Parte 2 chiarimenti 8xmille di Mario Staderini

  • 6,615 views
Uploaded on

seconda parte della risposta al quotidiano Avvenire

seconda parte della risposta al quotidiano Avvenire

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
6,615
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3

Actions

Shares
Downloads
9
Comments
0
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. VaticanopagatuSu richiesta del gruppo VATICANOPAGATU Mario Staderini rispondeEcco i chiarimenti sull’8 per mille8 PER 1000AVVENIRE “ una cosa sono i regimi agevolati, un’altra il meccanismo con cui, attraverso lascelta libera dei contribuenti, lo Stato ripartisce l’8 per mille dell’Irpef fra le diverseconfessioni religiose e lo Stato. Il meccanismo prevede che alle confessioni religiose eallo Stato siano assegnai fondi in proporzione alle firme ricevute, proiettando sul totale ildato dei “votanti”, proprio come alle elezioni.”STADERINI:L’8 PER MILLE NON CONSENTE ALCUNA LIBERA SCELTA AI CONTRIBUENTI. 1) Non si può scegliere di non dare il proprio 8 per mille a nessuno e lasciarlo nelle casse dello Stato. Infatti, anche se non si firma, il proprio 8 per mille viene comunque prelevato e dato alle confessioni religiose. Tanti italiani non lo sanno, ed infatti il 60% non firma per l’8 per mille pensando che finiranno allo Stato. Non è così e nessun Governo ha mai campagne pubblicitarie per informarle i contribuenti. 2) Non si può scegliere la destinazione dei propri soldi. Chi firma per i valdesi, ad esempio, vedrà comunque il 90% del suo 8 per mille andare alla CEI, e lo stesso accade a chi firma per lo Stato o per la Comunità ebraica. Questo perché tra il 40% dei contribuenti che firma la CEI prende il 90% delle preferenze (grazie alla pubblicità milionaria che fa ogni anno mentre gli altri no) e quindi si pappa il 90% della torta totale, cioè dell’8 per mille di tutti gli italiani, sia che non firmino siawww.facebook.com/VATICANOPAGATU www.vaticanopagatu.org www.twitter.com/vaticanopagatuvaticanopagatu@gmail.com
  • 2. Vaticanopagatu che firmino per altri. Ad esempio, io verso ogni anno contro la mia volontà circa 100 euro alla CEI! 3) Differenze con il 5 per mille: nel caso del 5 per mille, invece, chi firma dice lui a chi devo andare i soldi e a quindi tutto il proprio 5 per mille finirà al destinatario che scegli. Se non firmi il 5 per mille i soldi rimangono allo Stato L’8 PER MILLE E LE ALTRE CONFESSIONI RELIGIOSE • È vero che sono ammessi anche altri, dai valdesi agli ebrei ai pentecostali. Solo che a loro va, tutto insieme, solo il 4% circa dell’8 per mille. • Il Parlamento e i Governi, violando la Costituzione, impediscono ad altre religioni di accedere all’8 per mille e così garantiscono che la CEI incassi quasi tutta la torta. Infatti, per avere l’8 per mille bisogna aver firmato una Intesa con il Governo, votata dal Parlamento. Da anni, i buddisti, i musulmani, i testimoni di geova ed altri hanno chiesto di avere una Intesa ma in Parlamento fanno ostruzione. Considerate che 1 milione di firme per altre confessioni religiose significano 70 milioni di euro in meno per la CEI L’8 PER MILLE E LO STATO CHE GIOCA A PERDERE Lo Stato italiano è tra i soggetti che concorrono a ripartirsi l’8 per mille, ed infatti è uno dei destinatari per cui si può firmare. Però nessuno Governo in 20 anni ha mai fatto pubblicità per chiedere che si firmasse per lui. Ad esempio, visto che tra le finalità su cui lo Stato deve spendere i suoi soldi sono le calamità naturali, se il Governo avesse chiesto agli italiani di scegliere lo Stato nella scheda 8 per mille affinché quei soldi fossero destinati al terremoto dell’Aquila, avrebbe di certo raccolto milioni di adesioni. Invece l’unica pubblicità che ogni anno si vede è quella fatta dalla CEI LA CEI NON è TRASPARENTE NEI RESOCONTI • Ogni anno la legge impone alla CEI di pubblicare i resoconti di come spende la sua quota dell’8 per mille. Il rendiconto però riporta solo le macro voci di spesa e non il dettaglio di come sono spesi i soldi per ciascuna voce. • Nessuno controlla se quei fondi vengono spesi così come dichiarati, infatti, nonostante siano soldi pubblici delle tasse degli italiani, la Corte dei conti non ha potere di controllo L’OTTO PER MILLE NON AIUTA SOLO I POVERI (solo l’8% va al Terzo Mondo) Il miliardo di euro ogni anno viene utilizzato dalla CEI per lo stipendio dei preti (circa il 35% del totale), per le esigenze di culto (costruire nuove chiese, finanziamenti alle Diocesi, beni culturali, iniziative di rilievo nazionale) circa poco più del 40%. Per la carità dichiarano di spendere solo il 15% del miliardo di euro, per il Terzo mondo l’8%. Invece, con l’8 per mille la CEI ha finanziato anche le associazioni cattoliche che “fanno politica”, come ad esempio il Forum della associazioni familiari cattoliche, trawww.facebook.com/VATICANOPAGATU www.vaticanopagatu.org www.twitter.com/vaticanopagatuvaticanopagatu@gmail.com
  • 3. Vaticanopagatu cui il Movimento per la vita (antiabortista), e che sono state le animatrici del Comitato scienza e Vita che fece la guerra al referendum sulla legge 40. Così come vengono finanziati i Tribunali ecclesiastici, tipo la Sacra Rota che annulla i matrimoni religiosi.www.facebook.com/VATICANOPAGATU www.vaticanopagatu.org www.twitter.com/vaticanopagatuvaticanopagatu@gmail.com