Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Intellectual property & Internet

451 views

Published on

Published in: Business
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Intellectual property & Internet

  1. 1. Alice Paccagnella gruppo T1
  2. 2. <ul><li>Introduzione </li></ul><ul><li>La proprietà intellettuale e la sua tutela tradizionale </li></ul><ul><li>Proprietà intellettuale e Internet </li></ul><ul><li>Sviluppi possibili </li></ul>
  3. 4. <ul><li>Fonti legislative italiane: </li></ul><ul><li>Codice Civile art. 2575 (diritti di autore), art. 2585 (brevetti); </li></ul><ul><li>L. 633 del 1941 sul diritto d’autore; </li></ul><ul><li>D. lgs. 30 del 2005 ( Codice della proprietà industriale) </li></ul>DIRITTI D’AUTORE, MARCHI e BREVETTI “ ogni frutto dell’attività e dell’ingegno dell’uomo”
  4. 7. Proliferazione di programmi “p2p” Architettura decentralizzata Impossibile impedire la distribuzione di contenuti protetti
  5. 8. Tentativo da parte dell’industria audiovisiva di perseguire giuridicamente aziende produttrici di software che permettono la diffusione contenuti protetti <ul><li>Copiosa giurisprudenza: </li></ul><ul><li>pronuncia del Giudice Wilson, Corte federale di Los </li></ul><ul><li>Angeles 25 aprile 2003 </li></ul><ul><li>pronuncia della Corte d'Appello di Amsterdam del marzo </li></ul><ul><li>2002 </li></ul>
  6. 10. Se il tipo di tutela sopra esposta è stata per lungo tempo comunque idonea a tutelare gli interessi di produttori e rivenditori di opere creative e d’ingegno, con l’evolversi della tecnologia essa è divenuta sempre più insufficiente e facilmente raggirabile.
  7. 11. Considerazione preliminare: Non si può tornare indietro ! legislazione utenti
  8. 12. Strategie adottate dall’industria dell’intrattenimento: <ul><li>il muro contro muro che è stato portato avanti dall'industria dell'intrattenimento di tutto il mondo nel tentativo di perseguire giudizialmente provider e utenti si sono rivelati fallaci. </li></ul><ul><li>Un'altra strategia che è stata attuata è stata quella di raggiungere il singolo utente attraverso dei programmi che si comportano come dei motori di ricerca. </li></ul>
  9. 13. Programmi che operano come motori di ricerca: RANGER: quando scopre trasferimenti di file dal contenuto protetto chiede all'ISP di impedire ulteriori comportamenti illeciti (video). SPY BOT: si limitano ad inviare messaggi istantanei che appaiono sullo schermo degli utenti nel momento in cui questi si scambiano copie di canzoni non autorizzate (audio).
  10. 14. Sanzioni più pesanti sembra essere un sistema che non può portare a niente, senza rendere la pena quantomeno probabile agli occhi degli utenti e senza renderli coscienti dell'antigiuridicità delle condotte poste in essere. Esempio: soluzioni adottata dal governo francese nel 2007 (gli ISP - Internet Service Provider - in seguito ad un avvertimento, possono sospendere temporaneamente o definitivamente l'accesso ad Internet a coloro che vengono colti a scaricare materiale illegalmente)
  11. 15. gruppi come i Radiohead hanno rilasciato il loro ultimo album “In Rainbow” in due formati, di cui il primo consiste di un download digitale di tutte le tracce dell’album in formato mp3 per il quale il consumatore può liberamente decidere il prezzo (volendo, quindi, si può scaricare l’album anche gratis). Iniziative interessanti: movimenti open source od open content sono basi di partenza per addivenire a soluzioni concrete che possano accontentare autori e utilizzatori.
  12. 16. In sostanza la rivoluzione portata dal Web 2.0 in materia di tutela della proprietà intellettuale è un'occasione per rinnovare mentalità obsolete e modificare status quo non più al passo con i tempi, non un qualcosa da combattere in ogni modo: la soluzione deve essere l'adeguamento, non la lotta!

×