Il cacciatore di aquiloni

3,078 views

Published on

Presentazione del libro di Khaled Hosseini Il cacciatore di aquiloni realizzata da Alessia Mastrogiacomo classe IIB scuola media San Vito Romano, a. .s. 2010/11

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
3,078
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Il cacciatore di aquiloni

  1. 2. <ul><li>L’indimenticabile romanzo </li></ul><ul><li>di </li></ul><ul><li>Khaled Hosseini </li></ul>
  2. 3. <ul><li>Amir e Hassan,, facevano sempre insieme molte gare di aquiloni dove loro si divertivano molto. </li></ul>
  3. 4. <ul><li>Amir e Hassan si divertivano molto leggendo , avventurandosi in quei magnifici libri. </li></ul>
  4. 5. <ul><li>Amir e Hassan all’inizio erano davvero MIGLIORI AMICI!!!!! </li></ul>
  5. 6. <ul><li>Amir adora far volare gli aquiloni , si diverte tantissimo insieme al suo migliore amico , Hassan . </li></ul>
  6. 7. <ul><li>L’autore del cacciatore di aquiloni è khaled hosseini , questo libro è stato pubblicato nel 2003, in italia nel 2004. </li></ul><ul><li>«Sono diventato la persona che sono oggi all’età di 12 anni , in una gelida giornata invernale del 1975. Ricordo il momento preciso : ero accovacciato dietro un muro d’argilla mezzo diroccato e sbirciavo di nascosto nel vicolo lungo il torrente ghiacciato . é stato tanto tempo fa . Ma non è vero , come dicono molti , che si può seppellire il passato . Il passato si aggrappa con i suoi artigli al presente . Sono ventisei anni che sbircio di nascosto in quel vicolo deserto .Oggi me ne rendo conto.» Questa è la lunga riflessione con la quale l’autore inizia raccontando quei bei momenti che ha passato e tutt’ora continua a passare, insomma non si deve mai dimenticare il passato, perché senza il passato non si potrebbe realizzare un futuro, lui è fiero di quello che è diventato grazie a quello che è stato. </li></ul>
  7. 8. Amir vive con il padre in una ricca villa con uno splendido giardino insieme ai servitori Alì e Hassan. Quest’ultimo è sia il migliore amico, sia il fratellastro di Amir. I due passano insieme fantastiche giornate e formando così un’infallibile coppia nei tornei cittadini dei famosi combattimenti con gli aquiloni. Ma l'amicizia tra i due ragazzini finirà improvvisamente dopo un combattimento tra aquiloni. Successivamente, con l'arrivo dei russi a Kabul, i due amici si separeranno: da un lato Amir e Baba fuggiranno negli Stati Uniti d’America, dall’altro Alì e Hassan scapperanno da Kabul, ma resteranno in Afghanistan. A San Francisco Amir trascorre una vita serena, seppur segnata amaramente dalla morte del padre. Un giorno riceve una telefonata dall'Afghanistan dall’amico Rahim Khan, il quale gli chiede di andarlo a trovare. Così Amir lascia l’America per tornare in Afghanistan.
  8. 9. Rhaim Khan gli parla della vita di Hassan e del figlio Sohrab, rimasto orfano dopo l’assassinio dei genitori. Rahim chiede ad Amir di andare a Kabul a cercare Sohrab per portarlo via dall’Afghanistan. Così Amir torna a Kabul dopo più di vent’anni e, arrivato in città con una guida locale, va all’orfanotrofio, per cercare il figlio di Hassan. Ma Sohrab non si trova all’orfanotrofio: è stato portato via dai talebani qualche settimana prima. Così Amir è costretto ad andare da Assef, il capo dei talebani, e combattere contro di lui. Grazie all’aiuto del bambino, il protagonista riesce a scappare dalla dimora dei talebani e porta il giovane in salvo, lontano da Kabul. Infine Amir e Sohrab torneranno in America, ma questo non basterà per cancellare un orrendo passato segnato da così tante violenze e paure.
  9. 10. <ul><li>Amir il protagonista, un ragazzino dolce e molto piccolo di statura per la sua età. Odia gli sport, a differenza del padre, ma è molto abile nello scrivere racconti e nel leggere storie. Per tutta la sua infanzia cerca di conquistare la fiducia e l’orgoglio del padre, il quale vorrebbe Amir più sicuro di sé e più coraggioso. A causa della sua vigliaccheria un giorno non riesce a difendere l’amico Hassan mentre veniva picchiato da alcuni ragazzi, così che si porterà dietro per tutta la vita il rimorso per non aver tentato di salvarlo. Scappato con il padre in California, si sposa con Soraya, ma non riescono ad avere figli. </li></ul><ul><li>Hassan è il fratellastro hazara di Amir. I due sono legati da una stretta amicizia. Insieme trascorrono lunghe giornate all’ombra del melograno leggendo racconti e insieme vincono la gara di aquiloni. Un giorno però questa loro grande amicizia finirà per sempre e anche le due famiglie si divideranno. Lui rimane in Afghanistan e ha un figlio, Sohrab. Verrà ucciso in strada dai talebani insieme alla moglie lasciando solo Sohrab. </li></ul><ul><li>Baba è un uomo forte e vigoroso, di statura robusta e imponente, sicuro di sé e molto orgoglioso. Oltre ad Amir ha un altro figlio, Hassan. A differenza di Amir, Baba ama gli sport, in particolare è appassionato di calcio. Baba purtroppo muore in America a causa di un cancro ai polmoni. </li></ul><ul><li>Rahim Khan è il migliore amico e socio di Baba. L’unico insieme a Hassan ad apprezzare i racconti scritti da Amir. Sarà proprio lui a far tornare Amir a Kabul, dopo circa venticinque anni trascorsi a San Francisco. </li></ul><ul><li>Assef è il bambino dagli occhi azzurri che tormenta Amir ed Hassan. Ha un animo cattivo, perfido. Prende in giro Hassan per le sue origini hazara e un giorno lo picchia per aver vinto il combattimento di aquiloni. </li></ul>
  10. 11. Sohrab è il figlio di Hassan e di Farzana. Rimasto orfano, dopo l’assassinio dei genitori, viene rinchiuso in un orfanotrofio di Kabul. Successivamente viene preso dai talebani e portato a casa di Assef, dove è maltrattato e molestato. Sohrab è infallibile con la fionda ed è molto coraggioso, come il padre Hassan. Inizialmente sembra che Sohrab sia felice di stare con Amir e accetta di andare con lui in America, ma in seguito tenta di suicidarsi nella vasca da bagno. Sohrab è tormentato e profondamente segnato dal suo passato di disgrazie, di crudeltà, di morte e di orrore. Soltanto alla fine , quando Amir comprerà un aquilone, sul suo viso si schiuderà un leggero sorriso.
  11. 12. <ul><li>Questo libro mi è piaciuto moltissimo. L’ho trovato davvero profondo. La trama del romanzo è molto coinvolgente e mi è rimasta ben impressa nella mente. L’autore è riuscito ad intrecciare due temi diversi: da un lato la tenera storia di un’amicizia tra due bambini e la loro serenità, dall’altro la tragica situazione di un paese decaduto, pieno di morti e di tristezza. Oltre alla storia quasi avventurosa ma allo stesso tempo drammatica del protagonista, ci sono parecchie descrizioni , che fanno entrare maggiormente il lettore nel vivo della storia. In alcuni momenti mi sembrava quasi di vivere le situazioni, di sentire gli odori, di vedere davanti ai miei occhi le città, i paesaggi. </li></ul>
  12. 13. <ul><li>Il cacciatore di aquiloni è un romanzo ambientato in Afghanistan, Pakistan e Stati Uniti di America e racconta la storia di due bambini di due diverse etnie . </li></ul><ul><li>E' una storia toccante e coinvolgente che vale la pena di leggere e su cui riflettere. </li></ul>
  13. 14. <ul><li>Realizzato da : </li></ul><ul><li>Alessia </li></ul><ul><li>Mastrogiacomo </li></ul><ul><li>Classe IIB </li></ul><ul><li>Scuola Media San Vito Romano </li></ul><ul><li>a. s. 2010/11 </li></ul>

×