Cooperative Learning

2,373 views

Published on

Published in: Education, Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,373
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
18
Actions
Shares
0
Downloads
94
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Cooperative Learning

  1. 2. Morton Deutsch rilevò la diversa fenomenologia dei gruppi nei quali ogni membro lavora individualmente o è in competizione con gli altri La cooperative learning
  2. 4. Per creare un gruppo di Cooperative Learning sono necessarie le seguenti caratteristiche:
  3. 5. Sono le abilità proprie del riuscire a vivere e lavorare con gli altri. Preparare alla cooperazione significa insegnare le specifiche competenze che sono necessarie per l’esecuzione di un compito in gruppo.
  4. 8. Interazione La relazione interpersonale all’interno del gruppo si sostanzia in modo tale da sviluppare fenomeni tipici quali l’influenza reciproca, la coesione tra i membri, il senso di appartenenza ecc…
  5. 9. Socializzazione Processo interattivo grazie al quale le persone acquisiscono conoscenze, atteggiamenti, capacità e valori del gruppo sociale al quale appartengono.
  6. 10. Integrazione Tendenza e disponibilità costanti da parte della maggioranza degli individui che compongono il gruppo a coordinare regolarmente ed efficacemente le proprie azioni con quelle degli altri.
  7. 11. Differenziazione Una matura integrazione permetterà l’accettazione della differenziazione, che prenderà forma attraverso l’individuazione per ognuno di ruoli distinti e l’applicazione di norme formali ed informali.
  8. 13. Scopi condivisi La condivisione di obiettivi simili ma non identici rappresenta il fattore propulsivo della crescita e dello sviluppo del singolo e del gruppo e il vettore del consolidamento e rafforzamento delle scelte del gruppo.
  9. 14. Scopi condivisi Affinché le finalità e gli obiettivi possano svolgere la loro funzione di collanti, di catalizzatori di risorse e affinché possano motivare stimolare e guidare il comportamento e l’impegno di tutti devono essere chiaramente esplicitati, compresi, accettati e desiderati da ogni singolo membro del gruppo È necessario avere strumenti per verificare se gli scopi sono condivisi ed efficaci.
  10. 15. Interdipendenza
  11. 16. Interdipendenza positiva Interdipendenza negativa
  12. 17. Sono interessato a raggiungere i miei obiettivi da solo
  13. 18. Per raggiungere il mio obiettivo devo impedire all’altro di raggiungere il suo.
  14. 19. Essere in interdipendenza con qualcuno significa che per realizzare qualcosa o raggiungere uno scopo non è possibile agire da soli. Gli altri ci sono indispensabili e necessari. Il concetto di interdipendenza indica un “legame con”, una “relazione con “, una “dipendenza da” altre persone per il conseguimento di un risultato od obiettivo.
  15. 22. 1 ° Livello: Tutti lavorano per uno scopo comune
  16. 23. 2° Livello: La cooperazione è in funzione di un riconoscimento, una premiazione ecc..
  17. 24. 3° Livello: La cooperazione è in funzione della reciproca necessità di condividere informazioni, competenze, abilità differenti, oltre che risorse materiali ed economiche.
  18. 25. 4° Livello: La distribuzione di ruoli e funzioni rende la realizzazione di un progetto più efficace ed efficiente.
  19. 26. 5° Livello: Spesso si può ricevere una valutazione esterna o compiere un’ autovalutazione sul lavoro complessivo in cui non sia possibile disgiungere i ruoli e le competenze differenti che hanno reso possibili quelle azioni.
  20. 31. <ul><li>La percezione dell’importanza dell’obiettivo </li></ul><ul><li>Il tipo di attività del gruppo </li></ul><ul><li>L’interdipendenza nelle risorse materiali </li></ul><ul><li>L’interazione tra responsabili e componenti del gruppo </li></ul><ul><li>L’interazione tra i membri del gruppo </li></ul><ul><li>Le aspettative sui ruoli e funzioni all’interno del gruppo </li></ul><ul><li>Modalità di lavoro all’interno del gruppo </li></ul><ul><li>Le procedure di verifica dell’attività svolta </li></ul>
  21. 32. Affinché un obiettivo sia in grado di stimolare l’attivazione e l’impegno congiunto dei membri del gruppo è importante che esso sia da loro riconosciuto significativo e di valore.
  22. 33. Le attività che si propongono devono stimolare e richiedere tra i partecipanti una reale collaborazione, devono presupporre un vincolo di interdipendenza positiva.
  23. 34. Avere a disposizione materiale comune può rallentare le procedure di lavoro ma garantisce un maggior scambio di informazioni, l’attenzione reciproca, una comunicazione più efficace, un clima relazionale più interattivo
  24. 35. Nel momento in cui si promuove un gruppo cooperativo, i membri vengono responsabilizzati e valorizzati in prima persona, quindi il responsabile funge da facilitatore di dinamiche interattive piuttosto che depositario di conoscenze, metodi e strumenti
  25. 36. I gruppi cooperativi durano di più, infatti sono caratterizzati da interazioni costanti e prolungate nel tempo.
  26. 37. In un gruppo cooperativo le reciproche aspettative sono via via sempre più esigenti. Ci si attende che ognuno dia il massimo di sé, che arricchisca gli altri delle informazioni, delle conoscenze, del patrimonio emotivo che possiede. Ci si attende sostegno e soprattutto accettazione reciproca.
  27. 38. Gruppi di lavoro composti da un massimo di sei persone facilitano molto una conoscenza reciproca, una maggiore fluidità nella comunicazione, una reale partecipazione e un maggior numero di interventi da parte di tutti i partecipanti. È importante alternare momenti in sottogruppo a momenti in assemblea per recuperare il processo nella sua globalità.
  28. 39. Vengono previsti momenti di verifica? Spesso no….. Sarebbe importante prevedere parametri o indici, per valutare se e in che misura gli obiettivi previsti sono stati raggiunti. È poi necessario condividere i risultati e l’eventuale gap tra risultati attesi/raggiunti
  29. 40. Il clima del gruppo <ul><li>La dimensione clima può essere intesa come un sistema di percezioni e attribuzioni soggettive che acquista una valenza collettiva di vissuti emotivi e di reciproco influenzamento sia negli atteggiamenti, sia nel modo di pensare e nella cultura complessiva che investe tutti i componenti del gruppo. </li></ul>
  30. 41. Indicatori per la valutazione della qualità del clima gruppale
  31. 42. Sostegno Se negativa Se positiva Senso di fiducia Risposta a bisogni ed esigenze Aiuto concreto Diffidenza Senso di abbandono
  32. 43. Calore Se positiva Se negativa Disponibilità Apertura comunicativa No coesione No partecipazione
  33. 44. Riconoscimento dei ruoli Rafforzamento del senso di utilità di ognuno Se riconosciuti Ruolo “ un insieme di aspettative che circoscrivono il comportamento di una persona che occupa una posizione differente rispetto ad altre e dunque ad altri comportamenti….” Prevedibilità
  34. 45. <ul><li>Formali </li></ul><ul><li>Informali </li></ul>
  35. 46. Apertura Confronto e dialogo Atteggiamenti di chiusura e difesa Se positiva Se negativa

×