• Save
Sviluppo Rapido Di Applicazioni Con Grails
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Sviluppo Rapido Di Applicazioni Con Grails

on

  • 4,672 views

My presentation about Grails @ the Italian Java Day in Rome

My presentation about Grails @ the Italian Java Day in Rome

Statistics

Views

Total Views
4,672
Views on SlideShare
4,649
Embed Views
23

Actions

Likes
3
Downloads
0
Comments
0

4 Embeds 23

http://www.slideshare.net 14
http://www.linkedin.com 7
http://www.geekagenda.it 1
https://twitter.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Sviluppo Rapido Di Applicazioni Con Grails Sviluppo Rapido Di Applicazioni Con Grails Presentation Transcript

  • Sviluppo Rapido di Applicazioni con Grails
  • Presentazioni
    • About Mokabyte:
      • La prima rivista Web dedicata a java
      • Circa 30 corsi di formazione
      • On line da più di 10 anni
    • About Gruppo Imola:
      • Consulenze di alto livello su architetture,tecnologie , processo, project management, etc.
    • About me:
      • Consulente (come sopra), Docente, Articolista, blogger, cuoco, batterista…
    Alberto Brandolini – abrandolini@mokabyte.it - Mokabyte Javaday Roma - 01/12/2007
  • Gli acciacchi dell'età
    • Lo sviluppo web in salsa J(2)EE soffre di patologie croniche:
      • Bassa produttività
      • Strumenti “pesanti”
      • Toolkit frammentato
      • Curva di apprendimento “imbarazzante”
      • Obsolescenza continua
  • … il tran tran quotidiano …
    • Sintassi prolissa
    • Costrutti obbligatori
    • Compile
    • Build
    • Deploy
    • Run
    getters setters equals() hashCode() toString()
  • … i tempi che cambiano… Alberto Brandolini – abrandolini@mokabyte.it - Mokabyte Javaday Roma - 01/12/2007 Java 1.4 Java 5 Java 6 J2EE JEE 5 Servlet JSP EJB EJB 2.0 EJB 3.0 Struts Tapestry Velocity Cocoon Java Server Faces Spring Spring MVC Spring Web Flow JDO Hibernate Log4J JUnit TestNG Ant Maven Google Web Toolkit AJAX
  • … l’insolenza dei giovani …
  • … tutti su Ruby?
    • Non buttiamo il bambino con l’acqua sporca!
      • Java è la maggiore comunità di programmatori al mondo
      • La JVM è “dappertutto”
      • Java è già legacy
      • Qualche poveretto si è letto quei libri
  • Cos'è Groovy?
    • “ Groovy è Java come lo avremmo potuto inventare dopo aver visto Ruby”
      • Linguaggio dinamico
      • Sintassi concisa
      • Completamente OOP
      • Chiusure
      • Espressioni regolari
      • Ranges
      • Scripting
    • … ma soprattutto …
  • Groovy Bytecode
    • A livello di bytecode, Groovy è Java
    .class .class JVM
  • JSR-241
    • Groovy è entrato a fare parte ufficialmente del mondo java.
    • Groovy è il secondo linguaggio standard (dopo Java) sulla JVM
    Da Groovy posso chiamare classi Java Ma anche il viceversa! JRE Java JVM
    • Sintassi “ java-like”
    • … ma anche molto più concisa
    • Groovy String
      •  supporto per il formato ${param}
      • Stringhe multilinea “””
      • Altre chicche…
      • + tutte quelle di Java
    def person = “John” println “”” ${new Date()} Dear $person, This is a Groovy letter! Best regards “””
  • Chiusure - Closures
    • Frammenti di codice che possono essere riutilizzati in diversi contesti
    • In Java sono le famigerate Inner Class Anonime
    Alberto Brandolini – abrandolini@mokabyte.it - Mokabyte Javaday Roma - 01/12/2007 Def square = {it * it} Assert [1,4,9] == [1,2,3].collect(square)
  • Collections e ranges
    • List e maps sono tipi primitivi in Groovy.
    • Overloading degli operatori
    Alberto Brandolini – abrandolini@mokabyte.it - Mokabyte Javaday Roma - 01/12/2007 [1,2,3,4].each {num -> println num}
  • Cos'è Grails?
    • L’ennesimo framework MVC?
    • Un clone di Ruby on Rails?
    • Un ORM?
    • Tutto questo, ma soprattutto è un concentrato di buone idee!
      • Convention over configuration
      • Dont Repeat Yourself
  • Dove nasce…
    • Grails affonda le sue origini nella “perfida Albione”, e nasce da un’intuizione di Graeme Keith Rocher
    • L’evoluzione del progetto è avvenuta in sinergia con quella di Groovy
    • Progetto “patronato” da Skills Matter
    • Ora Grails ha anche sponsor del calibro di IBM, Oracle etc.
  • Demo!
  • Layout di progetto
    • La struttura delle directory di progetto è creata da Grails
    Convention over Configuration : La struttura delle directory è standard >Grails create-app
  • Technology Stack JVM JDK Java language Java Enterprise Edition Spring Hibernate Quartz Grails Site-mesh
  • Built-in MVC architecture
    • L’impianto architetturale di Grails è strettamente MVC
      • I packages riflettono il ruolo delle classi coinvolte
      • La struttura applicativa nasce “già girata per il verso giusto”
      • Convention over Configuration fa in modo che tutto funzioni “magicamente”
  • Oltre il POJO
    • Groovy va oltre il modello POJO
      • No getters
      • No setters
      • No private…
      • (No punto e virgola)
      • No import
    Alberto Brandolini – abrandolini@mokabyte.it - Mokabyte Javaday Roma - 01/12/2007 Class utente { String nome String cognome String password Date lastLogin } POGO?
  • Convention over configuration
    • Non è necessario esplicitare le dipendenze tra le classi di uno stesso percorso
    • Un po’ come Spring…
    • … solo che possiamo fare a meno anche del file di configurazione!
    Alberto Brandolini – abrandolini@mokabyte.it - Mokabyte Javaday Roma - 01/12/2007
  • Controllers
    • Un controller corrisponde all’omonima classe di dominio
    Alberto Brandolini – abrandolini@mokabyte.it - Mokabyte Javaday Roma - 01/12/2007
    • I metodi del controller sono mappati direttamente negli URL
    http://localhost:8080/demo/utente/display >grails create-controller
  • Scaffolding
    • Grails ha due modalità di gestione dello scaffolding.
    • Lo scaffolding dinamico ci obbliga a scrivere qualche riga di codice
    Alberto Brandolini – abrandolini@mokabyte.it - Mokabyte Javaday Roma - 01/12/2007 Class UtenteController { def scaffold = Utente } … sufficiente a generare un intero CRUD
  • Scaffolding - 2
    • In alternativa possiamo adottare la modalità “tradizionale” da riga di comando
    Alberto Brandolini – abrandolini@mokabyte.it - Mokabyte Javaday Roma - 01/12/2007
    • Anche questa genera i metodi del controller, le pagine di editing, etc.
    • Le due modalità possono essere “compresenti”…
    >grails generate-all
  • Up and running – Web Server
    • In configurazione di sviluppo, Grails lancia un web server Jetty embedded , agganciato di default alla porta 8080.
    • Non è necessaria configurazione per iniziare a sviluppare .
    • Non è necessaria configurazione per iniziare a sviluppare
    • In ambiente di test, produzione, etc. posso comunque rilasciare un classico .war .
  • Up and running - DB
    • In configurazione di sviluppo NON è necessaria l’installazione del DB :
    • Viene utilizzato un in-memory-database HSQLDB
    • Script di popolamento generato da Grails
  • Up and Running – Logging
    • Grails parte con Log4J già configurato.
    • Componenti di Grails a livello INFO
    • Componenti di sistema a livello ERROR.
    log4j:WARN No appenders could be found for logger (it.brando.example.domain.TestBaseProject). log4j:WARN Please initialize the log4j system properly.
  • Up and Running - ORM
    • La configurazione di Hibernate viene gestita da un modulo apposito: GORM
    • Anche in questo caso vale il principio di Convention over Configuration
      • Non è necessario specificare il mapping delle nostre entità: questo viene dedotto dalle caratteristiche dei nostri oggetti groovy.
  • Ciclo di persistenza
    • Gli oggetti modificati sono automaticamente salvati
    • Hibernate legge i dirty objects dietro le quinte e ed aggiorna il dato se l’oggetto è stato modificato
    Alberto Brandolini – abrandolini@mokabyte.it - Mokabyte Javaday Roma - 01/12/2007
    • E la validazione?
  • Validazione
    • I constraints di validazione possono essere specificati a livello di domain classes
    Alberto Brandolini – abrandolini@mokabyte.it - Mokabyte Javaday Roma - 01/12/2007 Class Utente { String nome String cognome String password String email Date lastLogin static constraints = [nome(blank:false), cognome (blank:false), email (email:true)] }
  • Dynamic Finders
    • Metodi di Data Retrieval dedotti via convention over configuration.
    Alberto Brandolini – abrandolini@mokabyte.it - Mokabyte Javaday Roma - 01/12/2007 Utente.findByNomeAndCognome(‘Alberto’,‘Brandolini’) Utente.findByNome(‘Alberto’)
    • Possibile utilizzare combinazioni di più parametri
    • … ancora senza scrivere una riga di DAO
  • Hibernate
    • Se necessario è possibile utilizzare tutte le funzionalità esposte da Hibernate
      • Query By Examples
      • Criterias
      • Projections
    Alberto Brandolini – abrandolini@mokabyte.it - Mokabyte Javaday Roma - 01/12/2007
  • Up and Running – I18n
    • Grails nasce GIA’ internazionalizzato
    • Resource bundle per le principali lingue europee
    • Messaggi di validazione standard già presenti
    Alberto Brandolini – abrandolini@mokabyte.it - Mokabyte Javaday Roma - 01/12/2007
  • Scaffolding
    • Prototipazione rapida di tutte le strutture necessarie alla manipolazione di un’entità applicativa.
    • È un punto di partenza molto comodo, ma non è l’applicazione.
    • … necessario ri-analizzare il processo di sviluppo alla luce delle novità.
      • Iterazioni più corte?
      • Maggior coinvolgimento dei committenti?
    MOLTO
  • Un tool “forzatamente” agile
    • … necessario ri-analizzare il processo di sviluppo alla luce delle novità.
      • Iterazioni più corte?
      • Maggior coinvolgimento dei committenti?
    • Grails permette di anticipare il momento del feedback
    • In un processo “waterfall” o con poca interazione con il cliente rischiamo di sprecare buona parte dei vantaggi acquisiti
    Alberto Brandolini – abrandolini@mokabyte.it - Mokabyte Javaday Roma - 01/12/2007
  • Strumenti di supporto
    • … i “duri e puri” possono fare a meno dell’IDE (anche perché alcune delle funzionalità sono ora parte del linguaggio)
    • Supporto per Groovy in Eclipse , JDeveloper , IntelliJ IDEA , etc.
    • C’è “movimento” ma l’aspetto pionieristico si percepisce ancora…
  • Bibliografia
    • The Definitive Guide to Grails – Graeme Keith Rocher (Apress)
  • Bibliografia
    • Groovy in Action – Dierk König (Manning)
  • Bibliografia collegata
    • Java Persistence with Hibernate – Christian Bauer, Gavin King (Manning)
    • Spring in Action – Craig Walls (Manning)
  • Riferimenti
    • Grails : http://grails.codehaus.org
    • Groovy : http://groovy.codehaus.org
    • Mokabyte : http://www.mokabyte.it
    • Gruppo Imola : http://www.imolinfo.it
    • Homepage : http://albertobrandolini.wikidot.com
    • Blog : http://ziobrando.blogspot.com
    • Mail : [email_address]