Your SlideShare is downloading. ×
Il Canzoniere di Petrarca
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Il Canzoniere di Petrarca

27,452
views

Published on


2 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total Views
27,452
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
203
Comments
2
Likes
3
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Il Canzoniere di Francesco Petrarca Il diario intimo di un amore
  • 2. LA STRUTTURA DELL’OPERA
    • È il capolavoro di Francesco Petrarca
    • E’ un’autobiografia ideale
    • Il titolo dato al poeta al Canzoniere in realtà è Rerum vulgarium fragmenta
    • Consta di 366 componimenti lirici in volgare, scritti in momenti diversi, nell’arco di un lungo periodo (1330-1365), secondo una struttura di tipo diaristico
    • I componimenti sono ordinati dall’autore secondo un criterio determinato
    • L’opera è divisa in due parti: “In vita di Madonna Laura” e “In morte di Madonna Laura”
  • 3. LE FONTI
    • AUTORI CLASSICI
    • Ovidio (tema metamorfosi Laura- Dafne, immagine di Amore che colpisce gli occhi dell’amante con le sue frecce)
    • Orazio (tema del tempo che fugge)
    • Virgilio (lamento per la malattia dell’amata)
    • Cicerone (amante che si rifugia nella solitudine)
  • 4.
    • SCUOLA SICILIANA E TOSCANA
    • LIRICA PROVENZALE
    • DANTE E LE RIME PETROSE
    • DOLCE STILNOVO
    • SACRE SCRITTURE
    • PADRI DELLA CHIESA
  • 5. L’AMORE
    • Nelle liriche del Canzoniere l’amore nasce spesso dalla gioia che sorge nel poeta nell’atto della pura contemplazione della bellezza della donna amata
    • E’ un amore, tuttavia, che non può esaurirsi in un’esperienza esclusivamente spirituale: il poeta infatti riconosce la sua natura di passione terrena
    • E’ qualcosa di complesso e destabilizzante
    • E’ connesso con la caducità della vita ed è destinato a perire, così come la bellezza della donna
    • Allontana da Dio e pertanto è un desiderio peccaminoso
  • 6. LAURA
    • E’ la donna amata dal poeta, attorno alla quale ruota tutta la poesia volgare di Petrarca
    • La prima volta che il poeta la incontra è il Venerdì santo, giorno della Passione di Cristo, il 6 aprile 1327 nella chiesa di Santa Chiara ad Avignone
    • A differenza delle figure stilnovistiche non porta a Dio, ma fa deviare moralmente il poeta
    • E’nodo di congiunzione tra sacro e profano
    • E’motivo del conflitto interiore del poeta tra la tentazione sensuale dell’amore e l’aspirazione a una religiosità ascetica
    • L’amore per questa donna è un sentimento complesso, che dà al poeta gioia e dolore, ma che risulta fin dal primo momento destinato a non realizzarsi mai
  • 7. ALTRI TEMI DEL CANZONIERE
    • Tema religioso
    • In Dio solo si può realizzare quel desiderio di stabilità che l’amore di Laura, amore del tutto terreno, non riesce a realizzare
    • Tema politico
    • Petrarca attacca la curia avignonese, si augura il ritorno della sede papale a Roma, esalta l’Italia come culla della classicità e della romanità
    • Tema encomiastico
    • Tema della gloria poetica
  • 8. LINGUA E STILE DEL CANZONIERE
    • Caratterizzato da un rigoroso monostilismo
    • Il poeta punta ad una lingua rarefatta, capace di universalizzare la sua esperienza soggettiva
    • Il poeta elimina ogni elemento eccessivamente quotidiano, basso, concreto
    • Rifiuto della tradizione realistica
    • E’una poesia severamente controllata e selezionata
    • Ogni singolo elemento fonico, ritmico, sintattico, lessicale e retorico concorre alla costruzione di una perfetta armonia
    • Tra le forme metriche il poeta predilige sonetto e canzone, ma ama anche ballata e madrigale
    • Tra le figure retoriche molto frequenti sono: endiadi, enjambement, asindeti, polisindeti, parallellismi, chiasmi, incisi, interrogazioni, esclamative
  • 9. UN CONFRONTO CON DANTE
    • DANTE
    • Partecipa attivamente alla vita politica di Firenze
    • E’ apertamente schierato a favore di una delle parti in conflitto
    • Vive il suo esilio come un’umiliazione, perché comporta l’esclusione dall’azione politica
    • PETRARCA
    • Non partecipa attivamente alle vicende politiche del suo tempo
    • Esprime una posizione super partes , richiamandosi a princìpi morali universali
    • Vive la sua marginalità come privilegio, perché gli consente di analizzare i problemi da una posizione di superiore distacco