12 11 17 tortona

2,029 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,029
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1,786
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

12 11 17 tortona

  1. 1. LA RIFORMA DEL SISTEMA ELETTORALE FINALITÀ GENERALI E CONVENIENZE DI BREVE TERMINE17 nov 2012 Salvatore Vassallo @ Tortona
  2. 2. Cosa chiedere al sistema elettorale Consentire agli elettori di giudicare i singoli candidati al parlamento Contenere la frammentazione Preservare la dinamica bipolare (consentire ai cittadini di scegliere il governo) Promuovere la formazione di maggioranze parlamentari politicamente omogenee
  3. 3. Con quanti voti si governa in Europa Francia Voti Seggi Diff Spagna Voti Seggi Diff 1993 43 84 41 1996 39 45 6 1997 46 55 10 2000 45 52 8 2002 43 69 26 2004 43 47 4 2007 46 60 14 2008 44 48 4 2012 40 57 18 Italia Voti Seggi Diff 2011 45 53 8 Media 44 65 22 1994 41 57 16 Media 43 49 6 1996 44 51 6 2001 45 58 13Regno Unito Voti Seggi Diff 2006 50 55 5 Germania Voti Seggi Diff 1992 42 52 10 2008 47 55 8 1994 48 51 2 1997 43 64 20 Media 46 55 10 1998 48 52 4 2001 41 63 22 2002 47 51 4 2005 35 55 20 2005 70 73 3 2010 36 47 11 2009 49 53 5 Media 39 56 17 Media 52 56 4
  4. 4. Il testo approvato per ora al Senato SCELTA DEI PARLAMENTARI • Fino a tre preferenze (vedi il seguito) FRAMMENTAZIONE • Soglia al 5% … ma al 4% per i partiti “coalizzati” … o anche meno per chi raggiunge il 7% in circoscrizioni composte da almeno 1/6 dell’elettorato SCELTA DEL GOVERNO • Quota riservata al premio (circa il 12%) … ma solo le la prima coalizione supera la soglia (insuperabile) del 42,5% dei voti (vedi le stime che seguono) In pratica … un sistema elettorale identico a quello sonoramente bocciato dai cittadini italiani con i referendum del 1991 (contro le preferenze multiple) e del 1993 (per il passaggio dal proporzionale al collegio uninominale maggioritario)
  5. 5. Preferenze per scegliere i parlamentari? Per ciascuna lista circoscrizionale sono eletti, per una quota pari ai due terzi dei seggi, i candidati inseriti in un primo elenco in base ai voti di preferenza ricevuti e, per la restante parte, i candidati inseriti in un secondo elenco in base all’ordine di presentazione. Un candidato può essere inserito contestualmente sia nel primo sia nel secondo elenco della medesima lista. Può essere incluso in tre “secondi elenchi” (listini bloccati). Se una lista ottiene un solo seggio, viene assegnato al primo candidato del listino bloccato. NB // Quindi, i partiti medio-piccoli, tra cui l’UCD, grande alfiere delle preferenze, avendo diritto a un solo seggio (massimo due) per circoscrizione, continueranno a “nominare” quasi tutti i loro parlamentari. Nei partiti più grandi continueranno ad essere garantiti i “gruppi dirigenti”.
  6. 6. Come sono prodotte le stime Ultimi dati termometro politico (medie dei sondaggi di qualche settimana fa; potrei aggiornarli, ma tanto cambieranno ancora) Adattati marginalmente seguendo l’ipotesi che alcuni degli elettori dei partiti che non hanno speranze di superare la soglia del 4% (ad esempio FdS) si spostino verso i partiti sopra-soglia a loro politicamente vicini I voti attribuiti ai sondaggi a ciascun partito (al livello nazionale) sono distribuiti tra le circoscrizioni usando come parametro di riferimento i risultati delle elezioni politiche 2008 dei medesimi partiti o di aree elettorali da cui si presume attraggano voti La stima è fatta ipotizzando che NON sia prevista una soglia per l’assegnazione del premio
  7. 7. Nella migliore delle ipotesi … % Voti Seggi %Seggi Premio Tot %Seggi ∆ Premio ∆ TotSeL 7,0 41 7,6 16 57 9,2 1,7 2,2PD 27,0 158 29,2 60 218 35,3 6,1 8,3IDV 7,0 41 7,6 41 6,65 Stelle 16,0 94 17,4 94 15,2Udc (ed altri) 9,0 53 9,8 53 8,6LN 5,0 29 5,4 29 4,7PDL 21,0 123 22,7 123 19,9SVP 0,4 2 0,4 2 0,3Altri 7,5 0 0,0 0 0,0Totale 100,0 541 100,0 76 617 100,0SeL+Pd 34,0 199 36,8 275 44,6 7,8 10,5Ad esclusione dei 12 seggi assegnati nelle circoscrizioni estero e del seggio assegnato in Valle d’Aosta
  8. 8. Una riforma per le prossime elezioniPer Casini … l’obiettivo di una vita Essere determinante con il 6% dei votiPer PDL e Lega … una zattera di salvataggioIl paradosso dei “montiani per il bis” Per avere Monti a Palazzo Chigi serve un sistema proporzionale … che mette a rischio la stabilità politica e azzera le aspettative di governi credibili … smantellando uno dei cardini dell’Agenda Monti
  9. 9. Gli unici spiragli che si intravedono SCELTA DEI PARLAMENTARI • Metà dei seggi assegnati in collegi uninominali in cui il primo che arriva vince, metà su liste circoscrizionali corte a compensazione proporzionale dei risultati conseguiti dai partiti nei collegi uninominali, nell’ambito di ciascuna circoscrizione. FRAMMENTAZIONE • Soglia del 5% su base nazionale o del 10%, per chi non supera la prima, circoscrizione per circoscrizione. SCELTA DEL GOVERNO • Un premio del 10% al primo partito Anche se ci si riuscisse (il massimo a cui si può puntare nell’attuale Parlamento), i numeri dicono che non sarebbe sufficiente senza una nuova offerta politica di centrosinistra capace di attrarre buona parte dell’elettorato oggi sospeso tra l’astensionismo e l’antipolitica È anche per questo che le primarie del 25 novembre sono davvero cruciali

×