• Save
ECDL Modulo 1
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

ECDL Modulo 1

on

  • 1,032 views

Presentazione dei contenuti del modulo 1 per il conseguimento della certificazione ECDL.

Presentazione dei contenuti del modulo 1 per il conseguimento della certificazione ECDL.

Statistics

Views

Total Views
1,032
Views on SlideShare
1,028
Embed Views
4

Actions

Likes
1
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 4

http://www.voglio10.it 4

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as OpenOffice

Usage Rights

CC Attribution License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

ECDL Modulo 1 ECDL Modulo 1 Presentation Transcript

  • Concetti di Base
  • MODULO 1 – CONCETTI DI BASEe, conoscere i fattori che influiscono sulle prestazioni di un computer e sapere cosa sono le pee e fornire esempi di applicazioni di uso comune e di sistemi operativi;tilizzate le reti informatiche e conoscere le diverse modalità di collegamento a Internet;nologie dell’Informazione e della Comunicazione (ICT) e fornire esempi della loro applicazion di igiene e sicurezza associate all’impiego dei computer;matiche di sicurezza informatica associate all’impiego dei computer;matiche legali relative al diritto di riproduzione (copyright) e alla protezione dei dati associate Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 2
  • SEZIONI - MODULO 1 1.0 -Fondamenti 1.1 -Hardware 1.2 -Software 1.3 -Reti 1.4 -ICT nella vita di ogni giorno 1.5 -Sicurezza 1.6 -Aspetti giuridiciProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 3
  • 1.0 FONDAMENTIca finita di operazioni (passi o istruzioni) che consente di risolvere tutti i problemi di una detica la procedura risolutiva di un problema si utilizzano i flow-chart o diagrammi di flusso o ddati che interessano lalgoritmo possono essere costanti o variabili (anche legate da operazi
  • 1.0 RAPPRESENTARE ALGORITMI
  • 1.0 RAPPRESENTAZIONE DEI DATIe decimale è basato su dieci simboli (dallo 0 al 9) ognuno dei quali cambia valore a second Ogni numero intero naturale può essere scritto nella seguente forma: 0 1 2 472=2∗10 + 7∗10 + 4∗10
  • 1.0 RAPPRESENTAZIONE DEI DATInario è un sistema di numerazione posizionale basato su due solo cifre,0 e 1, che prendonon forma binaria è 100101 che si legge: uno, zero,zero, uno,zero, uno e non centomilacentounario in decimale, partendo da destra, si moltiplica ogni cifra per la potenza di 2 corrisponde 5 4 3 2 1 0 1001012 =1∗2 + 0∗2 + 0∗2 + 1∗2 + 0∗2 + 1∗2 =32+ 4+ 1=3710
  • 1.0 RAPPRESENTAZIONE DEI DATIil numero per 2 e il resto rappresenta la cifra meno significativa in binario; si divide il quozie QUOZIENTE RESTO 105:2 52 1 52:2 26 0 26:2 13 0 13:2 6 1 6:2 3 0 3:2 1 1 10510 =1101001 2
  • 1.0 RAPPRESENTARE I CARATTERI IN FORMA BINARIA BIT E BYTE Il bit corrisponde ad una delle cifre 0 e 1. Il byte è un gruppo di 8 bit e rappresenta una lettera, una cifra o un simbolo. Con 1 byte si possono ottenere combinazioni di 0 e 1 8 2e il collegamento tra byte e lettere (o cifre o numeri) è il codice ASCII (American Standard
  • 1.0 DESCRIVERE LE CARATTERISTICHE DI UNA IMMAGINE DIGITALE rappresentati da valori binari.detti pixel (picture elements) ognuno dei quali è costituito da un colore compone può essere a risoluzione più o meno elevata. uantità di memoria perciò alle immagini vengono applicate compressi
  • 1.0 LINGUAGGIale, quello usato per comunicare consente ricchezza espressiva ma a volte può dare adito aacchina è lunico direttamente comprensibile dallelaboratore.programmazione è un livello intermedio fra il linguaggio macchina e il linguaggio naturale.
  • 1.0 LINGUAGGI Linguaggio naturale - algoritmi Linguaggio di alto Linguaggio di programmazione livello Linguaggio macchina CPU
  • 1.0 LINGUAGGI Per passare da un linguaggio ad un altro si utilizzano particolari programmi: Linguaggio di programmazione Compilatori Interpreti ( lintero programma) (riga x riga) Linguaggio macchina
  • 1.0 LINGUAGGIEsempi di linguaggi di alto livello sono:Fortran (Formula Translator)Cobol per applicazione gestionaliC per applicazioni di tipo ingegneristicoJava progettato per applicazioni su internetPascal, Basic, Visual Basic,...
  • 1.1 HARDWAREzeremo i componenti della struttura hardware di un elaboratore, esaminandone caratmine “Hardware”nte”) è l’insieme delle componenti fisiche (meccaniche, elettriche, elettroniche, magnetichecevere dati dall’esterno, elaborarli seguendo determinate istruzioni contenute in programmi Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 16
  • 1.1 HARDWAREer. Distinguere tra desktop , laptop (portatile), tablet PC dal punto di vista degli utenti tipicio impiegati in diversi campi e che sono classificati sulla base delle loro prestazioni e caratter Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 17
  • 1.1 HARDWAREop o al tablet PC, si distingue per l’espandibilità, e il prezzo inferiore a parità di prestazioni. Gli utenti tipntazione autonoma mediante batteria. A parità di prestazioni, il costo è superiore rispetto al desktop PCità di scrivere e convertire la grafica in testo. Si opera con un dispositivo detto digitizer (o stilo), una pen Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 18
  • 1.1 HARDWAREProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 19
  • 1.1 HARDWAREClasse Prestazioni Costo Impiego Utenti Sistema perMainframe Elevate Elevato la ricerca Molti Universitaria SistemaServer Medie Medio Molti Aziendale SistemaDesktop Medio/Basse Basso Uno Individuale SistemaPDA Basso Basso Uno Individuale
  • 1.1 HARDWARE Conoscere le parti principali di un personal computer, quali:unità centrale di elaborazione): è il cervello della macchina in cui avvengono tutti i processi disitivo elettronico che conserva le istruzioni per l’avvio del PC e memorizza informazioni, istruporti magneto-ottici-elettronici che permettono di memorizzare dati e programmi in modo peti quei dispositivi che consentono l’immissione dei dati e delle istruzioni dall’esterno all’interutti quei dispositivi che consentono la comunicazione all’esterno (emissione) dei dati elaborat Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 21
  • 1.1 HARDWARE Memoria di massa i dati elaborati Conservano Forniscono alla RAM dati già memorizzati da rile RAM – mantiene i dati in memoria durante l’elaborazione d Memoria centrale ROM – contiene istruzioni per l’avviamento del computerPeriferiche di input Inserimento dei dati CPU - Elabora Periferiche di output ALU Emissione dei dati CU Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 22
  • 1.1 HARDWARE Identificare le più comuni porte di input/output, quali:tà di trasferimento dati e dà la possibilità di collegare o scollegare periferiche a computer accTali apparecchiature consentono il funzionamento della rete, le connessioni tra le varie postane video. È in grado di trasferire dati multimediali a una velocità superiore rispetto alla porta Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 23
  • 1.1 HARDWAREProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 24
  • 1.1 PRESTAZIONI DI UN COMPUTER Conoscere alcuni fattori che influenzano le prestazioni di un computer, quali:Velocità della CPUDimensione della memoria RAMScheda grafica con acceleratore grafico ealta capacità di memoriaNumero delle applicazioni in esecuzioneProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 25
  • 1.1.2 PRESTAZIONI DI UN COMPUTERorazione è un circuito integrato (microprocessore) in cui avvengono i processi di elaborazione.e le operazioni di calcolo richieste ed eseguire le istruzioni del programma (confronto, trasformazione de rdina lo svolgimento dell’esecuzione delle operazioni. orologio interno che scandisce l’esecuzione delle operazioni. A ogni scatto del clock viene inviato all’unhe misura il numero di cicli al secondo effettuati dal clock. I suoi multipli sono: Es: “CPU 1 GHz = 1 miliardo di istruzioni elementari al secondo” Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 26
  • 1.1.3 DISPOSITIVI DI MEMORIZZAZIONEProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 27
  • 1.1.3 LE UNITÀ DI MISURA DELLE MEMORIEProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 28
  • 1.1.3 DISPOSITIVI DI MEMORIZZAZIONE CD DVD Chiavi USB Schede di memoria (Sd,Compact Flash) Dischi fissi interni/esterni Unità di rete Unità di memorizzazione onlineProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 29
  • 1.1.3 DISPOSITIVI DI MEMORIZZAZIONEProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 30
  • 1.1.3 DISPOSITIVI DI MEMORIZZAZIONE DISPOSITIVI MAGNETICI DISPOSITIVI OTTICIProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 31
  • 1.1.3 DISPOSITIVI DI MEMORIZZAZIONE “MAGNETICI”si le informazioni vengono registrate una di seguito all’altra e per reperirle è necessario far scare i programmi che vengono installati e i dati salvati dall’utente. Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 32
  • 1.1.3 DISPOSITIVI DI MEMORIZZAZIONE “OTTICI”o per la memorizzazione di programmi, suoni, immagini, animazioni e foto: può contenere finfilmati o prodotti multimediali; nonostante abbia le dimensioni fisiche di un CD, il DVD può Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 33
  • 1.1.3 DISPOSITIVI DI MEMORIZZAZIONE “ELETTRONICI”lla facilità di utilizzo è un supporto di memorizzazione ideale per copiare o trasferire dati fra Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 34
  • Tipo Immagine Capacità Velocità Costo DiffusioneFloppy disk 1,44Mb 484Kb/s Basso In DiminuzioneCD-ROM 800MB 7 MB/s Basso AmpiaUSB-key 1~32 GB ~10 MB/s Basso AmpiaDVD-ROM 4,7 GB 20 MB/s Medio AmpiaDischi fissiinterni 80~1,5 TB ~150MB/s Medio TotaleDischi fissi 80~1,5 TB ~50MB/s Elevato Ampiaesterni
  • 1.1.4 PERIFERICHE DI INPUT E OUTPUT La tastieraProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 36
  • Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 37
  • CP RA Scheda U di Rete M Scheda Madre Hard Disk CD-ROM Tastiera Flopp Stampante yMonitor Casse Audio
  • 1.1.4 PERIFERICHE DI INPUT E OUTPUT Pulsante Sx Pulsante Dx Rotella di scorrimento e pulsante cent Pulsanti x pollice e anulare [opzionali]
  • 1.1.4 PERIFERICHE DI INPUT E OUTPUTInput: Sono quei dispositivi che consentono di immettere dati o informazioni dent Puntamento Touchpad e trackball Giochi Creatività Joystick e Scanner Joypad
  • o i quali il calcolatore rende disponibili all’utente i risulta Monitor Stampante Casse audio Touchscreen Input/output
  • 1.2 SOFTWARE Comprendere il termine “software”e invisibile di un elaboratore. Costituita dai programmi residenti nella memoria del compute Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 42
  • 1.2.1 SISTEMI OPERATIVI (O.S.)dere cos’è un sistema operativo ed essere in grado di citare alcuni comuni sistemi opware gestisce le risorse di un computer, le applicazioni e le periferiche, interagisce con l’haeguono il controllo sulle componenti hardware, successivamente viene caricato il sis Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 43
  • 1.2.1 SISTEMI OPERATIVI (O.S.)Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 44
  • 1.2.2 PROGRAMMI APPLICATIVI SOFTWARE APPLICATIVO DESCRIZIONE Writer Elaboratore di testi o word processor Calc Foglio elettronico Base Database, creare e gestire Db Impress Presentazioni Thunderbirds Posta elettronica Firefox Browser Web Gimp Editor di immagini Nibbles VideogiocoProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 45
  • 1.2.3 DIFFERENZEProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 46
  • 1.2.4 MIGLIORARE L’ACCESSIBILITA’ DEL COMPUTERche mediante l’utilizzo di casse acustiche o altro dispositivo di output è in grado di leggere t audio consente di convertire in testo scritto le parole pronunciate dall’utente.tarne la visualizzazione.erire testo e dati. Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 47
  • 1.3 RETIo una stampante, che viene utilizzata da più utenti grazie al fatto che è collegata a più comp Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 48
  • 1.3.1 TIPI DI RETE Comprendere i termini LAN, WLAN e WANuere in base alla loro estensione, strutturazione e al tipo di collegamento di cui usufruiscono locale di piccole dimensioni in grado di connettere PC che si trovano nella medesima stanz Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 49
  • 1.3.1 TIPI DI RETIni in cui la connessione tra elaboratori e la trasmissione di dati non avviene attraverso fili o Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 50
  • 1.3.1 TIPI DI RETInche della stessa azienda, distribuiti in zone geograficamente lontane, anche fra continenti d Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 51
  • 1.3.2 CLIENT / SERVERrete si distinguono in:nti che mettono a disposizione di altri computer (client) le loro risorse hardware, software odi software che consente loro di connettersi al server per utilizzare le risorse. Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 52
  • 1.3.3 COMPRENDERE COS’E’ INTERNETetteralmente “reti interconnesse” , ovvero una rete mondiale in grado di collegare un numer Internet Protocol) che regola la trasmissione di dati tra computer, anche di tecnologie e potepacchetti che vengono ricomposti al momento della ricezione. numerati, a ognuno dei quali assegna le informazioni del mittente e del destinatario; ogni p Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 53
  • 1.3.4 I PRINCIPALI IMPIEGHI DELLA RETE INTERNETa cui è possibile reperire informazioni mediante software Browser, come per esempio Micro Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 54
  • 1.3.4 I PRINCIPALI IMPIEGHI DELLA RETE INTERNETta asincrona attraverso la composizione di messaggi a cui è possibile allegare e trasmetterebasato su un sistema di autenticazione, in grado di gestire la condivisione di file fra host (teno ambienti virtuali di discussione (usenet) a cui gli utenti possono accedere per scambiarsi Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 55
  • 1.3.4 I PRINCIPALI IMPIEGHI DELLA RETE INTERNETnchi di indirizzi mail (contatti) di persone interessate allo stesso argomento le quali possonono di comunicare in tempo reale con altri utenti collegati attraverso lo scambio di messaggi; di connettere il proprio elaboratore a un altro, fisicamente lontano, del quale può utilizzare lcontatti con l’azienda attraverso Internet. Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 56
  • 1.3.5 INTRANET & EXTRANET Comprendere cosa è una Intranet, una extranet vo . Si tratta solitamente di reti aziendali private utilizzabili solo dai dipendenti dell’azienda.de specifici utenti esterni all’azienda. ia. Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 57
  • 1.3.6 TRASFERIMENTO DI DATIProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 58
  • 1.3.7 VELOCITA’ DI TRASFERIMENTOProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 59
  • 1.3.7 LA VELOCITÀ DI TRASFERIMENTOrminata dalla quantità di bit al secondo che si riesce a trasmettere o ricevere.e), strumento che permette al computer il collegamento alla rete telefonica);tità massima di bit al secondo che la linea utilizzata per il trasferimento è in grado di trasmesura in bps cioè in numero di bit per secondo trasmessi; i suoi multipli sono il Kbps ( Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 60
  • 1.3.8 SERVIZI PER LA CONNESSIONE A INTERNETenti, quelli telefonici, che sono in assoluto i più diffusi e capillari al mondo, che si realizzanoa da linee di tipo analogico , sta rapidamente passando a linee digitali. Infatti, grazie a partico Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 61
  • 1.3.8 SERVIZI PER LA CONNESSIONE A INTERNETmodalità di connessione a Internet la comunicazione viene attivata al momento della chiama Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 62
  • 1.3.8 SERVIZI PER LA CONNESSIONE A INTERNETe esistenti utilizzando canali diversi per la voce e la trasmissione. È una linea che opera in mo Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 63
  • 1.3.9 PRINCIPALI CARATTERISTICHE DELLA BANDA LARGAstinguere in:i rimanere connessi in modo permanente o per lunghi lassi di tempo (always-on) alla Rete. Ta Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 64
  • 1.4 ICT NELLA VITA DI OGNI GIORNO Comprendere il termine “ICT” ( Tecnologie della Comunicazione e dell’Informazione )Technology, Tecnologia dell’informazione e della Comunicazione) un insieme di tecnologie Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 65
  • 1.4.1 SERVIZI INTERNET: E-COMMERCE, E-BANKING, E-GOVERNMENTdi prodotti e servizi utilizzando Internet o altre reti, attraverso cui avviene la transazione comdopo aver analizzato le caratteristiche e il prezzo del prodotto desiderato, procedere con l’acasi PC connesso alla Rete posso rientrare nel concetto di e-commerce. Il commercio elettroni Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 66
  • 1.4.2 VANTAGGI E SVANTAGGI DELCOMMERCIO ELETTRONICOProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 67
  • 1.4.3 L’E-BANKINGProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 68
  • 1.4.4. L’E-GOVERNMENTProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 69
  • 1.4.5 IL TELELAVOROProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 70
  • 1.4.5 L e-Learningche si realizza attraverso la connessione dello studente alla Rete e luso di un elaboratore c Vantaggi Nessun vincolo di tempo Fruibilità in posti diversi Creazioni di classi virtuali Diminuzione dei costi del corso
  • 1.4.6 COMUNICAZIONE:E-MAIL – IM E VOIPProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 72
  • 1.4.7 COMUNICAZIONEProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 73
  • 1.4.7 COMUNITA VIRTUALInde un certo numero di persone che, tramite internet, si incontrano virtualmente sul Web pe Allidentità si associa un nickname ossia uno pseudonimo. Il linguaggio utilizzato è ricco di abbreviazioni ed emoticons, elementi grafici rappresentan FORUM Spazio virtuale in cui gli utenti registrati possono lasciare messaggi in relazione alla tematica proposta. Lo scambio di messaggi è asincrono.
  • Un modo per conversare in tempo reale è al chat room. Attraverso un software specifico si accede alla stanza virtuale.Ad oggi le chat sono inglobate nei social network o a programmi che permettonoVideochiamate, web conference,...
  • Diverse sono le modalità di condivisione di materiali sulweb
  • nto in cui si accede ad una comunità virtuale bisogna essere consapevoli dei rischi nei qualione Virus (attenzione ai download)a haker e cracker (sottraggono dati personali) nto- Truffa
  • 1.4.8 TUTELA DELLA SALUTEProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 78
  • 1.4.8 TUTELA DELLA SALUTEProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 79
  • 1.4.8 TUTELA DELLA SALUTEProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 80
  • 1.4.8 TUTELA DELLA SALUTEProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 81
  • 1.4.8 TUTELA DELLA SALUTEProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 82
  • 1.4.8 TUTELA DELLA SALUTEProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 83
  • 1.4.8 TUTELA DELLA SALUTEProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 84
  • 1.4.8 TUTELA DELLA SALUTEProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 85
  • 1.4.8 TUTELA DELLA SALUTE Fonti normative: D.Lgs. n. 81/2008 Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro D.M. n. 2/10/2010 Linee guida volte e prevenire linsorgenza di disturbi muscolo-scheletrici
  • 1.4.9 AMBIENTEProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 87
  • 1.4.9 AMBIENTEProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 88
  • 1.4.9 AMBIENTEProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 89
  • 1.5 SICUREZZA USERNAME E PASSWORDezza è necessario che un utente che deve usare un computer fornisca un nome utenteli ambiti di operatività concessi al suo proprietario;rato dal suo assegnatario. Ogni volta che l’utente accede ad aree protette (Sensibili) deve digi Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 90
  • 1.5.1 SICUREZZA - PASSWORD Conoscere alcune delle politiche corrette per la scelta delle password, quali: Evitare di condividere le password Cambiarle regolarmente Sceglierle di lunghezza adeguata Fare in modo che contengano una combinazione adeguata di lettere e numeriProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 91
  • 1.5.2 SICUREZZA - PASSWORDProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 92
  • 1.5.2 SICUREZZA DEI DATI Comprendere l’importanza di avere una copia di sicurezza remota dei datilla quantità di dati da copiare : floppy, chiavette USB, CD per piccole mole di dati, DVD, nasNO CONSERVATE IN LUOGO SICURO, DIVERSO DA QUELLO IN CUI SI TROVANO GL Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 93
  • 1.5.3. SICUREZZA - FIREWALL Comprendere cosa è un firewallissioni di dati tra il sistema e le reti esterne. Si tratta di un apparato hardware o software chtronconi di rete.no o negano l’accesso a Internet da parte dei programmi installati sull’elaboratore, e preven Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 94
  • 1.5.4 SICUREZZA - VIRUS Comprendere il termine “Virus”inazione di programmi, fino alla distruzione di tutto ciò che si trova sull’hard disk. Alcuni di q Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 95
  • 1.5.4 SICUREZZA - VIRUSProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 96
  • 1.5.4 SICUREZZA - VIRUSProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 97
  • 1.5.5 SICUREZZA PROTEGGERSI CONTRO I VIRUSomputer dai virus sono:temente un controllo sull’attività svolta in un elaboratoreceda, dopo aver avvisato l’utente, alla loro eliminazione o messa in quarantena; da Internet, di cui non è nota la provenienza ed eliminare file prodotti da download partiti in automatico provenienti da Internet o da memorie esterne;ica anche se creati con programmi conosciuti, come Word, Excel ecc. se non si è certi della provenienzche il programma ne sia informato in modo che riesca a riconoscerli come file pericolosi e sa Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 98
  • 1.6 ASPETTI GIURIDICIDIRITTI DI RIPRODUZIONEProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 99
  • 1.6.1 ASPETTI GIURIDICISOFTWARE LICENZIATOProf.ssa Berardo ECDL Modulo 1 100
  • 1.6.1 ASPETTI GIURIDICI TIPI DI LICENZA D’USOo (affinché possano essere apprezzati). Al termine del periodo di prova, se non si provvede alpossano modificarli per migliorarli o adeguarne le funzionalità alle proprie esigenze. Possonoblic domain. Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 101
  • 1.6.2 ASPETTI GIURIDICI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALIciascuno possa liberamente decidere se e in quali termini concedere ad altri la facoltil diritto d’autore, tutelato da un insieme di norme che stabiliscono la proprietà e l’utilizzo che si può fareoni.da alla legge che tutela il copyright, la n. 633/1941 modificata e aggiornata dalla legge n. 248/2000, “Nuov Prof.ssa Berardo ECDL Modulo 1 102