From social web to real-time web

  • 3,574 views
Uploaded on

Presentazione effettuata al Seminario Ciber tenutosi a Palermo nei giorni 3-4-5 giugno 2009

Presentazione effettuata al Seminario Ciber tenutosi a Palermo nei giorni 3-4-5 giugno 2009

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
3,574
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
25
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. From the social to the real time web SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009 Vincenzo D'Aguanno, Università di Cassino
  • 2. SOMMARIO DID YOU KNOW 3.0? WEB 1.0, 2.0 E 3.0 REAL TIME WEB ALCUNI ESEMPI UNO SCENARIO FUTURIBILE (MA NON TROPPO!) From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 3. Did You Know 3.0? Created by Karl Fisch, and modified by Scott McLeod; Globalization & The Information Age. From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 4. WEB 1.0 - “STATIC WEB” WEB 1.0 Nel Web statico inizialmente i contenuti erano predeterminati dal webmaster e proposti su pagine e percorsi prefissati Lo stadio di evoluzione successivo ha portato ad includere nelle pagine dati tratti da databases e primi accenni di informazioni personalizzate L’utilizzazione prima delle forms e successivamente degli scripts di Java ha contribuito allo sviluppo di pezzi di programmi che, comunque, restavano confinati nell’ambito del browser From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 5. WEB 2.0 - “DYNAMIC WEB” WEB 2.0 E’ il Web dinamico, sociale, in cui le applicazioni permettono una forte interazione tra sito e utente. L’utente inizia ad essere anche il “produttore” dell’informazione, non solo consumatore passivo di contenuti predeterminati. I siti Web non sono più soltanto contenitori di pagine, ma diventano invece assemblatori di informazioni: le stesse pagine web vengono “spezzettate” in parti di codice XML. Iniziano ad essere disponibili una pluralità di siti, dove l’utente inserisce contenuti aventi diversi formati e tipologie: siti come YouTube permettono di pubblicare video, social networks che rendono possibile la condivisione di informazioni personali, siti come Flickr per pubblicare fotografie, e così via I tags diventano il modo più efficace per categorizzare le informazioni disponibili, rendendo in questo modo più efficiente ed efficace la ricerca di informazioni From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 6. WEB 3.0 - “THE NETWORK IS THE COMPUTER” WEB 3.0 Sono sempre più diffuse connessioni ad alta velocità sottoscrivibili in modalità flat ed quindi attive “H24”, la capacità degli hard-disk permette di poter usufruire di spazi di archiviazione locale sempre maggiori, i nuovi personal computer vengono corredati di supporti server precaricati I documenti prodotti sui personal computer possono diventare con facilità delle pagine Web e, quindi, essere pubblicati in tempo reale Il tagging assume dimensioni ed importanza sempre più rilevanti: alcune applicazioni permettono di corredare i documenti con tags in modo automatico. Un documento può essere categorizzato come pubblico o privato e quindi essere reso indicizzabile e visibile dall’esterno o meno L’accesso alla Rete è sempre meno legato ad una localizzazione fissa e diventa sempre più possibile in mobilità (da personal computer portatili, cellulari, smart-phones, palmari) L’accesso ai propri documenti, se correlato all’uso di un supporto mobile di memoria e a strumenti di archiviazione online, diventa indipendente dal tipo di piattaforma software utilizzato From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 7. REAL TIME WEB “Houston, abbiamo un problema …” Non è ancora chiara la definizione del Real Time Web: • è il web di terza generazione? • è forse l’era del “Rich Status Update”, fatta di aggiornamenti molto brevi completati dalla presenza di informazioni quali allegati , links, etc…? •A tutt’oggi ancora non è ancora presente una definizione di Real Time Web su Wikipedia … From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 8. REAL TIME WEB Una definizione accettabile: Il Real Time Web è principalmente identificabile con il web delle conversazioni, che possono avvenire tramite servizi di social networking (tra tutti Facebook), di lifestreaming (Storytlr, FriendFeed) o di microblogging (Twitter, Beemood, Jaiku) From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 9. THE CONVERSATION PRISM QUI È COLLOCATO L’ECOSISTEMA DI TWITTER From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 10. TWITTER ? In effetti non è Twitter, però… Nel 1935 venne realizzato a Londra il “Notificator”, definito come “Robot Messenger” attraverso il quale “… individuals may leave messages for friends.” From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 11. TWITTER E IL SUO MICROMONDO Il Micromondo di Twitter in effetti è più complesso, eppure anche gli streaming più seguiti si sviluppano utilizzando messaggi di soli 140 caratteri… From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 12. 140 CARATTERI E IL BOEING NELL’HUDSON RIVER L’incidente aereo e l’ammaraggio nel fiume Hudson hanno usufruito di una copertura immediata, proveniente da uno streaming avviato in Twitter I soccorritori e gli stessi passeggeri, utilizzando cellulari in collegamento con Twitter, hammo trasmesso commenti, notizie ed immagini in tempo reale La CNN ha iniziato la copertura dell’evento in ritardo rispetto a Twitter e, molto probabilmente, utilizzando informazioni provenienti dallo stesso streaming Per la prima volta, un episodio di “citizenship journalism” ha fatto sì che la copertura di un importante fatto di cronaca passasse “in diretta”, anziché sui media tradizionali (edizioni straordinarie di telegiornali), sui nuovi media From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 13. REAL TIME SEARCH Nel Web in tempo reale, l’informazione dove va cercata, in che modo possono essere gestite azioni di Real Time Search? •Per cercare notizie “fresche” i motori di ricerca devono rivolgere la loro attenzione ai micromondi •OneRiot, ad esempio, focalizza le proprie ricerche sugli argomenti di discussione corrente in siti di social networking quali Digg o Twitter •Anche Google sta integrando nuove opzioni di ricerca … From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 14. REAL TIME SEARCH Questa schermata di risultati integra anche informazioni provenienti da Twitter, tramite un plugin integrato in Google From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 15. REAL TIME WEB E LAVORO COLLABORATIVO • Il Real time web non è solo consumo di informazione: attraverso l’uso di strumenti di lavoro collaborativo (Google Docs, Zoho Writer, Adobe Buzzword, ThinkFree Online) è possibile interagire in tempo reale nella produzione di documenti e progetti di lavoro • Qualsiasi cambiamento viene visto istantaneamente sullo schermo del proprio corrispondente. From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 16. IL WEB GEOSPAZIALE Uno scenario (futuribile, ma non troppo!) tratto da: “Towards the Geospatial Web: Media Platforms for Managing Geotagged Knoweldge Repositories”, The Geospatial Web - How Geo- Browsers, Social Software and the Web 2.0 are Shaping the Network Society. Eds. A. Scharl, K. Tochtermann. London: Springer, 2007, pp. 3-14 Vediamolo insieme… From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 17. IL WEB GEOSPAZIALE E I SISTEMI SEMANTICI DI INFORMAZIONE Mappa originata da Cartia, algoritmo utilizzato per applicazioni di mappatura tematica. La mappa rappresenta uno spazio semantico di informazioni, visualizzato utilizzando un formato tipo paesaggio. From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 18. IL WEB GEOSPAZIALE E I SISTEMI SEMANTICI DI INFORMAZIONE Questo invece è un prototipo di “Knowledge Planet” La topologia del “pianeta” è determinata dai contenuti della “Knowledge Base”. Le “montagne” indicano una copertura significativa per il soggetto rappresentato, mentre le valli rappresentano spazi di informazione scarsamente popolati. From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 19. IL WEB GEOSPAZIALE E I SISTEMI SEMANTICI DI INFORMAZIONE Kathryn O'Reilly is a freelance editor who sells her ability to gather, filter and prioritize electronic content. In a virtual world built on contextualized information spaces, Kathryn seamlessly switches between geographic and semantic topologies. She begins her typical working day floating in the virtual space above Earth, ready to navigate the globe and semantic structures via subtle movements of her eyes. An extensive portfolio of add-on functionality is accessible through optic devices. From her elevated position, Kathryn not only observes the rise and decay of topics, but also the unfolding of social structures based on the unique social networks of her friends and business contacts. Across these networks she builds and shares her knowledge repository and composes media products that are continuously being validated and enriched by the latest news feeds and third-party sources. The underlying content management system tailors the format of her articles to the changing preferences of her regular readers. Kathryn adds, selects, categorizes, aggregates, filters and extrapolates information along multiple dimensions, with minimal cognitive requirements. She can structure her daily workflows, access archives of historic textual and multimedial data and customize her virtual environment. Adaptive communication services allow her to interact with predefined or dinamically assembled groups of like-minded individuals… From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 20. TIPS AND TRICKS • La grande quantità di informazione veicolata dai social networks crea difficoltà all’utente, che spesso ha difficoltà a completare la lettura delle proprie fonti (blog, feed, etc…) • L’attenzione e il tempo che possono essere dedicati alla consultazione di informazioni provenienti dal Real Time Web sono limitati • I tempi di risposta dell’utente sono ridotti, sempre più spesso la decisione di seguire un nuovo contenuto deve essere presa in una manciata di secondi • Ciò non significa che le attività di interazione svolte sul Real Time Web siano complicate o inutili: più semplicemente, va rivisto il modo di comunicare sul Web, in termini di capacità di ascolto e di risposta, sviluppando abilità di estrema sintesi nelle comunicazioni • Diventa inoltre molto importante semplificare i percorsi di navigazione nei siti, fare molta attenzione ai contenuti delle pagine, alle relative velocità di caricamento e, quando si utilizzano strumenti come Twitter, ad arricchire i messaggi con link di approfondimento From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 21. BUON VIAGGIO NEL FUTURO DEL WEB … … agli “ibridi” digitali … … ma soprattutto … From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 22. BUON VIAGGIO NEL FUTURO DEL WEB … … alla generazione dei “nativi” digitali! From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009
  • 23. ALCUNI LINKS INTERESSANTI • http://www.leweb.net • http://thesocialmediaguide.com.au • http://www.readwriteweb.com • http://www.geospatialweb.com • http://scobleizer.com • http://d7.allthingsd.com • http://www.web2expo.com/webexsf2009 From the social to the real time web - V. D'Aguanno, Università di Cassino SEMINARIO PRIMAVERILE CIBER, PALERMO, PALAZZO STERI, 3-4-5 Giugno 2009