Social Network
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Social Network

on

  • 1,670 views

I siti di social network da fenomeni di costume per adolescenti stanno acquisendo sempre maggiore rilievo economico. Quali sono i motivi del loro successo e come il mondo del business e la pubblica ...

I siti di social network da fenomeni di costume per adolescenti stanno acquisendo sempre maggiore rilievo economico. Quali sono i motivi del loro successo e come il mondo del business e la pubblica amministrazione possono trarre giovamento dalle possibilità che essi offrono?

Statistics

Views

Total Views
1,670
Views on SlideShare
1,664
Embed Views
6

Actions

Likes
0
Downloads
34
Comments
0

2 Embeds 6

http://www.linkedin.com 5
http://www.slideshare.net 1

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Social Network Presentation Transcript

  • 1. SOCIAL NETWORK CAPACITA’ DI INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE L'innovazione tecnologica e metodologica al servizio del mondo del lavoro Primo Seminario CIT-CSA
  • 2. Abstract
    • I siti di social network da fenomeni di costume per adolescenti stanno acquisendo sempre maggiore rilievo economico.
    • Quali sono i motivi del loro successo e come il mondo del business e la pubblica amministrazione possono trarre giovamento dalle possibilità che essi offrono?
  • 3. Argomenti …
    • Analisi sul livello di diffusione dei siti di social network e sul loro valore
    • I motivi di un successo
    • Che cos’è un social network e quali sono le caratteristiche del social software
    • I social network come strumenti per il governo di una organizzazione
  • 4. L’unione fa la forza http://it.nielsen.com/news/LunionefalaforzaONLINE6feb09.shtml New Entry 11.052 Research Tools (Wikipedia, Yahoo! Answers, …) 10 New Entry 11.067 Mass Merchandiser (eBay, Pixmania, …) 9 11.072 Current Events & Global News 8 New Entry 11.654 Internet Tools – Web Services 7 11.859 Videos – Movies (YouTube, …) 6 = 12.025 Software Manufactures 5 14.475 E-mail 4 16.018 Member Communities (Facebook, MySpace, …) 3 = 18.219 General Interest Portals & Communities 2 = 18.880 Search (Google, …) 1 Dic 2007 Utenti unici (000) Tipologia di utilizzo di Internet in Italia Dic 2008
  • 5. L’unione fa la forza http://it.nielsen.com/news/LunionefalaforzaONLINE6feb09.shtml
    • Member Communities e Video-Movies sono le uniche categorie che guadagnano posizioni nel ranking di dicembre 2008
    • I Research Tools crescono di importanza
    • La supremazia dei motori di ricerca tra i siti maggiormente visitati su Internet comincia a essere messa in discussione dalle nuove abitudini di utilizzo della rete
    • Il fenomeno del 2008 si chiama Facebook
  • 6. L’unione fa la forza http://it.nielsen.com/news/LunionefalaforzaONLINE6feb09.shtml
  • 7. Social media ed economia
    • Quanto valgono?
      • MySpace
        • 125 milioni di visitatori unici
        • Acquistato nel 2005 da Rupert Murdoch per 580 milioni di dollari
      • Facebook
        • 220 milioni di visitatori unici
        • L’1,6% è costato a Microsoft, nel 2007, 240 milioni di dollari
  • 8. Social media ed economia http://www.idc.com/getdoc.jsp?containerId=PRUS21540708
    • Quanto rendono?
      • La loro capacità di monetizzazione deriva oggi principalmente dalla pubblicità.
      • Il frequentatore di Facebook e MySpace clicca pochissimo sui banner
        • il 79% degli utenti “web-generalisti” clicca almeno su di un annuncio in un anno
        • La percentuale scende al 57% per i frequentatori delle reti sociali
      • Le imprese in maggioranza non utilizzano questi strumenti come veicoli pubblicitari.
  • 9. Social media ed economia
    • Sarà ancora la pubblicità in futuro a garantire guadagni ai proprietari di questi media?
      • Presidiare il network con il proprio marchio è ormai una necessità
      • Tuttavia, l’esistenza in Facebook di un Director of Monetization lascia intendere che è necessario cercare nuove strade.
  • 10. Social media ed economia
  • 11. Social media ed economia
    • Quali nuove strade?
      • Economia indotta
        • All’ultimo Mobile World Congress di Barcellona Palm e Nokia hanno annunciato accordi con MySpace per produrre telefonini capaci di caricare video e foto sul social network premendo un solo pulsante.
      • Ascoltare piuttosto che indurre comportamenti
        • Retail: conoscere opinioni sul valore di un brand
        • PA: favorire la partecipazione
        • Sentiment engine: strumenti software per misurare fenomeni
  • 12. Social media ed economia
  • 13. Social media ed economia Il Comune di Genova
    • Vuole favorire la costruzione di una community di informazione, incontro, scambio e partecipazione
      • Oggi parliamo di … notizie più istituzionali
      • Cosa succede … eventi di vario tipo
      • Focus … articoli su tutto quello che si può fare in città
      • Mangiare e bere, musica e notte, cinema e teatro, sport
      • Le cose che ci piacciono … proposte segnalate e selezionate a cura della redazione
    • Sui social network si muove la parte più creativa della città, secondo il Comune di Genova
  • 14. Social media ed economia Il Comune di Genova
    • E’ una bacheca delle iniziative del Comune
    • Ma vuole anche essere una bacheca delle iniziative dei cittadini
      • Hai delle iniziative da proporre, organizzi degli eventi, hai un'associazione, sei da solo e non sai come muoverti o semplicemente hai bisogno di un supporto? Raccontaci quello che organizzi o di eventi di cui sei a conoscenza e fai passaparola! L'Hub di Genova oltre ad informarti, vuole valorizzare le attività e gli eventi dove tu puoi essere protagonista attivo.
  • 15. Social media ed economia Il Direttore Generale del Comune di Reggio Emilia
    • All’interno dei dibattiti sulle politiche pubbliche si discute se il Comune è il focus, cioè l’ente erogatore di servizi, o se il focus lo collochiamo sulla città e quindi il Comune diventa soggetto regolatore del funzionamento di una comunità.
    • Ora, noi sposiamo questa seconda tesi, cioè il Comune certamente produce servizi, ma il Comune ha anche una funzione di governance, quindi di valorizzare le attività che all’interno di una città ci sono.
    • Se quindi si esce dalla logica di che cosa produce il Comune e si entra in una logica di che cosa la città è in grado di mettere a disposizione come opportunità per il cittadino noi facciamo un salto di scala e ragioniamo di sussidiarietà orizzontale, che significa riconoscere ai cittadini la capacità di svolgere funzioni di interesse generali fondamentali per la vita sociale.
  • 16. Argomenti …
    • Analisi sul livello di diffusione dei siti di social network e sul loro valore
    • I motivi di un successo
    • Che cos’è un social network e quali sono le caratteristiche del social software
    • I social network come strumenti per il governo di una organizzazione
  • 17. Social media ed economia
  • 18. I motivi di un successo
    • Strumenti per creare relazioni tra persone.
    • Ci si presenta al network descrivendo se stessi (interessi, gusti, pensieri, valori e anche stati d’animo) e si va in cerca di “amici”
    • Tra le milioni di persone profilate ci sono anche persone famose ed è possibile conversare con loro
    • Come può una cosa del genere attirare milioni di persone?
  • 19. I motivi di un successo
    • Riescono a soddisfare bisogni altrimenti insoddisfatti
      • La natura sociale della persona è fondata sul bisogno
        • di chiedere cose che non si hanno (o che non si conoscono) a chi le possiede
        • di dare per avere una misura “oggettiva” del valore di ciò che si possiede o di ciò che si è
      • Ogni persona è in cerca di luoghi in cui i suoi bisogni, di dare e di ricevere, siano soddisfatti
  • 20. Why Youth Heart MySpace Dana Boyd - http://www.danah.org/papers/AAAS2006.html
    • Gli adolescenti sono impegnati a comprendere se stessi e anche il modo con il quale essi vengono percepiti dagli altri
      • Reazioni esplicite alla loro presenza online offrono ritorni importanti per i loro scopi: essere alla moda e ricevere consenso dai coetanei
    • Gli adulti si muovono in spazi privati (a casa), controllati (a lavoro) e pubblici
      • Tecnologie digitali consentono loro di (ri)creare spazi privati (IM) e pubblici (MySpace) mentre fisicamente si trovano in spazi controllati.
  • 21. I motivi di un successo
    • Ogni persona tende a ribellarsi ad autorità che non servono a nulla e l’autorità del network è percepita come utile
      • La relazione che lega chi ha un bisogno a chi ha la capacità di soddisfarlo è una relazione di autorità. L’autorità è quindi un servizio mirato al soddisfacimento di bisogni
      • Non è vero l’assunto che le persone non amino l’autorità anzi è vero l’opposto: tutti siamo alla ricerca di persone che siano realmente in grado di soddisfare i nostri bisogni. Non si vive bene là dove l’autorità diventa potere fine a se stesso
  • 22. Groups vs Networks Stephen Downes - http://www.downes.ca/post/42521
    • Nelle comunità che si formano su Internet non c’è libertà perché non c’è responsabilità e non c’è autenticità ma soltanto caos e anarchia di massa. E’ vero?
    • E’ vero che l’assenza di una autorità di governo di un gruppo generi necessariamente anarchia?
  • 23. Groups vs Networks Stephen Downes - http://www.downes.ca/post/42521
    • Nelle comunità che si formano su Internet non c’è libertà perché non c’è responsabilità e non c’è autenticità ma soltanto caos e anarchia di massa. E’ vero?
    • E’ vero che l’assenza di una autorità di governo di un gruppo generi necessariamente anarchia?
  • 24. Groups vs Networks Stephen Downes - http://www.downes.ca/post/42521
    • Gli strumenti di comunicazione pre-Internet (tv, radio, giornali, libri) hanno come oggetto le masse, sono strumenti “uno a molti”.
      • Anche il web può essere uno strumento di questo tipo in cui l’autorità è posseduta dal titolare dell’informazione che la distribuisce per raccogliere consenso
    • Le nuove tecnologie consentono la creazione di “ecosistemi” in cui l’individuo è incoraggiato a dire piuttosto che ad acconsentire
  • 25. Groups vs Networks Stephen Downes - http://www.downes.ca/post/42521
    • La trasmissione della conoscenza non ha più un centro di distribuzione
      • può nascere ovunque per poi propagarsi secondo le logiche del “passaparola” che la tecnologia non fa altro che amplificare
    • In questi “ecosistemi” l’autorità esiste anche senza che ci siano definite regole di gruppo o di centri di distribuzione dell’informazione
      • è una autorità che trova il suo fondamento nei reciproci bisogni che soddisfa tra i membri del network
    • Il caos del network è soltanto apparente
  • 26. Argomenti …
    • Analisi sul livello di diffusione dei siti di social network e sul loro valore
    • I motivi di un successo
    • Che cos’è un social network e quali sono le caratteristiche del social software
    • I social network come strumenti per il governo di una organizzazione
  • 27. What
    • Il Social Network, inteso come piattaforma informatica, è uno strumento a supporto delle relazioni sociali in tutti gli ambiti (lavorativi, affettivi, personali ...)
    • La sfida dei social network è quella di provare a mantenere la vitalità delle piccole community su larga scala … per generare (almeno dal punto di vista di chi realizza il social network) opportunità di business
  • 28. What http://nform.ca/publications/social-software-building-block
    • Identità: un modo per identificare univocamente le persone
    • Presenza: un modo per conoscere la disponibilità della persona (on line, non al computer, …)
    • Relazioni: un modo per descrivere come due persone siano correlate
    • Conversazioni: un modo per colloquiare con altre persone
    • Gruppi: un modo per formare comunità di interesse
    • Reputazione: un modo per conoscere la reputazione di altre persone
    • Condivisione: un modo per condividere cose
    Identità Relazioni Reputazione Condivisione Conversazioni Presenza Gruppi
  • 29. What http://nform.ca/publications/social-software-building-block Twitter - http://twitter.com/ Inviare messaggi di testo (max 140 car) via SMS, IM, e-mail per informare sul proprio status ovvero come ci si sente oppure cosa si sta facendo in quel momento. Digg - http://digg.com/ Le notizie ed i collegamenti sono proposte dagli utenti, e sono poi promosse in prima pagina in base ad un sistema di graduatoria non gerarchico e basato sulla valutazione degli altri utenti della comunità. Flickr - http://www.flickr.com/ Condividere fotografie personali. Il sito permette di controllare chi ha il diritto di vedere le foto, rendendo le proprie foto pubbliche o private. Relazioni Presenza Condiv. Identità Reputaz. Gruppi Convers. Relazioni Presenza Condiv. Identità Reputaz. Gruppi Convers. Relazioni Presenza Condiv. Identità Reputaz. Gruppi Convers.
  • 30. What http://nform.ca/publications/social-software-building-block
    • Elementi critici
      • Definizione degli obiettivi del network e delle persone che faranno parte del network
      • Pianificazione degli incentivi: perché le persone dovrebbero iniziare e continuare a farne parte ?
      • Gestione della moderazione: come gestire la comunità ?
  • 31. Argomenti …
    • Analisi sul livello di diffusione dei siti di social network e sul loro valore
    • I motivi di un successo
    • Che cos’è un social network e quali sono le caratteristiche del social software
    • I social network come strumenti per il governo di una organizzazione
  • 32. Il futuro del management di Gary Hamel La cultura bottom-up: il caso Google
    • Ciò che rende competitiva Google non è tanto il modello di business incentrato sul web quanto piuttosto un modello di management molto vicino al caos
      • Gerarchia ultrapiatta
      • Un denso network di comunicazione laterale
      • Super remunerazione delle idee ad alto valore aggiunto
      • Centinaia di piccoli team per lo sviluppo dei prodotti (più team significa più probabilità di incappare nella “grande idea”)
  • 33. Il futuro del management di Gary Hamel La cultura bottom-up: il caso Google
    • Le conversazioni informali dei talentuosi dipendenti influenzano e disegnano la strategia di Google
      • I dipendenti sono incoraggiati a dire quello che pensano e a coltivare le loro passioni. Sono sotto il giudizio dei colleghi più che del management
    • Mettere in discussione l’autorità è l’imperativo per l’innovazione
      • Non fare qualcosa solo perché qualcun altro ha detto di farlo
  • 34. Il futuro del management di Gary Hamel La cultura bottom-up: il caso Google
    • Il Ceo gestisce l’azienda come un luogo di dialogo continuato.
      • Spinge affinchè si decida ma non è lui solitamente a decidere
    • Non si affida a burocrati di livello intermedio ma al feedback che si danno vicendevolmente i dipendenti
      • Il controllo è laterale più che verticale
    • Le persone non sono assegnate ai progetti d’ufficio
      • Per stimolare la creatività, vige la regola del 70 – 20 – 10
  • 35. Il futuro del management di Gary Hamel La cultura bottom-up: il caso Google
    • Il management è un moltiplicatore delle capacità umane
      • Ha reso più semplice ciò che le persone amano fare cioè chiacchierare, vantarsi, esprimere le proprie opinioni, scambiarsi idee, creare, ridere, imparare, …
    • L'originale consiste nel ritornare all'origine
      • Questa è stata la risposta di Gaudì a chi gli diceva che era originale.
  • 36. Il futuro del management di Gary Hamel La cultura bottom-up: il caso Google
    • Strumenti per il controllo laterale
      • MiscList: Tabellone elettronico che raccoglie idee e commenti su qualunque argomento (dal menu della mensa alla strategia adottata da Google in Cina)
      • MOMA (Message Oriented Middelware Application): Sito web che contiene conversazioni guidate su tutti i progetti di sviluppo
      • Snippets: Sito web dove vengono pubblicate sintesi settimanali dei lavori in corso e dei risultati ottenuti
      • TGIF: Assemblea settimanale in cui si presentano i neo assunti, si illustrano i fatti salienti della settimana e si avvia una sessione informale di domande e risposte
  • 37. Il futuro del management
    • La capacità di innovazione di Google risiede nel fatto che i suoi dipendenti siano talentuosi e nel fatto che il management dia modo al talento di esprimersi
    • Si può dire che Google sia nata come rete sociale
    • Ma se una azienda non è nata così - ossia ha la sua gerarchia, le sue logiche di management, i suoi dipendenti più o meno talentuosi - si può trasformare in una azienda a controllo laterale? Deve farlo? E come?
  • 38. Il futuro del management di Gary Hamel La cultura bottom-up: il caso Google
  • 39. Conclusioni
    • Il modello Facebook sarà vincente o se i social network del futuro saranno diversi?
    • Se è vero che il fondamento della nuova economia è la capacità di innovazione diventa sempre più evidente che favorire la partecipazione è la principale leva per il cambiamento.
    • Favorire la partecipazione non ha lo scopo di indebolire l’autorità quanto piuttosto di delineare meglio i bisogni affinché il servizio reso ad essi dall’autorità sia utile.
  • 40. GRAZIE PER L’ATTENZIONE Ing. Antonio Tommaso INAIL - Consulenza per l’innovazione tecnologica Direzione Regionale Calabria [email_address] Tel. 0965/363268