Your SlideShare is downloading. ×
Federica Palumbo - Il mercato delle commodities: caratteristiche, strategie di hedging e di speculazione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Federica Palumbo - Il mercato delle commodities: caratteristiche, strategie di hedging e di speculazione

4,198
views

Published on

Published in: Economy & Finance

0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
4,198
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
80
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. “Il mercato delle commodities:caratteristiche, strategie di hedging e di speculazione” Federica Palumbo 0556320
  • 2. Le CommoditiesDefinizioneMaterie prime o altri beni assolutamente standardizzati tali dapotere essere prodotti ovunque con standard qualitativi equivalentie commercializzati senza l’apporto di ulteriore valore aggiunto.Distinguiamo tra:- Merci legate alla sopravvivenza della popolazione (prodotti agricoli)- Merci che permettono il funzionamento dell’economia in unanazione (fonti energetiche)
  • 3. Categorie di CommoditiesBeni agricoli Avena, Farina di soia, frumento, mais, olio di soia, soia, succo d’aranciaBeni coloniali e tropicali Cacao, caffè, cotone, legname, tabacco, zuccheroMetalli Alluminio, argento, nickel, oro, palladio, platino, rame, zincoEnergia Benzina, etanolo, gas naturale, nafta, petrolio, carboneCarni Bovini, bovini da latte, maiali, pancetta di maiale
  • 4. Recenti cambiamenti degli scambi internazionali di MPIeri Oro nero (petrolio)Oggi Oro bianco (acqua) e fonti alternative di energia
  • 5. Un’ulteriore distinzione:Le commodities sono asset reali e nonfinanziarie come azioni ed obbligazioni Hard Commodities Soft Commodities Asset reali non Beni di consumo deperibili come deperibili (come i l’energia (petrolio e gas) o i metalli preziosi prodotti agricoli)
  • 6. Principali indici sulle materie prime• DJ-AIG: Dow Jones AIG Commodity Index• GSCI: Goldman Sachs Commodity Index• Rogers International Raw Material Index• COMMIN: Commodity Index (composto da 24 materie prime esuddivisibile in 5 indici sub settoriali: Agricolo, Bestiame, Energia,Metalli Industriali e Metalli Preziosi• CRB (Commodity Research Bureau, indice delle commodities) ècostituito da 23 materie prime.
  • 7. Mercati Internazionali• New York Mercantile Exchange (NYMEX): negozia alluminio,rame, petrolio greggio, energia elettrica, benzina, oro, nafta, gasnaturale, palladio, argento, propano, platino;• Chicago Board of Trade (CBOT) : negozia grano, orzo, segale,avena;• Intercontinental Exchange (ICE): negozia cacao, caffè, cotone,etanolo, pasta di cellulosa, zucchero, succo d’arancia concentrato;• Chicago Mercantile Exchange (CME);• London Metal Exchange (LME).
  • 8. Excursus storico sui derivati su commoditiesAnticamente i derivati presentavano caratteristiche davverosemplici: contratti verbali tra due o più soggetti su un sottostanteche quasi sempre era un raccolto o una partita di merci. (Aristotele)Nel Medioevo erano accordi tra agricoltori e mercanti.L’enorme sviluppo del commercio internazionale fatto registrare nelcorso del XIX secolo sull’onda del colonialismo e della rivoluzioneindustriale portò all’affermazione di un particolare strumento dinegoziazione: i contratti to-arrive.Nel 1821 venne istituito il Liverpool Cotton Exchange, primomercato to-arrive.
  • 9. Excursus storico sui derivati su commodities• Nel 1842, ci fu la costituzione, da parte di un gruppo di 82 commercianti,del Chicago Board of Trade (CBOT), dove nel 1851 fu scambiato il primo verocontratto derivato negoziato su un mercato regolamentato.•Nel 1874 fu istituita la Chicago Produce Exchange, fornendo mercati perburro, uova, pollame ed altri prodotti agricoli deperibili.•Nel 1919 venne riorganizzato il mercato dei futures sul Chicago MercantileExchange e da allora questa piazza ha fornito mercati futures per moltemerci.•Nel 1972 venne fondato l’International Monetary Market per lanegoziazione di valute.•Nel 1973 venne inaugurato, presso il CBOT, il Chicago Board OptionsExchange (CBOE), il primo mercato organizzato delle opzioni.•Nel 1982 venne introdotto un contratto futures sull’indice Standard&Poor500 e negli anni successivi sono stati creati analoghi contratti su altri indiciborsistici.
  • 10. Commodities e mercati finanziari 4 mercati interconnessi: - mercato delle commodity (CRP)- mercato obbligazionario (T-Bond) - mercato azionario (Dow Jones) - mercato delle valute
  • 11. Commodities e mercati finanziari Il mercato delle Commodities è un mercato ciclico
  • 12. Espansione Economica Prezzo delle commodity Inflazione Tassi d’interesse Valuta nazionale Il rendimento obbligazionarioMercato azionario e obbligazionario
  • 13. Contrazione Economica Prezzo delle commodity Inflazione Tassi d’interesse Valuta nazionale Il rendimento obbligazionarioMercato azionario e obbligazionario
  • 14. Modello Intermarket di Pring
  • 15. Fase 1 “di inizio contrazione economica” :inversione rialzista del mercato obbligazionario; attenuazione delle pressioniinflazionistiche ed una prosecuzione della fase ribassista dell’azionario e deiprezzi delle materie prime.Fase 2 “di massima intensità della recessione economica”l’inversione rialzista del mercato azionario, grazie alla riduzione dei tassi diinteresse ed il miglioramento delle condizioni economiche, mentre il mercatoobbligazionario continua la fase rialzista cominciata nella fase precedente.L’unico mercato a proseguire nel ribasso è quello delle materie prime.Fase 3 “di inizio della ripresa economica”l’inversione rialzista anche del mercato delle materie prime; a questo punto tuttie tre i mercati risultano orientati al rialzo.Fase 4 “di espansione economica” a causa della ripresa dell’inflazione, vede la prima inversione ribassista cheriguarda il mercato obbligazionario, a causa dellintensificazione delle pressioniinflazionistiche. Il mercato azionario e delle materie prime continuano nella lorocorsa rialzista.
  • 16. Fase 5 “di massima intensità dell’espansione economica”prevede un’inversione ribassista anche del mercato azionario,anch’esso sensibile all’andamento dei tassi di interesse e scontandoil peggioramento delle condizioni economiche. A questo punto soloil mercato delle materie prime resiste al rialzo.Fase 6 “di rallentamento della crescita economica”evidenzia un orientamento al ribasso di tutti e tre i mercati. La "vitamedia" del ciclo economico sopra descritto si estende a circa 4 anni.Si sottolinea, inoltre, che loro, anticipatore delle materie primetende a svoltare verso il basso, e verso lalto, subito dopo il mercatoazionario.
  • 17. Sequenza dell’andamento dei diversi settori primari Azioni Tassi d’interesse Dollaro Corsi Oro obbligazionari max e poi ESPANSIONE ECONOMICA Indice CRBTassi d’interessemin e poi Tassi d’interesse max e poi CONTRAZIONEIndice CRB ECONOMICA Corsi obbligazionari Oro minimo e poi Dollaro Azioni
  • 18. Investire in Commodities1. Acquistare fisicamente le materie prime (ma occorrono grossi capitali e ci si deve occupare di trovare i magazzini di stoccaggio, nonché tutti i costi correlati);2. Acquistare in Borsa titoli di società che trattano le materie prime (miniere ecc). Ma spesso le quotazioni non sono correlate nel breve a tale andamento;3. Mercato ETF ed ETC;4. Mercato dei derivati.
  • 19. Commodity linked bond titolo obbligazionario a reddito fisso (zero-coupon o con un flusso cedolare inferiore a quello di mercato) + strumento finanziario derivato (solitamente un’opzione su un indice di commodities o un insieme di opzioni su singole materie prime che costituiscono un paniere di riferimento).Problemi: i costi di gestione elevati fanno registrare spessoperformance negative sulla parte strutturata e scarsaliquidità
  • 20. Exchange Traded Fundfondi di investimento aperto che replicano l’andamento di un determinato indice o paniere di commodities (ad esempio l’oro) Vantaggi:- Negoziati in tempo reale senza attendere il riscatto (non come i comunifondi) possono essere venduti allo scoperto- spesso non hanno scadenza crescita di lungo periodo- Consentono anche l’impiego di piccole somme ed evitano alcuni problemigestionali tipici dell’apertura di posizioni in contratti derivati Svantaggi:- meno adatti di futures e opzioni alla speculazione di breve periodo
  • 21. Exchange Traded CommoditiesTitoli senza scadenza che replicano la performance di una singola commodity o di indici di commodities grazie all’investimento diretto da parte della società emittente nella materia prima (ETC phisically backed) o in contratti derivati sulla materia prima (ETC standard). In questo secondo caso gli ETC consentono agli investitori di avere un’esposizione simile a quella che si otterrebbe gestendo una posizione in acquisto in contratti future, seppur con alcune differenze: • Assenza di leva finanziaria• Non sono necessarie operazioni di riposizionamento da contratti future in scadenza ad altri con scadenze più lontane (c.d. Roll-Over) • Assenza del versamento dei margini richiesti per l’apertura di una posizione in future• Assenza di spese di intermediazione/sostituzione dei contratti in scadenza
  • 22. Exchange Traded CommoditiesA differenza dei futures, con gli ETC non esiste il “Roll Return”
  • 23. Strumenti derivati sulle commodities: caratteristiche tecnichePer poter assumere il ruolo di attività sottostante di un contrattoderivato, una commodity deve possedere determinatecaratteristiche:• Deve trattarsi di un bene relativamente durevole e facilmenteconservabile;• Le unità di tale bene devono essere omogenee;• La domanda e l’offerta di tale bene devono esseresufficientemente ampie (così da garantire liquidità).
  • 24. Strumenti derivati sulle commodities: caratteristiche tecnicheOgni materia prima acquistata con un future ha una propria quantitàminima scambiabile per contrattoESEMPI DI QUANTITATIVI MINIMI PER LE Materie prime :• petrolio = 1000 barili a contratto;• grano = 5000 bushels a contratto;• zucchero = 112000 pounds a contrattoLa qualità di una materia prima è standardizzata dalla Borsa in cui ètrattata.(Ad esempio largento deve avere un grado di purezza pari al 99,99% e loscambio deve avvenire sotto forma di lingotto)Le quotazioni delle materie prime (MP) presentano delle differenze:a seconda dellMP trattato.(Ad esempio: i cerali sono espressi in dollari e centesimi per bushel)
  • 25. Strumenti derivati sulle commodities: caratteristiche tecnicheTutte le materie prime hanno una oscillazione di prezzo minima. Questaoscillazione minima si chiama "TICK".(Per i cereali, ad esempio, il tick è di 1/4 di cent/bushel. Questo significa che se il prezzo delgrano è 3,20 cent/bushel, il tick successivo lo porterà a 3,20 e 1/4 (se sale) o 3,19 e 3/4 (sescende).)Valore del Tick:Il valore del tick viene calcolato semplicemente moltiplicando la minima variazionedi prezzo per le dimensioni del contratto future (ossia la quantità di materia primacostituita nel contratto).ESEMPIO ORO:tick 10 cent/oncia; contratto future = 100 once; valore della minima variazione (tick) = 10 cent x 100 = 10$
  • 26. Futures su commoditiesPosizione lunga acquisto un future perché prevedo che il prezzo della commodity salgaPosizione corta vendo un future perché prevedo che il prezzo della commodity scenda- Funzione di hedging (o copertura)
  • 27. Futures su commodities esempioUn agricoltore vuole bloccare il prezzo di vendita del prossimoraccolto di grano al prezzo di 2,45€ per staio.Apre una posizione corta stipulando un future del valore di 2,80€ perstaio.Alla data di consegna l’agricoltore vende il proprio raccolto a 2,10€per staio. Guadagno sul mercato cash: 2,10 per staio Guadagno sul mercato future: 0,35 (2,80-2,45) Guadagno complessivo: 2,45
  • 28. Opzioni su commoditiesLe opzioni attribuiscono all’acquirente che paga una somma didenaro (cosiddetto premio) il diritto e non l’obbligo diacquistare/vendere (opzione call/put) ad una determinata data unadeterminata quantità di un’attività sottostante ad un determinatoprezzo (strike price).Aprendo una posizione di questo tipo: - Se il prezzo del grano < strike price l’agricoltore esercita l’opzione bloccando così il prezzo di vendita ad un livello superiore a quello di mercato. - Se il prezzo del grano >allo strike price l’agricoltore rinuncerà all’esercizio dell’opzione vendendo il raccolto al prezzo di mercato.
  • 29. Commodity swapIn un tipico contratto swap "fisso-contro-variabile" un produttore apre una serie dicontratti a termine al fine di vendere la merce in differita a un prezzo prestabilito emettendosi al riparo da eventuali oscillazioni del prezzo.per esempio, un produttore di grano (corn) concorda la vendita di 50.000 bushelsogni tre mesi per lanno successivo al prezzo fisso di 241½ cents per bushel elacquirente accetta lofferta aderendo alla serie di acquisti programmatitrimestralmente.In pratica, dati:Q = quantità della merce (valore del contratto)PF = prezzo fisso concordato nello swapPV = prezzo corrente alle date di liquidazionesi ha che:• il produttore incassa (e lutilizzatore paga) Q x (PF - PV) se PF > PV;• il produttore paga (e lutilizzatore incassa) Q x (PV - PF) se PF < PV.
  • 30. Commodity swapIl passo successivo è immaginare che l’agricoltore invece di consegnare il granopaghi all’utilizzatore una certa quantità di denaro equivalente al prezzo del grano inquel momento. L’utilizzatore continua a pagare la somma prefissata, garantendosicosì sia l’approvvigionamento che il prezzo.Lo swap è questo accordo, con la differenza che non vi è alcuna intenzione aconsegnare fisicamente la materia prima. Invece di consegnarla viene pagata dalseller una somma pari al prezzo spot che ha in quel momento la materia prima. Si hain sostanza uno scambio dei flussi di cassa. Prezzo spot Seller Buyer Prezzo fissato MP Prezzo nello swap fisica spot Mercato fisico
  • 31. Benchmark Commodity CertificatesI Benchmark Certificates su Commodity replicano l’andamento di un sottostante(es. commodity ovvero contratto future su commodity), riflettendone il livellosenza alcun effetto leva.Il valore del Benchmark con riferimento ai Certificates su Indici ed ai Certificatessu Commodities relativi a Platino e Palladio, Oro e Argento è: (livello corrente del Sottostante x Parità) livello corrente del tasso di cambioCon riferimento ai Certificates su Commodities relativi ai rimanenti Sottostanti(ossia i contratti future su commodities): (livello corrente del Sottostante x livello corrente della Parità) livello corrente del tasso di cambio
  • 32. Benchmark Commodity CertificatesLa parità indica:• con riferimento alla Data di Emissione, un valore pari alla Parità Iniziale;• con riferimento alla prima data di rollover, un valore pari alla parità inizialemoltiplicata per il rollover ratio corrente; e, successivamente,• con riferimento a ciascuna data di rollover, un valore pari alla parità correntemoltiplicata per il rollover ratio corrente.Dove:il rollover ratio è un coefficiente calcolato in relazione ad ogni sostituzione delsottostante nelseguente modo: Contratto in scadenza (-Transaction Charge) Contratto scadenza successiva (+Transaction Charge)
  • 33. I benchmark QUANTO Certificates su commodity: copertura dal rischio di cambioI Benchmark QUANTO Certificates su Commodity sono strumenti d’investimento chepermettono di avvantaggiarsi della crescita del sottostante (oro, argento, platino epalladio) linearmente e senza commissioni aggiuntive, garantendo la copertura deltasso di cambio a scadenza.Il prezzo è determinato dal valore del sottostante moltiplicato per la parità, senzaessere influenzato dalla volatilità, dall’erosione temporale e soprattutto dal tasso dicambio di riferimento.I Benchmark QUANTO Certificates su Commodity permettono, infatti, di convertire ilvalore del sottostante direttamente in Euro, in base al principio di copertura deltasso di cambio, 1 Dollaro = 1 Euro. Valore Certificate = livello corrente sottostante X Parità
  • 34. Strategie di hedging• Portafogli azionari di Commodity linked• Utilizzo di opzioni per strategie di coperturaEsempio:supponiamo di avere un’esposizione lunga su un portafoglio di azioni“commodity-linked”. Gli indicatori delle società di cui si tengono le azionisuggeriscano un trend rialzista ma contemporaneamente si hannoaspettative ribassiste sul mercato delle materie prime. Conoscendo ilgrado di correlazione dei titoli in portafoglio alle relative commodities siacquista un determinato numero di opzioni put sulle materie primecollegate al portafoglio.Se il trend negativo sul mercato materie prime non si verifica l’investitoreregistra una riduzione dei profitti pari al premio pagato per le opzioni.Se al contrario lo scenario negativo si realizza è possibile esercitare icontratti d’opzione conseguendo un profitto sul mercato dellecommodities che sterilizza l’extrarendimento fatto registrare dalportafoglio azionario.
  • 35. Strategie speculativeLa speculazione è quell’attività svolta da alcuni investitori cheaprono posizioni sul mercato per trarre un lucro nel minor tempopossibile.• interventi sul mercato della speculazione sono sempretemporanei•eventi aleatori• interviene sulla liquidità degli strumenti finanziari in quantoriesce a creare e mantenere un adeguato flottante• L’attività di speculazione nel settore delle commodities avvieneprincipalmente sul mercato degli strumenti derivati• effetto leva
  • 36. Effetto leva dei derivatiLeffetto leva di un future consiste nel potere acquistare o venderecon una piccola parte del vostro capitale (il margine) unammontare di una materia prima che ha un valore molto maggiore.Solo una parte del capitale è impegnata e i guadagni e le perditesono amplificati.Per esempio, ipotizzando che il margine per una certa materia prima sia del 10%,con solo 5.000$ possiamo acquistare 50.000 $ - dieci volte tanto - di unadeterminata materia prima. In questo modo i nostri guadagni (o le nostreperdite) saranno amplificati dalle fluttuazioni della materia prima in oggetto.Supponiamo infatti che dopo qualche tempo il prezzo di questa materia prima siaaumentata del 5%. La materia prima oggetto del contratto vale ora 50.000 +(50.000x5%) = 52.500 $. I nostri guadagni non saranno del 5%, ma del(2.500/5.000) = 50%! Poiché la parte impegnata del nostro capitale erainizialmente di solo 5.000 $. Lo stesso sarebbe avvenuto in caso contrario, diflessione del 5% del prezzo della materia prima acquistata: avremmo maturatouna perdita del 50% sul capitale investito nel nostro contratto.
  • 37. Effetto levaLa Clearing House chiede all’investitore di versare:• Margini iniziali• Margini di Variazione Giornalieri• Margini aggiuntivi Infragiornalieri• Margini di Chiusura (solo in caso di consegna fisica del sottostante)È attraverso l’effetto leva che l’azione degli speculatori riesce a muoveremasse finanziarie sufficientemente ampie per causare modificazioni neimovimenti di mercato. Si tratta però di trend di breve periodo dato cheper innescare una tendenza a lungo termine è necessario che l’azione deglispeculatori sia appoggiata dalla platea di risparmiatori.
  • 38. Vantaggi di un investimento in Commodities• Investimento a rischio zero; il capitale investito, infatti, e’garantito da una polizza assicurativa;• Mercato in crescita costante;• Performances elevate;• Rimborsi bimestrali dei benefici conseguiti;• Rendimenti elevati;• Diversificazione di portafoglio (dal momento che hanno unacorrelazione bassa rispetto all’obbligazionario e azionario);• Scudo contro l’inflazione.
  • 39. Performance passate• Nel primo semestre 2008 i rendimenti delle commodity superano del 40%quelli delle azioni;• Negli ultimi 10 anni i rendimenti delle commodity superano di 4 volte irendimenti del mercato azionario;• Nel primo semestre del 2008, ETFS Natural Gas è stato l’ETC con leperformance migliori mostrando un rendimento del 72,7%;• Nel primo semestre 2008, 16 ETC ( Exchange Traded Commodities) di ETFSecurities, tra i quali ETFS Brent Oil, ETFS Corn ed ETFS Energy registranoperformance superiori al 50%;• Gli energy ETC sono più performanti nel secondo trimestre 2008 sono stati: Natural gas +29,5% nel secondo trimestre 2008 e +72,7% nei primi sei mesi dell’anno Combustibili fossili ETFS Energy DJ-AIGCISM: +53.7% Indice generale ETFS All Commodities DJ-AIGCISM: +26.8% Basket metalli preziosi ETFS Physical PM Basket: +19.5% Agricoltura ETFS Agriculture DJ-AIGCISM: +18.9% Metalli industriali ETFS Industrial Metals DJ-AIGCISM: +14.3%
  • 40. Prospettive future- La domanda di petrolio ha nettamente superato nel 2007 lacapacità produttiva mentre la capacità di riserva (spare capacity)resta a livelli storicamente troppo bassi.- Se dal lato dell’offerta resta difficile prevedere un superamentodegli squilibri nel prossimo futuro, il necessario adattamento verràforse dal lato della domanda.- Con riferimento al resto delle commodities, la continua crescita delconsumo da parte delle economie emergenti fa prospettareun’ipotesi sui prezzi al rialzo.