Anno II - Mensile - Dicembre 2006Poste Italiane Spa - Spedizione inabbonamento Postale - D.L. 353/2003(conv. in L. 27/02/2...
PROJECT STUDIO        NEL CD ROM       ESEMPI ESCLUSIVI       THERMIONIC THE PHOENIX       Il compressore valvolare delle ...
THERMIONIC THE PHOENIX                                                                                                    ...
PROJECT STUDIO                                                         THERMIONIC THE PHOENIX          Fig. 5 Le connessio...
THERMIONIC THE PHOENIXQUATTRO CHIACCHERE CON… VIC KEARY Come sapete dietro a Thermionic c’è un big             Quanto è st...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

351 c1b43d01

390 views

Published on

Italian TC Phoenix Review

Published in: Devices & Hardware
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
390
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

351 c1b43d01

  1. 1. Anno II - Mensile - Dicembre 2006Poste Italiane Spa - Spedizione inabbonamento Postale - D.L. 353/2003(conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1,comma 1, DCB Milano
  2. 2. PROJECT STUDIO NEL CD ROM ESEMPI ESCLUSIVI THERMIONIC THE PHOENIX Il compressore valvolare delle meraviglie di Luca Pilla U n compressore valvolare basato sulla I prodotti di Thermionic, in particolare Phoenix Tra le tecnologie impiegate dai variazione continua del Mu ha alcune ed Earlybird 2, sono stati recentemente utilizzati costruttori di compressori valvolari, caratteristiche proprie che lo distinguono da Peter Katis per Interpol, da Prodigy in “Always da tutti gli altri anche nelle applicazioni. La curva Outnumbered, Never Outgunned”, e sull’ultimo CD la più rara ma anche la più ricercata di compressione è di tipo soft knee, sempre molto di Madonna, dove il Phoenix è stato spalmato un per dolcezza e calore è basata sul gentile e rotonda, e i circuiti valvolari apportano al po’ ovunque. La lista potrebbe continuare... Mu variabile delle valvole, la stessa suono quello che comunemente è chiamato calore impiegata su un certo Stereo Variable della valvola. In altre parole c’è una modifica HARDWARE dell’equalizzazione, con bassi più corposi, i medi Mu di Manley Labs e, anche se non sono più omogenei e densi, e le alte tendono Le tre unità rack servono quasi più a dissipare il a perdere d’asprezza. Si perde qualcosa nel calore delle valvole che non a contenere i circuiti, importato e con aspetti tecnici microdettaglio, ma si guadagna tantissimo in i quali sono in realtà divisi da un piano. Sul lato differenti, su ES-8 di Pendulum Audio. piacevolezza del suono. In realtà le cose non sono superiore trovano posto le valvole, i controlli, i due Il terzo della lista è in prova questa mai così nette e lo vedremo anche su Phoenix. VU Meter, non retroilluminati, il trasformatore per Ci sono infatti almeno tre elementi da tenere in l’alimentazione (un bel Sowter) e due trasformatori mese. Benvenuti a The Phoenix, un considerazione: l’impiego o meno di trasformatori per i segnali in ingresso. Il lato inferiore accoglie altro progetto del veterano Vic Keary. in ingresso e in uscita, l’integrazione di un la rimanente parte dei componenti, tutti saldati a circuito di gain nello stadio iniziale, e il livello di mano, senza alcun operazionale inserito o visibile saturazione delle valvole con l’introduzione della e i due altri trasformatori per l’uscita. Phoenix è tipica distorsione valvolare. La riduzione del gain di fatto così: è un progetto molto classico, esente da questo tipo di compressori non è mai elevata, per i componenti integrati dall’inizio alla fine, e senza limiti intrinseci delle valvole, tanto che sul Phoenix circuiti stampati. è riportato un fondo scala di 20 dB, praticamente Le connessioni sono ridotte a due ingressi e due impossibile da raggiungere. Al massimo si uscite bilanciate XLR. Non c’è possibilità di inserire raggiungono i 15 dB. un side-chain esterno. Fig. 1 Le feritoie per raffreddare le valvole. Fig. 2 Il piano superiore con le valvole e i trasformatori. CM&PS50 DICEMBRE 2006
  3. 3. THERMIONIC THE PHOENIX e riducendo di conseguenza la LE MISURE DELL’UNITÀ IN PROVA soglia. La riduzione Risposta in frequenza a 0 dB del gain appare di compressione: 11 Hz- 83 kHz -1 dB infatti estremamente Risposta in frequenza a 8 dB piacevole fino a circa di compressione: 4 Hz - 99 kHz -1 dB 6 dB, dopo di che Distorsione a 0 dB di compressione: appare un suono 0.029% a 1 kHz, 0.021 a 100 Hz schiacciato tipico di Distorsione a 8 dB di compressione: altri compressori. Più si 0.19% a 1 kHz, 0.18% a 100 Hz comprime più cambia Rapporto segnale rumore a 0 dB anche la colorazione di compressione: 103.5 dB del suono, con una Livello massimo d’uscita perdita di ambiente (distorsione 1%): +24.5 dB evidente e di dettagli, Fig. 3 Il piano inferiore è occupato dai circuiti saldati a mano. Valvole: ingresso 2x Siemens PCC85, uscita 2x che sono invece esaltati RFT ECC81, detector Mullard CV4025 sotto i 6 dB. Prendere un compressore diIl pannello di controllo è semplice: ogni canale questo tipo serve per dare densità al suono, senza Test passato a pieni voti. Su una traccia stereodispone di controllo di gain, tempo di attacco, sentirlo schiacciato, e per avere quella patina orchestrale, registrata con due Royer R122 e untempo di rilascio e soglia di intervento. Tre che rende tutto molto più piacevole. Non a caso GML 8302 su un Tascam DV RA-1000 a 44/16,switch consentono il bypass completo dell’unità il Vairable Mu di Manley è uno dei compressori il Phoenix è stato utile per equilibrare i livellie l’attivazione del Link tra i canali per la più utilizzati in fase di mastering. C’è comunque per ascolti meno sopraffini e, sempre con uncompressione, dove quello che comprime di da sottolineare come i VU Meter siano solo una massimo di 6 dB per i picchi più alti, ha permessopiù guida anche la compressione dell’altro. Due traccia da considerare fino a un certo punto. di ottenere un suono più pieno e meno digitale,controlli di Trim permettono di ridurre il livello La loro estrema lentezza potrebbe far pensare lisciando qualche spigolo del Tascam (non è und’uscita. Non c’è, e non ci può essere, un controllo a interventi assenti del compressore, quando Prism o un Apogee...).di rapporto di compressione. La ratio è infatti invece gli impulsi sono regolarmente trattati. Su Siamo passati ai bassi: il controllo sulle medie estabilita dalla soglia e dal livello del gain. Più il un compressore di questo livello vi potete anche sulle alte è stato prevedibile, mentre sulle bassecompressore lavora, più aumenta il rapporto di scordare di osservarli e lavorare, finalmente, solo è stato aggiunto più peso che, in paio di casi,compressione, che passa da 1.2:1 a 5:1. I tempi di con le vostre orecchie. ha richiesto l’intervento dell’eq per rimodellareattacco vanno da 4 a 120 ms, quelli di rilascio da la traccia originale. Conoscendo a priori il60 ms a 2.2 secondi. Le specifiche sono notevoli IN PROVA comportamento del Phoenix è facile adattareper essere un valvolare. L’unità in prova è giunta l’equalizzazione iniziale. Phoenix non ha toccatocon le relative misure che vi riportiamo nel box The Phoenix è arrivato nello stesso momento l’inviluppo generale del suono, come accade surelativo. in cui stavamo lavorando su diverse produzioni, compressori non all’altezza del lavoro o su molti compresa la classica. Eravamo molto curiosi di plug-in. Abbiamo usato Phoenix anche sulla voceOPERATIVITÀ sentire come potesse suonare su qualsiasi genere e siamo rimasti entusiasti dei risultati, perché ha di materiale e così è stato. Abbiamo cominciato acquistato una rotondità e una pastosità invidiabili,C’è molto da dire su Phoenix, a dispetto dei pochi con alcune tracce dicontrolli. La soglia di intervento, quando posta su chitarra e siamo riusciti11, esclude di fatto il compressore ma mantiene a tirare fuori una bellaattivo lo stadio di gain. Entrando a +24 dBu il gain porzione d’attaccoprovoca una distorsione udibile oltrepassando incrementando lail valore 7, fino a distorcere completamente il presenza di mediosuono, in senso valvolare. Avrete già capito che basse. In questo casoprima ancora che un compressore, Phoenix può abbiamo impiegatoessere usato per inserire il suono della valvola nel un tempo piuttostosegnale audio, riscaldando da subito anemiche alto (intorno ai 5) ee sterili tracce digitali. Assieme al gain lavora il un tempo di rilasciocontrollo di soglia: più si incrementa il gain più sui 5, con unabisogna anche aumentare la soglia, perché in caso riduzione di soli 2 dB.contrario aumenta la compressione. Giocando con Lasciando inalteratiquesti due controlli si possono ottenere miriadi i tempi, variando indi variazioni: con un gain basso si lavora con un proporzione il gain esuono molto pulito e basta diminuire la soglia per la soglia siamo stati inaumentare la compressione. Viceversa è possibile grado di aggiungerecolorare pesantemente il suono aumentando o togliere armoniche Fig. 4 Un particolare dei due trasformatori in ingresso.il gain, introducendo così fini modifiche sul ed equalizzazionecolore del suono fino a distorsioni evidentissime, valvolare. CM&PS DICEMBRE 2006 51
  4. 4. PROJECT STUDIO THERMIONIC THE PHOENIX Fig. 5 Le connessioni. stampate poi in digitale dal convertitore. e di migliaia di dischi La vera sorpresa è arrivata sul bus stereo: basati su questo suono. abbiamo ripreso i pezzi che avevamo provato L’unico neo sono le per lo speciale G Compressor e siamo rimasti serigrafie del pannello. impressionati dal calore introdotto, che ha Avremmo preferito Fig. 6 I due trasformatori d’uscita. spazzato via rigidità e sapore digitale. Anche avere indicazioni qui sono bastati veramente pochissimi dB per più precise sulla fare la differenza. In tutti i casi anche l’ambiente posizione dei controlli, subisce il trattamento cosmetico del Phoenix, con come accade per esempio su Summit DCL 200. andare a orecchio... Sul CD abbiamo inserito una il risultato che gli ambienti diventano più chiusi e L’assenza del side-chain non è così importante per serie di esempi di quello che si può ottenere con meno profondi, ma sono ancora molto piacevoli. un compressore così gentile e delicato, anche se Phoenix e pochi dB di compressione. Crediamo C’è un certo schiacciamento del panorama sarebbe stata gradita. I due VU Meter sono una non ci sia bisogno di commenti ulteriori. tridimensionale, ma è anche il bello della valvola indicazione di massima della compressione. Meglio CONCLUSIONI GABRIELE CERLINI E L’ESPERIENZA SU THE PHOENIX Per anni il marketing ci ha venduto valvole Ho aggiunto di recente il Thermionic The Phoenix “preamplificazione” dei suoni generati dai plug- dicendoci che avrebbero scaldato il suono. all’arsenale del mio project studio; la cosa non è in software; basta una leggera compressione e Quasi sempre sono state bufale e un po’ più di sfuggita all’onnisciente Luca Pilla, curioso sulle questi suoni perdono la loro durezza caratteristica riscaldamento nella stanza. Questa volta abbiamo motivazioni che hanno spinto un produttore di e si siedono assai meglio nel mix. trovato qualcosa che il suono lo scalda e lo affina musica Dance verso questa scelta. La prima Mi capita, verso la fine del mixaggio, di “passare” davvero! La cosa impressionante di Phoenix è impressione su questo compressore è stata che tutta la traccia di un plug-in (ma anche del la facilità con cui si arriva a questo risultato. Si qualunque segnale passasse attraverso le valvole mio Studio Electronics SE1-X se è per quello!) perde qualcosa in iperdettaglio ma si guadagna del Phoenix, anche se non regolato per una attraverso le valvole del Phoenix, registrandola tantissimo in attrattiva del suono e dei colori. effettiva compressione, ne uscisse “migliorato”, in audio per poi riassegnare alla macchina i È indicato prima di tutto per il bus stereo ma trovando posto più facilmente nel mix. vocals. Andando un po’ over the top con il anche per il trattamento gentile delle voci e degli Si tratta di quello che gli americani definiscono controllo Gain, entra in gioco la distorsione, strumenti acustici. In puro tracking è forse un po’ Mojo, cioè quel “non so che” piacevole che tipicamente valvolare, che può piacere o meno. limitato, proprio per la sua curva dolce, quando si può ricordare la leggera saturazione del nastro Il compressore è un po’ lento (infatti le “s” e le analogico. Aumentando la compressione, “t” sparano un po’ rispetto a macchine più veloci SCHEDA THERMIONIC THE PHOENIX la musica cambia e il Phoenix si scatena in come il Distressor) e perciò non me lo fa preferire tutta la sua efficacia e calore. Questo “calore” al SSL nell’uso sul mix bus; probabilmente • Livello massimo d’uscita: +24 dB a 10 kOhm è esattamente la caratteristica principale e è questione di genere musicale. Però ho • Gain massimo: +30 dB adorabile del Phoenix; sulle voci soliste e i sperimentato con ottimi risultati la tecnica di • Distorsione armonica totale: migliore di 0.09% a 1 kHz, 0.11% a 100 Hz • Rumore: -95 dB backing vocal è pura magia, migliore di macchine registrare in audio tutto il mix tranne la batteria • Risposta in frequenza: 0/-1dB 12 Hz fino a 60 kHz eccezionali come il Distressor o il Summit DCL (voci, synth, effetti) passandolo attraverso il • Impedenza d’uscita: 600 Ohm 200 con cui l’ho confrontato. Crea uno “spazio” Phoenix, poi mixare la traccia ottenuta con la intorno alle voci, credo saturando leggermente batteria… fantastico! Attenzione però: se avete le medio-basse frequenze. A volte fin troppo, trattato pesantemente una traccia (la voce) Distributore: ma basta bilanciare con un tocco di EQ sui col Phoenix, un secondo passaggio attraverso Funky Junk Italy srl, 3kHz per ottenere la perfezione. Sul brano la stessa macchina potrebbe svelare un po’ di via Pollaiuolo 15, che sto ultimando in questi giorni ho applicato distorsione indesiderata. Infine, la macchina è 20159 Milano ben 8-10 dB di compressione ad una voce esteticamente meravigliosa: quegli enormi VU Tel 02-69016229 maschile, senza artefatti sgradevoli. Un altro Meter e le valvole a vista fanno fare “oh” anche www.funkyjunk.it uso ideale per il Phoenix nell’ambito Dance è la ai non “addetti ai lavori”! Prezzo: € 3.200 + IVA CM&PS52 DICEMBRE 2006
  5. 5. THERMIONIC THE PHOENIXQUATTRO CHIACCHERE CON… VIC KEARY Come sapete dietro a Thermionic c’è un big Quanto è stato difficile arrivare a questo a un livello normale il livello d’uscita. Il trim dell’audio professionale come Vic Keary. risultato con questa qualità? d’uscita era inteso, nel progetto originale, per far Lo abbiamo contattato per avere alcune La risposta è che si tratta solo di una questione di lavorare il Phoenix anche a –10 dB, ma sempre sue opinioni sui prodotti e sull’audio in tempo per ottenere il bilanciamento giusto degli più spesso è usato per gestire la distorsione, generale. elementi. Il prototipo di Earlybird è stato costruito anche se questa non era la sua finalità. L’Earlybird ben dieci anni fa. II impiega lo stesso design, ma lo stadio valvolare Vic, hai cominciato a costruire outboard d’ingresso è totalmente esente da distorsione. La alla fine degli anni ’50 e hai vissuto la storia Di sicuro c’è più spazio oggi per hardware distorsione generata su entrambi i modelli è quasi dell’audio professionale. Dopo 50 anni, di grande qualità con un’anima. Pensi che tutta a carico della seconda armonica, quindi cose ne pensi della qualità dell’hardware di sia più facile costruire outboard valvolari è molto più musicale delle armoniche dispari questi ultimi anni? con queste caratteristiche, piuttosto che prodotte dallo stato solido. Ho cominciato a costruire appena prima del con componenti a stato solido? 1952. La qualità del suono registrato ha toccato Naturalmente sì, credo sia più facile arrivare Puoi dirmi a che livello compare questa un picco quando nel 1960 Ampex e Philips a questo risultato con le valvole. Ci sono però distorsione? commercializzarono il primo registratore a 30 ips progetti differenti che possono avere questa C’è sempre un minimo di distorsione sebbene sia a valvole. La qualità è peggiorata nel momento in anima, come per esempio i primi prodotti di Neve, a un livello molto basso. cui le valvole sono state sostituite da componenti che avevano un suono tutto loro. a stato solido, e il suono diventò più duro e meno Esiste la possibilità di modificare in naturale. Le recenti innovazioni nella registrazione Sempre parlando di Earlybird 2, come hardware il tempo di attacco e rilascio? digitale sono comparabili a quelle dei primi sei riuscito a contenere la distorsione e il Qualche volta avrei voluto avere un tempo registratori a nastro a 30 ips, specialmente rumore delle valvole? di attacco migliore, ma credo che le valvole quando si usano le valvole nel primo stadio della Facile. Ottime valvole hanno un valore di introducano alcuni cambiamenti nel tempo registrazione. distorsione e di rumore migliore dei componenti di attacco. a stato solido. I trasformatori audio sono molto Hai perfettamente ragione. Le valvole in uscita I tuoi prodotti suonano benissimo. Ho importanti e ho la fortuna di lavorare a contatto definiscono il limite del tempo di attacco. Abbiamo provato l’Earlybird II e la risposta in con Brian Sowter, della Sowter Transformers, per migliorato i tempi di rilascio negli ultimi modelli. frequenza era notevole per essere un produrre la soluzione migliore per i nostri circuiti. prodotto valvolare. Sei riuscito a trovare Quanto tempo hai impiegato per progettare il bilanciamento corretto tra la precisione Veniamo al Phoenix. L’uso del Mu variabile e costruire Phoenix ed Earlybird 2? dello stato solido e il suono caldo della è presente anche nel Variable Mu di Manley. Ho costruito il primo compressore a Mu variabile valvola. Possiamo concludere che esiste un suono nel 1964 e credo si possa definire il primo caratteristico dei compressori con Mu prototipo del Phoenix, ma l’ho lasciato così variabile? com’era per i successivi 30 anni, periodo in cui Ho sentito parlare molto del Manley ma non l’ho ho lavorato come sound engineer. Il prototipo di mai usato, quindi non so darti una risposta. Earlybird è datato 1996. Ci vuole tempo per fare le cose giuste. Lo stadio di gain del Phoenix è perfetto per passare da un suono aperto e pulito a Dov’è possibile ascoltare il suono di un suono più distorto, sempre con il calore Phoenix ed Earlybird 2? della valvola. Come lo hai realizzato? E Phoenix e Culture Vulture sono stati usati molto ci sono similarità con lo stadio di gain di negli album registrati negli Stati Uniti e in Earlybird 2? Inghilterra, da Diana Krall a Madonna, fino a Turin Lo stadio di gain è un doppio triode vari-mu, Breaks & Artic Monkeys. Per Earlybird 2 è ancora la cui distorsione aumenta proporzionalmente un po’ presto, essendo un progetto più recente. al livello. Lo stadio di uscita, sempre realizzato con un doppio triode in un circuito bilanciato, Qual è il prossimo progetto di Thermionic? dispone di un trim che è posto alla fine di tutta Abbiamo appena introdotto una versione Vic Keary nel suo laboratorio l’elettronica. Quindi quando il livello d’uscita della mastering per Phoenix e abbiamo un sacco di valvola è molto alto, il trim permette di riportare idee, ma non voglio dire molto al momento.vuole stravolgere un suono. Al contrario chi cerca chitarristi acustici ed elettrici, che quasi sempre si quella crema a cui eravamo abituati dall’analogicoun compressore che non si faccia sentire e dia riconosco in questi colori. di razza e dai nastri magnetici, portandosi a casauna bella colorazione naturale e calda sulla singola Al termine del test non abbiamo dubbi: Phoenix anche un compressore di grandissima qualità.traccia, trova in Phoenix il compagno perfetto. Le ha un destino roseo. Si parla molto di sommatori, Se è la valvola che state cercando, intesa nelfasi di attacco del suono sono sempre gestite in ma per un prezzo simile è possibile chiudere la migliore dei suoni, Phoenix deve essere vostro.modo prevedibile ed è facile tirare fuori la pacca partita con un Phoenix e ridonare al mix stereo o Se è il suono digitale che vi ossessione, Phoenix èda qualsiasi suono. Pensiamo per esempio ai alla singola traccia quel calore, quella densità e l’antidoto!  CM&PS DICEMBRE 2006 53

×