IL KILIMANJARO
Situato nella Tanzania nord-occidentale, quasi al confine con ilKenya e a soli 330 km a suddellequatore, il Kilimangiaro è...
     Kibo, ovvero il cratere centrale, più    alto rispetto agli altri perchè di    recente formazione mostra ancora    s...
     Mawenzi con i suoi 5.149 metri di    altitudine, è separato dal Kibo da    una tundra pianeggiante di circa    3.000...
    Shira è il cratere più antico e quindi    dal profilo più dolce (per questo    viene anche nominato Shira    Plateau)...
Una delle particolarità del Kilimangiaro è quella di non far parte di alcuna catena montuosa, ma di essere un singolo vulc...
Stratovulcanigli stratovulcani sono un tipo di vulcano, che può presentare:un magma acido denso e viscoso (con alto conten...
lalternanza di eruzioni effusive ed  esplosive è in proporzioni molto  variabili e dipende da vulcano a  vulcano. Talora n...
Gli stratovulcani sono formatidallaccumulo delle proprie colatelaviche e prodotti piroclastici.Presentano generalmente una...
Le Eruzioni di tali vulcani possono essere molto dispotiche dal momento che il magma tende ad ostruire il camino vulcanico...
StoriaCirca un milione di anni fa, nella dolce e ondulata pianura dellAfrica orientale si aprirono una serie di spaccature...
750.000 anni fa una nuova colata di lava portò alla nascita di un grande sistema vulcanico, il Kilimangiaro, formato da tr...
Per lungo tempo i crateri crebbero in modo costante, seppure lentamente, raggiungendo unaltitudine approssimativa di 5000 ...
Il Mawenzi fu il secondo a  spegnersi, dopo una grande  esplosione che ne distrusse il  margine orientale, dando luogo  a ...
Il Kibo invece si mantenne  attivo molto più a lungo, fino a  quando, circa 100 000 anni fa,  le sue emissioni magmatiche ...
Da allora malgrado una limitata attività, lagente che maggiormente ha influito sulmodellamento del paesaggio è stato quell...
Le prime notizie conosciute sul  Kilimangiaro sembrano risalire  al greco Diogene che lo  localizzò con sufficiente  appro...
la pubblicazione della scoperta  provocò dure critiche, perché  era «impossibile che ci fosse  neve allEquatore», e quindi...
Dopo che le sue parole ebbero ottenuto un certo credito, non tardarono i tentativi di scalata: il barone Von der Decken ar...
Il Kilimangiaro e i boschi che lo  circondano furono dichiarati  riserva di caccia dal governo  coloniale tedesco allinizi...
NomeNon è noto da dove provenga il nome Kilimanjaro, ma esistono varie teorie.Gli esploratori europei adottarono questo no...
Nel 1880 la montagna, chiamata Kilimandscharo in tedesco, divenne una parte dellAfrica Orientale Tedesca dopo che Karl Pet...
Ghiacciaio di RebmannSituato presso la sommità del monte Kilimanjaro in Tanzania è quel che rimane di unenorme Cappa di gh...
Lo scioglimento del manto nevoso dei ghiacciai del Kilimangiaro, è stato una fra gli esempi più spesso citati dagli ambien...
I ricercatori dellUniversità di  Portsmouth (Inghilterra),dopo 4 anni  di studi (dal 2004 al 2008) basati su  misurazioni ...
Fra i fattori di questa diminuzione dei ghiacci, sono emerse alcune sorprese: il riscaldamento globale non sembra infatti ...
il riscaldamento diurno genera un flusso   daria calda ed umida che risale il   pendio della montagna; il ruolo degli   al...
Il disboscamento alle pendici del monteha ridotto negli ultimi decenni lapportodaria umida, contribuendo ad unacomplessiva...
Inoltre, la sempre minore presenza di  alberi sulle pendici a trattenere  lacqua, ha creato grandi zone  paludose a valle;...
È convinzione degli scienziati dellUnited Nations Environment Programme che, entro il 2020, la più alta cima dellAfrica av...
L idea lha avuta Euan Nisbet che aveva però precisato: «La protezione di plastica isolante non risolverà il problema, la n...
Il ParcoIl parco nazionale del Kilimanjaro è uno   dei principali parchi della Tanzania,   Con una superficie di 756 km². ...
Il Parco si trova nella parte  nordorientale della Tanzania al confine  con il Kenya, nella zona equatoriale  africana. Li...
FloraLa vegetazione del parco può essere suddivisa in quattro zone:    la zona della foresta pluviale (da 1.800 m a 2.700 ...
la zona del deserto dalta quota(da 4.000 m a 5.000 m), desertica edesolata;  la zona sommitale (da 5.000 m a5.895 m), spes...
Zona della foresta pluvialeQuesta è certamente la fascia più ricca di specie  vegetali, dominata da alberi ad alto fusto d...
Zona della brughieraNella totale assenza di alberi la zona della brughiera è popolata da fitti cuscini di Erica arborea. L...
Zona del deserto dalta quotaLa vita vegetale in questa zona è limitata ad alcune  specie erbacee dalla sviluppata capacità...
Zona sommitaleA causa delle condizioni climatiche estreme di  questa zona (basse temperature, radiazioni solari  molto int...
FaunaIl parco è ricchissimo di specie  animali: sono state censite oltre  140 specie di mammiferi incluse 7  specie di pri...
Nella zona delle falde, nonostante il crescente sfruttamento agricolo abbia modificato il territorio, sopravvive una popol...
Tra i mammiferi che popolano la foresta pluviale vanno menzionate differenti specie di primati: il babbuino (Papio cynocep...
Sono state censite circa 180 specie di uccelli, la maggior parte delle quali abitano la zona di foresta pluviale.Meritano ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Il Kilimanjaro

752 views
570 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
752
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Il Kilimanjaro

  1. 1. IL KILIMANJARO
  2. 2. Situato nella Tanzania nord-occidentale, quasi al confine con ilKenya e a soli 330 km a suddellequatore, il Kilimangiaro è il piùalto massiccio vulcanico inattivo delcontinente africano, nonché unadelle più alte vette del mondo (5.895metri.); si trova all’interno di un ParcoNazionale che prende il suo nome ed è costituito da tre vulcani:
  3. 3.  Kibo, ovvero il cratere centrale, più alto rispetto agli altri perchè di recente formazione mostra ancora segni di attività con numerose e suggestive fumarole;
  4. 4.  Mawenzi con i suoi 5.149 metri di altitudine, è separato dal Kibo da una tundra pianeggiante di circa 3.000 ettari chiamata “la Sella” o "la Sella del Vento". Questa zona rappresenta la maggiore area di tundra d altura del continente africano ed è proprio qui che nel tardo pomeriggio si possono osservare spettacolari formazioni nuvolose.
  5. 5.  Shira è il cratere più antico e quindi dal profilo più dolce (per questo viene anche nominato Shira Plateau), è situato ad Ovest del Kibo ed ha unaltitudine di 3.962 metri.
  6. 6. Una delle particolarità del Kilimangiaro è quella di non far parte di alcuna catena montuosa, ma di essere un singolo vulcano che sorge nel bel mezzo del paesaggio africano; la sua sommità è ricoperta da un ghiacciaio perenne, il Ghiacciaio di Rebmann.
  7. 7. Stratovulcanigli stratovulcani sono un tipo di vulcano, che può presentare:un magma acido denso e viscoso (con alto contenuto di silice), che caratterizza eruzioni di tipo esplosivo con materiali piroclastici;un magma basico (con ridotto contenuto in silice) meno viscoso, che invece caratterizza eruzioni di tipo effusivo (con fuoriuscita principalmente di lava), potenzialmente meno pericolose;
  8. 8. lalternanza di eruzioni effusive ed esplosive è in proporzioni molto variabili e dipende da vulcano a vulcano. Talora nel corso della stessa eruzione è possibile che si passi da una modalità eruttiva allaltra.
  9. 9. Gli stratovulcani sono formatidallaccumulo delle proprie colatelaviche e prodotti piroclastici.Presentano generalmente una formaconica piuttosto regolarecon pendiipiuttosto ripidi (fino a 45°). Glistratovulcani sono pertanto vulcanicentrali, anche se sonocomunemente presenti diversi centrieruttivi lungo i fianchi delledificio,spesso allineati lungo zone di frattura.
  10. 10. Le Eruzioni di tali vulcani possono essere molto dispotiche dal momento che il magma tende ad ostruire il camino vulcanico creando un “tappo”; soltanto quando le pressioni interne sono adeguati a superare lostruzione, a volte passano migliaia di anni, leruzione riprende , ma nei casi estremi ci può essere unesplosione che può giungere ad annientare lintero vulcano .
  11. 11. StoriaCirca un milione di anni fa, nella dolce e ondulata pianura dellAfrica orientale si aprirono una serie di spaccature attraverso le quali fuoriuscì il magma. La pianura perse così una parte del suo appoggio e sprofondò dando origine a una grande depressione.
  12. 12. 750.000 anni fa una nuova colata di lava portò alla nascita di un grande sistema vulcanico, il Kilimangiaro, formato da tre crateri principali.
  13. 13. Per lungo tempo i crateri crebbero in modo costante, seppure lentamente, raggiungendo unaltitudine approssimativa di 5000 metri, fino a quando lo Shira collassò - mezzo milione di anni fa - sprofondando in una vasta caldera che restò inattiva e venne inondata dalla lava degli altri due coni vulcanici.
  14. 14. Il Mawenzi fu il secondo a spegnersi, dopo una grande esplosione che ne distrusse il margine orientale, dando luogo a una profonda gola.
  15. 15. Il Kibo invece si mantenne attivo molto più a lungo, fino a quando, circa 100 000 anni fa, le sue emissioni magmatiche investirono il già eroso cratere dello Shira, aprirono lattuale precipizio del Kibo, circondarono il Mawenzi e si dispersero a grande distanza nella pianura.
  16. 16. Da allora malgrado una limitata attività, lagente che maggiormente ha influito sulmodellamento del paesaggio è stato quello erosivo, che ha ridotto la cima alla quota attuale conferendole la forma che oggi conosciamo.
  17. 17. Le prime notizie conosciute sul Kilimangiaro sembrano risalire al greco Diogene che lo localizzò con sufficiente approssimazione.Il primo uomo bianco che vide le sue cime innevate, riportandone notizie attendibili, fu il missionario Johannes Rebmann, lil maggio 1848.
  18. 18. la pubblicazione della scoperta provocò dure critiche, perché era «impossibile che ci fosse neve allEquatore», e quindi ciò che lui vide come neve si ritenne fosse frutto di un riflesso delle rocce o il colore delle rocce stesse, se non una semplice illusione ottica.
  19. 19. Dopo che le sue parole ebbero ottenuto un certo credito, non tardarono i tentativi di scalata: il barone Von der Decken arrivò fino a 4300 metri; poco dopo Charles New raggiunse il passo tra i picchi Mawenzi e Kibo a 4420 metri e, infine, nel 1889 Meyer e Putscheler conquistarono la cima.
  20. 20. Il Kilimangiaro e i boschi che lo circondano furono dichiarati riserva di caccia dal governo coloniale tedesco allinizio del XX secolo; nel 1921 gli inglesi li trasformarono in riserva forestale e, finalmente, nel 1973 una piccola parte dellarea posta sopra i 2700 metri di quota ottenne il rango di Parco Nazionale.
  21. 21. NomeNon è noto da dove provenga il nome Kilimanjaro, ma esistono varie teorie.Gli esploratori europei adottarono questo nome nel 1860, affermando che questo era il nome della montagna in lingua swahili, supponendo che Kilimanjaro si potesse scomporre in Kilima (Swahili per "collina", "piccola montagna") e Njaro che, per alcune teorie, è unantica parola Swahili per bianco o splendente.
  22. 22. Nel 1880 la montagna, chiamata Kilimandscharo in tedesco, divenne una parte dellAfrica Orientale Tedesca dopo che Karl Peters ebbe persuaso i capi locali a firmare i trattati. Nel 1889 il Picco Uhuru sul Kibo fu nominato Kaiser-Wilhelm-Spitze, nome utilizzato nellImpero tedesco fino alla sua sconfitta nel 1918, quando i territori divennero parte del Tanganika, governato dagli inglesi, e il nome venne abbandonato.
  23. 23. Ghiacciaio di RebmannSituato presso la sommità del monte Kilimanjaro in Tanzania è quel che rimane di unenorme Cappa di ghiaccio che coprì la sommità del monte. Questa cappa di ghiaccio si è ritirata significativamente nellultimo secolo.Fra il 1912 ed il 2000, l82 percento del ghiaccio della montagna è scomparso.
  24. 24. Lo scioglimento del manto nevoso dei ghiacciai del Kilimangiaro, è stato una fra gli esempi più spesso citati dagli ambientalisti negli ultimi anni per mostrare le conseguenze dei cambiamenti climatici.Molto famosa è la scena del documentario "Una scomoda verità" del premio Nobel per la Pace Al Gore che aveva imputato la rapida perdita dei ghiacciai proprio al cambiamento climatico ad opera delluomo.
  25. 25. I ricercatori dellUniversità di Portsmouth (Inghilterra),dopo 4 anni di studi (dal 2004 al 2008) basati su misurazioni ed i successivi 2 anni di revisione, hanno messo in luce le cause più specifiche che potrebbero stare dietro alla diminuzione del ghiacciaio di Rebmann.
  26. 26. Fra i fattori di questa diminuzione dei ghiacci, sono emerse alcune sorprese: il riscaldamento globale non sembra infatti essere la causa primaria. Le analisi svolte hanno infatti dimostrato come il disboscamento sempre più pesante alle falde del Kilimangiaro sia la causa dei grandi scombussolamenti climatici anche ad alta quota.
  27. 27. il riscaldamento diurno genera un flusso daria calda ed umida che risale il pendio della montagna; il ruolo degli alberi, in questo fenomeno è molto importante in quanto sono in grado di fornire maggior vapore acqueo, che viene rilasciato nellatmosfera attraverso la traspirazione.
  28. 28. Il disboscamento alle pendici del monteha ridotto negli ultimi decenni lapportodaria umida, contribuendo ad unacomplessiva riduzione delle precipitazioninevose, le uniche in grado di rimpinguarele riserve di ghiaccio e riflettere leradiazioni luminose.la riduzione diquesta fonte preziosa dumidità, insiemeagli altri coefficienti legati ai cambiamenticlimatici, comporta peraltro la presenza inalta quota daria sempre più rarefatta chesfavorisce i fenomeni nevosi.
  29. 29. Inoltre, la sempre minore presenza di alberi sulle pendici a trattenere lacqua, ha creato grandi zone paludose a valle; Dove prima cerano giraffe ed elefanti ora sono arrivati i flamingo, una specie di fenicottero tipico delle zone acquitrinose, mai visti in passato da quelle parti.
  30. 30. È convinzione degli scienziati dellUnited Nations Environment Programme che, entro il 2020, la più alta cima dellAfrica avrà già perso tutta la neve; Per tentare almeno di rallentare lo scioglimento del ghiaccio, da qualche anno, sulle vette del Kilimangiaro, giganteschi teli di plastica impermeabili, sono stati poggiati sul ghiaccio per proteggerlo dal sole.
  31. 31. L idea lha avuta Euan Nisbet che aveva però precisato: «La protezione di plastica isolante non risolverà il problema, la neve - anche se più lentamente - continuerà a sciogliersi». I teli Servono solo in attesa di un efficace progetto di riforestazione delle pendici.
  32. 32. Il ParcoIl parco nazionale del Kilimanjaro è uno dei principali parchi della Tanzania, Con una superficie di 756 km². Nel 1910 fu dichiarato riserva naturale dal governo coloniale tedesco. Nel 1921 divenne riserva forestale. Nel 1973 larea sopra la linea degli alberi (2.700 m) fu riclassificata come Parco nazionale e fu aperta al pubblico accesso nel 1977. Il parco fu dichiarato Patrimonio dellumanità dallUNESCO
  33. 33. Il Parco si trova nella parte nordorientale della Tanzania al confine con il Kenya, nella zona equatoriale africana. Lingresso principale si trova a 1.870 m di altitudine.I quasi 6000 metri daltezza del Kilimangiaro spiegano perché partendo dalla zona circostante e andando verso il cratere si incontrino via via tutte le zone climatiche e le fasce di vegetazione della Terra.
  34. 34. FloraLa vegetazione del parco può essere suddivisa in quattro zone: la zona della foresta pluviale (da 1.800 m a 2.700 m), ricca di rigogliosa vegetazione dominata dagli alberi ad alto fusto; la zona della brughiera (da 2.700 m a 4.000 m), abitata prevalentemente da specie arbustifere;
  35. 35. la zona del deserto dalta quota(da 4.000 m a 5.000 m), desertica edesolata; la zona sommitale (da 5.000 m a5.895 m), spesso coperta dalle nevie soggetta a condizioni climaticheestreme.
  36. 36. Zona della foresta pluvialeQuesta è certamente la fascia più ricca di specie vegetali, dominata da alberi ad alto fusto dalle chiome rigoglioAccanto ai quali crescono anche alberi di dimensioni più ridotte mentre tra si incontrano specie erbacee caratteristiche come le orchidee.Nel versante nord e ovest la foresta riceve meno piogge e qui si incontrano specie differenti: alti e contorti esemplari di ginepro (Juniperus procera), e due specie di olivo.A quote più elevate gli alberi si diradano. Si osservano esemplari isolati di varie specie tra cui i grandi alberi della canfora africana che possono raggiungere i 40 metri daltezza.
  37. 37. Zona della brughieraNella totale assenza di alberi la zona della brughiera è popolata da fitti cuscini di Erica arborea. Le piante più singolari di questa zona sono comunque il senecio gigante (Dendrosenecio kilimanjari), caratteristica pianta dal lungo tronco che regge una ampia e carnosa rosetta fogliare, e la Lobelia deckenii, una specie della famiglia delle Campanulacee che cresce fino ad 3 metri di altezza, con grandi spighe verticali claviformi.Completano il paesaggio numerose altre specie meno appariscenti ma che offrono una varietà di sfumature cromatiche.
  38. 38. Zona del deserto dalta quotaLa vita vegetale in questa zona è limitata ad alcune specie erbacee dalla sviluppata capacità di adattamento a condizioni ambientali poco favorevoli come ad esempio muschi e licheni.
  39. 39. Zona sommitaleA causa delle condizioni climatiche estreme di questa zona (basse temperature, radiazioni solari molto intense, ossigeno rarefatto) sono poche le specie vegetali che riescono a sopravvivere.Tra di esse si possono annoverare lerbacea Helichrysum newii e i licheni della specie Xanthoria elegans.
  40. 40. FaunaIl parco è ricchissimo di specie animali: sono state censite oltre 140 specie di mammiferi incluse 7 specie di primati.
  41. 41. Nella zona delle falde, nonostante il crescente sfruttamento agricolo abbia modificato il territorio, sopravvive una popolazione di qualche centinaia di elefanti (Loxodonta africana) e non è raro incontrare anche qualche esemplare di bufalo nero (Syncerus caffer) e di leopardo (Panthera pardus). Il rinoceronte nero (Diceros bicornis), una volta presente in questa area, è adesso estinto.
  42. 42. Tra i mammiferi che popolano la foresta pluviale vanno menzionate differenti specie di primati: il babbuino (Papio cynocephalus), il cercopiteco (Cercopithecus mitis), il colobo orsino (Colobus polykomos), la guereza (Colobus guereza) ed alcune specie di Galago. Al di sopra della linea degli alberi le specie di mammiferi più significative sono l antilope , numerose specie di roditori e di insettivori.
  43. 43. Sono state censite circa 180 specie di uccelli, la maggior parte delle quali abitano la zona di foresta pluviale.Meritano infine una menzione una rara specie di farfalla, la Papilio sjoestedti, nota anche come Kilimanjaro swallowtail, che vive anche a Ngorongoro e sul Monte Meru, e una sua sottospecie di colore nero, la Papilio sjoestedti ssp. atavus, che si trova solo sul Kilimanjaro.

×