Bilancio Aziende turistiche
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Bilancio Aziende turistiche

on

  • 8,801 views

Contabilità e bilancio delle imprese turistiche - Parte I

Contabilità e bilancio delle imprese turistiche - Parte I

Statistics

Views

Total Views
8,801
Views on SlideShare
8,758
Embed Views
43

Actions

Likes
1
Downloads
95
Comments
0

2 Embeds 43

http://www.slideshare.net 42
http://webcache.googleusercontent.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Bilancio Aziende turistiche Bilancio Aziende turistiche Presentation Transcript

  • CONTABILITA’ E BILANCIO DELLE IMPRESE TURISTICHE A.A. 2006 – 2007 III Trimestre 16 aprile – 15 giugno 2007 1
  • Programma 1. Elementi di legislazione turistica La legge quadro sul turismo Il contratto d’albergo 2. Introduzione all’economia del sistema ricettivo Le strutture Le imprese alberghiere La forma giuridica delle imprese alberghiere 3. Profili gestionali delle imprese alberghiere Le finalità La produzione Il mercato La localizzazione La dimensione L’organizzazione 2
  • Programma 4. Le rilevazioni delle imprese alberghiere Il sistema informativo La contabilità dei servizi La contabilità generale Le rilevazioni contabili 5. Il bilancio d’esercizio delle imprese alberghiere Le finalità del bilancio I principi di redazione I criteri di valutazione Il bilancio e la norma fiscale Le caratteristiche del bilancio dell’impresa alberghiera Lo stato patrimoniale Il conto economico La nota integrativa I documenti accompagnatori Il bilancio in forma abbreviata Le politiche di bilancio Le analisi di bilancio per il controllo interno 3
  • Programma 6. La recente evoluzione della legislazione sul bilancio d’esercizio e le prospettive internazionali Note introduttive La riforma del diritto societario (cenni) Bilancio e riforma del diritto societario Legislazione civilistica sul bilancio e principi contabili internazionali Ias/Ifrs Il bilancio d’esercizio nei principi contabili nazionali ed internazionali L’applicazione dei principi contabili Ias/Ifrs in Italia L’applicabilità dei principi Ias/Ifrs alle imprese turistico-alberghiere italiane The uniform System of Accounts for the Lodging Industry 7. Un caso emblematico: i Jolly hotels Cenni storici La mission e i valori Le strategie e le politiche La comunicazione economico-finanziaria Il bilancio Il bilancio 2004 post riforma del diritto societario Il bilancio 2005 e l’adozione dei principi Ias/Ifrs 4
  • Cap. 1 Elementi di legislazione turistica 5
  • IL TURISMO L’INSIEME DEI COMPORTAMENTI E DI RELAZIONI CONSEGUENTI ALLA DECISIONE DELLE PERSONE DI TRASFERIRSI O SPOSTARSI TEMPORANEAMENTE, IN UN LUOGO DIVERSO DALLA LORO DIMORA ABITUALE, DETERMINANDO LIBERAMENTE I TEMPI E LE CONDIZIONI DEL VIAGGIO E DEL SOGGIORNO (Cfr. Paolo Ricci) 6
  • Disciplina del turismo Dal 9/5/96 al 15/2/06 ben 142 leggi connesse direttamente o indirettamente al turismo Legge quadro sul turismo 29 marzo 2001, n. 135 “Riforma della legislazione nazionale del turismo” in Gazzetta ufficiale n. 92 del 20 aprile 2001 e relativi decreti attuativi (si veda anche la legge abrogata 17/5/83, n. 217) “Legge quadro per il turismo e interventi per il potenziamento e la qualificazione dell’offerta turistica” in Gazzetta ufficiale n. 141 del 25 maggio 1983) 7
  • Disciplina del turismo Legge 135/2001 Art. 1, comma 2, lett. a): Riconosce il “ruolo strategico del turismo per lo sviluppo economico e occupazionale del Paese nel contesto internazionale e dell’Unione Europea” La conquista del mercato del turismo quale condizione per il rafforzamento dell’Italia nel panorama economico europeo e mondiale 8
  • Disciplina del turismo Unione Europea Assume sempre più ruolo di “regolatore” del buon andamento del mercato turistico e della garanzia della qualità dei prodotti Interventi della Corte di Giustizia Europea in materia di: Libera circolazione dei turisti Tutela del turista-consumatore 9
  • Disciplina del turismo Il principio fondamentale La riorganizzazione della materia attraverso la realizzazione di una “politica” del turismo volta a disciplinare e, nel contempo, a promuovere il settore con l’obiettivo di: Aumentare soggetti e risorse a disposizione Rendere stabile e funzionale la collaborazione pubblico-privato 10
  • Disciplina del turismo La legislazione concorrente Stato-Regioni La riforma del Tit. V della Cost. attribuisce alle Regioni un potere legislativo esclusivo in materia di turismo, prevedendo però che rientra nella legislazione “concorrente”, la materia della <<valorizzazione dei beni culturali e ambientali e promozione e valorizzazione di attività culturali>> interferente con l’organizzazione e la promozione dell’attività turistica Problemi applicativi della Legge Quadro per i conflitti istituzionali almeno potenziali 11
  • Disciplina del turismo L’organizzazione pubblica della politica del Turismo La legge quadro ha previsto: La redistribuzione delle funzioni attraverso il decentramento e la sussidiarietà fra livelli istituzionali (verticale) e deleghe di gestione alle parti sociali (orizzontale) L’istituzione della Conferenza Nazionale del Turismo La previsione del Sistema Turistico Locale 12
  • Disciplina del turismo La vera scommessa I Sistemi Turistici Locali quali <<contesti turistici omogenei o integrati, comprendenti ambiti territoriali, appartenenti anche a regioni diverse, caratterizzati dall’offerta integrata di beni culturali, ambientali e attrazioni turistiche ..>> Nel disegno del legislatore una organizzazione del turismo stakeholter oriented che oltrepassa i confini territoriali per favorire la crescita competitiva dell’offerta turistica 13
  • Disciplina del turismo Il dpcm di attuazione Il dpcm di attuazione della legge quadro, emanato il 13/09/2002, avrebbe dovuto stabilire Standard minimi omogenei: per i servizi di informazione e accoglienza Per la tipologia e l’esercizio delle imprese turistiche Per la qualità delle strutture ricettive e dei servizi offerti Per l’esercizio delle professioni turistiche Per la gestione dei beni demaniali concessi in uso a fini turistici In realtà Demanda alla Conferenza Stato-Regioni la definizione di principi ed obiettivi 14
  • Il contratto d’albergo (artt. 1783-1786 c. c. “Del deposito in albergo Rapporto obbligatorio misto con prestazioni multiple Premessa Il codice regolamenta solo l’obbligazione di custodia dell’albergatore e la garanzia dei suoi crediti Quindi la definizione di contratto d’albergo si ottiene indirettamente: L’albergatore si obbliga, dietro pagamento di un corrispettivo in denaro, a fornire al cliente l’alloggio, ed eventuali altri servizi accessori CONTRATTO Atipico o innominato (non trova espressa regolamentazione); a causa unica; con pluralità di prestazioni (necessarie e accessorie). La prestazione necessaria è l’alloggio Spesso preceduto dal (Contratto di) prenotazione 15
  • Prenotazione alberghiera Il cliente: chiede camera e altri servizi nei giorni desiderati L’albergatore: verificata la disponibilità si impegna a riservare quanto richiesto Contratto Atipico Unilaterale Consensuale Prevalentemente gratuito A forma libera 16
  • Obblighi dell’albergatore Consentire il godimento dei locali Fornire servizi di housekeeping (pulizia e sistemazione camere e spazi comuni, dotazione biancheria ecc.) Garantire l’utilizzo dei servizi aggiuntivi Tutelare l’incolumità del cliente Custodire le cose del cliente che sono nell’alloggio durante la permanenza affidate alla custodia dell’albergatore durante l’alloggio affidate alla custodia dell’albergatore prima e/o dopo l’alloggio per un periodo ragionevole 17
  • Responsabilità sulle cose Limitata > al danno e non oltre 100 volte il prezzo della camera Illimitata per le cose affidate in custodia Per le cose rifiutate dalla custodia, pur prevista La custodia è obbligatoria per tutti i beni esclusi: i pericolosi, gli ingombranti; di valore eccessivo rispetto all’albergo. 18
  • Altre responsabilità dell’albergatore Malattia del cliente > Chiamare medico e parenti Morte del cliente > Chiamare ufficiale sanitario Omicidio-suicidio del cliente > Chiamare P.S. Nascita > Denuncia all’anagrafe in assenza di altri 19
  • Crediti dell’albergatore Privilegio speciale sui beni mobili del cliente portati in albergo con prelazione rispetto ad altri creditori In caso di mora: Conservare il possesso del bagaglio in albergo Avvertire la Pubblica Sicurezza Decorso un periodo: far vendere i beni all’asta saldare il conto 20
  • Doveri del cliente Rispettare la prenotazione, pena perdita della caparra (nei casi in cui sia stata versata) Esibire documento di riconoscimento Rispettare gli orari di arrivo e partenza Rispettare locali e suppellettili Non infastidire proprietà e altri ospiti Risarcire danni arrecati all’albergo o a terzi Pagare il conto 21