Your SlideShare is downloading. ×
0
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
La pubblicità
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

La pubblicità

2,637

Published on

Concorso a Cattedra 2012 - Lezione simulata A033.

Concorso a Cattedra 2012 - Lezione simulata A033.

0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
2,637
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6
Actions
Shares
0
Downloads
82
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Uso di un linguaggio specifico
  • 2. Che cosa è la Pubblicità? La pubblicità è una forma di comunicazione unilaterale, nella quale è sempre evidente il soggetto promotore ed è rivolta a stimolare i consumi. La pubblicità influisce sulla vita quotidiana di tutti; si potrebbe anche dire che la pubblicità svolge un ruolo di consigliere o di suggeritore. Gli elementi principali di una pubblicità:  una tecnica per far conoscere prodotti e servizi allo scopo di venderli.  la realizzazione e la diffusione di comunicazione su prodotti e servizi, per convincere il pubblico ad acquistarli.  la presentazione più convincente possibile realizzata per un pubblico ben individuato.  una comunicazione di massa atta a suscitare nel pubblico una tendenza e un comportamento favorevole verso un’azienda e i suoi prodotti. … ma siamo sicuri che è tutto qua?
  • 3. Le finalità della Pubblicità La pubblicità è uno strumento di comunicazione diffusa, che può avere diverse finalità:  Finalità Commerciale: volta a reclamizzare un prodotto, un servizio o una marca e che induce i destinatari ad acquistare qualcosa. È la forma di pubblicità più diffusa.  Finalità Sociale: volta a promuovere iniziative sociali di solidarietà, assistenza o raccolta fondi ovvero a promuovere comportamenti sociali responsabili.  Finalità Informativa: utilizzata dallo Stato o dalla Pubblica Amministrazione per comunicare informazioni relative ai diritti e ai doveri dei cittadini (Istituzionale), ovvero per promuovere un partito, un esponente o un'idea politica (Propaganda Elettorale/Politica).
  • 4. I Canali della Pubblicità  Scopo della pubblicità è quello di raggiungere la più ampia diffusione del messaggio che si intende trasmettere, utilizzando tutti i canali di comunicazione oggi disponibili.  A quelli tradizionalmente noti quali ad esempio la televisione, la radio, la stampa, le affissioni, la posta, oggi si stanno affermando sempre di più stumneti quali internet, la posta elettronica e la telefonia mobile (SMS, Mobile Advertising etc.) che consentono di influenzare in maniera sistematica i comportamenti e le scelte degli individui riguardo al consumo di beni e all'utilizzo di servizi.
  • 5. I destinatari della Pubblicità Il compito dei creativi sta nell'analizzare il target di riferimento, capirne esigenze, desideri, atteggiamenti, aspirazioni, ruolo del prodotto nella loro vita e creare uno spot pubblicitario che sia adatto a ogni tipo di utente. Il pubblicitario deve immedesimarsi con il pubblico a cui si rivolge e capire qual è il messaggio che vorrebbe ascoltare e vedere. Non vengono classificate persone, ma comportamenti: la stessa persona, infatti, può essere un consumatore diverso secondo il prodotto, l'occasione d'uso, il mezzo attraverso il quale viene raggiunto. Un'azienda che desidera raggiungere un certo segmento di consumatori, dovrà dare al suo prodotto le caratteristiche che a quel segmento interessano.
  • 6. La Crociera
  • 7. Baby Amore
  • 8. Sicurezza Stradale
  • 9. Unicef ZERO
  • 10. Non Ti Fare
  • 11. Qualunquemente
  • 12. I 4 linguaggi della Pubblicità… La Pubblicità si avvale di almeno quattro tipi di linguaggio che raggiungono in maniera diversa i sensi e la mente del destinatario. Questi sono:  Linguaggio Iconico  Linguaggio Verbale  Linguaggio Musicale  Linguaggio Gestuale
  • 13. Il Linguaggio Iconico Il linguaggio iconico è il linguaggio più suggestivo ed immediato in quanto raggiunge immediatamente il pubblico, attraverso:  Le Immagini  I colori  Le tecniche di rappresentazione  Etc. Esso è il linguaggio principalmente usato sulla carta stampata o nelle affissioni
  • 14. Le Immagini
  • 15. Le Immagini
  • 16. Linguaggio Iconico - Cromatico
  • 17. Colori Caldi  I Colori Caldi trasmettono • Delicatezza • Leggerezza • Ottimismo • Passione
  • 18. Colori Caldi  I Colori Caldi trasmettono • Reattività • Dinamicità • Indipendenza • Gratificazione • Creatività Creatività
  • 19. Colori Caldi  I Colori Caldi trasmettono • Festività • Lusso • Preziosità • Luminosità • Eleganza
  • 20. Colori Freddi  I Colori Freddi trasmettono • Mistero • Spiritualità • Sensualità • Fascino • Bellezza
  • 21. Colori Freddi  I Colori Freddi trasmettono • Calma • Notte • Silenzio • Relax
  • 22. Colori Freddi • I Colori Freddi trasmettono • Freschezza • Natura • Calma • Equilibrio
  • 23. Slogan e Logo Del linguaggio iconico fanno parte anche:  Lo Slogan  Perché attira l’attenzione  Caratterizza un prodotto  Ha la sua forza nel linguaggio  Il Logo  Perché è il simbolo dell’azienda produttrice  Perché è semplice da ricordare Spesso un frase o un marchio richiamano alla mente uno specifico prodotto a cui sono associati.
  • 24. Esempi di Slogan
  • 25. Esempi di Logo
  • 26. Il Linguaggio Verbale Il linguaggio verbale nella pubblicità deve essere uno strumento accattivante e fantasioso, che deve stupire il destinatario e deve rimanere impresso nella memoria. Le caratteristiche principali del messaggio verbale sono:  Frasi brevi ed incisive  Uso di nuove parole (neologismi, forestierismi, modi di dire)  Uso dei doppi sensi o giochi di parole  Stravolgimenti linguistici  Uso di comparativi e superlativi
  • 27. Esempi di Linguaggio Verbale 1/2  Frasi brevi ed incisive  Vestire Giovane, Lavare Pulito, Comprare Sicuro, Bere Facile etc.  Neologismi:  Condipasta, Vellutatezza, Dermoprotettivo, Piacerespresso, Scioglievolezza etc.  Doppi Sensi:  La bellezza all’ennesima potenza (pubblicità di un’auto, doppio senso sulla potenza), Secchioni (pubblicità di un latte, doppio senso su secchi di latte e primi della classe) etc.  Giochi di Parole:  Chi la beve la vince (anzicchè chi la dura la vince), L’unione fa la gola (anzicchè L’unione fa la forza), Chi l’afa non l’aspetti (anzicchè Chi la fa l’aspetti) etc.
  • 28. Esempi di Linguaggio Verbale 2/2  Stravolgimenti linguistici  Frrriabilissimo, Metti un tigre nel motore, Wuoi? (W come Wurstel) etc.  Comparativi e Superlativi:  Più bianco del bianco, Extralucido, Affarissimo, Occasionissima, Supercabrio, Superconcentrato, Aperitivolissimevolmente etc.  Rime:  Bruca l’agrume, e di ciccia neanche un barlume (pubb. bibita);  Sole e aria pura, fanno buona la verdura (pubbl. ortaggi) etc.  Espressioni o parole straniere:  High comfort Style (pubb. scarpe), Weekend without end (pubb. auto), Nouvelle mayonaisse, Non plus ultra etc.
  • 29. Il Linguaggio Musicale Nella pubblicità televisiva, in quella radiofonica ed in alcune forme di pubblicità via Internet/mobile, una componente non trascurabile dello spot è costituito dal messaggio musicale associato. In particolare abbiamo:  Il jingle – che consiste in un ritornello facilmente orecchiabile, spesso importato da motivi musicali noti e di successo, in grado di essere favorevolmente associato al prodotto.  L’atmosfera – come per il linguaggio iconico, consiste nel richiamare «artificialmente» atmosfere, luoghi, paesaggi, sensazioni o «visioni», immediatamente associabili ad un particolare prodotto, attraverso l’ascolto di motivi, melodie o brani scelti opportunamente.
  • 30. Esempi di Linguaggio Musicale Il Jingle
  • 31. Esempi di Linguaggio Musicale L’atmosfera
  • 32. Il Linguaggio Gestuale Come per il linguaggio iconico, la comunicazione pubblicitaria fa leva sulla capacità degli individui di attribuire ad alcuni segni determinati significati culturali socialmente condivisi. La maggior parte dei messaggi inviati dagli individui nel corso di una relazione interpersonale sono di tipo corporeo (comunicazione non verbale). Infatti i corpi utilizzati in pubblicità hanno dei precisi codici da seguire, spesso legati alla etnia, alla regione o alla cultura di appartenenza, per esprimere benessere, seduzione, sicurezza etc. Questo è il Linguaggio Gestuale. Ad esempio:  La testa un pò girata di lato rende lo sguardo più accattivante  Le braccia incrociate dietro la testa evidenziano spalle e petto  Se gli occhi guardano lontano, la bocca è socchiusa e le narici sono leggermente allargate per permettere un respiro più profondo, allora c’ho che viene espresso è benessere e relax.
  • 33. Esempi di Linguaggio Gestuale  Incrociare le braccia o le gambe significa chiusura nei confronti dell’interlocutore;  Abbassare lo sguardo è indice di remissività;  Piegare leggermente il capo sorridendo è indice di interesse verso la persona che parla;  Per le donne toccarsi i capelli significa mostrare interesse, in realtà letteralmente mettersi in mostra;  Per gli uomini toccarsi la cintura o e tasche è un voler attirare l'attenzione;  Spostare il busto in avanti indica avvicinamento psicologico nei confronti dell’interlocutore;  Giocare con le proprie labbra nei modi più disparati indica interesse verso l'oggetto della conversazione se continuato indica interesse verso la persona che parla;  Grattarsi il naso significa che non si gradisce l'argomento, farlo ripetutamente significa sentirsi veramente a disagio;  Agitare i piedi o le gambe esprime la voglia di andare via o uscire da una situazione;  Spolverare il tavolo o il blocconote che abbiamo davanti indica il non voler accollarsi la responsabilità;
  • 34. Attività di Verifica Si propongono due diversi tipi di attività di verifica.  Somministrazione di un test Vero/Falso, sulle principali caratteristiche della comunicazione pubblicitaria, sui linguaggi da essa utilizzati, sulle finalità e sui canali di comunicazione;  Somministrazione test a risposte sintetiche sull’analisi di un messaggio pubblicitario (destinatario, colori, slogan, analisi del testo etc.); Complementari a tali attività, verranno svolte delle verifiche orali o esercitazioni di gruppo in aula.
  • 35. Attività Laboratoriali Si propongono due diversi tipi di attività laboratoriali, da eseguire in gruppi eterogenei (per capacità creativo/artistiche, logico/matematiche, linguistiche, gestuali, musicali) per la realizzazione di:  Una campagna pubblicitaria, da realizzarsi con Cartellone, Video, Spot etc. (secondo la modalità preferita dal gruppo ed i mezzi a disposizione) per la promozione di un prodotto immaginario; Lavoro interdisciplinare:  Realizzazione e promozione di un giornalino di Classe in collaborazione con gli insegnanti di Storia, Italiano, Arte e Immagine, Scienze, Matematica etc.
  • 36. Per approfondire le tematiche di questa lezione o di altre lezioni, prelevare il materiale didattico o porre delle domande vai su: http://vitorizzo.blogspot.it/ http://www.vitorizzo.it/

×