Norme per la tutela della qualità dell’aria <ul><li>Il D .Lgs. n. 152/2006,  è costituito da n.318 articoli, che sono sudd...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera TITOLO I Emiss...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera <ul><li>Titolo...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera <ul><li>Titolo...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera Casi particola...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera TITOLO PRIMO P...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Ambito di applicazione – Titolo I <ul><li>La norma si applica per: </li></ul><ul><li>impianti, ...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Ambito di applicazione – Titolo I <ul><li>L’ambito di applicazione riguarda anche gli </li></ul...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Esclusioni dall’applicazione – Titolo I <ul><li>impianti ed alle attività le cui emissioni sono...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Definizioni <ul><li>Impianto:  il macchinario o il sistema o l’insieme di macchinari o di siste...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Definizioni <ul><li>Emissione:  qualsiasi sostanza solida, liquida o gassosa introdotta nell’at...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Definizioni <ul><li>Soglia di rilevanza:  flusso di massa per singolo inquinante, misurato a mo...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Definizioni <ul><li>Impianto anteriore al 1988 : un impianto che, alla data del 1° luglio 1988,...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Autorizzazioni <ul><li>Tutti gli impianti che producono emissioni, fatte alcune eccezioni, devo...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Contenuto delle autorizzazioni <ul><li>L’autorizzazione stabilisce :  </li></ul><ul><ul><li>mod...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Durata delle autorizzazioni <ul><li>L’autorizzazione ha una durata di  quindici anni .  </li></...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Tipologia di autorizzazione (1) <ul><li>Il gestore che intende:  </li></ul><ul><ul><li>installa...
Conferenza di servizi DOMANDA DI  AUTORIZZAZIONE AUTORITÀ COMPETENTE 30 gg. Entro 120 gg o 150 gg in caso di richiesta di ...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Tipologia di autorizzazione (2) - MODIFICHE <ul><li>Il gestore che intende sottoporre un impian...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Tipologia di autorizzazione (2) - MODIFICHE <ul><li>Al fine della gestione di tali richieste di...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Tipologia di autorizzazione (3) - GENERALI <ul><li>L’autorità competente può adottare per speci...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Tipologia di autorizzazione (3) - GENERALI <ul><li>All’adozione delle autorizzazioni generali l...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Tipologia di autorizzazione (3) - GENERALI <ul><li>Il gestore presenta all’autorità competente,...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Tipologia di autorizzazione (3) - GENERALI <ul><li>Le disposizioni relative alle autorizzazioni...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Tipologia di autorizzazione (3) - GENERALI <ul><li>L ’autorità competente procede al  rinnovo d...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Esoneri dall’autorizzazione (1) <ul><li>Sono esclusi dalla necessità dell’autorizzazione: </li>...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Esoneri dall’autorizzazione (2) – Impianti art.269.14 <ul><li>I seguenti impianti non sono sott...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Esoneri dall’autorizzazione (2) – Impianti art.269.14 <ul><li>e) impianti di combustione alimen...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Esoneri dall’autorizzazione (3) – Impianti art.269.16 <ul><li>Non sono sottoposti ad autorizzaz...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Esoneri dall’autorizzazione (4) Impianti con emissioni scarsamente rilevanti <ul><li>Agli impia...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Sanzioni  (1) <ul><li>Chi inizia a installare o esercisce un impianto e chi esercita un’attivit...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Sanzioni  (2) <ul><li>Violazione dei limiti di emissione o delle prescrizioni dell’autorizzazio...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Disposizioni transitorie  (1) <ul><li>I gestori degli impianti autorizzati, anche in via provvi...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Disposizioni transitorie  (2) - Adeguamento <ul><li>Oltre ai termini per il rinnovo delle autor...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera TITOLO SECONDO...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Impianti termici civili <ul><li>Definizione di “ impianto termico civile ”: </li></ul><ul><ul><...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Impianti termici civili <ul><li>g) valore di soglia : potenza termica nominale dell’impianto pa...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera TITOLO TERZO C...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Combustibili <ul><li>Il titolo III disciplina, ai fini della prevenzione e della limitazione de...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Combustibili - Sanzioni <ul><li>La  combustione di materiali o sostanze non conformi alle presc...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera ALLEGATI Norma...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegati alla parte V <ul><li>Dei 45 allegati al D .Lgs. n. 152/2006,  10 riguardano le emissio...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegati alla parte V Dei 45 allegati al D .Lgs. n. 152/2006,  10 riguardano le emissioni in at...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera Allegati – Nor...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 1 – Limiti alle emissioni <ul><li>L’ allegato I  alla parte quinta stabilisce i valori...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 1 – Limiti alle emissioni <ul><li>L’ allegato V  alla parte quinta stabilisce prescriz...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 1 – Limiti alle emissioni <ul><li>I  valori limite e le prescrizioni per l’esercizio d...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 1 – Limiti alle emissioni <ul><li>I  valori limite di emissione si applicano ai period...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 1 – Limiti alle emissioni <ul><li>I n  caso di guasto  tale da non permettere il rispe...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera Allegati – Nor...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>L’allegato III  (Emissioni di composti organici...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Le disposizioni dell’art. 275 e dell’allegato I...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Alle  attività   che superano le soglie di cons...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Il gestore deve presentare all’autorità compete...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>L’autorizzazione ha per oggetto </li></ul><ul><...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Per le attività già autorizzate prima del 13 ma...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Se le attività:  </li></ul><ul><li>sono effettu...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Sono modifiche sostanziali: </li></ul><ul><li>p...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Piano di Gestione Solventi </li></ul>Piano di g...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Piano di Gestione Solventi </li></ul>Emissione ...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Piano di Gestione Solventi </li></ul>Esempio ap...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Piano di Gestione Solventi </li></ul>Esempio ap...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Piano di Gestione Solventi </li></ul>Esempio ap...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Piano di Gestione Solventi </li></ul>Esempio ap...
D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Piano di Gestione Solventi </li></ul>Esempio ap...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Slide dott. Baldisseri

2,251 views

Published on

Slide della conferenza "Emissioni in atmosfera: lo stato della normativa e gli orientamenti dell'Amministrazione Provinciale" del dott. Andrea Baldisseri.

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,251
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
308
Actions
Shares
0
Downloads
64
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Slide dott. Baldisseri

  1. 1. Norme per la tutela della qualità dell’aria <ul><li>Il D .Lgs. n. 152/2006, è costituito da n.318 articoli, che sono suddivisi in 6 “parti” (materie omogenea) </li></ul><ul><li>Disposizioni generali </li></ul><ul><li>V.a.s. – V.i.a. (ed I.p.p.c.) </li></ul><ul><li>Difesa del suolo, tutela e gestione delle acque </li></ul><ul><li>Rifiuti e bonifiche </li></ul><ul><li>Tutela dell’aria </li></ul><ul><li>Danno ambientale </li></ul><ul><li>Sono inoltre presenti n.45 allegati </li></ul>
  2. 2. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera TITOLO I Emissioni da Impianti e attività (Artt. 267 – 281) TITOLO II Impianti termici ad uso civile (Artt. 282 – 290) TITOLO III Combustibili (Artt. 291 – 298) 10 Allegati
  3. 3. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera <ul><li>Titolo I </li></ul><ul><li>Prevenzione e limitazione delle emissioni in atmosfera di </li></ul><ul><li>impianti e attività (artt. 267 – 281). Abroga e sostituisce: </li></ul><ul><li>- il D.P.R. n. 203/1988 </li></ul><ul><li>- il D.P.C.M. 21 luglio 1989 e 25 luglio 1991 </li></ul><ul><li>- il D.M. 12 luglio 1990 </li></ul><ul><li>- il D.M. n. 107/2000 </li></ul><ul><li>- il D.M. n. 44/2004 </li></ul><ul><li>Titolo II </li></ul><ul><li>Impianti termici civili (artt. 282 – 290), con abrogazione dei </li></ul><ul><li>“ residui” della Legge 615/1966 e del D.P.R. 1391/1970 </li></ul>
  4. 4. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera <ul><li>Titolo III </li></ul><ul><li>Combustibili (291 – 298). Abroga e sostituisce il D.P.C.M. 8 marzo 2002 </li></ul><ul><li>Norme non abrogate </li></ul><ul><li>Restano in vigore, in particolare : </li></ul><ul><li>il D.Lgs. n. 351/1999 (gestione della qualità dell’aria) </li></ul><ul><li>il D.M. n. 69/2002 (valori limite di qualità dell’aria) </li></ul><ul><li>la Legge n. 549/1993 (disciplina per la tutela dell’ozonosfera) </li></ul><ul><li>il D.Lgs. n. 216/2006 (emission trading ) </li></ul>
  5. 5. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera Casi particolari Sono esclusi dal campo di applicazione della parte quinta del d.lgs. n. 152/2006 gli impianti disciplinati dal decreto legislativo 11 maggio 2005, n. 133, recante attuazione della direttiva 2000/76/CE, in materia di incenerimento dei rifiuti. (art. 267, comma 2) Resta fermo, per gli impianti sottoposti ad autorizzazione integrata ambientale, quanto previsto dal decreto legislativo 18 febbraio 2005, n. 59; per tali impianti l’autorizzazione integrata ambientale sostituisce l’autorizzazione alle emissioni prevista dal presente titolo. (art. 267, comma 3)
  6. 6. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera TITOLO PRIMO Prevenzione e limitazione delle emissioni in atmosfera di impianti ed attività
  7. 7. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Ambito di applicazione – Titolo I <ul><li>La norma si applica per: </li></ul><ul><li>impianti, inclusi gli impianti termici civili non disciplinati dal titolo II (Impianti termici civili), ed alle attività che producono emissioni in atmosfera </li></ul><ul><li>e si stabiliscono </li></ul><ul><li>i valori di emissione, le prescrizioni, i metodi di campionamento e di analisi delle emissioni </li></ul><ul><li>ed i criteri per la valutazione della conformità dei valori misurati ai valori limite . </li></ul><ul><li>(art. 267, comma 1) </li></ul>
  8. 8. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Ambito di applicazione – Titolo I <ul><li>L’ambito di applicazione riguarda anche gli </li></ul><ul><li>impianti termici civili : </li></ul><ul><li>aventi potenza termica nominale uguale o superiore alle soglie previste all’art. 269, comma 14, </li></ul><ul><li>e quelli che utilizzano carbone da vapore, coke metallurgico, coke da gas, antracite, prodotti antracitosi o miscele di antracite e prodotti antracitosi, aventi potenza termica nominale superiore a 3 MW. </li></ul><ul><li>(art. 282, comma 1) </li></ul><ul><li>“ d) impianto termico civile : impianto termico la cui produzione di calore é destinata, anche in edifici ad uso non residenziale, al riscaldamento o alla climatizzazione di ambienti o al riscaldamento di acqua per usi igienici e sanitari; ….” (art. 283). </li></ul>
  9. 9. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Esclusioni dall’applicazione – Titolo I <ul><li>impianti ed alle attività le cui emissioni sono scarsamente rilevanti e per i quali può essere previsto l’invio di una comunicazione (elencati nella parte I dell’allegato IV alla parte quinta) </li></ul><ul><li>agli impianti destinati alla difesa nazionale </li></ul><ul><li>emissioni provenienti da sfiati e ricambi d’aria esclusivamente adibiti alla protezione e alla sicurezza degli ambienti di lavoro </li></ul><ul><li>impianti di distribuzione dei carburanti, cui si applicano esclusivamente le pertinenti disposizioni degli articoli 276 e 277. </li></ul><ul><ul><li>(art. 272, comma 5) </li></ul></ul>
  10. 10. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Definizioni <ul><li>Impianto: il macchinario o il sistema o l’insieme di macchinari o di sistemi costituito da una struttura fissa e dotato di autonomia funzionale in quanto destinato ad una specifica attività; la specifica attività a cui é destinato l’impianto può costituire la fase di un ciclo produttivo più ampio”. (art. 268, comma 1, lett. h) ) </li></ul><ul><li>Inquinamento atmosferico: ogni modificazione dell’aria atmosferica, dovuta all’introduzione nella stessa di una o di più sostanze in quantità e con caratteristiche tali da ledere o da costituire un pericolo per la salute umana o per la qualità dell’ambiente oppure tali da ledere i beni materiali o compromettere gli usi legittimi dell’ambiente . (art. 268, comma 1, lett. a ) ). </li></ul>
  11. 11. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Definizioni <ul><li>Emissione: qualsiasi sostanza solida, liquida o gassosa introdotta nell’atmosfera e che possa provocare inquinamento atmosferico. (art. 268, comma 1, lett. b ) ) </li></ul><ul><li>Valore limite di emissione : il fattore di emissione,la concentrazione o il flusso di massa di sostanze inquinanti nelle emissioni, che non devono essere superate. (art. 268, comma 1, lett. q ) ) </li></ul><ul><li>Fattore di emissione : rapporto tra la massa di sostanza inquinante emessa e l’unità di misura specifica di prodotto o di servizio. (art. 268, comma 1, lett. r ) ) </li></ul>
  12. 12. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Definizioni <ul><li>Soglia di rilevanza: flusso di massa per singolo inquinante, misurato a monte di eventuali sistemi di abbattimento e nelle condizioni di esercizio più gravose dell’impianto, al di sotto del quale non si applicano i valori limiti di emissione (art. 268, comma 1, lett. v ) ) </li></ul><ul><li>Migliori tecniche disponibili: la più efficiente ed avanzata fase di sviluppo dell’attività e relativi metodi di esercizio indicanti l’idoneità pratica di determinate tecniche ad evitare ovvero, se ciò risulti impossibile, a ridurre le emissioni (art. 268, comma 1, lett. aa ) ) </li></ul>
  13. 13. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Definizioni <ul><li>Impianto anteriore al 1988 : un impianto che, alla data del 1° luglio 1988, era in esercizio o costruito in tutte le sue parti o autorizzato ai sensi della normativa previgente (art. 268, comma 1, lett. i ) ) </li></ul><ul><li>Impianto anteriore al 2006 : un impianto che non ricade nella definizione di cui alla lettera i) e che, alla data di entrata in vigore della parte quinta del presente decreto, è autorizzato ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 24 maggio 1988, n. 203, purché in funzione o messo in funzione entro i successivi ventiquattro mesi; si considerano anteriori al 2006 anche gli impianti anteriori al 1988 la cui autorizzazione è stata aggiornata ai sensi dell’articolo 11 del decreto del Presidente della Repubblica 24 maggio 1988, n. 203 (art. 268, comma 1, lett. l ) ) </li></ul><ul><li>m) impianto nuovo : un impianto che non ricade nelle definizioni di cui alle lettere i) e l) (art. 268, comma 1, lett. m ) ) </li></ul>
  14. 14. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Autorizzazioni <ul><li>Tutti gli impianti che producono emissioni, fatte alcune eccezioni, devono richiedere l’autorizzazione (art. 269, comma 1), contenente: </li></ul><ul><li>il progetto dell’impianto in cui sono descritte la specifica attività a cui l’impianto é destinato, le tecniche adottate per limitare le emissioni e la quantità e la qualità di tali emissioni, le modalità di esercizio e la quantità, il tipo e le caratteristiche merceologiche dei combustibili di cui si prevede l’utilizzo, nonché, per gli impianti soggetti a tale condizione, il minimo tecnico definito tramite i parametri di impianto che lo caratterizzano. </li></ul><ul><li>una relazione tecnica che descrive il complessivo ciclo produttivo in cui si inserisce la specifica attività cui l’impianto è destinato ed indica il periodo previsto intercorrente tra la messa in esercizio e la messa a regime dell’impianto. </li></ul><ul><ul><li>(art. 269, comma 2) </li></ul></ul>
  15. 15. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Contenuto delle autorizzazioni <ul><li>L’autorizzazione stabilisce : </li></ul><ul><ul><li>modalità di captazione e convogliamento per le emissioni tecnicamente convogliabili; (vedi anche art.270) </li></ul></ul><ul><ul><li>valori limite di emissione, prescrizioni, metodi di campionamento e analisi, criteri per la valutazione della conformità dei valori misurati ai valori limite, periodicità dei controlli in capo al gestore; </li></ul></ul><ul><ul><li>prescrizioni per il contenimento delle emissioni diffuse; </li></ul></ul><ul><ul><li>periodo intercorrente tra messa in esercizio (da comunicarsi almeno 15 gg. prima) e messa a regime; </li></ul></ul><ul><ul><li>la data entro cui comunicare i dati relativi alle emissioni effettuate in un periodo continuativo non inferiore a 10 gg. dalla messa a regime e la durata di detto periodo ed il numero di campionamenti. </li></ul></ul><ul><li>(art. 269, comma 4 e 5) </li></ul>
  16. 16. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Durata delle autorizzazioni <ul><li>L’autorizzazione ha una durata di quindici anni . </li></ul><ul><li>La domanda di rinnovo dell’autorizzazione deve essere presentata almeno un anno prima della scadenza , in attesa dell’adozione del provvedimento sulla domanda di rinnovo l’esercizio dell’impianto può continuare anche dopo la scadenza dell’autorizzazione in caso di mancata pronuncia in termini del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio a cui sia stato richiesto di provvedere. </li></ul><ul><li>L’aggiornamento dell’autorizzazione comporta il decorso di un nuovo periodo di quindici anni solo nel caso di modifica sostanziale . </li></ul><ul><li>(art. 269, comma 7) </li></ul>
  17. 17. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Tipologia di autorizzazione (1) <ul><li>Il gestore che intende: </li></ul><ul><ul><li>installare un impianto nuovo </li></ul></ul><ul><ul><li>trasferire un impianto da un luogo ad un altro </li></ul></ul><ul><li>presenta all’autorità competente una domanda di autorizzazione. (art. 269, comma 2) </li></ul><ul><li>La procedura amministrativa è la seguente </li></ul>
  18. 18. Conferenza di servizi DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE AUTORITÀ COMPETENTE 30 gg. Entro 120 gg o 150 gg in caso di richiesta di integrazioni AUTORIZZAZIONE Eventuale richiesta di integrazioni convoca entro Il MINISTRO si esprime, sentito in comune interessato, entro 90 gg In assenza di pronuncia nei termini il gestore può entro i successivi 60 gg. richiedere, previa notifica all’Autorità competente, al MINISTRO di provvedere
  19. 19. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Tipologia di autorizzazione (2) - MODIFICHE <ul><li>Il gestore che intende sottoporre un impianto ad una modifica </li></ul><ul><ul><ul><li>ne dà comunicazione all’autorità competente o, </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>se la modifica è sostanziale, presenta una domanda di aggiornamento dell’autorizzazione, </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>Se la modifica comunicata </li></ul></ul><ul><ul><li>è “ ritenuta ” sostanziale , l’autorità competente ordina di presentare una domanda di aggiornamento; </li></ul></ul><ul><ul><li>se la modifica non è sostanziale , l’autorità competente provvede, ove necessario, ad aggiornare l’autorizzazione; </li></ul></ul><ul><ul><li>(art. 269, comma 8) </li></ul></ul>
  20. 20. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Tipologia di autorizzazione (2) - MODIFICHE <ul><li>Al fine della gestione di tali richieste di modifica, se l’autorità competente non si esprime entro 60 giorni, il gestore può procedere alla modifica, fatto salvo il potere dell’autorità competente di provvedere anche successivamente, nel termine di sei mesi dalla ricezione della comunicazione </li></ul><ul><li>Modifica : variazione di quanto indicato nel progetto, nella relazione tecnica o nell’autorizzazione, anche relativa alle modalità di esercizio o ai combustibili; </li></ul><ul><li>Modifica sostanziale : modifica che comporta un aumento o una variazione qualitativa delle emissioni o che altera le condizioni di convogliabilità tecnica delle stesse </li></ul><ul><ul><li>(art. 269, comma 8) </li></ul></ul>
  21. 21. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Tipologia di autorizzazione (3) - GENERALI <ul><li>L’autorità competente può adottare per specifiche categorie di impianti, individuate in relazione al tipo e alle modalità di produzione, apposite autorizzazioni di carattere generale , relative a ciascuna singola categoria di impianti, nelle quali sono stabiliti </li></ul><ul><ul><li>i valori limite di emissione, </li></ul></ul><ul><ul><li>le prescrizioni, </li></ul></ul><ul><ul><li>i tempi di adeguamento, </li></ul></ul><ul><ul><li>i metodi di campionamento e analisi e la periodicità dei controlli . </li></ul></ul><ul><ul><li>(art. 272, comma 2) </li></ul></ul>
  22. 22. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Tipologia di autorizzazione (3) - GENERALI <ul><li>All’adozione delle autorizzazioni generali l’autorità competente deve procedere entro due anni dall’entrata in vigore della parte quinta del d.lgs. n. 152/2006 per gli impianti e per le attività di cui alla parte II dell’allegato IV alla parte quinta. </li></ul><ul><li>I gestori degli impianti per cui è stata adottata un’autorizzazione generale possono comunque presentare normale domanda di autorizzazione. </li></ul><ul><li>(art. 272, comma 2) </li></ul>
  23. 23. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Tipologia di autorizzazione (3) - GENERALI <ul><li>Il gestore presenta all’autorità competente, almeno 45 giorni prima dell’installazione dell’impianto o dell’avvio dell’attività, una domanda di adesione all’autorizzazione generale . </li></ul><ul><li>L’autorità competente può, con proprio provvedimento, negare l’adesione nel caso in cui non siano rispettati i requisiti previsti dall’autorizzazione generale o in presenza di particolari situazioni di rischio sanitario o di zone che richiedono una particolare tutela ambientale. </li></ul><ul><li>L’autorizzazione generale stabilisce i requisiti della domanda di adesione e può prevedere, per gli impianti e le attività di cui alla parte II dell’allegato IV alla parte quinta, appositi modelli semplificati di domanda, nei quali le quantità e le qualità delle emissioni sono deducibili dalle quantità di materie prime ed ausiliarie utilizzate. </li></ul><ul><li>(art. 272, comma 3) </li></ul>
  24. 24. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Tipologia di autorizzazione (3) - GENERALI <ul><li>Le disposizioni relative alle autorizzazioni generali non si applicano : </li></ul><ul><li>a) in caso di emissione di sostanze cancerogene, tossiche per la riproduzione o mutagene o di sostanze di tossicità e cumulabilità particolarmente elevate, come individuate dalla parte II dell’allegato I alla parte quinta del presente decreto, o </li></ul><ul><li>b) nel caso in cui siano utilizzate, nell’impianto o nell’attività, le sostanze o i preparati classificati dal d.lgs. 3 febbraio 1997, n. 52, come cancerogeni, mutageni o tossici per la riproduzione, a causa del loro tenore di COV, e ai quali sono state assegnate etichette con le frasi di rischio R45, R46, R49, R60, R61. </li></ul><ul><li>(art. 272, comma 4) </li></ul>
  25. 25. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Tipologia di autorizzazione (3) - GENERALI <ul><li>L ’autorità competente procede al rinnovo delle autorizzazioni generali ogni 15 anni. </li></ul><ul><li>Per le autorizzazioni generali rilasciate ai sensi del DPCM 21/7/1989 e del DPR 25/7/1991, il primo rinnovo é effettuato entro 15 anni dall’entrata in vigore della parte quinta del D.Lgs. n. 152/2006 oppure, se tali autorizzazioni non sono conformi alle disposizioni del titolo I, entro 1 anno dalla stessa data. </li></ul><ul><li>In tutti i casi di rinnovo, l’esercizio dell’impianto o dell’attività può continuare se il gestore, entro 60 gg. dall’adozione della nuova autorizzazione generale, presenta una domanda di adesione corredata, ove necessario, da un progetto di adeguamento e se l’autorità competente non nega l’adesione. </li></ul><ul><li>In caso di mancata presentazione della domanda nel termine previsto l’impianto o l’attività si considerano in esercizio senza autorizzazione alle emissioni . </li></ul><ul><li>(art. 272, comma 3) </li></ul>
  26. 26. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Esoneri dall’autorizzazione (1) <ul><li>Sono esclusi dalla necessità dell’autorizzazione: </li></ul><ul><ul><ul><li>– gli impianti sottoposti ad autorizzazione integrata ambientale di cui al D.Lgs. n. 59/2005 (art. 267, comma 3), </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>– gli impianti elencati all’art. 269, commi 14 e 16, </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>– gli impianti con emissioni scarsamente rilevanti, elencati nella parte I dell’allegato IV alla parte quinta, impianti destinati alla difesa nazionale, emissioni provenienti da sfiati e ricambi d’aria esclusivamente adibiti alla protezione e alla sicurezza degli ambienti di lavoro . </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>(art. 272, comma 5) </li></ul></ul></ul>
  27. 27. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Esoneri dall’autorizzazione (2) – Impianti art.269.14 <ul><li>I seguenti impianti non sono sottoposti ad autorizzazione, ma l’autorità competente può prevedere che i gestori comunichino, in via preventiva , la data di messa in esercizio dell’impianto o di avvio dell’attività (art. 269, comma 15 ): </li></ul><ul><li>a) impianti di combustione, compresi i gruppi elettrogeni a cogenerazione, di potenza termica nominale inferiore a 1 MW, alimentati a biomasse di cui all’Allegato X alla parte quinta, a gasolio, come tale o in emulsione, o a biodiesel; </li></ul><ul><li>b) impianti di combustione alimentati ad olio combustibile, come tale o in emulsione, di potenza termica nominale inferiore a 0,3 MW; </li></ul><ul><li>c) impianti di combustione alimentati a metano o a GPL, di potenza termica nominale inferiore a 3 MW; </li></ul><ul><li>d) impianti di combustione, ubicati all’interno di impianti di smaltimento rifiuti, alimentati da gas di discarica, gas residuati dai processi di depurazione e biogas, di potenza termica nominale non superiore a 3 MW, se l’attività di recupero è soggetta alle procedure autorizzative semplificate previste dalla parte quarta (segue) </li></ul>
  28. 28. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Esoneri dall’autorizzazione (2) – Impianti art.269.14 <ul><li>e) impianti di combustione alimentati a biogas di cui all’Allegato X alla parte quinta, di potenza termica nominale complessiva inferiore o uguale a 3 MW; </li></ul><ul><li>f) gruppi elettrogeni di cogenerazione alimentati a metano o a GPL, di potenza termica nominale inferiore a 3 MW; </li></ul><ul><li>g) gruppi elettrogeni di cogenerazione alimentati a benzina di potenza termica nominale inferiore a 1 MW; </li></ul><ul><li>h) impianti di combustione connessi alle attività di stoccaggio dei prodotti petroliferi funzionanti per meno di 2200 ore annue, di potenza termica nominale inferiore a 5 MW se alimentati a metano o GPL ed inferiore a 2,5 MW se alimentati a gasolio; </li></ul><ul><li>i) impianti di emergenza e di sicurezza, laboratori di analisi e ricerca, impianti pilota per prove, ricerche, sperimentazioni, individuazione di prototipi (salvo in caso di emissione di sostanze cancerogene, tossiche per la riproduzione o mutagene o di sostanze di tossicità e cumulabilità particolarmente elevate, come individuate dalla parte II dell’allegato I alla parte quinta). </li></ul>
  29. 29. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Esoneri dall’autorizzazione (3) – Impianti art.269.16 <ul><li>Non sono sottoposti ad autorizzazione </li></ul><ul><ul><li>gli impianti di deposito di oli minerali, compresi i gas liquefatti. </li></ul></ul><ul><li>I gestori sono comunque tenuti ad adottare apposite misure per contenere le emissioni diffuse ed a rispettare le ulteriori prescrizioni eventualmente disposte, per le medesime finalità, con apposito provvedimento dall’autorità competente. </li></ul>
  30. 30. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Esoneri dall’autorizzazione (4) Impianti con emissioni scarsamente rilevanti <ul><li>Agli impianti o alle attività, le cui emissioni sono scarsamente rilevanti agli effetti dell’inquinamento atmosferico , elencati nella parte I dell’allegato IV alla parte quinta, non si applica il Titolo I (art. 272, comma 5) </li></ul><ul><li>L’autorità competente può prevedere, con proprio provvedimento generale, che i gestori di tali impianti o attività , comunichino di di ricadere in tale elenco nonché, in via preventiva, la data di messa in esercizio dell’impianto o di avvio dell’attività (salvo diversa disposizione dello stesso allegato). </li></ul><ul><li>L’elenco può essere aggiornato ed integrato anche su proposta delle regioni, delle province autonome e delle associazioni rappresentative di categorie produttive. (art. 272, comma 1) </li></ul>
  31. 31. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Sanzioni (1) <ul><li>Chi inizia a installare o esercisce un impianto e chi esercita un’attività senza autorizzazione o continua l’esercizio con autorizzazione scaduta, decaduta, sospesa, revocata o dopo l’ordine di chiusura o cessazione: </li></ul><ul><ul><li>arresto da 2 mesi a 2 anni o ammenda da 258 a 1.032 euro. </li></ul></ul><ul><li>Chi sottopone un impianto a modifica sostanziale senza la prevista autorizzazione: </li></ul><ul><ul><li>arresto fino a 6 mesi o ammenda fino a 1.032 euro. </li></ul></ul><ul><li>Chi sottopone un impianto a modifica non sostanziale senza effettuare la preventiva comunicazione: </li></ul><ul><ul><li>ammenda fino a 1.000 euro. </li></ul></ul><ul><li>(art. 279, comma 1) </li></ul>
  32. 32. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Sanzioni (2) <ul><li>Violazione dei limiti di emissione o delle prescrizioni dell’autorizzazione, dell’allegato I alla parte quinta, o comunque imposte dall’autorità competente (art. 279, comma 2) : </li></ul><ul><ul><li>arresto fino ad 1 anno o ammenda fino a 1.032 euro, sempre l’arresto fino a 1 anno se il superamento dei valori limite comporta anche il superamento dei valori limite di qualità dell’aria; </li></ul></ul><ul><li>Mancata comunicazione della messa in esercizio (art. 279, comma 3) : </li></ul><ul><ul><li>arresto fino a 1 anno o ammenda fino a 1.032 euro; </li></ul></ul><ul><li>Mancata comunicazione dei dati sulle emissioni (art. 279, comma 4) : </li></ul><ul><ul><li>arresto fino a 6 mesi o ammenda fino a 1.032 euro; </li></ul></ul><ul><li>Mancata adozione delle misure atte a evitare un aumento anche temporaneo delle emissioni per impianti autorizzati in via provvisoria o tacita, fino alla pronuncia definitiva (art. 279, comma 6) : </li></ul><ul><ul><li>arresto fino a 1 anno o ammenda fino a 1.032 euro. </li></ul></ul>
  33. 33. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Disposizioni transitorie (1) <ul><li>I gestori degli impianti autorizzati, anche in via provvisoria o in forma tacita, ai sensi del DPR n. 203/1988 (ad esclusione di quelli dotati di autorizzazione generale) devono presentare una domanda di autorizzazione entro i seguenti termini : </li></ul><ul><ul><ul><li>impianti ante 1988  entro 31/12/2010 </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>impianti ante 2000  tra 01/01/2011 e 31/12/2014 </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>impianti dopo 2000  tra 01/01/2015 e 31/12/2018 </li></ul></ul></ul><ul><li>La mancata presentazione della domanda nei termini comporta la decadenza della precedente autorizzazione. </li></ul><ul><li>Se la domanda è presentata nei termini, l’esercizio degli impianti può essere proseguito fino alla pronuncia dell’autorità competente . </li></ul><ul><ul><li>(art. 281, comma 1) </li></ul></ul>
  34. 34. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Disposizioni transitorie (2) - Adeguamento <ul><li>Oltre ai termini per il rinnovo delle autorizzazioni degli impianti esistenti, ed a parte le disposizioni per i soli grandi impianti di combustione, sono previste le seguenti (prime) scadenze: </li></ul><ul><ul><li>• 29 luglio 2007 : domanda di autorizzazione per gli impianti esistenti che erano e non sono più classificati ad inquinamento atmosferico poco significativo o a ridotto inquinamento atmosferico; </li></ul></ul><ul><ul><li>• 29 ottobre 2007 : domanda di autorizzazione per gli impianti esistenti che non erano soggetti al d.P.R. n. 203/1988 e che ora sono soggetti ad autorizzazione, 29 aprile 2009 adeguamento alle disposizioni del Titolo I, per i medesimi impianti . </li></ul></ul><ul><li>(art. 281, comma 2 e 4) </li></ul>
  35. 35. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera TITOLO SECONDO Impianti termici civili
  36. 36. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Impianti termici civili <ul><li>Definizione di “ impianto termico civile ”: </li></ul><ul><ul><li>• impianto “ la cui produzione di calore é destinata, anche in edifici ad uso non residenziale, al riscaldamento o alla climatizzazione di ambienti o al riscaldamento di acqua per usi igienici e sanitari; l’impianto termico civile è centralizzato se serve tutte le unità dell’edificio o di più edifici ed è individuale negli altri casi ” (art. 283). </li></ul></ul><ul><li>Campo di applicazione del Titolo II della Parte Quinta: </li></ul><ul><ul><li>• impianti termici civili non sottoposti ad autorizzazione (ai sensi del Titolo I della Parte Quinta, in quanto sotto le soglie di cui all’art. 269, comma 14). </li></ul></ul>
  37. 37. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Impianti termici civili <ul><li>g) valore di soglia : potenza termica nominale dell’impianto pari a 0,035 MW; </li></ul><ul><li>i) autorità competente : i comuni aventi una popolazione superiore ai 40.000 abitanti e, nella restante parte del territorio, le Province; </li></ul><ul><li>(art. 283, comma 1) </li></ul>
  38. 38. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera TITOLO TERZO Combustibili
  39. 39. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Combustibili <ul><li>Il titolo III disciplina, ai fini della prevenzione e della limitazione dell’inquinamento atmosferico: </li></ul><ul><ul><li>le caratteristiche merceologiche dei combustibili che possono essere utilizzati negli impianti di cui ai titoli I e II della parte quinta, inclusi gli impianti termici civili di potenza termica inferiore al valore di soglia; </li></ul></ul><ul><ul><li>le condizioni di utilizzo dei combustibili, comprese le prescrizioni finalizzate ad ottimizzare il rendimento di combustione, e i metodi di misura delle caratteristiche merceologiche. </li></ul></ul><ul><ul><li>( art. 291, comma 1) </li></ul></ul><ul><li>Disciplina altresì: </li></ul><ul><ul><li>• le caratteristiche merceologiche dei combustibili consentiti (art. 293 ed allegati relativi); </li></ul></ul><ul><ul><li>• le prescrizioni per il rendimento di combustione (rilevatori di t°, O 2 , CO, regolazione automatica rapporto aria – combustibile) (art. 294). </li></ul></ul>
  40. 40. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Combustibili - Sanzioni <ul><li>La combustione di materiali o sostanze non conformi alle prescrizioni del titolo III, ove gli stessi non costituiscano rifiuti ai sensi della vigente normativa: </li></ul><ul><li>a) arresto fino a due anni o con l’ammenda da 258 euro a 1032 euro, in caso di combustione effettuata presso gli impianti di cui al titolo I; </li></ul><ul><li>b) sanzione amministrativa pecuniaria da 200 euro a 1000 euro, in caso di combustione effettuata presso gli impianti di cui al titolo II inclusi gli impianti termici civili di potenza termica inferiore al valore di soglia . </li></ul><ul><li>(art. 296, comma 1) </li></ul>
  41. 41. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera ALLEGATI Normativa Tecnica
  42. 42. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegati alla parte V <ul><li>Dei 45 allegati al D .Lgs. n. 152/2006, 10 riguardano le emissioni in atmosfera </li></ul><ul><li>Valori di emissione e prescrizioni </li></ul><ul><li>Grandi impianti di combustione </li></ul><ul><li>Emissioni di composti organici volatili </li></ul><ul><li>Impianti ed attività in deroga </li></ul><ul><li>Polveri e sostanze organiche liquide </li></ul><ul><li>Criteri per la valutazione della conformità dei valori misurati ai valori limite di emissione </li></ul>
  43. 43. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegati alla parte V Dei 45 allegati al D .Lgs. n. 152/2006, 10 riguardano le emissioni in atmosfera 7. Carburanti (dai terminali alla distribuzione) 8. Carburanti – Impianti di distribuzione 9. Impianti termici civili 10. Disciplina dei combustibili
  44. 44. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera Allegati – Normativa tecnica Limiti alle emissioni
  45. 45. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 1 – Limiti alle emissioni <ul><li>L’ allegato I alla parte quinta stabilisce i valori limite di emissione, con l’indicazione di un valore massimo e di un valore minimo, e le prescrizioni per l’esercizio </li></ul><ul><li>degli impianti anteriori al 1988 </li></ul><ul><li>di tutti gli impianti (non soggetti ad autorizzazione quali impianti di combustione, gruppi elettrogeni di cogenerazione, di emergenza … ) di cui all’articolo 269, comma 14 , eccettuati quelli di cui alla lettera d ) (es.smaltimento rifiuti). </li></ul><ul><li>I valori limite di emissione e le prescrizioni stabiliti nell’Allegato I si applicano agli impianti nuovi e agli impianti anteriori al 2006 solo nei casi espressamente previsti da tale Allegato. </li></ul><ul><li>(art. 271, comma 1) </li></ul>
  46. 46. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 1 – Limiti alle emissioni <ul><li>L’ allegato V alla parte quinta stabilisce prescrizioni per </li></ul><ul><ul><li>le emissioni di polveri provenienti da attività di produzione, manipolazione, trasporto, carico, scarico o stoccaggio di materiali polverulenti e per le emissioni in forma di gas o vapore derivanti da attività di lavorazione, trasporto, travaso e stoccaggio di sostanze organiche liquide. </li></ul></ul><ul><li>(art. 271, comma 1) </li></ul>
  47. 47. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 1 – Limiti alle emissioni <ul><li>I valori limite e le prescrizioni per l’esercizio degli impianti nuovi e di quelli anteriori al 2006 saranno fissati con apposito decreto, con il quale si provvede ad integrare l’allegato I alla parte quinta. </li></ul><ul><li>Fino all’adozione di tale decreto si applicano: </li></ul><ul><li>per gli impianti anteriori al 1988 ed al 2006 , i metodi precedentemente in uso - per gli impianti nuovi , i metodi stabiliti dall’autorità competente sulla base delle pertinenti norme tecniche CEN o, ove queste non siano disponibili, delle pertinenti norme tecniche ISO, oppure, ove anche queste ultime non siano disponibili, sulla base delle pertinenti norme tecniche nazionali o internazionali. </li></ul><ul><li>(art. 271, comma 2) </li></ul>
  48. 48. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 1 – Limiti alle emissioni <ul><li>I valori limite di emissione si applicano ai periodi di normale funzionamento dell’impianto, intesi come </li></ul><ul><li>i periodi in cui l’impianto è in funzione con esclusione - dei periodi di avviamento e di arresto (non sono tali i periodi di oscillazione che si verificano regolarmente nello svolgimento della funzione dell’impianto) e - dei periodi in cui si verificano guasti tali da non permettere il rispetto dei valori stessi. </li></ul><ul><li>L’autorizzazione può stabilire </li></ul><ul><ul><li>specifiche prescrizioni per tali periodi di avviamento e di arresto e per l’eventualità di tali guasti </li></ul></ul><ul><ul><li>ed individuare gli ulteriori periodi transitori nei quali non si applicano i valori limite di emissione. </li></ul></ul><ul><li>(art. 271, comma 14) </li></ul>
  49. 49. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 1 – Limiti alle emissioni <ul><li>I n caso di guasto tale da non permettere il rispetto di valori limite di emissione, il gestore deve </li></ul><ul><ul><ul><li>informare l’autorità competente entro le otto ore successive </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>procedere al ripristino funzionale dell’impianto nel più breve tempo possibile </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>L’autorità competente può disporre la riduzione o la cessazione delle attività o altre prescrizioni, </li></ul></ul><ul><li>(art. 271, comma 14) </li></ul>
  50. 50. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Norme in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera Allegati – Normativa tecnica Composti Organici Volatili
  51. 51. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>L’allegato III (Emissioni di composti organici volatili) alla parte quinta stabilisce, relativamente alle emissioni di composti organici volatili (COV), </li></ul><ul><ul><li>i valori limite di emissione, </li></ul></ul><ul><ul><li>le modalità di monitoraggio e di controllo delle emissioni, </li></ul></ul><ul><ul><li>i criteri per la valutazione della conformità dei valori misurati ai valori limite </li></ul></ul><ul><ul><li>le modalità di redazione del piano di gestione dei solventi. </li></ul></ul><ul><li>(art. 275, comma 1) </li></ul>
  52. 52. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Le disposizioni dell’art. 275 e dell’allegato III alla parte quinta si applicano alle </li></ul><ul><ul><li>attività , individuate nella parte II (Attività e soglie di consumo di solvente) dell’allegato III alla parte quinta, che superano le soglie di consumo di solvente ivi stabilite </li></ul></ul><ul><li>Il superamento delle soglie di consumo di solvente è valutato con riferimento al consumo massimo teorico di solvente autorizzato. </li></ul><ul><li>Tali attività comprendono la pulizia delle apparecchiature e non comprendono la pulizia dei prodotti. </li></ul><ul><li>(art. 275, comma 2) </li></ul>
  53. 53. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Alle attività che superano le soglie di consumo di solvente si applicano </li></ul><ul><ul><li>i valori limite per le emissioni convogliate e per le emissioni diffuse di cui all’allegato III, parte III, </li></ul></ul><ul><ul><li>oppure i valori limite di emissione totale di cui a tale allegato III, parti III e IV, </li></ul></ul><ul><ul><li>nonché le prescrizioni ivi previste. </li></ul></ul><ul><li>Tale disposizione si applica anche alle attività che, nello stesso luogo, sono direttamente collegate e tecnicamente connesse alle attività individuate nel suddetto Allegato III, parte II, e che possono influire sulle emissioni di COV. </li></ul><ul><li>(art. 275, comma 2) </li></ul>
  54. 54. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Il gestore deve presentare all’autorità competente una domanda di autorizzazione conforme a quanto previsto nella parte I dell’allegato III alla parte quinta </li></ul><ul><ul><li>sia per poter effettuare una delle attività che superano le soglie di consumo di solvente </li></ul></ul><ul><ul><li>sia a seguito di una modifica del consumo massimo teorico di solvente, che fa rientrare l’attività tra quelle individuate nella parte II dell’allegato III alla parte quinta . </li></ul></ul><ul><li>(art. 275, comma 4) </li></ul>
  55. 55. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>L’autorizzazione ha per oggetto </li></ul><ul><li>gli impianti, i macchinari, i sistemi non fissi e le operazioni manuali ; </li></ul><ul><li>stabilisce i valori limite che devono essere rispettati; </li></ul><ul><li>indica il consumo massimo teorico di solvente e l’emissione totale annua, conseguente all’applicazione dei valori limite, individuata sulla base di detto consumo, nonché la periodicità dell’aggiornamento del piano di gestione. </li></ul><ul><li>(art. 275, commi 5 e 6) </li></ul>
  56. 56. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Per le attività già autorizzate prima del 13 marzo 2004 </li></ul><ul><li>le emissioni devono essere adeguate alle prescrizioni della allegato III alla parte quinta entro il 31 ottobre 2007; </li></ul><ul><li>l’adeguamento deve avvenire sulla base dei progetti presentati all’autorità competente ai sensi del d.m. n. 44/2004; </li></ul><ul><li>in caso di mancata presentazione del progetto o di diniego dell’approvazione dello stesso, le attività si considerano in esercizio senza autorizzazione. </li></ul><ul><li>Sono fatte salve le autorizzazioni anteriori al 13 marzo 2004 qualora prevedano un maggior contenimento delle emissioni di COV. </li></ul><ul><li>(art. 275, comma 8 e 10) </li></ul>
  57. 57. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Se le attività: </li></ul><ul><li>sono effettuate esclusivamente da macchinari non fissi o da operazioni manuali, </li></ul><ul><li>sono in esercizio prima dell’entrata in vigore della parte V del d.lgs. n. 152/2006 (cioè prima del 29/4/2006), </li></ul><ul><li>le emissioni devono essere adeguate alle prescrizioni dell’allegato III alla parte quinta ed alle altre prescrizioni dell’art. 275 entro il 31 ottobre 2007 </li></ul><ul><li>L’autorizzazione deve essere chiesta entro 6 mesi dall’entrata in vigore della parte V del d.lgs. n. 152/2006 (cioè entro il 29/10/2006). In caso di mancata presentazione della richiesta di autorizzazione entro tale termine le attività si considerano in esercizio senza autorizzazione. </li></ul><ul><li>(art. 275, comma 9) </li></ul>
  58. 58. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Sono modifiche sostanziali: </li></ul><ul><li>per le attività a ridotte dimensioni, una modifica del consumo massimo teorico di solventi che comporta un aumento delle emissioni di COV superiore al 25%; </li></ul><ul><li>per altre attività, una modifica del consumo massimo teorico di solventi che comporta un aumento delle emissioni di composti organici volatili superiore al dieci per cento; </li></ul><ul><li>qualsiasi modifica che a giudizio dell’autorità competente, potrebbe avere effetti negativi significativi su ambiente o salute umana; </li></ul><ul><li>qualsiasi modifica del consumo massimo teorico di solventi che comporti la variazione dei valori limite applicabili. </li></ul><ul><li>(art. 275, comma 21) </li></ul>
  59. 59. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Piano di Gestione Solventi </li></ul>Piano di gestione solventi Input (I) Output (O) (O1,O2, etc.)
  60. 60. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Piano di Gestione Solventi </li></ul>Emissione totale (E) Emissione convogliata (O1) Emissione diffusa (F)
  61. 61. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Piano di Gestione Solventi </li></ul>Esempio applicativo. Azienda operante nel settore del legno Tabella 1. Quantità e tipologia prodotti vernicianti (I).
  62. 62. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Piano di Gestione Solventi </li></ul>Esempio applicativo. Azienda operante nel settore del legno Tabella 2. Emissioni convogliate (O1) - analisi chimiche.
  63. 63. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Piano di Gestione Solventi </li></ul>Esempio applicativo. Azienda operante nel settore del legno Tabella 3. Emissioni diffuse (F) - analisi chimiche.
  64. 64. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Piano di Gestione Solventi </li></ul>Esempio applicativo. Azienda operante nel settore del legno Emissioni diffuse (F) - metodo indiretto. F = I1 - O8 - O1 - O5 - O6 - O7 F = 79,8 - 73,6 - 2,0 = 4,2 t/anno E = 73,6 + 4,2 = 77,8 t/anno Altre frazioni Emissioni convogliate Consumo
  65. 65. D.LGS. n. 152/2006 PARTE V Allegato 3 – Composti Organici Volatili <ul><li>Piano di Gestione Solventi </li></ul>Esempio applicativo. Azienda operante nel settore del legno Tabella 4. Calcolo delle emissioni convogliate (O1). Tabella 5. Calcolo delle emissioni totali annue (E).

×