Linux day2010 introduzione_a_openstreetmap

638 views

Published on

Intervento su Openstreetmap al Linux Day al Palazzo Ducale di Genova del 23/10/2010

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
638
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Linux day2010 introduzione_a_openstreetmap

  1. 1. Linux Day 2010 <ul>Introduzione a Openstreetmap Cartografia libera e collaborativa </ul>
  2. 2. Copertura mondiale dal giardinetto sotto casa a luoghi ritenuti non interessanti dai produttori di carte commerciali Libera La licenza ODBL permette un ampissimo uso dei dati, potete anche crearci applicazioni commerciali (ad es.: stampare una mappa e venderla) Collaborativa Chiunque, registrandosi, può aggiungere o modificare i dati (analogamente a wikipedia)
  3. 3. Mapping Party sulle Dolomiti del Brenta agosto 2009
  4. 4. Mappers a Kibera (Nairobi)
  5. 5. Mappers della FEATA University di Manila (Filippine)
  6. 6. Mappers a Betlemme
  7. 8. Perchè Openstreetmap? Con le diverse mappe che si trovano su internet (Google, Bing, Yahoo ecc..) se ne può fare solo uso personale. Se ad esempio stampate un volantino per pubblicizzare la vostra pizzeria inserendo una loro mappa infrangete il Copyright. Miglioramenti della mappa: ultimamente Google, prendendo spunto dai mapping party di OSM, crea degli appuntamenti nei quali gli utenti possono partecipare migliorando la mappa … peccato però che i dati degli utenti diventino proprietà di Google. Le mappe OSM si possono usare su: computer, GPS, cellulari (Java) e palmari (Windows, Symbian e Android), si possono stampare, inserire sul proprio sito, creare applicazioni commerciali, utilizzarle come base per analisi territoriali ….
  8. 10. Punti di forza Localizzazione: ognuno è esperto del proprio quartiere Velocità d'aggiornamento: se viene aggiunta una rotonda, il giorno stesso può essere già sulla mappa (il Passante di Mestre fu visibile 36 ore dopo l'inaugurazione). Flessibilità: per mappare gli oggetti si usano descrittori chiamati 'tag' (es.: una panchina è amenity=bench), se si aggiunge una nuova caratteristica si crea un nuovo tag. Personalizzazione: Dalla stessa base dati si creano diversi tipi di mappe a seconda degli usi enfatizzando le caratteristiche più utili (mappe per ciclisti, escursionisti, automobilisti, ..)
  9. 12. Altri punti di forza La mappa è sempre correggibile e migliorabile Se una via non era stata disegnata precisamente la si può correggere. Protetta da vandalismi Se, per volontà o per errore, avviene un vandalismo, si può riportare la mappa ad uno stato precedente (esiste tutta la storia di tutte le modifiche apportate su ogni punto). Formato aperto I dati vengono conservati in un database in un formato aperto (XML) facilmente maneggiabile (anche da un editor di testo).
  10. 13. <ul>Com'è fatto Openstreetmap </ul><ul>E' composto da alcuni elementi: <li>Punto (node): singoli punti
  11. 14. Linea (way): un insieme di punti non chiuso
  12. 15. Area (polygon): un insieme di punti chiuso, solitamente descritto col tag area=yes
  13. 16. Relazione (relation): un insieme degli elementi precedenti, serve per descrivere elementi complessi </li></ul>
  14. 17. http://wiki.openstreetmap.org/wiki/IT:Map_Features Qui trovate come codificare (assegnare i 'tag') gli oggetti sulla mappa
  15. 18. I tag usati per mappare i percorsi minori (ce n'è per tutti i gusti)
  16. 19. Esempi di tag Punti: Farmacia amenity=pharmacy Fermata bus highway=bus_stop Semaforo highway=traffic_signals Linee: Autostrada highway=motorway Fiume waterway=river Pista ciclabile cycleway=track Aree: Un palazzo building=yes Relazioni: Linee bus route=bus Sentieri route=hiking
  17. 20. Non è necessario ricordare a memoria tutti i tag, ci pensano i programmi di editing. Ogni caratteristica, se necessario, può essere descritta da più tag, un esempio reale: highway=residential name=Via di Fassolo oneway=yes (senso unico) Maxspeed=20 (velocità massima) Maxweight=3 (peso massimo) maxwidth=2 (larghezza massima)
  18. 21. Diamo un'occhiata alla struttura interna del database; in questo esempio vediamo due nodi, nell'ordine un semaforo (highway=traffic_signals) ed un supermercato (shop=supermarket). <node id=&quot;36289285&quot; lat=&quot;44.4046451&quot; lon=&quot;8.9647998&quot; user=&quot;Ale_Zena_IT&quot; uid=&quot;22290&quot; visible=&quot;true&quot; version=&quot;2&quot; changeset=&quot;44342&quot; timestamp=&quot;2008-04-04T20:30:31Z&quot;> <tag k=&quot;highway&quot; v=&quot;traffic_signals&quot;/> </node> <node id=&quot;260774033&quot; lat=&quot;44.4076528&quot; lon=&quot;8.9664400&quot; user=&quot;LucioGE&quot; uid=&quot;326642&quot; visible=&quot;true&quot; version=&quot;3&quot; changeset=&quot;5477104&quot; timestamp=&quot;2010-08-12T21:15:25Z&quot;> <tag k=&quot;name&quot; v=&quot;Dì per Dì&quot;/> <tag k=&quot;shop&quot; v=&quot;supermarket&quot;/> </node>
  19. 22. Svantaggi Non c'è una copertura uniforme dei dati In America e nel Nord Europa la copertura è eccellente, in Africa lascia a desiderare (anche se ci sono zone mappate per le quali non esistono mappe commerciali).
  20. 23. Alcuni numeri di OSM OpenStreetMap stats report run 13 oct 2010 Number of users 312.025 (utenti attivi circa il 15-20%) Number of nodes 801.583.414 Number of ways 66.718.476 Number of relations 765.257 In Italia sono mappati: 20300 parcheggi 13651 fermate bus 6324 fontanelle 2605 panchine 1150 uffici postali
  21. 24. <ul>Principali programmi di editing </ul><ul>Josm (Java Openstreetmap Editor) http://josm.openstreetmap.de/wiki/InstallNotes Potlatch (editor in tecnologia flash) http://www.openstreetmap.org/ (cliccando sul tasto 'Modifica') Mapzen http://mapzen.cloudmade.com/ </ul>
  22. 25. Josm: l'editor più usato per Openstreetmap, flessibile e potente ma che a volte disorienta i neofiti per la moltitudine di comandi
  23. 26. Scaricare un'area da editare: Menù File - Scarica da OSM
  24. 27. Ecco l'area scaricata come viene visualizzata in Josm
  25. 28. Apriamo la nostra traccia GPS
  26. 29. Iniziamo il ricalco della traccia NOTA: un metodo alternativo al ricalco lo trovate descritto qui: http://www.slideshare.net/AleZenaIT/openstreetmap-e-josm-veloce-e-preciso-col-semplifica-percorsi
  27. 30. Con lo strumento 'disegna' ricalchiamo e poi eventualmente correggiamo con l'aiuto delle ortofoto (foto aeree)
  28. 31. Proseguiamo la mappatura aggingendo il sentiero, una sorgente ed una cappelletta
  29. 32. <ul>Con l'aiuto di appunti scritti o registrati su un lettore MP3 'taggheremo' i punti, le strade e le altre caratteristiche di cui avremo registrato le coordinate. In alcuni casi è possibile integrare l'informazione standardizzata dal tag con descrizioni aggiuntive o note. Informazioni aggiuntive di un riparo nel Parco del Beigua </ul>
  30. 33. Carichiamo le modifiche sul server (upload dei dati)
  31. 34. Qui vediamo il sentiero precedentemente editato, bisogna attendere da alcuni minuti a diverse ore per vedere il risultato (la rigenerazione grafica della mappa)
  32. 35. Mappare senza GPS?!? <ul>In zone già mappate è possibile aggiungere punti d'interesse (POI) o brevi strade anche senza avere un GPS ma disponendo solo di scanner e stampante, questo è il servizio offerto da: http://walking-papers.org/ Nelle prossime slide vedrete l'intero processo: Si seleziona l'area, si stampa il foglio, si va sul posto aggiungendo su carta gli oggetti mancanti, si scansisce ed invia il foglio ottenendo un codice, si apre Josm (col plugin walkingpapers) e inserendo il codice del foglio lo vedremo apparire in trasparenza come nuovo layer per poter ricalcare gli oggetti mappati. </ul>
  33. 41. Potlatch, l'editor incorporato in www.openstreetmap.org Cliccando sul tasto 'Modifica' si accede a Potlatch
  34. 42. Da alcuni è deprecato perchè si possono eseguire modifiche 'online'; se ne consiglia l'uso 'offline', dopo le modifiche si controlla il lavoro fatto, poi si esegue il salvataggio.
  35. 43. Molto intuitivo da usare ma molto meno potente di Josm <ul>Per spostare un punto ci si clicca sopra e lo si trascina </ul><ul>Per creare una via si clicca e si aggiungono punti, per terminare pigiare Return </ul>
  36. 44. Mapzen, un programma che punta sulla semplicità d'uso con maschere molto intuitive
  37. 45. Mapzen, un programma che punta sulla semplicità d'uso con maschere molto intuitive
  38. 46. Creazione di una strada con Mapzen
  39. 47. Per aggiungere un POI (qui un autolavaggio) ho selezionato l'icona ed ho fatto doppio click sulla mappa per posizionarlo, se lo voglio spostare basta trascinarlo sulla mappa
  40. 48. Per aggiungere POI con l'Iphone 'Mapzen POI Collector' http://mapzen.cloudmade.com/mapzen-poi-collector
  41. 49. Qualità e precisione dei dati Quanto sono precisi i dati su OSM? E sulle altre carte commerciali? Non lo sappiamo. Su OSM si trovano dati eterogenei, alcuni provenienti da GPS poco precisi, altri sono dati catastali estremamente precisi. I dati si possono sempre migliorare; i dati particolarmente precisi sono 'firmati' da tag descrittivi che ne indicano la fonte. Esistono alcuni metodi per aumentare la precisione di misura dei GPS, sia con accorgimenti pratici sia con correzioni tramite reti RTK che con GPS di poche centinaia di euro possono portare a precisioni dell'ordine della decina di centimetri.
  42. 50. La Comunità italiana di OSM per coordinare le attività per aiutare i nuovi arrivati per accordarsi su nuovi tag per incontrarsi partecipando ai Mapping Party per scambiare idee esistono due modi: il Portale h ttp://wiki.openstreetmap.org/wiki/WikiProject_Italy la mailing list http://gis.638310.n2.nabble.com/Italy-f607006.html
  43. 51. Grazie per l'attenzione http://www.openstreetmap.org free maps for free minds <ul>La presentazione è disponibile su internet all'indirizzo http://www.slideshare.net/alezenait </ul>

×