L'uomo che vinse la guerra

2,856 views

Published on

Da Renato De Rosa

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,856
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
18
Actions
Shares
0
Downloads
17
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

L'uomo che vinse la guerra

  1. 1. L’UOMO CHE VINSE LA GUERRA
  2. 2. Jasper Maskelyne nacque nel 1902 da una famiglia di illusionisti inglesi. Negli anni ’30 e ’40 si guadagnava da vivere proponendo i suoi trucchi di magia sul palcoscenico.
  3. 3. Allo scoppio della seconda guerra mondiale propose all’esercito di applicare le tecniche dell’illusionismo alle azioni di guerra. Per superare lo scetticismo dei comandanti creò l’illusione di una nave da guerra tedesca sul Tamigi utilizzando un modellino e degli specchi.
  4. 4. Nel 1941 fu inviato nel Nord Africa e fu messo a capo di un reparto speciale di quattordici persone composto da restauratori, scenografi teatrali, architetti, falegnami, pittori, ingegneri, chimici. Il reparto fu chiamato “THE MAGIC GANG”
  5. 5. The Magic Gang realizzò moltissimi trucchi. Usando tele dipinte ingannarono il nemico trasformando jeep in carri armati e carri armati in camion.
  6. 6. Costruirono un falso porto di Alessandria, a tre miglia di distanza da quello vero, con falsi edifici, false luci e falsa contraerea. I bombardieri tedeschi colpirono così il bersaglio sbagliato.
  7. 7. Riuscì a mascherare il canale di Suez, salvandolo dalla bombe nemiche, attraverso un gioco di luci e di specchi lampeggianti che disorientò gli aviatori nemici.
  8. 8. Nel 1942, prima della battaglia di El Alamein, decisiva per le sorti della guerra, ingannò il generale tedesco Rommel, facendogli credere che l’attacco inglese sarebbe giunto da sud anziché da nord. Per raggiungere questo scopo trasformò mille carri armati in camion, creò duemila falsi carri armati, costruì una linea ferroviaria fasulla, inviò false comunicazioni con effetti sonori costruiti ad arte.
  9. 9. Dopo la battaglia di El Alamein, quando le sorti della guerra mutarono a favore degli Alleati, The Magic Gang fu sciolta e Jasper Maskelyne non ebbe alcun riconoscimento per la sua geniale opera.
  10. 10. Dopo la guerra ritornò a calcare le scene con i suoi numeri di illusionismo, con scarso successo. Negli ultimi anni della sua vita, vedovo e allontanato dai figli, si trasferì in Kenya, dove aprì una scuola guida. Jasper Maskelyne morì nel 1973.
  11. 11. Non è esagerato affermare che Maskelyne contribuì, in maniera forse decisiva, alla sconfitta del nazismo. Forse per questo non ebbe la gloria che meritava. Lo fece con le sole armi dell’intelligenza, della fantasia, dell’ingegno.
  12. 12. FREE MIND Tecniche e corsi per combattere condizionamenti e barriere mentali con il gioco, il divertimento ed il sorriso [email_address]

×