Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Il 68 "rivoluzionario" nelle scuole legnanesi - di G. Marazzini

85 views

Published on

Il 68 "rivoluzionario" nelle scuole legnanesi. Una esperienza di crescita umana e politica.

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Il 68 "rivoluzionario" nelle scuole legnanesi - di G. Marazzini

  1. 1. 1 Il 68’ “rivoluzionario” nelle scuole legnanesi. Una esperienza di crescita umana e politica. di Giuseppe Marazzini Il 1968 è stato l’anno in cui una moltitudine di persone, giovani e meno giovani, prese coscienza che il sistema di dominio politico era marcio e che l’unità dei discriminati e subalterni (operai, contadini, studenti, donne, intellettuali e migranti dal sud) poteva determinare un radicale cambiamento nel sistema di potere in Italia, passando da un sistema politico dominato da poteri occulti ad una democrazia diretta del popolo. Fu una scossa che, oltre l’Italia, investì diversi paesi nel mondo. Il movimento sessantottino era alla ricerca di nuovi linguaggi e di un nuovo sapere, era di sinistra con tanti cattolici, comunisti eretici senza partito ed anarchici. Era un movimento non maggioritario, ma, ciò nonostante, ha saputo incidere concretamente, con le proprie azioni di lotta, sulla struttura gerarchica ed autoritaria che governava il Paese. Era aspramente critico verso la borghesia, rappresentata dal partito della Democrazia Cristiana e contro la “maggioranza silenziosa” di impronta fascistoide, era contro l’imperialismo americano ed era per l’antifascismo militante. Il movimento, in generale, era molto critico anche verso il Partito Comunista Italiano per il suo essere conservatore e rinunciatario verso la lotta di classe, sordo ai nuovi bisogni giovanili e sottomesso all’Unione Sovietica. A riguardo, il punto di vista del PCI lo si può ritrovare nella conclusione di un articolo apparso su Rinascita il 23 giugno 1967 a firma di Giorgio Manacorda: “...risolvere il problema del rapporto tra giovani e partito partendo da un’analisi sincera e benevola (perché questi sono i giovani d’oggi e con questi bisogna fare i conti) delle nuove generazioni, perché solo da questo può scaturire per il partito e per la Federazione giovanile una valida proposta organizzativa e politica. Perché di questo si tratta: riuscire ad organizzare i giovani, a far loro capire che solo la forza organizzata può cambiare il mondo.” La questione che il PCI non aveva ben capito era che i giovani “non volevano cambiare il mondo come si cambia un vestito, ma volevano cambiare il sarto”.1
  2. 2. 2 La conferma della chiusura del PCI verso coloro che chiedevano più democrazia e partecipazione nelle decisioni fu la radiazione dal partito del gruppo de “il manifesto” nel 1969. Tantissimi giovani del movimento erano attratti dalla rivoluzione cubana e dal mitico comandante Che Guevara. La mia scelta di schierarmi a sinistra non fu ideologica, bensì dettata da fatti precisi, a cominciare dalla strage fascista compiuta a Milano il 12 dicembre 1969 pressa la banca dell’Agricoltura di piazza Fontana. Dopo questa strage e il tentativo nel dicembre 1970 di golpe militare, organizzato da Junio Valerio Borghese con il sostegno di apparati stranieri, si aprì una stagione di violenza politica inaudita che attraversò l’Italia per circa trent’anni. Fatti che non conoscevo Il 1° marzo 1968 migliaia di studenti si scontrarono con la polizia nel tentativo di occupare la facoltà di architettura di Valle Giulia a Roma.2 Il 4 aprile 1968, a Memphis (Tennessee, Stati Uniti), venne assassinato Martin Luther King, leader del movimento dei diritti civili degli afroamericani; prima ancora, nel 1965, venne assassinato Malcom X. Ad agosto 1968, le truppe del Patto di Varsavia e i carri armati sovietici soffocarono il tentativo degli operai e del popolo di Praga di attuare riforme democratiche in Cecoslovacchia.3 Io, nel 1968, avevo vent’anni e da quasi 5 anni lavoravo presso la Mario Pensotti caldaie di Via XXIX maggio a Legnano. Di quel periodo mi sono rimasti impressi la forte solidarietà e complicità di noi ragazzi apprendisti, che ci ha permesso di resistere alla dura disciplina di fabbrica e il trattamento discriminatorio nei confronti dei manovali meridionali considerati i “servi” degli operai specializzati. Non seguivo la contestazione studentesca, né conoscevo l’impegno di Martin Luther King a favore dell’integrazione sociale e politica degli afroamericani. Ero più interessato ai bombardamenti USA sul Vietnam che seguivo guardando i telegiornali. Parteggiavo per gli americani e non poteva che essere così. In famiglia e in cortile non si finiva mai di raccontare che, se non ci fossero stati gli americani ad aiutarci nel dopoguerra, saremmo morti di fame. Era un argomento, però, che non mi convinceva. In verità io parteggiavo per gli americani perché avevo ancora negli occhi e nelle orecchie le cariche del 7° cavalleria
  3. 3. 3 all’inseguimento degli indiani, scena ripetuta infinitamente in decine e decine di film western visti all’oratorio. Era una scena che faceva scoppiare il finimondo in sala, tutti in piedi ad inneggiare per il 7° cavalleria. Quando “scoppiò” il ‘68 ero un soldato di leva. Iniziai la mia esperienza di soldato semplice presso una caserma nelle vicinanze di Savona, era il mese di febbraio. Ad aprile venni trasferito a Cecchignola-Roma per un corso di meccanico specializzato e lì rimasi fino ai primi giorni di agosto. Alla fine del corso venni trasferito a Cervignano del Friuli, in una delle tante caserme messe a guardia del confine nord-orientale. Erano caserme permanentemente in “stato di allerta” per presunte tensioni presenti al confine italo-jugoslavo.4 Nell’attesa che succedesse qualcosa e svolgendo mansioni tecniche in ufficio trovai il tempo di dedicarmi alla lettura. Allora leggevo classici della letteratura di autori francesi e russi. Le notizie di quanto succedeva al di fuori dalle caserma erano scarsissime e la ristrettezza economica non permetteva l’acquisto di giornali o riviste di informazione. La mia esperienza in divisa militare terminò nel mese di maggio 1969. A settembre dello stesso anno venni assunto alla Montecatini-Edison di Castellanza e nello stesso mese mi iscrissi al 1° anno del corso di geometra serale presso l’Istituto Dell’Acqua di Legnano, istituito proprio in quel periodo. Il lavoro in una grande azienda e la ripresa degli studi concorsero positivamente alla mia formazione culturale, politica e professionale. Il mio 68’ iniziò con la conoscenza del docente di letteratura e storia, che, fin dal primo anno rivoluzionò il metodo di apprendimento della lingua italiana e della storia. Nel biennio che seguì introdusse un ciclo di lezioni di storia dell’arte: riteneva che fosse inconcepibile che dei futuri geometri non conoscessero un po’ di storia dell’arte, solo per il fatto che nella programmazione ministeriale era una disciplina non contemplata. Ci convinse a leggere un romanzo a scelta con presentazione e discussione in classe con cadenza trimestrale, il sabato pomeriggio nelle ore di Italiano e Storia. Ci fece conoscere gli scritti di Don Milani, i romanzi di Erich Maria Remarque e incontrare personalità impegnate nelle battaglie dei diritti civili.
  4. 4. 4 Ad esempio, ricordo Elvio Fachinelli, medico e neuropsichiatra, fondatore con Lea Melandri della rivista “Erba Voglio” (1971-1977), pubblicazione centrata sulle pratiche non autoritarie nella scuola. Dopo questo incontro cominciai a curiosare sull’attività pedagogica di Mario Lodi. L’insegnante ci dotò di una antologia italiana molto bella e piuttosto impegnativa per una classe per lo più formata da operai con un curriculum formativo un po’ debole. La mia formazione scolastica, come quella di molti dei miei compagni, si era fermata alla terza avviamento professionale. Pochi altri avevano una maggiore preparazione tecnica, per aver frequentato corsi al Bernocchi. L’Antologia si intitola “Gli Argomenti Umani”, a cura di Franco Fortini e Augusto Vegezzi.5 Un’antologia in cui, tra importanti autori italiani e stranieri nelle varie discipline, trova spazio la Resistenza con scritti di Alcide Cervi, papà di sette figli uccisi dai fascisti, e di Giovanni Pesce, comandante partigiano. Fu per me uno strumento di formazione che ritengo tuttora valido e che conservo nella mia biblioteca. La maggior parte dei compagni della mia classe, di età tra i 16 e i 30 anni, era a digiuno dei fatti europei e mondiali. Proprio negli anni della contestazione studentesca si intensificò la dittatura dei “colonnelli” in Grecia (‘67-’74), la dittatura militare in Brasile (’64-84’), il golpe militare del generale Pinochet in Cile (1973)6 e l’invigorirsi della guerra Usa- Vietnam (’64-75’), l’apartheid in Sudafrica e la lunga prigionia di Nelson Mandela. Gli scritti dell’antologia ci aiutarono a capire meglio cosa stava succedendo nel mondo e suscitarono in noi un interesse politico e un senso critico verso i responsabili dei disastri umani nel mondo. Io ero un militante di base di sinistra, non ero affiliato a nessun gruppo o partito; leggevo, alternativamente, il Manifesto, Lotta Continua e l’Unità ed altre pubblicazioni del movimento di contestazione giovanile. La formazione dei gruppi di contestazione studentesca La formazione dei collettivi politici studenteschi passò dalle relazioni informali tra studenti alla strutturazione di gruppi di studio, che si svolgevano fuori dall’orario scolastico. Era consuetudine del gruppo di studenti-lavoratori che frequentavo trovarsi la domenica per approfondire le conoscenze su vari argomenti: economia, storia della scuola italiana, storia sociale e politica, storia del lavoro e del capitalismo.
  5. 5. 5 Si leggeva molto e ci si formava in modo autodidattico: la voglia di conoscere e di sapere era quasi spasmodica. Si cercavano “soluzioni” ai problemi che attanagliavano le classi subalterne, cercando di individuare anche le responsabilità politiche ed economiche. Un metodo di lavoro che, almeno nel mio caso, ha lasciato in eredità il piacere della ricerca e dello studio permanente e che mi ha permesso di arrivare alla soglia della laurea di indirizzo storico-politico a scienze politiche. Il mio impegno nel mondo della scuola proseguì anche negli anni successivi, partecipando come genitore all’interno degli organismi scolastici, dedicandomi in particolare per una scuola partecipata e non classista, senza discriminazione sociale e il meno selettiva possibile. Un fronte tuttora aperto. La contestazione studentesca a Legnano e dintorni La storia del movimento di contestazione studentesca nelle scuole superiori di Legnano è ancora da scrivere. Ad esempio, della contestazione degli studenti serali dell’istituto Bernocchi, che per certi versi è stata trainante, ho rintracciato solo alcuni articoli di giornale e qualche volantino. Alcune testimonianze portate da ex studenti di ragioneria serale dell’Istituto Dell’Acqua e inserite nel volume di Gigi Marinoni “Il Nico più bello del mondo”, scritto in ricordo di Nico Conte, esponente della sinistra legnanese, e uscito nel 2016, costituisce una rappresentazione parziale dell’insieme politico del movimento. Le testimonianze riportate aiutano a comprendere il clima di quel periodo, tuttavia non sono esaustive, in ragione del fatto che il movimento era articolato ed esprimeva protagonismi e modalità organizzative diverse. All’Istituto dell’Acqua serale per esempio erano presenti due gruppi studenteschi. Il gruppo dei “ragionieri”, politicamente più vicino al PCI e alla CGIL e teso ad organizzare gli studenti sul modello sindacale, e il gruppo dei “geometri”, di matrice libertaria, teso a contestare il sistema di potere borghese, i partiti e la scuola di classe. Io facevo parte del gruppo dei “geometri” che si riconosceva nel “Collettivo politico Istituto Dell’Acqua serale”, composto in prevalenza da maschi già inseriti nel mondo del lavoro, mentre la presenza femminile era numericamente inferiore. I rapporti personali nel gruppo erano di reciproca solidarietà e sulle questioni private prevaleva la complicità maschile, invece i rapporti con le donne erano piuttosto problematici. Confesso che la libertà ricercata dalle donne mi
  6. 6. 6 metteva un po’ in imbarazzo, pesavano su di me ancora i tabù della educazione cattolica, ricevuta quando da ragazzo ero stato nell’Azione Cattolica come “aspirante minore”. Nel gruppo dei geometri non c’era un vero e proprio leader, ma nell’analisi politica del momento qualcuno era più avanti. In quel contesto due sono le figure che mi hanno colpito per le loro capacità di analisi e coinvolgimento: Paolo militante di base, metodico, preciso e con una conoscenza letteraria vastissima ed Enrico, detto “Lucio” per una vaga somiglianza a Lucio Dalla, anarchico, di una intelligenza finissima e con una capacità di sintesi irraggiungibile. In pochi minuti, in modo semplice, ti spiegava i meccanismi di sfruttamento del capitale. Le modalità di lotta portate avanti dai lavoratori-studenti era mutuata anche dall’esperienza di lotta operaia attuata nelle proprie fabbriche. Proteste, scioperi e manifestazioni contro la prepotenza padronale e contro un Governo conservatore, coinvolsero anche il movimento studentesco. Nel 1969 scoppiò “l’autunno caldo” e milioni di lavoratori furono in mobilitazione per migliorare le proprie condizioni di vita e nel maggio 1970 passò la legge che introdusse lo “Statuto dei Lavoratori”, legge che prevedeva nuove forme di rappresentanza operaia con l’istituzione del Consiglio di Fabbrica. Io mi trovai ad essere delegato operaio in uno dei Consigli di fabbrica più numerosi ed organizzati d’Italia, quello della Montedison di Castellanza.7 Eravamo più di cento delegati e si respirava aria di ribellione contro i poteri costituiti e si lottava per un cambiamento radicale della società. Nel 1972, all’interno del collettivo politico “geometri”, si aprì un serrato confronto per decidere se sostenere o no la candidatura di Pietro Valpreda alla Camera dei Deputati nella liste de “il manifesto”. Valpreda era in carcere, accusato ingiustamente di essere l’autore della strage di Piazza Fontana a Milano. Il risultato elettorale fu un disastro e Valpreda non venne eletto. Il collettivo politico “geometri” diffondeva le proprie ragioni con interventi nelle assemblee scolastiche, ma anche con la produzione di volantini e documenti di denuncia della condizione dei lavoratori studenti. In quel contesto il volantino era lo strumento di informazione, di organizzazione e di battaglia politica.
  7. 7. 7 La preparazione dei volantini e dei vari documenti richiedeva una intensa attività intellettuale e manuale: appunti di preparazione del testo, discussione, condivisione, battitura del testo su matrice ed infine stampa con il ciclostile e diffusione fuori dalle scuole. La tensione ideale e l’analisi politica della fase faceva sì che, per trovare un testo condiviso, si passassero molte ore a discutere e quasi sempre si finiva a notte inoltrata. Nonostante una conoscenza linguistica un po’ carente, si andava alla ricerca del significato delle parole da usare, per assicurarsi che le parole rispecchiassero il pensiero del collettivo. Il volantino era di consumo immediato, tanto è vero che spesso ci si dimenticava di mettere la data di emissione. Si stava molto più attenti allo stile ed al linguaggio, anche se il contesto politico di allora non permetteva di usare un frasario elegante, il linguaggio doveva essere forte e di contrapposizione ai poteri decisionali. Le relazioni tra gli studenti e gli organi di gestione della scuola, Presidi e Collegio degli Insegnanti, erano sempre piuttosto tesi e in alcuni casi il conflitto si univa alla protesta degli aderenti al sindacato scuola della CGIL. Il clima nelle scuole in quegli anni era piuttosto agitato, perché i sistemi di selezione e di oppressione erano palpabili e la discrezionalità di giudizio delle autorità scolastiche nel giudicare gli studenti era elevata. Nel mese di marzo del 1971 gli studenti serali del Dell’Acqua occuparono l’istituto per un periodo di autogestione.8 I temi al centro della discussione erano la condizione sociale del lavoratore studente, il problema delle tasse scolastiche e il costo dei libri, la spesa per i trasporti, la didattica e il metodo di studio, e le ricadute dell’organizzazione scolastica sul lavoro e sulla propria salute. La discussione avveniva in gruppi di lavoro e si tenevano nella scuola stessa. Fin dalla prima riunione emerse una denuncia concreta “…nella scuola esiste una forma ben precisa di selezione cerchiamo di combatterla e di tenerle testa e forse dopo potremo guardare all’altra selezione, quella della vita sociale ed economica di tutti i giorni. Non è accettabile che tutti gli anni quasi il 50% degli studenti venga scartato dalla scuola. Ad uno studente del 1° corso geometra anno 69-70, magazziniere alla Franco Tosi, viene consigliato dal professore di matematica di ritirarsi perché non ce l’avrebbe fatta”.9
  8. 8. 8 Tra maggio e giugno dello stesso anno una commissione formata da studenti e professori elaborò un documento, che toccava buona parte delle questioni discusse nel periodo di autogestione. Fu una sorta di “accordo programmatico” su come proseguire l’attività didattica, la valutazione dello studio e la libertà assembleare degli studenti.10 Le bocciature indiscriminate vennero denunciate anche dagli studenti del Bernocchi diurno.11 I dati riguardavano i risultati finali dell’anno scolastico 70/71 che dimostravano chiaramente un elevato grado di selezione: su 376 iscritti alla prima classe ben il 52% venne rimandato o bocciato (bocciati il 13,6%) e il 3,4% si ritirò. La denuncia del Collettivo Studenti del Bernocchi diurno era altrettanto chiara… “Questa elevata selezione a cosa è dovuta? Forse a un caso, oppure è una caratteristica corrispondente a un preciso contesto entro cui si muove la scuola? Per rispondere a questa domanda occorre prima di tutto analizzare qual è la funzione della scuola nell’attuale società capitalistica. …la selezione meritocratica agisce all’interno del processo scolare attraverso: bocciature che aumentano i costi della scuola e incoraggiano la selezione di censo ai livelli più bassi e più vicini al mondo del lavoro; comportamento: voto di condotta, che insegna a sottomettersi ai professori e quindi ai padroni”… In altri casi la denuncia riguardava il clima di repressione. I fatti si svolsero a Legnano presso l’Istituto Dell’Acqua diurno nel 1972 quando Scalfaro era ministro dell’istruzione nel 2° governo Andreotti. “…Lunedì 30: Il portone della sede di via Milano è chiuso; gli studenti (tra i quali la quasi totalità dei compagni di Parabiago, che intervenendo in massa hanno dimostrato come sia falso dire che è impossibile avere i pullman) non possono entrare in palestra per fare l’assemblea. Tognoni (Preside dell’Istituto Dell’Acqua, nda) ha infatti chiamato la polizia e i carabinieri per proteggere la “sua” scuola dagli studenti-delinquenti. ...La realtà è che la repressione antistudentesca messa in atto dal ministro Scalfaro trova nei vari presidi esecutori solerti…” Il 1973/1974 al Dell’Acqua serale fu l’anno dei “Collettivi di ricerca su contenuti alternativi”.12 L’iniziativa nacque da un confronto tra studenti e docenti sulla base delle informazioni fornite dagli stessi studenti tramite la compilazione di un
  9. 9. 9 questionario. I collettivi di ricerca individuati furono sei e coinvolsero diversi esperti, tra cui il prof. Giulio Maccacaro ordinario di Biometria a Milano, il prof. G.B. Zorzoli fisico nucleare, Antonio Bevere magistrato del tribunale di Milano, e diversi altri. Gli incontri si svolgevano a scuola dalle ore 20 alle 22.30 con interruzione delle normali attività didattiche. Il 1973 fu anche l’anno in cui venne raggiunto tra studenti, insegnanti e organi scolastici, l’apice della tensione, quando alcuni professori della classe 3B geometri ritennero la stessa “non classificabile”.13 In altri casi il conflitto nella scuola, tra insegnanti e autorità scolastiche, coinvolse l’intera comunità. A Casorezzo nel 1974, si tenne, in risposta al comportamento autoritario ed antisindacale del nuovo Preside, una assemblea popolare presso il circolo Famigliare del paese. La mozione di condanna approvata con maggioranza assoluta dall’assemblea popolare, recita: “L’ASSEMBLEA... RIBADISCE che la scuola non è un corpo separato dalla società e tantomeno una proprietà privata del Preside, ma un luogo di elaborazione della cultura aperto a tutte le forze innovatrici. RIFIUTA ogni tipo di selezione che colpisce inevitabilmente i figli dei lavoratori favorendo i ceti economicamente e culturalmente già privilegiati e che comunque presuppone l’applicazione di leggi fasciste. ESIGE la effettiva gratuità della scuola (costi dei libri di testo, di materiali vari, ecc.) secondo il dettato costituzionale. RICHIEDE al Preside il ripristino del DOPOSCUOLA (da lui eliminato), come passo intermedio per il tempo pieno, per la completa realizzazione del diritto allo studio e per la difesa e per l’incremento dell’occupazione. ESIGE piena democrazia nella scuola e sua apertura assembleare alle forze politiche e sociali, con altrettanta piena libertà di insegnamento e di pensiero, ampiamente compromessi in questi ultimi mesi.” Anche se fui protagonista minore sulla scena della contestazione studentesca al “Dell’Acqua”, non ho mai dimenticato ciò che avvenne in quegli anni tanto da conservare nel mio archivio di storia sociale buona parte dei volantini e
  10. 10. 10 documenti circolanti in quel periodo a Legnano e dintorni. I volantini e i documenti raccolti sono una testimonianza concreta che il movimento degli studenti a Legnano era presente sul territorio e lottava per raggiungere obiettivi importanti e non per una mera contestazione effimera.14 A distanza di anni, ricostruire attentamente le varie fasi della contestazione studentesca nel legnanese è una impresa ardua. Per non cadere in forzature soggettive od in errori ho ritenuto opportuno correlare il mio racconto/testimonianza con i documenti divulgati allora dal movimento studentesco. Saranno gli stessi volantini e i documenti prodotti dai vari gruppi studenteschi ed insegnanti a raccontare cosa accadde in quegli anni nelle scuole legnanesi. I documenti comprendo un periodo che va dal 1970 al 1975 e che vide coinvolti non solo gli studenti e l’istituzione scolastica, ma anche i partiti e le istituzioni politiche locali. I giornali dell’epoca ed alcune fotografie testimoniano che il movimento studentesco legnanese era molto partecipato e che gli studenti nella stragrande maggioranza erano pacifici. Nelle diverse manifestazioni studentesche ed antifasciste tenutesi a Legnano, salvo momenti di tensione, con grida e lanci di uova, non ci furono a mia memoria scontri violenti con le forze dell’ordine o con le formazioni neofasciste.15 Anche durante i brevi periodi di “occupazione/autogestione” dell’Istituto dell’Acqua serale non si verificarono atti di violenza contro persone e cose. Sono stati anni liberatori che ho vissuto con grande passione e partecipazione. Fu il periodo in cui misi in discussione tutti i tradizionali rapporti di potere, non solo quelli politico-istituzionali ma anche quelli personali. Ho un unico rammarico, ma fu una mia libera scelta. L’impegno politico in fabbrica e a scuola mi distolse dal partecipare ai molti eventi culturali della contestazione giovanile, in particolare i grandi concerti musicali e gli spettacoli cine-teatrali. E venne il ’77. L’anno che chiuse la stagione del ’68 ed aprì la stagione della cruda lotta politica, intransigente e violenta. Purtroppo la voglia di cambiamento portata in piazza da milioni di giovani, studenti ed operai, fu travolta da una forte
  11. 11. 11 repressione attuata da Governi ottusi e reazionari. La vulgata mediatica di allora era quella degli “opposti estremismi”, che faceva di tutte le erbe un fascio, mentre il potere centrale discettava con gli apparati “deviati” dello Stato, responsabili delle maggiori provocazioni stragiste nel nostro paese. In quel contesto il più grande partito comunista d’Europa, il PCI, piegandosi al volere della Democrazia Cristiana, subiva le scelte di una borghesia autoritaria. La repressione e le stragi permisero alle forze politiche conservatrici del Paese di rafforzare le proprie prerogative autoritarie e il proprio potere decisionale negli organi dello Stato. Un altro 1968 non tornerà più: ora è il momento di fare storia della memoria. Sono sicuro che anche altri protagonisti minori come me conservano nei loro cassetti del materiale inerente a quelle lotte e sarebbe buona cosa divulgarle. In attesa che ciò accada, mi auguro che questo mio personale contributo possa suscitare, oltre alla naturale curiosità, anche un interesse di studio presso le nuove generazioni di studenti e docenti, che possa essere di auspicio ad una trasformazione veramente democratica dell’istituzione scolastica. L’Italia ha bisogno di una scuola che garantisca a tutti un reale diritto allo studio, che dia un’efficace formazione e che non emargini nessuno.16

×