Cosmoggi luglio

1,152 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,152
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Cosmoggi luglio

  1. 1. A N NO XV I I I N UM E RO 1 0 LU G L IO / AG O STO 2 0 1 2 D I S T R I B U Z I O N E G R AT U I TA / C O P I A O M A G G I O Scuola calcio Direzione: via Camillo Guerra, 42 - 80131 Napoli - www.cosmoggi.tv - Tel. 081 3796539 Via Ulderigo Masoni, 180 80141 Napoli Redazione: Tel. 081 5875216 / Fax 081 5875276 / e-mail: cosmoggi@yahoo.it cosmoggi sgherzi Tel. 081.2311179 www.marianokeller.it Una mostra macabra e con Cadaveri il senso del grottesco da collezione I l principe Raimondo dei Sangro di Sansevero non avrebbe mai nemmeno immaginato che la sua uto- pia delle “macchine anatomiche” - due corpi, di un uomo e di una donna, completamente scarnificati, nei quali è possibile osservare, in modo molto dettagliato, l’intero sistema circolatorio. I due corpi, secondo una leggenda popolare, sarebbero il risultato di esperi- menti effettuati dal Principe di San Severo e da un anatomista palermitano, tale Giuseppe Salerno. Al di là della leggenda, grazie anche a documenti rinvenuti in archivi notarili napoletani attestanti un contratto tra il Principe di Sansevero (che si impegnava a fornire “cera colorata” secondo un metodo solo a lui noto) ed il dottor Salerno, e grazie al nome stesso assegnato alle due “macchine” così come risulta, peraltro, da un antico inventario dei beni della famiglia Sansevero, si ritiene che i due corpi costituiscano una sorta di ausilio didattico realizzato ricostruendo il circuito sanguigno su scheletri autentici mediante fil di ferro e cera colo- rata. Un esame visivo da parte di medici ha comunque consentito di appurare che vi sarebbero “errori” nella riproduzione del circuito sanguigno, il che andrebbe ad avvalorare l’ipotesi “didattica” delle due “macchi- ne” – un giorno sarebbe diventato realtà. Ed invece, i cinesi hanno realizzato quello che il principe sognava. Al Palaolimpico di Torino, dal 5 ottobre al 13 gennaio 2013, arriva “The Human Body Exhibition”. Ovvero, una delle mostre più contestate al mondo. Una espo- sizione sui generis. Cadaveri veri, il processo naturale di degenerazione bloccato grazie alla plastilina. Carni rosee e ossa, organi interni, cervelli. Di detenuti cinesi, per la precisione, che in vita erano carcerati e che nes- suno, dopo la morte, ha reclamato. Ma probabilmente questo aspetto della vicenda non importa granché. Ci saranno quelli che si mettono in coda per le “opere d’arte con funzione scientifica”, come reclamizzano gli ideatori della mostra, e coloro che non vedono l’ora di vedere cadaveri senza pelle per giunta in posa plastica. Per rendere possibile questa mostra è stata affinata la tecnica della plastinazione che, partendo dall’imbal- samazione e dalla disidratazione, trasforma i liquidi in polimeri. Una volta sottoposti a questa lavorazione i corpi, induriti, possono essere conservati in modo permanente, trattati, lavorati e colorati. Una sezione è dedicata agli effetti dello stile di vita, come quello della caffeina, quello della Coca Cola sulla vescica o dell’o- steoporosi. Ovunque sia stata presentata questa mostra ha suscitato una buona dose di polemiche e indigna- zione. Quando fece tappa in Florida il New York Times pubblicò un articolo sul mercato nero delle salme in Cina, cosa che sollevò dubbi circa l’origine dei corpi in mostra. A Torino sarà mostrato anche un documento del governo cinese che rassicura chi qualche scrupolo di coscienza se lo fa: si tratta di salme provenienti da “donatori di corpi”. Che poi i donatori siano stati con- senzienti, non è dato sapere. Ennio SalviaFarmacia - Erboristeria “Pietro Caretti”Via M. Semmola, 128 - Napoli - T l 0 15 61 . 7 e . 8 . 4 . 12 Speciale Roma pag. 12 e Milano pag. 13
  2. 2. 2 ESTERI a cura di Giovanna Potere Grecia e turismo, un binomio in crisi Il low cost 2.0 può evitare il collasso del turismo greco Veduta di Santorini, (Grecia)M entre in questa calda e torrida estate le temperature crescono di giorno in giorno e si respira aria di mare e voglia di vacanza, in Grecia il turismo arranca a fatica. La crisi economica che dal 2009 coinvolge la Grecia hacontagiato anche il turismo, da sempre il settore trainante dell’economia ellenica.La forte crescita del debito pubblico e il suo declassamento a junk bond, insieme aitimori sulle capacità della Grecia di far fronte agli obblighi di debito hanno portatoad una crisi di fiducia con conseguente allargamento dello spread di rendimento delleobbligazioni e hanno creato allarme nei mercati finanziari. I prestiti di salvataggio del2010 e del 2011 decisi dai paesi dell’Eurozona e dal Fondo Monetario Internazionaleper tentare di risanare la situazione finanziaria disastrosa non sembrano aver ancoraaiutato a raggiungere gli obiettivi fissati e nonostante il piano di austerità promossodal parlamento greco che prevede tagli per ben 28 miliardi di euro entro il 2015, lasituazione è ancora grave e rischiosa. Oggi la Grecia, attanagliata dal forte tasso didisoccupazione, vive una nuova era del fenomeno migratorio, dopo quello deldopoguerra, che vede molti giovani laureati cercare fortuna fuori dal territorio ellenico.Il turismo, da sempre la leva trainante dell’economia greca fino a rappresentare il20% del Pil, vive la sua stagione buia e secondo i dati diffusi dall’Associazione delleimprese turistiche greche (SETE), quest’anno le prenotazioni sono diminuite del 15%rispetto a quelle del 2011. Tra le cause che inibiscono i turisti a trascorre le vacanze inquesto paese, da sempre nella classifica dei 20 paesi più visitati al mondo, sono darintracciare anche nella paura degli scontri e delle rivolte sociali che hanno interessatoil paese nei mesi scorsi, in particolare Atene, che ha portato a numerose cancellazionidelle prenotazioni. Per compensare il calo, gli albergatori hanno abbassato i prezzi ese questo da una parte porta a minori introiti, dall’altra conquista i turisti fai-da-te e ivacanzieri low cost che approfittano dei prezzi bassi per organizzare le loro vacanzeall’insegna del risparmio e a caccia di occasioni on line, in particolare gli italiani, comespiega Andreas Andreadis, responsabile dell’associazione ellenica di settore, «Latendenza è ormai chiara da qualche mese. I pacchetti organizzati sono in calo del 20-25per cento, con punte del -40 per cento dopo le elezioni del sei maggio. Mentre, perfortuna, si stanno moltiplicando le richieste d’informazioni per viaggi individuali alle aziende di soggiorno sulle isole o attraverso i siti specializzati in affitto case. Specie dall’Italia». L’età media dei turisti è calata notevolmente e corrisponde,particolarmente, con la generazione dei 2.0 che utilizza la tecnologia in ogni campo della vita, e in questo caso, riesce a godere delle bellezze che la Grecia da sempre offre in formato low cost. Risalire è faticoso sì, ma non impossibile. Antonio Procentese Messico: Peña Nieto è il Qui Radio Herat nuovo presidente La sfida di Fatima, prima speaker Il leader dell’opposizione stacca del 7% Obrador, dell’Afghanistan candidato delle sinistreE S nrique Peña Nieto, del Partito rivoluzionario istituzionale che durerà fino a dicembre. Obrador, invece, ha annunciato (Pri), è il nuovo presidente della Repubblica messicana. che cercherà l’impugnazione dei risultati della votazione, a bene che il suo potrebbe essere mondo, notizie sportive. Il leader dell’opposizione ha ottenuto tra il 37,93% e il che ha definito “illecita”.Peña Nieto, 45 anni, in televisione un lavoro ‘’rischioso’’ in un Paese Una rubrica speciale è dedicata alla39,08% dei suffragi, come ha ufficializzato l’Istituto federale ha dichiarato: «Assumo il mandato che mi è stato conferito come l’Afghanistan, ma allo stesso situazione delle donne nel Paese e alleelettorale. dai messicani, questa è una fiesta di democrazia», mentre il tempo è consapevole di essere un questioni femminili.Il candidato della sinistra, Andres Manuel Lopez Obrador, che leader del Movimento progressista Lopez Obrador ha detto in simbolo della ‘’fase di cambiamento’’ha ottenuto un risultato migliore rispetto a quanto previsto dai conferenza stampa che «le elezioni presidenziali, e il voto più vissuta dalle donne afghane: Fatima All’emittente lavora personale militaresondaggi, ha raccolto tra il 30,9% il 31,68%, e Josefina Vazquez in generale, sono state evidentemente ingiuste e segnate de Shefaie, la prima donna speaker di specializzato, effettivo al ‘RegionalMota, candidata governativa del Pan (Partito d’azione nazionale) molti e gravi irregolarità». Il dirigente della sinistra messicana Radio Bayan West, l’emittente dei PsyOps’ Support Element del comandoha raccolto solo il 25,1% o 26,03% dei voti. La vittoria di Peña ha annunciato così la sua intenzione di usare tutti gli strumenti militari del Comando regionale di Herat.Niet è stata riconosciuta dal presidente uscente, Felipe Calderon, legali per fare annullare i risultati elettorali. Anche sei anni Ovest a guida italiana della missioneche ha offerto collaborazione per il periodo di transizione, fa, dopo essere stato sconfitto nelle elezioni presidenziali per multinazionale Isaf, svolge questa sua La direzione artistica e tecnica della meno di un punto percentuale dall’attuale presidente uscente attività come una sfida. Radio è affidata a personale militare Felipe Calderon, Lopez Obrador non riconobbe i risultati, italiano del 28° reggimento ‘Pavia’ di dichiarandosi «presidente legittimo» del Messico e iniziando L’obiettivo di Fatima è quello di Pesaro, unità dell’Esercito specializzata informare il popolo afghano su quello nelle comunicazioni nei vari ‘teatri SOMMARIETTO una vasta campagna di protesta di piazza, durata mesi, che non ebbe però conseguenze. che sta accadendo e che porterà ad uno operativi’ in cui sono impiegate le Il Pri, spesso accusato di corruzione e collusione con le attività sviluppo della società. forze armate italiane, con il concorso criminali del narcotraffico, tornerà dunque al potere dopo 12 La giornalista afghana ha messo in di un rappresentante dell’Aeronautica anni di governo delle sinistre . conto l’eventualità di essere contestata Militare. dai settori più integralisti della società. E di rischiare la vita.Pag. 2 Il turismo in Grecia Italo Sgherzi Giovanna Potere La programmazione della radio èPag. 3 Attenti alle tende finalizzata principalmente a raccoglierePag. 4 Gay-pride napoletano informazioni sulle possibilità di sviluppo della società.Pag. 5 Il mito Dune buggy Radio Bayan West è la componentePag. 6 Riscopriamo la Toscana regionale, realizzata dagli italiani per l’area Ovest del network, di Isaf RadioPag. 7 Salviamo Lennox Bayan, che trasmette dagli studi diPag. 8 La forza rigeneratrice dell’arte Kabul su tutto l’Afghanistan.Pag. 9 La stagione del Bellini Le trasmissioni da Herat dell’emittentePag. 10 I giardini di Babuk (motto ‘’The wave of your voice’’, ‘’l’onda della tua voce’’) sono iniziatePag. 11 Gelato che passione ufficialmente giovedì 22 aprile 2010Pag. 12 Il portale Vivopositivo con la messa in onda del messaggio di saluto alla popolazione registratoPag. 13 Il Dalai Lama a Milano “ da Guido Crosetto, all’epocaPag. 14 Un appello per le tartarughe sottosegretario alla Difesa, in occasionePag. 15 Il Giffoni film festival della sua visita al contingente italiano. Nella foto Radio Bayan ha una spiccataPag.16-17 Mercatino connotazione informativa, con “Fatima Shefaie” “ particolare attenzione al mantenimentoPag. 18 Zorama in Finlandia Enrique Peña Nieto, del Partito ed alla diffusione della cultura locale. La redazionePag. 19 I supervulcani Per quanto riguarda il palinsesto, tutti i giornalistica èPag. 20 I consigli letterari rivoluzionario istituzionale (Pri), giorni va in onda il programma BazaarPag. 21 Muore il libretto di risparmio sounds, un contenitore musicale al cui interno trovano spazio notizie e composta da 5 è il nuovo presidente della giornalisti afghani, “ previsioni meteo, approfondimenti ePag. 22 La Campania alle Olimpiadi consigli su salute e prevenzione, oltre aPag. 23 Bersaglieri nella storia d’Italia Repubblica messicana rubriche culturali sulle principali figure tra cui la coraggiosa “ del panorama artistico e socialePag. 24 Il delitto di via San Gregorio afghano, curiosità dai vari Paesi del speaker
  3. 3. ECONOMIA a cura di Giancarlo Saggese 3 Il Comune di Attenti ad installare tende Alessandria La soletta del balcone sporgente è di proprietà esclusivadichiarato fallito C on l’afa di questi giorni chi di noi, se ha fatto montare delle tende da sole, non le ha aperte durante le ore più calde: prima di procedere alla loro applicazione sulla soletta del balcone del piano superiore, però, abbiamo chiesto il permesso all’inquilino che vi abita? Eh sì! Perché se il balcone è sporgente (cd. aggettante) rappresenta il prolungamento dell’appartamento sovrastante e non La Corte dei Conti ha accertato va, quindi, considerato condominiale, bensì privato: lo ha stabilito la Cassazione, con la sentenza n. 6624/2012. Richiamandosi ad un indirizzo giurisprudenziale consolidato, la II Sezione civile ha ricordato l’ormai acquisita distinzione tra balconi aggettanti ed incassati: più precisamente, i primi vanno considerati un prolungamento un deficit di quasi 20 milioni dell’appartamento del piano superiore e devono, quindi, considerarsi di proprietà esclusiva dell’inquilino che vi abita; gli incassati, invece, hanno la funzione di coprire i piani inferiori e sono da considerarsi beni comuni. A nulla sono valse, quindi, le giustificazioni di una coppia di coniugi, che in sede di appello aveva addirittura vinto (la Corte, infatti, A lessandria e’ il primo comune d’Italia a dichiarare fallimento. La Corte disattendendo ogni precedente in merito, aveva ribaltato la decisione di dei Conti ha dichiarato il dissesto finanziario: mancano 19,4 milioni e primo grado, confermando il diritto dei proprietari dell’appartamento arriverà un commissario. Il comune piemontese, dalla storia di tutto sottostante ad utilizzare la soletta del balcone sovrastante, in quanto rispetto e nodo nevralgico di interscambio importantissimo per Torino, Milano bene comune): se si vuole utilizzare la soletta del piano sovrastante per e Genova, collocandosi esattamente nel centro del triangolo immaginario che agganciarci tende, zanzariere o altri manufatti del genere – ribadiscono unisce i tre capoluoghi di provincia, non ha piu’ i soldi per offrire i servizi ai gli ermellini – bisogna essere stati espressamente autorizzati a ciò. suoi quasi 100 mila cittadini. E’ il primo capoluogo di provincia a non avere i fondi per ripagare i creditori e gli stipendi dei dipendenti pubblici. Come Tende da casa riporta il quotidiano La Stampa, il comune di Alessandria e’ in dissesto. “È il primo capoluogo di provincia a vederselo dichiarare dalla Corte dei Conti, Adelaide Caravaglios dopo la normativa del settembre scorso che le ha attribuito questa prerogativa. Un record di cui gli alessandrini avrebbero fatto volentieri a meno, viste le Equitalia: nulle le cartelle pesanti conseguenze sui portafogli”, racconta Piero Bottino. “La pronuncia della Corte è arrivata ieri, dopo mesi di attesa e un’elezione che ha esautorato il principale responsabile di questo crac: l’ormai ex sindaco Pier Carlo Fabbio, all’epoca capo di una giunta Pdl-Lega, oggi capo del Pdl all’opposizione”. “Nei inviate per raccomandata 37 giorni dal suo insediamento il neo-sindaco Rita Rossa (Pd) ha affrontato una grana dopo l’altra nel tentativo di tenere a bada i creditori sempre più inferociti e pagare gli stipendi. È andata anche a parlare ai magistrati contabili, assicurando una nuova linea del Comune, più attenta alle richieste di risanamento fatte dalla Corte. Ma sapeva che la frittata ormai era fatta”. Ciro De Tommaso U n incubo, per molti. Un fastidio, per altri. A nessuno piace sua motivazione - «la legge non permette più a Equitalia di notificare gli ricevere le cartelle esattoriali di Equitalia. Negli ultimi mesi la avvisi di riscossione tramite raccomandata» - si è rivelata vincente. La società pubblica incaricata della riscossione nazionale dei tributi sentenza del giudice di pace di Genova potrebbe fare scuola. E dettare la è finita nel mirino per i suoi metodi. Destando non poche polemiche. linea nella contesa tra la Corte di Cassazione, secondo la quale è valida Non sono mancati poi i cittadini che hanno fatto ricorso. Adesso, grazie la notifica per posta con raccomandata e ricevuta di ritorno, e decine a un giudice di pace di Genova, i “sogni” di molti potrebbero diventare di giudici di pace e commissioni tributarie che stanno annullando le realtà. Dando ragione a una ex impiegata di Sanpierdarena, infatti, una cartelle di pagamento: a loro avviso, deve essere per forza un ufficiale sentenza ha stabilito che le cartelle esattoriali di Equitalia inviate per giudiziario o un messo comunale a notificarle al contribuente. Proprio posta raccomandata - cioè senza il passaggio di un messo comunale o di come stabilito dal giudice di Genova. Il rischio, ora, è che migliaia di un ufficio giudiziario - sono da considerarsi nulle. E che il contribuente contribuenti possano seguire l’esempio e presentare altrettanti ricorsi. non è tenuto dunque a pagarle. La donna che aveva presentato ricorso, una ex impiegata finita in cassa integrazione, da un anno aveva smessoIl Palazzo Roso, sede dell’amministrazione comunale del capoluogo di pagare le multe arrivando ad accumulare verbali per oltre 8mila euro. di provincia di Alessandria, nel piemontese. Dopo aver ricevuto le richieste di pagamento, ha deciso di opporsi. E la Alfonso Spizuoco La profonda crisi italiana ha radici lontane L a s t a s i e c o n o m i ca è co n segu en za d e l l a cri si cu l tu ra l eN onostante qualche buon ottimista riesca ad intravedere un punto lavori a termine, lo stato di perenne incertezza e solitudine esistenziale. Si è luminoso in fondo al tunnel, la crisi c’è ed è persistente e molto se- poi parlato di “privatizzazione”, facendo passare il concetto che si sarebbero ria, soprattutto se guardiamo ai fenomeni della incapacità di risali- potuti evitare gli sprechi e si sarebbero abbassati i costi dei prodotti gra-re la china economica e la piaga della disoccupazione, che toglie qualsiasi zie alla concorrenza. Ma abbiamo costatato che con questi processi si sonoaspirazione se non addirittura la dignità ai giovani e ai non più giovani. E ottenuti risultati esattamente opposti alle aspettative. E la delusione piùla cosa è talmente evidente che non ci meravigliamo neanche più se alla cocente si è evidenziata soprattutto nella scuola. A quest’ultima sono stateguida del Paese ci ritroviamo un governo tecnico, fatto di “professori” di tagliate risorse e fondi fino a ridurla una lisca di pesce con la scusa che, conmaterie economiche. A questi i politici hanno chiesto di “risolvere i pro- l’autonomia e la personalità giuridica, essa avrebbe potuto autofinanziarsi.blemi”, con l’ingrato sporco compito di aumentare fino al limite possibile Si è pensato di farla accedere ai fondi europei con progetti accattivanti mala pressione fiscale per arginare le falle ma tutelare comunque i privilegi senza controllare seriamente la qualità degli stessi. Si è così consentito chedella classe dirigente. Il professor Monti e la sua squadra ci si sono messi la scuola si adeguasse alle mode e alle tendenze polari con l’attivazione did’impegno e, fedeli al mandato ricevuto, hanno “prelevato” a piene mani percorsi finalizzati all’acquisizione di competenze di dubbia qualità cultu-dalle tasche dei cittadini, hanno aumentato l’IVA, rimesso l’ICI ribattezzata rale. Oggi stiamo assistendo non soltanto al depauperamento della culturaIMU, naturalmente al rialzo, hanno operato tagli sui servizi pubblici, ridu- e al decadimento dei valori ma anche ad una degenerazione dei costumicendo al lumicino il Welfare e, guarda caso, lasciando inalterati privilegi con una deriva pericolosa del modo di concepire la vita, improntato al re-ed emolumenti dei parlamentari e dei politici in generale. E anche se c’è lativismo e al rifiuto dell’idea di società nel senso più nobile del termine.stata una levata di scudi popolare per le vessazioni e per l’inammissibile Stiamo scontando non solo gli errori del passato di una mancata assunzionesperequazione di trattamento tra cittadini e politici, ci sono solo state pro- di responsabilità di una classe politica che viveva di slogan e di retorica, mamesse, rimandi e interventi marginali, subito colmati con espedienti e raggi- anche gli errori del presente di un disorientamento e di una incompetenzari. Ogni tanto si affacciano nel linguaggio politichese parole dal significato grave di chi ha responsabilità di governo e non sa cosa fare, ma soprattuttovolutamente equivoco ma presentate come la panacea capace di risolvere non vuole fare le vere cose da farsi.i problemi, tanto per dare fumo negli occhi alla gente. Si è parlato così di“flessibilità che, come abbiamo costatato, ha generato il precariato a vita, i Cristo in croce con le borse, autore Col Landscape Fausto Marseglia
  4. 4. 4 CRONACA a cura di Maria Francesca Cibelli Napoli made in pride 2012, l’orgoglio gay partenopeo La manifestazione vista come alfabetizzazione culturale dei cittadiniS i è tenuto il Napoli Pride 2012. Manifestazione che ogni anno le strade partenopee sfilarono i carri del Gay Pride, evento molto si svolge in contemporanea in diverse città del mondo. Il più esteso in termini rappresentativi.Il motto di quest’anno, di cui si gay pride è nato per chiedere pari diritti e dignità per tutte sono fatte sostenitrici numerose madri di omosessuali, è stato “eterole identità sessuali esistenti. Da piazza Cavour è partita la festa in o gay sono tutti figli miei”. Questo fa capire come la solidarietàcarovana degli Lgbt (Lesbo gay bisessuali, transgender). A suon e la comprensione si stiano facendo largo tra i pregiudizi e ledi musica il corteo è andato avanti per piazza Dante e via Toledo, discriminazioni.”È stata una giornata all’insegna della normalitàin un turbinio di colori e coriandoli. La sfilata ha attraversato la – ha detto il sindaco De Magistris - La parata è stata concepitacittà per poi concludersi sul lungomare di Mergellina, dove sono come una manifestazione pacifica”. Gli atteggiamenti nei confrontiintervenuti il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, la ex deputata degli omosessuali tendono ad essere, ancora oggi nel nostro Paese,Vladimir Luxuria, l’attrice Ornella Muti, la modella Valeria Mazza di stampo conservativo. I gay in Italia sono vittime di pesantie la madrina d’eccezione miss Priscilla. Numerosi i partecipanti pregiudizi, nonostante rappresentino il 10-15% della popolazione.e le associazioni di genere, tra cui l’ArciGay ed I-Ken, CampaniaRainbow e i partiti SEL (Sinistra, Ecologia e Libertà) e Italia deiValori. È il terzo anno consecutivo che la manifestazione sceglie la Maria Balsamocittà di Napoli per sfilare in festa. C’è da dire però che nel 2010 per Il “moving shop” sbarca a Napoli Dopo Milano e Roma, il “moving shop” sbarca anche a Napoli. D opo Milano e Roma, il “moving shop” sbarca anche a Na- di fare commercio dal momento che, con questo sistema invece di poli. Nei giorni scorsi un furgone Ape, carico di vestiti, era essere il cliente che va al negozio, è il negozio che va dal cliente. parcheggiato nell’isola pedonale di via Scarlatti al Vomero, Purtroppo, però, è stata subito ritirata la licenza al “Moving shop” destando curiosità ed interesse tra i passanti, specialmente tra le che aveva fatto la sua comparsa nell’isola pedonale di via Scarlatti. signore. Il “moving shop”, in verità, è già presente in molte regio- L’apecar trasfomato in negozio di abbigliamento ambulante, che ni italiane, ma pare che mancasse in Campania e segnatamente vendeva con tanto di licenza indumenti per uomini e donne, ha a Napoli. Presumo che ci troviamo al cospetto del primo “avvi- dovuto subito dire addio al Vomero. L’assessorato allo Sviluppo, stamento” di questo nuovo modo di approcciare la clientela. Si infatti, dopo l’intervento del presidente del Centro Commerciale tratta, si legge nel relativo sito internet, di un nuovo sistema di Vomero Arenella, Vincenzo Perrotta, ha definitivamente bloc- vendita innovativo, informale e veloce che va incontro alle esigen- cato l’autorizzazione benefica, ma con evidentissima causale ze del cliente con sempre meno tempo a disposizione. Consiste commerciale.”Ebbene - ha dichiarato Perrotta - a ricordarlo è la nell’utilizzo di un veicolo Piaggio modello Ape dotato di un ap- norma della legge regionale del commercio dove dice che deve es- posito allestimento per consentire, oltre al trasporto, l’esposizione sere specifica autorizzazione che abiliti il commercio ambulante in e la vendita di capi d’abbigliamento ed accessori. Un metodo di sede fissa o mobile. Non basta aver pagato l’occupazione di suolo vendita che è nato alcuni anni fa a Londra dove però venivano uti- che nello specifico ha avuto un costo infinitamente più basso visto lizzati i caratteristici autobus su due piani, mentre in Italia, dove le finalità benefiche”. esistono maggiori difficoltà per il traffico e per il parcheggio, si è preferito un mezzo più snello, qual è appunto il furgone Ape, abbigliato però come una vera e propria sartoria, attrezzato anche con camerino e specchio per consentire alle potenziali clienti di Gennaro Capodanno poter provare la merce esposta. Un modo certamente innovativo Il giallo dell’estate: la misteriosa morte della signora Sprüngli La vedova del re del cioccolato svizzero trovata morta nella vasca da bagno della sua villa di Arosa U na morte tenuta nascosta per ben sei mesi; non una morte qualunque ma quella di Alexandra Sprüngli, vedova di Rudolph, re del cioccolato svizzero e titolare dell’omonimo marchio internazionale. La donna è stata trovata cadavere nella sua villa di Arosa, celebre località di villeggiatura alpina nel cantone dei Grigioni: il corpo era immerso nella vasca da bagno. A rivelare la notizia è stato un canale televisivo di lingua tedesca ed è stata successivamente confermata dalla polizia cantonale. Secondo la ricostruzione della polizia, la donna avrebbe perso conoscenza e sarebbe annegata nell’acqua. Una versione sulla quale però circolano molti dubbi, poiché Alexandra non soffriva di alcun disturbo. Le indagini tuttavia escludono la presenza di sostanze tossicologiche e l’intervento da parte di terzi. La morte ha suscitato scalpore, sia per il lasso di tempo trascorso sia perché Heidi Gantenbein , vero nome della signora Sprüngli, era un personaggio da tempo chiacchierato. I siti elvetici l’hanno sempre definita “una ex squillo” che aveva sposato per interesse, nel ’92, il magnate dell’industria dolciaria elvetica, di 28 anni più grande di lei.Anche le nozze sono state avvolte nel più fitto mistero. Alexandra Spruengli Ma c’è ancora dell’altro e di ben più inquietante: la donna si definiva una guaritrice ed apparteneva a una setta religiosa denominata “I am”. Diversi i suoi tentativi di coinvolgere nella setta i membri dell’azienda miliardaria del cioccolato. Nella sua biografia, Alexandra sosteneva di aver cominciato un cammino interiore fin dall’età di 4 anni e di aver capito, all’età di 16 anni, di avere una capacità di percezione superiore a quella della gente comune. Sul suo sito personale, la donna era solita lasciare pensieri e riflessioni da affidare ai suoi adepti. L’ultimo di questi porta la data del primo gennaio scorso e dice: “Ogni momento della tua vita è un momento sacro, un momento di creazione. Ogni momento è un nuovo inizio” Cinque giorni più tardi, è avvenuta la morte. Non resta dunque che aspettare la conclusione delle indagini, in attesa di nuovi risvolti. Una conclusione che, come insegnano i maestri del “giallo”, non è detto che arrivi. Alexandra Spruengli e Ehemann Rudolph 1993 Maya Renzi
  5. 5. AUTO E MOTO a cura di Vincenzo Adinolfi 5 Con l’estate riscopriamo la leggenda della vettura da spiaggia per antonomasia L’intramontabile mito “Dune buggy” L e Dune Buggies, il cui termine significa “pulce del deserto”, adoperavano l’intero telaio e la meccanica del Maggiolino. Senza la geniale vettura Volkswagen il fenomeno delle Dune- buggy non avrebbe potuto sortire il successo che ha consacrato, prima in America e poi in tutto il mondo, queste leggere e maneggevoli fuoristrada. La scocca in vetroresina, per una vettura appositamente progettata per scorazzare sulla sabbia, si rivelò uno dei suoi maggiori pregi dal momento che non si arrugginiva al contatto con l’acqua del mare. Siamo negli anni ’70 ed i ragazzi di allora cantavano “Sognando la California” dei Dik Dik. La contestazione studentesca aveva imposto stereotipi ben più accessibili come i jeans e le scarpe da ginnastica, ma chi poteva permetterselo sbandierava la propria voglia di liberta, il gusto per l’effimero ed il desiderio di ostentare scoprendo, in modo irriverente, l’abbronzatura a bordo di queste strane vetture aperte che ben si adattavano ai nostri arenili. La Dune Buggy costituì non solo un’alternativa eccentrica ed economica alle ben più costose spider, ma un vero e proprio fenomeno di costume, uno status symbol piuttosto che una modaLa Spider Smach della Greppi o un’ubriacatura passeggera se è vero che la passione per questo modo tutto particolare di vivere l’automobile non si è mai assopita. La Moon Buggy della Automirage Oggi forse più di ieri, esiste in tutto il mondo una nutrita schiera di appassionati pronti a spendere, vicino a questi veicoli completamente aperti, decine di migliaia di euro. L’autotelaio del Maggiolino costituiva infatti la base da personalizzare in infiniti modi con i più disparati optionals. Il risultato finale era un’auto unica, talora bella, bellissima, accattivante, talora goffa, ma mai impersonale. A decretarne il successo in Italia fu il film “Altrimenti ci arrabbiamo” con Bud Spencer e Terence Hill con l’indimenticabile colonna sonora degli Oliver Onions. Dire oggi cosa rappresenta una dune buggy al di là del puro, semplice e divertente giocatolo, non è facile. E’ un oggetto che sa di sole, creme abbronzanti, brezza marina mista a vapori di benzina. Bisogna possederla, o almeno guidarla su una lunga striscia di sabbia per apprezzarla veramente fino in fondo. Per la Dune buggy, il tempo sembra non essere affatto passato. A distanza di 40 anni, infatti, la sua magia funziona ancora. Le forti sensazioni che è in grado di trasmettere mettono mirabilmente d’accordo tutti, vecchi e specialmente i bambini che nella innocenza di quelle poche curve appena accennate intravedono un ottovolante da luna park. Per i sessantenni invece questa curiosa auto eternamente giovane sembra avere il potere di un elisir di lunga vita: spudoratamente allegra,La Big Buggy della Sicra insieme al senso di libertà che solo il vento in faccia tra gli schizzi del bagnasciuga sa trasmettere, sembra infatti raccontare loro la più belle La Deserter della Autozodiaco delle favole mai raccontate: quella della loro spensierata giovinezza. Federica AdinolfiLa Dune Buggy della Momo La Dune Buggy della Automirage Film del 1974 diretto da Marcello Fondato,La Dune Buggy della Puma in una scena con la coppia Bud Spencer e La Hobbycar della Fontanauto del film Altrimenti ci arrabbiamo Terence Hill, il filo conduttore è una dune buggy rossa, modello costruito dalla Puma, che assurge a “pomo delle discordia” della vicenda. Prodotto da Mario Cecchi Gori, con le musiche degli “Oliver Onions” (i fratelli Guido e Maurizio De Angelis)La Koala della Hot Car La Piràna della Automirage
  6. 6. 6 TURISMO ENOGASTRONOMICO a cura di Valterino Ziviello Alla riscoperta enoturistica della Toscana Le dolci colline del ChiantiL a Toscana è per antonomasia la regione del centro Italia ed evoca paesaggi ubertosi e colline dal fascino straordina- rio. Tra Firenze, Siena e Arezzo troviamo il “Chianti”, una zona veramente bella a vedersi, ma anche famosa per i vigneti e per la produzione del vino che ne riporta il nome. E’ una zona di terreno di colli medio-alti che si estendeper una lunghezza di circa venti chilometri. Il suo punto più elevato è Monte S. Michele, alto 893 metri. E’ bagnato daben cinque fiumi che ne movimentano la configurazione con le vallate del Pesa, del Greve, dell’Ombrone, della Staggiae dell’Arbia. Per il profilo storico il nome dovrebbe essere attribuito solo ai comuni di Gaiole, Radda e Castellina, dettiappunto del Chianti, cioè proprio di quei territori che componevano l’antica Lega militare fiorentina del Chianti aventicome emblema il “Gallo Nero”. In tempi più moderni, anche in virtù della legge sulla denominazione dei vini, con l’e-spressione “Chianti” vengono compresi sia i territori dei tre comuni della “Lega” che quelli fiorentini di San Casciano eTavernelle nella Val di Pesa, di Greve e parte di Barberino in Val d’Elsa, nonché quelli senesi di Castelnuovo Berardengae Poggibonsi. Solo i vini provenienti da queste zone ben identificate possono fregiarsi del nome “Chianti Classico” e sonocontrassegnati dalla celebre etichetta del Gallo Nero. Le alture non mancano. E l’argento degli olivi, la verde geometria deivitigni, le strade tra i cipressi ai limiti dei boschi concorrono a formare quadri tanto suggestivi da far pensare al pennellodi un artista. L’ideale escursione per la Toscana, prima ancora di visitare gli Uffizi e i celebri monumenti fiorentini e senesi,dovrebbe partire dal cuore, appunto il Chianti, per meglio comprendere ciò che c’è intorno. La viabiltà nel Chianti perfortuna è buona e, non consentendo alte velocità per il susseguirsi di saliscendi, offre uno spettacolo cadenzato di rarabellezza. Da Firenze è un ottimo punto di partenza la statale 222 via Chiantigiana Nuova. Da Siena si imbocca la via Chian-tigiana Vecchia evitando la superstrada per Firenze, per poi ricongiungersi con la Chiantigiana Nuova. Raccordi internicon località minori favoriscono la scoperta di posti invitanti alla sosta. Non per niente si allude al territorio anche come“Chiantishire, o contea del Chianti, per il gran numero di stranieri, e non solo inglesi, che vi risiedono stabilmente. Tutta lazona è ricca di posti incantevoli e suggestivi e, per citarne qualcuno, si può appena indicare quelli di Badia a Passignano,bella e antichissima sede della Lega del Chianti, il borgo medioevale di Volpaia, e il Castello di Brolio, già residenza delGran Barone Ricasoli, inventore della moderna vinificazione. Per chi abbia voglia poi di scoprirne anche il valore storico,questo luogo è oltremodo interessante, già etrusco e romano e poi famoso come campo di battaglia nei periodi medioevalee rinascimentale, con la presenza di numerosi castelli e borghi fortificati. Fausto Marseglia Vignetow del Chianti Limoni metropolitani Metti una cena Due ricette estive basate al “Noma” sull’uso dell’agrume sorrentino Qualificato tra i primi 50 migliori ristoranti del mondo P er la terza volta consecutiva il ristorante danese Noma è sul podio dellaL classifica World’s Best 50 Restaurants 2012. L’evento organizzato dal ’estate è alle porte e con i primi caldi passa l’appetito ma Restaurant Magazine e sponsorizzato da S. Pellegrino - Acqua Panna, ha aumenta la voglia di cose sfiziose e che richiedano poco decretato i 50 migliori ristoranti del mondo scelti da una giuria composta da oltre tempo in cucina. Parliamo allora di un connubio tra agrumi 800 tra critici gastronomici, chef, ristoratori e gastronomi. René Redzepi, chef ee pasta, tipico sia della costiera sorrentina sia di quella amalfitana anima del Noma di Copenaghen, è un esponente della New Nordic Cuisine e conma ben noto anche più a sud. In particolare parliamo di limoni la sua arte culinaria, da diversi anni, si propone di riscoprire ingredienti tipici del(quelli belli grossi e dolci, ricchi di “pane”- la parte bianca sotto territorio e rivalutarli per la loro purezza, semplicità e freschezza. È una cucinala scorza gialla- delle piante presenti nelle colture terrazzate a in continua evoluzione che rielabora le ricettepicco sul mare di Sorrento e lungo tutto il tratto che da Agerola della cucina tradizionale scandinava a base discende fino ad Amalfi e dintorni ma anche di quelli più piccoli carne e pesce e le tecniche più antiche comeed aciduli del Meridione in genere ma anche delle coste liguri) . la marinatura, l’affumicatura e la salatura perUna prima ricetta, più delicata ed elegante, richiede che, a freddo, esaltarne i sapori naturali. Nel 2003 Redzepiin una zuppiera, mentre l’acqua dove cuoceranno i tagliolini si rileva un vecchio magazzino e, in poco tempo,avvia al bollore, si mescolino della crema di latte o panna fresca con l’aiuto della sua brigata, gli restituisceda cucina, del succo di limone (un limone per tre porzioni circa), una luce nuova, posizionandosi nell’olimpoabbondante scorzetta di limone grattugiata o tagliata a listarelle della ristorazione mondiale e ottenendo duesottili –senza il sottostante bianco che è di sapore amaro-, del pepe, stelle Michelin dalla celebre guida francese.del basilico fresco e del parmigiano grattugiato. Lessati che siano Oggi il ristorante con i suoi dodici tavolii tagliolini si uniranno alla crema e con l’aiuto di poca acqua di offre un’esperienza unica, ricca di aspettativecottura della pasta, si mescoleranno, aiutandosi semmai con altro che sono confermate di portata in portata, inparmigiano e si serviranno caldi. La versione più rustica e intensa un crescendo che raggiunge l’apice quandorichiede che, mentre cuociono gli spaghetti, si versi in una capace lo chef esce della cucina per raccontare aglipadella dell’olio, dell’aglio tritato assai finemente e del peperoncino ospiti le sue creazioni e la serata si concludesbriciolato. Appena l’aglio inizia a sfrigolare, aggiungeremo del con un tour in cucina. L’attesa di oltre un anno per riuscire a prenotare una cena cisucco di limone (un limone per tre porzioni circa), abbondante sta tutta, il Noma merita! Da veri gourmet addicted…scorzetta di limone grattugiata o tagliata a listarelle sottili –senzail sottostante bianco- e dell’origano e/o basilico fresco e faremo Giovanna Potererestringere il sugo. A fuoco spento verseremo una manciata diparmigiano grattugiato per creare una cremina. Verseremo poi glispaghetti nella padella e lasceremo mantecare pochi secondi sulfuoco con l’aiuto di poca acqua di cottura della pasta. E da bere? Un Cavolo all’insalatabianco secco e profumato sarà certo una buona scelta. Lo puoi Ingredienti Gualtiero Guadagno gustare 4 Acciughe o alici sott’olio 500 gr Broccoletti presso la Limoni di Sorrento 300 gr Cavolfiore 300 gr Cavolo bianco “Taverna Qb olio di Oliva extravergine di Bacco” 1 Oeperoncino piccante Qb Sale 3 Arance 1 Cappero sotto sale Preparazione 1. Pulisci i cavoli. Stacca le foglie verdi del cavolfiore, taglialo a meta, lavalo ripetutamente sotto acqua fredda corrente e lascialo sgocciolare. Metti il cavolfiore sul tagliere e, con un coltellino affilato, taglia le cimette nel punto in cui partono dal torsolo. Pulisci, lava e prepara allo stesso modo il cavolo romanesco e broccoletti.   2. Cuoci la verdura. Porta a ebollizione abbondante acqua in una pentola, salala e lessa le verdure per 5 minuti dalla ripresa  dell’ebollizione. Scolale e intiepidiscile in acqua fredda. Scolale di nuovo e trasferiscile in una ciotola. Lava il  peperoncino, elimina ilRistorante e Pizzeria via Sementini 28/32 Napoli picciolo, aprilo a meta ed elimina i semini. Taglialo a dadini.   Uscita Metro “Rione Alto” 3. Prepara il condimento. Lava e asciuga le arance, grattugia la scorza di una e spremine il succo. Sbuccia al vivo le arance rimaste e taglia la polpa a fette non troppo sottili. Riduci www.sasapiazzamia.it - info@sasapizzamia.it i filetti di acciuga a tocchetti. Metti in un barattolino di vetro 4 cucchiaidi olio, un pizzico www.tavernadibacco.com di sale, il peperoncino, la scorza e il succo dell’arancia, chiudi con il coperchio e scuoti Tel. +39 081 5466119 Telefax. +39 081 0209646 per emulsionare bene. Condisci i cavoli con la salsina, suddividili nei piatti con le fette di arancia e completa con le acciughe e i capperi ben dissalati.
  7. 7. ATTUALITA’ a cura di Sabrina Ciani 7 Arriva dagli USA la droga che rende cannibali La polizia di Miami lancia l’allarme: si tratterebbe di una sostanza psicotropaG li Stati Uniti sono stati colpiti da un giallo. Potrebbe essere una droga “Settimo Cielo”.  Si tratterebbe di una sostanza sintetica capace di far la causa dei numerosi attacchi cannibali che stanno sconvolgendo perdere totalmente il controllo, fino a scatenare l’istinto di cannibalismo. questo Paese negli ultimi mesi. Il primo caso sospetto risale al 28 Ma gli esperti cercano di frenare il panico dilagante. Il dott. Gian Luigimaggio 2012 quando gli agenti di Miami sono stati costretti a uccidere Gessa infatti, neurofarmacologo dell’Università di Cagliari, ritiene che lal’haitiano Rudy Eugene, di 31 anni. Il giovane venne trovato in un sottopasso, droga non sia la causa delle recenti aggressioni.  «In questi individui nonmentre stava divorando la faccia di un barbone. Pochi giorni dopo è stata sono solo presenti gli istinti violenti, ma anche la perversione. L’effettola volta di Alexander Kinyua, un 21enne di origini keniane. Il ragazzo  delle droghe - spiega lo scienziato - è quello di rendere manifesta la lorouccise il suo compagno di stanza e tentò di mangiargli cuore e cervello. condizione, ma non esiste ancora una droga che possa far diventare unaIl 6 giugno 2012, il senzatetto Brandon De Leon, ventunenne, ha minacciato persona un cannibale». “Settimo cielo”, quindi, non farebbe altro chedi “mordere” i poliziotti che volevano arrestarlo in un fast-food durante acuire istinti bestiali già presenti in chi la assume.Il capo del Dipartimentouna lite sfociata con alcuni clienti. Quando è stato portato via con un’auto politiche antidroga, Giovanni Serpelloni, ha inoltre dichiarato: «Ladi pattuglia, De Leon ha rotto il vetro interno della vettura, gridando sostanza cosiddetta “bath salts” in realtà è un termine generico che indicadi voler “mangiare i poliziotti”. Giunto in commissariato, ha tentato prodotti sotto forma di polvere bianca oppure giallina, commercializzatadi mordere a sangue i presenti mentre grugniva. Gli agenti sono stati su internet come sale da bagno. La sostanza è stata individuata dalcostretti a imbavagliarlo. Secondo la CNN uno dei due uomini accusati Dipartimento politiche antidroga anche in Italia e già posta fuori mercato».di omicidio avrebbero testimoniato di aver inalato “sali da bagno”prima delle aggressioni. La polizia di Miami ha lanciato subito l’allarme,annunciando la presenza in giro di una nuova droga, denominata Maria Balsamo La foto segnaletica di Brandon De LeonO Il web commosso per la ltre 150 mila persone hanno espresso il loro sarebbe saltato addosso, «ma d’altronde se tutti i cani parere contro i funzionari di Belfast, in Irlanda che saltano addosso agli sconosciuti che entrano in delNord, firmando una petizione. Perché casa loro fossero considerabili pericolosi, non ce nevogliono che il  cane Lennox, strappato brutalmente sarebbero molti in giro» ha commentato l’addestratrice storia dello sfortunatoalla propria famiglia e condannato a morte per la Victoria Stilwell.sua somiglianza con un Pitbull, venga liberato. Una Accanto a lei, molti altri addestratori e esperti invalanga di firme è arrivata sul sito petitiononline.com. cani pericolosi si sono schierati a favore della causaCon così tante firme, siamo di fronte alla petizione del meticcio, insieme a 150.000 persone che hanno meticcio irlandesecon il maggior numero di sigle raccolte per un caso di firmato la petizione della famiglia. In particolare,questa portata. Jim Crosby ha chiesto di poter valutare l’aggressivitàPalloncini blu sono inoltre in vista in tutto il mondo di Lennox. Famoso in tutto il mondo per le suee molti contengono il messaggio “Save Lennox”. E’ capacità di riabilitazione dei cani pericolosi, Crosbynato anche un sito per portare avanti la campagna: si si è interessato alla causa anche attraverso il tamtam Per Lennox, scatta la mobilitazione internazionalechiama  savelennox.co.uk creatosi su twitter e facebook. I giudici, però, hannoCaroline Barnes, ex infermiera veterinaria, ha adottato ignorato l’offerta. Intanto il cane, rinchiuso in un “canile di massima sicurezza”, sta impazzendo. Le immagini diffuse dalla famiglia mostrano come in due anni ha perso molto Lennox da cucciolo  pensando fosse un incrocio di che non lo sia. pelo e dà evidenti segni di stress. Lennox, che un american bulldog, labrador e forse un pò anche di Così, da maggio 2010 i proprietari non vedono tempo era stato addirittura riconosciuto come cane da staffordshire. Il tribunale di Belfast, però, ha deciso che Lennox, che aspetta la morte in una gabbia senza aver assistenza per la figlia disabile di Caroline, potrebbe Lennox è un pitbull, e questo gli vale una condanna commesso alcun crimine.  Il reato, secondo la legge essere diventato così davvero diventato un animale a morte. nordirlandese, lo avrebbero commesso i padroni: è irrecuperabile. In Irlanda del Nord, la legge sui cani pericolosi infatti vietato possedere un cane identificato come La legge nordirlandese, comunque non transige: prevede che un cane che rientra in certi standard pitbull. Tuttavia, le prove che Lennox sia un cane l’ultima speranza di Lennox, ormai, è un intervento debba essere soppresso. Si misurano lunghezza delle pericoloso non ci sono e nessuno si è mai lamentato della Regina, l’unica a poter salvare l’animale. zampe e larghezza del muso, e si determina così del comportamento dell’animale. l’appartenenza alla razza “pericolosa”. Ovviamente, L’unica testimonianza che i giudici portano a evidenza le stesse misure possono valere anche per un cane di dell’aggressività del cane, è quella di uno dei tre tutt’altra specie, ma il punto è che non sta al tribunale provare che il cane sia un pitbull, ma al proprietario guardiani mandati dal tribunale in casa Barnes per sequestrare il “pericoloso criminale”. Lennox gli Eleonora Belfiore Vademecum per una società migliore A Pistoia la terza edizione del festival “Dialoghi sull’uomo”I termini “proletario” e “ceto medio”, secondo Quello di possedere o meno determinati oggetti, ha Ulrich Beck, sono termini ampiamente superati. rappresentato, in epoche diverse, rispettivamente E’ il mercato che definisce le nostre scelte. Ci isola la condizione più appassionatamente desiderata eimpedendo a chiunque di mettere in discussione il quella più appassionatamente sofferta. Nell’ Europamodo in cui tali scelte sono definite. Chi fa una scelta “L’intervento di Bauman di due secoli fa ciò che poneva in contrasto i ricchi e isbagliata sarà punito. La crudeltà del mercato consiste poveri era principalmente la contesa per il pane o pernel fatto di non tenere in alcun modo conto che certe dedicato alla solidarietà” il riso. Oggigiorno, invece, gli oggetti del desiderio lapersone posseggono gli strumenti per operare le scelte cui assenza è più acutamente sentita sono molti e digiuste perché possiedono il capitale sociale, il sapere o diversa natura. L’impossibilità di ottenerli fa crescerele risorse finanziarie.Muovendo dall’assunto di Beck, l’ira, l’umiliazione e il risentimento. Quest’ultimo,che si dipana l’intervento del sociologo Zygmunt accompagnato dal desiderio di distruggere ciò cheBarman. Il precariato e l’incertezza esistenziale che non si può avere, innesca improvvise esplosioni dine deriva, determinano un mix d’ignoranza e di violenza. Come disinnescare una mina dal potenzialeimpotenza che è fonte inesauribile di umiliazione. così esplosivo da mettere a rischio la coesioneSebbene il precariato sia un insieme estremamente diversificato, ciò che lo sociale? Richard Sennet suggerisce che una collaborazione informale e senzarende una categoria coesa è la sua condizione di massima frammentazione. limiti prefissati è la via migliore per fare esperienza della differenza. E infine,Ogni precario, quale che sia la sua provenienza o appartenenza, soffre da solo. collaborazione: si suppone che le varie parti ci guadagnino tutte dallo scambio, eDiviso e isolato, gli viene negato il conforto di un destino comune facendo non che una sola guadagni a scapito delle altre. Sia guadagnare e sia perdere sonoapparire risibile gli appelli alla solidarietà.Per quanto tenti di dissimularla concepibili solo insieme. O guadagnamo tutti o perdiamo tutti. Tertium non datur.con ogni mezzo, tale condizione chiama in causa le responsabilità delleautorità che hanno negato loro i diritti riconosciuti ad altri esseri umani.Unacondizione umiliante e indegna che coinvolge una parte della popolazione lacui ignominia e disperazione trova l’avallo di una parte della società.Tutte le giuseppe orso Zygmunt Baumanvarietà di disuguaglianza sociale scaturiscono dalla divisione fra ricchi e poveri.TUTTI I COMPONENTI DEL GIORNALE FORMULANO FELICISSIMI AUGURI ALLA GIORNALISTA MARIAFRANCESCA CIBELLI, CAPOSERVIZIO ALLA CRONACA DI COSMOGGI PER IL SUO MATRIMONIO (NELPROSSIMO NUMERO VERRA’ CURATO UN SERVIZIO GIORNALISTICO DETTAGLIATO INERENTE L’EVENTO). FERRAMENTA MATERIALI EDILI di Paola Capuozzo Via Orsolone al Guantai, 174 NAPOLI tel 081.5874088h

×