• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
CONVEGNO PRIMA INFANZIA CIWE - Lr20 2005 e finanziamenti regionali 21.06.11 sartor
 

CONVEGNO PRIMA INFANZIA CIWE - Lr20 2005 e finanziamenti regionali 21.06.11 sartor

on

  • 980 views

 

Statistics

Views

Total Views
980
Views on SlideShare
652
Embed Views
328

Actions

Likes
1
Downloads
14
Comments
0

1 Embed 328

http://www.welfare.fvg.it 328

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    CONVEGNO PRIMA INFANZIA CIWE - Lr20 2005 e finanziamenti regionali 21.06.11 sartor CONVEGNO PRIMA INFANZIA CIWE - Lr20 2005 e finanziamenti regionali 21.06.11 sartor Presentation Transcript

    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Legge regionale 18 agosto 2005, n. 20“Sistema educativo integrato dei servizi per la prima infanzia” come aggiornata dalla L.R. 7/2010 Servizio politiche per la famigliala sviluppo dei servizi socio-educativi socio-educativi Servizio politiche per e famiglia e sviluppo dei servizi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Finalità e oggetto (art. 1) disciplina realizzazione, gestione, qualificazione e controllo dei servizi socio-educativi individua nei soggetti pubblici, del privato sociale e privati i gestori prevede servizi rivolti a bambini di età compresa fra tre mesi e tre anni introduce le disposizioni relative al funzionamento dei servizi e al loro accreditamento disciplina il finanziamento regionale Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Caratteristiche del sistema educativo integrato (art. 2)Il sistema educativo integrato intende assicurare: diritto di accesso partecipazione attiva delle famiglie alla definizione delle scelte educative prevenzione, riduzione, rimozione delle cause di rischio, emarginazione e svantaggio continuità con gli altri servizi educativi e il coordinamento con i servizi sociali e sanitari del territorio integrazione fra le diverse tipologie dei servizi e la collaborazione tra gli enti locali e i soggetti gestori. Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Tipologie dei servizi Art. 3 Nidi d’infanziaIl nido d’infanzia è un servizio educativo e sociale di interesse pubblico che offre opportunità di formazione, socializzazione e cura sostiene le capacità educative dei genitori e favorisce la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro comporta l’assistenza continuativa da parte di personale educativo in possesso di adeguato titolo di studio, secondo un orario di permanenza del bambino nella struttura, previamente concordato con la famiglia, di norma non superiore a dieci ore al giorno. garantisce il servizio mensa e il riposo in spazi attrezzati idonei. Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Tipologie dei servizi Art. 4 Servizi integrativi sono servizi con finalità educative, aggregative e sociali che ampliano l’offerta formativa dei nidi d’infanzia garantendo risposte differenziate e flessibili attraverso soluzioni diversificate sotto il profilo strutturale e organizzativo in risposta alle esigenze delle famiglie e dei bambini, anche accompagnati da genitori o altri adulti in spazi adeguatamente organizzati Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Tipologie dei servizi Art. 4 Servizi integrativiTra i servizi integrativi rientrano:centri per bambini e genitori promuovono opportunità di scambi sociali ed esperienze significative in un’ottica di corresponsabilità tra adulti-genitori ed educatorispazi gioco (bambini tra i 18 ed i 36 mesi) con frequenza flessibile per un massimo di 5 ore giornaliere anche su giornate non continuative Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Tipologie dei servizi Art. 4 Servizi integrativiTra i servizi integrativi rientrano:servizi educativi domiciliari realizzati presso il domicilio degli educatori o presso locali nella disponibilità dell’educatore o messi a disposizione di altro soggetto (massimo 5 bambini contemporaneamente presenti e di età inferiore ai 3 anni, compresi eventualmente quelli dell’ambito familiare dell’educatore, se presenti durante l’apertura del servizio) Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Tipologie dei servizi Art. 4 Servizi integrativiTra i servizi integrativi rientrano:Servizio di baby sitter locale promosso e organizzato dai Comuni singoli o nelle forme associative previste dalla vigente legislazione (pubblicizzazione di un elenco di persone disponibili allo svolgimento del servizio presso il domicilio della famiglia) Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Tipologie dei servizi Art. 5 Servizi sperimentali con caratteristiche strutturali e organizzative diverse dai nidi e dai servizi integrativiPossono essere attivati servizi ricreativi: laboratori e atelier, occasioni estemporanee di gioco e socializzazione Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Soggetti gestori (art. 6)I servizi possono essere gestiti: dai Comuni, anche in forma associata; da altri soggetti pubblici; dalle famiglie in forma associata da soggetti del privato sociale; da soggetti privati. Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Accesso ai servizi che godono del finanziamento pubblico (art. 7)E’ garantito: l’accesso ai bambini e alle bambine senza distinzione di sesso, religione etnia e gruppo sociale anche di nazionalità straniera o apolidi l’inserimento e l’integrazione dei bambini disabiliÈ favorito: l’accesso di bambini in situazione di disagio relazionale, familiare e socio-culturale svolgendo anche un’azione di prevenzione contro ogni forma di svantaggio e di emarginazione Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Partecipazione al costo dei servizi (art. 8)„ E’ prevista una partecipazione finanziaria degli utenti, anche con forme di contribuzione differenziata in relazione alle condizioni socio- economiche delle famiglie„ La Regione promuove forme di sostegno per l’abbattimento dei costi della partecipazione finanziaria mediante contributi alle famiglie Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Finanziamenti della Regione Fondo abbattimento rette di servizi per la prima infanzia a carico delle famiglie (art. 15 L.R. 20/05) : contributi erogati direttamente alle famiglie per il tramite degli Enti gestori del servizio sociale dei Comuni Contributi a soggetti gestori pubblici, privati e del privato sociale di nidi d’infanzia per contenere le rette a carico delle famiglie per l’accesso a tali servizi (art. 9, commi 18-20, LR 22/2010-Legge finanziaria 2011) ‟ Regolamento D.P.Reg. 128 del 31.05.2011 Fondo per le spese di investimento (art. 15 bis l.r. 20/2005) per realizzare un’adeguata rete di servizi per la prima infanzia e per migliorare ed adeguare la rete esistente Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Alcuni dati finanziari Complessivamente sono stati impegnati nell’anno 2010 quasi 13,5 milioni di euro (parte corrente) nel settore dei servizi per la prima infanzia Per l’anno 2011 sono attualmente previsti a bilancio euro 4.000.000,00 per il fondo abbattimento rette di cui all’articolo 15 LR 20/2005 ed euro 8.200.000,00 per i contributi agli enti gestori pubblici, privati e del privato sociale di nidi d’infanzia Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Alcuni dati sui servizi presenti in FVG (RILEVAZIONE C.R.D.A. AL 31.12.2010) STRUTTURE PRESENTI SUDDIVISE PER TIPOLOGIA DI SERVIZIOProvincia Nidi Servizi Servizi Totale d’infanzia integrativi sperimentaliGORIZIA 16 11 4 31PORDENONE 48 13 15 76TRIESTE 38 11 7 56UDINE 68 29 34 131Totale 170 64 60 294 Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Tipologia nidi Nido Nido aziendale Nido integrato scuola dellinfanzia Micro nido 4% 16% 6% 74%Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Tipologia servizi integrativi Centro bambini e genitori Centro gioco Servizio educativo familiare Servizio Baby sitter locale 3% 23% 38% 36%Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Tipologia servizi sperimentali Servizio autogestestito da famiglie Servizio ricreativo Sezione primavera 2% 15% 83%Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Alcuni dati sui servizi presenti in FVG (RILEVAZIONE C.R.D.A. AL 31.12.2010) NUMERO STRUTTURE NIDI D’INFANZIA DIVISE PER TIPOLOGIA DI GESTIONEProvincia Pubblici diretti Pubblici Indiretti Privati TotaleGORIZIA 8 (50%) 4 (25%) 4 (25%) 16 (100%)PORDENONE 5 (11%) 4 (8%) 39 (81%) 48 (100%)TRIESTE 17 (45%) 2 (5%) 19 (50%) 38 (100%)UDINE 3 (4%) 17 (25%) 48 (71%) 68 (100%)Totale 33 (19%) 27 (16%) 110 (65%) 170 (100%) Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Alcuni dati sui servizi presenti in FVG (RILEVAZIONE C.R.D.A. AL 31.12.2010) CAPACITA’ RICETTIVA STRUTTURE E % COPERTURA POSTI OFFERTIProvincia Servizi Nidi dinfanzia Servizi integrativi sperimentali TotaleGORIZIA 523 210 54 787 (92%)PORDENONE 1358 211 235 1804 (92%)TRIESTE 1296 198 141 1635 (100%)UDINE 1988 592 463 3043 (78%)Totale 5165 1211 893 7269 (88%) Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Alcuni dati sui servizi presenti in FVG (RILEVAZIONE C.R.D.A. AL 31.12.2010) NUMERO BAMBINI ISCRITTI PER TIPOLOGIA DI SERVIZIOProvincia Nidi Servizi Servizi Totale d’infanzia integrativi sperimentaliGORIZIA 479 175 68 722PORDENONE 1248 209 206 1663TRIESTE 1308 190 141 1639UDINE 1610 383 382 2375Totale 4645 957 797 6399 Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi
    • legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 Alcuni dati sui servizi presenti in FVG (RILEVAZIONE C.R.D.A. AL 31.12.2010, dati DEMOISTAT 2010 bambini 0-2 anni) PERCENTUALE DI COPERTURA DELLA DOMANDA POTENZIALEProvincia Servizi Nidi dinfanzia Servizi integrativi Totale sperimentaliGORIZIA 15% 6% 2% 23%PORDENONE 14% 2% 2% 19%TRIESTE 24% 4% 3% 31%UDINE 15% 4% 3% 23%Totale 16% 4% 3% 23% Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi