Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Mondiversi opuscolo legalmente giovani 1

Campagna "Vivi nella Legalità"

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Mondiversi opuscolo legalmente giovani 1

  1. 1. RISPETTA L’AMBIENTE RESPECTĂ-I PE CE DIN JUR!RESPECTĂ-I PE CE DIN JUR! RESPECTĂ-I PE ALȚII! RISPETTA GLI ALTRI RISPETTATE STESSORISPETTATE STESSO RESPECTĂ-TE PETINE ÎNSUȚI! “Vivi nella Legalità” Campagna Opuscolo Informativo per la legalità, contro le dipendenze! Informații broșură pentru la legea, contra dependenței Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale Progetto: “Legalmente giovani” finanziato nellʼambito del Piano Azione Coesione “Giovani no profit” da Legalmente Giovani seguici su legalmentegiovani.mondiversi.it Forum
  2. 2. Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale Progetto“Legalmente Giovani” Resp. di progetto: Dott.ssa De Giacomo Angela Coordinatrice: Dott.ssa Meringolo Loredana Testi a cura di: Dott.ssa Leonino Sonia Dott.ssa Sapia Antonella Traduzioni a cura di: Dott.ssa Noè Anna Edizione Mondiversi Onlus Foto: Sonia Leonino Stampa: Tipografia Orlando Anno pubblicazione: 2015 Liceo Scientifico“F. Bruno” Liceo Classico“G. Colosimo” Istituto Tecnico Commerciale“Luigi Palma” Istituto Tecnico per Geometri“Falcone Borselino” Istituto d’Istruzione Superior“Nicholas Green” Associati Esterni Comune di Corigliano Calabro Associazione Tendiamo le mani Centro Italiano Femminile Corigliano Calabro P A R T N E R
  3. 3. “Rispetta l’ambiente” per valorizzare la nostra cultura e il nostro territorio e per tutelarli dalla criminalità che è la prima e la più pericolosa forma di inquinamento e di degrado del nostro tessuto sociale, della nostra comunità. “Rispetta gli altri” per riconoscere nell’altro i diritti inalienabili di ogni persona e per contrastare ogni forma di sopraffazione, di sfruttamento e di violenza. “Rispetta te stesso” per affermare la tua libertà e la tua dignità, per rifuggire da ogni tipo di dipendenza e di sottomissione, per allontanarti dai pericoli e dai rischi della droga , dell’alcool, del gioco d’azzardo, dell’usura.
  4. 4. La legalità passa attraverso il rispetto delle regole, ma anche attraverso la lotta alle dipendenze. L’alcooldipendenza e la tossicodipendenza: Producono una perdita grave delle proprie capacità di autodeterminarsi. Riducono le capacità di autocontrollo e di padronanza di sé. Distruggono i vincoli di reciprocità con gli altri. Annientano i legami sentimentali, gli affetti familiari, le relazioni con gli amici, le abilità lavorative, lo studio. Possono indurre ad indebitarsi ed a compiere atti criminali per procurarsi denaro in modo illecito. DIPENDENZA DA ALCOOL E DROGA
  5. 5. NONBERTIILCERVELLO SORSEGGIALAVITA!!! NU-TIBEACREIERUL GUSTAVIATA ALCOOL
  6. 6. ALCOOL Nel 2013, il 63,9% della popolazione di 11 anni e più ha consumato almeno una bevanda alcolica nell'anno. Tra il 2003 e il 2013 la percentuale dei consumatori giornalieri di bevande alcoliche scende dal 31% al 22,7%. Aumenta, invece, la quota di quanti consumano alcool occasionalmente (dal 37,6% nel 2003 al 41,2% nel 2013) e di coloro che bevono alcolici fuori dai pasti (dal 24,8% al 25,8%). Nel 2013, il 51,6% della popolazione di 11 anni e più che ha consumato alcolici nell'anno beve vino, il 45,3% birra e il 39,9% aperitivi alcolici, amari, superalcolici o liquori. Nel complesso, i comportamenti a rischio nel consumo di alcool (consumo giornaliero non moderato, binge drinking, consumo di alcool da parte dei ragazzi di 11-15 anni) hanno riguardato 7 milioni e 144 mila persone (13,2%). L’abuso di alcool ALCOOL
  7. 7. ALCOOL L’abuso di alcolici è correlato ad un gran numero di incidenti stradali e si associa a gravi episodi di incidenti domestici e violenze, spesso a danno dei componenti più deboli del nucleo familiare. Le stime della Commissione Europea mostrano che in UE un incidente su quattro (25%) è attribuibile all’alcool. Il 96% delle persone coinvolte in questo tipo di incidenti è rappresentata da individui di sesso maschile, di cui il 33% giovani di età compresa tra i 15 e i 34 anni. Nel 2012 si registra un marcato aumento pari a +4,4% per gli incidenti, a +3,2% relativamente ai deceduti ed infine a +6,3% per i feriti. La guida in stato di ebbrezza oltre ad essere vietata dalla legge è un pericolo per te e per gli altri. Alcool e guida Figura 1: Andamento incidenti stradali, decessi e feriti Italia alcol correlati – Italia – anni 2008-2012 valori percentuali Fonte: Elaborazioni su dati ISTAT
  8. 8. ALCOOL Secondo una rilevazione condotta in Italia su giovani tra 11 - 17 anni la percentuale di chi consuma bevande alcoliche, anche in maniera saltuaria od occasionale, è pari al 26,3%. Percentuale che sale al 32,8% se almeno uno dei genitori fa uso non moderato di bevande alcoliche (Istat, 2007). A livello europeo si stima che tra i 4,7 – 9,1 milioni di bambini vivono in famiglie con problemi alcolcorrelati; il 16% dei minori subisce abusi ed incuria. Da un’indagine condotta su 45 associati agli Alcolisti Anonimi (partner o familiari di alcolisti), il 63% ha dichiarato di aver subito aggressioni verbali o fisiche, il 31% ha riferito seri problemi di tipo economico o che coinvolgevano i figli. Se l’alcol è una sostanza dannosa in generale, lo è ancora di più per i giovani fino all'età indicativa di 20 anni, perché il corpo umano non possiede ancora gli enzimi destinati alla metabolizzazione dell'alcol. Le bevande alcoliche risultano quindi molto più nocive per un giovane rispetto ad un adulto, perchè l'etanolo non può essere scomposto in sostanze più tollerabili. In Europa circa il 90% degli studenti di età compresa tra i 15-16 anni ha usato almeno una volta nella vita bevande alcoliche. L’età media del primo approccio è 12 anni e mezzo, la prima ubriacatura avviene attorno ai 14 anni. Negli ultimi anni si è assistito ad una rapida e preoccupante crescita del fenomeno del “binge drinking” ossia bere, allo scopo di ubriacarsi, 6 o più bevande alcoliche in un’unica occasione. Il binge drinking è un’abitudine più diffusa nell’Italia settentrionale, dove il fenomeno si verifica anche con una maggiore frequenza. Alcool e famiglia Giovani e alcool
  9. 9. ALCOOL È importante ricordare che al di sotto dei sedici anni la legge vieta la somministrazione di bevande alcoliche e che comunque al di sotto di tale età non bere è la migliore scelta per la salute e la sicurezza. Una regola generale e di buon senso dell’Organizzazione Mondiale della Sanità è sintetizzata nello slogan: piu’ sai meno rischi “ALCOOL: MENO E’ MEGLIO” Adesso lo sai e….
  10. 10. DROGA
  11. 11. DROGA Il consumo di sostanze stupefacenti tra gli studenti, rilevato annualmente dal 2003, evidenzia una progressiva contrazione della prevalenza di consumatori di cannabis fino al 2011, sebbene caratterizzata da una certa variabilità; nel triennio successivo 2011-2013 si osserva una ripresa dei consumatori. Oggi la cannabis rimane la sostanza illecita più consumata tra i ragazzi di età compresa tra i 15 e i 19 anni. La cocaina, dopo un tendenziale aumento che caratterizza il primo periodo fino al 2007, segna una costante e continua contrazione della prevalenza di consumatori fino al 2011, stabilizzandosi negli anni successivi, anche se con una certa variabilità. In costante e continuo calo il consumo di eroina sin dal 2004, anno in cui è stata osservata la prevalenza di consumatori più elevata nel periodo di riferimento, pur rimanendo a livelli inferiori al 2%. Negli ultimi anni il fenomeno si è stabilizzato con un ulteriore lieve calo nel 2014. Consumo di sostanze stupefacenti nella popolazione scolastica (15-19 anni) DROGA Figura 2: Consumo di droghe nella popolazione scolastica Fonte: ESPAD Italia 2000-2008 – Studi SPS-DPA 2010-2014 – Dipartimento Politiche Antidroga
  12. 12. DROGA L’acquisto delle droghe porta i consumatori a stare a contatto con ambienti criminali. L’utilizzo diffuso di ogni genere di droga alimenta la malavita, le mafie che ne gestiscono l’importazione, il traffico e lo spaccio. Ciò può facilitare la permanenza in questi ambienti agevolando la nascita di una subcultura deviante. Oggi la Ndrangheta è una tra le più forti organizzazioni criminali in Italia e detiene ormai il monopolio della cocaina in Europa. Da uno studio riferito all’anno 2012, e riportato nella relazione annuale del 2014 al Parlamento, emerge che, confrontando i quantitativi di sostanze stupefacenti sequestrati in Italia con quelli sequestrati negli altri Paesi europei, il nostro Paese si attesta al 3° e 4° posto rispettivamente per hashish e marijuana ed al 1° posto per il numero di piante di cannabis sequestrate. Per quanto riguarda la cocaina il quantitativo sequestrato in Italia si pone al quinto posto a livello europeo, per l’eroina invece al secondo posto. Infine, i quantitativi sequestrati di amfetamine ed ecstasy si posizionano rispettivamente all’8° e al 13° posto. Droghe e criminalita’
  13. 13. DROGA La dipendenza da una sostanza costosa può indurre i consumatori a compiere atti criminali per ottenere il denaro necessario a finanziare il proprio stato di tossicodipendenza. Queste persone possono compiere reati indiretti come lo spaccio, la prostituzione, aggressioni furti e scippi, ma anche molti reati connessi all’esercizio esclusivo della violenza esercitata verso gli altri, come lo stupro o la violenza domestica, o il consumo, la detenzione, la coltivazione, la produzione, di sostanze stupefacenti. Le nostre carceri sono sempre più popolate da giovani tossicodipendenti: nel 2013 si registrano 62.536 detenuti. Al 31 dicembre i soggetti con problemi droga-correlati presenti in carcere rappresentano il 24% circa del totale della popolazione carceraria. Figura 4: Sostanze stupefacenti sequestrati in Italia rispetto agli altri Paesi europei Figura 3:Sostanze stupefacenti sequestrati in Italia rispetto agli altri Paesi europei Fonte: Bollettino Statistico EMCDDA 2014
  14. 14. DROGA Le ragioni per cui i giovani si avvicinano alla droga sono numerose e possono agire contemporaneamente: la curiosità, la moda, la pressione del gruppo, la ricerca del piacere proibito, le difficoltà in famiglia, la quale non riesce ad offrire l’ambiente caldo e rassicurante di cui un ragazzo ha bisogno, difficoltà materiali ed integrazione nella società. L’uso di droghe viene altresì motivato dal bisogno di evadere e rilassarsi, da un rifiuto di un tipo di società e dei suoi valori tradizionali, dalla voglia di sembrare più grandi, dal desiderio di ribellarsi. La droga, lentamente, gradualmente, ma inesorabilmente si impadronisce di chi la assume; tutto passa in secondo piano:gli affetti, il lavoro, la salute, la dignità. Blocca tutte le sensazioni, quelle desiderabili così come quelle indesiderabili. Perciò, mentre forniscono un aiuto immediato per dar sollievo al dolore, spazzano via capacità e prontezza, e annebbiano il pensiero. L’ utilizzo di droga saltuario o cronico comporta un pericolo sia per l’individuo che ne fa uso sia per l’intera collettività in cui lo stesso è inserito. Relativamente agli incidenti dovuti alla guida come conseguenza delconsumo di droghe, si rileva una diminuzione del numero totale dei feriti (-3,2%) e degli incidenti stradali (-2,9%), mentre il numero di decessi aumenta (+17,1%). In accordo con l’aumento dei consumi di cannabis riscontrati nelle indagini epidemiologiche e nelle rilevazioni campionarie di acque reflue, anche il ricorso alle cure ospedaliere da parte dei consumatori di queste sostanze è aumentato nel 2012. Si registra anche un lieve aumento dei ricoveri per uso di allucinogeni, di antidepressivi, di barbiturici e di soggetti poliassuntori. Si segnala, invece, una contrazione dei ricoveri per uso di oppiacei, per uso di amfetamine e per uso di cocaina. L ‘ età più rappresentata tra i pazienti ricoverati per abuso di cannabis è la fascia 20-24 anni, tra i ricoverati per abuso di cocaina è 35- 39 anni, tra i ricoverati per eroina è 40-44 anni e per i pazienti ricoverati per abuso di barbiturici è 45-49 anni. Giovani e droga
  15. 15. Tutti i tipi di droghe sono un veleno, un veleno per il corpo e per la mente. La droga è una tappa di un percorso che inizia ancora prima, con manifestazioni che non sanno di sostanze chimiche, ma che esprimono difficoltà, mal d’essere,dolore mascherato. La droga è quella mano tesa pronta a tirarti dentro il baratro appena sei più vulnerabile: NON AFFERRARLA! Fai una scelta intelligente: RESTA LIBERO E SANO!!! Ogni giorno siamo portati a fare delle scelte, scegli di non dipendere da sostanze: chi è schiavo di alcool e droghe perde progressivamente la propria libertà e la propria capacità di autodeterminarsi. Sogni da costruire, futuro da realizzare, non sostanze da cui dipendere: scegli di farti una risata, una foto, una cultura, una vita… non farti scegliere! Prendi la tua indipendenza e conquista la tua libertà RISPETTA TE STESSO Se hai problemi di alcool o droga puoi rivolgerti: - SER.T. Corigliano Calabro Via Stevenson, 8 87064 - Corigliano Calabro Scalo (CS) Telefono: 0983/880416 - Associazione Mondiversi Onlus Via M. Montessori, snc 87064 - Corigliano Calabro (CS) Telefono: 0983/031492 www.mondiversi.it
  16. 16. ROMÂNE "Ecologic" pentru a consolida cultura noastră și teritoriul nostru și pentru a le proteja de crima, care este primul și cel mai periculos formă de poluare și degradare a țesături noastre sociale a comunității noastre. "Respect te" pentru a afirma libertatea si demnitatea de a timid departe de orice fel de dependență și supunere, să scape de pericolele de riscurile de droguri, jocuri de noroc, alcool camătă. "Respect alții" să recunoască în drepturile inalienabile ale fiecărei persoane și pentru combaterea tuturor formelor de abuz, exploatare și violență.
  17. 17. ROMÂNE DEPENDENȚA DE ALCOOL ȘI DROGURI Legea trece prin respectarea regulilor, dar de asemenea, prin combaterea dependențe. Dependenta de alcool si dependenta de toxice: Cauză o pierdere gravă de capacității lor de a auto-determinate. Reducerea capacitatea de auto-control și stăpânire de sine. Distruge legăturile de reciprocitate cu alții. Distruge legăturile emoționale, legăturile de familie, relațiile cu prietenii, abilități de lucru. Poate duce la datorii și pentru a face acte criminale de a obține bani în mod ilegal
  18. 18. ROMÂNE Înfiecare zi suntemcondușisăfacăalegeri, alegesă nu depindă de substanțe nocive: cine este un sclav de alcool șidroguripierdetreptatlibertateașicapacitatea lor de a auto-determinare. Visele de a construi, de a crea înviitor, să nu depindă de substanțele: alegețipentru a obține un râs, o fotografie, o cultură, o viață ... nu te alege! Iaindependențașicucerilibertatea. Respecta-te. Pentru informatii: - SER.T. Corigliano Calabro Via Stevenson, 8 87064 - Corigliano Calabro Scalo (CS) Telefono: 0983/880416 - Associazione Mondiversi Onlus Via M. Montessori, snc 87064 - Corigliano Calabro (CS) Telefono: 0983/031492
  19. 19. ROMÂNE
  20. 20. Ti invitiamo a registrarti al nostro forum: legalmentegiovani.mondiversi.it Partecipa alle discussioni, Esprimi il tuo parere, il tuo punto di vista, Condividi con noi le tue esperienze. Visita il nostro sito: www.mondiversi.it Te invitam să te înregistrezi în grupul nostru: legalmentegiovani.mondiversi.it participa la discuții exprima părerea ta, si punctul tău de vedere, povestestene experiențele tele. Vizită situl: www.mondiversi.it legalmentegiovani.mondiversi.it www.mondiversi.it
  21. 21. Diffondiamo insieme la cultura della LEGALITA’! Vorbim împreuna la cultura si le LEGI! Legalmente Giovani seguici su legalmentegiovani.mondiversi.it Forum

    Be the first to comment

    Login to see the comments

Campagna "Vivi nella Legalità"

Views

Total views

460

On Slideshare

0

From embeds

0

Number of embeds

224

Actions

Downloads

3

Shares

0

Comments

0

Likes

0

×