Lasagna Povera

936 views

Published on

Piatto di pasta imbottita buonissimo con ragout Napoletrano provola ricotta e polpettine di carne fritte

1 Comment
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
936
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
25
Comments
1
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Lasagna Povera

  1. 1. Lasagna povera Il povero si riferisce solo al fatto che sono stati omessi alcuni ingredienti Monsù Tina by Aflo
  2. 2. Oltre alla ricotta,la Provola di Bufala Campana l’immancabile ragout non abbiamo usato il rimanente dell’imbottitura:cervellatina,cicoli,salame ecc conservando solamente le polpettime fritte come quelle che state ammirando appena levate di padella
  3. 3. Prepariamo un pentolone di ragout di carne alla Napoletana-chi ha bisogno della ricetta può chiederla a parte altrimenti questa PPS diventerebbe una Divina Commedia-
  4. 4. Mettiamo 400 gr di ricotta in una terrina con un paio di ramaioli (coppini) di ragout
  5. 5. Rigiriamo la ricotta nel sugo facendola diventare una crema
  6. 6. Nel frattempo avremo messo l’acqua a bollire e possiamo mettere le lasagne a scottare,mi raccomando solo un minuto per perdere l’amido in eccesso
  7. 7. Mentre le lasagne si scottano creiamo un letto di sugo in una teglia da forno
  8. 8. Coliamo le lasagne
  9. 9. Poggiamo le lasagne su un canovaccio da cucina per lavorare con comodo
  10. 10. Rivestiamo la teglia da forno con le lasagne,non è facilissimo perché la pasta èpraticamente cruda aiutandoci con il ragout che ci aiuta nel sistemare le lasagne
  11. 11. Cominciamo a spalmare con un cucchiaio la ricotta
  12. 12. Procuriamo circa 500 gr.di provola di bufala Campana e tagliamola a pezzetti
  13. 13. Spargiamole sul letto di lasagne,ragout e ricotta cremosa con salsa
  14. 14. Comincia a comparire il primo strato
  15. 15. Non risparmiate sul parmigiano
  16. 16. Proseguite con un altro strato di pasta
  17. 17. … ragout
  18. 18. … ricotta
  19. 19. … provola
  20. 20. … polpettine
  21. 21. … parmigiano
  22. 22. E si ripete, pasta ragout
  23. 23. Ricotta ,provola
  24. 24. Polpettine,parmigiano
  25. 25. E ancora pasta ,ragout,ricotta
  26. 26. provola
  27. 27. E ancora polpettine
  28. 28. Con l’ultimo strato abbiamo finito la preparazione
  29. 29. Ora in forno a 180° gradi per circa 20 minuti
  30. 30. Io inganno l’attesa con un la compagnia del PC e della Franciacorta omaggio graditissimo di Daniela
  31. 31. il tempo è trascorso lasciamo riposare per circa dieci mnuti
  32. 32. In ogni caso anche avendo atteso attenzione all’effetto Vesuvio
  33. 33. La prima fetta appare sempre un pochino maltrattata
  34. 34. Avrete certo notato e criticato lo scarsissimo uso di besciamella ma a Napoli il ragout è quello delle tradizioni della famiglia che vi ospita,ognuno pensa di essere il custode della ricetta del vero ragout e comunque sarà difficilissimo trovare un piatto napoletano in cui la si adopera
  35. 35. Non resta che distruggere con gusto il capolavoro che ci ha portato via tanto tempo. Buona fame a tutti monsù Tina by Aflo antonio.florinogmail.com

×