Solfatara di pozzuoli ita

812 views

Published on

La Solfatara di Pozzuoli visitata con George. Più pericolosa del Vesuvio

Published in: Education
4 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
812
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
18
Comments
4
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Solfatara di pozzuoli ita

  1. 2. La Solfatara di Pozzuoli è uno dei 40 vulcani che costituiscono i Campi Flegrei ed è ubicata a circa tre chilometri dal centro della città di Pozzuoli . Si tratta di un antico cratere vulcanico ancora attivo ma in stato quiescente che da circa due millenni conserva un'attività di fumarole d' anidride solforosa , getti di fango bollente ed elevata temperatura del suolo [ : altre attività simili si riscontrano anche in altre parti del mondo e vengono indicate con il nome di solfatare proprio per la similitudine con quella puteolana. La Solfatara rappresenta oggi una valvola di sfogo del magma presente sotto i Campi Flegrei, grazie alla quale si riesce a mantenere una pressione costante dei gas sotterraneiLa Solfatara, nome col quale viene indicato il cratere piuttosto che l'intero edificio vulcanico ha una forma ellittica con diametri di 770 e 580 metri, mentre il perimetro è di 2 chilometri e trecento metri; la parte più alta della cintura craterica è posta a 199 metri ed è chiamata monte Olibano [ mentre il fondo del cratere è posto a 92 metri sul livello del mare.La visita alla solfatara viene svolta solitamente in senso antiorario seguendo il perimetro del cratere , ove si concentrano la maggior parte delle attività vulcaniche: dopo aver superato un bosco di querce ed una zona con la tipica vegetazione della macchia mediterranea [4] si arriva ad un belvedere da dove è possibile osservare l'intera area del cratere. Si prosegue poi per il pozzo d'acqua minerale, la fangaia, le cave di pietra trachite, la grande fumarola e le stufe antiche.Il Pozzo d'acqua minerale ha una profondità di circa 10 metri e la sua falda varia nel tempo a seconda sia delle precipitazioni sia per l'effetto del bradisismo : nel 1913 la temperatura dell'acqua, che ha un sapore asprigno, simile al limone, era di 70°. L'attuale pozzo fu costruito nel '800 e serviva sia per cure termali che per estrarre allume : infatti analisi dell'acqua, effettuate da Sabatino De Luca, un noto chimico dell' università di Napoli , rivelarono un contenuto di allume, ossidi di zolfo , solfati di calcio , magnesio , ed altri minerali. L'acqua termominerale della Solfatara veniva attinta fin dal medioevo . Per Pietro da Eboli il Balneum Sulphatara era ritenuto miracoloso per la cura della sterilità femminile, ridando fecondità alle donne sterili: in miniatura del Codice Angelico si notano donne immerse fino alla vita in una vasca esagonale in muratura mentre tra le rocce un personaggio incrementa con un soffietto le fiamme e le esalazioni provenienti da varie fumarole a forma di vulcanetti. Quest'acqua inoltre era utilizzata per alleviare i sintomi del vomito , dei dolori allo stomaco ed ancora guariva dalla scabbia , distendeva i nervi , acuiva la vista e toglieva la febbre coi brividi.La Fangaia è formata da acqua piovana e da condensazione del vapore acqueo che mescolandosi con materiale argilloso forma del fango , il quale con le alte temperature del suolo ribolle. Il fango, utilizzato anche per fini termali, è ricco di minerali quali boro , sodio , magnesio , vanadio , arsenico , zinco , iodio , antimonio , rubidio ; dalla Fangaia fuoriescono anche dei gas , ad una temperatura che si aggira tra 170° e 250° gradi, e dalla composizione varia. Sulla superficie del fango si notano delle striature scure, le quali costituiscono colonie di batteri , chiamati Sulfolobus solfataricus , che riescono a sopravvivere alle alte temperature e riscontrate solo in tali luoghi.Le Cave di pietra trachite offre la possibilità di osservare l'antica attività mineraria che si è svolta fino intorno agli anni cinquanta del XX secolo : si estraeva oltre alla pietra alchitrachite anche allume e bianchetto.La Bocca Grande è la principale fumarola della Solfatara con il vapore, dal caratteristico odore di zolfo simile ad uova marce, che raggiunge temperature di circa 160°. Denominata dagli antichi Forum Vulcani , nei suoi vapori si trovano sali come il realgar , il cinabro e l’ orpimento che posandosi sulle rocce circostanti danno una colorazione giallo-rossastra. Nelle sue vicinanze, il vulcanologo tedesco Immanuel Friedländer, fece edificare un osservatorio all'inizio del '900, poi crollato a seguito del bradisismo e dell'aumento dell'attività della fumarola.Le Stufe Antiche , realizzate nel '800 ed in seguito rivestite di mattoni , sono due grotte naturali che utilizzando i vapori delle fumarole erano sfruttate ai fini termali: chiamate una del Purgatorio e l'altra dell'Inferno a causa della variazione di temperatura tra le due, oggi non sono più utilizzate. Nel periodo in cui venivano effettuate le cure termali le persone potevano sostare al loro interno soltanto alcuni minuti: ciò causava un'eccessiva sudorazione e si inalavano vapori solfurei ritenuti ottimali per la cura di patologie delle vie respiratorie e della pelle . Nelle vicinanze delle stufe è possibile ritrovare cristalli di zolfo e allume
  2. 4. Antonio e Gina,moglie di George iniziano il percorso
  3. 6. George ammira il cratere
  4. 9. Antonio da a Gina e George notizie sulla Solfatara
  5. 17. Gina e Antonio percorrono il sentiero obbligato nel cratere
  6. 28. E’ davvero bollente!
  7. 29. Tina mia moglie prova ad avvicinarsi
  8. 50. La temperatura nel cratere è insopportabile ma noi ci accingiamo ad andare a cena in uno splendido ristorante sul mare [email_address] Fotografie ed elaborazioni originali di Antonio Florino

×