Ambiente Brianza, un capitale da tutelare
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Ambiente Brianza, un capitale da tutelare

on

  • 775 views

L’ ambiente nella nuova Provincia lombarda

L’ ambiente nella nuova Provincia lombarda

Statistics

Views

Total Views
775
Views on SlideShare
751
Embed Views
24

Actions

Likes
0
Downloads
4
Comments
0

1 Embed 24

http://www.vorrei.org 24

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Ambiente Brianza, un capitale da tutelare Presentation Transcript

  • 1. PROVINCIA MONZA BRIANZA Ambiente Brianza, un capitale da tutelare b e te B a za, u cap ta e tute a e 13 OTTOBRE 2010 MONZA TEATRO DI CORTE IN VILLA REALE
  • 2. PROVINCIA MONZA E BRIANZA L’ ambiente nella nuova Provincia lombarda Fabio Lopez Nunes F bi L N Direttore Settore Ambiente ed Agricoltura
  • 3. Le cose di ogni giorno raccontano segreti g a chi le sa guardare ed ascoltare.
  • 4. Per fare un tavolo, ci vuole il legno. legno La Brianza è terra di mobilieri, di legnamée. , g
  • 5. per fare il legno, ci vuole l albero. l'albero La Brianza preserva i boschi più prossimi alla città L Bi b hi iù i i ll ittà
  • 6. per fare l’albero, ci vuole il seme. seme In Brianza si semina lavoro, si semina la terra
  • 7. per fare il seme, ci vuole il frutto frutto. Il frutto della Brianza sono 63.373 imprese, una ogni 13 abitanti
  • 8. per fare il frutto, ci vuole un fiore. fiore La Brianza conserva fiori rari nella sua biodiversità rari, biodiversità. per fare il tavolo, ci vuole un fiore. fiore (Gianni Rodari)
  • 9. Il suolo e la popolazione
  • 10. Così appariva la Brianza occidentale nell’800.
  • 11. 55 comuni Estensione: 405 kmq di superficie Popolazione: 833.348 abitanti 342.923 famiglie residenti
  • 12. Anni 30 L’espansione a macchia d’olio L’ i hi d’ li Ovvero lo “sprawl”
  • 13. Anni 2000 30 L’espansione a macchia d’olio L’ i hi d’ li Ovvero lo “sprawl”
  • 14. 55 comuni Estensione: 405 kmq di superficie Popolazione: 833 348 abitanti P l i 833.348 bit ti Densità: 2.055 abitanti/kmq 342.923 famiglie residenti
  • 15. La qualità dell’aria dati ARPA
  • 16. La qualità dell’aria Le aree omogenee
  • 17. Soglia 10 10 9 CO 8 Carate Brianza Limbiate 7 MEDIA MOBILE Meda MASSIMA 6 Monza GIORNALIERA Villasanta (mg/m3) 5 Vimercate Monossido di carbonio 4 3 anno 2006 anno 2007 anno 2008 ☺ Fonte: R.s.a. di ARPA LOMBARDIA
  • 18. 200 Soglia 200 98° PERCENTILE 180 (µg/m3) Agrate Brianza 160 Carate Brianza Limbiate 140 Meda Monza 120 Villasanta 100 Vimercate 80 anno 2006 anno 2007 anno 2008 NO2 Diossido di azoto 30 25 Agrate Brianza 20 Soglia 18 gg Carate Brianza Limbiate 15 SU SUPERAMENTI Meda MEDIA 1 H > 200 µg/m3 10 Monza (N ORE) Villasanta 5 ☺ Vimercate 0 anno 2006 anno 2007 anno 2008 Fonte: R.s.a. di ARPA LOMBARDIA
  • 19. 60 55 50 MEDIA ANNUA 45 (µg/m3) valore Soglia 40 Monza Macchiavelli 40 limite 40 Meda 35 30 Vimercate 25 20 anno 2006 anno 2007 anno 2008 PM10 ! 160 140 SUPERAMENTI 120 GIORNI MEDIA 24 H > 50 100 Monza Macchiavelli µg/m3 (N) 80 Meda Vimercate 60 Soglia 50 40 20 anno 2006 anno 2007 anno 2008 Fonte: R.s.a. di ARPA LOMBARDIA
  • 20. Le fonti del PM 10 Trasporto su strada 57% Altre sorgenti mobili e macchinari 11% Combustione non industriale Agricoltura 15% 0% Uso di solventi 1% Trattamento e Altre sorgenti e smaltimento rifiuti Combustione assorbimenti 0% Processi produttivi nell'industria 5% 3% 8% Fonte: R.s.a. di ARPA LOMBARDIA
  • 21. I dati totali della Lombardia: La Provincia di MB è una fra le province meno inquinanti ☺ Fonte: R.s.a. di ARPA LOMBARDIA
  • 22. Distribuzione % emissioni in Lombardia per macrosettore NOx COV NH3 PM10 CO2eq Produzione energia e raffinerie 9% 1% 0% 3% 22 % Riscaldamento domestico 8% 12 % 0% 29 % 20 % Combustione nell'industria 15 % 2% 0% 5% 13 % Processi produttivi 3% 5% 0% 6% 5% Estrazione e distribuzione 3% 2% combustibili Uso di solventi 0,01% 44 % 0,01% 0,4% 1% Trasporto su strada 49 % 12 % 2% 32 % 21 % Altre sorgenti mobili e macchinari 13 % 2% 14 % 3% Trattamento e smaltimento rifiuti 1% 0,3% 0,2% 0,3% 4% Agricoltura A i lt 1% 0,2% 0 2% 97 % 7% 9% Altre sorgenti 0,12% 19 % 0,05% 4% 0% Fonte: inventario emissioni 2007 F http://www.ambiente.regione.lombardia.it/inemar/ Fonte DG Ambiente Regione
  • 23. Inventario emissioni 2007 Combustibile PM10 PM2.5 t/anno t/anno benzina d b i verde 293 293 dal 2005 al 2007 Traffico carbone 166 148 in Lombardia ma anche veicoli diesel 6.174 6 174 6.084 6 084 sono diminuite: non su strada gas di raffineria 191 191 1. le emissioni gasolio 123 123 primarie di GPL 2,0 2,0 PM10di 1.600 kerosene 24 22 t/anno (-8%) legna e similari l i il i 5.949 5 949 5.711 5 711 2. le emissioni metano 227 206 primarie di PM2.5 olio combust 288 239 di 1.725 t/anno 1 725 / altro 294 223 (-10%) Origine non da combustione senza comb. 6.497 3.684 Usura, agricoltura, Totale 20.229 16.926 cave etc. Fonte DG Ambiente Regione
  • 24. Fonti rilevanti: 1) Trasporto su strada ( NOx, PM, CO2) con alimentazione diesel in particolare e anche Off- road 2) Agricoltura (NH3) 3) Riscaldamento domestico (PM, COV, CO2) 4) Uso Solventi (COV) Fonte DG Ambiente Regione
  • 25. Il Parlamento Europeo ha p approvato gli impegni per gli Stati membri: • Ridurre del 20% le emissioni di gas a effetto serra • Portare al 20% il risparmio energetico • Aumentare del 20% l’utilizzo di energie rinnovabili
  • 26. La mappa di distribuzione degli ossidi d’azoto in Europa. Le Alpi fanno da paravento alla pianura Padana e impediscono il ricambio d’aria
  • 27. Mappa delle emissioni di gas serra
  • 28. La qualità dell’acqua q q dati ARPA
  • 29. La depurazione e gli scarichi I depuratori comprensoriali
  • 30. 70 Soglia 60 60 COD 50 (mg O2/l) 40 Monza San Rocco (700.000) 30 Varedo (110 000) (110.000) 20 Vimercate (80.000) 10 0 anno 2006 anno 2007 anno 2008 COD I DEPURATORI ! 25 20 N TOTALE (mg P/l) 15 Soglia 10 Monza San Rocco (700.000) ( ) 10 Varedo (110.000) Vimercate (80.000) 5 0 anno 2006 anno 2007 anno 2008 N totale Fonte: R.s.a. di ARPA LOMBARDIA
  • 31. 40 Soglia 35 35 SOLIDI 30 SOSPESI 25 20 Monza San Rocco (700.000) mg/l g 15 Varedo (110.000) 10 Vimercate (80.000) 5 0 anno 2006 anno 2007 anno 2008 solodi sospesi I DEPURATORI ! Fonte: R.s.a. di ARPA LOMBARDIA
  • 32. L’indicatore SECA* per i fiumi Briantei dati ARPA * Stato ecologico di un corso d’acqua Fonte: R.s.a. di ARPA LOMBARDIA
  • 33. I bacini idrografici Seveso Area densamente urbanizzata, b i t priva di corsi d’acqua superficiale.
  • 34. I rifiuti La Provincia di Monza e Brianza è riciclona 60 55 50 Monza e Brianza % 45 Milano 40 Lombardia ☺ 35 30 anno 2006 anno 2007 anno 2008
  • 35. La Provincia di Monza e Brianza è riciclona 1,45 1 45 1,4 1,35 Produzione procapite p p 1,3 13 giornaliera di rifiuti 1,25 MB urbani 1,2 Lombardia 1,15 ☺ 1,1 2006 2007 2008 % multimateriale 3% metalli legno ingombranti a rec 2% verde 9% 13% 2% plastica 11% RAEE 1% Raccolta differenziata vetro 13% tessilli 1% Carta e cartone per frazione (2008) organico 25% pericolosi 19% altro 1% 0% Fonte: R.s.a. di ARPA LOMBARDIA
  • 36. Le bonifiche 400 362 Siti censiti ha 458 300 243 Di cui in attività ha 300 200 Già recuperati ha 158 100 0 5 siti contaminati bonifiche in censiti attività bonifiche certificate nel 2010 Questa è una risorsa territoriale straordinaria per il riuso della città, senza consumo di suolo suolo, anzi.
  • 37. Le cave
  • 38. Le risorse di biodiversità
  • 39. Il 2010 è l’anno internazionale per la tutela della biodiversità • I Paesi del Mondo si erano impegnati ad invertire la tendenza alla perdita costante di specie viventi sul pianeta entro il corrente anno. • Purtroppo l impegno non è stato assolto, e il l’impegno depauperamento delle risorse continua inesorabile; è stato soltanto rallentato leggermente. • In questi giorni, a Nagoya in Giappone, si sta cercando di trovare un nuovo accordo, slittando i nuovi impegni al 2020 ii i l
  • 40. Il 2010 è l’anno internazionale per la tutela della biodiversità • L’Europa si presenta a Nagoya con un forte appello ad una azione energica ed efficace, sulla base del efficace documento esito della conferenza di Gent (B) – settembre 2009 – • Il documento prevede azioni di tutela dei siti, delle specie e delle reti, mediante una visione globale • L’azione di tutela deve essere basata sulla partecipazione e sulla consapevolezza ambientale.
  • 41. La Brianza ha un patrimonio di 3 Siti d’importanza comunitaria, 3 p , parchi regionali e 3 p g parchi locali. ☺
  • 42. La sfida è trasformare l’arcipelago di tutele in una rete ecologica. g
  • 43. Una Dorsale Verde che innervi tutto il territorio.
  • 44. Per fare un fiore ci vuole un ramo. Lo sviluppo sostenibile presuppone capacità d’impresa, ricerca e innovazione “green friendly”
  • 45. Per fare un fiore ci vuole un ramo. Lo sviluppo sostenibile è basato sui sì più che sui no
  • 46. Per fare il ramo, ci vuole l’albero. La Brianza ha una solida tradizione d’impresa come un albero antico, Fare ecologia significa fare economia
  • 47. Per fare il ramo, ci vuole l’albero. Stiamo ancora imparando a conoscere la “natura del valore”, ampliando il nostro concetto di “capitale” fino a includere anche il capitale umano, sociale e naturale: riconoscendo l’esistenza di questi diversi capitali, e cercando di aumentarli o conservarli, possiamo avvicinarci alla sostenibilità. Abbiamo ancora difficoltà nell’individuare il “valore della natura”. La natura è infatti la fonte di molta parte di ciò che definiamo “valore” al giorno d’oggi, eppure solitamente aggira i mercati, sfugge alla fissazione di un prezzo e si ribella alla valutazione. Proprio questa mancanza di valutazione si sta rivelando una causa soggiacente al degrado degli ecosistemi e alla perdita i l d i ld d d li i i ll di di biodiversità ai quali assistiamo. (TEEB 2010)
  • 48. Per fare il ramo, ci vuole l’albero. • Il progetto “ ’ l “L’economia d l ecosistemi e d ll Biodiversità” ( degli della d à” (THE ECONOMICS CO O CS OF ECOSYSTEMS AND BIODIVERSITY, TEEB) si concentra sulla risposta a questa seconda sfida e mira inoltre a produrre una tesi economica completa e convincente a favore d ll conservazione degli ecosistemi e della biodiversità. f della i d li i t i d ll bi di ità • È il progetto di ricerca deciso dai Paesi del G8+5 nel 2007 che sta producendo alcuni rapporti fondamentali per comprendere come i servizi che produce l’ambiente nel suo complesso siano una componente essenziale, primaria nell’economia globale sulla scala del medio periodo e oramai anche del breve periodo. http://www.provincia.mb.it/ambiente/risorse_naturali/biodiversita/Ghent.html (TEEB 2010)
  • 49. Per fare l’albero, ci vuole il bosco. La Brianza ha necessità di una foresta d’iniziative basate sul Sì più che sul No: • Rilanciare il recupero dei tanti, troppi siti dismessi, attraverso incentivi • Sviluppare una agricoltura sostenibile per conservare il non costruito • Favorire una industria hight tec – green tec • Rinaturalizzare i bacini e i fiumi • Ristrutturare i deflussi urbani e la loro depurazione • Convertire i modi di spostamento, meno auto vs. più treni, bici, bus • Aumentare le reti ecologiche e i parchi A l i l i h hi • Riciclare meglio e di più • Pagare i servizi ambientali per quello che valgono e per quanto li si consuma
  • 50. Per fare il bosco, ci vuole il monte. Per conseguire gli obiettivi di sostenibilità occorre risalire una montagna. Occorre f ti O faticare e anche rinunciare. Ma la soddisfazione di raggiungere la h i i M l ddi f i i l vetta è per tutti impagabile.
  • 51. Per fare il monte, ci vuol la terra. La terra di Brianza che ha fatto la ricchezza e la solidità delle sue genti genti. Va restituita ai nostri nipoti. Per far la terra, ci vuole un fiore.
  • 52. Per fare tutto, ci vuole un fiore. (Gianni Rodari) grazie per l’attenzione.