Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Note articolo - Il 68 "rivoluzionario" nelle scuole legnanesi - di G. Marazzini

78 views

Published on

Note articolo - Il 68 "rivoluzionario" nelle scuole legnanesi. Una esperienza di crescita umana e politica.

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Note articolo - Il 68 "rivoluzionario" nelle scuole legnanesi - di G. Marazzini

  1. 1. Nota 2 1968 LA BATTAGLIA DI VALLE GIULIA In Italia le prime occupazioni universitarie iniziano nel 1966, gli studenti vogliono partecipare alla gestione degli atenei. Nel 1967 il movimento cresce, manifesta apertamente contro la società dei consumi e contro la guerra del Vietnam. In autunno, le grandi occupazioni di Trento, Milano e Torino aprono la strada al ’68. Il 1 marzo dello stesso anno, a Roma, a Valle Giulia, avviene uno scontro senza precedenti nella storia della Repubblica italiana. In quel primo scontro la polizia cerca, senza riuscirci, di sciogliere la manifestazione. Il bilancio di quella mattinata di scontri durata diverse ore è di un centinaio di feriti, 228 fermi e si conclude con dieci arresti. La società e la politica sono impreparate a capire. Anche gli intellettuali si dividono su quanto accaduto. Ma per i giovani italiani del ‘68, la battaglia di Valle Giulia diventa immediatamente un simbolo della contestazione studentesca. Un gruppo di poliziotti davanti alla facoltà di Architettura della Sapienza di Roma a Valle Giulia, 1968
  2. 2. Nota 3 1968 - Primavera di Praga, l'invasione sovietica mette fine al "socialismo dal volto umano". Seimila blindati e mezzo milione di soldati stroncano il sogno della Primavera del 1968 per Praga e per la Cecoslovacchia. L'invasione sovietica decreta la fine del 'socialismo dal volto umano', desiderato dal politico Alexander Dubček, sotto lo sferragliare dei cingoli dei carri armati a scapito del trattato di amicizia, cooperazione e mutua assistenza tra Paesi comunisti. Nella notte tra il 20 e il 21 agosto le truppe di cinque Paesi del Patto di Varsavia invadono la Cecoslovacchia tra l'incredulità della gente che non riesce a considerare nemici i soldati e circonda i carri armati cercando di dialogare in russo con gli occupanti. Dubček chiede di non opporre resistenza, ma alla fine il bagno di sangue è inevitabile: 200 persone muoiono negli scontri. Il politico cecoslovacco, eletto nel gennaio 1968 segretario generale del Partito Comunista (Pcc) e premier dell'allora Cecoslovacchia, è protagonista di un tentativo di introdurre elementi di democrazia in uno dei sistemi più duri del Patto di Varsavia. Con l'elezione, in marzo, dell'ex generale Ludvík Svoboda alla presidenza della Cecoslovacchia, le riforma sociali hanno la strada spianata. All'ordine del giorno c'è la censura che viene parzialmente abolita, il ripristino della libertà di parola e d'opinione e l'apertura delle frontiere. Nel progetto c'è anche la creazione di una Cecoslovacchia federata. Pur non mettendo in discussione la propria fedeltà all'Urss di Leonid Il'ič Brežnev, le riforme cecoslovacche allarmano i russi. Il 3 agosto a Bratislava Dubček incontra Brežnev per rinnovare la sua fiducia, nonché quella del Paese e del partito, all’Unione Sovietica. Ma al Cremlino le rassicurazioni non bastano. Il 24 agosto, Dubček e gli altri esponenti del governo cecoslovacco vengono portati a Mosca e obbligati ad accettare la presenza delle truppe del Patto di Varsavia e a rinunciare al programma di riforme. Comincia l'era della "normalizzazione", ovvero la repressione e il riallineamento all’ortodossia sovietica. Il 16 gennaio 1969 lo studente universitario Jan Palach, senza dire una sola parola, si cosparge di benzina e si dà fuoco in piazza Venceslao. Il mondo plaude al gesto disperato e guarda con ammirazione la vicenda. Centinaia di migliaia di persone partecipano ai funerali del ragazzo e sfidano il regime. Il 17 aprile, però, Dubček viene destituito e il suo posto è rimpiazzato da Gustav Husák. Il sogno della primavera di Praga evapora definitivamente.
  3. 3. Nota 4 La guerra fredda La caserma Zucchi a Cividale L’intero Friuli Venezia Giulia dopo il 1945 è diventato una grande fortezza che, come la “Bastiani” del Deserto dei Tartari di Dino Buzzati, non è mai stata usata per gli scopi che l’avevano vista nascere. Oggi la dissoluzione della grande infrastruttura militare, pensata come una porosa trincea nei confronti del comunismo dilagato oltreconfine, pone molti interrogativi sul significato e sui tempi del riuso di ampie aree che, per qualche decina di anni, erano state rese funzionali alla difesa dei confini. Le domande che dovremmo porci sono: con quali tempi il territorio riassorbirà l’infrastruttura militare oggi in gran parte abbandonata? Quali destinazioni d’uso possono rendere possibile un recupero delle aree? Quanto costerà alla comunità? Il Friuli Venezia Giulia è stata la regione italiana militarizzata per eccellenza, ma oggi lo svuotamento e gli abbandoni avvengono con la più inconsapevole disattenzione dell’opinione pubblica. I siti dismessi sono centinaia e almeno duecento sono già stati venduti o trasferiti dal Ministero della Difesa ad altri enti. Con quali risultati si sono operati i primi riusi? Quali problemi ci sono nel ridefinire le funzioni delle aree militari abbandonate? Quali proposte sono state rese esplicite per recuperare i brani più importanti e testimoniali della non dimenticata, né dimenticabile, guerra fredda? … Tratto dall’articolo di Moreno Baccichet – Rivista “Tiere Furlane” pag.99
  4. 4. Nota 6 Augusto Pinochet Ugarte è passato alla storia come uno dei più disumani dittatori del Novecento, tristemente celebre per la barbara eliminazione dei suoi oppositori. Salì al potere nel 1973 dopo il sanguinoso colpo di Stato che costò la vita all'allora presidente del Cile Salvador Allende e che travolse il legittimo governo. Appena preso il potere cancellò tutti i provvedimenti del precedente governo, dichiarò fuori legge i partiti politici, chiuse il parlamento e distrusse i registri elettorali. Istituì quindi un organo di polizia repressiva che, durante la sua feroce dittatura, dal 1973 al 1990, sequestrò, torturò e fece sparire migliaia di persone, la maggior parte degli oppositori politici di sinistra, accademici, professionisti, religiosi, studenti e operai. Amnesty International e altre organizzazioni chiesero il suo arresto per violazione dei diritti umani, e fu emesso un mandato di cattura internazionale, ma il generale Pinochet morì a Santiago nel 2006 a 91 anni senza che i crimini compiuti nei dolorosi anni della sua dittatura trovarono giustizia. “40 Anni di Lotta e Resistenza”: Londres 38, ex centro di tortura e detenzione a Santiago del Cile.

×