Il pozzo di s patrizio

733 views

Published on

Oggi un pochino di cultura e di arte che in Italia abbonda
Aflo

7 Comments
1 Like
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
733
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
25
Comments
7
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Il pozzo di s patrizio

  1. 1. by Aflo Orvieto visita al Pozzo di s. Patrizio
  2. 2. Il Pozzo fu costruito da Sangallo il Giovane su commissione di Papa Clemente VII per assicurare i rifornimenti idrici alla città e alla Rocca in caso di assedio
  3. 3. Lo raggiungiamo attraverso il viale Sangallo , attualmente alla destra della funicolare
  4. 4. Appare come una costruzione circolare poco appariscente accanto alla Rocca costruita vicino alla Porta Postierla adesso Porta Rocca
  5. 5. Come si può vedere ancora oggi l’acqua è importante
  6. 6. Il Sangallo ricordando la Chiocciola del Belvedere in Vaticano,ideò una doppia gradonata elicoidale
  7. 7. La gradonata si sviluppa intorno ad un cilindro profondo 53,15 metri
  8. 8. Una vera scoperta per i turisti
  9. 9. … e le foto ricordo sono d’obbligo
  10. 10. Il doppio percorso a spirale è scavato nel tufo fino a circa la metà e poi costruito in mattoni, era areato dall’alto da settanta finestroni come vediamo
  11. 11. Le due scalinate sono composte da 248 gradini ciascuna
  12. 12. La doppia rampa è identica geometricamente parlando alla doppia elica del DNA scoperta nel 1951
  13. 13. Il gioco della prospettiva visiva fa si che chi scende si trova di fronte a chi sale
  14. 14. Mentre gli appare distante chi,procedendo nella stessa direzione si trova appena di qualche passo o sopra o sotto
  15. 15. Sul fondo, il livello dell’acqua,alimentato da una sorgente naturale, si mantiene costante per via di un’emissario che fa defluire la quantità eventualmente in eccesso
  16. 16. In tal modo il ponte che unisce le due scale è sempre praticabile
  17. 17. Consentendo alle bestie da soma ed oggi ai turisti
  18. 18. Di accedere alla scala che sale
  19. 19. Consentendo di raggiungere l’uscita
  20. 20. Attraverso una porta di uguale fattura ma in direzione opposta a quella dell’ingresso.
  21. 21. Clemente VII non vide il termine dell’opera che fu portata a termine da Simone Mosca nel 1543
  22. 22. … e allora sedeva sul soglio pontificio Paolo III
  23. 23. I lavori furono un’involontario scavo archeologico perché in fondo furono trovati corredi funerari ti tombe etrusche
  24. 24. Non c’è da meravigliarsi essendo visibile a pochi metri dal pozzo il Tempio del Belvedere
  25. 25. Dedicato a Tinia e datato al V° secolo a.C.
  26. 26. Il Pozzo è riconosciuto come una delle ‘Tre meraviglie di Orvieto’ ma solo nell’800 assunse la denominazione di Pozzo di S.Patrizio
  27. 27. Fino ad allora era stato chiamato il Purgatorio di S. Patrizio denominato così dai frati dei Servi di Maria che sfruttarono la leggenda del Patrono di Irlanda dove esiste un pozzo simile e profondissimo così chiamato ma di questo vi accennerò alla fine
  28. 28. Oggi i turisti in visita usano buttarvi monetine come impegno a tornarvi
  29. 29. Ecco due finestroni assolutamente simmetrici
  30. 30. Davvero impressionante l’imboccatura del Pozzo vista dal fondo
  31. 31. Meglio risalire. Non sarà agevole come la discesa e non dimentichiamo che sono 248 scalini da percorrere e non proprio agevoli
  32. 32. L’ultima prova consiste nel superare questi tornelli ingegnosi nella costruzione ma piuttosto ardui da superare
  33. 33. I visitatori ne escono con qualche difficoltà, Tina
  34. 34. Salvatore 1
  35. 35. Ettore
  36. 36. Salvatore 2
  37. 37. … e Lidia,non io,la mia pancia me lo avrebbe impedito
  38. 38. In fine devo ricordare che S.Patrizio è stato un Santo Evangelizzatore dell’Irlanda,una figura importante di transizione tra la religione Celtica e il Cristianesimo e si diceva che pregasse in una caverna molto profonda in un’isolotto dell’isola di Derg nell’Irlanda Nord Occidentale perché solo li poteva esserci il contatto con l’aldila.
  39. 39. All’entrata c’è la scritta “QUOD NATURA MUNIMENTO INVIDERAT INDUSTRIA ADIECIT” ( ciò che non aveva dato la natura procurò l’industria ) ed ora tocca a voi controllare tutto questo che vi ho raccontato per immagini sul posto e mi ringrazierete. A presto antonio,.florino@gmail.com by Aflo

×