1
2AMMINISTRARE 2.0Un’amministrazione 2.0 è un’amministrazione che si mette dalla parte dei cittadini e che con i cittadinis...
3Il Comune di Centola è una importante realtà della Costa del Cilento, la cui offerta ricettiva è cosìcomposta: 26 Alberg...
4Risulta difficile un approccio sociale alla rete poiché la PA si muove per norme, decreti e procedure; i socialmedia per ...
5 Conoscere,confrontare ed emulare casi di successo Coinvolgere e far partecipare sinergicamente il territorio nelle att...
6Obiettivi del progetto:o Offrire informazioni turistiche in un unico spazio onlineo Fornire contenuti in una piattaforma ...
7A cura diAlfredo CapursoVia S.Maria 35Palinuro di Centola349.5559506info@alfredocapurso.itAlcuni esempi per la PA:- http:...
8
9
10
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

PROGETTO AMMINISTRAZIONE 2.0 E COMUNICAZIONE TURISTICA CENTOLA-PALINURO 2012 protocollato 07/06/2012

294 views

Published on

e-Governamento & e-Democracy per un'amministrazione pubblica votata all'innovazione. Un progetto di sviluppo dal basso per Centola-Palinuro destinazione turistica...

Published in: News & Politics
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
294
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

PROGETTO AMMINISTRAZIONE 2.0 E COMUNICAZIONE TURISTICA CENTOLA-PALINURO 2012 protocollato 07/06/2012

  1. 1. 1
  2. 2. 2AMMINISTRARE 2.0Un’amministrazione 2.0 è un’amministrazione che si mette dalla parte dei cittadini e che con i cittadinistabilisce una relazione bidirezionale, perché è consapevole che nessuno meglio di loro possa valutare servizie progetti, segnalare eventuale criticità, manifestare esigenze e bisogni e fare proposte per soddisfarli.E’ un’amministrazione che sceglie di improntare tutti i suoi processi, anche quelli interni, sui principi dellacondivisione e della collaborazione, di sfruttare l’intelligenza collettiva coinvolgendo le risorse a suadisposizione per migliorare la gestione interna e l’efficienza dei servizi offerti.E, infine, è un’amministrazione che sceglie di fare tutto questo sfruttando le opportunità delle nuovetecnologie e dagli strumenti del web 2.0 mettendoli al servizio di un nuovo approccio nei rapporti con ilcittadino.I PRINCIPI GENERALI1. Il potere di valutare è dato all’utente: la PA 2.0 deve permettere ai cittadini di esprimerefacilmente ed intuitivamente il loro giudizio sui servizi che adoperano.2. Sfruttare l’intelligenza collettiva : nessuno conosce le caratteristiche necessarie per i servizipubblici meglio di chi le usa, nessuno conosce i processi amministrativi meglio di chi nella PAlavora con competenza.3. I dati come tessere di puzzle sempre nuovi: il cittadino deve avere la possibilità di analizzare eschedulare tutti i dati che lo riguardano.4. La nascita del prosumer: ai servizi pubblici il cittadino non accede solo come consumatore ma nediventa lui stesso produttore.5. La necessità del lifelong learning: una PA non può che essere un’organizzazione basata sullaformazione continua, sulla diffusione della conoscenza, sulla sperimentazione.LE SFIDE- Proporre una nuova cultura dell’e-governament. E’ ancora troppo diffusa la cultura originaledell’e-governament inteso come comunicazione istituzionale e fornitura di servizi on-line.- Considerare la rete come accesso universale. La rete a banda larga deve congiungere la totalitàdella popolazione ed essere considerata un bene universale disponibile per tutti.- Proporre la definizione dei diritti e dei doveri della nuova cittadinanza digitale- Proporre una nuova cultura tecnologica. I software disponibili per la PA rispecchiano unastruttura di lavoro promiscua (verticale/orizzontale)- Proporre una nuova cultura organizzativa. Superare il primato della procedura a favore degliobiettiviSERVIZI ONLINE (esporre i dati, non i processi)- Di chi sono i dati- La PA li gestisce per conto del cittadino- http://www.dati.gov.it/- http://portal.forumpa.it/
  3. 3. 3Il Comune di Centola è una importante realtà della Costa del Cilento, la cui offerta ricettiva è cosìcomposta: 26 Alberghi 7 Residence 6 villaggi 8 B&b Case Vacanza e Affittacamere variA forte vocazione turistica, la maggior parte rappresentata dal turismo balneare, il comune è ricco diattrazioni fra le quali ricordiamo: Borgo Medievale di S.Severino di Centola Grotte Marine di Capo Palinuro Chiese e Conventi Percorsi trekking Siti Unesco Patrimonio archeologico Porto Turistico e Darsena Arco Naturale Dieta Mediterranea e cultura del cibo Spiagge, cale e borghia cui vanno aggiunte la cultura popolare della civiltà cilentana e le tradizioni locali: le sagre, le processioni, lacucina, la campagna, la pesca ecc...Il Progetto che sottopongo alla Vostra attenzione si prefige di raccontare il territorio attraverso le esperienzedei cittadini e dei turisti e promuovere il paese dal basso (bottom-up), dal racconto delle persone, dallaraccolta delle testimonianze dei protagonisti del luogoIl progetto si articola in quattro fasi principali:1. Creazione di una identità sociale quale il Blog2. Una strategia di comunicazione sociale quale fb, twitter, youtube e vari social network3. La creazione di un Social Media Team che si occupi di rappresentare il Comune online4. Una promozione locale grazie ad Blog Tour o Educational Tour1_ Il Blog è a metà strada fra un sito e un forum di discussione, semplicità di pubblicazione e possibilità diconfronto tra autore e lettore portano al formarsi di comunità spontanee. Il Blog è il fronte più innovativo ediffuso tra i software del social network. Rappresenta un diario in rete, un’agenda digitale dove vengonoraccontati i fatti, le iniziative, gli eventi, dove avvengono discussioni, confronti, proposte e critiche. Doveavviene lo scambio “immateriale” tra informazioni trasmesse ed informazioni percepite. Rappresenta unconsecuzione di ascolto della rete, dialogo con l’utente, coinvolgere l’utente, creare un legame con e tra gliutenti.2_ I Social Network vengono utilizzati per conoscerci, scambiarsi opinioni, pareri su prodotti e servizi eadesso anche come supporto alle attività di recruiting. I movimenti di opinione, le “community” trovano ininternet il terreno naturale per la propria diffusione maggiore offrendo un servizio di informazione diretto edimmediato (vedi twitter)1. Coinvolgo2. Informo3. Promuovo
  4. 4. 4Risulta difficile un approccio sociale alla rete poiché la PA si muove per norme, decreti e procedure; i socialmedia per like, commenti e tag. La PA ha tempi decisionali e operativi lunghi, che contrastano con la rapiditàdei social media.3_ Il Social Media Team è un gruppo di persone, generalmente giovani, che sappiano scrivere bene, comefossero giornalisti, che siano particolarmente attive sui social media, e che siano capaci di raccontare unterritorio, un evento, una realtà aziendale, in maniera precisa e in tempo reale su Internet. Partecipano adiscussioni di altre persone e li invitano a lasciare a loro volta commenti su quello che viene pubblicatoonline, creando un po di fermento e rumore sullevento da promuovere.Come funziona?Per prima cosa viene selezionato il gruppo di persone che farà parte di un social team: devono essere personeesperte di social networks ma anche appassionate di vari argomenti, di cui parlano nei propri articoli edevono avere quantomeno un consenso popolare. Cè chi ama parlare di cibo, chi di cultura, chi di arte, chi disport. Devono saper scrivere bene un articolo, ma avere anche la sensibilità di cosa sia più interessante odivertente.In genere si cerca di creare un gruppo eterogeneo per raccontare meglio quello che succede, da vari punti divista.Oltre ad utenti che sappiano scrivere bene si cerca di mettere nel gruppo anche persone esperte di video ofoto, che possa raccontare quello che vede tramite le immagini e i filmati.A capo del gruppo viene scelto un coordinatore, una persona che dia indicazioni o segua tutte le varie attività,per tenere le fila e suggerire eventuali punti da evidenziare. Oltre a fare da collegamento con la realtàterritoriale.Creazione di un Social Media Team Locale (fatto da cittadini del comune) Creiamo dialogo Monitoriamo il web per ascoltare Scriviamo per promuovere4_ I Blog Tour sono un grande aiuto alla PA perché offrono punti di vista diversi sulla realtà locale: ibloggers vivono il territorio per un certo periodo, fanno da tramite tra i residenti e followers sparsi nel mondoe si propongono come cassa di risonanza di eventi altrimenti riservati ad un pubblico ristretto. Il racconto diun blogger è più autentico di un semplice spot pubblicitario. I social media sono inoltre, uno strumentoformidabile per intercettare nicchie di turisti, soprattutto stranieri, abituati ad utilizzare i social media e i blogcome canale informativo per scegliere una destinazione.“La reputazione di una località crea fiducia e crea le condizioni per poter superare l’attuale crisieconomica. I turisti oramai sono attenti osservatori, maturi nell’uso della rete per ricercare soluzioni diviaggio e utenti attivi nei luoghi della rete in cui si discute sulla reputazione.”Per migliorare le pratiche di incoming e far crescere il sistema turistico: Meno investimenti materiali, più investimenti immateriali Consapevolezza dell’essenzialità del web, come strumento di relazione, reputazione, comunicazionee business Più investimenti sul web: Social Network – Mobile – Geolocalizzazione Ricorso a figure professionali competenti e specializzate sul territorio ed avviare una fase diformazione (cosi inglese, corsi computer, servizio ristorazione, seminari ecc..)
  5. 5. 5 Conoscere,confrontare ed emulare casi di successo Coinvolgere e far partecipare sinergicamente il territorio nelle attività di pianificazione epromozione della destinazioneRiattivare la collaborazione tra operatori: Promuovendo professionalità e cultura d’accoglienza Diventando gli attori della promozione del territorio Sostenere tra gli operatori la cultura della rete, anche attraverso il web, dotandosi di obiettivi comunied una metodologia di lavoro per costruire insieme un’offerta integrata ed unitaria Affrontare uniti la sfida del posizionamento sul mercato Promuovere iniziativa dai risultati misurabili di volta in volta Strutturare l’attività di ascolto dei turisti che visitano il territorio per programmare strategie disviluppo più efficaciDOVREMMO APPLICARE DUE CONCETTI FONDAMENTALI:e-Governament: le nuove tecnologie della rete a supporto dei servizi che le amministrazioni pubblichesono tenute ad erogare per afferenza. Fondamentalmente orientato a far svolgere “Pratiche online”.e-Democracy: le nuove tecnologie della rete a supporto dell’utenza, cittadini e imprese, utilissime perstimolare la partecipazione e abbattere l’intermediazione burocratica amministrativaCosa non va? Poca comunicazione Progettazione senza ascolto Non viene misurata e considerata la soddisfazione del cittadino Costi e tempi eccessivi degli atti- Si potrebbe fare meglio grazie ad una rete intranet comunale che si appoggi su database pubblici perla gestione dei documenti online, con la possibilità d’accesso del cittadino attraverso pin personale(vedi inps)- Per i servizi di polizia locale sarà fondamentale conoscere i dati di presenze e arrivi nelle struttureturistiche con cadenza settimanale, inviare newsletter e aggiornamenti sulla disciplinaamministrativa locale. Inviare attraverso Posta Certificata circolari e comunicazioni.- Sarà possibile creare dati con flussi turistici in base alle stagioni, agli eventi, alla tipologia dialloggio, alla tipologia di utente, ecc…Nb. semplificarla significa diminuire la complessità dei processi, non ribaltarli completamenteonline.Grazie a internet ci proporremo dio Aiutare le aziende ed il territorio a promuoversi on lineo Analizzare le conversazionio Aumentare la visibilità della destinazione turistica nella reteo Assistere alla creazione di una identità online
  6. 6. 6Obiettivi del progetto:o Offrire informazioni turistiche in un unico spazio onlineo Fornire contenuti in una piattaforma intuitiva e con una fruizione immediatao Utilizzo dei social media per una diffusione più veloce dei contenutio Passare dalla comunicazione istituzionale allo storytellingI social media utilizzati Facebook: album fotografici, notizie, interazione e dialogo Twitter: notizie, dialogo e live twitting per eventi Vimeo: video sperimentali e a alta risoluzione YouTube: video a alta diffusione Flickr: immagini con descrizioni per la diffusione della consapevolezza del territorio Foursquare: servizi all’utente, visibilità, interattivitàCon una particolare attenzione all’uso di Qr code Call to action ContestIn una seconda fase ci potremo occupare di: Analizzare la reputazione di strutture e destinazioni monitorando le recensioni e i luoghidi discussione online Analizzare le recensioni elaborando anche indici di qualità e socialità in base allerecensioni presenti su Tripadvisor ed altri UGC Monitorare le discussioni online relative al Comune di Centola e delle sue attrazionispingendo sempre verso la condivisione ed il rafforzamento di una identità turisticaQuesto progetto punta ad utilizzare esclusivamente fondi pubblici, competenze e capacità del territorio, siadal punto di vista materiale che immateriale dei servizi offerti.“Attraverso una presenza consapevole e pianificata nei siti del Web sociale, la Pubblica Amministrazionepuò iniziare un nuovo percorso di avvicinamento e di apertura ai cittadini in grado di favorire lo sviluppo diprocessi virtuosi di collaborazione, stimolando la partecipazione e la cittadinanza attiva”Filippo Patroni Griffi, Ministro per la PA e la Semplificazione
  7. 7. 7A cura diAlfredo CapursoVia S.Maria 35Palinuro di Centola349.5559506info@alfredocapurso.itAlcuni esempi per la PA:- http://www.dati.gov.it/- http://portal.forumpa.it/- http://www.comune.torino.it/- http://www.comune.venezia.it/Alcuni esempi per il Marketing territoriale:- www.vivicapoliveri.it- www.pisablogtour.com- http://www.aptbasilicata.it/Digital-Diary-Sette-web-artist-raccontano-la-Basilicata.2073.0.html
  8. 8. 8
  9. 9. 9
  10. 10. 10

×