ANNO ACCADEMICO 2006 - 2007

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE
FACOLTÀ DI ARCHITETTURA

TESI

DI

LAUREA

Le mura di Ascia...
ANNO ACCADEMICO 2006 - 2007

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE

FACOLTÀ

TESI

DI

DI

ARCHITETTURA

LAUREA

Le mura di As...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Ho cominciato...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Indice

Indic...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Indice

5. 4 ...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Indice

1. 1 ...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Indice

TAV_7...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

INDAGINE
STOR...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

1
Indagine st...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

necropoli di ...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

l’esterno.
2....
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

sottomura, ne...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo I
In...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

IL RILIEVO
ME...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

2
Il rilievo ...
Le mura di Asciano (Siena):
un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE

Capitolo II
I...
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro

1,392 views

Published on

L’informazione geografica ha assunto un ruolo insostituibile per le tematiche connesse agli interventi sulle aree urbane e sul territorio. I Sistemi Informativi Territoriali sono lo strumento operativo che ne permette la gestione organica e costituiscono un valido supporto per pianificatori e progettisti. I più recenti sistemi considerano pienamente la tridimensionalità dei dati acquisiti; ne deriva una crescente attenzione per la modellazione urbana e per la cartografia in cui la posizione in quota di ogni oggetto sia
deducibile dalle coordinate della primitiva geometrica associata all’oggetto e non un attributo.
A fronte di queste nuove esigenze e considerata la presunta facilità di elaborazione dei dati digitali con il conseguente accreditamento di modelli all’apparenza persuasivi quanto spesso inaffidabili sotto il profilo metrico (fatto giustificabile solo quando dichiaratamente prodotti con finalità divulgative e non progettuali), diviene necessario diffondere corrette metodologie di rilievo integrato, per consentire il riconoscimento dei requisiti di qualità dei dati di origine. I concetti di accuratezza posizionale e di metadati (cos’è quel dato, quanto è affidabile, come si può usare) ad esempio, devono essere, con le specifiche di contenuto, trasferiti dal mondo della ricerca a quello della formazione se si vuole contribuire alla corretta diffusione di una cultura dell’informazione geografica.

Published in: Education
  • Be the first to comment

Le mura di Asciano (SI): un'esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro

  1. 1. ANNO ACCADEMICO 2006 - 2007 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI ARCHITETTURA TESI DI LAUREA Le mura di Asciano (SI): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro RELATORE: Prof. Grazia TUCCI CORRELATORE: Arch. Alessandra ANGELONI LAUREANDA: Alessia NOBILE
  2. 2. ANNO ACCADEMICO 2006 - 2007 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ TESI DI DI ARCHITETTURA LAUREA Le mura di Asciano (SI): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro RELATORE: Prof. Grazia TUCCI CORRELATORE: Arch. Alessandra ANGELONI LAUREANDA: Alessia NOBILE 1
  3. 3. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Ho cominciato quest’avventura quando ero poco più di una bambina... ... adesso che volge al termine e sono una donna, dedico questo giorno, il più importante della mia vita, alle due persone che l’hanno reso possibile... ... Grazie mamma e papà 1
  4. 4. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Indice Indice CAPITOLO I 6 Indagine storico - cartografica 1. Introduzione 2. Documentazione storica 2. 1 2. 2 2. 3 2. 4 Il nome La nascita del borgo cittadino L’evoluzione storica dell’insediamento L’emblema 3. Documentazione cartografica 3. 1 Documentazione cartografica storica dal 1813 al 1894 3. 2 Documentazione cartografica storica dal 1903 al 1932 3. 3 Documentazione cartografica a confronto: analisi dello sviluppo del centro storico 4. Analisi degli elementi caratterizzanti la cinta muraria 4. 1 Porta Senese o del Bianchi (P1) 4. 2 Tratto di mura (M1) 4. 3 Torre (T1) 4.4 Tratto di mura (M2) 4. 5 Torre delle Vallesi (T2) 4. 6 Palazzo del Podestà (T3) 4. 7 Tratto di mura (M3) 4. 8 Tratto di mura (M5) 4. 9 Tratto di mura (M6) 4. 10 Torre (T4) 4. 11 Tratto di mura (M6) 4. 12 Edificio residenziale (E1) 4. 13 Torre (T5) 4. 14 Tratto di mura (M7) 4. 15 Torre (T6) 4. 16 Tratto di mura (M8) 4. 17 Edificio commerciale (E2) 4. 18 Edificio ecclesiastico (E3) 4. 19 Tratto di mura (M9) 4. 20 Cappella del Sacro Chiodo o dei Sacri Chiodi (T7) 4. 21 Tratto di mura (M10) 5. Le porte scomparse della cinta muraria 5. 1 La Porta Occidentale o del Comune 5. 2 La Porta della Fonte o Porticciola 5. 3 La Porta Maggiore o Massini o di S. Agata 2
  5. 5. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Indice 5. 4 La Porta Orientale Note bibliografiche CAPITOLO II 55 Il rilievo metrico 1. Introduzione al tema di analisi 2. Il progetto di rilievo: aspetti metodologici 3. La strumentazione topografica 3. 1 Elementi fondamentali della Stazione Totale 4. La costruzione della rete di inquadramento 4. 1 La schedatura delle monografie 4. 2 Calcolo della poligonale chiusa 5. La celerimensura 5. 1 La schedatura degli eidotipi 6. Il rilievo per il fotoraddrizzamento 6. 1 La fase di presa fotografica Note bibliografiche CAPITOLO III 92 La restituzione grafica 1. L’elaborazione dei dati 2. La restituzione fotogrammetrica 2. 1 I contributi della fotografia e della geometria descrittiva alla fotogrammetria 2. 2 Il raddrizzamento fotografico matematico 2. 3 Il raddrizzamento fotografico grafico 2. 4 Il software per il raddrizzamento: SISCAM ARCHIS 2D 3. La restituzione vettoriale 3. 1 La referenziazione 3. 2 La vettorializzazione dell’immagine 4. Il Photo - editing con ADOBE PHOTOSHOP CAPITOLO IV 110 Il rilievo GPS 1. Introduzione al GPS 3
  6. 6. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Indice 1. 1 Da GPS a GNSS 1. 2 Tecnologia GNSS applicata alla topografia 2. I sistemi di riferimento 2. 1 La Rete di Stazioni Permanenti Toscana 3. Il segnale GPS 3. 1 Gli errori sistematici 3. 2 Modalità di esecuzione delle misure 4. Il rilievo GPS delle mura di Asciano 4. 1 La rete GPS 4. 2 La strumentazione GPS 4. 3 La georeferenziazione Note bibliografiche CAPITOLO V 126 Il rilievo stratigrafico 1. Cenni metodologici 1. 1 Gli indicatori cronologici: datazione relativa e datazione assoluta 2. Analisi stratigrafica delle mura di Asciano 2. 1 Ipotesi di sviluppo delle fasi costruttive Note bibliografiche Conclusioni 137 Ringraziamenti 138 BIBLIOGRAFIA 139 ELABORATI GRAFICI Tavole Storiche TAV_1 TAV_2 Indagine storico - cartografica Analisi della cinta muraria Tavole di Rilievo Metrico e Restituzione Grafica TAV_3 Rilievo metrico: aspetti metodologici TAV_4 Restituzione grafica: aspetti metodologici TAV_5 Rilievo metrico: pianta, prospetti e sezioni TAV_6 Restituzione vettoriale: sviluppo attraverso l’uso dei fotopiani 4
  7. 7. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Indice TAV_7 Restituzione vettoriale: sviluppo attraverso l’uso dei fotopiani Tavola di Rilievo GPS TAV_8 GPS: Georeferenziazione del rilievo Tavole di Rilievo Stratigrafico TAV_9 Rilievo stratigrafico della Porta del Bianchi (CF1) TAV_10 Rilievo stratigrafico del tratto di mura M1 (CF2) e del sedime della cinta muraria (CF7) TAV_11 Rilievo stratigrafico della Torre T1 (CF3) TAV_12 Rilievo stratigrafico del tratto di mura M2 (CF4) TAV_13 Rilievo stratigrafico del tratto di mura M2 (CF5) TAV_14 Rilievo stratigrafico della Torre delle Vallesi (CF6) TAV_15 Analisi stratigrafica: fasi costruttive TAV_16 Analisi stratigrafica: fasi costruttive TAV_17 Rilievo del degrado: esemplificazione 5
  8. 8. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE INDAGINE STORICO - CARTOGRAFICA 6
  9. 9. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE 1 Indagine storico-cartografica a 1. Introduzione Asciano, piccolo paese toscano a sud-est di Siena nell’alta valle del fiume Ombrone, si trova al centro del sistema delle note crete senesi, rappresentate da caratteristiche ondulazioni del terreno di natura calcarea, incise da profonde erosioni e marcate dalla quasi totale assenza di zone alberate. Cambiano colore (dal viola, all’oro, al bianco) secondo le stagioni e sono quanto rimane dei fondali di un mare poco profondo, assente ormai da un milione di anni. L’illustre storico ascianese, Renato Lucatti, autore di numerosi libri e racconti storici sul proprio paese natale, descrive il luogo come « [...] un luogo fertilissimo dalle colture varie e dai raccolti abbondanti. Era l’ambiente naturale per la coltivazione della vite e dell’ulivo, dei cereali e delle piante foraggiere. Gli etruschi, oltre che coltivare i campi pascolavano gregge e mandrie. Fonti di ricchezza erano le numerose sorgenti che rendevano ospitale la zona. La produzione agricola e l’allevamento sopperivano largamente alle necessità quotidiane della vita. Il commercio era intenso. Nel cuore di quella pianura feconda, gli etruschi scavavano i pozzi per irrigare il terreno e per abbeverare gli animali, lavoravano il travertino che affiorava sul suolo, modellavano l’argilla per realizzare vasi [...] » b. 1_ Le crete senesi 2. Documentazione storica 2.1 Il nome La nascita del nome di Asciano è intimamente connessa alle origini della città di Siena. La leggenda racconta che gli epici fratelli Senio e Aschio, figli di Remo, per liberarsi dei soprusi dello zio Romolo, divenuto re di Roma dopo aver commissionato la morte del fratello, si accamparono l’uno lungo gli argini del torrente Tressa e l’altro sulla sponda sinistra del nascente fiume Ombrone. Dal consolidamento dei due nuovi villaggi, dopo lunghe lotte con gli Etruschi, si sarebbero originate Siena, fondata da Senio, ed Asciano, la città di Aschio. 2.2 La nascita del borgo cittadino Il territorio di Axianum, prima di diventare una colonia romana, fu sede di numerose comunità etrusche. Sicuramente fin dal VII secolo a. C. le più cospicue furono quelle degli Hepni e dei Marcni che avevano stabilito la loro dimora sotto i colli del Lecceto accanto ai molti gruppi etnici dell’Etruria centrale. Significative in proposito sono le documentazioni offerte dai reperti della 7
  10. 10. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE necropoli di Poggio Pinci e del tumulo del Mulinello, sul versante occidentale del Lecceto. Il tumulo del Mulinello, appartenente alla famiglia dei Marconi e risalente ai secoli VII - VI a. C., è costituito da tombe a camera. I reperti rinvenuti sono momentaneamente depositati presso la Soprintendenza Archeologica di Firenze, in attesa di essere raccolti nel Palazzo Corboli unitamente a quelli della necropoli di Poggio Pinci. La struttura classica dell’impianto funerario è costituita da grosse pietre parallelepipedi ricavate dai giacimenti locali di travertino. La sepoltura è particolarmente interessante non solo sotto il profilo storico, ma anche per conoscere la posizione di questi primi insediamenti etruschi rispetto al paese. Favorevole all’insediamento umano era la posizione del grande praedium, un’area ben definita sotto il profilo geografico: dalle sorgenti a monte del torrente Asso (tributario dell’Orcia), alla sponda sinistra del fiume Ombrone, tagliata longitudinalmente dal pigro borro della Copra a meridione e dal corso del Bèstina a settentrione. L’impianto di colonie romane nel latifondo di Asciano avvenne intorno agli anni 83 – 80 a. C. quando gli Etruschi furono costretti a cedere i loro territori alla Roma repubblicana. Nella prima età imperiale, Asciano scrisse le sue pagine di storia con i rosoni e gli stelloni policromi di un pavimento a mosaico, insieme testimonianza storica e opera d’arte. Il mosaico, grande circa 180 mq, situato sopra la valle del fiume Lama dove il torrente Bèstina termina in una cascata, apparteneva ad un’antica villa patrizia romana (probabilmente primo edificio di uno stabilimento termale alimentato dalle acque calcaree e solforose del Bèstina), costruita da Gneo Domizio Afro per far parte del patrimonio privato dell’imperatore Marco Aurelio. La proprietà è documentata da un’iscrizione sul mosaico tramite un bollo rotondo di fabbrica riportante l’iscrizione “Domitiorum”. Fu scoperto nel 1899, seminterrato nell’orto della famiglia Francini Naldi, presso l’attuale via del Canto, restaurato nel ventennio successivo e consolidato recentemente. Decorato con tessere musive policrome importate e molto pregiate, echeggianti il lavoro di una elegante e raffinata tarsia, si compone di motivi floreali associati a figure geometriche: stelloni a otto punte, rosoni disposti a raggiera, trecce, ovuli, scacchi, alternati con foglie dentate disposte a croce. Il primo nucleo abitato di Asciano si insediò nei dintorni di questa antica villa, laddove erano situate le dimore dei servitori e le capanne dei servi della gleba. Capitolo I Indagine storico - cartografica 2_ Necropoli etrusca di Poggio Pinci sul versante occidentale del Lecceto. 2_ Pavimento mosaicato dell’antica villa patrizia romana costruita dai Domizi. 2.3 L’evoluzione storica dell’insediamento Nel periodo longobardo (dal 568 al 774), la comunità ascianese, divenne una curtis regia cingendosi di mura e fortificazioni di difesa del castello. E’ possibile dedurre dai dati in nostro possesso che il borgo cittadino assunse una tale rilevanza sociale e militare da necessitare di un’adeguata protezione e richiedere l’edificazione di una autonoma cinta muraria. E’ questa la I cerchia muraria attribuibile all’abitato di Ascianoc. Di tale originaria cerchia gli studiosi sono concordi nel sostenere che non si conserva alcun resto visibile nelle attuali strutture cittadine. Al 715 risale la contesa tra i vescovi di Siena e di Arezzo per il possesso di alcune pievi, tra cui la chiesa romanica di S. Agata 8
  11. 11. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica ad Asciano. Nel IX secolo, in età carolingia (dal 774 al 1000) il paese era feudo dei conti Cacciaconti, che proprio da Assìanum (o Scanum o Scianum o Sciano), il centro più importante dei loro possedimenti, presero il nome di Scialenghi. Nel 1168 passò sotto il dominio di Siena, che ne fece sede di vicariato. Nel 1174 i fiorentini, mentre tentavano di portare rifornimenti a Montalcino, si scontrarono con i senesi presso Asciano e li sconfissero. Gli ascianesi, desiderosi di recuperare le proprie terre, combatterono contro i senesi e rimasero sotto la protezione dei fiorentini fino all’anno 1176. Successivamente, non potendo ottenere sufficienti garanzie di protezione dalla lontana città fiorentina, furono costretti a trovare un accordo con Siena, promettendo di demolire le fortificazioni e di riconsegnare le armi che, gli stessi senesi, avevano perduto il giorno della vittoria fiorentina ad Asciano. L’importanza economica e strategica del paese favorì nuovamente l’interesse dei fiorentini che, nel 1234, lo devastarono. La rocca fortificata di Asciano fu distrutta, insieme alle prima mura cittadined, segno di rivalsa di Firenze contro i continui rifiuti di protezione di Asciano. A Montaperti, il 4 Settembre 1260, i senesi e i fiorentini si affrontarono in una delle più cruente battaglie del Medioevo. L’esercito fiorentino disponeva di 35.000 uomini, mentre i senesi contavano circa 20.000 soldati compresi gli alleati. I motivi per cui le due città si affrontarono sono legati a fattori economici. Firenze, comune in espansione, avendo ottenuto l’egemonia nei confronti delle città vicine, cercava di assoggettare anche Pisa e Siena. Alcuni si ritirarono, altri si arresero, ma gli ordini erano precisi: nessuno doveva essere risparmiato, così iniziò una carneficina. Un gruppo di aretini, lucchesi, sangimignanesi, pratesi, pistoiesi e orvietani si rifugiò nel Castello di Montaperti. Chi rimase fuori fu trucidato e i combattimenti furono talmente violenti da sembrare che scorresse sangue nei fiumi, come scrisse un contemporaneo: 3_ Facciata della pieve di S. Agata 4_ Veduta della navata della pieve di S. Agata. « [...] Tutte le strade e’ poggi, e ogni rigo d’acqua pareva un grosso fiume di sangue [...] » e come riporterà Dante Alighieri nell’inferno: « [...] Lo strazio e il grande scempio che fece l’Arbia colorata in rosso, tal orazion fa far nel nostro tempio [...] » e poi ancora « [...] Se tu non vieni a crescer la vendetta di Monteaperti, perchè mi molesti? [...] » e. Lo scontro si concluse con un successo imprevedibile per i ghibellini, caddero sul campo circa 18.000 fiorentini e meno di 1.000 senesi. Alla fine, visto il valore e la fedeltà con le quali Asciano si distinse nel combattimento, nacque l’appellativo di garbati ascianesi o Paese del Garbo. Nel 1403 fu confermata loro la cittadinanza senese attraverso un provvedimento che recitava « […] gli uomini di Asciano, sia maschi che femmine, nati e che da loro nasceranno, siano veri cittadini senesi, e debbano essere trattati come veri e legittimi cittadini, come se fossero in tutto originari della città […] ». L’epiteto venne aggiunto come nota distintiva a tutto ciò facesse 9
  12. 12. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica parte della comunità di Asciano. I senesi, per evitare nuovi attacchi nemici fecero costruire nuove mura di cinta (II cerchia muraria). Assoggettato alla signoria dei Tolomei nel corso del XIII secolo, Asciano si arricchì dell’abbazia benedettina di Monte Oliveto Maggiore, fondata nel 1313 da Bernardo Tolomei, che rappresentò un importante centro religioso, culturale ed economico, diventando particolarmente nota e vitale nel periodo rinascimentale. Nel decennio 1342 – 1352 f i senesi ampliarono la vecchia cinta muraria (III cerchia muraria, unica conservata). Nel 1449 una petizione popolare cittadina denuncia le condizioni precarie della cinta muraria, ormai vecchia e malridotta a causa di un recente terremoto g. Alcune fonti ricordano che furono compiute le opere necessarie a ripristinare ed accrescere le mura di cinta h: la Porta Senese, già esistente, fu restaurata assumendo la nuova denominazionei di Porta del Bianchi. Nel 1528, per volere dello Stato senese, il celebre architetto Baldassare Peruzzi, esperto in fortificazioni militari, fu incaricato del restauro e del miglioramento della cinta muraria di Asciano, come testimoniato da una lettera di Ansano Biringucci del 24 maggio 1528 alla Balìaj (figura 6). Nel 1555, Asciano passò sotto il Principato Mediceo adornandosi del loro stemma sulla Porta del Bianchi. Fu in questo periodo che gli ascianesi ricostruirono il loro paese dalle fondamenta e ristabilirono i loro antichi e floridi commerci: allevamento del bestiame (ovini e suini); attività agricole produttrici di cereali, foraggi, zafferano e patate; viti, olivi, gelsi e alberi da frutto; manifattura tessile per la lavorazione della seta e per le tintorie; fornaci di terraglie e maioliche, esportate poi a Firenze e ad Arezzo. Nel 1676, il giudice Bartolomeo Gherardini, auditore della rota di Siena, facendo visita ad Asciano disse: « […] è cinta di mura co’ suoi merli e torri in proporzionata distanza, tutte di pietra e un terzo d’esse sono doppiek dalla parte verso il Convento de’ Francescani. Quattro sono le porte, una a levante verso la Valdichiana, altra a ponente verso la città di Siena, altra a tramontana e altra a mezzogiorno. La figura d’essa è assai più lunga che larga, tutta mattonata, da una porta all’altra» l. Le quattro porte erano, rispettivamente: 1. Porta Massini o di Sant’Agata o Porta Maggiorem; 2. Porta Senese o del Bianchin; 3. Porta Orientaleo per Rapolano prospiciente la cascata della Lama; 4. Porta Occidentale o Porta del Comunep per Buonconvento, presso il ponte della Copra. Tuttavia esisteva una quinta porta, Porta della Fonte o Porticciola, appartenente al perimetro delle mura trecentesche. Era un piccolo accesso secondario al borgo medievale, aperto in prossimità di una vicina fonte, in direzione di un podere Vallidoli e di un sentiero che portava al convento di San Francesco. Le sue ridotte dimensioni le fecero assumere l’appellativo di Porticciola (demolita tra il 1676 e il 1813). 5_ Abbazia benedettina di Monte Oliveto Maggiore 6_ ASS, Balìa 574, cc. 34r-39v, lettera di Ansano Biringucci alla Balìa (24 maggio 1528). Il Biringucci chiede, sulle opere da realizzare ad Asciano, un ‘disegno esplicativo’ al celebre architetto Baldassare Peruzzi. Dopo un lungo silenzio documentario, torniamo ad avere nuove 10
  13. 13. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica notizie di Asciano nel 1813q. Il processo di degrado iniziato in precedenza si accentua e le mura, ormai persa del tutto la loro originaria funzione, passano in possesso di cittadini privati, ai quali appartenevano i terreni su cui si attestavano. Nascono infatti intorno a tale data le prime richieste di demolizione di tratti di mura ormai fatiscenti (figura 7) e delle porte d’ingresso alla città. Un esempio di richiesta di demolizione è quello della Porta del Bianchir (figure 8 e 9) chiesta allo scopo di rendere più salubre l’aria del paese e di agevolare il passo a chi doveva entrare in città. 7_ ACA, 471, Edifici ed opere pubbliche (1859-1890), Rapporto sullo stato delle Mura Castellane di Asciano, 9 maggio 1869. Relazione inviata dall’ingegnere Lorenzo Pini al sig. Cavaliere Sindaco di Asciano. Tale rapporto ci indica come, a quella data, l’antica cinta muraria cittadina fosse già in avanzato stato di degrado. 8_ ACA, 471, Edifici ed opere pubbliche (1859-1890), comune di Asciano, processo verbale dell’adunanza straordinaria tenuta dal Consiglio, 29 dicembre 1868. Il Cav. Carlo Bianchi Bandinelli presenta un progetto per la demolizione della Porta Senese, a sue spese, e chiede il riutilizzo privato del materiale ricavato da questa demolizione. A tali richieste, ostacolate in un primo tempo dall’amministrazione pubblica, seguirono poi le pressanti esigenze di espansione edilizia cittadina dovuta all’inurbamento verificatosi anche ad Asciano tra la fine del XIX secolo e gli inizi del XX secolos. Fenomeno che portò in breve tempo alla reale scomparsa dell’unitarietà 11
  14. 14. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica della cinta muraria cittadina fino ad allora conservatasi, come si può riscontrare dalla mappa d’impianto del catasto generale toscano relativa alla comunità di Asciano datata 1813. 9_ ACA, 471, Edifici ed opere pubbliche (18591890), Rapporto sulla Barriera alla Porta Bianchi e Tavole grafiche allegate, 15 ottobre 1868. Lettera inviata ai sig.ri Nannini e Doganelli del Consiglio municipale di Asciano. Il progetto non fu nè approvato nè realizzato. Da tale data in poi si inizia con il costruire fabbricati là dove alle mura erano già addossati piccoli edifici, per poi edificare nuove costruzioni in appoggio alla cinta, e infine con il demolirne altri tratti ormai fatiscenti, fino a ridurli a poco più che muri di contenimento. Progressivamente scompaiono anche le porte secondarie sul lato sud-ovest, la Porta del Comunet e la Porta della Fonteu e al loro posto rimangono grandi slarghi per consentire l’accesso stradale all’interno del borgo antico. L’ultima guerra mondiale distrusse le mura su piazza regina Elena e l’antica Porta Maggiore (figura 10). Anche la Porta del Bianchiv fu danneggiata e fu demolito il camminamento sull’attuale giardino ornamentale. 10_ ACA, X. A. 13, Lavori pubblici, (1944-1947), comune di Asciano, ufficio tecnico. Relazione dell’ingegnere Rodolfo Palagi al presidente del comitato di liberazione, 28 agosto 1944. Riassunto dei lavori eseguiti ad economia dal comune e delle spese per danni di guerra sostenute dal 3 luglio 1944 al 28 agosto 1944. Da questa perizia si ha conferma della definitiva demolizione dell’antica Porta Maggiore o Massini. Verbale di deliberazione del Commissario prefettizio, 7 settembre 1944. Ripristino opere pubbliche danneggiate da azioni belliche. Le mura castellane oggi superstiti sono quelle costruite nel decennio 1342 – 1352 come si legge da una targa apposta sulle stesse mura accanto alla Porta Senese. 12
  15. 15. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 2.4 L’emblema Asciano, unita alla città di Siena nel bene e nel male, volle associare il suo stemma a quello senese rappresentato dalla Balzana, lo scudo nero e argenteo. Questa immagine è ancora oggi scolpita sulle restanti costruzioni medievali di Asciano, insieme a quella ascianese rappresentata da « […] una zampa recisa di leone (simbolo della forza), che afferra il manico di un’ascia. […] La comunità di Asciano, quindi, scegliendo per suo stemma la figura dell’ascia (e, per di più, dell’ascia afferrata da una zampa di leone), intendeva mostrare il coraggio aperto e generoso per “vincere” contro ogni forma di violenza e di sopraffazione: il “potere” che trae vantaggio dalla difesa, ma non dall’offesa […]»w. Asciano, infatti, difendeva la propria libertà e si mostrava orgoglioso delle sue origini e del suo territorio. 3. Documentazione cartografica Le carte del catasto generale toscano conservate presso l’Archivio di Stato di Siena, danno la possibilità di ricostruire pressoché in dettaglio l’antico andamento della cerchia muraria cittadina, corrispondente all’ultimo ampliamento trecentesco. 11_ ASS, Mappa del catasto toscano, Sezione R detta della Ville di Asciano, foglio Unico n. 34, anno 1813. Periodo francese, la nomenclatura è totalmente in lingua francese. Il rilievo dell’antico borgo (figura 11), effettuato nel 1813 dagli ufficiali francesi appartenenti alle truppe napoleoniche, e una mappa catastale databile al 1830-1832 ca. (figura 12), riportano anche le mura castellane allora presenti. Il confronto tra le due carte di rilievo, tra le successive variazioni geometriche contenute nei relativi cartoncini della sezione R e tra le altre due carte degli inizi del XX secolo (figure 13 e 14), ci consente di documentare in dettaglio con fonti cartografiche e iconografiche le modifiche avvenute alle mura da quella data sino ad oggi. 13
  16. 16. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 12_ ASS, Mappe del catasto italiano, Sezione R detta della Terra di Asciano, foglio Unico n. 82, s.d. (anno 1830-1832 ca. ). 13_ ASS, Mappe del XX secolo, Sezione R detta del Paese di Asciano, foglio Unico n. 100, anno 1903. 14_ ASS, Mappe del XX secolo, Sezione R detta del Paese di Asciano, foglio Unico n. 101, anno 1903. 14
  17. 17. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 3.1 Documentazione cartografica storica dal 1813 al 1894 15_ La planimetria di base è fornita dalla mappa di impianto del Catasto Generale Toscano della Comunità di Asciano, Archivio di Stato di Siena, Mappe del catasto italiano, Sezione R detta della Terra di Asciano, foglio Unico n. 82, s.d. (anno 1830-32 ca.). E’ stata realizzata usando un precedente rilievo, risalente al periodo fracese, datato 1813, cfr. Archivio di Stato di Siena, Mappe del catasto italiano, Sezione R detta della Ville di Asciano, foglio Unico n. 34, anno 1813 (periodo francese, la nomenclatura è totalmente in lingua francese). Originali in scala 1:1250. Cinta muraria Aree di riferimento dei disegni presenti nei cartoncini di trascrizione delle modificazioni Le sigle a lato della cartografia, con numero ed anno, si riferiscono a riproduzioni parziali dei cartoncini contenenti le correzioni geometriche rispetto alla mappa di impianto. E’ leggibile la posizione della cinta muraria (evidenziata in rosso) e il tipo di modificazione. Attraverso la consultazione delle fonti bibliografiche ed il confronto delle cartografie francesi che documentano la crescita e le trasformazioni urbane tra il 1813 ed il 1903 è stato possibile ricostruire la perimetrazione della cerchia muraria ed il posizionamento degli elementi significativi, quali torri e porte, e le relative trasformazioni. La cartografia del 1813 mostra come la cortina muraria, completa e ben chiusa nel 1676x, come possiamo dedurre dalla parole del Gherardini durante la sua visita ad Asciano, è sostanzialmente modificata. Numerosi tratti delle mura del lato est, compresa la Porta Orientale, sono distrutti o crollati, probabilmente per carenza di manutenzione, essendo questo lato già “difeso” dalla conformazione orografica ripida sul costone roccioso. Le ampie lacune oggi presenti sono dunque da riferirsi in parte a ciò che avvenne tra il 1676 e il 1813, e in parte al periodo successivo al 1813, nel quale il progressivo degrado dell’intera cinta muraria ebbe come risultato, nel lato ad est, la completa scomparsa anche dei resti allora presenti. La conformazione orografica del terreno, con le sistemazioni a terrazzamenti sulla ripida scarpata che scende al torrente Bèstina, conferma l’ipotesi di un andamento della cerchia muraria pressappoco corrispondente al percorso di via dei Mulini. Al 1813 sono due i tratti nei quali osserviamo le lacune: 1. Il primo sul retro della Collegiata in corrispondenza del vecchio camposanto. Si suppone sia andato perso addirittura in epoca antica, attorno al XVI-XVII secolo, in concomitanza con l’esigenza di abbattere tale confine per ampliare il vecchio cimitero verso (10) n. 30 del 1894 ASS, Cartoncini, Sezione R, 30, stato dei cambiamenti 119, anno 1894: Le mura a nord nel tratto in cui la vallecola del Bèstina si apre a occidente. 15
  18. 18. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE l’esterno. 2. Il secondo, di maggiori dimensioni, nei pressi dell’antica Porta Orientale. E’ presumibile sia andato perso nel periodo successivo al 1676, quando divennero prevalenti le esigenze di sfruttare al meglio il sistema delle acque del vicino torrente Bèstina e migliorare la produzione dei molti mulini vicini. Risultano, invece, ancora presenti molti elementi significativi quali le torri di guardia e le quattro Porte sull’attuale via delle Fonti, Porta del Bianchi, Porta del Comune, Porta della Fonte e Porta Massini. I cartoncini della Sezione R dell’Archivio di Stato di Siena evidenziano: a. la presenza della Porta occidentale, o Porta del Comune, fino al 1884 (1), (8); b. l’integrità delle mura nel tratto a nord della Porta Senese, o del Bianchi, fino al 1847 (2); c. l’innesto delle mura con il Palazzo del Podestà e la cortina edilizia interna distaccata (3); d. l’edificazione del complesso della Collegiata in aderenza alle mura (6); e. la costruzione del bacino di accumulo delle acque per l’alimentazione dei mulini (7); f. la demolizione della Porta delle Fonti, o Porticciola, e delle mura ad essa adiacenti (9); g. la completezza delle mura nel tratto nord (10); h. la costruzione di un edificio civile addossato alle mura (4); i. la realizzazione della tombatura del fosso di collegamento tra le Fonti e la Copra (5);zione della tombatura del fosso che dalle Fonti prosegue Capitolo I Indagine storico - cartografica (1) n. 4 del 1844 ASS, Cartoncini, Sezione R, 4, arroto 13, anno 1844: La Porta Occidentale o Porta del Comune nel 1844. (8) n. 24 del 1884 ASS, Cartoncini, Sezione R, 24, stato dei cambiamenti 8, anno 1884: La Porta del Comune ancora esistente al 1884. (2) n. 7 del 1847 ASS, Cartoncini, Sezione R, 7, arroto 42, anno 1847: Le mura nel tratto a nord della Porta Senese o del Bianchi nel 1847. (3) n. 8 del 1848 ASS, Cartoncini, Sezione R, 8, arroto 5, anno 1848: Le mura all’innesto con il Palazzo del Podestà e la cortina edilizia interna distaccata. nella Copra (5). (5) n. 18 del 1871 ASS, Cartoncini, Sezione R, 18, arroti 1, 5 e 6, anno 1871: Tombatura del fosso che dalle Fonti si buttava nella Copra ed acquisizione pubblica di aree nei pressi del Palazzo del Podestà. (4) n. 15 del 1864 ASS, Cartoncini, Sezione R, 15, arroto 31, anno 1864: Costruzione di edificio civile addossato alle mura (figura in basso). (6) n. 20 del 1876 ASS, Cartoncini, Sezione R, 20, stato dei cambiamenti 83, anno 1876: Edificazione in aderenza alle mura a nord del complesso della Collegiata. (7) n. 23 del 1882 ASS, Cartoncini, Sezione R, 23, stato dei cambiamenti 22, anno 1882: Costruzione di bacino di accumulo di acqua per l’alimentazione dei mulini. (9) n. 29 del 1890 ASS, Cartoncini, Sezione R, 29, stato dei cambiamenti 37, anno 1890: Demolizione delle mura presso la Porticciola o Porta delle Fonti. 16
  19. 19. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 3.2 Documentazione cartografica storica dal 1903 al 1932 16_ La planimetria di base è fornita dalle mappe del XX secolo, Sezione R detta del Paese di Asciano, foglio Unico n. 101, (anno 1903). Originali in scala 1:1250. Cinta muraria Aree di riferimento dei disegni presenti nei cartoncini di trascrizione delle modificazioni Le sigle a lato della cartografia, con numero ed anno, si riferiscono a riproduzioni parziali dei cartoncini contenenti le correzioni geometriche rispetto alla mappa di impianto. E’ leggibile la posizione della cinta muraria (evidenziata in rosso) e il tipo di modificazione. La cartografia del 1903 evidenzia le trasformazioni subìte dalla cerchia muraria rispetto alla cartografia del 1813: a. la demolizione della Porta del Comune, e delle mura ad essa adiacenti, tra il 1884 ed il 1903 quando furono realizzati i lavatoi comunali (figura 17); b. la torre di guardia, posizionata sulla cortina muraria sul lato nord-ovest accanto alla Porta del Bianchi, presente nella cartografia del 1813, è stata sostituita tra il 1830 ed il 1903 con un edificio privato in stile neoclassico; 17_ Edificio dei lavatoi comunali costruito tra il 1884 ed il 1903. c. il tratto di mura verso l’antica Porta della Fonte, demolita nel 1890, è stato considerevolmente ridotto nell’altezza, fino a diventare poco più che un muro di contenimento del terrapieno per gli orti posti entro le mura, al livello superiore (figura 18). In questa porzione della cinta muraria la tombatura del canale verso la Fonte, realizzata nel 1871, aveva creato sottomura una fascia unitaria a verde, che esaltava e valorizzava la presenza della pur modesta porzione di mura residue (3). La successiva frammentazione di questo spazio, frazionato con la creazione di piccoli orti privati (4), ha invece compromesso l’integrità e la conservazione degli elementi storici ancora presenti; (4) n. 33 del 1926 ASS, Tipi di frazionamento, Sezione R, 33, anno 1926: Il tratto di mura risulta ancora continuo; si nota (cerchiata) la tombatura di un fosso per la realizzazione di un accesso alla strada. d. le mura nella parte orientale scompaiono a seguito di lavori edilizi di ristrutturazione ed ampliamento (1); I cartoncini della sezione R dell’Archivio di Stato di Siena mettono in evidenza alcune fasce inalterate della cerchia muraria rispetto 18_ Vista del terrapieno frazionato sovrastante le mura ridotte a muro di contenimento. 17
  20. 20. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica alla cartografia del 1813: a. presso la ex porta delle Fonti (2); b. ad ovest della Porta del Bianchi (6); c. in adiacenza alla Porta Massini (5); (1) n. 33 del 1914 ASS, Cartoncini, Sezione R, 33, anno 1914: Le mura scompaiono a seguito di lavori edilizi di ristrutturazione e ampliamento. (3) volt. n. 87 del 1925 ASS, Tipi di frazionamento, Sezione R, voltura n. 87 del 1925: Le proprietà lungo le mura al di fuori della cerchia risultano ancora poco parcellizzate. (2) n. 34 del 1923 ASS, Cartoncini, Sezione R, 34, anno 1923: La situazione delle mura presso la ex Porta delle Fonti. (6) n. 37 del 1932 ASS, Cartoncini, Sezione R, 37, anno 1932: Le mura ad ovest presso la Porta del Bianchi. (5) n. 39 del 1931 ASS, Cartoncini, Sezione R, 35, anno 1931: La consistenza del complesso della Porta Massini. 18
  21. 21. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 3.3 Documentazione cartografica a confronto: analisi dello sviluppo del centro storico 19_ La tavola è ottenuta mediante la sovrapposizione delle carte storiche del 1813, del 1830 ca. e del 1903. Archivio di Stato di Siena: a) Mappe del catasto toscano, Sezione R detta della Ville di Asciano, foglio Unico n. 34, anno 1813. Periodo francese, la nomenclatura è totalmente in lingua francese; b) Mappe del catasto italiano, Sezione R detta della Terra di Asciano, foglio Unico n. 82, s.d. (anno 1830-1832 ca.); c) Mappe del XX secolo, Sezione R detta del Paese di Asciano, foglio Unico n. 100, anno 1903; d) Mappe del XX secolo, Sezione R detta del Paese di Asciano, foglio Unico n. 101, anno 1903. Isolati ed edifici antecedenti al 1813 Isolati ed edifici costruiti tra il 1830 e il 1903 _______ _ _ Isolati ed edifici costruiti tra il 1813 e il 1830 Isolati ed edifici posteriori al 1903 Tratti di cinta muraria esistenti _ Tratti di cinta muraria scomparsi (storicamente documentati) - - - - - - Tratti di cinta muraria (presunti dall’analisi) La sovrapposizione delle cartografie storiche del 1813 e del 1903, con le relative correzioni geometriche fornite dai cartoncini della sezione R dell’Archivio di Stato di Siena, fornisce un quadro completo dell’evoluzione dell’insediamento urbano. Sono ancora visibili all’occhio del comune osservatore le tracce delle antiche sette torri di guardia. Alcune, di forma quadrata o rettangolare, si sono conservate pressoché intatte, come la Torre delle Vallesiy (figura 20); altre sono inglobate ormai da secoli in edifici destinati ad altro uso come il Palazzo del Podestàz e la Cappella del Sacro Chiodoaa (figura 21). Numerose le demolizioni dei tratti di cinta muraria e le sue superfetazioni come dimostrano i cartoncini relativi alle correzioni geometriche delle mappe d’impianto del catasto generale toscano della comunità ascianese, di datazione compresa tra il 1830-1832 ca. e il 1945 ab: a. il tratto di mura, tra la Torre delle Vallesi e l’edificio dei lavatoi comunali ha subito gravi trasformazioni per la realizzazione di un edificio, intorno al 1960, che ha utilizzato le mura come appoggio; scomparsi 20_ Torre delle Vallesi 21_ Cappella del Sacro Chiodo b. l’edificio accanto al Palazzo del Podestà, costruito intorno al 1960, copre completamente la visuale sulla cinta muraria (figura 22) mentre, di seguito, una palazzina a tre piani è stata costruita demolendo un tratto delle antiche mura. Questa mancanza di attenzione e sensibilità nelle edificazioni ha compromesso in maniera sensibile la percezione e la riconoscibilità delle caratteristiche della cortina muraria; c. la torre, posizionata a sud, sull’attuale giardino ornamentale 19
  22. 22. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE sottomura, nella cartografia fino al 1903 ha un ingombro planimetrico ben diverso dall’attuale, segno di un evidente demolizione e rimaneggiamento successivo; anche le mura in questo tratto sono individuate in cartografia con un doppio segno, forse ad indicare una parte dell’antico camminamento; d. il Palazzo del Podestà (figura 23), antico baluardo della cinta muraria, ridotto già nel 1500 alla metà della sua antica mole, è stato ampliato successivamente al 1903 con la costruzione di una porzione laterale, utilizzando materiali e finiture con caratteristiche molto diverse da quelle del manufatto originario. Sul lato esterno, verso Siena, è possibile leggere la tamponatura di un accesso, segno evidente della presenza del camminamento sulle mura che collegava le torri di guardia. Questo edificio, dall’aspetto imponente, con un poderoso sprone su roccia (figura 24) nel lato esterno alle mura, è una struttura così caratterizzata che, nonostante la presenza limitrofa degli edifici di moderna fattura, costituisce sicuramente un elemento rappresentativo nella storia dell’insediamento di Asciano; e. la parte orientale della città ha subito molte modifiche, posteriori al 1903, con la costruzione di nuovi edifici, strade ed attrezzature sportive, tanto che tutto il tratto di via Fiume ha un aspetto poco caratterizzato, con la convivenza di elementi eterogenei per stile e funzione. La cerchia muraria, presente solo in alcuni tratti già nella cartografia francese del 1813, ulteriormente ridotta per frazionamenti ed ampliamenti di edifici dopo il 1903, è caratterizzata da pochi resti, alcuni completamente avviluppati dalla vegetazione infestante che ne sta provocando ulteriori crolli; Capitolo I Indagine storico - cartografica 22_ Edificio costruito intorno al 1960, a ridosso delle mura a sud del Palazzo del Podestà, coprendone totalmente la visuale. 23_ Facciata del Palazzo del Podestà lungo la via delle Fonti. 24_ Basamento roccioso del Palazzo del Podestà. f. la piazza Regina Elena ha subìto notevoli manomissioni a seguito della demolizione, nel 1944, del baluardo che conteneva Porta Massini. Nella ricostruzione post bellica gli edifici hanno seguito il tracciato delle antiche mura, conservando nelle murature perimetrali i resti in pietra dell’antica Porta. L’edificio, sede della Cassa Rurale e Artigiana, è stato realizzato con caratteri architettonici moderni, con paramento murario rivestito di travertino. La Cappella del Sacro Chiodo, costruita sui resti del torrione angolare, baluardo difensivo della cinta muraria verso la Valdichiana, mostra le medesime dimensioni presenti nella cartografia del 1813. g. le mura a nord - est, ancora presenti a piccoli tratti in prossimità dei due mulini accanto alla chiesa di S. Agostino, versano in pessimo stato di manutenzione. Le strutture dei mulini, costruiti con poderosi cantonali in pietra, forse riutilizzando parte dei massi delle antiche mura, conservano la memoria di un’antica ecomia locale. Questa parte della città, pur non conservando testimonianze significative dell’antica cinta muraria, ha mantenuto nell’integrità della sua struttura dei caratteri estremamente significativi nella percezione degli spazi, negli scorci visuali, nell’articolato tessuto urbano del limitrofo centro storico. Da queste considerazioni appare evidente come la crescita urbana e lo sviluppo della città abbiano influito sulle modificazioni 20
  23. 23. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica delle mura cittadine, sia per la necessità di assecondare un bisogno di espansione del territorio residenziale anche all’esterno della cinta muraria, sia per un atteggiamento che portava a privilegiare il soddisfacimento delle esigenze abitative rispetto all’attenzione ai caratteri degli elementi architettonici, del loro pregio e della loro potenzialità riqualificativa della città stessa. Purtroppo in alcuni casi gli interventi hanno irreversibilmente pregiudicato i caratteri originari della cinta muraria; è di fondamentale importanza quindi individuare elementi di valore quali riferimenti percettivi e visuali di qualità per il recupero, la conservazione e conseguentemente per la valorizzazione della cinta muraria e della città di Asciano. 21
  24. 24. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4. Analisi degli elementi caratterizzanti la cinta muraria 25_ Classificazione degli elementi caratterizzanti la cinta muraria M Tratti di mura P Porte T Torri E Edifici _______ Tratti di cinta muraria esistenti _ _ Tratti di cinta muraria scomparsi _ (storicamente documentati) Tratti di cinta muraria - - - - - - (presunti dall’analisi) scomparsi I numeri attribuiti identificano le schede di analisi dei manufatti indicati nella cartografia. L’analisi della cinta muraria è stata sviluppata attraverso rilievi a vista ed indagini che hanno portato all’elaborazione di una serie di schede contenenti: a. l’ identificazione dell’oggetto di analisi attraverso una sigla di riferimento (P,T,E) e denominazione storica e/o di uso comune. b. la localizzazione dell’oggetto di analisi, con evidenziazione cromatica sulla planimetria di riferimento della Regione Toscana, che permette l’individuazione puntuale dell’oggetto di studio rispetto al contesto urbano in cui è inserito. c. le notizie storiche relative alla datazione dell’oggetto di analisi, con individuazione di eventuali interventi di consolidamento o trasformazione storicamente documentati. d. il rilievo geometrico di massima dell’oggetto di analisi al fine di quantificare, con un’accettabile approssimazione, le dimensioni dell’oggetto dello studio, sia nello sviluppo planimetrico che nelle altezze, evidenziando per gli edifici il numero dei piani fuori terra ed il tipo di copertura. e. la definizione della tecnologia costruttiva della tessitura muraria, delle caratteristiche dei materiali utilizzati, con individuazione degli interventi di rimaneggiamento e modificazione del paramento murario. Questi elementi permettono di individuare le caratteristiche storiche ed originarie dei manufatti ed evidenziare gli elementi estranei, per programmare interventi qualificati di recupero e restauro. 22
  25. 25. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.1 Porta Senese o del Bianchi (P1) La Porta Senese o del Bianchi, è l’unica porta rimasta delle cinque esistite lungo la cerchia di mura. Costruita in blocchi di travertino ben squadrati e mattoni, presenta elementi decorativi in laterizio (coronamento architravato con volute) e tre stemmi in pietra individuati dallo storico ascianese Renato Lucatti come gli stemmi della Balzana di Siena, della comunità di Asciano e della famiglia Bandinelli. Posta sul lato nord delle mura, sulla direttrice per Siena, la porta appartiene al perimetro della terza cerchia muraria costruita nel 1342-1352, probabilmente coincidente con il tracciato delle due precedenti cerchie fortificate cittadine (I cerchia, epoca longobarda - II cerchia, 1287). Il Manganelli afferma che fu costruita nel 1468aj; in realtà a tale data deve riferirsi il restauro della porta già esistente. Nel 1868 fu presentato un progetto per la demolizione della porta a spese di un privato cittadino (il cavaliere Carlo Bianchi Bandinelli, dal quale assunse l’appellativo). Il Bianchi chiese di utilizzare privatamente il materiale ricavato dalla demolizioneak, pratica di recupero probabilmente in uso per buona parte del materiale lapideo delle antiche mura. La porta fu seriamente danneggiata dall’esercito tedesco nel 1944. 26_ Inquadramento planimetrico. 27_ Prospetto della facciata interna alle mura. 28_ Rilievo a vista. L’impatto visivo della porta è limitato dalla presenza degli edifici costruiti sul lato esterno delle mura, il palazzotto in stile neoclassico sulla sinistra e la casa unifamiliare sulla destra per chi raggiunge Asciano da Siena; inoltre sul coronamento della porta era presente il camminamento ancora visibile nel successivo tratto di mura M1, che potrebbe essere ripristinato come simbolo e testimonianza delle strutture di fortificazione. Ai lati della Porta sono evidenti tracce di due aperture tamponate, probabilmente due nicchie semicircolari posizionate a destra e sinistra della porta per accesso alle feritoie. La tessitura muraria è a corsi orizzontali e paralleli con bozze di pietra di altezze diverse (filaretto); il coronamento è costituito da elementi decorativi con copertura in laterizio. 29_ Prospetto della facciata esterna alle mura. 30_ Particolare degli stemmi decorativi della porta: della Balzana di Siena, della comunità di Asciano e della famiglia Bandinelli. 23
  26. 26. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.2 Tratto di mura (M1) Il tratto di mura considerato appartiene alla terza cerchia muraria costruita nel decennio 1342-1352; probabilmente coincide con l’antico tracciato delle due precedenti cerchie fortificate cittadine (I cerchia, epoca longobarda - II cerchia, 1287). Tale tratto, compreso tra la Porta del Bianchi e la prima torre T1, è fiancheggiato da via della Peschiera sulla quale si apre un grande arco in mattoni di accesso allo spazio verde esterno lungo le mura. E’ caratterizzato dalla presenza di un camminamento sommitale (unico conservato), di collegamento tra la torre T1 e la porta P1, al quale si accede attraverso una piccola porta al primo piano della torre T1. 31_ Inquadramento planimetrico. la tessitura muraria è a corsi orizzontali e paralleli con bozze di pietra di altezze diverse (filaretto); tracce di intonaco sul paramento murario su via della Peschiera. Il coronamento è costituito dai resti del camminamento sulle mura. 32_ Prospetto esterno. 33_ Rilievo a vista. 34_ Prospetto interno. 24
  27. 27. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.3 Torre (T1) Prima torre lungo le mura a partire da nord, appartiene al perimetro della terza cerchia muraria, probabilmente coincide con l’antico tracciato delle due precedenti cerchie fortificate cittadine (I cerchia, epoca longobarda - II cerchia, 1287). Questo ci fa ipotizzare che la sua edificazione possa essere riferita ad opera dei senesi almeno al 1287, per evitare nuovi attacchi nemici. La torre conserva solo la parte inferiore dell’antica struttura poichè la parte superiore fu abbattuta da Cosimo I dei Medici nel 1555 per esigenze di controllo e sottomissione della comunità al nascente stato senese. A pianta rettangolare, vi si accede da via della Peschiera sulla quale presenta una grande apertura ad arco tamponata. Sui prospetti laterali si osservano due porte a livello del camminamento sulle mura; una tamponata verso sud dove il tratto di mura M2 è stato ridotto nella sua altezza, l’altra dà accesso al camminamento sul tratto di mura M1 verso la Porta del Bianchi.Presenza di una feritoia sul fronte sud. La tessitura muraria è a corsi orizzontali e paralleli con bozze di pietra di altezze diverse (filaretto); presenta cantonali in pietra. E stata pesantemente rimaneggiata con inserti in laterizio principalmente sui prospetti anteriore e posteriore. Si riscontrano tracce di intonaco sui prospetti. La copertura è a capanna con orditura in legno e manto di copertura in coppi di laterizio. 35_ Inquadramento planimetrico. 36_ Prospetto della facciata esterna alle mura. 37_ Rilievo a vista. 38_ Prospetto su via della Peschiera e sul lato sud con in evidenza l’apertura tamponata a livello del l’antico camminamento sommitale scomparso. 25
  28. 28. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.4 Tratto di mura (M2) Il tratto di mura considerato appartiene alla terza cerchia muraria costruita nel decennio 1342-1352; probabilmente, la porzione adiacente alla torre T1, prima di compiere una svolta ad angolo retto, coincide con l’antico tracciato delle due precedenti cerchie fortificate cittadine (I cerchia, epoca longobarda - II cerchia, 1287). Questa porzione muraria è stato fortemente rimaneggiato lungo via della Peschiera; già ridotta nella sua altezza in adiacenza alla torre T1 (doveva almeno arrivare al primo piano della torre come dimostra l’apertura tamponata), è stata ulteriormente abbassata e rettificata a cemento in modo incoerente. 39_ Inquadramento planimetrico. La tessitura muraria è a corsi orizzontali e paralleli con bozze di pietra di altezze diverse (filaretto); il coronamento è costituito da elementi di laterizio sul tratto di via della Peschiera. 40_ Prospetto interno. 41_ Rilievo a vista. 42_ Prospetto esterno. 26
  29. 29. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.5 Torre delle Vallesi (T2) Seconda torre lungo le mura a partire da nord, appartiene alla terza cerchia muraria, in corrispondenza del tracciato dove si presume sia stato il loro ultimo ampliamento e dunque edificata dal governo dei Nove nel corso del decennio 1342-1352. Era una tipica torre di guardia, avente funzione di piccolo baluardo difensivo contro le incursioni nemiche. Prende il nome dalla presenza nei suoi pressi, nei secoli XIII-XV, di una comunità di preti di religione valdese. Fu ridotta nella sua altezza per volere di Cosimo I dei Medici nel 1555. A pianta quadrata, è accessibile dal vicolo delle Vallesi. Presenta due grandi aperture ad arco tamponate al piano terra ed al primo piano, raggiungibile attraverso una scala in pietra realizzata sul sedime della cinta muraria. 43_ Inquadramento planimetrico. La tessitura muraria è a corsi orizzontali e paralleli con bozze di pietra di altezze diverse (filaretto); la copertura è piana con terrazza praticabile. E’ stata recentemente restaurata come evidenziano le stuccature a raso dei giunti tra le bozze di pietra. 44_ Prospetto esterno. 45_ Rilievo a vista. 46_ Prospetto interno suol vicolo delle Vallesi. 27
  30. 30. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.6 Palazzo del Podestà (T3) L’edificio fu costruito sui resti di uno dei più solidi baluardi della trecentesca cinta muraria. Più volte danneggiato dalle frequenti incursioni degli esrciti mercenari, già nel 1531 il palazzo era ridotto alle sue dimensioni attuali. La torre, sulla quale fu costruito, venne presumibilmente edificata nel corso del decennio 1342-1352 ad opera del governo dei Nove. L’edificio ha subito modifiche ed ampliamenti nel corso del XX secolo. Palazzo di Giustizia o del Podestà della comunità di Asciano, ha la facciata principale su via Bartolenga, con la base leggermente a scarpa e cartella superiore. Accoglie vari stemmi podestarili in pietra ed in terracotta invetriata dei secoli XV, XVI e XVII ed un piccolo arco a sesto acuto in pietra. La facciata posteriore presenta uno sprone nell’angolo sud-ovest e basamento in pietra. Fonti locali riferiscono che in passato l’edificio è stato utilizzato come sala da ballo e per proiezioni cinematografiche; ha avuto anche destinazione di granaio, coincidente con il toponimo della piazza su cui si affaccia. Adiacente all’edificio un passaggio voltato che conduce alla scalinata di collegamento tra piazza del Grano e via delle Fonti posta ad un livello inferiore (figura 50). 47_ Inquadramento planimetrico. 48_ Prospetto interno ed esterno. La tessitura muraria è a corsi orizzontali e paralleli con bozze di pietra di altezze diverse (filaretto); cantonali in pietra nel prospetto ovest sul quale si nota un evidente sopraelevazione; paramento murario rimaneggiato con inserti di laterizio. La copertura è a padiglione con manto di copertura in coppi e tegole di laterizio, gronda del fronte principale con pianelle in laterizio. 49_ Rilievo a vista. 50_ Scala di collegamento tra via Bartolenga e via delle Fonti. 28
  31. 31. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.7 Tratto di mura (M3) Il tratto di mura considerato appartiene alla terza cerchia muraria costruita nel decennio 1342-1352; probabilmente coincide con l’antico tracciato delle due precedenti cerchie fortificate cittadine (I cerchia, epoca longobarda - II cerchia, 1287). Posto a sud rispetto il Palazzo del Podestà, rimane per massima parte nascosto alla vista dalla presenza di un edificio residenziale costruito su via delle Fonti. Lungo il lato interno la presenza di uno spazio privato, recintato da un alto muro su via Bartolenga, rende la cinta muraria ugualmente inaccessibile alla vista. 51_ Inquadramento planimetrico. La tessitura muraria è a corsi orizzontali e paralleli con bozze di pietra di altezze diverse (filaretto); appare compromessa dalla presenza di molti inserti in mattoni e pietra; alla base sono evidenti affioramenti rocciosi. Il coronamento è costituito da elementi di laterizio. 52_ Prospetto interno su via Bartolenga. 53_ Rilievo a vista. 54_ Affioramento roccioso e prospetto esterno occultato dall’edificio costruito intorno al 1960. 29
  32. 32. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.8 Tratto di mura (M4) Il tratto di mura considerato appartiene alla terza cerchia muraria costruita nel decennio 1342-1352; probabilmente coincide con l’antico tracciato delle due precedenti cerchie fortificate cittadine (I cerchia, epoca longobarda - II cerchia, 1287). Posto a nord della quarta torre T4, risulta ridotto nella sua altezza. Funziona attualmente da muro di contenimento del terrapieno che si sviluppa sul lato interno delle mura ed è caratterizzato dalla presenza di orti privati coltivati sia sul terrapieno che nella fascia inferiore esterna lungo le mura. 55_ Inquadramento planimetrico. La tessitura muraria è a corsi orizzontali e paralleli con bozze di pietra di altezze diverse (filaretto), appare pesantemente rimaneggiata. Il coronamento è quasi inesistente, in parte costituito da elementi di laterizio 56_ Prospetto esterno su via delle Fonti. 57_ Rilievo a vista. 30
  33. 33. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.9 Tratto di mura (M5) Il tratto di mura considerato appartiene alla terza cerchia muraria costruita nel decennio 1342-1352; probabilmente coincide con l’antico tracciato delle due precedenti cerchie fortificate cittadine (I cerchia, epoca longobarda - II cerchia, 1287). Posto a nord della quarta torre T4, risulta ridotto nella sua altezza dalla sbrecciatura nella muratura delle torre. Funziona attualmente da muro di contenimento del terrapieno che si sviluppa sul lato interno delle mura ed è caratterizzato dalla presenza di orti privati coltivati sia sul terrapieno che nella fascia inferiore esterna lungo le mura. 58_ Inquadramento planimetrico. La tessitura muraria è a corsi orizzontali e paralleli con bozze di pietra di altezze diverse (filaretto); il coronamento è inesistente. 58_ Inquadramento planimetrico. 60_ Rilievo a vista. 31
  34. 34. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.10 Torre (T4) La torre appartiene alla terza cerchia muraria (1342-1352), in corrispondenza del tracciato dove si presume sia stato il loro ultimo ampliamento. Posta tra due aperture secondarie della cinta muraria, denominate Porta del Comune e Porta della Fonte, era una tipica torre di guardia avente la funzione di piccolo baluardo difensivo contro le incursioni nemiche. Nel 1555 fu mozzata per volere di Cosimo I dei Medici, accomunando la sua sorte a quella delle altre torri appartenenti alle mura. Ha la pianta pressoché rettangolare, il fronte esterno leggermente a cuneo con cantonali in pietra ed arciere archibugiere alla base. Sul prospetto nord-ovest presenta una grande apertura ad arco tamponata. Sul paramento laterale dei prospetti laterali è evidente la demolizione delle mura nella loro altezza originaria. 61_ Inquadramento planimetrico. La tessitura muraria è a corsi orizzontali e paralleli con bozze di pietra di altezze diverse (filaretto); la copertura è a due falde con manto di copertura in coppi e tegole di laterizio. 62_ Prospetto interno sugli orti privati. 63_ Rilievo a vista. 64_ Prospetto esterno su via delle Fonti. 32
  35. 35. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.11 Tratto di mura (M6) Il tratto di mura considerato appartiene alla terza cerchia muraria costruita nel decennio 1342-1352; probabilmente coincide con l’antico tracciato delle due precedenti cerchie fortificate cittadine (I cerchia, epoca longobarda - II cerchia, 1287). Posto a sud della quarta torre T4, risulta ridotto nella sua altezza dalla sbrecciatura nella muratura delle torre. Funziona attualmente da muro di contenimento del terrapieno che si sviluppa tra le mura e la via interna, con orti privati coltivati sia sul terrapieno che sulla fascia inferiore esterna lungo le mura. La cinta muraria continua nei seminterrati degli edifici realizzati in prossimità della Porta della Fonte demolita. 65_ Inquadramento planimetrico. La tessitura muraria è a corsi orizzontali e paralleli con bozze di pietra di altezze diverse (filaretto), molto compromessa da rattoppi ed integrazioni. Il coronamento è totalmente inesistente. 66_ Prospetto esterno lungo via delle Fonti. 67_ Rilievo a vista. 68_ Vista panoramica degli orti privati. 33
  36. 36. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.12 Edificio residenziale (E1) L’edificio è stato costruito tra il 1830 e il 1903, come emerge dal confronto delle relative cartografie storiche. L’edificio, localizzato accanto alla Porta della Fonte (demolita nel 1890), è caratterizzato da un prospetto con tessitura muraria a filaretto che potrebbe corrispondere all’antica cinta muraria essendo costruito in aderenza alla stessa. L’edificio, probabilmente, è stato ampliato in altezza come mostra la tessitura mista ed irregolare della parte sommitale. Il prospetto laterale lungo il vicolo del Bove è intonacato. La copertura è a capanna con manto di copertura in laterizio. 69_ Inquadramento planimetrico. 70_ Prospetto frontale 71_ Rilievo a vista. 72_ Prospetto laterale. 34
  37. 37. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.13 Torre (T5) La torre, costruita nel corso del decennio 1342-1352, aveva proporzioni regolari e funzione di piccolo avamposto difensivo contro le frequenti incursioni degli eserciti mercenari. Fu diminuita in altezza per ordine di Cosimo I dei Medici nel 1555, insieme alle altre torri della città per esigenze di controllo e sottomissione della comunità di Asciano. Non appare più come torre isolata in seguito alla costruzione di un edificio residenziale adiacente tra la seconda metà del XIX e gli inizi del XX secolo. Quinta torre lungo le mura a partire da nord, adiacente alla Porta della Fonte (demolita nel 1890). Ha pianta rettangolare e presenta un grande arco tamponato sul fronte nord, una feritoia sul fronte sud e una apertura tamponata sul fronte est che conduceva presumibilmente sul camminamento. Osserviamo una mancanza di ammorsamento tra la torre e il tratto di mura adiacente M7 e la presenza di cantonali in pietra indipendenti. Si nota anche una sopraelevazione dell’alloggiamento dell’orditura del solaio rispetto all’originario. La tessitura muraria è a corsi orizzontali e paralleli con bozze di pietra di altezze diverse (filaretto); ha cantonali in pietra su tutti e quattro gli angoli; evidente la sopraelevazione dalla tessitura. La copertura è a due falde con manto di copertura in coppi e tegole di laterizio. 73_ Inquadramento planimetrico. 74_ Prospetto frontale 75_ Rilievo a vista. 76_ Prospetto laterale. 35
  38. 38. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.14 Tratto di mura (M7) Il tratto di mura considerato appartiene alla terza cerchia muraria costruita nel decennio 1342-1352; probabilmente coincide con l’antico tracciato delle due precedenti cerchie fortificate cittadine (I cerchia, epoca longobarda - II cerchia, 1287). Compreso tra le torri T5 e T6, mostra in sopraelevazione un edificio residenziale con tessitura muraria in mattoni di laterizio non intonacati. La tessitura muraria è a corsi orizzontali e paralleli con bozze di pietra di altezze diverse (filaretto), presenza di buche pontaie nel paramento murario. Il coronamento è inesistente. 77_ Inquadramento planimetrico. 78_ Prospetto esterno sul giardino ornamentale 79_ Rilievo a vista. 80_ Edificio residenziale in mattoni costruito sulla sommità delle mura. 36
  39. 39. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.15 Torre (T6) La torre, posta nelle vicinanze della Porta Massini, demolita a seguito della seconda guerra mondiale, fu costruita nel corso del decennio 1342-1352. Fu diminuita in altezza per ordine di Cosimo I dei Medici nel 1555, insieme alle altre torri della città per esigenze di controllo e sottomissione della comunità di Asciano. Appare ridotta anche nelle dimensioni planimetriche rispetto a quelle verificabili sulla cartografia del 1813. A pianta rettangolare, di dimensioni piccolissime, ha l’accesso dal prospetto nord e presenta una feritoia sul lato ovest e un’apertura nel tratto di mura adiacente (M8) che permette di raggiungere un piccolo vano seminterrato sotto la torre. 81_ Inquadramento planimetrico. La tessitura muraria è a corsi orizzontali e paralleli con bozze di pietra di altezze diverse (filaretto), presenta cantonali in pietra su tutti gli angoli. La copertura è piana. 82_ Rilievo a vista. 83_ Prospetto frontale sul g i a r d i n o ornamentale. 37
  40. 40. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.16 Tratto di mura (M8) Il tratto di mura considerato appartiene alla terza cerchia muraria costruita nel decennio 1342-1352; probabilmente coincide con l’antico tracciato delle due precedenti cerchie fortificate cittadine (I cerchia, epoca longobarda - II cerchia, 1287). Posto ad est della torre T6, è caratterizzato da un percorso sommitale coltivato ad orto e delimitato da un doppio tratto di cinta muraria accessibile dalla via Bartolenga attraverso gli spazi di pertinenza degli edifici residenziali. Un’apertura sul lato esterno conduce ad un piccolo vano seminterrato. 84_ Inquadramento planimetrico. la tessitura muraria è a corsi orizzontali e paralleli con bozze di pietra di altezze diverse (filaretto); il coronamento è in mattoni posti di piatto. 85_ Prospetto frontale con in evidenza il doppio tratto di mura 86_ Rilievo a vista. 38
  41. 41. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.17 Edificio commerciale (E2) L’edificio rappresenta i resti della Porta Massini e delle mura castellane che furono minate e abbattute dall’esercito tedesco in ritirata nel 1944. Dal confronto con la cartografia ottocentesca l’ingombro planimetrico del fabbricato risulta inalterato. L’edificio fu costruito in occasione dei lavori necessari alla realizzazione della scalinata prospiciente la vicina Basilica di Sant’Agata detta anche la Collegiata. L’edificio presenta un fronte in travertino su piazza P. Amedeo e un fronte, caratterizzato dai resti in pietra della Porta Massini, su piazza Regina Elena. Sulla facciata sono stati murati, dopo la distruzione della porta, una targa con iscrizione latina che riporta “... fatta al tempo del vescovo Diffello, demolita, fu riattivata per volontà degli Ascianesi l’anno 1281 e chiamata Porta S. Agata” in onore della santa patrona; ed uno stemma in pietra del 1488 sul quale si legge “al tempo e per sollecitudine del cavaliere e priore Nicola Andrea Borghesi”, a testimonianza delle opere di consolidamento dopo le distruzioni di guerra. La tessitura muraria è a corsi orizzontali e paralleli con bozze di pietra di altezze diverse (filaretto), ha cantonali in pietra; fortemente rimaneggiata, è evidente la sopraelevazione con ricorsi in mattoni e la formazione del parapetto in pietra. La copertura è costituita da un piano praticabile pavimentato in pietra. 87_ Inquadramento planimetrico. 88_ Rilievo a vista 89_ Prospetto in pietra su piazza Regina Elena. 90_ Pilastro sul quale poggiava l’arco della vecchia Porta Massini. I due arpioni sono soltanto un ricordo della trecentesca s t r u t t u r a castellana. 39
  42. 42. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.18 Edificio ecclesiastico (E3) L’edificio, noto come il complesso della Collegiata, è realizzato sul sedime dell’andamento curvo delle mura castellane, fortificazione posta a difesa verso la Valdichiana dagli attacchi degli eserciti mercenari. Dal confronto con la cartografia ottocentesca l’ingombro planimetrico del fabbricato risulta pressoché inalterato. Nel dopoguerra è stato oggetto di un progetto dell’architetto Egisto Bellini per la “Ricostruzione dell’Asilo sulle Antiche Mura Castellane”. L’edificio, localizzato accanto alla Porta Massini (demolita nel 1944) ha la facciata in travertino e la base a scarpa. Presenta una serie di aperture con cornici in travertino che rettificano le preesistenti aperture ad arco ribassato in pietra. 91_ Inquadramento planimetrico. La tessitura muraria è a corsi orizzontali e paralleli con bozze di pietra di altezze diverse (filaretto), ha cantonali in pietra di cui uno rimaneggiato da inserti in laterizio; Si riscontrano discontinuità nella parte sommitale dell’edificio più alto. La copertura dell’edificio più alto è ad una falda, con manto di copertura in coppi e tegole; dell’edificio più basso è a due falde, con manto di copertura a marsigliesi. 92_ Prospetto generale dell’edificio 93_ Rilievo a vista 40
  43. 43. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.19 Tratto di mura (M9) Il tratto di mura considerato appartiene alla terza cerchia muraria costruita nel decennio 1342-1352; probabilmente coincide con l’antico tracciato delle due precedenti cerchie fortificate cittadine (I cerchia, epoca longobarda - II cerchia, 1287). Compreso tra il complesso della Collegiata e la torre angolare T7, è caratterizzato dall’essere un muro di contenimento per lo spazio di proprietà ecclesiastica recintato da mura e coltivato a orto sul terrapieno. 94_ Inquadramento planimetrico. La tessitura muraria è a corsi orizzontali e paralleli con bozze di pietra di altezze diverse (filaretto); il coronamento è inesistente. 95_ Prospetto generale del tratto di mura con vista degli orti nella parte sommitale. 96_ Rilievo a vista 41
  44. 44. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.20 Cappella del Sacro Chiodo o dei Sacri Chiodi (T7) Posta in prossimità della Collegiata e del vecchio cimitero, tale cappella fu costruita sui resti di un imponente baluardo difensivo appartenente, probabilmente, alla trecentesca cerchia muraria cittadina. La cappella era officiata dalla compagnia laica del Sacro Chiodo la quale, da statuto, aveva come attività principale il suffragio delle anime dei defunti. Dopo lo smantellamento del vecchio cimitero avvenuto tra il 1897 e il 1898, nelle sue adiacenze è stato costruito lo stadio comunale Guglielmo Marconi. Ha pianta quadrata con base a scarpa sormontata da toro e cantonali in pietra. Presenta due ali quadrate. Sul prospetto ovest è collocato un portale di fattura rinascimentale in mattoni; sul prospetto est si apre una finestra con sguanci. 97_ Inquadramento planimetrico. La tessitura muraria è a corsi orizzontali e paralleli con bozze di pietra di altezze diverse (filaretto); la copertura del corpo centrale è a padiglione con manto di copertura in coppi e tegole di laterizio; quella dell’ala nord è ad una falda in coppi e tegole; quella dell’ala ovest è a capanna con marsigliesi. 98_ Particolare del portale d’ingresso del lato interno. 99_ Rilievo a vista 100_ Prospetto sud su piazza Regina Elena e prospetto dell’ala nord. 42
  45. 45. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 4.21 Tratto di mura (M10) Il tratto di mura considerato appartiene alla terza cerchia muraria costruita nel decennio 1342-1352; probabilmente coincide con l’antico tracciato delle due precedenti cerchie fortificate cittadine (I cerchia, epoca longobarda - II cerchia, 1287). La tessitura muraria è a corsi orizzontali e paralleli con bozze di pietra di altezze diverse (filaretto); il coronamento è inesistente. 101_ Inquadramento planimetrico. 102_ Prospetto del lato interno sul giardino privato e prospetto esterno occultato dalla vegetazione infestante. 103_ Rilievo a vista 43
  46. 46. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 5. Le porte scomparse della cinta muraria 104_ Localizzazione delle antiche porte delle mura di Asciano. _______ Tratti di cinta muraria esistenti _ _ _ Tratti di cinta muraria scomparsi (storicamente documentati) - - - - - - Tratti di cinta muraria (presunti dall’analisi) scomparsi La ricostruzione cartografica della localizzazione delle antiche porte delle muraah di Asciano è stata possibile confrontando le cartografie storiche francesi del 1813 e del 1903 e verificando i dati bibliografici raccolti. “Le porte sono generalmente predisposte in cortina con un arco superiore di mattoni o di pietre ben lavorate, talvolta formato da conci sagomati in modo da risultare sempre più lunghi verso la chiave […]” ai. Le porte della città di Asciano, elementi di connessione con l’esterno, erano posizionate strategicamente rispetto ai collegamenti e agli usi correnti: 1. Porta del Bianchi: sulla direttrice per Siena, è l’unica porta rimasta; 2. Porta del Comune: su piazza del Grano, centro di mercati e fiere; 3. Porta della Fonte: accanto all’antica fonte; 4. Porta Massini: sulla direttrice per Sinalunga e la Valdichiana; 5. Porta Orientale: sulla scarpata del torrente Bèstina, verso Rapolano. 44
  47. 47. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 5.1 La Porta Occidentale o del Comune Della Porta del Comune, accesso secondario al borgo medievale in prossimità della vicina piazza del Grano, non esiste alcun resto. Apparteneva al perimetro dell’ultimo ampliamento della cerchia muraria del decennio 1342-1352 e fu demolita tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo (1884-1903) nello stesso periodo in cui vennero realizzati i lavatoi comunali. 105_ Cartografia storica al 1830 1832 106_ Cartografia storica al 1903 La sua esistenza è documentata dalla cartografia storica francese del 1813 e dall’esame dei cartoncino relativi alle correzioni geometriche delle mappe d’impianto del catasto generale toscano, datati 1844 e 1884. Sulla cartografia successiva del 1903, non esiste alcun riferimento dell’esistenza della Porta del Comune. Di questa porta non sono pervenuti né riferimenti iconografici, né descrittivi delle caratteristiche costruttive. 107_ ASS, Cartoncino n. 4, arroto 13 del 1844, Sezione R: La Porta Occidentale o Porta del Comune. 108_ ASS, Cartoncino dello stato dei cambiamenti n. 8 del 1884, Sezione R, 24: La Porta del Comune. 45
  48. 48. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 5.2 La Porta della Fonte o Porticciola Era posizionata strategicamente accanto alla fonte, dalla quale prende il nome, risultava localizzata in direzione di un podere denominato Vallidoli e di un sentiero che portava al Convento di San Francesco nel corso del XIX secolo (1890). La fonte era la parte terminale dell’antico sistema delle acque, di cui è possibile ancora vedere le antiche bocche con formelle in travertino e parte delle canalizzazioni all’interno della cantina dell’edificio limitrofo (ex lavatoi comunali). 109_ Cartografia storica al 1830 1832 110_ Cartografia storica al 1903 Di piccole dimensioni, da cui il nome di Porticciola, ancora presente nella cartografia francese del 1813, viene demolita nel 1890, come testimoniato dal cartoncino relativo alle correzioni geometriche delle mappe d’impianto del catasto generale toscano. Di questa porta non sono pervenuti né riferimenti iconografici, né descrittivi delle caratteristiche costruttive. Della Porta, denominata anche della Porticciola per la sua configurazione di piccolo accesso secondario al borgo medievale, non esiste alcun resto. 111_ ASS, Cartoncino dello stato dei cambiamenti n. 37 del 1890, Sezione R, 29: Demolizione della Porticciola o Porta delle Fonti e delle mura ad essa adiacenti. 46
  49. 49. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 5.3 La Porta Maggiore o Massini o di S. Agata La Porta, appartenente al perimetro dell’ ultimo ampliamento della cerchia muraria risalente al decennio 1342-1352, era l’accesso principale al borgo dalla Valdichiana: da qui l’antica denominazione di Porta Maggiore. Costruita nella parte basamentale di un baluardo fortificato, ben visibile nelle cartografie francesi e nel cartoncino relativo alle correzioni geometriche delle mappe d’impianto del catasto generale toscano del 1913, è stata restaurata e consolidata più volte nel corso dei secoli. 114_ ASS, Cartoncino n. 39 del 1931, Sezione R: La consistenza del complesso della Porta Massini. 115_ Pilastro sul quale poggiava l’arco della vecchia Porta Massini. I due arpioni sono soltanto un ricordo della trecentesca struttura castellana. 112_ Cartografia storica al 1830 1832 113_ Cartografia storica al 1903 Nel 1944 venne minata e distrutta dall’esercito tedesco in ritirata. “Non è rimasto che un pilastro sul quale poggiava l’arco della vecchia Porta Massini e, nel pilastro, due arpioni sono soltanto un ricordo della trecentesca struttura castellana” al. Della Porta Massini rimangono molte immagini, foto storiche e disegni a testimonianza dell’antico aspetto della piazza Regina Elena e dell’antico accesso al borgo fortificato. Dalle fotografie di inizio secolo la Porta risulta inglobata in un edificio di civile abitazione. 116_ Porta Massini agli inizi del ‘900 (foto del sig. Alessandro Bari - da Lucatti R., 1990) 117_ Porta Massini prima del 1911 (da Tanganelli G. - 1968) 47
  50. 50. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica 5.4 La Porta Orientale La Porta Orientale, posizionata su via del Canto e di accesso alla agli orti sul torrente Bèstina, non è presente in alcuna cartografia storica reperita, né tantomeno esistono immagini di riferimento. E’ l’unica porta della cinta muraria della quale non sono riscontrabili documenti cartografici nè alcun tipo di annotazione gometrica. La sua esistenza è riscontrabile esclusivamente nei riferimenti bibliograficiam che permettono di datare la sua demolizione tra il 1676 ed il 1813. Non esiste attualemente alcun resto nè a terra nè sugli edifici limitrofi. 118_ Cartografia storica al 1830 -1832. Non esiste alcuna traccia della Porta Orientale, probabilmente demolita tra il 1676 e il 1813. 48
  51. 51. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica Note bibliografiche a Un ringraziamento all’architetto Paola Venturi per avere condotto un’indagine approfondita sulle trasformazioni subìte dalla cerchia muraria di Asciano. Quanto trattato in questo primo capitolo è opera di VENTURI P., Studio di analisi e ricognizione storico documentaria riguardante la cinta muraria dell’insediamento di Asciano con funzione di orientamento tecnico preliminare per la programmazione dei progetti di recupero, Dicembre duemila. b Dal libro “Storia di Asciano” di Renato Lucatti, edito dalla Cassa rurale ed artigiana di Asciano, Asciano, 1993, pp. 14 - 15. c Sulla prima testimonianza dell’esistenza di questa originaria antica cerchia muraria e sull’impegno preso dai signori del feudo di Asciano a rendere deboli e permeabili le difese cittadine allora presenti si cfr. ASS, Caleffo Vecchio, cc. 20r e segg. (inizio 1175), copia del 1204, pubblicata in CECCHINI G., Il Caleffo Vecchio del Comune di Siena, vol. I, Firenze, 1992, pp. 45 - 47 [I conti Scialenghi fanno pace col comune di Siena, obbligandosi a restituire i prigionieri e le prede fatte ai senesi e ad abbattere le mura di Asciano]. d Tale notizia sulle mura di Asciano è tratta dalle memorie storiche redatte intorno alla metà del Settecento dal Pecci (cfr. ASS, ms. D67, cc. 145r e segg., PECCI G. A., Memorie storiche, politiche, civili e naturali delle città, terre e castella, che sono, e sono state suddite alla Città di Siena, raccolte dal Cav.re Gio. Antonio Pecci, patrizio senese, s.d., 1758 ca., voce su Asciano, cc. 145r - 154v). e Il secondo passo è riferito al tradimento di Boca degli Abati che, amputando con la spada le mani di Jacopo de’ Pazzi, vessillifero dei cavalieri guelfi, determinò una delle cause alla sconfitta fiorentina. f Di tale periodo coincidente con il senese ‘Governo dei Nove’, si possono documentare opere di ampliamento e miglioramento della cinta muraria. Su tale argomento si cfr. i seguenti documenti, i soli oggi conosciuti, sul contenuto dei quali gli studiosi hanno basato le loro considerazioni: ASS, Consiglio generale, deliberazioni 140, c. 50r (Delibera del 1346). Supplica alla Repubblica a concedere il permesso a mettere mano ai lavori concorrendo all’occorenza alla spesa poiché, a tale data, nonostante siano state date precedenti indicazioni sulle riparazioni, le mura di Asciano si trovano nelle medesime condizioni. g LIBERATI A., Asciano, in «Bullettino senese di storia patria», 1937, XLIV, pp. 307 - 308, documento contenuto in ASS, Concistoro, scritture 2144, n. 106 (Delibera del 13 gennaio 1449). h VITI A., Asciano, in «La toscana fine ‘800», Prato, 1980, riproduzione anastatica «Le cento città d’Italia», p. 51. i TANGANELLI G., Asciano e le sue terre. Notizie storiche e canti della Mencia, 49
  52. 52. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica Siena, 1968, p. 28. j Cfr. ASS, Balìa 574, cc. 34r - 39v, lettera di Ansano Biringucci alla Balìa (24 maggio 1528) k Interpretando le parole del Gherardini “un terzo d’esse sono doppie dalla parte verso il Convento de’ Francescani”, sembra logico supporre che voglia riferirsi ad un camminamento, posto nella parte superiore delle mura, nel tratto posto a sud, nei pressi dell’antica Porta Massini di fronte al promontorio dove anche allora si trovava il convento di San Francesco. l Cfr. ASS, ms. D82, cc. 59 e segg., Dalla Visita Fatta e Relazione Stesa di tutto lo Stato della Città di Siena dall’Autidore Bartolomeo Gherardini l’anno 1676, copia eseguita nel 1725, pubblicata in TRONCONE T., apolano terme, Asciano, Serre, Avellino, 1984, pp. 271 - 297. m La porta apparteneva al perimetro delle mura trecentesche. Era l’accesso principale al borgo. Per questo anticamente assunse la denominazione di Porta Maggiore, poiché principale collegamento al sistema viario esterno verso la Valdichiana. Aperta alla base di un solido baluardo, con ogni probabilità fornito di merli e feritoie, fu consolidata, assieme al bastione, nel 1488. Fu chiusa temporaneamente nel 1496 a causa della peste che infestò il territorio ascianese. Fu gravemente danneggiata nel 1555 dai soldati mercenari di Carlo V, agli ordini del Marchese di Marignano. Era chiamata anche Porta Sant’Agata in onore della santa patrona della città. Restaurata per volontà della famiglia Massini ne prese il nome fino al 1944, quando fu minata e abbattuta, assieme ai tratti di mura limitrofi, dall’esercito tedesco in ritirata. Un’iscrizione in latino, pressoché illeggibile, oggi murata sui resti della cinta muraria in prossimità del luogo dove la vecchia porta si trovava, testimonia come forse tale manufatto appartenesse già alla primitiva cerchia longobarda. Infatti l’iscrizione ricorda la Porta Maggiore “ […] fatta al tempo del vescovo Diffello, demolita, fu riattivata per volontà degli Ascianesi l’anno 1281 e chiamata porta S. Agata”. n La porta appartiene al perimetro della cerchia muraria trecentesca. E’ l’unica ancora oggi esistente. Anticamente assunse la denominazione di Porta Senese per la direzione verso la quale era collegata al sistema viario esterno. Con ogni probabilità nel 1468 subì consistenti opere di restauro. Concluse tali opere assunse una nuova denominazione. E’ possibile che gli interventi di tale anno siano da riferirsi alla possibilità che la porta, aperta sulla strada maestra verso Siena, abbia avuto in origine un’altra collocazione, posta cioè pochi metri più in alto, in direzione nord, rispetto al luogo dove oggi si trova. Probabilmente in conseguenza di un andamento originario più rettilineo della viabilità verso Siena. Il tracciato della cinta muraria sulla quale essa insiste forse coincide con il tracciato delle due precedenti cerchie fortificate cittadine Attorno al 1555 i Medici apposero il loro stemma sopra l’arco di valico. La porta fu seriamente danneggiata dall’esercito tedesco in ritirata nel 1944. 50
  53. 53. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica o La porta apparteneva al perimetro orientale della cerchia muraria cittadina. Era un accesso secondario al borgo medievale, aperto nella direzione che conduceva verso Rapolano. Probabilmente di piccole dimensioni, apparteneva a quel tratto della cinta muraria, che per posizione geografica, meno necessitava di imponenti opere di fortificazione. Fu demolita tra il 1676 e il 1813. p La porta apparteneva al perimetro delle mura trecentesche. Era un accesso secondario al borgo medievale, aperto in prossimità della vicina piazza del Grano. Fu demolita tra il 1884 il 1903, nello stesso lasso di tempo nel quale si realizzarono i lavatoi comunali. q Risale a tale data il primo significativo documento cartografico dove vengono rappresentate le mura di Asciano. Cfr. ASS, Mappe del catasto toscano, Sezione R detta della Valle di Asciano, foglio Unico n. 34, anno 1813 (periodo francese, la nomenclatura è totalmente in lingua francese). r Si cfr. l’ampio carteggio contenuto in ACA, 471, Edifici ed opere pubbliche (1859 - 1890):1) comune di Asciano, Processo verbale dell’adunanza straordinaria tenuta dal Consiglio, 29 dicembre 1868. Il Cav. Carlo Bianchi Bandinelli presenta un progetto per la demolizione della Porta Senese, a sue spese, e chiede il riutilizzo privato del materiale ricavato da questa demolizione; 2) Rapporto sulla Barriera alla Porta del Bianchi, 15 ottobre 1868. Lettera con due tavole grafiche consegnate in allegato, inviata dai si g.ri Nannini e Doganelli ai componenti del Consiglio municipale di Asciano; 3) Rapporto sullo stato delle Mura Castellane di Asciano, 9 maggio 1869. Relazione per uso amministrativo inviata dall’ingegnere Lorenzo Pini al signor Cavaliere Sindaco di asciano. Di questo progetto non fu realizzata opera alcuna. Tale importante ultimo rapporto ci indica come, a quella data, l’antica cinta muraria cittadina fosse già in avanzato stato di degrado. s Sull’argomento si confrontino, ad esempio, le denunce di costruzione in appoggio alle mura castellane portate a conoscenza del consiglio comunale nel 1897, opere compiute dai signori Roberto Foschini (cfr. ACA, 471, Edifici ed opere pubbliche (1859 - 1890), comune di Asciano, Estratto del processo verbale dell’adunanza straordinaria tenuta dal Consiglio comunale, 17 agosto 1897. Costruzione di una fabbrica ad uso limonaia) a Angiolo Liporiani (cfr. ACA, 471, Edifici ed opere pubbliche (1859 - 1890), comune di Asciano, Estratto del processo verbale dell’adunanza straordinaria tenuta dal consiglio comunale, 17 agosto 1897. Costruzione di due capannoni in muratura). t Fu demolita tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo (1884 - 1903). Si confronti il cartoncino datato 1884 (cfr. ASS, Cartoncini, Sezione R detta della Terra di Asciano, 24, stato dei cambiamenti 8, anno 1884), dove essa è ancora presente con una delle due mappe catastali del 1903 (cfr. ASS, Mappe del XX secolo, Sezione R detta del Paese di Asciano, foglio Unico n. 101, anno 1903) dove 51
  54. 54. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica quest’ultima risulta già demolita. u Fu demolita nel corso del 1890. Cfr. ASS, Cartoncini, Sezione R detta della Terra di Asciano, 29, stato dei cambiamenti 37, anno 1890. v Cfr. ACA, X. A. 13, Lavori pubblici (1944 - 1947):1) comune di Asciano, ufficio tecnico, Relazione dell’ingegnere Rodolfo Palagi al Presidente del comitato di liberazione, 28 agosto 1944. Riassunto dei lavori eseguiti ad economia dal comune e delle spese per danni di guerra sostenute dal 3 luglio 1944 al 28 agosto 1944; 2) comune di Asciano, Verbale di deliberazione del Commissario prefettizio, 7 settembre 1944. Ripristino opere pubbliche danneggiate da azioni belliche. Dalla perizia dell’ingegnere Palagi e dalla successiva delibera del Commissario prefettizio si ha conferma della definitiva demolizione dell’antica Porta Maggiore o Massini. Sulla Porta del Bianchi e sulla Porta Massini, un precedente interessante documento ci indica le loro dimensioni interne nell’anno 1924. Cfr. ACA, X.A. 7 Lavori pubblici (1924), Relazione sui lavori per il rifacimento del lastrico stradale in via Vittorio Emanuele, 1924. In allegato a tale relazione, colorata ad acquerello, la planimetria dell’intera via maestra con disegnati alle estremità gli ingombri interni delle due principali porte cittadine. w Dal libro “Storia di Asciano” di Renato Lucatti, edito dalla Cassa rurale ed artigiana di Asciano, Asciano, 1993, pp. 10 - 11 - 12. x Cfr. ASS, ms. D82, cc. 59 e segg. Dalla Visita Fatta e Relazione Stesa di tutto lo Stato della Città di Siena dall’Auditore Bartolomeo Gherardini l’anno 1676, copia eseguita nel 1725, pubblicata in TRONCONE T., Rapolano Terme, Asciano, Serre, Avellino 1984. y La torre appartiene alla terza cerchia muraria. Era una tipica torre di guardia, avente funzione di piccolo baluardo difensivo contro le incursioni nemiche. Prende il nome dalla presenza, nei secoli XIII - XV, di una comunità di preti di religione valdese. Anch’essa come le altre appartenenti all’ultima cerchia cittadina fu mozzata per volere di Cosimo I attorno al 1555. Nella sua tessitura muraria restano tracce di antiche feritoie e di grandi archi a tutto sesto nel lato prospiciente il borgo cittadino. E’ stata oggetto di un recente restauro da parte dell’attuale proprietà privata. z Il palazzo di Giustizia o del Podestà della comunità di Asciano fu costruito sui resti di uno dei più solidi baluardi della trecentesca cinta muraria. Più volte danneggiato dalle frequenti incursioni degli eserciti mercenari, già nel 1531 il palazzo era ridotto pressoché alle sue dimensioni attuali, meno della metà della sua antica mole. La torre sulla quale fu costruito, o meglio il baluardo difensivo che esso ingloba, fu costruita tra il 1342 e il 1352. aa Denominata anche Cappella dei Sacri Chiodi. Posta a sinistra dell’antica 52
  55. 55. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica Porta Maggiore o Massini e in prossimità della Collegiata e del vecchio cimitero, tale Cappella fu costruita sui resti di un imponente baluardo difensivo, avente funzione di torrione angolare, appartenente con ogni probabilità alla trecentesca cinta muraria cittadina. La Cappella era officiata dalla compagnia laica del Sacro Chiodo, la quale, da statuto, aveva come attività principale il suffragio alle anime dei defunti. Dopo lo smantellamento del vecchio cimitero avvenuto tra il 1897 e il 1898, nelle sue adiacenze di recente è stato costruito lo stadio comunale Guglielmo Marconi. ab Per il dettaglio di ogni singolo cartoncino esistente contenente correzioni geometriche interessanti le mura castellane si cfr. le FONTI ARCHIVISTICHE in calce al presente scritto. Sono ben trenta i documenti cartografici ritrovati contenenti informazioni sulla cinta muraria. ac Cfr. PELLEGRINI E., Le Fortezze della Repubblica di Siena, Siena, 1992. ad Cfr. LUCATTI R., Asciano 3. Altri racconti storici e documenti inediti, Firenze, 1990. ae L’edificio privato E1, dal confronto delle cartografie storiche, risulta costruito tra il 1830 e il 1903. af L’edificio E2, oggi sede di un esercizio commerciale, dall’analisi della cartografia ottocentesca risulta inalterato nelle dimensioni dell’ingombro e della localizzazione. ag L’edificio E3, di proprietà ecclesiastica, dal confronto con la cartografia ottocentesca risulta pressoché inalterato nell’ingombro planimetrico. ah VENTURI P., Studio di analisi e ricognizione storico documentaria riguardante la cinta muraria dell’insediamento di Asciano con funzione di orientamento tecnico preliminare per la programmazione dei progetti di recupero, Dicembre duemila. ai Cfr. PELLEGRINI E., Le Fortezze della Repubblica di Siena, Siena, 1992. aj Cfr. TANGANELLI G., Asciano e le sue terre. Notizie storiche e canti della Mencia, Siena, 1968. ak Archivio Storico del Comune di Asciano, 471, Edifici ed opere pubbliche, (1859-1890). al am LUCATTI R., Asciano. Racconti storici sul “Paese del Garbo”, Firenze, 1987. Cfr. ASS, ms. D82, cc. 59 e segg. Dalla Visita Fatta e Relazione Stesa si tutto 53
  56. 56. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo I Indagine storico - cartografica lo Stato della Città di Siena dall’Auditore Bartolomeo Gherardini l’anno 1676, copia eseguita nel 1725, pubblicata in TRONCONE T., Rapolano Terme, Asciano, Serre, Avellino, 1984. an Cfr. LUCATTI R., Asciano 3. Altri racconti storici e documenti inediti, Firenze, 1990. 54
  57. 57. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE IL RILIEVO METRICO
  58. 58. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE 2 Il rilievo metrico 1. Introduzione al tema di analisi 1_ Cinta muraria conservata con in evidenza il tratto di mura analizzato. La lettura e la definizione delle condizioni oggettive del manufatto, aiutate da un’accurata e approfondita indagine storica, costituiscono la base indispensabile per un recupero attento e rispettoso delle mura. La necessità di adottare metodiche e strumentazioni adeguate riveste un ruolo fondamentale quando si interviene su siti e manufatti degradati e quindi di difficile lettura. Allo stato attuale la cerchia muraria di Asciano ha uno sviluppo complessivo di circa 510 metri lineari, di cui circa 140 metri sono costituiti da tratti inglobati nei muri perimetrali degli edifici, delle torri e della Porta del Bianchi, mentre circa 370 metri sono conservati liberi da superfetazioni, con altezza variabile dai 2 ai 7 metri nel lato esterno e da 1 a 2 metri nel lato interno. Fa eccezione per questo ultimo dato il tratto di mura M1, accanto alla Porta del Bianchi fino alla torre T1, che conserva nella parte interna della cerchia un’altezza di circa 6 metri. Questa variazione nelle altezze è data in parte dall’adattamento della cinta muraria alla morfologia del luogo, in parte da forti demolizioni di porzioni della cortina muraria avvenute nel corso del tempo, mutilazione particolarmente evidente nella zona di via delle Fonti con gli orti a due livelli, dove le mura costituiscono il terrapieno degli orti superiori, senza alcun elemento di cimasa o parapetto e dove 56
  59. 59. Le mura di Asciano (Siena): un’esperienza di rilievo integrato per il progetto di restauro - ALESSIA NOBILE Capitolo II Il rilievo metrico la presenza di sbrecciature nelle murature laterali della torre T4 è un’ulteriore testimonianza di modifiche e variazioni. Anche nel loro tracciato planimetrico le mura hanno subito mutilazioni, come risulta evidente anche dai cartoncini relativi alle correzioni geometriche delle mappe d’impianto del catasto. L’attenta valutazione della complessità delle mura, di ciò che si è conservato e dello stato di degrado, ha indirizzato lo studio di analisi metrica e stratigrafica sull’area compresa tra la Porta del Bianchi, unica superstite, e la Torre delle Vallesi. L’obiettivo iniziale era quello di riprodurre un campione della cinta muraria in grado di rappresentarne esaustivamente le sue caratteristiche significative. Da qui la scelta è apparsa obbligata: nessun’altra porzione avrebbe racchiuso contemporaneamente una porta di accesso al centro urbano (P1) e un tratto di mura (M1) pressoché inalterato dimensionalmente nel corso dei secoli: la sua altezza è quella originaria (7 metri sul terrapieno esterno alle mura e 6 metri su via della Peschiera) e il suo camminamento sommitale, elemento caratteristico di tutta la cortina muraria, è l’unico oggi conservato (anche se inutilizzabile per l’assenza di protezioni laterali). Queste valutazioni, unite allo stato di abbandono in cui versa il terrapieno antistante e a confronto con le altre porzioni maggiormente valorizzate, hanno conferito a questa tratta muraria un’importanza prioritaria. V I A G A R B O P1 D M1 E L L A T1 P E S C H I E R A V I A D E L M2 V I A D E L L E F O N T I T2 2_ Porzione muraria interessata dallo studio di analisi. M1 M2 P1 V T1 I A D E L T2 G A R V I A D E L L E F O N T I B O 3_ Vista 3D del tema di studio 57

×