSE / CAMBIAMENTI
CAMBIAMENTO CLIMATICONei prossimi cento anni è previsto un aumento del livello medio del mare compreso tra i 9 e gli 88 cm...
IDEE PER IL FONDACOUn’ipotesi di aggregazione dei fondaci in 5 cluster, basata sulle potenzialità ed affinità individuate ...
Mestre Station                                                                  Un’ipotesi di assetto della mobilità inter...
STRADA METABOLICA
MARGHERA -> BUSAN
2050 FLYOVERVITY
MARGHERA -> BUSAN
KNOWLEDGE FONDACO
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Revolution Cities
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Revolution Cities

633 views

Published on

REVOLUTION CITY apre una riflessione sulle nuove opportunità di azione per tutti i portatori di interesse del Nord Est come territorio ad alta densità di innovazione e creatività. I contenuti della mostra hanno lo scopo illustrare le condizioni di inserimento del nord est in un ampio contesto globale, proponendo una piattaforma di discussione sui cambiamenti dei modelli organizzativi, d’impresa e sociali, dettati dai processi di globalizzazione.
La mostra è ispirata ai principi della progettazione collaborativa, sintetizzati nello slogan “Non chiedete cosa possiamo fare per voi, chiediamoci cosa possiamo fare assieme”, coerente con il principio della progettazione olistica, che domina i piani di sviluppo delle principali nazioni orientali.
REVOLUTION CITY è uno stimolo alla riflessione per navigare nella tempesta della globalizzazione, che risponde ai seguenti punti chiave:
 come attrezzarsi per operare in modo globale;
 come attrarre e formare nuovi talenti ‘globali’;
 come superare le gerarchie, per creare nodi di collaborazione;
 come inserirsi nell’”open innovation”;
 come inserirsi nei processi di innovazione ‘on demand’;
 come attivare processi d’intelligenza collettiva;
 come sfruttare la nuova morfologia delle piattaforme, economiche e sociali.

Published in: Design
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Revolution Cities

  1. 1. LE OPPORTUNITÀLa mostra REVOLUTION CITY apre una riflessione sulle nuove opportunità di azione per tutti i portatoridi interesse del Nord Est come territorio ad alta densità di innovazione e creatività. I contenuti dellamostra hanno lo scopo di illustrare le condizioni di inserimento del nord est in un ampio contesto globale,proponendo una piattaforma di discussione sui cambiamenti dei modelli organizzativi, d’impresa e sociali,dettati dai processi di globalizzazione.La mostra è ispirata ai principi della progettazione collaborativa, sintetizzati nello slogan “Non chiedetecosa possiamo fare per voi, chiediamoci cosa possiamo fare assieme”, coerente con il principio dellaprogettazione olistica, che domina i piani di sviluppo delle principali nazioni orientali.REVOLUTION CITY è uno stimolo alla riflessione per navigare nella tempesta della globalizzazione, cherisponde ai seguenti punti chiave:- come attrezzarsi per operare in modo globale;- come attrarre e formare nuovi talenti ‘globali’;- come superare le gerarchie, per creare nodi di collaborazione;- come inserirsi nell’”open innovation”;- come inserirsi nei processi di innovazione ‘on demand’;- come attivare processi d’intelligenza collettiva;- come sfruttare la nuova morfologia delle piattaforme, economiche e sociali.LORGANIZZAZIONE DEL PROGETTOLa mostra organizzata in due momenti:Il primo riguarda la trasformazione del modello di città ed è guidato dall’articolo di William Mitchellche riflette su come le tecnologie emergenti siano pronte a rimodellare i nostri ambienti urbani con lacreazione di nuovi rapporti non tradizionali. Il racconto della città in chiave smart, è articolato nei temi dellavoro, l’economia, il cibo, l’educazione, i trasporti, la casa.Marghera fondaco d’oriente avvicina i temi della smart city al futuro del territorio Veneto, attraversole esperienze della piattaforma collaborativa VoD. La nuova Via della Seta è la relazione spaziale eimmateriale fra Venezia e l’Oriente. La fine dell’era industriale a Porto Marghera e il nuovo rinascimentosono propiziati dai fondaci Fondaco d’Oriente, centri di collaborazione internazionale e ospitalità, in uncontesto di riqualificazione dello spazio fisico e biotico, di valorizzazione delle risorse umane.GLI AUTORII contenuti dell’esposizione “Venezia-Marghera Nuovo Fondaco per l’Oriente” si basano sul lavoro diricerca della rete collaborativa VoD coordinato dal prof. Giuseppe Longhi. Il progetto nasce dall’esperienzadei corsi di Urbanistica dello IUAV e si è sviluppato in un workshop internazionale nell’ambito delprogramma europeo Erasmus I.P. dal titolo “Marghera fondaco per l’oriente” cui partecipano cinqueuniversità europee delle città di Barcellona, Delft, Lisbona, Copenhagen, Sofia e Venezia. L’idea guidaè stata successivamente sviluppata in numerosi laboratori di tesi di laurea e in concorsi internazionali diarchitettura svolti dai componenti della rete collaborativa VoD.
  2. 2. SMART CITY 2020Le tecnologie emergenti sono pronte arimodellare i nostri ambienti urbani con lacreazione di nuovi rapporti non tradizionaliWilliam J. Mitchell Ha diretto il Laboratorio di Progettazione al MIT, dove insegna. E ‘autore di diversi libri, tra cui Placing Words: Symbols, Space, and the CityE’ ovvio che l’inserimento di intelligenza negli oggetti crea nuove funzionalità (è il motivo principale perfarlo), ma meno evidente è che tale operazione altera anche le forme e le dimensioni dei componentie le relazioni spaziali tra di loro. Questo permette lo sviluppo di sorprendenti forme nuove. Guardiamole fotocamere digitali, per esempio. I primi modelli hanno sostituito la pellicola con una serie di sensorie chip di memoria, ma il resto è rimasto immutato. Tuttavia, i progettisti delle fotocamere hanno prestocapito che i sensori sono di dimensione inferiore ai fotogrammi da 35 millimetri, il che permette alle lentidi essere miniaturizzate. I sottili schermi piatti presentano esattamente ciò che i sensori vedono, quindidiventa possibile sbarazzarsi dei mirini tradizionali. Come risultato la fotocamera digitale è evoluta inuna fisionomia completamente nuova - quella di una carta di credito leggermente sovrappeso, con unobiettivo minuscolo sul davanti e un display che occupa la maggior parte del retro. Tale ristrutturazioneha anche permesso alle fotocamere digitali (se ha ancora senso chiamarle così) di formare alleanzeinaspettate. L’incontro di un telefono a meccanismo rotativo e una Leica sembrerebbe simile a quello diuna macchina da cucire e di un ombrello.Ma la combinazione di un telefono senza fili e un dispositivo ad immagini digitali che si inserisce in tascaè stato un grande successo. Una strategia di progettazione particolarmente potente in quest’ottica è quel-la di cercare i modi in cui l’intelligenza incorporata è in grado di allentare i tradizionali rapporti e vincoli, edi cogliere come opportunità per una fondamentale rivisitazione di un prodotto o di organizzazione delsistema, in termini di forma e scala.In una automobile, la miniaturizzazione dei componenti combinati con comandi digitali ci ha consentitodi riempire tutti i sistemi meccanici essenziali - motore di azionamento elettrico, sospensioni, sterzo efrenata - nello spazio di una ruota. [...] questo ci ha dato l’opportunità di ripensare la forma dell’auto egli interni. Abbiamo approfittato di questo per semplificare e ridurre l’impatto sull’ambiente, e di creareun veicolo che può essere piegato e impilato come un carrello della spesa al supermercato. Il gruppodi ricerca guidato da Kent Larson House_N ha portato avanti un pensiero simile a scala architettonica.
  3. 3. House_N di PlaceLab, a Cambridge, è un elegante appartamento che è stato riempito con discrezionedi minuscoli sensori. [...] L’appartamento riconosce i comportamenti degli abitanti, come farsi una tazzadi caffè, fare il bucato, o lavarsi i denti. È in grado di monitorare con discrezione le attività e alcuni segnivitali, e di sapere se i suoi abitanti hanno un’alimentazione corretta, se fanno abbastanza esercizio fisico,o se prendono le loro medicine - suggerendo comportamenti corretti. [...] Alla scala urbana, il labora-torio SENSEable City coordinato da Carlo Ratti ha studiato il parcheggio intelligente. [...] Immaginateun sistema in cui i posti auto sono dotati di sensori che inviano i segnali senza fili e indicano quando glispazi sono occupati. Il telefono cellulare e il vostro navigatore vi guidano ai posti disponibili e a voi piùcongeniali. Forse il software è abbastanza intelligente per scegliere un parcheggio nella fascia di prezzoche hai specificato, o anche fare offerte automaticamente (in stile asta in tempo reale di eBay). Questonon solo crea un mercato più efficiente, ma apre la possibilità di gestire la domanda e la congestioneurbana, attraverso la politica dei prezzi. In un altro progetto Smart Cities abbiamo esplorato gli impie-ghi dei pixel che sono stati liberati dalla prigionia di schermi rettangolari e liberati nello spazio urbano.Ciascuno di questi pixel emancipati è composto da una cella fotovoltaica, una batteria, un LED, e una retewireless tutto in un piccolo pacchetto che deve essere attaccata a un muro, ovunque nella città. Stormi diquesti pixel - fissati agli edifici, in movimento su veicoli, o in una combinazione dei due - possono esserecontrollati in modalità wireless e programmati per comportarsi in modo coordinato (pensate a loro comelucciole robotiche). Questo progetto rompe la tradizionale distinzione tra schermi di computer e sistemi diilluminazione, e fornisce un modo nuovo e molto poco costoso di definire gli spazi urbani. [...] Il tratta-mento può variare a seconda del momento della giornata, con le stagioni, e per le celebrazioni e le feste.Questi progetti suggeriscono l’emergere di una nuova fase nell’evoluzione della città. Le città preindustrialierano composte prevalentemente dallo scheletro e dalla pelle - materiale inerte predisposto per fornireun riparo, sicurezza e l’intensificazione dell’uso del suolo. Nell’era industriale, gli edifici e i quartieri si sonoarricchiti con sistemi di flusso sempre più elaborati per il trasporto e lo smaltimento dell’acqua, per le for-niture di energia, la depurazione, la ventilazione, e per il trasporto e la rimozione dei rifiuti. Con l’aumen-tare del movimento e delle interrelazioni e delle esigenze fisiologiche artificiali, le città hanno cominciatoad assomigliare ad organismi viventi. Oggi questi organismi artificiali stanno sviluppando sistemi nervosiche consentono loro di comportarsi in modo intelligente e coordinato. Più le città e le loro componentidiventano intelligenti, più cominciano a prendere nuove forme. Diventano programmabili. Il progetto delloro software - da un punto di vista sociale, economico e culturale - diventa tanto cruciale quanto quellodel loro hardware.
  4. 4. VENICE GREAT FONDACOStrumenti per il dialogo con l’Orientee per generare opportunità di sviluppocompatibili con il nord-estGiuseppe Longhi E’ professore in Urbanistica presso la Facoltà di Architettura dell’Università I.U.A.V di Venezia ecoordinatore della piattaforma collaborativa VoDRiuscirà il contesto del nord-est a diventare un punto di eccellenza nelle nuove relazioni fra Europa ePaesi Asiatici? Riuscirà a inserirsi nella rete delle smart cities? Riuscirà ad adeguarsi al progresso tecnolo-gico con splendide manipolazioni dello spazio fisico e proporre modi di vivere diversi dal passato?L’ipotesi del lavoro è che il rinascimento della città europea sia legato allo sviluppo di rapporti sempre piùintensi con le emergenti megalopoli asiatiche: al tradizionale rapporto di competizione occorre sostituireun rapporto basato sulla coesione, la solidarietà, l’integrazione delle diversità.Questo tema si basa sulle opportunità offerte dall’imponente programma di recupero delle infrastrutturedella Via della Seta, finanziato dall’UE, all’interno del quale si propone la rivisitazione del modello delfondaco.La visione di progetto è inclusiva, basata sulle nuove opportunità di connessione di Venezia con i nuoviflussi culturali ed economici euro-asiatici, riattualizzati dalla riapertura della nuova via della seta perferrovia, nave e telecomunicazioni ad alta capacità. Si delinea uno scenario di rapido spostamento dainodi storici delle relazioni europee - arroccati nel sistema Nord Europa / USA - a nuovi sistemi frutto dellecrescenti relazioni fra il Mediterraneo, il Centro Asia e la Cina.La riqualificazione delle aree di Porto Marghera è vista così come parte fondativa di una nuova Veneziacittà ‘smart’, ossia capace di essere raggiunta in ogni momento da ogni luogo. Essa si basa sulla rein-terpretazione dei fondaci come piattaforme multidisciplinari, ispirate alla metafora della nuvola, ossia unecosistema di relazioni non gerarchiche caratterizzate da:Ospitalità basate sulla cortesia e la capacità di assimilare criticamente le culture ‘aliene’ con lo scopo diinnovare il potenziale progettuale; Improvvisazione basate sul feedback, capaci di adattarsi ai cambia-menti e facilitare gli scambi con il mondo; Bricolage, capaci di sperimentare e riorganizzare gente, saperie risorse; Grande scala in grado di operare per grandi data base, per aumentare il tasso di conoscenza, eper meta-filtri, per aumentare la qualità della progettazione; Naturalità la manipolazione delle risorse natu-rali è tesa a contenere l’impronta ecologica degli interventi e a sfruttare la biodiversità ai fini di aumentare
  5. 5. la produzione di beni e servizi da parte della natura, in una superficie che non è quella attuale, ma laparte che emergerà a causa dell’innalzamento del livello del mare generato dal cambiamento climatico;Biocompatibilità nasceranno dalla fusione di atomi e bit, cioè dall’integrazione di edifici e ambiente conle opportunità offerte dalle tecnologie di telecomunicazione e dalle bio e nano tecnologie. I progettipunteranno alla dematerializzazione per non influire negativamente sul territorio di Porto Marghera profon-damente modificato dal cambiamento climatico; Pensare per scenari i progetti sono supportati da scenarial 2050, assumono come forza guida le nuove condizioni ambientali e le condizioni di bioproduttivitàgenerate dai cambiamenti climatici, così come assumono le opportunità di lungo momento offerte dalleConvenzioni internazionali in tema di ambiente e di crescita delle risorse umane.Questo progetto si propone come abaco per un dialogo innovativo fra il Nord Est e l’Oriente nella convin-zione di generare nuove opportunità di sviluppo compatibili per l’intera regione.
  6. 6. FONDAMENTI DI SOSTENIBILITA’ aria acqua biodiversità equità Richard Feynman pubblica “Theres Plenty 1960 of Room at the Bottom” che rivela le potenzialità delle nanotecnologie, prende Paul Ehrlich pubblica Viene pubblicata “The Due terremoti sottomarini l’avvio l’era della dematerializzazione “Population Bomb” Lisbon Action Plan” per (7.0 Mw) causano tre Con l’articolo “Toward a Theory la diffusione delle Agende tsunami che colpiscono Rachel Carson pubblica “Silent Spring” 1962 of Architecture Machines” Nicholas Negroponte segna la 21 a livello locale la Papua Nuova Guinea World Bank pubblica Herman Daly: sviluppo Kenneth E. Boulding nascita del moderno computer “Five years after e capacità di carico pubblica “Earth as a destinato ad accrescere le Rio: innovations in space ship” capacità dell’uomo, a rendere environmental policy” 1968 “più orizzontali” i rapporti sociali e ad avviare l’era dei bit Terremoto in Giappone (7.3 Mw) 1969 Conferenza per combattere Istanbul: II Conferenza Hab 1972 la desertificazione Conferenza di New York: Conferenza dell’ONU sull’Ambiente Umano Convenzione sulla protezione 1996 Lo stato dell’ambiente a Stoccolma e sull’uso dei corsi d’acqua 1997 1973 1995 1977 1994 Conferenza di Aarhus Conferenza dell’ONU Carta di Aalborg sulle sull’accesso 1990 all’informazione sulla Desertificazione città sostenibili 1993 1998 1988 1992 Convenzione di Basilea en 1976 1986 sui rifiuti pericolosi Ag Conferenza mondiale m ue ni 1987 per i diritti umani: o “Strategia globale per yot Rapporto Brundtland n e ille Conferenza di Rio su ambien 1979 salute e ambiente” ap Il s “Our Common Future” di K :M Convenzione internazionale : sull’inquinamento dell’aria er o na uv isb ica ollo iL n co ad et Il Club di Roma pubblica “I limiti allo sviluppo” Giorgio Nebbia è autore di una serie di toc Va fe re nz e rg en Pro articoli che ripercorrono le vicende della n Co a sostenibilità negli 1960/70 1999 Scientific Unions pubblicano “Global Environmental Monitoring” nz presentato alla conferenza di Stoccolma fi cie W. D. Nordalus, J. Tobin pubblicano “It Growht Obsolete” 2000 2, ef 00 t e e sv N. G. Roegen pubblica “Energy and Economics Myths” /2 A. O. Herrera e altri pubblicano “Catastrophe or New society?” 91 2001 EU Incidente nucleare di Chernobyl ir. ilupp D Nasce l’IPCC, Intergovernmental Panel on Climate Change o: 2002 Ag e Parte il progetto di riconoscimento del genoma Protocollo di Cartagena sulla biosicurezz degli esseri viventi, inizia lera biotecnologica Johannesburg: Conferenza mondiale sullo svilupo sostenibile nd Ro Una petroliera si incaglia al largo della Scozia, ma riversa in mare 80.000 tonellate di greggio a2 New York 2003 : ve Nasce ufficialmente l’Euro 2005 1 Terremoto di Chichi (7.3 Richter) rtice Terremoto in Turchia (7.8 Richter) 2004 D Newman e Kenworty: sostenibilità = progetto olistico modia Co Piogge torrenziali in Algeria della durata di circa 12 ore mm Terremoto in India (7.9 Richter) le dell’Alim Viene messa on-line Wikipedia, l’enciclopedia libera .U Attacco terroristico alle torri gemelle 67/ E Entra legalmente in circolazione l’Euro 200 La petroliera Prestige, con 77.000 tonnellate di combustibile, naufraga al largo della Galizia inquinando oltre 500 km di costa 5, sulle risorse ent Anno Internazionale dell’Acqua Black-out a sorpresa per sei milioni di italiani. Il Gestore della rete stacca la az corrente in tutte le città, con turni di un’ora e mezza, per esigenze di risparmio Black-out elettrico colpisce per 30 ore il Nord-Estdegli Usa ne io e il Sud-Est del Canada Terremoto e maremoto nell’Oceano Indiano (9.1 Mw) nat Entra in vigore il protocollo di Kyoto sull’emissione di gas tossici; vi aderiscono 141 Paesi, esclusi gli USA ur Terremoto a Sumatra, isola indonesiana (8.7 Mw) i al Niger: una carestia mette a rischio 1,3 milioni di persone L‘uragano Katrina si abbatte sulle coste americane Il fiume Tevere esonda in Umbria e a Roma raggiunge il livello record 12 metri Parte a Francoforte sul Meno la prima conferenza internazionale di Wikimedia
  7. 7. Fondamenti della sostenibilità - Rielaborazione della cronistoria salute sapere insediamenti trasporti rifiuti delle convenzioni internazionali - www.vod.blogsite.org Terremoto in Perù (7.9 Mw) Anno internazionale del pianeta Terra Anno internazionale della biodiversità Piogge torrenziali in Messico Il prezzo del petrolio supera per la prima Terremoto ad Haiti (7.0 Mw) volta la quota di 100$ al barile Terremoto in Cile (8.8 Mw) Anno internazionale del deserto Ciclone Nargis in Myanmar Terremoto nell’Oceano Pacifico (8.3 Mw) Terremoto in Cina (6.9 Richter) e della desertificazione Terremoto in Cina (8.0 Richter) Terremoto all’Aquila (6.3 Mw) Alluvioni in Pakistan Terremoto ad Atene (6.9 Mw) Acqua alta record a Venezia: 156 cm slm Terremoto in Indonesia (7.6 Mw) Tsunami in Indonesia (7.7 Richter) Epidemia di Colera in Angola Ue pubblica “Europa 2020 per Maremoto in Indonesia (7.2 Mw) un’Europa smart, sostenibile, Tifone Durian nelle Filippine inclusiva” La popolazione monidiale raggiunge la soglia di 7 miliardibitat Tsunami in Giappone (9.0 Richter) Terremoto in Turchia (7.3 Richter) -8 % nuova economia fondat de a sul sap ll ere and e 2010 em is s 2009 io ipn rov ere en i ific 2008 ien ed gli t i da nea ità l patri ers iv 2007 od monio edilizio bi di ita rd 2006 pe % 2011 orti -1 Conferenza dell’ONU sp sul Clima a Durban ro verde tra ova Aia Gen 2012 ell’ ni sio a adza mis Conferenza Rio + 20 le e 1$ G8 del -8% nz sullo sviluppo globale sostenibile UE Lib ere ia ea nf Ital fica Co iork: II+5 Confer renza Habitat rati er i nf to di dime red 2015 conDi zzare la popolazione r.U 66 u ti E rifi 7/ 20 05 ,s 0 Who Healt City, potenziamento del network, + benessere, + vivibilità ui rifi 20 Dir. UE 60/2000, messa in salute della - ut i % risorsa acqua in Europa d el le e m issioni e am 2030 la f 2020 no fro s of 0 199 di colo ro che ni s u bas e ris o rs e 2050 ero issio di i l num dell e em rbo n vo -30% lioni 0 ie rel 4 00 mi Ca ridurre a ole , -p issi o ni ev e em d e ll -50% sap con uppo + svil
  8. 8. VIA DELLA SETA / FONDACO 70 N Arctic Circle 60 N Moscow Rotterdam B cF Frankfurt Zhytomyr Aktyubinsk Numberg Krakow Lvov Kiev 50 N Vienna E C A Budapest Atyrau Bratislava Trieste Odessa Lyon Verona Mestre D Beyneu Milan Ljubljana Novorossiysk Genova Turin Rijeka Toulouse Bucharest Aqtau Firenze Marseille A B Sofia Poti D Varna Tbilisi Bari Skopje Istanbul Roma Barcelona Napoli Tirana Samsun Batumi Turkmenba Valencia 40 N Cagliari Izmir Ankara Baku Palermo Reggio C. Antalya Tunis Merci A Algiers Tehran Creta Nircosia Beirut Tel Aviv Tripoli Alexandria Port Said Banghazi 30 N Tropic of Cancer Jiddah 20 N 10 N Equator 0 0 30 E 40 E 50 E 10 E 20 E10 W
  9. 9. Aktogay Druzhba Aralsk Urumqi Bishkek Almaty Tashkent BEIJINGasy Bukara Samarkand KashiAshgabat Dushambe Lanzhou P Kabul Xian Islamabad Zhengzhou Lianyungan Shan Ningbo Yantian Hong Kong Colombo Singapore 90 E 60 E 70 E 80 E 100 E 110 E
  10. 10. LA VIA DELLA SETANella storia la cultura occidentale dialoga con quella orientale attraverso un sistema di vie commercialiche va dall’Europa fino alla Cina (es. via della seta), grazie a strutture di accoglienza che, in relazioneai territori in cui si trovano assumono la denominazione di fondaco, caravanserraglio, khân, funduk,wakala. Queste strutture erano localizzate lungo le grandi vie commerciali e nei contesti urbani, luoghi ditransazioni commerciali, di ospitalità ai viaggiatori, agli animali e alle merci.IL FONDACO VENEZIANONella storia la cultura occidentale dialoga con quella orientale attraverso un sistema di vie commercialiche va dall’Europa fino alla Cina (es. via della seta), grazie a strutture di accoglienza che, in relazioneai territori in cui si trovano assumono la denominazione di fondaco, caravanserraglio, khân, funduk,wakala. Queste strutture erano localizzate lungo le grandi vie commerciali e nei contesti urbani, luoghi ditransazioni commerciali, di ospitalità ai viaggiatori, agli animali e alle merci.IL FONDACO OGGII nuovi fondaci sono entità complesse a servizio della globalizzazione, con una dimensione adeguataa gestire le relazioni fra le principali aree di influenza del mondo. Il fondaco è una unità extranazionalecollocata nel piano di riconversione delle piattaforme ex industriali di Porto Marghera il cui fine èrinvigorire i rapporti storici fra oriente e occidente. I fondaci di Porto Marghera danno vita ad una cittàcapace di stimolare il dialogo umanistico e tecnologico fra oriente e occidente; organizzati all’internodell’are ex industriale in grappoli di fondaci, ciascuno gestito da una nazione o da un gruppo di nazioni.Essi sviluppano varie attività: culturali, ricreative, economico finanziarie, ricettive.
  11. 11. RISORSE / CAMBIAMENTI
  12. 12. CAMBIAMENTO CLIMATICONei prossimi cento anni è previsto un aumento del livello medio del mare compreso tra i 9 e gli 88 cmche dipenderà sia dal progressivo scioglimento dei ghiacciai, sia dalla naturale espansione degli oceani.Un significativo cambiamento morfologico modificherebbe il territorio e l’aspetto di molte città, coste,spiagge, mettendo a rischio le risorse strategiche per le popolazioni costiere come l’approvigionamentoall’acqua potabile, le risorse ittiche e quelle agro alimentari. I possibili progetti per la riqualificazionedi Porto Marghera sono funzione della dinamica dei fenomeni naturali, che sono condizionati dalcambiamento climatico, dalla qualità dell’acqua a disposizione dalla variazioni di vento, sole, clima epioggia.RELAZIONI IMMATERIALINegli ultimi 20 anni è in atto la sostituzione degli spazi fisici con gli spazi virtuali e cresce l’integrazionefra i due momenti. Questo influenza le caratteristice dei progetti sul territorio e sull’edificio. Aumentano iprocessi di inclusione, la produttività grazie all’incorporazione, i servizi che vengono erogati nello spaziovirtuale. L’applicazione di tecnologie immateriali ha ripercussioni sull’organizzazione sociale e - grazie alladematerializzazione - contribuisce alla diminuzione del livello di carico dei progetti. Inizia una sinergiafra rivoluzione digitale e rivoluzione verde, e si apre il campo ad una visione biologica del progetto, percui i materiali non sono più prodotti per sottrazione di materia dalla natura, come avviene oggi, ma permanipolazione genetica degli elementi presenti in natura.RISORSE UMANEMotore del progetto sostenibile è la coesione sociale ed il suo incremento con al centro la culturalocale. La geografia delle risorse umane è calcolata sulle sinergie che si generano sul territorio in terminidi creatività, di capacità di aggregazione, di livello di soddisfazione dei cittadini, di propensione adutilizzare tecnologie innovative, di frequenza e disponibilità di connesione. I nuovi indicatori per valutarela città contemporanea sono la coscienza ecologica (uso pro capite di energia + impronta ecologica),la capacità di produrre idee, la complessità culturale, l’uso integrato di strumenti tecnologici, numero dibrevetti, l’indice di benessere (malattie ereditarie, inquinanti, n°persone sulla soglia di povertà), l’accessoalle reti immateriali, l’indice di felicità.
  13. 13. IDEE PER IL FONDACOUn’ipotesi di aggregazione dei fondaci in 5 cluster, basata sulle potenzialità ed affinità individuate a“Dialogo tra fondaci”. La proposta individua due grandi sistemi gravitanti intorno a Cina ed India,collocati agli estremi del territorio considerato. A nord in prossimità della stazione ferroviaria e della zonadirezionale di Mestre, il cluster della Cina, a sud in prossimità della terraferma e dell’interscambio con leinfrastrutture stradali il cluster dell’India. Mestre Station Cina South East Asia Pakistan Japan India Society Work Health 1 Pubblic 7 amministration Trasports Enviromental 3 @ 2 Education Production Building 4 6La struttura del suolo al 2050, come definito dall’analisi delle 8 5risorse naturali e del cambiamento climatico, dalla quale sievince una buona riduzione della superficie utile e cambiamenti 9nelle condizioni dell’acqua e della biodiversità.
  14. 14. Mestre Station Un’ipotesi di assetto della mobilità interno P a Porto Marghera basato su un sistema di trasporto pubblico che integra il sistema P del Personal Rapid Transit con quello del Porto Marghera Station trasporto via acqua (ogni fondaco avrà la propria stazione di PRT ed il proprio Cina approdo). Questo sistema è integrato con la Marghera rete ferroviaria (in prossimità della stazione Park South di Mestre e di Porto Marghera). e con la East Asia rete stradale provinciale e autostradale.P La circolazione interna al fondaco sarà Pakistan completamente pedonale o ciclabile. Japan India Mestre Station Cina South Una morfologia guidata da due East Asia magneti, i cluster della Cina e dell’India, che fungona da punti di Pakistan attrazione non invasivi, in quanto Japan garantiscono accesso di massa India supportato da ferrovia e grandi strutture di stazionamento. Transport system - - - Capacity +++ - - - Interchange +++ - - - Speedy +++ - - - Flexibility +++ Railway Bus PRT Ferri Boat Boat Pedestrian & Bicycle Access Node - - - Attraction +++ - - - Distribution +++ - - - Connectivity +++ - - - Flexibility +++ Mestre Station Porto Marghera Station P Parking Port Landing Place Bus Stop
  15. 15. STRADA METABOLICA
  16. 16. MARGHERA -> BUSAN
  17. 17. 2050 FLYOVERVITY
  18. 18. MARGHERA -> BUSAN
  19. 19. KNOWLEDGE FONDACO

×