• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Parco Dolomiti Bellunesi e agricoltura di montagna
 

Parco Dolomiti Bellunesi e agricoltura di montagna

on

  • 991 views

Le attività del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi a sostegno dell'agricoltura di montagna.

Le attività del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi a sostegno dell'agricoltura di montagna.

Statistics

Views

Total Views
991
Views on SlideShare
991
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
7
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Parco Dolomiti Bellunesi e agricoltura di montagna Parco Dolomiti Bellunesi e agricoltura di montagna Presentation Transcript

    • PN StelvioIl Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi 24 febbraio 2011a sostegno dell’agricoltura di montagna Nino Martino Direttore PNDBgiovedì 1 marzo 12
    • La storia • Anni ’60: prime proposte di istituzione • Anni ’70: creazione riserve demaniali (16.000 ha) • DM 20.4.1990: perimetrazione • DPR 12.7.1993: istituzione Ente Parcogiovedì 1 marzo 12
    • I numeri • 31.034 ettari: la superficie • 15: i Comuni interessati • 5: le Comunità montane del territorio • 88: i residenti entro i confini • 102.870: i residenti dei 15 Comuni (48,5% della provincia)giovedì 1 marzo 12
    • Collocazione geografica •Parte più meridionale delle Dolomiti, tra Cismon e Piave •Area “wilderness” più estesa del nord-est italiano, a meno di 100 km da Venezia •Transizione tra paesaggio prealpino e alpinogiovedì 1 marzo 12
    • I“confini”delleDolomitigiovedì 1 marzo 12
    • giovedì 1 marzo 12
    • Vette Feltrinegiovedì 1 marzo 12
    • Erera Brendolgiovedì 1 marzo 12
    • Cimonegagiovedì 1 marzo 12
    • Perché è nato il Parco 1. Area con elevatissima biodiversità floristica e faunistica 2. Ottima conservazione delle strutture ecosistemiche 3. Importanti testimonianze della passata presenza antropicagiovedì 1 marzo 12
    • Il Parco per l’agricoltura • Sostegno all’alpeggio • Interventi infrastrutturali sulle malghe • Progetto speciale “Malga modello” • Progetto “Carta qualità” • Progetti di tutela della biodiversità agronomica • Promozione delle produzioni biologiche e tipiche • Atlante Slow Foodgiovedì 1 marzo 12
    • Aziende agricole nei 15 Comuni (ISTAT) 9.000 8.242 6.750 6.713 5.871 4.500 4.228 3.904 Totali 2.250 1.850 Con bovini 960 426 0 1970 1982 1990 2000giovedì 1 marzo 12
    • Malghe nei 15 Comuni Nel Parco Fuori Parco UBA 800 980 potenziali UBA effettive 774 406 UBA potenziali/ 97% 42% monticategiovedì 1 marzo 12
    • Il Parco per le malghe • Ristrutturazione completa di 4 malghe • Oltre 2 milioni di € di investimenti • Progetto “Recupero e gestione dei prati e dei pascoli e riqualificazione delle malghe”giovedì 1 marzo 12
    • PEDAVENA Malga “Casere dei Boschi”giovedì 1 marzo 12
    • Malga Pramper m. 1540giovedì 1 marzo 12
    • Malga Erera m. 1708giovedì 1 marzo 12
    • Malga Vette Grandi m. 1880giovedì 1 marzo 12
    • Malga Vette Grandi – Sala mungitura e caseificiogiovedì 1 marzo 12
    • La “malga modello” • Impiego di fonti alternative di energia (“Fossil free”) • Smaltimento reflui con fitodepurazione • Multifunzionalità aziendale • Fattoria didatticagiovedì 1 marzo 12
    • Caseificigiovedì 1 marzo 12
    • Progetto “Fossil free” • Fare del Parco un’area “libera” da fonti di energia fossile • Applicazioni di energia da: a. Biomasse b. Biodiesel c. Solare termico d. Solare fotovoltaico e. Microidroelettricogiovedì 1 marzo 12
    • Rifugio Dal Piaz Tetto fotovoltaicogiovedì 1 marzo 12
    • Articolazione del progetto speciale Malghe 1. valutazione dello stato gestionale ed ambientale delle praterie 2. definizione dei criteri di gestione dei prati e delle malghe 3. riqualificazione del sistema foraggero- zootecnico dei Comuni del PNDB 4. informatizzazione della cartografiagiovedì 1 marzo 12
    • Scopi della catalogazione • Fornire uno strumento facile e rapido da aggiornare • Fornire un “supporto cartografico” allo sviluppo di progetti gestionali • Fornire un “supporto numerico” per la formulazione di interventi di manutenzione, indicatori (Agenda 21, progetti UEgiovedì 1 marzo 12
    • Prati e praterie del Parco 3366 ettari - 10,7% della superficie del Parcogiovedì 1 marzo 12
    • Classi di gestione 1. prati utilizzati o utilizzabili a fini zootecnici e prati sui quali è prioritario il mantenimento della cotica erbosa; 2. pascoli di malghe attive e praterie contigue ad esse purché non comprese nel punto 4; 3. prati e praterie sulle quali è difficile eseguire interventi meccanici finalizzati al mantenimento della cotica erbosa; 4. prati e praterie alpine dove è precluso l’intervento dell’uomo: comprendono le superfici che ricadono in Zona A (Riserva integrale) o in Zona B2; 5. prati tecnici, senza alcuna velleità produttiva sui quali è necessario effettuare interventi di governo della vegetazione erbacea ed arbustiva: per la maggior parte comprende aree di rispetto a strutture; 6. pascoli di malghe abbandonate e praterie alpine limitrofe purché non comprese nella classe 4giovedì 1 marzo 12
    • Classi di gestionegiovedì 1 marzo 12
    • Carta Qualità Prodotti e servizi con il marchio del parco una garanzia di qualità per il consumatore e per l’ambientegiovedì 1 marzo 12
    • Cos’è la carta qualità Il Parco può concedere l’uso del proprio emblema a servizi e prodotti che presentino requisiti di qualità e soddisfino le finalità del parco (L. 394/91, art. 14) Promozione globale del territorio Valenze naturalistiche Valenze paesaggistiche Prodotti & Servizi di Valenze storiche qualità Valenze culturaligiovedì 1 marzo 12
    • Pubblicazioni promozionaligiovedì 1 marzo 12
    • Festa d’estate – Feltregiovedì 1 marzo 12
    • “Carta Qualità”: area di interventogiovedì 1 marzo 12
    • La rete “Carta qualità” 300 236 238 225 221 Aziende aderenti 197 172 150 109 83 75 51 0 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 Annogiovedì 1 marzo 12
    • Le adesioni a carta qualità artigianato ed. ambientale eventi 1% 7% 5% commercio menù del Parco 10% 14% ospitalità 31% agroalimentare 31%giovedì 1 marzo 12
    • Il Progetto Biodiversità coltivata 1999-2003: catalogazione 2003-2006: divulgazione e conservazione 2007- oggi: valorizzazione prodotti con “Carta Qualità”giovedì 1 marzo 12
    • Risultati ottenuti 1 • Metodologia di • Coesistenza fotografia & disegno monitoraggio naturalistico – Scheda agronomica – Scheda antropologica – Scheda • Coesistenza fotografia & iconografica disegno naturalisticogiovedì 1 marzo 12
    • Testimonianze di vecchi agricoltorigiovedì 1 marzo 12
    • Risultati ottenuti 2 • Banche dati • Rete di agricoltori “informatori” costituite • Rete di agricoltori – Agronomica “custodi” – Antropologica – Iconografica • Rete di agricoltori “informatori” • Rete di agricoltori “custodi”giovedì 1 marzo 12
    • Banca datigiovedì 1 marzo 12 fotografica
    • Pér Bùtirogiovedì 1 marzo 12
    • Pér Bùtirogiovedì 1 marzo 12
    • Progetto Leader + Dalla catalogazione alla • Prosecuzione dei monitoraggi su nuove specie • Conservazione ecotipi – Attività vivaistica – 2 Campi catalogo • Divulgazione: – Volume Studi e Ricerche “Biodiversità coltivata” – Codex Bellunensis – RAI Educational • Coltivazione • Commercializzazione • Valorizzazione: marchio del Parcogiovedì 1 marzo 12
    • Guida al recupero “domestico”giovedì 1 marzo 12
    • Campi catalogogiovedì 1 marzo 12
    • Campo catalogo loc. Col dei Michgiovedì 1 marzo 12
    • Promozione delle produzioni biologiche e tradizionali 1. Contributi per la certificazione delle aziende biologiche 2. Nuove denominazioni D.O.P. 3. Progetto “Orzo per birra” 4. Collaborazioni con gli apicoltori 5. Progetto di sfalcio e recupero dei prati abbandonati 6. Negozio al centro “Piero Rossi”giovedì 1 marzo 12
    • D.O.P. • Formaggio Piave D.O.P. in Carta Qualità • Inserimento di prodotti locali nell’elenco dei prodotti tradizionaligiovedì 1 marzo 12
    • Progetto sperimentale “Orzo da birra” • Parziale sostituzione della monocoltura a mais con orzo (coltura meno impattante) • Coltivazione di 50 ha di orzo per produrre malto • Produzione di birra “Dolomiti” con l’orzo localegiovedì 1 marzo 12
    • Progetto sperimentale “Orzo da birra”giovedì 1 marzo 12
    • Progetto sfalcio prati • Sfalcio ed eliminazione arbusti su circa 50 ha di prati abbandonati • Monitoraggio dell’effetto sulla conservazione biodiversità • Coinvolgimento cooperative sociali • Cofinanziato dalla Fondazione Cariveronagiovedì 1 marzo 12
    • Progetto sfalcio prati abbandonatigiovedì 1 marzo 12
    • Punto vendita prodotti tipici al centro culturale “Pierogiovedì 1 marzo 12 Rossi”
    • Il mondo selvatico aspetta l’amicizia dell’umanità R. Paynegiovedì 1 marzo 12