Dsa

944 views
857 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
944
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
348
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Dsa

  1. 1. ASPETTI COMPORTAMENTALI
  2. 2. L’ALUNNO CON DSA Un alunno con DSA si presenta a scuola come un bambino intelligente, senza problemi emotivi rilevanti, di buone condizioni socioculturali, ha fruito di un normale insegnamento, eppure presenta, sin dalla prima classe della scuola primaria, una sorprendente difficoltà nell’apprendimento della lettura, scrittura e calcolo che permane anche dopo che sono stati avviati sforzi notevoli per aiutarlo.
  3. 3. Questi alunni confrontandosi con le proprie difficoltà cominciano a strutturare:  un concetto di sé più negativo,  si sentono meno supportati emotivamente,  provano più ansia,  hanno poca autostima,  tendono ad abbandonare il compito,  hanno una carente percezione di autoefficacia rispetto alle proprie abilità nell’affrontare i compiti proposti (Cornoldi, 2007).
  4. 4. COME SI PRESENTA UN ALUNNO CON DSA ALL’INIZIO DEL SUO PERCORSO? Un bambino con DSA, nella scuola primaria, si trova precocemente ad affrontare una situazione di forte disagio: mentre i compagni di classe imparano rapidamente e con facilità a leggere, a scrivere e a contare, continua ad avere difficoltà insormontabili, continua a rifare gli stessi errori banali, è lento. Queste difficoltà per lui e per gli adulti non trovano una immediata spiegazione, dato che di solito appare come un bambino normale che nel gioco e in altre attività mostra intelligenza e partecipazione.
  5. 5. COME POTREBBE PROSEGUIRE IL SUO PERCORSO SCOLASTICO? Quasi inevitabilmente l’insuccesso nell’apprendimento di alcune attività elementari fa in modo che l’alunno cominci a strutturare:  vissuti di sfiducia  calo dell’autostima  convinzione di essere incapace, o pigro e svogliato Sono interpretazioni errate che peggiorano la situazione. E’ chiaro che l’ambiente scolastico (insegnanti e compagni) ha un ruolo fondamentale nella cristallizzazione o nel contrasto di queste interpretazioni sbagliate.
  6. 6. LE PRIME MANIFESTAZIONI PSICOLOGICHE Le manifestazioni psicologiche del disagio assumono aspetti talora opposti:  da un lato l’alunno può presentare un comportamento ritirato, chiuso in sè stesso, di evitamento del confronto, cerca di nascondersi (per es. vuole stare nell’ultimo banco), parla poco: un complesso di reazioni che si possono definire di tipo inibitorio;  dall’altro lato può presentare sentimenti di rabbia che portano a comportamenti disturbanti, talora opposizione e aggressività, diventando un problema nella classe.  Non è raro che lo stesso alunno possa presentare i due diversi tipi di comportamento in momenti diversi.
  7. 7. ASPETTI MOTIVAZIONALI dott.ssa Maria A. Geraci
  8. 8. LA MOTIVAZIONE Lo studio della motivazione concerne ciò che innesca, mantiene, intensifica, interrompe o alterna le varie tendenze all'azione.
  9. 9.  Gli alunni con DSA generalmente attribuiscono i propri successi a cause esterne (fortuna, il caso...) e i propri insuccessi a cause interne (mancanza di abilità “non ci riesco”).  L’attribuire i propri insuccessi a mancanza di abilità porta a considerare inutile impegnarsi in un compito: se l’alunno sente di non possedere le abilità adeguate per portarlo a termine lo vivrà come inutile e cercherà di evitarlo, non persisterà di fronte alle difficoltà ed eviterà il compito
  10. 10. Stile Depresso tipico negli alunni con DSA Attribuzione causale:  Insuccesso > Mancanza di abilità (vergogna)  Successo > Cause esterne (gratitudine, sorpresa) Aspettative di riuscita: basse Rinunciatario; non fa niente per riuscire  3. Motivazione a evitare il fallimento  4. Persistenza nel compito: bassa  5.Evitamento compiti e situazioni valutative  6. Evitamento di compiti difficili in cui potrebbe emergere la propria incapacità dott.ssa Maria A. Geraci
  11. 11. COSA SUCCEDE ALLA MOTIVAZIONE DI UN ALUNNO CON DSA?  Negli alunni con DSA l’abilità automatizzata implica un dispendio di energie nella trascodifica: gli alunni si stancano rapidamente, commettono molti errori e non imparano.  Per poter ottenere un risultato soddisfacente occorrono tempi lunghi, un’attenzione prolungata e molti sforzi di conseguenza le loro prestazioni possono essere altalenanti, gettando nello sconforto insegnanti e genitori che colpevolizzano l’alunno facendo appello allo scarso impegno.
  12. 12.  L’alunno percepisce che le sue difficoltà non gli vengono riconosciute e cerca di proteggersi da pesanti frustrazioni, cominciando a demotivarsi evitando i compiti e/o attivando comportamenti disturbanti, portando così a una degenerazione dei rapporti con insegnanti e genitori. COSA SUCCEDE ALLA MOTIVAZIONE DI UN ALUNNO CON DSA?
  13. 13.  L’alunno con DSA, se non è opportunamente sostenuto e seguito, può sviluppare diverse forme di demotivazione o di disinteresse verso le attività di apprendimento, che a loro volta diventano cause di difficoltà generando un circolo vizioso caratterizzato da:  una bassa percezione di autoefficacia risultato dell'esperienza di fallimento che sviluppa la percezione di non essere capaci di affrontare il compito  una bassa autostima scolastica  un concetto di sé sempre più negativo per quanto riguarda le abilità scolastiche COSA SUCCEDE ALLA MOTIVAZIONE DI UN ALUNNO CON DSA?
  14. 14.  Il credersi capaci influenza la motivazione al compito, determinando, nei casi in cui questa percezione sia debole sentimenti di autosvalutazione, i quali a loro volta portano ad una riduzione dell’impegno, forme di evitamento o la tendenza a dilazionare e problemi comportamentali. COSA SUCCEDE ALLA MOTIVAZIONE DI UN ALUNNO CON DSA?
  15. 15. ASPETTI EMOTIVI dott.ssa Maria A. Geraci
  16. 16. Sul piano emotivo l’alunno percepisce che le sue difficoltà non gli vengono riconosciute e il non raggiungimento di risultati positivi genera nell’alunno un senso di frustrazione e un senso di inadeguatezza. L’alunno con DSA sperimenta l’angoscia di non farcela e la rabbia di non essere capito
  17. 17.  La costante frustrazione e confusione a scuola rende questi alunni molto ansiosi: questo fa sì che essi evitino tutto ciò che li spaventa e spesso gli adulti interpretano questo comportamento come pigrizia.  L’alunno con DSA è però il primo a vivere la propria difficoltà senza riuscire a darsi una spiegazione ragionevole e, nel constatare le reazioni dell’ambiente circostante non può che sviluppare un disagio psicologico.
  18. 18. IL RUOLO DELL’AUTOSTIMA  A determinare lo stato d’animo negativo dei ragazzi con DSA contribuiscono fortemente attività cognitive e di pensiero e di valutazione-interpretazione della situazione e di sé negativi.  Questi processi di interpretazione della realtà dialogano continuamente con un’altra dimensione psicologica fondamentale per la vita affettiva, e cioè L’AUTOSTIMA.  Avere un buon livello di autostima contribuisce a regolare positivamente i processi di pensiero (pensieri, convinzioni ecc) ; al contrario, se soffriamo di un deficit di autostima, i processi di interpretazione della realtà tenderanno a distorcersi negativamente .
  19. 19. Aspettative negative su di sè Grande ansia e scarso impegno Fallimento realeAutovalutazione negativa Bassa autostima
  20. 20.  La scuola svolge un ruolo importante nella definizione dell'autostima dell’alunno che trascorre una considerevole porzione della sua giornata in attività connesse con essa.  Gli alunni con DSA e con una bassa autostima che sperimentano un senso di insicurezza interna possono esprimere questo disagio con modalità differenti fra loro.
  21. 21. DEFICIT DI AUTOSTIMA: ALUNNO QUASI INVISIBILE  Si possono notare comportamenti di ritiro che rendono l’alunno quasi invisibile: non fa mai troppa confusione, ma non è neanche totalmente silenzioso, non mostra di avere una passione particolare e si confonde nel gruppo stesso.  Il rapporto con i pari non sembra, a prima vista, presentare alcun tipo di problematicità: è sempre fisicamente inserito nel gruppo dei bambini più tranquilli, non litiga, non discute e non richiede aiuto per risolvere eventuali conflitti e nella maggior parte dei casi accetta le decisioni prese dagli altri.
  22. 22. DEFICIT DI AUTOSTIMA: ALUNNO QUASI INVISIBILE  Per l'insegnante di un alunno con DSA e con queste caratteristiche quando entra le prime volte in contatto con lui tende a dimenticarlo, sia mentre svolge le sue attività che durante una riflessione successiva. Quell’alunno ha infatti ubbidito alle sue richieste senza contraddirlo, non ha espresso spontaneamente nessuna opinione, non ha manifestato sentimenti e non è stato né affettuoso né scontroso.  La passività si riflette anche nella relazione: l’alunno non ricerca attivamente conferme di nessun tipo, ma risponde se chiamato in causa.
  23. 23.  Altri comportamenti tipici di bassa autostima rilevabili negli alunni con DSA sono quelli molto vivaci e schietti, espressione di un disagio emotivo, di non sentirsi accettato e capito espresso con un intenso bisogno di movimento e di azione unito ad un forte desiderio di essere visto e anche contenuto.  E’ sicuramente l’estremo opposto dell’alunno ritirato, l’altra faccia della medaglia, se il primo voleva scomparire, il secondo non può sopportare di non essere al centro dell’attenzione, nel bene e nel male: è meglio essere sgridati e creare dei danni piuttosto che essere dimenticato.  Alla base di entrambi i casi però c’è la stessa insicurezza e la stessa paura di non essere all’altezza delle diverse situazioni; così di fronte alle difficoltà uno decide di scappare senza essere visto, l’altro di nascondersi creando confusione. DEFICIT DI AUTOSTIMA: ALUNNO VIVACE E SCHIETTO
  24. 24.  Spesso questo alunno esprime le sue emozioni e le sue paure tramite il movimento e l’agitazione poiché non conosce altri canali di comunicazione. In genere ha molti amici, che trascina nelle sue imprese e quando sta con loro sembra forte e spavaldo trasgredendo norme e regole.  E’ difficile che gli altri si accorgano della sua insicurezza se non quando rimane solo: allora sembra quasi perso come se non sapesse più cosa fare. DEFICIT DI AUTOSTIMA: ALUNNO VIVACE E SCHIETTO
  25. 25. UN ADOLESCENTE CON DSA  Se non adeguatamente affrontate, le difficoltà possono organizzarsi in nuclei psicopatologici di vulnerabilità e pesare sullo sviluppo della personalità.  Le reazioni psicologiche che i bambini con DSA possono cominciare a strutturare riguardano:  Area fisica: con la comparsa di nausee, cefalee ed altri disturbi psicosomatici  Area comportamentale: con la presenza di irritabilità, di instabilità attentiva, di instabilità motoria, di aggressività verso i compagni e di scarso interesse per le attività didattiche.  Area psichica: con la presenza di un atteggiamento rinunciatario, di scarso investimento sugli apprendimenti e di un livello di funzionamento inferiore rispetto alle reali potenzialità.

×