Your SlideShare is downloading. ×
I dati e le informazioni raccolte
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

I dati e le informazioni raccolte

326
views

Published on

Published in: Education

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
326
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. LA VALUTAZIONE DEL “PROGETTO VIA PADOVA” 12 giugno 20121 A cura di Carla Dessi (cdessi@irsonline.it )
  • 2. RICORDANDO … LE DIMENSIONI E I CRITERI DI ANALISI DELLA VALUTAZIONE LA COESIONE NELLA LA COESIONE NEL GOVERNANCE DEL QUARTIERE PROGETTO Ovvero il progetto può essere considerato di Ovvero il progetto può essere considerato di successo se si rileva … successo se si rileva … CONDIVISIONE TRA I PARTNER INTEGRAZIONE TRA I PARTNER CONOSCENZA CONOSCENZA/ APPRENDIMENTI NEI ATTIVAZIONE PARTNER PARTECIPAZIONE INTEGRAZIONE CON LA RETE VISIBILITA’ ESTERNA/RICADUTE ESTERNE QUALIFICAZIONE DEI LEGAMI SODDISFAZIONE NEI PARTNER SOCIALI 2
  • 3. I DATI E LE INFORMAZIONI RACCOLTE N. 11 questionari partner rivolti agli operatori coinvolti nella realizzazione delle azioni + 1 questionario compilato dalla Commissione Coesione Sociale N. 8 questionari rete compilati dalla rete esterna del progetto Via Padova N. 28 questionari partecipanti alle attività compilati dai ragazzi coinvolti nelle azioni 5 e 7 (15 cartacei + 13 on-line)+ I registri delle presenze+ Un focus group con una rappresentanza di 3 “testimoni privilegiati”
  • 4. ALCUNI ELEMENTI DI SINTESI RACCOLTI:4 IL PUNTO DI VISTA DEI PARTNER
  • 5. GLI SCAMBI E LE RELAZIONI TRA I PARTNER Gli scambi e le v.a. % Il giudizio in sintesi collaborazioni avviate (1= Per nulla soddisfacente e 10= Molto soddisfacente) EQUIPE PERIODICHE 23 35,4 8,4 SCAMBI VIA E-MAIL 11 16,9 8,3 SCAMBI TELEFONICI 9 13,8 8,1 CONFRONTI INDIVIDUALI 8 12,3 8,4 7 10,8 8,2 COLLABORAZIONE OPERATIVA MOMENTI OCCASIONALI DI 5 7,7 6,6 CONFRONTO SUPERVISIONE 2 3,1 9 Precisando che non c’è stata una modalità esclusiva, bensì un mixdi modalità adottate 5 Gli aspetti meno apprezzati: i momenti di confronto occasionali
  • 6. I PRINCIPALI ELEMENTI DI SODDISFAZIONERELATIVAMENTE AGLI SCAMBI TRA I PARTNER Il buon lavoro di equipe/ la sinergia creatasi La riuscita delle azioni Il coinvolgimento e l’attivazione dei giovani Il lavoro articolato in base alle necessità dei ragazzi, costantemente rimodulato La competenza acquisita L’utilizzo di un linguaggio comune La conoscenza di altre realtà Il rafforzamento della rete con l’associazionismo 6
  • 7. I PRINCIPALI ELEMENTI DI INSODDISFAZIONERELATIVAMENTE AGLI SCAMBI TRA I PARTNER Debole progetto di intervento comune Sinergia altalenante con i docenti delle scuole coinvolte Scarso livello di adesione alle attività Faticosa reperibilità di alcuni operatori/ scarsa disponibilità nel trovare momenti di confronto comuni Coordinamento approssimativo Comunicazione non sempre fluida Rigidità burocratica/ amministrativa Difficoltà nel star dentro i tempi di realizzazione 7 delle attività
  • 8. GLI SCAMBI E LE COLLABORAZIONI CONSOGGETTI ESTERNI AL PARTENARIATO Nella quasi totalità dei casi si segnalano scambi ed interazioni con soggetti esterni al partenariato Prevalentemente hanno riguardato la condivisione delle attività in essere e/ o la collaborazione operativa alla realizzazione delle stesse, la sensibilizzazione delle attività e il “reclutamento dei partecipanti”, in qualche caso c’è stata una vera e propria co-progettazione 8 Il giudizio medio espresso relativamente agli scambi e alle collaborazioni avviate è 5,5
  • 9. I PRINCIPALI ELEMENTI DI SODDISFAZIONERELATIVAMENTE AGLI SCAMBI CON LA RETE Affiatamento ed empatia Disponibilità al coinvolgimento/ ampia partecipazione Intercettazione dei destinatari Ideazione e realizzazione di un percorso strutturato e completo Esperienza condivisa/aumento occasioni di dialogo Attivazione di collaborazioni che proseguiranno dopo il progetto Supporto indispensabile per la realizzazione delle 9 attività (ad esempio Villa Pallavicini)
  • 10. I PRINCIPALI ELEMENTI DI INSODDISFAZIONERELATIVAMENTE AGLI SCAMBI CON LA RETE Poco tempo a disposizione per la preparazione delle attività Autoreferenzialismo Imprevedibilità del numero dei partecipanti alle attività Difficoltà di comunicazione Difficoltà nel coinvolgimento delle scuole 10
  • 11. LE EVOLUZIONI/APPRENDIMENTI NEL GRADO DI CONOSCENZA DEI BISOGNI SECONDO I PARTNER Grado di incremento conoscenza Molto Abbastanza Poco Per nulla Non soIncremento grado di conoscenza da 41,7 41,7 8,3 - 8,3parte del vostro enteIncremento grado di conoscenza da 16,7 58,3 - - 25,0parte degli altri partner di progettoIncremento grado di conoscenza da 9,1 45,4 9,1 - 36,4parte della rete allargata esterna alprogettoIncremento grado di conoscenza da 9,1 9,1 45,4 - 27,3parte delle famiglie degli utenti 11
  • 12. GLI APPRENDIMENTI RISCONTRATI DAIPARTNER IN SINTESIApprendimenti da parte del proprio ente Conoscenza capillare del territorio Conoscenza di nuove realtà Sviluppo conoscenze specifiche/ acquisizione nuovi strumenti di lavoro Suggerimenti migliorativi per una riproposizione delle proprie azioni Riconoscimento limiti del progetto (ad esempio difficile tenuta dei ragazzi nella partecipazione alle attività) 12
  • 13. GLI APPRENDIMENTI RISCONTRATI DAIPARTNER IN SINTESIApprendimenti da parte dei soggetti partner Conoscenza capillare del territorio Conoscenza di nuove realtà Sviluppo conoscenze specifiche/ acquisizione nuovi strumenti di lavoro Trasferibilità azioni progettuali in altri contesti di intervento 13
  • 14. GLI APPRENDIMENTI RISCONTRATI DAIPARTNER IN SINTESIApprendimenti da parte dei soggetti dellarete allargata Conoscenza di nuove realtà Acquisizione di competenze altre Nascita forme di collaborazioneApprendimenti da parte delle famiglie Conoscenza di nuove realtà Conoscenza altre famiglie Sensibilizzazione sulle tematiche giovanili Coinvolgimento da protagonisti attivi nella vita 14 del quartiere
  • 15. IL VALORE AGGIUNTO DEI PARTNERNELL’AVER PARTECIPATO AL PROGETTO Conoscenza del territorio Promozione di maggiore coesione sociale nelle nuove generazioni del quartiere Consapevolezza maggiore dei bisogni dei giovani, spinta verso l’elaborazione di possibili soluzioni Essere inseriti in una rete che dà supporto L’interazione positiva con gli abitanti della zona Condivisione dell’approccio interculturale Confronto con competenze altre/acquisizione di altre metodologie 15
  • 16. IL VALORE AGGIUNTO COMPLESSIVO DELPROGETTO VIA PADOVA COERENTEMENTE CONLA SUA MISSION La costruzione di una rete con le realtà che lavorano sui temi coesione/ integrazione Forte sinergia nel lavoro tra gruppi diversi Aver “seminato” sul territorio buone pratiche ed azioni di coinvolgimento che hanno messo in gioco nuovi soggetti del territorio Lo stimolo e l’esperienza offerta L’intercettazione dei bisogni degli abitanti del quartiere e la messa a disposizione di risorse per il soddisfacimento delle loro necessità Riqualificazione del territorio 16
  • 17. NELLA PROSPETTIVA DI DARE CONTINUITA’ ALPROGETTO QUALI OBIETTIVI PRIORITARI SIPOSSONO CONFIGURARE? Lavorare sulle nuove generazioni Lavorare con gli adulti attraverso i mediatori linguistici Mettere ulteriormente in pratica quanto teorizzato Mantenimento/ allargamento rete di partecipazione/ consolidamento collaborazioni Attivazione di un Tavolo periodico di confronto (ad esempio Tavolo Politiche giovanili) Creazione di un luogo permanente dove i giovani possano esprimersi artisticamente 17 Proseguire ed approfondire l’analisi sui bisogni dei cittadini
  • 18. ALCUNI ELEMENTI DI SINTESI RACCOLTI:18 IL PUNTO DI VISTA DELLA RETE
  • 19. I PRINCIPALI ELEMENTI DI SODDISFAZIONERELATIVAMENTE AGLI SCAMBI E LECOLLABORAZIONI AVVIATE La possibilità di collaborare sul territorio La conoscenza di altre realtà Lo scambio delle diverse competenze La condivisione di spazi e di momenti aggregativi La serietà e professionalità nella rete dei partner/le buone collaborazioni avviate Buon lavoro di promozione, buona partecipazione delle associazioni Grande impegno nel portare al termine l’azione in tutti i suoi aspetti Ottima gestione delle tempistiche di progetto Grande disponibilità a supportare nuove progettazioni 19 Capacità di risolvere problemi e di trovare soluzioni condivise
  • 20. I PRINCIPALI ELEMENTI DI INSODDISFAZIONERELATIVAMENTE AGLI SCAMBI E LECOLLABORAZIONI AVVIATE La discontinuità tra le esigenze dellassociazione e gli impegni personali dei volontari Un certo isolamento rispetto alle altre associazioni dovuto alla peculiarità della nostra attività (visite mediche su strada) Le prospettive temporali a lungo termine non hanno ancora un adeguato sostegno dagli enti territoriali e quindi faticano a decollare La burocrazia 20
  • 21. L’INCREMENTO DELLA CONOSCENZA … Complessivamente, la partecipazione al “Progetto Via Padova” quanto ha consentito al vostro ente di acquisire conoscenza delle risorse e delle problematiche del territorio? 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Media 8,1 Quanto ritenete che il “Progetto Via Padova” ha consentito agli abitanti del quartiere di acquisire conoscenza delle risorse e delle problematiche del territorio? 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 21 Media 7,3
  • 22. LA PARTECIPAZIONE ALL’INTERNO DELQUARTIEREQuanto l’esperienza del “Progetto via Padova” ha Giudiziocontribuito secondo voi ad incrementare la mediopartecipazione all’interno del quartiererelativamente alle seguenti tipologie? I cittadini del quartiere non si sentono soli ma 7,1 all’interno di una rete di relazioni che li sostengono Consolidamento dei legami di gruppo 7,7 Condivisione nei cittadini sul significato di “bene 7,0 comune” Corresponsabilità e condivisione tra l’azione di 7,7 gruppi informali e formali di cittadini e le istituzioni 22
  • 23. UN GIUDIZIO COMPLESSIVOSULL’ESPERIENZAQuanto ritenete l’esperienza del “Progetto via GiudizioPadova” ha contribuito a generare sul medioterritorio le seguenti situazioni ?Avviamento di nuove iniziative, oltre al “Progetto via 7,5Padova”Incremento di contatti e occasioni di scambio e 8,4collaborazioneIncremento presentazione di richieste specifiche alle 6,5istituzioni locali e comunaliNascita di associazioni/gruppi organizzati di cittadini 5,2Attivazione di reti di collaborazione ed integrazione tra 8,2associazioni/gruppi organizzati di cittadini e varie risorseinformaliPartecipazione a tavoli negoziali/organismi pubblici di 6,7 23partecipazione e consultazione dei cittadini
  • 24. ALCUNI ELEMENTI DI SINTESI RACCOLTI: IL PUNTO DI VISTA DEI24 PARTECIPANTI ALLE ATTIVITA’
  • 25. LA PARTECIPAZIONE ALLE ATTIVITA’ … Quanto la partecipazione a queste attività ha contribuito a farti sentire bene? 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Media 7,3 Le motivazioni: oMi piaceva lattività oHo imparato una cosa nuova oHo imparato a dipingere sui muri oMi sentivo bene pitturando oL’ho trovato stimolante e molto interessante oHo conosciuto molte persone che lavorano in ambiti diversi 25 oNon mi piaceva lattività oAvendo partecipato raramente per motivi lavorativi, non mi è stato possibile sentirmi parte di un gruppo di lavoro
  • 26. LA REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITA’ La realizzazione di queste attività quanto secondo Giudizio te è servita in generale a … medio Migliorare i luoghi del quartiere 6,2 Migliorare le relazioni nel quartiere 6,5 Migliorare le realtà associative del quartiere 6,0L’UTILITA’ DELLE ATTIVITA’ La partecipazione a queste attività quanto ti è Giudizio servita a … medio Migliorare le tue abilità artistiche 6,2 Migliorare le tue abilità relazionali 6,3 Migliorare le tue abilità concettuali 7,4 Avere un ruolo più attivo nel quartiere 7,0 26 A creare nuovi legami/amicizie con altri ragazzi/e della 5,3 mia età A creare nuovi legami/amicizie con altri adulti 5,8
  • 27. LA VISIBILITA’ DEL PROGETTO … Ritieni che il quartiere si sia accorto di quello che avete fatto attraverso le attività del “Progetto via Padova”? 27
  • 28. UN ESTRATTO DEL RACCONTO DEIPARTECIPANTI AL FOCUS GROUP “Abbiamo avuto l’occasione di uno spazio per parlare, fare conversazione” “C’è voglia di conoscersi, raccontarsi…Ci aiutiamo reciprocamente, stiamo cercando di crescere pian, piano…” “E’ come un seminare…I ragazzi si vedono, vedono che c’è partecipazione, è con l’unione che si fa qualcosa, i bambini crescono” “Lavorare ma anche integrarsi, compartire con gli altri, crescere e conoscere anche gruppi di altri paesi, conoscere la loro cultura, il loro cibo…E’ una bella esperienza per crescere” 28