Ricettario dolci natale
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Ricettario dolci natale

on

  • 720 views

Raccolta delle ricette natalizie che hanno partecipato alla veg-panettonata 2012 di GocceD'aria.it - http://www.goccedaria.it/item/veg-panettonata.html

Raccolta delle ricette natalizie che hanno partecipato alla veg-panettonata 2012 di GocceD'aria.it - http://www.goccedaria.it/item/veg-panettonata.html

Statistics

Views

Total Views
720
Views on SlideShare
720
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
16
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Ricettario dolci natale Ricettario dolci natale Presentation Transcript

    • Ricettario di dolci natalizi vegani e sani Veg-panettonata 2012 di GocceDaria.it
    • Indice delle ricette 1. Panettoncini al farro di GocceDaria 2. Veg-panettone di GocceDaria 3. Torta di panettone di Jessica 4. Fugassa di Natale di Francesca B. 5. Veg-panettone di Claudia 6. Ciambella al doppio cioccolato di Felicia, Le delizie di Feli 7. Pasta madre e cioccolato di Laura, La cucina dellanima 8. Pinza della Befana (pinsa venexiana dea befana) di Maryonn, Cosa mangiano i vegani? 9. Panettone cup-cake e mini-panettoni di Ale, Golosità Vegane 10.Panettoncini al farro di GocceDaria 11.Pampapato resistente di Annalisa, Passatotralemani 12.Scorze di arancia candite di Antonella 13.Doppio veg-panettone di Cì, Il mondo di Cì 14.Panettone speziato di Moira 15.Pandorone di Michela, Mamma e dintorni 16.Treccia dolce bigusto di Camiria, UnaVnelpiatto 17.Panettoncini muffin leggeri di Cì, Il mondo di Cì 18.Pane delle feste arancia, datteri e noci di Laura, La cucina dellanima 19.Bottoncini di frutta di Nadia 20.Cartellate pugliesi di Isa 21.Fugassa ciocco-mandorlata di GocceDaria 22.Tea-time biscuits alle spezie e cioccolato di Lo, Galline 2ndlife 23.Ciambella alla frutta secca di GocceDaria 24.Veg-panettone ostinato di Valentina 25.Cocco-panettone di Nadir, Nadir blog&sister 26.Panpepati ternani di Valentina 27.Pan de Reyes di Ravanello Curioso 28.Sanettone di FedericaGif, .............
    • La veg-panettonata 2012 di GocceDaria In novembre ho pensato di proporvi questa piccola grande sfida, che sarebbe anche un bel regalo di Natale da fare a noi stessi, agli animali, allambiente... visto che a Natale si è tutti più buoni, perchè non partire proprio dalle nostre tavole portando un dolce che sia non solo bello da vedere, soffice e gustoso e buono di gusto, ma Buono (con la B maiuscola) anche perchè sano, rispettoso dei nostri compagni animali e con basso impatto sullambiente? Di ricette per panettoni fatti in casa in rete se ne trovano moltissime, qualcuna anche veg, ma io cerco qualcosa in più (mai contenta... :-)). E allora ecco il gioco che vi proponevo: proviamo a fare assieme il veg-panettone! Ma non solo, mettiamoci anche qualcosa in più (o in meno a seconda dei punti di vista...): ● - non usiamo farine 00 o 0 o manitoba, molto raffinate, ma lanciamoci a provare delle farine più gustose, magari dei grani antichi ● - non usiamo zuccheri (nè bianco nè di canna), ci sono degli ottimi dolcificanti come il malto e la frutta secca ● - preferiamo luso della pasta madre se si tratta di lievitati ● - che sia proprio vegano: no uova, no miele, no latticini Proponete il vostro dolce natalizio! Questa era la mia proposta e quante idee sono arrivate! Ispirate alla tradizione o nuove, rivisitate o nate vegan... Insomma è stata un bel mese allinsegna della dolcezza! Questa la raccolta di tutte le ricette partecipanti in regalo a chi si è messo in gioco: propnendo la sua ricetta, realizzando il suo panettone con una o anche solo provandoci più e più volte ostinatamente! Un grazie a tutti! Daria
    • Panettoncini al farro di GocceDaria Veniamo alla ricetta! rinfresco: ● 70-80 gr pm ● 120 ml acqua ● 240 gr farina Dopo pranzo o la mattina togliete dal frigo la pasta madre e rinfrescatela come al solito con 120 ml di acqua e circa 240 gr di farina. Questa volta ho usato farina di farro bianca. Mettete a riposare coperto nel forno spento fino a sera.Sono ormai 3 anni che a dicembre prepariamo (iocon la mia aiutante Alice) questi panettoncini 1° impasto:vegani. Le dosi sono per 6 panettoncini di circa100 gr.Come prima cosa procuratevi gli stampini. ● 100 gr pm rinfrescata (vedi sopra)Io me li sono fatti col cartoncino (basta fare uncilindro di diametro 8-9 cm e altezza 6 cm) posti su ● 140 ml succo limpido di melauna base in cartone o direttamente sulla teglia del ● 50 gr olio evoforno. Le chiusure sono pinzate (non usate colla oscotch) in modo da poter essere messi in forno. ● 50 gr malto di risoPoi ho rivestito l’interno di carta forno, in questomodo posso recuperarli di anno in anno. Prima di ● 300 gr farina di farropartire assicuratevi che la vostra pasta madre siaben in forma facendo dei rinfreschi nei giorni Prima di andare a letto prendete 100 gr di impasto eantecedenti la preparazione, potete anche fare una scioglietelo nel succo di mela, aggiungere l’olio, il malto elegatura della pasta madre per dargli più forza. infine la farina. Impastate e mettete a riposare per tutta la notte.
    • 2° impasto:1° impasto100 gr farina20 gr di amlto di riso40 ml succo mela limpido50 gr olio evo90 gr cioccolato fondente o uvetta o scorza di una arancia gratuggiata1 pizzico di saleLa mattina mescolate tutti gli ingredienti del secondo impasto e poi aggiungeli al primo impasto lievitato impastando bene. Lasciate riposare per un paio di ore.Riprendete l’impasto e arrotolatelo dopo averlo steso grossolanamente. Tagliatelo in 6 parti e sistematele negli stampini. Fate una croce su ognuno e mettete a riposare per almeno un’altra ora, meglio due.Accendere il forno a 220° e quando caldo infornare per 5 minuti a 220° sul livello più basso del forno.Abbassate a 180° per altri 10 minuti e concludete con altri 20 minuti a 160°. Estraete i panettoni e controllate la cottura con uno stecchino. Se non sono cotti rimetteteli in forno per altri 10 minuti. A fine cottura toglieteli dal forno e infilzateli con uno spiedino lungo a circa 2-3 cm dal fondo e appendeteli rovesci per 3 ore, finchè sono freddi. Se volete conservarli per più giorni chiudeteli in sacchetti ben chiusi.
    • Veg-panettone di GocceDariaLa ricetta che trovate sotto nasce dalla rielaborazione di alcune ricette, per i tempi e ledosi ho seguito quella "a puntate" di Riccardo della Comunità della pasta madre, lideadi usare il water-roux deriva invece da una ricetta che avevo visto tempo fa su Vegan-blog.Per prima cosa ci serve una pasta madre bella in forma, quindi io suggerisco dirifrescarla tutti i giorni per qualche giorno prima di iniziare a fare il panettone, oppurepotete fare una legatura come spiega nel suo articolo sul panettone Annalisa DeLuca.La legatura va fatta nel giorno stesso in cui partirete a fare il panettone, in mattinata, inmodo da lasciarlo lievitare legato per 8 ore e poi procedere con i rinfreschi e gli impasti.Qui sotto un esempio di legatura, a sinistra appena legata e a destra dopo lalievitazione (fase esplosiva!) (foto gentilmente fornite da Joelle)Con le dosi che vi do otterrete due panettoni da 750 gr circa oppure uno grande da unkg e uno piccolino da 500 gr.
    • Per le forme: se non le trovate in commercio potete seguire questo bellissimo tutorial per autoprodurle con la carta forno: http://profumodilievito.blogspot.it/2008/12/stampi-per-panettone.html dove trovate anche tutte le misure in base alla dimensione del panettone che scegliete di fare.Ultima nota sulle farine: io ho usato una tipo2 di grano tenero (semintegrale) nello specifico la buratto, la prossima volta userò invece farro spelta o dicocco. In alternativa si può usare il khorasan o anche un grano tenero tipo 1.E finalmente a noi con la ricetta!Primo giorno, ore 10.00Legatura della pm: rinfrescate la vostra pasta madre pm come al solito e aggiungete un po più di farina in modo da avere un panetto da legare con un canovaccio pulito a mo di salame. Lasciare lievitare per 8 ore.Primo giorno, ore 18.00Preparazione del lievito "tutto punto"ingredienti:50 gr di pasta madre35 gr di farina biologica tipo 215 gr di acqua temperatura ambienteAprite il panetto, prelevate 50 gr di pasta madre e procedete a rinfrescarla con le dosi di cui sopra, fino ad ottenere una pallina che metterete a riposare a temperatura ambiente (io lho riposta nella madia).
    • Primo giorno, ore 22.00 - Primo impastoingredienti: ● tutta la pasta madre infrescata precedentemente ● 275 gr di farina biologica tipo 2 ● 20 gr di olio evo ● 15 gr di acqua ● 70 gr di malto di riso ● 120 gr di acqua tiepidaSciogliere il lievito "tutto punto" nei 120 gr di acqua. Aggiungere il malto e la farina un po alla volta mescolando bene. Mescolare sbattedno bene lolio con lacqua emulsionandoli fino ad ottenere una crema. Per ultimo aggiungete questa crema di olio e acqua. Impastare molto bene e a lungo fino ad ottenere una palla liscia, morbida e omogenea.Secondo giorno, ore 9.00 - Secondo impastoingredienti: ● tutto limpasto precedente ● 275 gr di farina tipo 2 biologica ● 45 gr di olio evo ● 35 gr di acqua
    • ● 100 gr di malto di riso ● 130 gr di succo limpido di mela ● un pizzico di saleSciogliere limpasto precedente nel succo di mela, aggiungere il malto e la farina. Aggiungere anche il sale sciolto in un cucchiano dacqua. Emulsionare lolio con lacqua e aggiungerlo gradualmente allimpasto. Io lo versavo direttamente sulle mani mentre impastavo, inglobandolo lentamente. Impastare molto bene fino ad ottenere una palla morbida e liscia.Mettere limpasto a riposare coperto e a temperatura ambiente (io ho usato la madia).Secondo giorno, ore 21.00 - Terzo impastoingredienti: ● 90 gr di farina tipo 2 biologica ● 1 pizzico di vaniglia ● 1 cucchiaino di polvere di agrumi ● 2 cucchiai di crema di mandorle ● 75 gr di acqua calda ● 15 gr di fecola di patate ● 30 gr di malto di riso ● 1 cucchiaino di sale fino integrale ● 50 gr di acqua
    • ● 60 gr di olio evo ● 180 gr di uvetta sultanina ● 100 gr di mandorle pelateMettetevi una bella musica rilassante o che vi piaccia molto di sottofondo e con pazienza cominciate ad aggiungere allimpasto di stamattina (che troverete ben morbido e molto cresciuto) gli ingredienti. Per prima la farina a cui avrete aggiunto la vaniglia e la polvere di agrumi, poi la crema di mandorle. In un pentolino a parte scaldate i 75 gr di acqua con la fecola di patate. Quando caldo spegnete il fuoco e mescolate bene. Otterrete una sorta di gelatina (water roux) che andrete ad aggiungere allimpasto. A seguire aggiungete il malto, il sale, luvetta e le mandorle. Anche questa volta ho tenuto per ultimo lolio evo emulsionato con lacqua (i 50 gr) che ho incorporato un po alla volta versandoli sulle mani man mano che impastavo.Fate riposare una mezzora limpasto e poi suddividetelo in 2, fate la pirlatura e riponetelo negli stampi. Gli stampi vanno posati sulla placca del forno e lì rimarranno per tutto il tempo. Gli spostamenti del panettone devono avvenire spostando tutta la teglia del forno e non direttamente il panettone per evitare che crolli la lievitazione. Riponete a lievitare per il resto della notte (tenete conto che ora che avete impastato tutto e suddiviso sarà passata buona parte della serata... nel mio caso erano le 23.00).Terzo giorno, ore 6.00 – 7.00 - CotturaLa mattina troverete il vostro impasto ben gonfio, se volete potete inciderlo a croce con una lametta o un taglierino ed effettuare la scarpatura (si sollevano gli angoli della croce e si portano verso lesterno), io non lho fatto... vedete voi quale estetica preferite dare alle vostre opere.Preriscaldate il forno a 170-180° e fate cuocere per 45-50 minuti. Occhio a non posizionarlo troppo in alto che si rischia la bruciatura.Appena uscito dal forno, il panettone va messo a raffreddarsi testa in giù. Per i piccolini io uso appenderli in cucina. Per questi grandi non mi fido. Quindi li infilzo con un doppio spiedone in legno e li poso sollevati sopra delle pentole in modo che non accadano troppi danni in caso di cedimento. Dovrebbero rimanere così fino al raffreddamento. Una volta freddo potete conservarlo in sacchetti di plastica come anche per la colomba...
    • Riporto anche qui un po di indicazioni che sono venute dai commenti: ● la polvere di agrumi non è altro che la scorza di arance e/o mandarini seccata e tritata - qui da Ravanello trovate un articolo molto esaustivo: http://ravanellocurioso.wordpress.com/2012/02/03/polvere-magica-di- agrumi/ ● Per la legatura: canovaccio logicamente pulito, lavato possibilmente con solo acqua e senza ammorbidenti o detersivi profumati. Lo leghi strettino, lo scopo è quello di rinforzare la pasta madre (vedi anche qui: http://fermentiselvatici.blogspot.it/2012/05/ne-voglio-fare-tanto.html). Quando lo andrai ad aprire lo troverai molto teso teso, potrebbe anche rompersi lo spago. ● il succo di mela certo che lo potete fare da voi. Io molto semplicemente grattugio la mela e la metto a colare. Il succo che rimane (dolcissimo) lo usate per il panettone: http://www.goccedaria.it/item/mele-da- spalmare.html ● pirlatura = arrotondamento effettuato a mano. Si divide limpasto in due e si arrotonda tirandolo verso di se, meglio se si usa un piano liscio tipo lacciaio o la pietra. In questo video puoi vedere come andrebbe fatto: http://www.youtube.com/watch?v=QGjLNfQREdg Come vedi la consistenza del panettone dovrebbe rimanere piuttosto appiccicosa. Qui trovate le foto degli altri partecipanti che hanno provato la mia ricetta: http://www.goccedaria.it/item/il-mio-veg- panettone.html
    • Torta di panettone di Jessica“ Ecco il mio capolavoro! Mi sentivo così debuttante che avevo bisogno di una prova anticipata! Prendetemi come esempio di non scoraggiarsi se il tentativo di un laborioso panettone non ha successo! :-)Ho seguito la ricetta di Daria (il veg-panettone) tranne:- ore 18h primo giorno: ho rinfrescato la pasta madre con farina 1 piuttosto che 2 (avevo paura di rovinare la tenuta arzilla che aveva preso dalla legatura :))- alle ore 9 del secondo giorno: ho impastato con farina di farro spelta, invece del succo di mela ho usato succo di uva (purtroppo non bio) e ho dimenticato il sale! accipicchia!- ore 21 del secondo giorno - che lievitazione!! però è qui che è andato storto e limpasto mi è venuto troppo liquido... Le modifiche fatte:ho usato la farina 1 piuttosto che 2;mescolato vaniglia liquida, piuttosto che la stecca, con pasta di datteri e marmellata 0 zuccheri di limoni invece che i tuoi agrumi e pasta di mandorletrovato fecola di mais (non-bio)le mandorle intere sono con la pellicina (speriamo non guasti..)avrei dovuto mettere cioccolato invece che uvetta visto che a mia figlia non piace... per sta volta va bene!dimenticato di nuovo sale! grrr...La mattina! Alle 7.30 cotto i panettoni da 500 gr. Risultato.... uninterno soffice e panettonoso ma non gonfio da panettone. Battezzata... torta di panettone :)E soffice dentro e la dolcezza si è interessantemente concentrata verso la crosta... questo vuol forse dire che non ho impastato bene la cremina di datteri/vaniglia...
    • e avete lintenzione di farla come torta modificherei:- i tempi della seconda lievitazione perchè è un pò acido. Fino al raddoppio ... 5/6 ore;- allultimo impasto, amalgamare gli ingredienti liquidi per primi e poi la farina.hi hi mi sono divertita un sacco! Grazie per la sfida. Forse ci riprovo prossima settimana ... "Trovate la ricetta a questo link:http://www.goccedaria.it/item/torta-di-panettone.html
    • La “fugassa” di Natale di FrancescaPubblico per conto di Francesca B., incontrata nel gruppo Fb “La pasta madre”, grande appassionata di pasta madre e di autoproduzione, che forse un giorno si deciderà ad aprire un blog, la sua ricetta di dolce natalizio: una “fugassa”, ovvero focaccia, alla veneta, ovvero un dolce che nasce come pane arricchito (ne parlavo nella mia ricetta di fugassa con i fichi). Per Natale viene proposto come alternativa al panettone dalle nostre parti, è un dolce semplice e leggero. Ecco la versione vegana di Francesca che voglio provare anchio quanto prima! A lei la parola!Primo impastoIngredienti:100 gr di pasta madre100 gr di latte di soia1 cucchiaino di malto di riso100 gr di farina tipo 1Prima di partire rinfresco la pasta madre per 3 volte a distanza di 4-5 ore. Ne prelevo 100 gr pm a cui aggiungo 100 gr latte di soia, un cucchiaino di malto di riso,100 gr farina 1. Lascio lievitare 3 ore.
    • Secondo impastoIngredienti:primo impasto200 gr farina tipo1600 gr di farina di farro60 gr di olio evo30 gr di acqua250 gr di malto di riso100 gr di latte di soia3 cucchiai di fecola di patateacqua bollente qbPrendo il primo impasto e aggiungo 200 gr farina 1, 300 gr farina di farro,60 gr olio evo,30 gr acqua,250 gr malto di riso,100 gr latte di soia e sostitutivo delle uova (3 cucchiai di fecola di patate a cui ho aggiunto a filo acqua bollente fino ad ottenere un impasto gelatinoso che ho frullato e lasciato intiepidire). Ho fatto andare limpastarice 15 minuti, aggiustando con farina 0 se era troppo appiccicoso, finchè la pasta si staccava dalle pareti della ciotola. Ho messo a lievitare unoretta, ho fatto delle pieghe e messo nello stampo da panettone. Ho lasciato lievitare tutta la notte dopo aver praticato una croce sopra con un coltello affilato. Ho cotto a 180° per 50 minuti,ventilato bagnando la superficie con poca acqua.ho fatto raffreddare capovolto infilzandolo con ferri da calza!Ho voluto provare personalmente questa bellissima ricetta e ne sono rimasta entusiata! Ho fatto solo un apiodi modifiche relative alle farine usate, perchè ho voluto testarla con farine più integrali: il risultato, davvero ottimo lo potete vedere nelle immagini.
    • Le mie modifche:nel primo impasto ho usato farina di farro bianca, anzichè tipo 1nel secondo impasto invece ho sostituito alla farina 1, farina integrale di grano duro bio, per la farina di farro ne ho messa 150 gr di bianca spelta e 300 di integrale (anzi integralissima) di dicocco appena macinata a pietra sul mio mulinetto (è bastata mano farina in quanto ho usato lintegrale).Eccomi allopera con questo bellissimo impasto! e che lavoraccio con tutto quel peso!Ecco la gigantesca fugassa da quasi 1 kg e mezzo cotta!Trovate la ricetta qui: http://www.goccedaria.it/item/la-fugassa-di-francesca.html
    • Veg-panettone di ClaudiaAnche oggi ho il grande piacere di avere ospiti: stavolta si tratta di Claudia che avete già incontrato in occasione della "sfida" per la realizzazione del Fior DAria (lei aveva proposto la sua Fior di Riso al cacao) e che anche stavolta non si tira indietro di fronte alla sfida proponendo il suo fantastico veg-panettone da un kg!Ormai è una super esperta e non mi resta che lasciarle la presentazione della sua ottima ricetta!"Questa ricetta è stata elaborata sulla base di una ricetta di un panettone tradizionale trattato con lievito madre liquido. Ho seguito le indicazione di impasto,temperatura,tempi di riposo,pirlature ecc. Il risultato mi piace,molto morbido,profumato ma eviterei l uvetta ( gusto mio personale) metterei del cioccolato fondente a scaglie più maialoso.Mi ha dato una mano la mia vecchia cara macchina del pane per impastare e devo dire che lavora ancora bene."1° impasto - Ingredienti:85 gr di Lievito Madre Liquido260 gr di farina di farro100 gr di sciroppo d agave95 ml di acqua1gr di sale marino integrale80 gr di Water Roux ( 1 di fecola di patate e 10 parti di latte di soia)8 gr di latte di soia alla vaniglia ( autoprodotto )80 gr di burrolì *
    • Una volta trascorso il tempo della prima lievitazione sono passata al secondo impasto. Ho aggiunto tutto il primo impasto e la farina, il lievito e il sale dopo un po’.A parte ho sbattuto con la frusta la dose di 70 gr di water roux, i semi della vaniglia, lo sciroppo dagave e il succo fresco delle arance ( 65 ml è troppo la prossima volta meglio ridurre a metà), lho versato sull’impasto. Una volta che il composto si sarà staccato dalle pareti aggiungere il burrolì ed infine luvetta ( ammollata per un 10 ore circa e infarinata bene prima di metterla nell’ impasto ).Ho tolto limpasto dal cestino e l ho messo sul piano di lavoro e l ho lavorato un po’ con la spatola. Lho lasciato a temperatura ambiente per circa 1 ora. Trascorsa lora mi sono unta le mani con dell’ olio extravergine di oliva e ho fatto la prima pirlatura e lho lasciato riposare per un’altra ora, di nuovo pirlatura e messo tutto nei pirottini.Ho fatto due pezzature una da 300 gr e una da 750 gr ( se mettevo un po’ di più d’impasto era meglio o forse dovevo usare quello da kilo ma mi manca). La seconda lievitazione è durata circa 8 ore, se aspettavo altre due ore la lievitazione era perfetta..ma avevo troppppo sonnoooo!Cottura per un 4550minuti 160°.* burrolì: si tratta di una sorta burro fatto con solo burro di cacao, olio di oliva e olio di riso.Trovate questa ricetta qui: http://www.goccedaria.it/item/il-veg-panettone-di-claudia.html
    • Ciambella al doppio cioccolato di Felicia, Le delizie di Felihttp://ledeliziedifeli.wordpress.com/2012/12/07/ciambella-al-doppio-cioccolato/Tra poco è Natale…. Tra poco si inizierà a far visita a parenti e amici; mi sto preparando, non voglio arrivare impreparata.Sfogliando La Cucina del Corriere della Sera, una torta ha attirato la mia attenzione…Non avevo mai unito la farina di castagne in un impasto con pasta madre: era arrivato il momento di provare.Ho veganizzato la ricetta originale, prevedeva diversi ingredienti di origine animale, il risultato è ottimo, perfetta per il periodo festivo e non solo!!!La ciambella di prova è stata apprezzata, porzionata e surgelata è diventata la colazione di Fausto; ormai le nostre colazioni sono di pubblico dominio, ma è così gratificante vedere apprezzare le proprie ricette.Ingredienti:150 gr di pasta madre rinfrescata il giorno prima320 gr di farina di farro80 gr di farina di castagne150 gr di yogurt di soia autoprodotto2 cucchiai di malto di riso30 gr di cacao amaro
    • un pizzico di saleacqua q.b.olio di semi q.b.40-50 gr di gocce di cacaoProcedimento:Sciogliere la pasta madre in metà acqua con il malto.In una ciotola miscelare le farine con il cacao, il sale e lo yogurt di soia. Unire la miscela alla pasta madre.Impastare sino ad ottenere un composto morbido ed elastico.Sistemare l’impasto nella ciotola, coprire con pellicola per alimenti e copertina, far lievitare per almeno 4-5 ore.Su una spianatoia leggermente infarinata, stendere l’impasto ad uno spessore di circa ½ cm. Cospargere la superficie con le gocce di cioccolato. Arrotolare chiudendo le gocce all’interno del rotolo. Adagiare il rotolo nella teglia a ciambella, arrotolandolo su se stesso. Saldare le estremità e praticare un’incisione sulla superficie della ciambella.Cospargere di zucchero di canna e far riposare per almeno 1 ora.Accendere il forno a 250°, a temperatura raggiunta infornare il dolce e abbassare la temperatura a 180°, cuocere per circa 20-25 min. controllare prima di sfornare.La parte esterna della ciambella si asciugherà e diventerà croccante, mentre l’interno rimane morbido e cioccolatoso.Appena è possibile estrarre la ciambella dallo stampo. E’ buonissima: per questo dolce ho avuto la fortuna di utilizzare delle gocce di cioccolato non proprio comuni. Con questa ciambella aumenta la mia lista di dolci da trasporto, oltre al Panfeli di Natale, alla Brioche con pasta madre ora ho anche la Ciambella al doppio cioccolato, amici e parenti saranno soddisfatti….
    • Pasta madre e cioccolato di Laurahttp://www.cucinadellanima.it/2012/12/pasta-madre-e-cioccolato/Con questa ricetta mi assicuro una dose di energia e di buon umore in questo periodo di fatica allavoro, di meteo infausto e di cambio stagione (che mi richiede sempre una bella spinta). Sono oramai 2anni che non acquisto più biscotti e prodotti da forno industriali. Ho fatto la mia scelta, la mia famigliami segue e mi dà la giusta soddisfazione per continuare per questa strada. Un pane al cioccolato fattocon la pasta madre e la farina semintegrale è per noi il dolce del dopocena, la merenda a scuola, ilpanettone del periodo di Natale. Se poi ci aggiungiamo il valore nutrizionale delle farine del mulinovicino a casa (grazie GAS), parliamo veramente di un prodotto di altissimo valore. Ne sento ancora ilprofumo, anche se è già finito! Ecco la ricetta…un buon inizio per chi ha voglia di cimentarsi con lapasta madre appena “spacciata”…buona panificazione!STAGIONALITA’ RICETTA: tutto l’anno - DIFFICOLTA’: 2/5 - TEMPO: 50 minuti di cottura+ almeno 8 ore dilievitazioneIngredienti:550 g farina tipo 2300 g di pasta madre (rinfrescata da almeno 4 ore)300 g acqua150 g cioccolato fondente 50%1 cucchiaino di malto (versione vegan) o di miele1 cucchiaino di sale
    • Fate il rinfresco alla pasta madre, in modo che si riattivi (100 g di pasta madre + 100 ml di acqua tiepida +200 g di farina 0). Lasciatela a temperatura ambiente per almeno 4 ore, quindi prendete 300 g di impastorinfrescato e mettetelo in una terrina capiente, aggiungere 300 g di acqua tiepida, un cucchiaino di miele econ le mani sciogliete bene il lievito. Aggiungete la farina, un cucchiaino di sale e il cioccolato ridotto ascaglie grossolane. Cominciate a mescolare sempre con la forchetta fino a quando la farina non avràassorbito tutta l’acqua, a questo punto passare tutto sulla spianatoia e cominciare a lavorare l’impasto,dopo un pò sbattete l’impasto energicamente sulla spianatoia e lavoratelo finchè non diventa bello liscio.Formate una palla e fate un taglio a croce, mettete l’impasto in una terrina, copritela con la pellicolatrasparente e tenetela per 3 ore lontano da correnti d’aria. Trascorse le tre ore, sgonfiate l’impastoschiacciandolo un pò in modo da avere più o meno un rettangolo, a questo punto procedete con lapiegatura. Piegate uno sull’altro i due lati, destro e sinistro, per un terzo del rettangolo complessivo, giraredi 90° e ripetete l’operazione. Con le mani modellate l’impasto tipo un filone, depositatelo in uno stampo daplumcake foderato con carta da forno, ricoprite con la pellicola trasparente e lasciare riposare per 1 ora.Riscaldate il forno ad una temperatura di 200°, mettete dentro un pentolino con dell’acqua ed infornate ilpane. Cuocete per 50 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare sulla griglia.
    • Pinza della Befana di Maryonnhttp://cosamangianoivegani.wordpress.com/2012/12/08/pinza-della-befana-pinsa-venexiana-dea-befana/Questa è una ricetta tradizionale veneziana, tipica anche dell’entroterra intorno alla città lagunare. Simangia tradizionalmente il giorno della Befana, ma è buona in tutto il periodo festivo natalizio e ancheprima e dopo.E’ un dolce povero, ma molto calorico. Contiene frutta secca, polenta, farina, e probabilmente in passatoveniva mangiato come piatto unico, non solo come dolce.Durante questo periodo lo trovate nei panifici veneziani e di Mestre ma anche nella provincia di Treviso ecredo anche in quella di Padova.Io ne vado pazza, e di versioni vegane non è che se ne trovano tantissime, per cui ho deciso diautoprodurla.Questo è il risultato:La mia è la versione veganizzata della ricettache si trova nel libro “A tavola con i Dogi”,anche se le proporzioni degli ingredientisono un po’ diverse, proprio perché l’avevoprovata anni fa quando non ero ancoravegana e avevo fatto dei piccoli cambiamentiper migliorare (secondo me) la ricetta. Iprodotti da me usati sono tutti biologici, l’olioè spremuto a freddo, e lo zucchero è ridottoal minimo. Anche così, la ricetta è venutabuonissima e dolce al punto giusto.
    • Ingredienti:●250 grammi di farina gialla di mais●200 grammi di farina semintegrale di grano tenero●600 ml di latte di riso●150 ml di acqua●150 grammi di olio di mais●3 cucchiai di malto di mais●10/12 fichi secchi●100 grammi di uvetta sultanina●50 grammi di canditi (io ho usato i cranberries biologici)●30 grammi di pinoli●1 mela●mezza bustina di polvere lievitante biologica con cremor tartaro●semi di anice●un pizzico di saleProcedimento:Tagliate a pezzetti i fichi, mettete l’uvetta in acqua tiepida ad ammollarsi ( io dopo un po’ ho aggiunto anche icranberries-mirtilli rossi secchi). Tagliate la mela a pezzetti.Subito dopo, scaldate il latte di riso con l’acqua e l’olio, aggiungendo il pizzico di sale. Quando l’acqua è sul puntodi bollire, spegnete, e versate a pioggia e piano piano la farina di mais.Mescolate continuamente la polentina per dieci minuti, a fuoco basso.Spegnete e aggiungete la farina, i fichi, l’uvetta scolata, i canditi, la mela, i pinoli e il malto. Mescolate bene il tutto econtinuate a cuocere a fuoco lento sempre mescolando per altri 15 minuti.Alla fine, fate raffreddare per qualche minuto e poi aggiungete il lievito e incorporatelo bene.Nella ricetta del libro di cui sopra, il lievito viene messo insieme alla farina e agli altri ingredienti, io preferisco nonfarlo cuocere troppo, anche se la sua funzione non è quella di far lievitare il composto, che deve restare sempreabbastanza sodo. Però secondo me deve avere una sua sofficità, perché sia piacevole per il palato.Oliate e cospargete di pangrattato una tortiera rettangolare (se non l’avete va bene anche una rotonda), versate ilcomposto livellatelo e mettetelo in forno a 180 gradi per un’ora circa (io l’ho lasciata un’ora e dieci minuti, maquesto dipende dal tipo di forno).E’ stata molto apprezzata da tutta la famiglia.
    • Panettone cup-cake e mini-panettoni di Alehttp://golositavegane.blogspot.it/2012/12/panettone-cupcake-e-mini-panettoni.htmlDi dolce in dolce, eccovi il risultato del tentativo di panettone. Uno dei risultati … in realtà il panettone èvenuto bene, ma ho voluto fare più cose diverse … mi spiego: dopo il primo impasto, pensavo di avere 14ore, invece il mio licoli (troppo forte!) è arrivato al massimo della lievitazione dopo 8h, così in fretta e furiaho fatto il secondo impasto e, avendo paura che non lievitasse, ho fatto un panettoncino da 350g conuvetta, buonissimo e supersoffice che ho regalato a mio padre, un panettoncino da 250g al cioccolato,buono ma … con troppo cioccolato (avreste mai pensato di poter sentire una frase del genere? Ebbene sì… troppo cioccolato ha rovinato il gusto e la sofficità) e poi ho fatto 8 cupcake di panettone da circa 50gl’uno, 3 con uvetta e 5 con mirtilli rossi disidratati (ricordate la Festa del Ringraziamento?). buonissimi,soffici e gustosi!
    • 1° giorno – ore 11.30Ingredienti complessivi – 1° impasto- 75g di li.co.li. rinfrescato (con farina 2) per 3 giorni consecutivi per renderlo più forte- 190ml di acqua tiepida- 50g di burro di soia- 45g di zucchero di canna- 190g di farina 2Fate il primo impasto con tutti gli ingredienti sopra indicati con l’impastatrice o con le fruste, mescolate perdiversi minuti, coprite con pellicola e mettete in forno con la luce accesa in modo che ci sia un bel teporeper aiutare la lievitazione.1° giorno – ore 19.30Ingredienti complessivi – 2° impasto- tutto il primo impasto- 10g di licoli- 35ml di acqua tiepida- 50g di burro di soia- 13g di zucchero vanigliato- 12g di sciroppo d’agave (o malto)- 3g di sale- 190g di farina 2- 50g uva passa- 50g cioccolato fondente 70%- 40g mirtilli rossi disidratatiFate il secondo impasto con tutti gli ingredienti del 2° impasto, mescolate per diversi minuti. L’impasto nondev’essere più liquido ma maneggevole. Ho preso circa 500g, ho aggiunto l’uvetta, 350g li ho messi in unaformina da panettoncino, 150g in 3 pirottini per cupcake.Con circa 200g di impasto ho fatto l’altro panettoncino aggiungendo il cioccolato (250g totali)
    • Con gli ultimi 250g circa di impasto ho fatto altri 5 cupcake aggiungendoci i mirtilli disidratati.Alle 21.30 circa tutto era a lievitare in forno con la luce accesa.2° giorno – ore 5.30La lievitazione massima è arrivata per le 5.30 del mattino (io per precauzione mi sono alzata alle 1.30, alle4.30 e poi alle 5.30 ^_^ ). Ho tirato fuori tutto dal forno, messo in una credenza tiepida, scaldato il forno a180° e cucinato i cupcake per 20’.Poi ho cucinato anche gli altri due panettoncini per 45’ circa a 160°.Ingredienti del frosting- vegrino- amarenePreparate del vegrino solo colando lo yogurt di soia, senza aggiungere altro. Aggiungete un paio dicucchiaini di succo delle amarene, mescolate bene, adornate il top dei cupcake e decorate con un’amarena.
    • Panpapato resistente di Annalisahttp://passatotralemani.wordpress.com/2012/12/12/prima-che-passino-le-feste/Ingredienti per 10-12 pezzi:850 gr farina tipo 1150 gr amido di mais900 gr malto di mais o sciroppo riso se si vuole più dolce300 gr cacao300 gr cioccolato fondente all85%400 gr uvettarum o spremuta darancia20 gr spezie (chiodi garofano e cannella)18 tazzine di caffé d orzo700 gr cioccolato fondente al 70% per coprireProcedimento:Ammollare luvetta per 8 ore con il liquore o la spremuta, colare e strizzare bene. Consiglio di preparare ilcaffé dorzo con la moka, e comunque devessere ben concentrato.Sciogliere il malto o lo sciroppo, il caffé, il cioccolato su fiamma bassissima.Fare un cerchio con la farina, lamido, il cacao, il sale e le spezie e versare gli ingredienti liquidi, poiluvetta. Impastare il tutto e lasciar riposare per tutta la notte se si fa la sera.Formare delle pallette da circa 350 gr e appiattirle.Infornare a 180° per 30.Far raffreddare su una gratella per un paio di giorni, quindi coprire col cioccolato sciolto su fiammabassissima. Attendere che la glassa sia ben solida – 24 ore circa – avvolgere nella stagnola. Si conservaper 2-3 mesi.
    • Scorze di arancia candite al malto di Antonellahttp://www.goccedaria.it/item/arance-candite-al-malto.htmlQuanto mi piace avere ospiti sul blog! Oggi ospito unaltra amica compagna dipanificazione con pasta madre, ma con una ricetta non di pane, che partecipa allaraccolta di dolci natalizi vegani. Ma la Daria è impazzita penserete a proporci la ricettadelle zuccherossime scorze di arance candite! E invece no! Perchè questa che vi sta perpresentare Antonella è la ricetta per candire le arance senza zucchero, usando al suoposto il malto di riso! Sicuramente una ricetta che proverò al più presto, anche perchè lefoto non sono passate inosservate sotto gli occhi della golosa Alice che mi ha chiestosubito quando le facciamo! Ma non vi tedio più e lascio raccontare la ricetta ad Antonella!Ingredienti:●6 arance biodinamiche●350 gr di malto di riso●150 gr di acquaHo preso sei arance biodinamiche arrivate dalla calabria, grazie al Gas, le ho lavate e leho pelate tenendo anche il bianco, le ho pelate a spicchi in modo da avere meno scartipossibili.
    • Le ho messe in una pentola in acciaio con acqua fredda fino acoprile e portate ad ebollizione, lasciare bollire per 5 minuti,scolate dellacqua e ripetuta questa operazione per altre 3 volte.Le ho lasciate sgocciolare in un colapasta e quando freddetrasferite in congelatore, basta un solo giorno ma le mie peresigenze di tempo sono state tre giorni. Dopo questo riposo le hoestratte dal congelatore e fate scongelare in frigo per un giorno.A questo punto con laiuto di uno spelucchino le ho liberate dellaparte bianca in eccesso, dopo lo scongelamento questaoperazione risulta molto facile vengono via anche senza laiutodel coltello. Fatto questo ho messo in un tegame di acciaio 150gr di acqua e 350 gr di malto di riso, arrivato a bollore immergo lescorze e le lascio bollire a fuoco bassissimo finchè non lo hannoassorbito completamente tutto lo sciroppo (circa 4 ore),terminato questo le ho disposte in una teglia coperta di cartaforno ad asciugare per 24 ore. Trascorso questo tempo con uncoltello affilato le ho tagliate a fettine, pronte per mangiarle così,le mia tatolina Anna ne ha magiate di gusto un bel pò. Altre sipossono ricoprire di cioccolata fondente oppure se avetepazienza di tagliarle sottili sottili le mescolate con alcunemandorle a filetti e le disponete in pirottini, ricorderannolaranzada sarda, che veniva preparata per la sposa nei matrimonidella mia terra natia (la sardegna).Fonte originale della ricetta che io ho un pò adattatohttp://fysis.it/2865/past/past-ric/arance-candite-al-miele
    • Doppio veg-panettone di Cìhttp://ilmondodici.blogspot.it/2012/12/un-delizioso-panettone-veg.htmlConfesso: favoleggiavo di misurarmi con "la prova", il panettone vegan fatto con la Pasta Madre e mentreci pensavo ho visto il post di Daria ("esprimi un desiderio, credici e si avvererà...").Parlandone con un nipote che di panettoni lo scorso anno ne ha fatti circa 300 a scuola (per diventarechef), mi ero un po depressa: lambiente, casa mia, non è esattamente quello giusto, il rischio di unfallimento cè eccome, con la lievitazione in questi casi è un terno al lotto! ma ci ho voluto provarecomunque.Partenza, come da indicazioni di Daria:PRIMO GIORNO, ORE 10.00Legatura della pm: rinfrescate la vostra pasta madre pm come al solito e aggiungete unpo più di farina in modo da avere un panetto da legare con un canovaccio pulito a mo disalame. Lasciare lievitare per 8 ore. Rispetto a Daria ho variato così gli ingredienti.Intanto ho raddoppiato le dosi, tutto per due:PRIMO GIORNO, ORE 18.00Preparazione del lievito "tutto punto"ingredienti:●50 gr di pasta madre, bella arzilla.●35 gr di farina biologica tipo 2 ero ancora indecisa su come procedere con le miemodifiche per cui sono partita con la farina 0 per un rinfresco e la farina di farro biancaper laltro●15 gr di acqua temperatura ambiente
    • Tutto per due perchè alla fine ho deciso di fare due impasti in parallelo, con due modifiche diverse:Versione Cì1Primo giorno, ore 22.30 - Primo impastoingredienti:tutta la pasta madre infrescata precendetemente275 gr di farina biologica tipo 2 + 15 gr perchè era veramente troppo appiccicosa20 gr di olio evo15 gr di acqua70 gr di malto di riso concentrato puro di datteri120 gr di acqua tiepidaVersione Cì2Primo giorno, ore 23.00 - Primo impastoingredienti:tutta la pasta madre infrescata precendetemente275 gr di farina biologica 0 di farro20 gr di olio evo15 20 gr di acqua70 gr di malto di riso 50 gr di sciroppo dagave bio120 gr di acqua tiepidaPrime valutazioni: il secondo impasto reagisce meglio.E già lievitato notevolmente, è più liscio ed omogeneo, era più facile da lavorare.Ho cercato di non aggiungere farina al primo ma non si riusciva a lavorare. Il primo impasto ha unpromettente colore rosato, e con il concentrato di datteri che ho scoperto da qualche meseragionando sugli zuccheri alternativi grazie a Salutiamoci, mi trovo proprio bene. Con il succo diagave mi trovo molto bene con i dolci a crudo (ottimo per le laccature" per i pasticcini crudisti ealtre delizie, ha un indice glicemico molto basso, non costa una fortuna, è prodotto in tutta Europa,se ne usa poco perchè dolcifica di più) ma meno bene a cotto.
    • Adoro la farina di farro, ma anche con la farina di tipo 2 vengono ottimi dolci, i muffin al cioccolatoper esempio, che nemmeno ti accorgi ;)http://ilmondodici.blogspot.it/2012/12/panettone-is-on-table-raffreddare.htmlSecondo giorno, ore 9.00Preparo una tisana forte ai frutti rossi. Intanto grattuggio una mela (vedrete le dosi dimezzate piùtardi perché ho due impasti, ma ho preparato tutti gli ingredienti insieme), la metto nel colino, dovepoi passo anche (tenendo la mela grattuggiata sotto) il succo di 4 mandarini. Per concludere passosopra (al filtrato di mela e mandarini) la tisana calda, ottengo un bel succo colorato. Ho sostituitoparte dellacqua nella ricetta di Daria, tenendone solo un pochino per fare la crema di olio, spessouso le tisane di frutta bio al posto dellacqua nelle mie ricette dolci, profumano molto.Inizio a impastare alle 10, perchè i miei orari sono avanti di unora rispetto a Daria.Secondo impastoIngredienti versione 1:tutto limpasto precedente275 gr di farina tipo 2 biologica + 15 gr45 gr di olio evo35 15 gr di acqua100 80 gr di malto di riso succo di dattero130 170 gr di succo limpido di mela ottenuto filtrando mezza mela grattuggiata, 2 mandarini spremutie aggiungendo per il resto tisana ai frutti rossi (rosa canina, frutti di bosco rossi) bio;un pizzico di sale mi sono dimenticata...
    • Ingredienti versione 2:tutto limpasto precedente275 gr di farina tipo 2 di farro 0 biologica + 15 gr45 gr di olio evo35 15 gr di acqua100 60 gr di malto di riso succo di agave130 190 gr di succo limpido di mela ottenuto filtrando mezza mela grattuggiata, 2 mandarini spremuti eaggiungendo per il resto tisana ai frutti rossi (rosa canina, frutti di bosco rossi) bio;un pizzico di sale mi sono dimenticata...Metto a riposare questi impasti, questa volta in due insalatiere, sono belli appiccicosi, ho aggiunto unpo di farina per questo, ma ho voluto tenerli molto morbidi come diceva Daria.Intanto preparo la magica polverina di agrumi. Non ho avuto tempodi leggere il post della Ravanella ieri, ma ho fatto come faccio disolito: preso lutensile (che non so come si chiami! e nemmeno losapeva la signora che me lha venduto...) per ottenere strisciolinesottili della buccia di agrumi, che uso molto devo dire, e"sbucciato" (solo la parte più superficiale, ma il bianco) un limonebio e due arancio bio, fate solo attenzione che NON siano trattate!Le ho messe in una ciotolina sul calorifero e dopo qualche ora leho polverizzate con le dita ;) Voilà, la polvere magica è pronta!Alla sera gli impasti erano così:
    • Secondo giorno, ore 21.00 22.00Terzo impastoingredienti versione 1:90 gr di farina tipo 2 biologica + 15 gr1 pizzico di vaniglia1 cucchiaino di polvere di agrumi2 cucchiai di crema di mandorle tritate con un piccolo robot da cucina75 gr di acqua calda15 gr di fecola di patate amido di mais30 gr di malto di riso succo di dattero1 cucchiaino di sale fino grosso integrale50 gr di acqua60 gr di olio evo180 160 gr di uvetta sultanina100 gr di mandorle pelateingredienti versione 2:90 gr di farina tipo 2 biologica + 15 gr1 pizzico di vaniglia1 cucchiaino di polvere di agrumi2 cucchiai di crema di mandorle tritate con un piccolo robot da cucina75 gr di acqua calda15 gr di fecola di patate amido di mais30 25 gr di malto di riso succo di dattero1 cucchiaino di sale fino grosso integrale50 gr di acqua60 gr di olio evo180 160 gr di uvetta sultanina100 gr di mandorle pelate
    • Non avevo la crema di mandorle ho tritato 2 cucchiai per impasto di mandorle e non ho aggiunto oliocome suggeriva Daria subito, ma poi lho aggiunto dopo per altri motivi, per cui siamo andati in pari...Alla fine per mia "cottura" (che stanchezza! ho finito tardissimo... e mille distrazioni con troppepersone intorno a me ;) ) ho usato il succo di datteri per tutti e due gli impasti, ma va bene così, hadato un bel colore rosato.Impressioni: limpasto era veramente piacevole da lavorare. Inizialmente pensavo che sarebbe venutosolo quello con la farina di farro invece anche laltro è lievitato e ha retto bene.Erano veramente molto appiccicosi, ma paradossalmente ho dovuto mettermi altro olio sulle maniper poter fare poi la pirlatura. Volevo ridurre ulteriormente le uvette ma ho visto che servivano perassorbire i liquidi.Terzo giorno, ore 6.00 - 7.00 8.00CotturaAvevo paura di sbagliare i tempi. Alle 7 mi sembravano lievitati ma non moltissimo, ho rispettato lorain più che ho sempre rispetto a Daria e poi ho infornato a 170 gradi, forno ventilato, sul ripiano piùbasso, per 48 minuti (a 45 non mi fidavo a toglierli, ho lasciato altri 3 minuti spegendo il forno)Non sono lievitati molto in cottura e non saprò come è venuto finchè non lo provo... ma laspetto èdecente :)
    • Se vi state chiedendo perchè è così disordinato, è perchè questo poveropanettone purtroppo si è "spezzato" mentre era appeso a raffreddarsi,lho trovato così:Qualcuno doveva sacrificarsi e provarlo, non vi pare?Intanto per chi avesse seguito tutta la storia, questo è il panettone fattocon la farina di tipo 2 (cioè semiintegrale) e dolcificato con succo didatteri e uvette.Profumo: OTTIMO!Per casa, ma anche la fetta: delicato sentore di agrumi e dolci notefruttate in generale.Aspetto (crollo dallo spiedo a parte!): buono, pare lievitato tutto, anchese non moltissimo.Prova taglio e tatto: buona, ha una buona consistenza, non si straccia, equando lo pressi ritorna, anche se non è super soffice come lo sognavo,risulta piuttosto compatto, ma morbido.Prova gusto: buono/discreto.Morale: mi toccherà riprovare, prima o poi ;)Intendiamoci: sono contenta perchè è un primo esperimento, la ricetta èfantastica! Ho già maturato riflessioni molto puntuali e so come la rifareicon piccole modifiche, sono convinta di aver sbagliato qualcosa daqualche parte, ad alcune cose farei più attenzione, altre le rifarei in mododiverso, ho capito meglio alcune annotazioni durante la lavorazione, e sodi aver avuto fattori ambientali avversi (freddo!).E tutto: non scoraggiatevi e provate anche voi!
    • Panettone speziato di MoiraRitorniamo quindi ai nostri panettoni e ai nostri ospiti graditissimi! Stavolta è il turno di Moira, cara amica acui ho spacciato una figlia della Gilda e i kefirini dacqua, e (auto)produttrice (con Valeria) dei saponiValeMoBolle. Anche lei ha voluto partecipare alla veg-panettonata, riprendendo la mia ricetta emodificandola parzialmente, creandone una versione speziata. Le spezie usate hanno tutte proprietàdigestive. Penso che il gusto di questo penttone con tè e spezie sia veramente particolare, da provare! Ecome sempre lascio a lei virtualmente la tastiera!"La mia sfida è partita sabato sera! e lunedì sera ho cotto i tre panettoni da 500 gr abbondanti, luno.Ho usato la tua ricetta, perchè non avevo la più pallida idea da dove partire!Però lho personalizzata leggermente...Questo per me è un periodo speziato, nel senso che sto iniziando ad avvicinarmi al mondo affascinantedelle spezie...e quindi non potevo non metterne un pizzico nel mio primo panettone ! yeppeteQueste le rettifiche rispetto alla tua ricetta:1° impastoanzichè acqua, ho fatto un infuso di the Bancha con anice in semi, cassia, cardamomo e chiodi di garofano.ho messo 80 gr di malto anziché 70 gr.Secondo impasto senza modifiche.3° impasto:●anzichè mettere i 15 gr di fecola ho messo lamido di mais e unpo di agar agar, la quantità dei due era un po sopra i 15 gr.●anzichè i 50 gr dacqua ho messo linfuso di the Bancha conanice in semi e cardamomo●anzichè i 180 gr di uvetta ho messo albicocche e fichi secchitagliati a pezzetti piccoli●anzichè mettere le mandorle intere le ho messe tagliategrossolanamente
    • ● insieme alla polvere di agrumi ho messo le seguenti spezie tritate finissimamente: anice in semi,cardamomo e chiodi di garofano●anzichè mettere i 15 gr di fecola ho messo lamido di mais e un po di agar agar, la quantità dei due era unpo sopra i 15 gr.●anzichè i 50 gr dacqua ho messo linfuso di the Bancha con anice in semi e cardamomo●anzichè i 180 gr di uvetta ho messo albicocche e fichi secchi tagliati a pezzetti piccoli●anzichè mettere le mandorle intere le ho messe tagliate grossolanamente●lultima lievitazione anzichè farla di circa 8-9 ore lho fatta di 5. Appena sfornati li ho infilzati nel bastoncino di legno e uno dei panettoni si è un po rovinato, perchè nonha tenuto ed è crollato...Allora, come vedrai nella foto li ho accomodati sopra "poltrone" di fortuna, quandoben raffreddati li ho liberati e ne ho tagliato uno per assaggiarlo...Secondo me è venuto buono, si sentonoleggermente le spezie, buone le mandorle in mezzo e soprattutto azzecata la scelta delle albicocche e fichisecchi...direi bene nel complesso !E stata una bella sfida...per una come me che solitamente non rispetta le ricette, stavolta sono stataabbastanza brava nel seguire la tua... Complimenti per aver organizzato questa festa virtuale tra pazzotte della pasta madre edellautoproduzione! Cera da fare ma è una stata una bella sfida ! 
    • Pandorone di Michelahttp://mammamichelaedintorni.blogspot.it/2012/12/pandoro-vegsi-comincia.html?spref=fbore 13.30, preparazione del "lievito tutto punto":ingredienti:● 50 gr di pasta madre dal panetto che nel frattempo si sarà ben gonfiato●15 gr di acqua●35 rg di farina di farroImpastare il tutto fino ad ottenere una pallina omogenea e porre a lievitare per quattro ore in luogo riparato ( io l homessa in forno ).Dimenticavo, io ho deciso che per questo pandoro utilizzerò SOLO farina di farro semintegrale, biologica, macinataa pietra della Iris che ho acquistato con il GAS!!ORE 17,30, PRIMO IMPASTOingredienti:●il lievito "tutto punto" rinfrescato precedentemente●275 gr di farina di farro bio●20 gr di olio Evo●15 gr di acqua●70 gr di malto di riso●120 gr di acqua tiepidaSciogliere il lievito tutto punto nei 120 gr di acqua, aggiungere il malto e la farina un po alla volta amalgamandobene. Mescolate sbattendo l olio con l acqua emulsionandoli poi aggiungerli all impasto. Impastare a lungo fino adottenere una pasta morbida, liscia ed omogenea. Mettere l impasto a riposare all interno del forno spento ocomunque a temperatura ambiente coperto, lontano da correnti.SECONDO GIORNO, ORE 6 SECONDO IMPASTOIngredienti:●tutto l impasto precedente●275 gr di farina di farro bio
    • Pandorone di Michela●45 gr di olio Evo●35 gr di acqua●100 gr di malto di riso●135 gr di succo di uva rossa da agricoltura biodinamica Folicello●un pizzico di saleSciogliere l impasto precedente nel succo di uva rossa, aggiungere il malto e la farina. Mettere il saleprecedentemente sciolto in un cucchiaino di acqua. Emulsionare olio e acqua aggiungendolo gradatamente allimpasto. Impastare a lungo fino ad ottenere una pasta morbida, liscia ed omogenea.Mettere l impasto a riposare all interno del forno spento o comunque a temperatura ambiente coperto, lontano dacorrenti.SECONDO GIORNO, ORE 20 TERZO IMPASTOIngredienti:tutto l impasto lavorato alla mattina90 gr di farina di farro biouna bacca di vaniglia del Bourbon bioun cucchiaino di cannella in polvere biodue cucchiai di mostarda bolognese75 gr di acqua calda15 gr di fecola di patate30 gr di malto di risoun cucchiaino di sale fino integrale bio50 gr di acqua60 gr di olio EvoAggiungere all impasto della mattina la farina addizionata con la cannella e i semi della bacca di vaniglia poi lamostarda bolognese. In un pentolino scaldare i 75 gr di acqua ed aggiungervi la fecola di patate setacciata avendocura di mescolare bene fino ad ottenere una gelatina, quindi aggiungerla a tutto il resto. Mettere il malto, il sale eper ultima l emulsione di acqua e olio, incorporandola gradatamente.
    • Pandorone di MichelaFate riposare l impasto per trenta minuti poi dividerlo in tre stampi da 500 gr luno; anche se questo è un PANDORO ma io ho utilizzato gli stampi di carta dapanettone che avevo acquistato tempo fa!!Appoggiare gli stampi su una teglia da forno e fare attenzione a non muoverlipiù per evitare che crolli la lievitazione!!!!Io li ho riposti a lievitare in forno e domattina procederò alla cottura!!TERZO GIORNO ORE 7,OO COTTURAStamattina ho trovato i tre impasti belli gonfi anche se ho notato che sarebbestato meglio suddividere l impasto in due stampi da 500 gr ( io ne ho utilizzatitre ).Ho scaldato il forno a 175° e poi ho cotto il tutto per 45 minuti modalità staticoed ho fatto raffreddare i pandori a testa in giù, e dal momento che il tutto non èuscito dai bordi degli stampi di carta, li ho semplicemente appoggiati su unateglia da forno ed ecco il risultatoL assaggio ha determinato la sua riuscita almeno nel sapore anche se menonell aspetto! E risultato delicato, semplice, molto profumato!
    • Treccia dolce bigusto di Camiriahttp://www.unavnelpiatto.it/ricette/treccia-dolce-bigusto.phpIngredients:●farina 0 bio - 430 gr●farina di grano tenero integrale bio - 170 gr●lievito di birra - 6 gr●sciroppo di riso bio - 6 cucchiai●latte di riso bio - q.b●cacao amaro in polvere - 1 cucchiaio●gocce di cioccolato extra fondente - 50 gr●confettura di ribes nero bio e senza zucchero - q.b●sciroppo di riso bio per spennellare - 2 cucchianiLa sera prima preparare i panetti miscelando le due farine e dividendole in 3 impasti dal peso di 2oo gr.Ad ogni impasto di farina aggiungere due cucchiai di sciroppo di riso o altro dolcificante a piacere, e 2 gr di lievito dibirra precedentemente disciolto in poco latte di riso.Aggiungere ai due impasti bianchi tanto latte di riso quanto ne occorre per ottenere dei bei panetti sodi.Nel terzo impasto invece, quello scuro, aggiungere un cucchiaio di cacao amaro in polvere e le gocce di cioccolato,anche a questo impasto aggiungere del latte di riso, tanto quanto ne occorre a formare un panetto sodo edomogeneo.Coprire ogni ciotolina con gli impasti separati con carta pellicola e un canovaccio pulito.Riporre le ciotoline nel forno spento e lasciarle lievitare per tutta la notte (almeno 12 ore)Il giorno seguente riprendere gli impasti. I due impasti chiari andranno stesi con il matterello dandogli una formarettangolare (più o meno) e della stessa lunghezza circa.Su ciascuna sfoglia spennellare abbondante confettura di ribes nero.Arrotolare ciascuna sfoglia farcita a mo di strudel così da ottenere un bel rotolo farcito (se fuoriesce dellaconfettura non è un problema, la stessa in cottura andrà a caramellizzarsi e rendere il dolce ancora più buono)Con limpasto scuro invece formare una sorta di salsiciotto anche questo della stessa lunghezza degli altri dueimpasti appena farciti e arrotolati.
    • Treccia dolce bigusto di CamiriaCon i tre impasti formare una bella treccia unendo i due estremi della stessa con i tre impasti.Spennellare la superficie della treccia con due cucchiaini di malto leggermente sciolti in padella e lasciarla lievitareper unaltra mezzora.Infornare in forno caldo a 180° per 30 - 35 minuti,Una volta pronta lasciarla freddare, affettarla e servirla con una generosa spolverata di zucchero al velo preparatocon zucchero di canna chiaro bio e fecola di patate frullati e poi setacciati sul dolce :)Il bello di questo dolce è che ad ogni fetta la farcitura cambia, ci sarà la fetta più cioccolatosa e la fetta con lasfoglia bianca farcita con la confettura... Un contrasto fra dolcezza e cioccolosità!Veramente deliziosa e dolce al punto giusto, per nulla stucchevole :D
    • Panettoncini muffin leggeri di Cìhttp://ilmondodici.blogspot.it/2012/12/panettoncini-muffin-leggeri.htmlQuestanno ho voluto sperimentare con i dolci tradizionali, e non paga dei primi risultati mi sono rimessa aimpastare :) Del resto, quando io ho unidea in testa... finchè non ci lavoro non smetto di pensarci! Era nei mieipiani iniziali proporre dei micro panettoni, fatti negli stampi per muffins, e così per una delle feste di mia figlia hopreparato questi.Sono andata spedita sui miei appunti e ho fatto ulteriori piccole - ma significative - modifiche.Seguite assolutamente il post di Daria che ha spiegato bene tutte le fasi, qui vi riporterò solo le mie modifiche insintesi e le riflessioni del caso.Partiamo dal Giorno Uno:tutto uguale sulla partenza, ma di prima mattina per lasciare più tempo al lievito.Legatura: la scorsa volta non lavevo fatta stretta, questa sì, e i risultati si son visti.Primo giorno, tardo pomeriggio quando ho visto lo spago bello tesoPreparazione del lievito "tutto punto"ingredienti:●50 gr di pasta madre, bella arzilla.●35 gr di farina biologica tipo 2 (stavolta ho seguito Daria)●15 gr di acqua temperatura ambientePrimo giorno, ore 23 - Primo impastoingredienti:●tutta la pasta madre infrescata precendetemente●275 gr di farina biologica di farro bianca●20 gr di olio evo●15 gr di acqua●70 gr di concentrato puro di datteri●120 gr di acqua tiepidaNote: ho lavorato con una forchetta e con la frusta elettrica anzichè a mano gli impasti, anche se non tutti, nonvolevo dover aggiungere farina. Ho perso il piacere di impastare a mano, ma per questa ricetta secondo me èmeglio.
    • Giorno Due Panettoncini muffin leggeri di CìMemore della precedente esperienza questa volta avevo in mente variazioni precise. Per prima cosa ho fatto unabella centrifuga con due mele diverse (rossa e gialla, due qualità con molti liquidi), mandarini, unarancia dolce (senon avete la macchina per farla - e la nostra è di quelle molto molto basiche: poca spesa, tanta resa - anche se,certo sono buonissime, ma si perdono tutte le fibre...), ho mescolato bene, ho prelevato quanto mi serviva e il restoce lo siamo bevuti :)Secondo impasto, mattinoIngredienti:●tutto limpasto precedente●275 gr di farina tipo 2 biologica di farro bianca biologica●40 gr di olio di girasole bio●35 10 gr di acqua●100 80 gr di malto di riso concentrato di dattero (100% dattero bio, in vendita al supermercato bio)●130 180 gr di succo centrifugato di mele, mandarini, arancia●un pizzico di saleSecondo giorno, 12 ore dopo - Terzo impastoingredienti versione 1:●90 gr di farina tipo 2 biologica di farro bianca bio●1/2 cucchiaiono di vaniglia bourbon●1 cucchiaino di la polvere di agrumi ricavata sbucciando 2 arance bio●2 cucchiai di crema di mandorle tritate con un piccolo robot da cucina●75 gr di acqua calda●15 gr di fecola di patate amido di mais●30 gr di malto di riso concentrato di dattero●1 cucchiaino di sale fino●50 gr di acqua●60 gr di olio evo di girasole bio●180 80 gr di uvetta sultanina e 80 di canditi bio●100 gr di mandorle in scaglie
    • Panettoncini muffin leggeri di CìGiorno treNote tecniche per la cottura40 minuti a 170 gradi, controllando bene gli ultmi minuti se vedete chescuricono troppo spegnete e aprite il forno!NON utilizzate le cartine da muffin comuni, quelle non oleate, perchèpurtroppo limpasto con la forza della lievitazione le farà collassare e cuocendorisulteranno tutte vicine, alla fine più che muffins sembreranno dei "quadrotti".Certo si mangiano lo stesso ;) però.... (parlo per esperienza, eh!) Le cartine simettono dopo aver "sgusciato" (io uso stampi in silicone) i minipanettoncini eleffetto è molto carino: Non ho potuto far raffreddare a testa in giù i mini panettoni (non avevo tempo,era un po complicato...) ma non si sono afflosciati nel mezzo se nonpochissimo, li ho decorati con dei "confettini" a farfalle e stelline, che ho fattoaggrappare a una spennellata di sciroppo di agave.Le foto sono rubate, ma avevo i minuti contati... :)Sono molto contenta del risultato questa volta: sapore eccellente, morbidezzae profumo ottimi! La lievitazione è riuscita bene, a mio parere.Se vogliamo cercare un difetto: si seccano presto se li lasciate allaria aperta,essendo piccoli (noi abbiamo fatto una festa nel pomeriggio, sfornati almattino, la sera i pochi avanzati erano un po duretti).Un vantaggio: se ne fanno molti alla volta (avendo tanti stampi da muffin) e sipossono distribuire più facilmente opportunamente confezionati, magariallinterno di un pacco natalizio, o come segnaposto sulle tavole; oppure si puòdimezzare limpasto per farne meno (questo però lo sconsiglio: credetemi chevi verrà voglia di provarli :) ).
    • Pane delle feste arancia, datteri e noci di Laurahttp://www.cucinadellanima.it/2012/12/pane-delle-feste-arancia-datteri-e-noci/Ha la fragranza di un pane, l’aspetto di un panettone, i profumi degli aromi d’inverno…senza dimenticare le regolebase di un pane che “fa bene alla salute”. Quindi una farina poco raffinata, niente zucchero (ma la frutta secca perdare un po’ di dolcezza), la pasta madre per la lievitazione.Ogni volta che mangio un pane lievitato con la pasta acida penso a quale alimento prezioso ho tra le mani. Perchèè evidente che la pasta madre rende il pane molto più digeribile, più conservabile e dà molto più sapore all’impasto.In più in un pane fatto così i nutrienti della farine sono più assimilabili dal nostro organismo (per esempio levitamine del gruppo B), e il suo indice glicemico si abbassa, così se lo mangiamo a colazione possiamo goderedella sua “lenta energia” per gran parte della mattinata.STAGIONALITA’ RICETTA: tutto l’anno - DIFFICOLTA’: 2/5 - TEMPO: 50 minuti di cottura+ almeno 8 ore dilievitazioneIngredienti:●400 g farina tipo 2●100 g di farina di mais fioretto●300 g di pasta madre (rinfrescata da almeno 4 ore)●il succo di 3 arance bio●succo d mela (quanto basta da aggiungere al succo di arancia per arrivare a 300 ml totali)●10 datteri●8 noci●la scorza grattugiata di 1 arancia●4 cucchiai di olio extravergine di oliva●1 cucchiaino di malto (versione vegan) o di miele●1 cucchiaino di sale●latte vegetale per spennellare●semi di papavero e cannella per decorare
    • Pane delle feste arancia, datteri e noci di LauraFate il rinfresco alla pasta madre, in modo che si riattivi (100 g di pasta madre + 100 ml di acqua tiepida + 200 g difarina 0). Lasciatela a temperatura ambiente per almeno 4 ore, quindi prendete 300 g di impasto rinfrescato emettetelo in una terrina capiente, aggiungere 300 g di acqua tiepida, un cucchiaino di miele (o malto) e con le manisciogliete bene il lievito. Aggiungete le farine setacciate, un cucchiaino di sale, l’olio e la frutta secca (i datteritagliuzzati). Cominciate a mescolare sempre con la forchetta fino a quando la farina non avrà assorbito tuttal’acqua, a questo punto passare tutto sulla spianatoia e cominciare a lavorare l’impasto, dopo un pò sbattetel’impasto energicamente sulla spianatoia e lavoratelo finchè non diventa bello liscio. Formate una palla e fate untaglio a croce, mettete l’impasto in una terrina, copritela con la pellicola trasparente e tenetela per 3 ore lontano dacorrenti d’aria. Trascorse le tre ore, sgonfiate l’impasto schiacciandolo un pò in modo da avere più o meno unrettangolo, a questo punto procedete con la piegatura. Piegate uno sull’altro i due lati, destro e sinistro, per unterzo del rettangolo complessivo, girare di 90° e ripetete l’operazione.Con le mani modellate l’impasto e date la forma di unapalla, depositatelo in uno stampo foderato con carta daforno (io ho usato una pirofila stretta e rotonda dal bordoalto) da plumcake , ricoprite con la pellicola trasparentee lasciare riposare per 2 ore. Spennellate la superficiecon del latte vegetale, decorate con dei semi di papaveroe spargete sulla superficie della cannella.Riscaldate il forno ad una temperatura di 200°, mettetedentro un pentolino con dell’acqua ed infornate ilpandolce. Cuocete per 50 minuti. Sfornate e lasciateraffreddare su una griglia.
    • Bottoncini di frutta di Nadiahttp://www.goccedaria.it/item/bottoncini-di-frutta.htmlEbbene si, ancora ospiti su GocceDaria perchè gli spacci di granuli di kefir portano a delle belle amicizie vituali!Questa è la volta di Nadia che propone dei dolcetti sfiziosi e veloci che sicuramente i bimbi gradiranno. Un dolcettosemplice e leggero, pieno di frutta, ma sfizioso! La ricetta è la rivisitazione di un tratta dalla raccolta di ricette diRossana Madaschi (www.nutrirsidisalute.it).Ecco la versione di Nadia!Ingredienti (per 40 bottoncini):per la pasta:●1 bicchiere di farina semintegrale di grano tenero●6 cucchiai di acqua●4 cucchiai di olio di mais●2 cucchiai di maltoper la farcitura:●una mela●4 cucchiai di uvetta●2 cucchiai di pinoli●2 cucchiai di malto●olio di mais●cannella in polvereRealizzazione:Mettere in ammollo luvetta. Mescolare la farina, con il malto, lolio e lacqua e impastare fino ad ottenere una pallada far riposare in frigo per almeno una mezzora. Stendere la pasta col mattarello e tagliarla con uno stampino o unbicchiere in cerchietti. Sbucciare la mela, tagliarla a piccoli dadini e farla appassire in una pentola antiadente, acottura ultimata aggiungere luvetta (scolata dallacqua), il malto, i pinoli e la cannella. Adagiare i bottoncini sullacarta forno e spennellare la superficie con olio di mais, farcirli con un cucchiaino di composto di frutta e infornareper 15 minuti a 180°. Spolverare a piacere con zucchero a velo (o cocco rapè - ndr).
    • Cartellate pugliesi di Isahttp://www.goccedaria.it/item/cartellate-pugliesi.htmlQuesta volta ho scovato una ricettina direttamente dalla Puglia, anzi me lha fatta conoscere lamica Isa, compagnadi sperimentazioni con pasta madre e amante della cucina sana. Quando li ho visti mi sono subito incuriositaperchè non ne avevo mai sentito parlare, nè li avevo mai visti... la cucina tipica regionale è sempre una sorpresa!Poi ho pensato al lavoro che sta dietro a questi dolcetti... e Isa mi ha risposto così: "in realtà è molto rilassante iltutto, certo bisogna avere un pò di tempo. Ma guai a farlo da sola, la caratteristica è proprio quella di farla insiemeal parentado facendo chiacchiere." Un invito alla calma e a riprenderci il nostro tempo! Intanto mi gusto la ricettadi Isa, a cui lascio la tastiera, e chissà che un giorno non abbia tutti gli ingredienti per riuscire a gustarli!Ingredienti (per limpasto):●1kg di farina (fino a metà integrale senza problemi. Mia madre mette anche una piccola percentuale di semola –tipo 200 gr – per mantenere la pasta più consistente)●150 gr di olio evo●200 gr di vino bianco●Pizzico di sale●Acqua quanto basta per amalgamareL’impasto deve essere abbastanza duro da poterlo lavorare. Farlo riposare circa un’ora coperto da una coppa pernon farlo seccare. Procedere alla lavorazione. Noi la lavoriamo in 2 o 3 persone così ci si sbriga in 2/3 ore. Unapersona stende la pasta e le altre due provvedono a mettere in forma la sfoglia di pasta.Stendere limpasto ottenuto con la macchina per fare la pasta (come se dovessimo fare la tagliatella/lasagna).Cominciare dallo spessore più largo, fino ad arrivare a quello più sottile.Attenzione: Fare una sfoglia alla volta altrimenti la pasta si secca e non attacca più.Tagliare la sfoglia con una rotella zigrinata dello spessore di 3 cm circa e chiuderne i lembi come si vede in foto. Sela pasta si è seccata troppo, con il polpastrello bagnare leggermente con d’acqua i punti da congiungere.Poi procedere ad arrotolarla su se stessa. Più è lunga la sfoglia, più viene grande. Se è troppo corta vengonopiccole (ma saranno dei bocconcini deliziosi lo stesso!)Adesso bisogna farle seccare un po’ in modo che si induriscano e non si rovinino durante la cottura.
    • Cartellate pugliesi di IsaNormalmente si friggono il giorno dopo (eh si questo vuole la tradizione!!!),RIGOROSAMENTE in olio extra vergine di oliva (per ridurre i danni). In realtà incasa nostra usiamo fare una versione più leggera cuocendoli in forno. In questocaso però evitate di mettere la semola perché la cottura in forno le renderà piùcroccanti.Vengono servite con vincotto che qui tradizionalmente viene fatto d’estate quandoc’è abbondanza di fichi e uva. Si tratta di uno sciroppo di SOLA frutta (in genere uvae fichi) fatta cuocere per molte ore sino ad addensarsi diventando uno sciroppo. Illvin cotto nasce come necessità per utilizzare labbondanza di frutta in alcuni periodidellanno, utilizzandolo poi nei periodi di festa come dolcificante. E questo ricalcaprobabilmente le tradizioni popolari di molti popoli prima dellinvezione dellozucchero. Infatti la frutta (oltre al miele) è da sempre stata usata per fare dolci.Magari anche perchè costava meno (almeno in quei popoli in cui cera tantaabbondanza). *Quando le cartellate sono cotte e raffreddate, si può sciogliere a bagnomaria ilvincotto e passarci le cartellate fino ad impregnarle bene. Sistematele in una coppae irroratele ancora con il vincotto fino a riempirle ben bene. Che delizia il loro gustodolce ma tendente allamarognolo! Buon Natale a tutti.
    • Fugassa ciocco-mandorlatahttp://www.goccedaria.it/item/fugassa-ciocco-mandorlata.htmlNon è un vero e proprio panettone, piuttosto riprende lidea della "fugassa", infatti è senza uvette o canditi vari,però ne ho fatto è una versione "delle feste" con un goloso dolce ripieno e una copertura altrettanto sfiziosa. Inoltrelimpasto è arricchito dalle mandorle. Io la rifarò sicuramente nei prossimi giorni da offrire agli ospiti che avremo acasa!ingredienti 1° impasto●125 gr di pasta madre●100 gr di latte di soia●50 gr di malto di riso●200 gr di farina tipo 2●30 gr di olio evoLa sera tardi rinfrescare la pasta madre rendendola a panetto, quindi aggiungendo più farina rispetto al solito elegarla come si farebbe per il panettone. La mattina prelevare dal cuore della madre legata 100 gr. Scioglierla nellate di soia, aggiungere il malto e la farina tipo2 gradualmente. Impastare e per ultimo aggiungere lolio (io lhoversato direttamente sulle mani) e impastare bene in modo da avere una bella palla liscia. Lasciare lievitare 4 ore.ingredienti 2° impasto●tutto il primo impasto●200 gr di siero di kefir di soia (va bene anche il siero dello yogrurt di soia che vi rimane dalla preparazione delvegrino)●1 cucchiaino di polvere magica di agrumi●1 pizzico di vaniglia in polvere●1 pizzico di sale fino●200 gr di malto di riso●35 gr di crema di mandorle●60 gr di farina di mandorle (mandorle frullate)●150 gr di farina tipo 2●150 gr di farina integrale di grano tenero bio appena macinata●45 gr di olio evo●crema nera (veghella) per la farcitura
    • Fugassa ciocco-mandorlata●100 gr cioccolato fondente 75% cacao del commercio equo per lacopertura●una manciata di mandorle a scaglie o intere per decorareSciogliere il primo impasto nel siero di kefir di soia, aggiungere il malto diriso, la farina di mandorle, la vaniglia, la polvere di agrumi, la farina tipo2e mescolare. Aggiungere la crema di mandorle, il sale, la rimananentefarina e impastare. Alla fine aggiungere lolio. Anche stavolta lhoinglobato un po per volta mettendolo direttamente sulle mani eimpastando a lungo. Lasciare riposare limpasto per unora. Riprenderlodividerlo in due parti. Fare un giro di pieghe ad entrambe le parti.Posizionare la prima parte sul fondo di una teglia per dolci apribile acerniera leggemente oliata (io ne ho una piccola grosso modo dellamisura dello stampo per panettone). Disporre la crema nera acucchiaiate sullimpasto. Coprire con la seconda metà di impastoposizionandolo sopra.Lasciar lievitare fino al raddoppio (o alraggiugimento del bordo della teglia), nel mio caso ci sono volute 5-6ore.Accendere il forno a 180° ventilato. Infornare per 45 minuti.Estrarre dal forno, aspettare che freddi leggermente, togliere lanellodella teglia e mettere a raffreddare inclinato. Quando è freddo scioglierela cioccolata in poca acqua e tritare le mandorle. Spennellare lasuperficie della fugassa col cioccolato fuso e cospargere di mandorle.Edeccola qua la soffice e golosa fetta!Si conserva in un sacchetto per qualche giorno.PS: Questa fugassa è appena dolce, se vi piacciono le cose più dolcipotete frullare dei datteri nel latte di soia prima di usarlo, oppure usaresucco limpido di mele al suo posto.
    • Tea-time biscuits alle spezie e cioccolato di Lohttp://galline2ndlife.blogspot.it/2012/12/tredici-passi-in-tredici-notti.html●3 tazze di farina 2●1 tazza di malto di riso●12 tazza di olio di mais●1 cucchiaino di cremortartaro●1 pizzico di sale●1 cucchiaino di polvere darancia*●12 cucchiaino di anice●1 cucchiaino e mezzo di cannella in polvere●1 cucchiaino di spezie miste per dolci●12 cucchiaino di curcuma*●1 macinata di pepe *●succo di mele●2 tavolette di cioccolato fondenteMischiare la farina con il sale, il cremortartaro e le spezie. Unire quelli liquidi (usate succo di mele quanto nerichiede la farina per compattarsi) e iniziare ad impastare velocemente formando un panetto morbido. Stendere lapasta e tagliare dei rettangoli grandi come una bustina di tea. Stondare gli angoli in alto per dare la forma dabustina. Con uno stuzzicadente fare un buco nella parte superiore al centro.Cuocere per circa 13 minuti a 180° in forno statico. Sfornare e lasciare raffreddare.Una volta freddi, sciogliere a fiamma bassa il cioccolato in un pentolino, quindi intingere la base dei biscotti emettere ad asciugare su una griglia.Nel frattempo preparare le etichette seguendo la propria fantasia. La gnoma ad esempio li ha personalizzati per lesue amiche scout.Ultima fase: infilate un filo nel biscotto e pinzate allaltro capo la vostra etichetta.
    • Tea-time biscuits alle spezie e cioccolato di Lo*Comprate arance bio e ogni volta che ne mangiate una, con un po di pazienza, tenete da parte le bucce, eliminatela parte bianca e mettete a seccare. Potete farlo sopra il calorifero oppure come me con la stufa. Diventafacilissimo se usate un rigalimoni. Quando le bucce sono secche, frullate e avrete una polvere darancia aromaticae profumata. Stessa cosa con clementine, mandarini e limoni.*Il pepe è il migliore amico della curcuma, una spezia preziosa dalle potenti proprietà benefiche: anticancro,antibatterica, antinfiammatoria, antiossidante e antidolorifica. Il pepe ha unazione che permette di assorbire meglioquesta spezia unica, che regala anche un colore caldo alle nostre preparazioni.La ricetta è una mia libera rivisitazione di una proposta della scuola Sanagola della brava chef di cucina naturaleArianna Milano, prendendo spunto per la forma da questa pagina. La tazza che ho usata è quella dateacappuccino.
    • Ciambella alla frutta seccahttp://www.goccedaria.it/item/ciambella-alla-frutta-secca.htmlIn realtà non è una vera torta, ma un pan-dolce, veloce da impstare perchè usa la tecnica dellautolisi. Semplice edolce al punto giusto grazie alla frutta che contiene.ingredienti:●125 gr di pasta madre●240 ml di succo di mela limpido●160 gr di farina tipo2●150 gr di farina integrale di grano tenero appena macinata●2 prugne secche●4 fichi secchi●100 gr di uvetta sultanina●1 pizzico di sale●2 cucchiai di olio evo●fase 1: rinfresco e autolisiRinfrescare la pasta madre come al solito e metterla a riposare a temperatura ambiente. Contemporaneamentemescolare le due farine e aggiungere il succo di mela. Mescolare e mettere a riposare con la pasta madre per 4ore. Passate 4 ore prelevare i 125 gr di pasta madre che vi serviranno per la ciambella.fase 2: impastoAggiungere allimpasto di farine e secco di mele la pasta madre e impastare. Aggiungere il sale. Impastareversando i due cucchiai dolio direttamente sulle mani. Mettere a riposare limpasto per unora a temperaturaambinte e poi in frigo per la notte (7-8 ore). La mattina prelevarlo dal frigo, lasciarlo ambientare per unora e fare ungiro di pieghe. Lasciar riposare unaltra ora, poi stendere limpasto grossolanamente con le mani. Versaresullimpasto steso la frutta secca tagliata a pezzetti e arrotolarlo. Con un coltello affilato tagliarlo per il lungo earrotolare le due parti fra di loro. Disporre questa sorta di treccia su uno stampo apribile a ciambella leggermenteoliato. Lasciar lievitare a temperatura ambiente fino al raddoppio (per me 4-5 ore). Accendere il forno ventilato a180° e infornare per 40 minuti circa. Appena sfornata la ciambella togliere lanello e spennellare con succo di melalimpido. Rimettere in forno per 10 minuti col forno spento socchiuso (in raffredamento). Togliere dalla base e farraffreddare completamente disponendolo inclinato.Una volta freddo tagliare e gustare!
    • Veg-panettone ostinato di Valentinahttp://www.goccedaria.it/item/veg-panettone-ostinato-di-valentina.htmlNon vi state sbagliando la panettonata è ufficialmente conclusa, però mi avanzavano ancora un paio di ricette dainserire, fra cui questa di unamica che dopo vari tentativi è finalmente riuscita ad avere la viglia di Natale risultatisoddisfacenti veganizzando la ricetta del panettone di Morandin: lostinata Valentina! Magari sullestetica cè dalavorare, ma è stata molto soddisfatta del gusto! Ecco quindi la sua ricetta, raccontata da lei!" La ricetta è questa: ho iniziato il rinfresco della pm 6 giorni prima. Lultimo giorno ho fatto 3 rinfreschi.Ingredienti primo impasto:- Farina mista di grano tenero semintegrale, farro ed enkir biologiche e macinate a pietra gr 330- Sciroppo di riso bio gr 182- Pasta madre solida gr 165- Milk roux (fatto con 1 parte di fecola di patate per 10 di latte di soia: mettere in un padellino sul fuoco, mescolarefinché non si rassoda, lasciare raffreddare) gr 185- Burrolì gr 205- Acqua gr 40- mezzo cucchiaino di curcuma per dare il colore gialloProcedimento:impastare la farina, il lievito con lo sciroppo di riso, versare il milk roux in più volte e far incordare (se serveaggiungere un pochino dacqua per dare maggiore idratazione), il burro morbido in più volte e per ultimo lacqua.Mettere a lievitare a 28° per 12-14 ore.ngredienti secondo impasto:- Farina come sopra gr 82- Milk roux gr 38- Sciroppo di riso gr 33- Burrolì gr 40- Sale marino integrale fino gr 9- Uvetta bio (fatta ammollare la sera prima in acqua calda e ruhm poi scolata e lasciata ad asciugare tutta la notte)gr 165
    • Veg-panettone ostinato di Valentina- Arancia candita bio gr 250- Cedro candito bio gr 90- Aromi: vaniglia in polvere bio mezzo cucchiaino- olio essenziale di arancio e di limone q.b.Procedimento:Incordare il primo impasto con la farina, versare lo sciroppo di riso, il milk roux, il burrolì, il sale e gli aromi, perultimo inserire la frutta candita, far puntare l’impasto 30 minuti a 28°. Dividerlo in due parti e pirlare.Mettere gli impasti nei pirottini da 750 gr e lasciar lievitare a 28° per 6-8 ore, fino a quando raggiungono il bordo.Mentre si fa alzare la temperatura del forno gli impasti riposano allaria e si forma una crosticina. La si incide acroce con la lametta di un taglierino e (volendo) si fa la scarpatura.Cuocere a 170/180° per un’ora (verificare la temperatura interna, deve essere tra i 94 e i 98 gradi), sfornare e farraffreddare a testa in giù per almeno 6 ore.
    • Cocco-panettone di Nadirhttp://nadirblog.blogspot.it/2012/12/il-mio-panettone-veg.htmlPartendo da una Pasta madre rinfrescata più volte ho seguito la ricetta di Daria, e lho un po modificata.1° impasto●50 g di PM●50 ml di acqua●1 cucchiaio di concentrato di datteri●125 g di farina "0" (avevo finito la tipo 2)Miscelo tutto e lascio lievitare nel forno spento x 12 ore.2° impasto●impasto precedente●170 g di farina tipo 2●40 g di olio evo●1 pizzico di sale●50 g di concentrato di datteri●100 ml di latte di coccoImpasto tutto e rimetto a lievitare per altre 12 ore nel forno spento.3° impasto●tutto limpasto precedente●water roux (75 g di acqua + 15 g di fecola)●100 g di concentrato di datteri●1/2 cucchiaino di sale●100 g di farina di cocco●100 g di albicocche secche (tagliate a pezzetti)●60 g di olio evo●50 g di latte di cocco●290 g di farina tipo 2Impastare tutto ottenendo un composto omogeneo, lasciarlo a temperatura ambiente per 1 ora. Nel frattempocostruire lo stampo con la carta da forno e procedere alla pirlatura.
    • Cocco-panettone di NadirMettere limpasto nello stampo e far lievitare ancora nel forno spento almeno altre 6 ore. Qua avrei dovutoprobabilmente far lievitare ancora, ma temevo che "screscesse" così lho infornato a 170 °C per 1 ora.Poi lho posto a raffreddare capovolto, infilzato con due ferri da maglia, ma si è miseramente rotto ... Troppopesante :(Il sapore non è male, ma si sente che avrebbe dovuto essere più leggero.Verrà meglio la prossima volta!
    • Pampepati ternani di Valentinahttp://www.goccedaria.it/item/panpepato-di-valentina.htmlLa ricetta è quella di famiglia. Per circa 26 pezzi:ingredienti:1/2 kg di noci1/2 kg di mandorle pelate1/2 kg di nocciole pelate200 gr di pinoli200 gr di uvetta (+ Grand Marnier o Cointreau per ammollarla)400 gr di malto200 gr tra cedro e arancia canditi1 kg di cioccolato fondente di ottima qualità200 gr di cacao amaro1/4 di litro di mosto cotto3 tazzine di caffè lungo amarocaffè in polvere (non solubile mi raccomando!) q.b.100 gr di farinapepe macinato fresco q.b., noce moscata q.b., cannella (facoltativa) q.b.fogli di ostia (facoltativi)Metto in ammollo luvetta nel liquore. Faccio tostare la frutta secca in forno, la pesto con mortaio e pestello(lasciandola molto grossolana). Sciolgo a bagno-maria il cioccolato. Mescolo i precedenti ingredienti (anche illiquore), poi aggiungo il cacao, il caffè in polvere e la farina mescolati tra loro, il mosto cotto, il malto e le spezie.Impasto bene tutto e metto a mucchietti sopra i fogli di ostia (che sono a loro volta appoggiati sulla leccardacoperta di carta da forno). Cuocio in forno a 180° per 10/15 minuti. Finita la cottura ricompatto un po i panetti (chein cottura si appiattiscono un po). Questa procedura a volte la faccio anche a metà cottura (se vedo che si stannotroppo appiattendo). Tiro fuori dal forno, lo lascio raffreddare e li rimetto dentro a riposare tutta la notte. Lamattina stacco i panetti dalle ostie in eccesso, in modo da lasciarne solo la base. Avvolgo i singoli panetti incellophane per alimenti o alluminio. Si conservano fino allanno dopo.
    • Roscon de Reyes di Ravanello Curiosohttp://ravanellocurioso.wordpress.com/2013/01/06/roscon-de-reyes-ciambellone-dei-re-magi/Ed ora veniamo alla nostra ricetta, veganizzabile in un baleno e facilissima per chi già lavora con la pasta madre (o,nell’attesa di procurarsela, con il lievito di birra). La maggiore ispirazione per la ricetta me l’ha data lei, La Olivada,con qualche piccola modifica. Per chi non avesse mai assaggiato il dolce, preciso che la ciambella ha unaconsistenza molto simile al pan brioche, è molto poco dolce e le note caratteristiche dell’impasto sono la sofficitàed il profumo d’arancia. I canditi, per lo più tropicali, completeranno il quadro a meraviglia e le farciture, scelte apiacere, renderanno il Roscòn degno di un Re!Ingredienti per la “masa madre”:50g di latte di soia50g di farina40g lievito di birra frescoOppure optare per:un lievito “tutto punto” di pasta madre di circa 100/130 grammi di peso totale (andate a dare un occhio dalla Daria).Altri ingredienti:50 g di malto di riso1 buccia d’arancia grattugiata1 cucchiaio di farina di ceci impastata con acqua30 g di olio EVO140 g di farina di tipo 2un pizzico di saleuna bella manciata di frutta candita: qui si va di mango, papaya, zucca, arancia e soprattutto tante ciliege1 C di rum e acqua di fiori d’arancia o polvere magica di agrumi
    • Roscon de Reyes di Ravanello CuriosoPreparazione: preparare il lievito “tutto punto” e mettere alievitare per 3/4 ore oppure preparare la masa madre conlievito di birra: in una ciotola mescolare il lievito di birra con illatte di soia caldo ed, una volta sciolto, aggiungere 50 g difarina fino ad ottenere un impasto liscio (leggermenteappiccicoso). Coprire la ciotola con pellicola trasparente o conun canovaccio e lasciare riposare l’impasto per almeno 2 ore.Mescolare il malto con la scorza d’arancia e mescolare illievito tutto punto o la masa madre con l’olio. Aggiungereanche 140 gr di farina, il rum e l’essenza di arancia e unpizzico di sale. Impastare insieme fino a quando si ottiene unapalla liscia e bella omogenea. Coprire e lasciare riposarenuovamente per altre 2 ore. Togliere l’impasto dalla ciotola earrotolare come una biscia: dargli la forma di un grandeanello, lasciando un foro al centro (per assicurarsi che lapasta non si espanda troppo al centro, deporvi un coppapasta nel mezzo e lasciarlo anche in cottura).Poggiare il roscòn su una teglia ricoperta di carta da forno enascondere per benino o la figura del re (avvolto in unpezzettino di carta da forno) o la fava secca, a propriopiacimento. Coprire ancora il roscòn e lasciamo riposare peralmeno 1 ora. Alla fine decorare il ciambellone con fruttacandita, che in questa ricetta è tipicamente e fantasticamentetropicale ed un pò di malto sbattuto con acqua.Cuocere in forno preriscaldato a 180 ° C per circa 20 minuti.Quando il dolce è freddo, se si vuole esagerare, farcire concrema al cioccolato o crema pasticcera fatte in casa … e si,vegan, perchè sono anche più buone!
    • Sanettone di FedericaGifhttp://mipiacemifabene.blogspot.it/2012/12/sanettone-farcito-video-ricetta.htmlIngredienti:●250 g di pasta madre●2 dl di latte di riso (200g)●2 cucchiai colmi di malto●La scorza di 1/2 arancia●1/4 di cucchiaino di vaniglia in polvere●1/2 cucchiaino di curcuma●3 cucchiai colmi di uvetta●2 cups di farina (360 g circa) + 1/2 cup (90 g circa) per il secondoimpasto●1 dl di olio di girasole●1 pizzico di sale marino integraleIngredienti per la crema di cous cous:●1 cup di cous cous semintegrale (200 g circa)●1 pizzico di sale marino integrale●6 dl di latte di riso●1/4 di cucchiaino di vaniglia bourbon●2 cucchiai di granella di nocciole tostate (o 3 cucchiai di nocciole tostateda tritare)●2 cucchiai di olio di girasole (bio)●4 cucchiai di malto (250 g circa)●80 g di cioccolato fondenteIngredienti per la decorazione:●1 vaschetta di ribes●scorza d’arancia●cocco in scaglie●malto e cioccolato in parti uguali qb●acqua calda qb
    • Sanettone di FedericaGifProcedimento:Rinfresca la pasta madre 2 volte e lasciale il tempo di fermentare (io l’ho rinfrescata una volta la mattina presto eripetuto l’operazione nel pomeriggio verso le 18:00). Dopo cena prepara l’impasto in questo modo; pesa 250 g dipasta madre e mettila in una ciotola possibilmente di vetro. In un pentolino versa il latte di riso, aggiungi il malto, lascorza d’arancia, la vaniglia e la curcuma e mettila sul fuoco fino a fare intiepidire il tutto (attenzione a nonscaldarla troppo). Aggiungi gli ingredienti liquidi alla pasta madre e sciogli bene gli ingredienti. Unisci l’uvetta poi lafarina e impasta con il cucchiaio (la consistenza deve essere molto mordida e umida. Infine incorpora l’oliomescolando bene il tutto. Copri con la pellicola e metti a lievitare nel forno spento. Il mattino seguente riprendil’impasto, staccalo delicatamente dalle pareti della ciotola e impastalo con 90 g di farina e mettilo nuovamente ariposare per 2 ore circa. Trascorso il tempo aggiungi una spolverata di farina e trasferisci l’impasto in unaspianatoia. Ungi uno stampo da muffin, forma delle palline con l’impasto e mettile all’interno (maneggia l’impastocon molta dolcezza per non inibire la lievitazione). Incidi una x sulla superficie e lascia riposare 30 minuti circa.Metti a cuocere in forno a 180 gradi per 20 minuti. Lascia intiepidire e togli i panettoncini dallo stampo. Aspetta chesi raffreddino completamente poi taglia il cappello dei mini panettoni e svuota la base. Ora puoi preparare la cremadi cous cous…Procedimento per la crema di cous cous:Metti il cous cous in una pentola a pressione, aggiungi il sale, il latte, la vaniglia e cuoci 10 minuti dal momento delsoffio. Frulla e se e’ evaporato troppo liquido aggiungi un goccio di latte di riso per agevolare questa operazione.Unisci il cioccolato, l’olio, il malto e frulla nuovamente fino ad ottenere una consistenza vellutata. Unisci le nocciolee Mescola il tutto. Metti la crema in un sac a poche e riempi tutti i panettoncini. Adesso confeziona questo dessertcome fosse un regalo per i tuoi ospiti e prepara delle mono porzioni. Su ogni piattino appoggia un panettone, fondiil cioccolato insieme al malto e fai colare su ciascuno questa dolce salsa. Crea dei ricciolini con la scorza d’arancia(guarda il video) aggiungi il ribes e fai nevicare il cocco in scaglie… Con mipiacemifabene a Natale sono tutti piu’buoni… E sani! :-D Buone feste!! A presto :-D Federica :-) Una foto della versione classica…