Pico 2

583 views
516 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
583
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
101
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Pico 2

  1. 1. Dalla ricerca all’idea d’impresa: INCIPIT Campania e la formazione per la creazione d’impresa 20 ottobre 2011 Enrico Viceconte
  2. 2. L’approccio New Business Development <ul><li>Un nuovo business deve essere progettato strategicamente </li></ul><ul><li>Nel sistema d’offerta che è qualcosa di più di un prodotto </li></ul><ul><li>Nel value system, vale a dire in tutte quelle partnership che garantiscono buone possibilità di successo (compresi soci e dipendenti) </li></ul><ul><li>Nelle barriere che difendono il business dalla concorrenza (tra cui la tutela della proprietà intellettuale) </li></ul><ul><li>Parliamo dunque di Design Strategico </li></ul><ul><li>Per sottolineare l’aspetto progettuale </li></ul><ul><li>Per sottolineare la complessità del sistema prodotto da progettare </li></ul><ul><li>Per ricordare che gli aspetti organizzativi del value system devono essere previsti e disegnati con cura </li></ul>
  3. 3. L’approccio New Business Development <ul><li>La “ricetta” strategica </li></ul><ul><li>Non basta avere un’idea brillante di prodotto o servizio, o una tecnologia innovativa bisogna possedere o sviluppare: </li></ul><ul><li>un “modello di business” convincente (ovvero un value system). </li></ul><ul><li>una buona squadra </li></ul><ul><li>un buon network </li></ul>Buona idea di prodotto Buon modello di business Buona squadra Buon network Buon progetto imprenditoriale Design Strategico
  4. 4. Confronto tra due progetti d’impresa Team debole idea forte Team forte idea debole
  5. 5. Una buona idea di business <ul><li>Un mercato potenziale ampio, accessibile e ben identificato </li></ul><ul><li>Un buon prodotto-servizio (con caratteristiche di unicità delle funzioni svolte) </li></ul><ul><li>Una buona tecnologia distintiva </li></ul><ul><li>Una buona strategia di ingresso </li></ul>Un buon prodotto-servizio Un mercato potenziale ampio e accessibile Una buona tecnologia distintiva Una buona strategia di ingresso
  6. 6. Un buon modello di business <ul><li>Un network di partner del valore ben identificato (chi) </li></ul><ul><li>Un network di partner raggiungibili (dove) </li></ul><ul><li>Dei ruoli nel network ben identificati (cosa) </li></ul><ul><li>La convenienza per ciascun partner (perché) </li></ul><ul><li>Modalità contrattuali ben definite (come) </li></ul><ul><li>Una tempistica ben definita (quando) </li></ul>
  7. 7. Una buona squadra <ul><li>L’uomo giusto al posto giusto (chi) </li></ul><ul><li>Dislocato dove serve (dove) </li></ul><ul><li>Compiti ben identificati (cosa) </li></ul><ul><li>La convenienza per ciascun membro (perché) </li></ul><ul><li>Modalità contrattuali ben definite (come) </li></ul><ul><li>Una tempistica ben definita (quando) </li></ul>
  8. 8. Un buon network <ul><li>Numero, rilevanza e intensità delle relazioni: </li></ul><ul><li>con i potenziali clienti </li></ul><ul><li>con i potenziali business partner </li></ul><ul><li>con i potenziali fornitori </li></ul><ul><li>con gli altri stakeholder </li></ul>
  9. 9. Il tutto corredato da un buon business plan <ul><li>Un buon business plan: </li></ul><ul><li>Contiene la formulazione della strategia </li></ul><ul><li>È una guida alla pianificazione razionale delle attività del progetto </li></ul><ul><li>E’ uno strumento di comunicazione efficace e persuasivo verso possibili finanziatori </li></ul><ul><li>E’ la messa a punto di tutte le leve manageriali e organizzative </li></ul>Il Business Plan è un progetto, ragionevolmente dettagliato , che getta le fondamenta dell’impresa e le garantisce maggiori probabilità di sopravvivenza. HO DETTO: “ RAGIONEVOLMENTE DETTAGLIATO”!
  10. 10. Self Assessment attitudinale <ul><li>E’ necessario chiederti: ho le caratteristiche giuste? </li></ul><ul><li>una solida cultura di base (anche non accademica); Si  No  </li></ul><ul><li>tenacia; Si  No  </li></ul><ul><li>leadership; Si  No  </li></ul><ul><li>flessibilità operativa; Si  No  </li></ul><ul><li>orientamento al cambiamento, e alla indipendenza; Si  No  </li></ul><ul><li>immaginazione e problem solving; Si  No  </li></ul><ul><li>fiducia in te stesso; Si  No  </li></ul><ul><li>senso di responsabilità; Si  No  </li></ul><ul><li>capacità di valutazione; Si  No  </li></ul><ul><li>capacità di assunzione del rischio; Si  No  </li></ul><ul><li>Si = 1 punto; No = -1 punto; non so = 0 punti </li></ul>IN PARTE TALI CARATTERISTICHE SONO INNATE O PRECEDENTI; IN PARTE SI SVILUPPANO CON UN TRAINING E UN COACHING SPECIFICI
  11. 11. Self Assessment manageriale <ul><li>E’ necessario chiederti: ho le conoscenze manageriali giuste? </li></ul><ul><li>Strategia Si  No  </li></ul><ul><li>Marketing; Si  No  </li></ul><ul><li>Gestione commerciale e vendite (comprese tecniche di vendita); Si  No  </li></ul><ul><li>Business Communication; Si  No  </li></ul><ul><li>Amministrazione finanza e controllo; Si  No  </li></ul><ul><li>Organizzazione; Si  No  </li></ul><ul><li>Gestione delle risorse umane; Si  No  </li></ul><ul><li>Operations management (produzione e Supply Chain Management); Si  No  </li></ul><ul><li>Gestione dell’innovazione tecnologica; Si  No  </li></ul><ul><li>Metodi quantitativi per la decisione; Si  No  </li></ul><ul><li>Si = 1 punto; No = -1 punto; non so = 0 punti </li></ul>TALI CONOSCENZE SI SVILUPPANO, AD ESEMPIO, CON UN EXECUTIVE MBA
  12. 12. Self Assessment dell’idea “seme” <ul><li>Qual è l’osservazione che ti ha spinto a formulare l’idea? </li></ul><ul><li>La conoscenza/scoperta di una nuova tecnologia che può risolvere dei problemi meglio di altre; Si  No  </li></ul><ul><li>L'espansione della domanda di un certo prodotto/servizio; Si  No  </li></ul><ul><li>La modificazione dei gusti o delle necessità del mercato; Si  No  </li></ul><ul><li>il successo di altre imprese; Si  No  </li></ul><ul><li>L’analogia di un problema osservato con altri per cui si conoscono soluzioni efficaci Si  No  </li></ul><ul><li>Altro: </li></ul><ul><li>Se osservo un po’ tutte queste cose l’idea è “probabilmente” buona </li></ul>E’ NECESSARIO SVILUPPARE CURIOSITA’ E SPIRITO DI OSSERVAZIONE IL MODO MIGLIORE E’ NON “LEGGERE DA UN SOLO SCAFFALE”
  13. 13. Self Assessment della “creatività” <ul><li>Sei abbastanza creativo? </li></ul><ul><li>Osservi spesso analogie tra fenomeni diversi? Si  No  </li></ul><ul><li>Interrompi la sequenza lineare del ragionamento in cerca di nuove idee? Si  No  </li></ul><ul><li>Sei portato alla sintesi più che all’analisi? Si  No  </li></ul><ul><li>Ti fidi del caso nel percorrere una certa strada? Si  No  </li></ul><ul><li>Riesci a non” innamorarti” di una certa soluzione? Si  No  </li></ul><ul><li>Sai generare molte opzioni alternative e poi sceglierne una con sicurezza? Si  No  </li></ul><ul><li>Sai vedere dal punto di vista degli altri (soprattutto dei potenziali clienti o partner)? Si  No  </li></ul><ul><li>Ti diverti nel progettare cose nuove? Si  No  </li></ul><ul><li>Ti entusiasma trovarti davanti a problemi nuovi? Si  No  </li></ul><ul><li>Non ti senti frustrato quando devi abbandonare una certa idea o punto di vista. Si  No  </li></ul>LA CREATIVIA’ NON E’ LA FANTASIA. C’E’ANCHE IL METODO E LA CONCRETEZZA. QUESTE SONO CARATTERISTICHE CHE POSSONO ESSERE PARZIALEMNTE SVILUPPATE CON METODOLOGIE STRUTTURATE
  14. 14. Sviluppare l’idea “seme” <ul><li>KISS: Keep It Simple Stupid! </li></ul><ul><li>Un’ idea buona è spesso semplice: se è troppo complicato spiegarla probabilmente c’è un problema. </li></ul><ul><li>Un’idea buona ha dentro un’intuizione e l’intuizione si spiega con poche parole </li></ul><ul><li>Provare a schematizzare ad un amico l’idea su un fazzolettino di carta al bar è il metodo che alcuni suggeriscono per verificare la semplicità del concept. </li></ul>
  15. 15. Pianificare la roadmap <ul><li>Arrivare in breve tempo ad una presentazione breve e strutturata del proprio piano </li></ul><ul><li>Utilizzate assieme ai soci o ai collaboratori un tabellone disegnando il percorso verso la verifica di fattibilità del progetto, compresi gli incontri con gli esperti e i possibili finanziatori. </li></ul><ul><ul><li>Dall’idea ai diversi concept alternativi per svilupparla </li></ul></ul><ul><ul><li>Concept selection </li></ul></ul><ul><ul><li>Verifiche </li></ul></ul><ul><ul><li>Il percorso può prevedere delle uscite (kill-it) </li></ul></ul><ul><ul><li>INCIPIT Campania è a tua disposizione per pianificare quest’analisi con il servizio Techno-mining </li></ul></ul>
  16. 17. Preparazione <ul><li>Tools fondamentali </li></ul><ul><ul><li>Individuazione della “value proposition” e dell’ “elevator pitch” </li></ul></ul><ul><ul><li>Stesura definitiva del business plan per i possibili partner ed investitori </li></ul></ul><ul><li>Percorso di affinamento </li></ul><ul><ul><li>Primi incontri (pitches e incontri con investitori e partner) </li></ul></ul><ul><ul><li>analisi dei feedback degli incontri </li></ul></ul><ul><ul><li>Correzione della strategia e del piano di marketing in base ai feed back ricevuti </li></ul></ul>
  17. 18. SI NO
  18. 19. Il piano di formazione di INCIPIT Campania <ul><li>I partecipanti del vivaio imprenditoriale INCIPIT potranno iscriversi all’Academy e a tutti i corsi ed eventi previsti nel modo seguente: </li></ul><ul><li>Inviando nome e cognome all’indirizzo </li></ul><ul><li>[email_address] </li></ul><ul><li>saranno iscritti al Moodle Space </li></ul><ul><li>http://elearning.stoa.it/incipit/ </li></ul><ul><li>digitando: </li></ul><ul><li>USERNAME: cognome.nome </li></ul><ul><li>PASSWORD: nome </li></ul><ul><li>I feedback sul processo formativo saranno inviati al gruppo di progetto attraverso lo strumento del learning log all’indirizzo: </li></ul><ul><li>http://moourl.com/learningincipit </li></ul>
  19. 20. <ul><li>Grazie per l’attenzione </li></ul><ul><li>[email_address] </li></ul><ul><li>http://incipitcampania.wordpress.com/ </li></ul>

×