Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Windows Shopper by 4four

741 views

Published on

Studio socio-etnografico sull'homo ludens e in particolare sul windows shopper.

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Windows Shopper by 4four

  1. 1. presenta productions
  2. 2. “ homo ludens” Studio etnografico sull’…
  3. 3. Siamo da pochi anni entrati nel terzo millennio, e con esso si è sviluppata una nuova tendenza nel consumatore medio, nuovi bisogni, nuovi desideri, nuove possibilità… In poche parole una nuova “era” dell’uomo, un’era chiamata “ Post Moderna”
  4. 4. Il “ windows shopper ” <ul><ul><ul><li>Abbiamo preso in analisi un caso particolare di consumatore post-moderno. Un tipo di consumatore in cerca di esperienze più che di prodotti, di emozioni e sensazioni più che di valori d'uso. </li></ul></ul></ul>- Caso di interesse -
  5. 5. - Chi è? - <ul><li>Il windows shopper è quel soggetto che soddisfa la sua “ludicità” giocando con l’acquisto, egli si aggira per negozi concedendosi solo parzialmente alle sue pulsioni, trae piacere dal contemplare oggetti che potrebbe acquistare, che potrebbero dargli un qualche tipo di soddisfazione. </li></ul>
  6. 6. - Perché? - <ul><li>Questo da all’individuo parte del godimento che possedere l’oggetto gli darebbe. </li></ul>
  7. 7. Perché il w.s è post-moderno? <ul><li>Il fatto che il windows shopper giochi come appena descritto con il desiderio, lo rende un ottimo esempio di consumatore post-moderno. Se infatti il w.s. avesse un bisogno impellente da soddisfare non uscirebbe a mani vuote dal negozio. </li></ul><ul><li>Peculiare del consumatore post-moderno è l’aspetto ludico, ovvero l’approccio non funzionale all’acquisto. Quello che il w.s mette in atto è un vero e proprio gioco, fatto di desideri sospesi e fantasie stuzzicate </li></ul>
  8. 8. - Progetto di Analisi - Il nostro studio ha analizzato i comportamenti e le peculiarità del windows shopper in un ipermercato veneto; tramite una ricerca volta a dimostrare come le persone quando acquistano non sono soggetti “deboli”, isolati, bensì consumatori che hanno acquisito una profonda autonomia e indipendenza di giudizio nei confronti dei prodotti.
  9. 9. - Progetto di Analisi - Abbiamo cercato di spiegare tutto ciò statisticamente, prendendo in considerazione tre diverse tipologie di spazio commerciale: - negozio di abbigliamento e materiale sportivo (Cisalfa – Intersport); - negozio di elettronica (Trony); - negozio di gioielli e bigiotteria (Franco gioielli).
  10. 10. Innanzitutto abbiamo osservato il comportamento di un campione di consumatori nell’arco di 30 minuti, durante questo periodo di tempo oggetto del nostro studio è stato l’avvenuto acquisto o meno di beni dopo essere entrati nei negozi precedentemente citati: 8 (100%) 0 (0%) 8 Gioielli 45 (81,7%) 10 (18,3%) 55 Abbigliamento 34 (85%) 6 (15%) 40 Elettronica NON HANNO ACQUISTATO HANNO ACQUISTATO SOGGETTI ESAMINATI NEGOZIO
  11. 13. Abbiamo verificato dunque la presenza di una consistente fetta di “non consumatori”, o meglio di soggetti che per bisogno o per curiosità entrano nei negozi di interesse ma non acquistano alcun bene. Si tratta ora di valutare se questo fenomeno sia solo sporadico e isolato, e quanto interessa la società dal punto di vista quantitativo.
  12. 14. A questo proposito abbiamo intervistato alcuni consumatori analizzando la frequenza con cui si manifesta il comportamento di “visione dei beni e mancato acquisto” tipico del windows shopper. In particolare è stato chiesto loro di valutare, in termini di frequenza, quante volte entrano in un negozio e non acquistano alcun bene, su una scala da 1 a 5. “ Su 5 volte che entra in un negozio quante volte esce a mani vuote?” tot 100% tot 30   0% 0 0 6,67% 2 1 16,67% 5 2 43,33% 13 3 26,67% 8 4 6,67% 2 5 % SOGGETTI N°SOGGETTI SCALA DI FREQUENZA (su 5)
  13. 17. Dopo aver verificato dunque l’esistenza di un importante numero di “potenziali window shoppers” valuteremo ora quanti lo sono realmente e quanti no. Il dato fondamentale che ci permette di riconoscere un windows shopper è il MOTIVO che lo ha spinto ad entrare nel negozio e a NON acquistare nulla, in particolare l’aspetto LUDICO/EMOZIONALE . 100,00% tot 30   23,33% 7 Non ho trovato ciò che cercavo 33,33% 10 Per curiosità 13,34% 4 Confronto dei beni (e prezzi) 30,00% 9 Vorrei ma non posso (desiderio) % SOGGETTI N°SOGGETTI MOTIVO ENTRATA NEGOZIO E MANCATO ACQUISTO
  14. 19. <ul><li>Arrivati a questo punto del nostro studio possiamo trarre le seguenti conclusioni: </li></ul><ul><li>- L’ 84,5% dei soggetti osservati (87 su 103) esce dal negozio senza aver effettuato alcun acquisto; </li></ul><ul><li>Il 78% degli intervistati dichiara di uscire a mani vuote da un negozio da 3 a 5 volte su 5 che entra in un negozio; </li></ul><ul><li>Il 63,33% dichiara di essere entrato nel negozio per motivi ludico/emozionali (vorrei ma non posso comprare, curiosità), tratti tipici del window shopper; </li></ul>
  15. 20. In conclusione, certamente uno dei tratti comuni del windows shopper è la ricerca d’esperienze (anche a livello sensoriale), poi la variabile concorrenziale e infine quella economica che abbiamo differenziato per esercizio commerciale, anche per far notare la diversa attribuzione di valore da bene a bene. Spicca il fatto che le persone guardano e non comprano per curiosità e per motivi economici (il cosiddetto “vorrei ma non posso”). Rispetto alla nostra ipotesi iniziale che vedeva il windows shopper come tipico consumatore post moderno, l’unico tratto dissonante che emerge dalla nostra ricerca è come solo il 13% sia entrato nel rispettivo negozio per la ricerca di notizie sul prodotto o per la valutazione e il confronto di prodotti alternativi. Il campione testato non ha molto enfatizzato queste caratteristiche che sono invece essenziali del consumatore post-moderno.
  16. 21. Grazie per l’attenzione Gruppo 4four: Emanuele Carpi Davide Ferracin Stefano Perotto Davide Smania

×