Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

La forza delle donne contro la violenza (mondiversi.it)

Finanziato dalla REGIONE CALABRIA

A cura del Centro Antiviolenza Fabiana Stampa:
Progetto: “Seminari Controviolenza”

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

La forza delle donne contro la violenza (mondiversi.it)

  1. 1. REGIONE CALABRIA Dipartimento Lavoro, Formazione e Politiche Sociali - Settore 7 Pari Opportunità, Politiche di Genere, Volontariato, Servizio Civile e Immigrazione La forza delle donne contro la violenza CENTRO ANTIVIOLENZA
  2. 2. E’VIOLENZA CONTRO LE DONNE QUALSIASI AZIONE O MINACCIA DI AZIONE, CHE AVVIENE NELLAVITA PUBBLICA O PRIVATA, CHE LE PROVOCANO O POSSONO PROVOCARLE UN DANNO O UNA SOFFERENZA FISICA, SESSUALE, PSICOLOGICA O ECONOMICA. È violenza uno schiaffo, uno spintone, un morso, un calcio.   È violenza insultare, umiliare, svalorizzare, aggredire verbal- mente.   È violenza intimidire, perseguitare, ogni forma di imposizio- ne o coinvolgimento in atti sessuali contro la tua volontà. È violenza essere tormentata con sms, telefonate, apposta- menti davanti a casa o al luogo di lavoro, scritte offensive e ricatti (stalking).   È violenza privare o limitare la tua libertà di frequentare amici, familiari, di studiare, di svolgere il tuo lavoro. Spesso pensiamo che solo un perfetto sconosciuto possa compiere atti di violenza su una donna e invece è tra le mura domestiche che si consumano la maggior parte degli abusi. La violenza è un fenome- no trasversale, che può coinvolgere donne di ogni età, di ogni ambiente so- ciale, con diversa scolarità e professione. La violenza è un grave evento traumatico, un’e- sperienza intollerabile che annienta il senso di integrità personale, pro- vocando conseguenze fi- siche, psicologiche, sociali e pesanti ricadute anche a distanza di tempo. Cosè la violenza
  3. 3. …CHE APPAIANO PIÙ O MENO EVIDENTI, OPPURE QUASI INVISIBILI AGLI OCCHI O MASCHERATE…TUTTE QUESTE AZIONI SONO COMUNQUE FORME DIVIOLENZA, INACCETTABILI E PERICOLOSE PER LAVITA, LA SALUTE E LA DIGNITA’DELLE DONNE. È violenza privarti dei mezzi di sostentamento per te e per i tuoi figli e ogni forma di controllo sulla tua autonomia economica. E’violenza accusarti di non essere una brava donna, una brava madre e una buona moglie. È violenza controllare ogni tuo movimento, le tue mail, i tuoi profili social, le tue telefonate e i tuoi sms. E’ violenza criticare continuamente il tuo modo di parlare, di muoverti, di vestire. È violenza il terrore psicologico esercitato sul posto di lavoro, attraverso comportamenti aggressivi e vessatori ripetuti, da parte di colleghi o superiori che hanno come scopo il licenziamento (mobbing). Molte donne continuano a subire, ritenendo che sia meno dannoso per Sé e per gli altri cercare di gestire dall’interno una situazione di violenza e/o maltrattamento piuttosto che cercare aiuto all’esterno o procedere in un’ azione di rottura. Cosè la violenza Nella relazione violenta si stabilisce un rapporto di coppia diseguale, non pa- ritario, nel quale l’uomo esercita potere sulla don- na e la controlla. La violenza non è mai un fatto occasionale o incon- trollato e si può manifesta- re anche dopo anni di rela- zionecreandonellavittima confusione e paura. Scopo della violenza è esercitare potere e controllo sulla donna
  4. 4. Il ciclo della violenza LA SPIRALE DELLAVIOLENZA La violenza all’interno delle relazioni di coppia si manifesta e si sviluppa in cicli che possono avere frequenza e durata variabili; con il tempo, solitamente, le fasi del ciclo si accorciano e l’intensità della violenza aumenta. L’innesco del cosiddetto “ciclo della violenza” è preceduto da un comportamento strategico dell’uomo mirante a isolare la donna e a farle rompere ogni legame signi- ficativo di tipo familiare, amicale e con il lavoro. Quando la violenza è radicata, i cicli si ripetono come una spirale. Con il passare del tempo, i cicli accelerano di crescente intensità, la fase di luna di miele si riduce e le prime due fasi diventano più frequenti, con conseguenze più gravi per la donna. Questo rituale chiamato “ciclo della violenza” è stato definito come: “il progressivo e rovinoso vortice in cui la donna viene inghiottita dalla violenza continuativa, sistematica e quindi ciclica da parte del partner”.
  5. 5. Il ciclo della violenza 1° FASE: CRESCITA DELLA TENSIONE L’uomo non esercita direttamente la violenza, ma questa trapela dalle espressioni, dai gesti, dalle parole che utilizza, dal silenzio ostile e dagli atteggiamenti scontrosi, dalle minacce, insulti, controllo sulla vita quotidiana. La donna si isola e rompe ogni legame importante vivendo in uno stato di allerta e accumulo di stress. 2° FASE: ESPLOSIONE DELLA VIOLENZA Inizia il maltrattamento vero e proprio, che arriva spesso in modo inaspettato. La donna è incredula perché, nonostante la tensione, non si sarebbe mai aspettata di essere aggredita. Di solito la violenza fisica inizia con le spinte o le braccia afferrate con forza e ritorte in modo minaccioso, per poi arrivare agli schiaffi, ai pugni, ai calci e persino all’uso di oggetti contundenti e armi. 3° FASE: PENTIMENTO E ATTENZIONI AMOREVOLI O DI “LUNA DI MIELE“ L’uomo colto da paura e senso di colpa, si giustifica, offre delle spiegazioni. Attraverso le scuse, il pentimento, le promesse di cambiamento, chiede e ottiene il perdono. La donna accoglie il partner e le sue false richieste d’aiuto, minimizza la tensione e nasconde a se stessa e all’esterno il proprio disagio e la pericolosità della situazione. FASE: SCARICO DELLE RESPONSABILITA’ L’uomo attribuisce la colpa del suo comportamento a cause esterne, come il lavoro stressante, la situazione economica etc. , e soprattutto alla donna che lo ha provocato o ha fatto qualcosa che giustifica la sua aggressione. Nella donna prevale il senso di colpa per non essere stata come l’uomo voleva o si aspettava. Il ciclo della violenza LA SPIRALE DELLAVIOLENZA
  6. 6. Riconoscere laviolenza Impara a riconoscere i segnali di una relazione VIOLENTA Non c’è una coppia “normale” esente da conflitti, poiché ciascuno è diverso dagli altri per interessi, personalità, desideri, obiettivi. La differenza tra le coppie sta nel modo in cui affrontano i conflitti, non sulla presenza o assenza di contrasti. I comportamenti che ti indicano pericolo di una relazione sentimentale dannosa e che all’inizio possono anche fare piacere, ed essere scambiati per “attenzioni speciali”, riguardano: La gelosia eccessiva ed il controllo (vuole sapere dove sei o con chi sei, ti assilla se ti vede in compagnia di qualcuno, controlla i tuoi movimenti, il tuo telefono, il tuo computer) La richiesta di accelerare i tempi della relazione (ti chiede nel giro di pochissimo tempo di andare a vivere insieme o di sposarlo o di avere subito un bambino) La presenza totalizzante in ogni momento della giornata (ti accompagna e ti viene a prendere sempre a scuola, a lavoro, ti chiama ripetutamente al telefono, ti invia continuamente messaggi) L’intrusione nelle scelte della tua vita e nella tua libertà (si intromette relativamente al tuo corso di studi o al tuo lavoro, alle persone che frequenti, al modo come ti vesti, al tuo stile)
  7. 7. Riconoscere laviolenza Impara a riconoscere i segnali di una relazione VIOLENTA In una relazione violenta, il primo segnale che avverti è la “sofferenza”. Non trascurarlo. Incominci a stare male. Ma può essere difficile distinguere questo malessere dai senti- menti che provi e collegarlo al modo di comportarsi del tuo partner Fai attenzione a questi suoi comportamenti - Svaluta quello che fai, ti ridicolizza d’avanti agli altri, non ti dà fiducia e sospetta di te - Ti rimprovera per tue presunte mancanze o per i tuoi presunti sbagli, per le tue amicizie attuali o passate, per le tue idee - Ti accusa di non esserci mai mentre lui non ha orari ed è imprevedibile Ascolta te stessa - Il suo arrivo ti mette ansia; la sua vicinanza non ti dà serenità, viceversa ti fa stare in allerta e ti intimidisce - Sei preoccupata che non sia contento di te e hai paura delle sue reazioni - Ti senti inadeguata, insicura per come sei, incerta su cosa fare Incominci a pensare che Hai sbagliato tu qualcosa, che non sei una buona compagna o moglie o madre e che si arrabbia giustamente Devi cambiare: essere più comprensiva, capirlo di più, saperlo prendere Sei tu responsabile dei litigi, delle incomprensioni, delle cose che non vanno Prendere consapevolezza di quanto sta accadendo è molto difficile… ma è il primo passo per ricominciare a volere bene a te stessa. Non giustificare comportamenti sbagliati ed aggressivi ti aiuta a capire che sei vittima di violenza
  8. 8. Uscire dalla violenza A CHI CHIEDERE AIUTO CENTRO ANTIVIOLENZA FABIANA Il Centro Antiviolenza Fabiana nasce ad ottobre del 2013, a se- guito della tragica scomparsa della giovane Fabiana Luzzi av- venuta il 24 maggio dello stesso anno, vittima di femminicidio Fabiana era una bella, dolce e vivace ragazzina di neanche 16 anni, li avrebbe compiuti il 13 Luglio, con le fragilità, i desideri, le inquietudini e i sogni di una sedicenne e, si credeva, con una vita davanti a sé. VivevaaCoriglianoCalabro;studiavadaundiciannidanzaclas- sica presso la scuola di danza “The Center Ballet”; frequentava la classe I A dell’Istituto Tecnico Commerciale Statale “Luigi Pal- ma”; grande fan di Emma Marrone ed Alessandra Amoroso. Fabiana amava la vita, la sua famiglia, le sue tre sorelle maggio- ri Sonia, Sara e Marika e i suoi tanti amici. Tutti l’adoravano. contatti: Tel. 0983 031388 www.mondiversi.it Centro Antiviolenza Fabiana
  9. 9. Uscire dalla violenza A CHI CHIEDERE AIUTO CENTRO ANTIVIOLENZA FABIANA Il Centro Antiviolenza Fabiana è un servizio gratuito che ha lo scopo di aiutare donne che subi- scono violenza da parte di uomini. Il Centro Antiviolenza si propone come uno spazio adeguato di accoglienza, ascolto, sostegno, consulenza e orientamento, offre una serie di servizi integrati per affrontare il problema alla radice e per facilitare il processo di uscita dalle situazioni di vio- lenza, nel rispetto della libertà e della volontà della donna. Il Centro è gestito da operatrici esper- te, consulenti legali, psicologhe, educatrici e assistenti sociali che interagiscono e supportano la donna nel percorso di fuoriuscita dalla situazione di violenza. CentroAntiviolenzaFabiana-ViaM.Montessori-CoriglianoRossano(AreaCorigliano) E’apertodaLunedìaVenerdìdalleore9.00alleore12.30edalleore16.00alleore19.30. PuntoAscoltoFabiana -VialedellaRepubblica(SedeComunale)-Trebisacce E’apertoMercoledìeVenerdìdalleore16,00alleore 18,00 LaboratorioAntiviolenza-ViadeiCinquecento,3-CoriglianoCentro contatti: Tel. 0983 031388 www.mondiversi.it Centro Antiviolenza Fabiana
  10. 10. Uscire dalla violenza A CHI CHIEDERE AIUTO CASA RIFUGIO MONDIVERSI La casa Rifugio è una struttura dedicata alle donne vittime di violenza o maltrattamento e ai loro figli minorenni, indipendentemente dal loro luogo di residenza e della loro cittadinanza, “in Fuga” da situazioni ad alto rischio o comunque nella necessità di abbandonare il proprio alloggio e senza mezzi per autosostenersi. La Casa, ad indirizzo segreto, vuole fornire un luogo sicuro, con l’obiettivo di proteggere le donne ed i loro figli e di salvaguardarne l’incolumità fisica e psichica. Risponde pertanto anche a criteri di pronta disponibilità, in attesa dell’elaborazione di un piano individualizzato di fuoriuscita dalla situazione di violenza. La Casa è aperta h 24 e per tutti i giorni dell’anno. L’accoglienza per le donne ed i loro figli, le prestazioni ed i servizi forniti sono gratuiti. L’ingresso nella Casa Rifugio avviene contattando il Cav Fabiana - Tel. 0983 031388 contatti: Tel. 0983 031388 www.mondiversi.it Centro Antiviolenza Fabiana
  11. 11. Ricordati comunque che non sei sola IN CASO DI EMERGENZA, IN QUALSIASI MOMENTO, PUOI RIVOLGERTI A: •  Carabinieri112 •  Polizia113 •  Pronto soccorso118 1522 •  Numero verde nazionale antiviolenza Uscire dalla violenza
  12. 12. Stereopiti eLuoghi Comuni Cisonoalcunimodidipensarecheinqualchemodogiustificanolaviolenza. Laviolenzaèunfenomenotrasversale chepuòmanifestarsianchenellenostrecase, nellenostrefamiglie, nellenostrerelazioni. Si  crede  che  ….   i  panni  sporchi  si  lavano   in  casa… ……invece  è    fondamentale  che  la  violenza   venga  alla  luce  e  che  le  donne   cerchino  aiu3  esterni Si  crede  che  ….   riguardi    solo  le  fasce  sociali     più  disagiate,  con  reddito  e   livello  d’istruzione  bassi     …….invece    è   un  fenomeno  trasversale  che   non  conosce  differenze  di  età,   ricchezza  e  livello  culturale   Si  crede  che  ….   la  violenza  debba  essere   sopportata  per  amore  dei   figli,  perché  i  figli  hanno   bisogno  del  padre...   ……invece  è   i  bambini  crescono  in  modo  più   sereno  con  un  genitore   equilibrato  piu<osto  che  con  due   genitori  in  confli<o   Si  crede  che  ….   la  violenza  debba  essere   sopportata  per  amore  dei   figli,  perché  i  figli  hanno   bisogno  del  padre...   ……invece  è   i  bambini  crescono  in  modo  più   sereno  con  un  genitore   equilibrato  piu<osto  che  con  due   genitori  in  confli<o  
  13. 13. Pensa alla tua relazione. Rispondi al test………………Il tuo partner SI NO Cerca di limitare i tuoi rapporti con la tua famiglia o i tuoi amici Ti impedisce o cerca di impedirti di lavorare, anche solo scoraggiandoti Ti impedisce o cerca di impedirti di studiare o di fare altre attività che ti portano fuori casa Ti impone come vestirti, pettinarti o comportarti in pubblico È costantemente dubbioso della tua fedeltà Ti segue o controlla i tuoi spostamenti in un modo che ti spaventa o imbarazza Ti impedisce di gestire il tuo denaro e quello della famiglia Ti proibisce di uscire Ti ha mai danneggiato o distrutto cose tue Ti ha mai lanciato e/o rotto oggetti allo scopo di spaventarti Ti ha mai minacciata di colpirti con un oggetto o tirato qualcosa addosso Ti ha mai minacciata di portarti via i figli Ti ha mai minacciata di colpirti fisicamente, strangolarti, soffocarti, ustionarti Ti ha mai minacciata di spingerti/strattonarti /storcerti un braccio/tirarti capelli/picchiarti Ti ha mai minacciata o costretta ad avere rapporti sessuali contro la tua volontà Ti ha mai aggredita fisicamente
  14. 14. Dedicato a Fabiana Alle donne vittime di violenza a coloro che continuano a lottare per affermare il diritto delle donne A cura del Centro Antiviolenza Fabiana Edizione Mondiversi onlus Foto di Copertina: Sonia Leonino e Francesco Verardi Stampa: Tipografia Orlando Anno pubblicazione:2015 Finanziato dalla REGIONE CALABRIA Dipartimento Lavoro, Formazione e Politiche Sociali Settore 7 - Pari Opportunità, Politiche di Genere, Volontariato, Servizio Civile e Immigrazione Progetto: “Seminari Controviolenza” A cura del Centro Antiviolenza Fabiana Stampa: Tipografia Orlando sas Anno pubblicazione: 2019 Dedicato a Fabiana Alle donne vittime di violenza a coloro che continuano a lottare per affermare il diritto delle donne A cura del Centro Antiviolenza Fabiana Edizione Mondiversi onlus Foto di Copertina: Sonia Leonino e Francesco Verardi Stampa: Tipografia Orlando Anno pubblicazione:2015

×